.
Annunci online

abbonamento
83
commenti





Signornò, da L'Espresso in edicola

Nel 2006, dopo la risicata vittoria dell’Unione, qualche furbetto dalemiano (Latorre, Caldarola, Rondolino) propose di nominare senatore a vita Berlusconi, dato ormai per spacciato. Due anni dopo era già risorto. Ora ci risiamo. Il Cavaliere non se n’è ancora andato (“piuttosto la guerra civile”, minaccia il leader dei “moderati”) e già gli offrono un “salvacondotto” giudiziario per un’”uscita morbida” contro una “nuova piazzale Loreto”.

Il primo ad auspicare l’“happy end” è Giuliano Ferrara, passato armi e bagagli con Fini coi soldi della famiglia Berlusconi. Gli fa eco sul “Riformista” il professore finiano Alessandro Campi: Fli eviti l’”antiberlusconismo…malattia dello spirito, febbre infantile che alimenta le peggiori frustrazioni… già tomba della sinistra riformista”. Campi non spiega quando mai la sinistra riformista avrebbe contratto l’“antiberlusconismo viscerale”, ma se lo dice lui dev’essere vero. Un altro prof, Rocco Buttiglione, vuole “evitare a Berlusconi la fine di Craxi”. “Se il Cavaliere – spiega Roberto Rao, portavoce di Casini - accettasse di fare un passo indietro, si potrebbe pensare a un salvacondotto per lui”. Secondo La Stampa, “in diversi ambienti - di maggioranza, di opposizione e fuori della politica - si studia un pacchetto che gli eviti un accanimento fuori misura: reintroduzione dell’immunità parlamentare o forme ‘aggiornate’ di prescrizione”. Secondo il rutelliano Bruno Tabacci, “questo è un Paese crudele, che per mondarsi delle proprie colpe, una volta che Berlusconi è caduto, è capace di accusarlo di nefandezze inaudite. Si può ragionare su una uscita senza vendette e senza equivoci”.

Ma gli equivoci sono tutti nelle scombiccherate giustificazioni al salvacondotto. “Se Berlusconi accettasse di fare un passo indietro…”: ma se il premier cade non è una gentile concessione da contraccambiare, è la conseguenza del venir meno della maggioranza. “Evitargli la fine di Craxi”: ma Craxi non fu condannato per vendetta da un tribunale del popolo, bensì per reati comuni, corruzione e finanziamento illecito, in regolari processi normati dal codice voluto dal suo partito (lo scrisse il socialista Vassalli). “Paese crudele capace di accusarlo di nefandezze inaudite”: ma il premier è già da tempo imputato per corruzione giudiziaria, frode fiscale, falso in bilancio, nonchè indagato a Palermo per mafia e riciclaggio e a Firenze per strage. Il salvacondotto non gli eviterebbe dunque le accuse né le relative indagini (già in corso), ma gli eventuali processi (che riprenderanno non appena lascerà Palazzo Chigi) e le possibili condanne. E come si potrebbe ottenere un simile risultato? L’immunità parlamentare lo coprirebbe solo dai procedimenti futuri, non certo da quelli già avviati. Ci vorrebbe una fantasmagorica riedizione del lodo Alfano: nato per lasciar lavorare il premier finchè è in carica, ora dovrebbe lasciarlo lavorare anche da pensionato, quando non lavorerà più. Parola d’ordine: “Lei non sa chi ero io”.
(Vignetta di Natangelo)





165
commenti


Testo:
Buongiorno a tutti, il Governo è lì in stato di decozione, i finiani si sono ritirati con la loro delegazione dal Consiglio dei Ministri, Berlusconi tenta di resistere in maniera un po’ tragicomica in una versione moderna e farsesca della tragedia del bunker di Hitler, di Eva Braun gliene sono rimaste ancora parecchie intorno, ma la pattuglia si sta assottigliando, vedete quanti topi stanno già gettandosi giù dalla nave che sta affondando alla ricerca di nuovi approdi.  (leggi tutto)

Segnalazioni

La Voce del Ribelle - Il sommario del n.26, novembre 2010

Milano, 16 novembre, ore 18 - Marco Travaglio interviene alla presentazione del libro "Nel labirinto degli dèi" di Antonio Ingroia. Partecipa Enrico Deaglio. c/o Teatro Elfo Puccini

 


continua

201
commenti


Testo:
"Buongiorno a tutti, siamo agli sgoccioli, non del berlusconismo perché ci ha abituati a avere sette vite come i gatti, siamo agli sgoccioli di questo governo, perché questo governo come l’abbiamo visto non ha più la maggioranza.

