.
Annunci online

abbonamento
374
commenti


 

Buongiorno a tutti, le bugie hanno le gambe corte, come dice un proverbio, ma come scrisse Giovanni Sartori qualche anno fa, in Italia hanno gambe lunghissime, proprio perché in Italia diceva Sartori, la verità non è accettabile in quanto in Italia anche la televisione di tutti, la RAI, è imbavagliata, il che consente a Berlusconi e alla sua squadra di mentire senza spazio di controprova, si capisce, a mentire ci provano tutti, ma dove la televisione è autenticamente libera, le bugie hanno le gambe corte, mentre da noi hanno gambe lunghissime, la verità sulla nostra televisione non è accertabile. (leggi tutto)

 

Segnalazioni

Parlamento Europeo Pulito -
Il video appello di Sonia Alfano - Firma l'appello

"Ha davenì er ticket" - di Riccardo Orioles, da www.ucuntu.org

E se fosse un '68? - Ucuntu n.90, 18 ottobre 2010

La Fiom e l'unità di sinistra - di Stefano Sylos Labini
 

 


continua

127
commenti



da Il Fatto Quotidiano, 14 ottobre 2010

Ora l'ultimo sabotaggio ad Annozero, cioè alla Rai servizio pubblico, cioè alla televisione, verrà gabellato dai soliti gnorri come l'ennesimo capitolo dello scontro personale fra Masi e Santoro (che “fa il martire”), o come una giusta punizione per la lesa maestà perpetrata con la terribile metafora dei bicchieri (invece il premier B. che bestemmia e irride alla Shoah, il ministro Bossi che dialoga col dito medio tra un porco qui e un porco là, il senatore Ciarrapico che offende gli ebrei, il vicedirettore del Giornale che minaccia di “rompere il cazzo alla Marcegaglia” sono simpatiche reincarnazioni di Lord Brummel). Punizione un po' “sproporzionata”, per dirla con l'impavido Garimberti, che evidentemente non avrebbe obiettato se Santoro fosse stato sospeso per 8 giorni anziché 10. Ma quando ci vuole ci vuole. Insomma il solito tran-tran.

Ma è dai tempi di Samarcanda che Santoro è nel mirino dei vertici Rai, anzi dei partiti retrostanti (di destra e di sinistra: nel '96 fu il veltroniano Enzo Siciliano ad accompagnare all'uscio “Michele chi?”). Nella Prima Repubblica i partiti, pur corrotti, rappresentavano milioni di persone e culture vere, figlie magari degeneri della Costituente, dunque anche i censori cercavano di non violentare così platealmente la Costituzione. In questo grottesco crepuscolo della Seconda son saltate tutte le marcature e non si rispettano più nemmeno i fondamentali. Caduto l'ultimo velo, il conflitto d'interessi del governo che controlla la tv pubblica che dovrebbe controllarlo, e che coincide col padrone della tv privata (teoricamente) concorrente, si squaderna in tutta la sua oscena indecenza. Prendersela col solo Masi, ultimo portaordini del Caimano, fa ridere: come meravigliarsi, dopo averlo nominato al Tg1, se Minzolini fa il ventriloquo ad personam del premier, cioè fa il Minzolini.
Un anno fa, intercettato dai pm di Trani, persino il dg della Rai definì “roba da Zimbabwe” la chiusura preventiva di Annozero ordinata da B. Poi ha preso la cittadinanza dello Zimbabwe, per non passare per bulgaro. Se qualcuno fosse interessato a un barlume di “servizio pubblico”, dovrebbe alzare gli occhi e osservare il panorama dall'alto: un paese dove l'informazione è controllata o condizionata o intimidita da un uomo solo, l'unico che non dovrebbe sfiorarla nemmeno con una canna da pesca. Si chiama conflitto d'interessi.

Lo può risolvere il Pd? No che non può, nè vuole: ha avuto due occasioni d'oro per smantellarlo una volta per tutte, ma ha preferito mettersi d'accordo col titolare del medesimo. L'unico in grado di sbloccare l'impasse è Fini, presidente della Camera (cioè controllore della Rai) e leader di quella scheggia di maggioranza che inizia a denunciare il conflitto d'interessi, ora che lo assaggia sulla propria schiena. Non basta promuovere convegni sul tema o proporre di privatizzare la Rai, col rischio che la compri il solito prestanome. Se Fli, Pd, Idv e Udc vogliono un governo a tempo che prepari elezioni finalmente libere, la piantino di parlare solo di norme elettorali e presentino una legge semplice semplice: fuori la politica dalla Rai, fuori dalla politica chi controlla tv e giornali. Tutto il resto è chiacchiera. Anzi, Zimbabwe. 
(Vignetta di Bertolotti e De Pirro) 

Segnalazioni

Video -
Caso Annozero, sit-in di protesta a Viale Mazzini (da ilfattoquotidiano.it)

"Scherzi a parte" - Annnozero, in onda giovedì 14 ottobre, ore 21, Rai2 - Perché la parola crisi è diventata impronunciabile in Italia? Ospiti in studio Pierluigi Bersani, Roberto Formigoni, Guglielmo Epifani, Gianni Riotta e Stefano Zurlo.

