.
Annunci online

abbonamento
265
commenti


Foto di Roberto CorradiOra d'aria
l'Unità, 30 aprile 2008

C’è stato un momento preciso, nella campagna elettorale di Roma, in cui s’è capito che Rutelli era spacciato. E’ stato quando Giuliano Ferrara ha annunciato che avrebbe votato per lui. In quello stesso istante, Alemanno ha avuto la certezza matematica di avere la partita in pugno: se il Platinette Barbuto appoggiava il suo avversario, nulla più si frapponeva tra lui e il Campidoglio. Intendiamoci: Er Cicoria riesce a perdere tranquillamente da solo, senza l’aiuto del direttore del Foglio. Come ha detto Bettini, “Francesco è stato un sindaco indimenticabile”. Infatti molti romani non l’han dimenticato. Ma forse qualche chance l’aveva persino lui. Poi però è arrivato il suo bacio della morte, che - com’è noto - non perdona. La Donna Pelosa è fatta così: qualunque posizione prenda, e ormai ne ha prese più di quante ne contempli il Kamasutra, porta bene a sé e male a tutti gli altri.

Ne sa qualcosa la buonanima di Craxi, che da quando se lo mise in casa in fuga dal Pci non ebbe che guai: indagato da Mani Pulite, anziché confessare e patteggiare, scelse la linea dura suggerita da Ferrara. Risultato: dovette scappare in Tunisia, inseguito dai gendarmi. Intanto il Platinette era trasmigrato in Forza Italia. Primo incarico: ministro ai Rapporti col Parlamento e portavoce del premier Berlusconi. Appena apriva bocca, il governo finiva a gambe all’aria. Mai visto un governo con peggiori rapporti col Parlamento. “Più che di un portavoce, avrei bisogno di un portasilenzi”, sospirò Berlusconi. Infatti durò 7 mesi, un record mondiale. “Lascio la politica per sempre, non fa per me”, annunciò il Platinette. E fondò Il Foglio, coi soldi della signora Veronica e soprattutto dei contribuenti. Un miracolo editoriale che non ha mai superato le 10 mila copie vendute. Nel 1996 proclamò: “Squillante è un uomo probo”, infatti poco dopo finì in galera. Nel ‘97 assunse la direzione di Panorama, che dovette lasciare qualche mese più tardi, prima che anche l’ultimo lettore passasse all’Espresso. Poi quello che aveva lasciato per sempre la politica si candidò al Mugello contro Di Pietro. Una catastrofe epocale, roba da Protezione civile: il noto frequentatore di se stesso trascinò il Polo sotto i minimi storici (16%).

Lasciata la politica per la seconda volta, ovviamente per sempre fino alla successiva, il Platinette tornò al Foglio, dove si diede un’altra missione epocale: appoggiare la Bicamerale per la riforma bipartisan della Costituzione, soprattutto della Giustizia. Da quel preciso istante, la sorte della Bicamerale fu segnata: infatti naufragò rovinosamente poco dopo. Per qualche anno, prudenzialmente, il Cavaliere evitò di seguire i consigli del suo aspirante Tigellino, anzi Tigellone. Infatti rivinse le elezioni nel 2001. La Donna Barbuta si buttò sugli esteri, esportando il suo mortifero influsso su scala internazionale. Anche lì, con ottimi risultati. Appena Bush s’inventò le armi di distruzione di massa in Iraq, Il Foglio pubblicò decine di articoli per rivelarne l’esatta ubicazione: Ferrara le vedeva a occhio nudo dalla sua terrazza in Trastevere. Purtroppo erano allucinazioni dovute a indigestione di supplì. Il Platinette indossò l’elmetto e divenne neocon, anzi più neocon dei neocon. Risultato: Bush oggi è il presidente americano più detestato dell’ultimo secolo e i neocon non osano più mettere il naso fuori di casa.

Non contenta, la Donna Barbuta si buttò a corpo morto su Sarkozy. Infatti Sarkò è subito precipitato nei sondaggi. Pare che Carla Bruni sia passata di recente dal Foglio per pregare il direttore di non parlare più del marito: non può fargli che bene, al marito. Nessun problema: Ferrara, dopo aver sponsorizzato e dunque incenerito la candidatura di D’Alema al Quirinale, s’era già convertito all’ateo-clericalismo, costringendo i suoi sventurati redattori a tornei di rosari, voti di castità e pubbliche letture delle vite dei santi. Già meditava l’ultimo colpaccio: il partito Aborto No Grazie, purtroppo boicottato dagli elettori cinici e bari. Nessun voto, ma in compenso molte uova. E un’impennata negli ascolti di Otto e mezzo che, quando lo conduceva lui, non superava il 2% di share, mentre quando s’è sparsa la voce che lui non c’era più è subito schizzato verso l’alto. Anche Veltroni, molto apprezzato da Ferrara nella versione dialogante col Cavaliere (“W il Caw”), non se n’è ancora riavuto. Anche lui avrebbe fatto sapere al Platinette che già il Pd ha tanti problemi: se potesse evitare di elogiarlo per qualche settimana, ecco, farebbe cosa gradita.

Segnalazioni

Leggi il ritratto di Gianni Alemanno, tratto da Se li conosci li eviti, di Peter Gomez e Marco Travaglio

Il video
Dopo Sex crimes and Vatican finalmente online anche in Italia Hand of God

La poesia
Mare molto mosso, con moto ondoso in aumento
 “Si può fare!” ha sempre detto,
 ma il novello chierichetto
 con la sua giaculatoria
 non parlava di vittoria,
 
 ma di far la via più dritta
 verso un’epocal sconfitta
 del nuovissimo partito
 democratico ed unito...
Leggi tutta la poesia di Carlo Cornaglia

sfoglia marzo        maggio
autori
dvd
democrazya
rubriche

signori della corte sentenze italiane sentenze europee

il mattinale

errata corrige

commento del giorno

errata corrige

speciali

l'armadio degli scheletri

passparola

iniziative

no bavaglio

basta

basta

no bday

appello fini travaglio

arrestateci tutti

tutte le iniziative

Premi
Macchianera Blog Awards 2009
perche' voglio scendere

perch� voglio scendere

intervista agli autori

messaggio ai troll

feed

Feed RSS di questo blog Feed RSS di questo blog

feedburner

archivio


agenda 2010
agenda 2010
prossimi appuntamenti
vedi tutti gli appuntamenti
materiale infiammabile

IN EDICOLA
IN LIBRERIA

libri di chiarelettere

diffondi

voglio scendere

incolla il codice sottostante nel tuo blog o sito

premi

intervista agli autori


<[0.00376490000053309]>