La mossa di Fini
Il discorso di Fini di ieri è uscito dai tatticismi e ha annunciato due possibili soluzioni: o Berlusconi si dimette, va al Quirinale per farsi reincaricare per un nuovo governo, con una nuova maggioranza meno sbilanciata sulla Lega, per questo Fini vorrebbe imbarcare l’Udc, oppure se Berlusconi non vuole cambiare governo e naturalmente programma di governo, Fini ritira i suoi uomini, il Ministro Ronchi, i viceministri e sottosegretari Urso, Meni e Bonfiglio e da quel momento i finiani che sono 35 alla Camera, sono in grado di mandare sotto la maggioranza ogni volta che vogliono. (leggi tutto)

Segnalazioni

"I Gattopardi" - Ucuntu n.93, 8 novembre 2010 

Modena, 9 novembre, ore 18 - Marco Travaglio presenta "Ne valeva la pena. Storie di terrorismi e mafie, di segreti di Stato e di giustizia offesa" di Armando Spataro (editori Laterza). Ingresso gratuito solo con prenotazione fino ad esaurimento posti. C/o Baluardo della Cittadella, piazza Tien An Men 5.

 

 


continua

90
commenti


fifoIntervista a Peter Gomez di Cecilia Moretti, da Il Secolo d'Italia, 3 ottobre 2010
 
Gomez, quali il progetto e la prospettiva che si intravedono dietro il nuovo soggetto politico di Fli?
Quelli di avere finalmente in questo Paese una destra normale. Una destra come la si pensava tanti anni fa, quando ero al Giornale di Montanelli, che abbia i valori di tutta la destra europea, sia sempre rispettosa dei diritti civili e dell'individuo, sappia discutere su tutto senza ritrosie e tabù - per esempio rispetto alla questione dei gay - e possa ripartire da alcuni principi semplici: primo fra tutti la legalità, che è tradizionalmente la battaglia della destra. Questo è esattamente quello che in questi anni è mancato.

Ora in Italia c'è spazio per una destra come quella che ha declinato?
Il punto non è se ce ne è spazio, il punto è che l'Italia ne ha bisogno e la chiede. Il nostro è un paese tendenzialmente per la maggior parte di centrodestra, da sempre. E se è vero che esiste uno zoccolo duro di gente innamorata di Berlusconi, però non è la maggioranza degli elettori del Pdl, che è una realtà complessa, non certo riducibile solo a partite iva ed evasori fiscali. Penso, per esempio, a una città come Milano, di centrodestra da anni, e sicuramente, pur con tutti i suoi limiti, laica, aperta al dialogo, che ragiona sui diritti civili, tanto è vero che a Milano la Lega può essere forte ma non fortissima, come nel resto della Lombardia. Insomma, io mi aspetto che Fli alle elezioni, fermo restando la macchina da guerra di Berlusconi, possa aspirare tranquillamente almeno a un 8-10% dell'elettorato.

I lettori del suo giornale, dal punto di vista elettorale, appoggerebbero il progetto politico di Fini?
Una parte sicuramente sì. Quello che viene contestato a Fini dai lettori del Fatto, e che contesto anch'io, è che c'ha messo tantissimi anni per capire con chi stava. Poi in molti si ricordano episodi non belli della sua carriera: il riferimento non è a quando era missino - perché ormai il '900, con fascismo e comunismo, dobbiamo una buona volta lasciarcelo alle spalle -, ma l'episodio del G8 di Genova. Poi magari un giorno lui ci racconterà come sono andate realmente le cose. Ma la fascia più giovane dei miei lettori sono ragazzi nati magari nell'89, dopo la caduta del muro di Berlino: sono cresciuti sempre con Berlusconi e in molti pensano che destra e sinistra non esistano più, siano categorie tramontate col '900. Comunque, quello che è evidente è che i miei lettori, generalmente di sinistra, chiedono meritocrazia, legalità, egualitarismo solo nel senso che debbano esserci una serie di diritti di base garantiti per tutti: tutte istanze compatibili e anzi molto in sintonia con Gianfranco Fini.

