.
Annunci online

abbonamento
135
commenti




Signornò, da L'Espresso in edicola

Come si finanziano i partiti? E che uso fanno dei finanziamenti pubblici che intascano, mascherati da “rimborsi elettorali”, per un totale di 2,2 miliardi negli ultimi 16 anni? Nessuno può dirlo, visto che dal 1948 si attende una legge sulla responsabilità giuridica dei partiti (il primo a proporne una fu don Luigi Sturzo). Così, nella politica italiana, regna l’anarchia e ciascuno fa quel che gli pare. Il caso dell’alloggetto ereditato da An a Montecarlo, venduto a un’offshore e affittato al cognato di Fini, avrebbe potuto diventare una splendida occasione per risolvere la faccenda una volta per tutte. E per tutti. Invece, quando la Procura di Roma ha scoperto l’acqua calda, e cioè che non c’era reato, il caso è subito finito nel dimenticatoio.

Infatti una legge che obblighi i partiti a rispondere della loro gestione patrimonial-finanziaria e del rispetto della democrazia interna (tesseramenti, congressi, candidature, gruppi dirigenti, organi di garanzia), con regole severe e sanzioni efficaci, non conviene a nessuno. Come dice Piercamillo Davigo, “le regole interne dei partiti italiani sono meno rigorose che in una bocciofila:nel 1995 il segretario del Ppi Buttiglione si alleò con Berlusconi,fu messo in minoranza ed espulse la maggioranza; e nel 2001, quando un manager sanitario del Piemonte confessò di aver preso tangenti per comprare false tessere e scalare Forza Italia, il coordinatore regionale del partito confessò di non essersene accorto”. Del resto, a giudicare su eventuali irregolarità, è il “foro domestico” delle commissioni parlamentari: una mano lava l’altra. Nel 2008 i revisori di Camera e Senato, esaminando i rendiconti dei partiti sui “rimborsi elettorali” 2006, stabilì che erano quasi tutti irregolari. Ma non accadde nulla e non pagò nessuno.
Quanto ai finanziamenti privati, una leggina bipartisan del 2006 ha vanificato il pur blando controllo giudiziario previsto dalla legge sull’illecito finanziamento, innalzando da 5 a 50 mila euro (cioè decuplicando) il tetto dei contributi privati che si possono non dichiarare nella certificazione annua alle Camere. Un’enorme franchigia per i partiti e singoli uomini politici, che possono incassare impunemente fondi neri fino a 50 mila euro l’anno senza rendere conto a nessuno.

Il tutto nel paese più corrotto d’Europa, appena retrocesso al 67° posto nella classifica dei paesi più onesti di Transparency International e scavalcato financo dal Ruanda. Intanto in Germania il partito neonazista Npd rischia di chiudere perché il Bundestag gli ha sospeso il finanziamento pubblico (300 mila euro) e gli ha affibbiato una supermulta di 2,5 milioni (nel 2006 gliene aveva appioppata una da 1,7 milioni) a causa di gravi irregolarità contabili che hanno pure portato in carcere l’amministratore. In attesa che la sinistra italiana batta un colpo, Fini potrebbe fare la prima mossa. E’ il leader del partito ultimo nato e ha messo al primo posto la legalità: non sarebbe male cominciare da casa propria.
(Striscia di Fifo)

The end - Le poesie di Carlo Cornaglia
Novembre. Sembra il venticinque luglio,
Fini lo invita a dar le dimissioni,
Umberto se ne sta dietro un cespuglio,
tutti lo voglion fuori dai coglioni.

Comincia a impietosire l’uom del fare
che a causa di Gianfranco e di una troia
vive un dilemma: o tira a campare
o va a finire che tira le cuoia
(leggi tutto)


Segnalazioni

Il Papa nero - L'editoriale di Marco Travaglio a Annozero

Io minorenne chiedo al Premier di non candidarsi mai più - dal blog di Enzo di Frenna

Video - La pubblicità comparativa di Elio e Le Storie Tese: abbonatevi al Fatto


130
commenti


Testo:
Buongiorno a tutti, la lettura dei giornali in questi giorni è molto avvincente perché ci descrive Berlusconi in pigiama che si aggira per le stanze di Palazzo Grazioli, investigando sullo scandalo della Protezione civile e interrogando, addirittura, protagonisti e comprimari, pare abbia convocato, Verdini, Bertolaso, Matteoli, Scajola, persino Bondi per sapere come sono andate le cose.