Infradito Santanché e la politica del prognatismo - di Andrea Scanzi (da micromega.net

Trento, 15 ottobre, ore 18 - Marco Travaglio presenta "Ad personam" - c/o sala polivalente del liceo scientifico G. Galilei, viale Bolognini 88.

Firenze, 16 ottobre, ore 15.30 - Incontro con Marco Travaglio dal titolo "Istituzioni e giustizia". Intervengono: Guido Melis, Elisabetta Rubini Tarizzo e Gustavo Zagrebelsky. C/o cinema Odeon, via de' Sassetti.



110
commenti



bandanax

Intervistato da Luca Telese su Il Fatto Quotidiano, Bruno Vespa, dopo aver ricordato le puntate di Annozero dedicate ai casi D'Addario. Mills, Spatuzza, Ciancimino e Dell'Utri, afferma: "Il ritratto complessivo che Michele Santoro fa di Berlusconi è del più grande mascalzone della storia". Per questo, spiega il conduttore di Porta a Porta, "l'altro si arrabbia". Vespa, bisogna dirlo, ha fatto centro. Non c'è dubbio che il presidente del Consiglio proprio per questo veda il programma di Raidue come il fumo negli occhi. E che da qui nasca la sua volontà di chiuderlo. Nessun altro, a parte Santoro, affronta infatti in televisione il lato oscuro della forza del premier. Un tema che viene invece raccontato e analizzato da più di una testata della stampa senza che nessuno osi (ancora) chiedere la censura preventiva dei quotidiani e dei settimanali.

La domanda a cui bisogna rispondere è perciò una sola: perché ciò che è permesso fare sui giornali dovrebbe essere vietato in tv? In fondo, il giornalista, sia esso della carta stampata o del piccolo schermo, ha sostanzialmente un unico dovere: non può calunniare o diffamare nessuno. È tenuto a diffondere notizie verificate e se si sbaglia deve immediatamente correggersi. E questo è quello che accade abitualmente anche ad Annozero.
L'obiezione che viene fatta a Santoro è però un'altra: quella è la tv pubblica (cioè di tutti, anche di chi la pensa diversamente). Le testimonianze che gettano discredito sulle istituzioni (e la presidenza del consiglio è un'istituzione) non vanno amplificate prima che siano certificate da una sentenza: cioè dopo molti anni, tenuto conto dei tempi biblici della giustizia.

Ha un senso questo discorso? Io credo di no. Per due motivi. Il primo. Se il principio fosse valido ben pochi tra gli scandali e i gialli della recente storia italiana (pensiamo alle stragi degli anni '60 e '70, o ai grandi misteri come Ustica o il caso Moro) avrebbero potuto essere raccontati sul piccolo schermo. Il secondo: anche a voler prendere per buono il principio  (e non lo è) resta il fatto che nel nostro Paese dal punto di vista televisivo è un sostanziale duopolio. Mediaset è di proprietà di Berlusconi e quindi se non lo fa qualcuno dagli schermi della Rai non è pensabile che le (cattive) notizie sul premier trovino spazio nell'etere.
Molti però dicono: Santoro è fazioso, ha una sua particolare visione del mondo, è addirittura stato un eurodeputato dei Ds. E persino tra gli osservatori stranieri c'è chi sottolinea come sia impossibile trovare trasmissioni simili alla sua nelle altre tv pubbliche europee. Ma qui si torna al problema iniziale: il conflitto d'interessi. A differenza del resto d'Europa un Santoro licenziato dalla Rai non troverà altre emittenti disposte a farlo lavorare. Anche se è in grado di fare grandi ascolti, e quindi di garantire grandi introiti pubblicitari, resterà disoccupato. Gli spazi, come insegna la storia di Enrico Mentana, per il momento non ci sono. E poi: non sarà mica che Annozero è una trasmissione senza eguali in Europa, proprio perché il caso Italia (a partire dalla scarsa qualità delle sue classi dirigenti) non ha eguali nel vecchio continente?