Quindi gli italiani sono pronti a non seguire più la pancia?
Dico solo questo. Non voglio fare paragoni tra Fini e Obama, però io - che ho la doppia cittadinanza, sono anche cittadino americano - non avrei scommesso un soldo che negli Stati Uniti riuscisse a essere eletto un presidente democratico di colore, non pensavo assolutamente neppure che Barack Obama avrebbe vinto le primarie, e dire che credevo di conoscerlo un po' quel paese. Ma non avevo capito una cosa, cioè che è il web che cambia moltissimo il paese. Magari da noi siamo in ritardo, ma i ragazzi di oggi non crescono più solo con Maria De Filippi e la tv generalista. Io non sono nemmeno sicuro che Fini sarà la nuova destra o cosa, però certamente ha la sua occasione per passare alla storia per uno che è riuscito quanto meno a sbloccare un sistema che era totalmente immobilizzato.

Pensa che Fini potrebbe farcela a portare avanti il suo progetto correndo da solo?
Difficile dirlo, da quello che vedo, in Parlamento mi sembra ci sia grande feeling per esempio con Casini. Comunque sono i voti degli astenuti che Fini spera legittimamente di recuperare, pensando pure di attingere qualcosa nel campo avverso, dove la linea del Pd, se esiste, appare ormai opposta a quella del suo elettorato. Berlusconi, dal canto suo, è finito: che cosa potrebbe ancora inventarsi per la prossima campagna elettorale? Però non bisogna dimenticare - Montecarlo docet - che appena ci si stacca da quest'uomo, lui si ricorda che nel 1986 hai lasciato la macchina in divieto di sosta e non hai pagato quella multa e tutti cominciano a scriverlo dappertutto e a dirlo in ogni salsa in televisione…
(Vignetta di Fifo)

Segnalazioni

Milano, 6 ottobre, ore 18 - Marco Travaglio partecipa all'incontro "Raccontare l'Italia". Intervengono Gian Paolo Serino, Veronica Tomassini, Massimo Cassani, Marco Bosonetto.
C/o Spazio Melampo, via Carlo Tenca 7




134
commenti





da Il Fatto Quotidiano, 28 settembre 2010


Il 3 agosto Il Fatto apriva con il titolo “C’è vita nel Pd?”. Due settimane dopo, rientrati con comodo dalle ferie, i dirigenti del “principale partito di opposizione” annunciavano sfracelli per la ripresa. Il segretario Bersani parlò di “una campagna porta a porta, la più grande mobilitazione che un partito abbia mai promosso”, per “raggiungere il più alto numero di italiani casa per casa e lanciare la nostra proposta di governo”. Siamo al 28 settembre e nulla di tutto questo è avvenuto, né se ne intravede la benché minima avvisaglia.
A meno che la più grande mobilitazione che un partito abbia mai promosso non sia l’ennesima batracomiomachia fra dalemiani e veltroniani, su un copione che si ripete da una quarantina d’anni fin dai tempi della Fgci. Nel qual caso sì, le avvisaglie si vedono, purtroppo. Veltroni ha inviato una lettera al Corriere, Bersani ha inviato una lettera a Repubblica, allora anche Veltroni ha inviato una lettera a Repubblica, poi ciascuno ha presentato la sua mozione e raccolto le sue firme. Così tutti hanno capito che, nel momento della crisi più drammatica mai vista nel centrodestra, il Pd ha deciso di rispondere con una bella rissa, anche se nessuno ha ancora capito bene su che cosa stia litigando (a parte gli onanismi sul “papa straniero”).

Intanto il Pd è entrato nella giunta siciliana Lombardo IV, sostenendo un governatore indagato per mafia: lo stesso che tre anni fa la capogruppo Pd al Senato Anna Finocchiaro, candidata contro di lui, definì “temibilissimo perché ha costruito un sistema di potere clientelare spaventoso che ha riportato la Sicilia al Medioevo”. A Milano, come candidato sindaco, il Pd ha scelto l’archistar Stefano Boeri, stretto collaboratore di Salvatore Ligresti e artefice di opere faraoniche alla Maddalena targate Protezione civile e a prezzi raddoppiati per il celebre G8 fantasma. Un sondaggio di Mannheimer dimostra che il 30% degli elettori del Pd vuole l’alleanza con Di Pietro e il 28% anche con la sinistra radicale, ma i vertici del partito continuano a inseguire l’Udc di Casini, o quel che ne resta dopo la fuga verso B. dell’azionista di maggioranza, Totò Cuffaro.
La mozione di sfiducia al premier, più volte ventilata, risulta non pervenuta. Così come le regole per le primarie in caso di elezioni, anche perché i sondaggi danno in testa Vendola (capo di un partito che alle ultime elezioni non raggiunse nemmeno il 4%) su Bersani (capo di un partito che due anni fa prese il 27% e ora naviga intorno al 24). Ma nessuno si domanda il perché: se gli elettori non gradiscono l’attuale gruppo dirigente, è colpa degli elettori, non del gruppo dirigente.

