.
Annunci online

abbonamento
194
commenti


  natangelo
Signornò da L'Espresso in edicola

Il senatore Maurizio Gasparri è intervenuto col consueto acume sul presunto scandalo della foto che ritrae Antonio Di Pietro a cena con alcuni ufficiali dei carabinieri, con un detective dell'agenzia Kroll e soprattutto con l'allora dirigente del Sisde Bruno Contrada nove giorni prima del suo arresto per mafia, il 15 dicembre 1992: "Di Pietro non può non ricordare. Il vero ruolo che ebbe in Mani pulite potrebbe essere ben lontano da quello di personaggio irreprensibile che per anni si è cucito addosso. L'abbiamo sempre sospettato. Ora finalmente escono prove inquietanti. Chi e perché ha tenuto nascosta per tanti anni questa storia?". Esaminiamo il verbo gasparriano con lo scrupolo che l'autorevole autore merita.

1. "Di Pietro non può non ricordare". Infatti ha subito ricordato quella cena nella caserma del Comando legione dell'Arma a Roma, davanti a un'ottantina di reclute armate di macchina fotografica per immortalare l'uomo del momento.
2. "Chi e perché ha tenuto nascosta". Se di quella cena non s'è mai parlato è solo perché non aveva senso parlarne, essendo normale che un pm ex poliziotto frequenti questori, carabinieri e investigatori: solo un idiota potrebbe pensare di tenere nascosta una cena con 80 testimoni.
3. "Abbiamo sempre sospettato un ruolo in Mani Pulite ben lontano da quello di personaggio irreprensibile". Sempre sospettato? Durante Mani Pulite, Gasparri era un fan sfegatato, anzi innamorato di Tonino: "Di Pietro è meglio di Mussolini" (7-5-94), "Per noi Di Pietro è un mito" (23-7-94). E un anno dopo le dimissioni, mentre l'ex pm era indagato a Brescia, seguitava ad adorarlo: "Io spero nel miracolo: che Di Pietro venga con noi" (10-10-95).

Si dirà: ora si scopre che Di Pietro cenava con un tipo in odor di Cia. Ma Gasparri ha sempre difeso la Cia, anche per operazioni illegali come il sequestro Abu Omar: quando fu arrestato il numero tre del Sismi, Marco Mancini, si disse "assolutamente meravigliato". Dunque, anche se i servizi italiani e americani delinquono, Gasparri è con loro. Il problema è che Di Pietro cenò con dei carabinieri? Gasparri ha un fratello generale dell'Arma e ne difende gli ufficiali anche se imputati per favoreggiamento alla mafia.
Accadde a Mario Mori per la mancata perquisizione del covo di Riina: lui s'affrettò a telefonargli "piena fiducia e apprezzamento", accusò la Procura di Palermo di "devastare il Ros" e chiese al Csm di punire il gup che aveva osato rinviarlo a giudizio. Resta Contrada: che Gasparri lo ritenga colpevole? Nossignori: già nel 1996, quando Contrada fu condannato in primo grado, lo difese domandando "se la sentenza sia frutto di riscontri effettivi o di una teoria" e denunciando i "preoccupanti legami tra la sinistra e settori della magistratura". Chissà perché allora Gasparri parla di "prova inquietante", e di cosa. Forse del fatto che Di Pietro va a cena con persone incensurate. Gasparri invece le frequenta da imputate e le difende da condannate.
(Vignetta di Natangelo)

Segnalazioni

Dagli inviti alla concordia al partito dell’amore: buoni, cittadini-bambini, che ci pensiamo noi - La Voce del Ribelle n.17, febbraio 2010.

Vero o falso
  - Ucuntu n.66 del 10 febbraio 

Commento del giorno
di UmbyLino - lasciato il 12/2/2010 alle 10:53 nel post Scandalo annunciato
Forse è meglio BerLodo... così non è più una legge ad personam e la utilizzano almeno in due!! (BERlusconi & BERtolaso)



sfoglia gennaio        marzo
autori
dvd
democrazya
rubriche

signori della corte sentenze italiane sentenze europee

il mattinale

errata corrige

commento del giorno

errata corrige

speciali

l'armadio degli scheletri

passparola

iniziative

no bavaglio

basta

basta

no bday

appello fini travaglio

arrestateci tutti

tutte le iniziative

Premi
Macchianera Blog Awards 2009
perche' voglio scendere

perch� voglio scendere

intervista agli autori

messaggio ai troll

feed

Feed RSS di questo blog Feed RSS di questo blog

feedburner

archivio


agenda 2010
agenda 2010
prossimi appuntamenti
vedi tutti gli appuntamenti
materiale infiammabile

IN EDICOLA
IN LIBRERIA

libri di chiarelettere

diffondi

voglio scendere

incolla il codice sottostante nel tuo blog o sito

premi

intervista agli autori


<[0.0455556500019156]>