Per questo Annozero va difeso. Il presidente del Consiglio, che da 16 anni dice di essere vittima di una macchinazione mediatico-giudiziaria, può protestare quanto vuole. Può ripetere (ha tutto il diritto di farlo) di essere il più grande perseguitato della storia. Ma chi non è tra i suoi sostenitori ha pure il diritto di pensare che sia lui sia semplicemente un ricchissimo e potente politico impegnato nel tentativo di di farla franca. Anche perché, seguendo su alcuni giornali e a Annozero il caso Mills, qualche milione di persone ha scoperto che, secondo i giudici, la testimonianza falsa e comprata  dell'avvocato inglese servì per far ottenere al Cavaliere l'assoluzione nel suo primo processo. Quello del 1994 sulle mazzette versate dalla Fininvest alla Guardia di Finanza.  Berlusconi, insomma, avrebbe commesso un reato per coprirne un altro. E questo sì che è un comportamento da "grandi mascalzoni". Se non della storia, almeno della recente cronaca italiana.
È del tutto ovvio che per molti sia spiacevole sentirselo raccontare. Ma seguire Santoro (come seguire Vespa) non è un obbligo. Quelli a cui Annozero non piace possono sempre usare il telecomando. E cambiare canale.    
(Vignetta di Bandanax)

Segnalazioni

Raiperunanotte - Giovedì 25 marzo, alle ore 21, dal Paladozza di Bologna. In diretta anche su voglioscendere.it  - Il messaggio di sostegno di Lorenzo Fazio, direttore editoriale di Chiarelettere.


Venerdì 26 marzo, ore 15, Roma - Nell'ambito di  "Libri come - Festa del libro e della lettura", Peter Gomez partecipa alla tavola rotonda "Come si scrive un blog". Intervengono inoltre Diego Bianchi, Giovanna Cosenza, Alessandro Gilioli, Luca Sofri. Coordina Loredana Lipperini.
C/o Auditorium Parco della Musica, viale Pietro de Coubertin.


commenti


Da il Fatto Quotidiano del 20 febbraio

Caro Michele,

ho riflettuto su quanto è accaduto giovedì ad Annozero. E, siccome è accaduto davanti a 4 milioni di persone, te ne parlo in forma pubblica. Parto da una tua frase dell’altra sera: "Parliamo di fatti". Il punto è proprio questo. Si può ancora parlare di fatti in tv? Sì, a giudicare dagli splendidi servizi di Formigli, Bertazzoni e Bosetti. No, a giudicare dal cosiddetto dibattito in studio, che non è più (da un bel pezzo) un dibattito, ma una battaglia snervante e disperante fra chi tenta di raccontare, analizzare, commentare quel che accade e chi viene apposta per impedirci di farlo e costringerci a parlar d'altro.

La maledizione della par condicio, dovuta alla maledizione di Berlusconi, impone la presenza simmetrica di ospiti di destra e di sinistra. E, quando si tratta di politici, pazienza: la loro allergia ai fatti è talmente evidente che il loro gioco lo capiscono tutti.
Ma quando, come l’altra sera, ci si confronta fra giornalisti, anzi fra iscritti all’albo dei giornalisti, ogni simmetria è impossibile: quelli "di destra" parlano addosso agli altri e – quando non sanno più che dire – tirano fuori le mie condanne penali (inesistenti) o le mie vacanze con mafiosi o a spese di mafiosi (inesistenti). Da una parte ci sono giornalisti normali, come l'altra sera Gomez e Rangeri, che non fanno sconti né alla destra né alla sinistra; e dall’altra i trombettieri. Che non sono di destra: sono di Berlusconi. E non fanno i giornalisti: recitano un copione, frequentano corsi specialistici in cui s'impara a fare le faccine e a ripetere ossessivamente le stesse diffamazioni.

Invece di contestare i fatti che racconti, tentano di squalificarti come persona. Poi, a missione compiuta, passano alla cassa a ritirare la paghetta. E, se non si abbassano a sufficienza, vengono redarguiti o scaricati dal padrone. Non hanno una faccia e dunque non temono di perderla.
Partono avvantaggiati, possono permettersi qualunque cosa. Non hanno alcun obbligo di verità, serietà, coerenza, buonafede, deontologia. Non temono denunce perchè il padrone mette ogni anno a bilancio un fondo spese per risarcire i danni che i suoi sparafucile cagionano a tizio e caio dicendo e scrivendo cose che mai scriverebbero o direbbero se non avessero le spalle coperte. Come diceva Ricucci, che al loro confronto pare Lord Brummel, fanno i froci col culo degli altri.