L’idea di lanciare un candidato nuovo, possibilmente vivente e contemporaneo, è scartata a priori. Il meglio che si riesce a immaginare è Sergio Chiamparino (62 anni, in politica da 40), da dieci anni sindaco di Torino, il comune più indebitato d’Italia e la città più inquinata d’Europa dopo Plovdiv in Bulgaria (ma non si esclude di candidare direttamente il sindaco di Plovdiv). Occasioni d’oro per la “grande mobilitazione” ne fioccano al ritmo di una dozzina al giorno: dal massacro politico-mediatico di Fini allo scandaloso voto salva-Cosentino, dallo scandalo quotidiano della Rai al fallimento del miracolo della monnezza in Campania. Ma su Fini il Pd balbetta. Su Cosentino non può che balbettare, avendo votato nello stesso modo per salvare D’Alema e Latorre dalle intercettazioni Unipol-Bnl. Sulla Rai non sa che dire, anche perché la parola “conflitto d’interessi” suona fessa in bocca a chi per tre volte poteva risolverlo e per tre volte non ci pensò neppure. E su Napoli il Pd ribalbetta, non avendo rimosso per tempo i corresponsabili dello sfascio, da Bassolino alla Jervolino. Occorrerebbe un leader che, negli ultimi 15 anni di suicidio del centrosinistra, non c’era e dunque possa riprendere in mano quelle questioni cruciali senza sentirsi rinfacciare il passato. Ma forse, se c’è, questo Mister X fa la seconda elementare. 
(Vignetta di Bertolotti e De Pirro) 

Segnalazioni 

nobday2No Berlusconi Day 2 - Sabato 2 ottobre, Roma, piazza della Repubblica, ore 14.00
Il blog del NoBDay2









185
commenti




Siamo l’unico Paese in Europa, in Occidente, e forse nel mondo, in cui l’opposizione non incassa la dissoluzione della maggioranza. Anzi. Mentre quella si sfarina in un finale a metà tra il Padrino parte terza e i Soliti ignoti parte prima, la nostra opposizione si addensa in una marmellata gorgogliante che tracima da tutti bordi, cola, si perde in chiacchiere e vento.
Nelle ultime 36 ore, scandite dal conto alla rovescia per quel capolavoro di sottosegretario Caliendo, l’ebollizione dei nostri migliori cervelli ha prodotto in prima battuta “il governo di transizione” elaborato da Massimo D’Alema. Intuizione rilanciata dai dalemiani del partito, ignorata dai veltroniani, irrisa dai rimanenti. Ma poi perfezionata dal segretario Bersani con l’indicazione di Giulio Tremonti premier. Dettaglio smentito non solo da Tremonti, ma anche dal medesimo Bersani che si è sentito equivocato, perché il suo era “un ragionamento”, come un tempo avrebbe detto De Mita.

Tra una incomprensione e l’altra è scesa in campo Rosy Bindi, presidente del partito, poi Enrico Letta, testa fina del partito, a informarci che “il dopo Berlusconi sarà lungo”.Lungo quanto?
Abbastanza da evitare le urne subito. “Bisogna occuparsi della crisi economica e della nuova legge elettorale”. Davvero? E come, quando? Con chi?
Fanno tutti finta di non sapere che appena il Cavaliere uscirà dallo scudo di Palazzo Chigi e del Lodo Alfano, lo attende non solo la solitudine dei numeri primi, ma pure il processo Mills Due, con la sentenza di condanna per corruzione già scritta nelle motivazioni del processo Mills Uno.

Non contenti è sceso in campo Nichi Vendola, il cuore nuovo della sinistra, che annuncia la sua candidatura alle primarie in alternativa a Bersani, a Franco Marini, e forse anche a quella di Chiamparino, che invece è il volto nuovo del Pd.
Tutti nomi che hanno smosso il risveglio di Emma Bonino, reduce dalla contesa elettorale per la Regione Lazio, pronta anche lei a candidarsi a nome di una sinistra che non rappresenta, ma per la giusta ragione che a qualunque elezione un radicale prima o poi una candidatura la spunta sempre. Per quarant’anni è stata la specialità di Marco Pannella, la sua bombola di ossigeno politico, e che ora tocca alla sua allieva che ha meno anni, meno fantasmi per la testa e anche meno capelli. Profilandosi l’imminente cagnara non potevano mancare gli ex democristiani confluiti nel pd che infatti l’altra sera si sono riuniti in numero di 50 parlamentari in un ristorante romano, La Capricciosa,  maneggiando anche loro un ragionamento semplice, ma efficace: “Se 33 finiani sono in grado di mettere nei guai il governo del Paese, cosa aspettiamo a occuparci dell’opposizione, visto che siamo in 50?”. 
(Vignetta di Bertolotti e De Pirro)

