.
Annunci online

abbonamento
183
commenti


bandanax

Signornò, da L'Espresso in edicola


"Qualcuno ascolterà le conversazioni telefoniche, il pm le farà trascrivere e le inserirà agli atti e tutti le conosceranno. Tutti tranne i lettori, a cui i giornalisti non potranno più raccontare nulla. Del resto i criminali sono i giornalisti". Era il 13 giugno 2008 e Maurizio Belpietro, direttore di "Panorama" (famiglia Berlusconi), le cantava chiare al governo del suo editore che aveva appena licenziato la legge-bavaglio Alfano. Oggi Maurizio Belpietro, direttore di "Libero" (famiglia Angelucci), plaude alla "legge sacrosanta" per "regolamentare le fughe di notizie", fingendo di ignorare che il divieto riguarda gli atti non segreti. Intanto pubblica notizie segrete su presunti conti esteri dei ministri Bondi e Matteoli, perché "noi continuiamo a stampare quanto apprendiamo", "ma è forte la sensazione di essere inconsapevoli strumenti di un gioco che mira a intorpidire le acque" (forse voleva dire intorbidire). Insomma "pubblichiamo ciò che scoviamo anche perché questo ci impone la concorrenza, ma non siamo portati per i processi a mezzo stampa, continuiamo a preferire quelli in tribunale con tutte le garanzie, pensiamo che sia più che giustificata una legge che imponga di raccontare i fatti penalmente rilevanti solo quando siano stati accertati. Con buona pace di chi crede che l'eco della Procura sia il solo modo di fare giornalismo e di guadagnare".

Perbacco, questo Belpietro, che fior di garantista. Dev'essere un omonimo del Belpietro che, nel gennaio 2006, direttore del "Giornale", pubblicò illegalmente la famosa telefonata Fassino-Consorte, talmente segreta che la Procura non l'aveva fatta trascrivere in quanto priva di "rilevanza penale". Dev'essere un omonimo del Belpietro che nel 2007 sbattè in prima pagina sul "Giornale" le foto di Silvio Sircana, portavoce di Prodi, che parlava con un trans, talmente priva di rilevanza penale che nessuna procura l'aveva mai acquisita. Poi pubblicò quelle del ministro Mastella nel caso Why Not, pur sapendole top secret e penalmente "ininfluenti". Dev'essere un omonimo del Belpietro che nell'agosto 2008 sparò su "Panorama" le intercettazioni segrete e penalmente irrilevanti di alcuni imprenditori che chiedevano (invano) favori a Prodi, poi spiegò all'Apcom: "Il mio mestiere è pubblicare le notizie. Se c'è un'inchiesta di una Procura che ha autorizzato intercettazioni a carico dell'ex premier e di suoi collaboratori, io le pubblico. Perché la polemica scoppia solo quando riguardano un politico?".

Se il Belpietro di "Libero" avesse conosciuto il Belpietro del "Giornale" e di "Panorama", l'avrebbe strapazzato di brutto, accusandolo di "intorpidire le acque", di fare "processi a mezzo stampa", di essere "l'eco della Procura". E avrebbe invocato una legge "sacrosanta" per bloccarlo. Piccola curiosità: Belpietro-1 pubblicava atti e bobine sulla sinistra, Belpietro-2 è costretto a raccontarne sulla destra e chiede al governo di fermarlo. Ma questa è solo una nota di colore.
(Vignetta di Bandanax)

Segnalazioni

Video - Marco Travaglio alla Festa del Fatto Quotidiano legge i servizi del Tg1 e gli editoriali di Vespa
(da antefatto.it)

"Più fanno leggi ad personam, più dimostrano la loro debolezza" - Marco Travaglio al Festival di giornalismo d'inchiesta "A Chiare Lettere" di Marsala (da tempostretto.it)

La libertà di stampa e i libri: gli editori contro il Ddl sulle intercettazioni 
Aderisci all'appello promosso dal gruppo editoriale GEMS e dall'AIE

Libri per la libertà - Dal 31 maggio al 6 giugno una settimana di reading nelle librerie di tutta Italia contro il Ddl intercettazioni e in difesa della libertà di informazione, di opinione e di stampa. 
Lunedì 31 maggio, ore 17 evento di apertura al Teatro Quirino di Roma con Corrado Augias, Carlo Bernardini, Andrea Camilleri, Gianrico Carofiglio, Guido Crainz, Rosetta Loy, Valerio Magrelli, Alessandro Pace, Antonio Pascale, Christian Raimo, Stefano Rodotà, Giovanni Sartori, Tiziano Scarpa, Marco Travaglio, Nadia Urbinati, Chiara Valeri e molti altri.




sfoglia aprile        giugno
autori
dvd
democrazya
rubriche

signori della corte sentenze italiane sentenze europee

il mattinale

errata corrige

commento del giorno

errata corrige

speciali

l'armadio degli scheletri

passparola

iniziative

no bavaglio

basta

basta

no bday

appello fini travaglio

arrestateci tutti

tutte le iniziative

Premi
Macchianera Blog Awards 2009
perche' voglio scendere

perch� voglio scendere

intervista agli autori

messaggio ai troll

feed

Feed RSS di questo blog Feed RSS di questo blog

feedburner

archivio


agenda 2010
agenda 2010
prossimi appuntamenti
vedi tutti gli appuntamenti
materiale infiammabile

IN EDICOLA
IN LIBRERIA

libri di chiarelettere

diffondi

voglio scendere

incolla il codice sottostante nel tuo blog o sito

premi

intervista agli autori


<[0.0288724999991246]>