Sguazzano nella merda e godono a trascinarvi le persone pulite per dimostrare che tutto è merda. E ci tocca pure chiamarli colleghi perchè il nostro Ordine non s'è mai accorto che fanno un altro mestiere. Ci vorrebbe del tempo per spiegare ogni volta ai telespettatori chi sono questi signori, chi li manda, quali nefandezze perpetrano i loro "giornali", perchè quando si parla di Bertolaso rispondono sulle mie ferie e soprattutto che cos'è davvero accaduto a proposito delle mie ferie: e cioè che ho documentato su voglioscendere.it di aver pagato il conto fino all'ultimo centesimo e di aver conosciuto un sottufficiale dell'Antimafia prima che fosse arrestato e condannato per favoreggiamento, interrompendo ogni rapporto appena emerse ciò che aveva fatto (i due trombettieri invece dirigono e vicedirigono i giornali di due editori - Giampaolo Angelucci e Paolo Berlusconi, già arrestati due volte ciascuno, il secondo pregiudicato - e non fanno una piega).

Ma in tv non c'è tempo per spiegare le cose con calma. E, siccome io una reputazione ce l'ho e vi sono affezionato, non posso più accettare che venga infangata ogni giovedì da simili gentiluomini. Gli amici mi consigliano di infischiarmene, di rispondere con una risata o un'alzata di spalle. Nei primi tempi ci riuscivo. Ora non più: non sai la fatica che ho fatto giovedì a restarmene seduto lì fino alla fine. Forse la mia presenza, per il clima creato da questi signori, sta diventando ingombrante e dunque dannosa per Annozero. Che faccio? Mi appendo al collo le ricevute delle ferie e il casellario giudiziale? Esco dallo studio a fumare una sigaretta ogni volta che mi calunniano? O ti viene un'idea migliore?

Le mie ferie siciliane del 2003 e la vergogna dei diffamatori - I documenti

 


429
commenti





La censura scattata contro Vauro e l'ordine impartito a Michele Santoro di "riequilibrare" nella puntata di domani di Annozero quanto raccontato giovedì scorso nei servizi sul terremoto, sono un crimine contro la libertà di parola. In qualsiasi democrazia liberale idee e opinioni possono essere sempre espresse. L'unico limite è quello dettato dal codice penale: posso dire quello che voglio, ma non posso calunniare o diffamare chi critico.

Nessuno ad oggi è stato in grado non di affermare, ma nemmeno di ipotizzare, che Vauro o i giornalisti di Annozero abbiano commesso qualche reato o detto falsità occupandosi del sisma in Abruzzo. Molte, se non tutte, le domande sollevate durante la trasmissione sono anzi rimaste senza risposta.

L'intervento del direttore generale della Rai, Mauro Masi, è dunque semplicemente sbagliato e dimostra ancora una volta come l'azienda radiotelevisiva di Stato non sia più un servizio pubblico, ma solo una tv al servizio dei partiti. I partiti sono i padroni di viale Mazzini e visto che più o meno tutti i partiti (compreso il Pd) hanno detto che la puntata non era piaciuta, l'editore, come avrebbe fatto qualsiasi altro editore privato, è corso ai ripari. Vauro è stato "sospeso" e ai collaboratori e ai dipendenti Rai è stato dato un segnale preciso: qui si fa come vogliamo noi.

Restano due problemi. Il primo: il servizio pubblico è del pubblico, cioè dei telespettatori. Tra di essi vi sono milioni di persone che, pur essendo in minoranza nel Paese, hanno diritto di veder rappresentato il loro punto di vista. Annozero e Vauro hanno insomma il diritto di andare liberamente in onda esattamente come ha il diritto di andare in onda Bruno Vespa o Gianluigi Paragone.

Ovviamente sia Santoro, che Vespa, che Berlusconi, Di Pietro o Franceschini, sono criticabili. Personalmente non condivido una parola del pensiero di Aldo Grasso che dalle colonne de "Il Corriere della Sera" ha accusato Annozero di «abuso di libertà» dando di fatto il via all'intervento in stile sovietico della politica italiana. Ma credo che Grasso abbia tutto il diritto di esprimere ciò che pensa e, parafrasando Voltaire, sarei disposto a dare la vita per difendere il suo diritto.