Cade, non cade... - Le poesie di Carlo Cornaglia
Per il Popolo della Libertà
si mettono le cose molto male
quando arriva Granata e là per là
incomincia a parlare di morale.

Viene preso dal panico il partito
che non sa la moral che cosa sia
e Silvio Berlusconi infastidito
Fini e Granata vuole cacciar via.
(leggi tutto)

Segnalazioni

La mozione di sfiducia a Caliendo: la diretta dalla Camera dei Deputati - Dalle ore 17 su Rai3,  le dichiarazioni di voto - La diretta di Sky TG24





204
commenti


Buongiorno a tutti, facciamo una cavalcata tra le varie notizie che affollano i nostri pensieri a causa dell’affollamento sulle prime pagine dei giornali e sulle copertine dei telegiornali, per cercare di capire se c’è una logica in questo guazzabuglio. Secondo me c’è una logica: il punto di partenza è un rapporto rivelato dall’Espresso del Consiglio d’Europa nel quale si mette il dito sulle piaghe della giustizia italiana, su quelli che sono i veri problemi della giustizia italiana e che sono, secondo la Corte europea di giustizia del Consiglio d’Europa, le ragioni per cui poi viene condannata l’Italia per denegata giustizia.

La non giustizia italiana
Per quale motivo, perché fa troppe intercettazioni? Perché si arresta troppo? Esattamente il contrario, perché c’è troppo lassismo, troppa impunità, troppe leggi che portano impunità, prescrizione troppo breve, la prescrizione assurda perché continua a decorrere anche dopo la condanna in primo grado in appello, nonché dopo il rinvio a giudizio, la possibilità infinita di fare ricorsi senza pagare mai pedaggio, infiniti formalismi che sono la pacchia degli avvocati Azzeccagarbugli, soprattutto di imputati colpevoli, le condanne che anche quando diventano definitive, le rare volte non vengono eseguite, la famosa certezza del diritto e la famosa certezza della pena. (Leggi tutto)

Errata Corrige
Il nome del tizio agrigentino segnalato da Gian Antonio Stella per la promozione avuta dal ministro Alfano non è Ceresa, come erroneamente ho detto, ma Casesa. (m.trav.)

Segnalazioni

No bavaglio
Il testo del Ddl
La mobilitazione in video di artisti, giornalisti e intellettuali contro la legge bavaglio (da repubblica,it)
E adesso arrestateci tutti. Mercoledì 16 giugno assemblea straordinaria di Art.21. Costruiamo insieme una grande manifestazione nazionale - di Stefano Corradino (da articolo21.org)
No bavaglio day,  9 luglio 2010 Roma L'appello del Popolo Viola

La libertà di stampa e i libri
Piccola biblioteca della libertà - La pagina su Facebook
Via D'Amelio 1992-2010. Un depistaggio di Stato. Video-intervista a Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza autori del libro "L'agenda nera" (edizioni Chiarelettere).

Video - Marco Travaglio a Otto e Mezzo del 12 giugno
Marco Travaglio al Festival Collisioni 2010
(da radioradicale.it)

 

 


continua

sfoglia ottobre        dicembre
autori
dvd
democrazya
rubriche

signori della corte sentenze italiane sentenze europee

il mattinale

errata corrige

commento del giorno

errata corrige

speciali

l'armadio degli scheletri

passparola

iniziative

no bavaglio

basta

basta

no bday

appello fini travaglio

arrestateci tutti

tutte le iniziative

Premi
Macchianera Blog Awards 2009
perche' voglio scendere

perch� voglio scendere

intervista agli autori

messaggio ai troll

feed

Feed RSS di questo blog Feed RSS di questo blog

feedburner

archivio


agenda 2010
agenda 2010
prossimi appuntamenti
vedi tutti gli appuntamenti
materiale infiammabile

IN EDICOLA
IN LIBRERIA

libri di chiarelettere

diffondi

voglio scendere

incolla il codice sottostante nel tuo blog o sito

premi

intervista agli autori


<[0.164928212499944]>