.
Annunci online

abbonamento
163
commenti



Vignetta di Roberto CorradiZorro

l'Unità, 5 dicembre 2008


L’operazione è chiara e spudorata: intimidire la Procura di Salerno che sembra aver trovato le prove del complotto contro De Magistris e gabellare l’indagine sulle toghe calabro-lucane come una “lotta fra procure”, una guerra per bande che qualcuno deve fermare per il bene di tutti. E stabilire una volta per tutte che sui politici e i loro protettori non si indaga. Non c’è alcuna guerra per bande, almeno non da tutte le parti. I pm salernitani, competenti per legge sulle vicende giudiziarie di Catanzaro, sono stati investiti da denunce di e contro De Magistris. Hanno indagato per un anno in silenzio, e alla fine non han trovato prove sulle denunce contro De Magistris, mentre le han trovate sui gravissimi fatti denunciati dal pm. Come la legge li obbliga a fare, hanno archiviato le prime e approfondito i secondi, indagando i magistrati calabresi sospettati e perquisendone gli uffici. Fin qui, tutto normale. Le anomalie sono accadute ieri: l’atto di insubordinazione del Pg di Catanzaro, che definisce “atto eversivo” un’indagine doverosa nei suoi uffici; gli avvisi di garanzia partiti da Catanzaro contro i pm di Salerno (Catanzaro non è competente su Salerno: lo è Napoli, le competenze incrociate sono abolite da 10 anni) e il contro-sequestro degli atti acquisiti dai salernitani; l’ispezione a piedi giunti del cosiddetto ministro Alfano, gravissima interferenza politica in un’inchiesta in corso. Insolita è anche la richiesta degli atti dal capo dello Stato. Si spera almeno che quelle carte inducano il Csm a mettere finalmente il naso nel vero scandalo: Salerno è il dito che indica la luna, ma la luna sta a Catanzaro.
(Vignetta di Roberto Corradi)

Segnalazioni

Panni immondi - di Stefano Racheli, Sostituto Procuratore Generale presso la Corte di Appello di Roma

Lettera aperta al Presidente Napolitano - di Anna R.G. Rivelli, Presidente NoiCittadiniLucani

mercoledì 10 dicembre 2008 ore 18
Incontro conversazione con Candido Cannavò nell'ambito degli incontri "Il mestiere di scrivere". Brani del libro "Pretacci" edito da Rizzoli letti dall'attore Francesco Orlando.
Conduce Filippo Senatore con una testimonianza di Pietro Paolo Virdis e don Virginio Colmegna.
C/o Spazio Scopricoop, via Arona 15 (1° piano) di fronte al Vigorelli, Milano.

La Finanziaria siamo noi - il libro di Stefano Lepri

I video di Qui Milano Libera - Incontro con PIersilvio Berlusconi

Rassegna stampa -
di Carlo Cornaglia
Un’occhiata ai quotidiani:
un magnifico domani
per la gente si prospetta
nel paese da operetta
  
che in tragedia sta volgendo
con terribile crescendo.
“Manca poco alla rovina,
poi saremo l’Argentina...
Leggi tutto


sfoglia novembre        gennaio
autori
dvd
democrazya
rubriche

signori della corte sentenze italiane sentenze europee

il mattinale

errata corrige

commento del giorno

errata corrige

speciali

l'armadio degli scheletri

passparola

iniziative

no bavaglio

basta

basta

no bday

appello fini travaglio

arrestateci tutti

tutte le iniziative

Premi
Macchianera Blog Awards 2009
perche' voglio scendere

perch� voglio scendere

intervista agli autori

messaggio ai troll

feed

Feed RSS di questo blog Feed RSS di questo blog

feedburner

archivio


agenda 2010
agenda 2010
prossimi appuntamenti
vedi tutti gli appuntamenti
materiale infiammabile

IN EDICOLA
IN LIBRERIA

libri di chiarelettere

diffondi

voglio scendere

incolla il codice sottostante nel tuo blog o sito

premi

intervista agli autori


<[0.0126302999997279]>