Lo scandalo delle case
Perché si sta attivando su questa inchiesta mentre invece non si era attivato su altre inchieste, anzi aveva coperto, difeso i suoi fino a coprirsi di vergogna e di ridicolo a livello mondiale, evocando complotti di questo genere in ogni circostanza in cui ognuno dei suoi uomini, per non parlare naturalmente di lui stesso, era stato indagato o imputato o condannato?
Perché evidentemente ha capito che la saldatura tra uno scandalo molto popolare, come questo che riguarda vicende di case, è molto comprensibile soprattutto in un paese dove l’83% dei cittadini è proprietario della casa in cui abita e il momento che stiamo vivendo, la crisi, la crisi che ci avevano assicurato essere superata, la crisi che ci avevano detto: l’Italia avrebbe superato meglio degli altri Paesi. (Leggi tutto)

Segnalazioni

L'appello degli editori contro il Ddl intercettazioni - Il testo dell'appello promosso dal gruppo editoriale GEMS e dall'AIE contro disegno di legge sulle intercettazioni.

ad  personam


Marco Travaglio presenta "Ad Personam" (edizioni Chiarelettere)
Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Martedì 18 maggio, Sant'Ambrogio di Torino, ore 18
Cambio sede: L'incontro, inizialmente annunciato presso la Sala Consiliare di piazza XXV Aprile 4, si terrà  presso il teatro della scuola elementare di via Garibaldi 7, ore 18.00

 

 

 

 

 


continua

82
commenti



Vignetta di FranzaroliIl Fatto Quotidiano, 22 ottobre 2009


Sembra uno scherzo, invece è una pubblicità. La pubblicità di Deutsche Bank. É comparsa su alcuni quotidiani. Dice così: “Scudo Fiscale. Solidità, affidabilità, riservatezza sono alla base di ogni operazione finanziaria”. La banca tedesca ci tiene a ispirare fiducia. Sceglie un cielo azzurro come sfondo e in primo piano un ponte, grande e bianco, che unisce due sponde: immaginiamo quella dei soldi prima e dopo il lavaggio dello scudo fiscale.

Il testo dell’annuncio va all’essenziale: “Deutsche Bank è una realtà solida, affidabile e riservata, con esperienza internazionale nelle operazioni finanziarie”. La parola chiave è “riservata”. Il messaggio è asciutto. Niente moralismi. Salvo che la morale, ieri sul “Corriere della Sera”, ce l’ha messa il caso: la pubblicità compariva nella pagina retta da questo bel titolo a nove colonne: “Fondi neri per ventidue milioni. Arrestati imprenditore e assessore”. Si parlava dell’industriale Giuseppe Grossi e di altri cattivi riciclatori. Quelli senza ponte.
(Vignetta di Franzaroli)

Segnalazioni

Commento del giorno
di parsiphal - utente certificato - lasciato il 22/10/2009 alle 12:15 nel post Il papello e quelle leggi
L'odio è un seme subdolo e impalpabile che attecchisce in fretta su qualsiasi terreno: disoccupati, precari, p.iva, dipendenti, dipendenti del pubblico e precari del pubblico, e della scuola... dovrebbero essere uniti perchè in fondo hanno gli stessi obbiettivi e invece nelle piccole differenze di privilegi impalpabili si è riusciti a scavare profondi solchi d'odio.
I precari della scuola manifestano da soli, come se fossero una categoria a parte e non dentro una caregoria più ampia. Nè si accodano il milione di precari senza più lavoro.
La solidarietà sociale è morta, se non nei paesi dove il vicinato è rimasto l'ultimo baluardo di uno stato sociale. Sta morendo, con essa (di molte malattie) la convivenza civile, il patto sociale e in definitiva la Costituzione.
A meno, cosa assai sperabile, di insospettabili rigurgiti di coscienza nell'Italia prostrata e impoverita, nell'economia sì, ma forse più profondamente nell'anima.
A domani buona serata


sfoglia ottobre        dicembre
autori
dvd
democrazya
rubriche

signori della corte sentenze italiane sentenze europee

il mattinale

errata corrige

commento del giorno

errata corrige

speciali

l'armadio degli scheletri

passparola

iniziative

no bavaglio

basta

basta

no bday

appello fini travaglio

arrestateci tutti

tutte le iniziative

Premi
Macchianera Blog Awards 2009
perche' voglio scendere

perch� voglio scendere

intervista agli autori

messaggio ai troll

feed

Feed RSS di questo blog Feed RSS di questo blog

feedburner

archivio


agenda 2010
agenda 2010
prossimi appuntamenti
vedi tutti gli appuntamenti
materiale infiammabile

IN EDICOLA
IN LIBRERIA

libri di chiarelettere

diffondi

voglio scendere

incolla il codice sottostante nel tuo blog o sito

premi

intervista agli autori


<[0.0643319000009797]>