E qui veniamo al secondo problema: quanti tra i sedicenti liberali alle vongole protagonisti della vita pubblica italiana, politici, editorialisti, direttori di giornali, capitani d'industria, prenderanno posizione per difendere non Santoro o Vauro, ma un principio? Io credo pochi. Perché la libertà di parola nasce nel '700 per poter parlare male di chi stava al potere. Per parlarne bene, infatti, c'erano già i cortigiani. C'erano allora e ci sono ancora.
(Vignetta di Vauro)

Segnalazioni

Ground Annozero - di Furio Colombo (micromega.net)


Vauro sospeso dalla Rai. Una risata li seppellirà - di Antonio Padellaro (iogiocopulito.it)


La ricostruzione a rischio clan. Ecco il partito del terremoto - di Roberto Saviano (robertosaviano.it)


762
commenti


Vignetta di Molly BezzOra d'aria
L'Unità, 24 maggio 2008
Come alla nascita di ogni regime, anche stavolta si riscontra tutt'intorno ai nuovi padroni del vapore uno spaventoso affollamento di cortigiani, sicofanti, voltagabbana, ma soprattutto di reduci antemarcia. Il reduce antemarcia è una figura tipicamente italiota, che a ogni cambio di governo resetta il proprio passato e s'inventa a tavolino una nuova biografia a immagine e somiglianza del nuovo potere. "Sire, io l'ho sempre pensata come lei, da prima che lei nascesse...".

Quando da una parte c'era la sinistra e dall'altra il centro o la destra, era più semplice, anche perché nell'albero genealogico di ciascuno c'è sempre un nonno o uno zio che ha fatto la Resistenza (o dice di averla fatta) e un altro che ha fatto la marcia su Roma (o dice di averla fatta). Basta estrarre il nonno giusto al momento giusto, e il gioco è fatto. Ora che non si capisce bene dove finisca la maggioranza e dove cominci l'opposizione, per il reduce antemarcia il gioco si complica. Bisogna dimostrare di essere sempre stati sia di destra sia di sinistra, o almeno favorevoli al dialogo e all'inciucio. Impresa titanica, almeno per chi non è editorialista del Corriere o del Riformatorio. E per chi non si chiama Pierluigi Celli.

Questo eroe dei nostri tempi, che solo per motivi anagrafici non ha ispirato un film di Alberto Sordi, è attualmente direttore generale della Luiss, ma fino al 2001 lo fu della Rai perché - lo disse lui stesso - "mi chiamò D'Alema". Ma ovviamente non dispiaceva neppure a Berlusconi, che quando si tratta di Rai, essendo il padrone della concorrenza, ha sempre avuto voce in capitolo. Infatti Celli regalò Rai1 al superberlusconiano Agostino Saccà. Poi, nel febbraio 2001, alla vigilia dell'annunciatissima vittoria elettorale del Cavaliere, si trovò una nicchia sicura a Telefonica, la compagnia spagnola che controllava la Endemol, a sua volta guidata in Italia da Marco Bassetti, marito di Stefania Craxi, fornitrice di format alla stessa Rai. Con quella mossa elegantissima, Celli lasciò la Rai in pasto agli epuratori. Oggi, con una biografia così, non gli servirebbe alcun riposizionamento. Ma lui vuole esagerare e l'altroieri racconta al Giornale berlusconiano una storia di pura fantasia, fabbricata a tavolino ex post: "Mi sono dimesso da direttore generale proprio alla vigilia degli interventi di Marco Travaglio a Satyricon e di Michele Santoro, perché ero contrario. Sono convinto che una tv pubblica non deve essere di parte, ma deve mantenere il suo equilibrio. Il loro è stato, come dire, un errore di grammatica. Non si fa".

Ecco: lui era contrario in cuor suo, ha sofferto in silenzio per tutti questi anni, e solo ora ha deciso di uscire allo scoperto. In tempi non sospetti, direbbe qualche buontempone. Purtroppo, la sua versione dei fatti ha un problema di consecutio temporum. Occhio alle date. Celli annuncia le dimissioni dalla Rai l'8 febbraio 2001. Il Satyricon di Daniele Luttazzi che ospita il sottoscritto per presentare "L'odore dei soldi" sulle origini e i misteri delle fortune di Berlusconi (scritto con Elio Veltri) è del 14 marzo: 5 settimane dopo. Le puntate di "Raggio verde" di Santoro sul caso Berlusconi-Dell'Utri sono quella del 16 marzo e quelle successive. Come poteva Celli essere contrario agli "errori di grammatica" di Luttazzi, Travaglio e Santoro un mese e mezzo prima che venissero commessi? Si dirà: erano già nell'aria ai primi di febbraio. Impossibile.

"L'odore dei soldi" esce in libreria a metà febbraio, una settimana dopo le dimissioni di Celli. E viene presentato alla stampa nella saletta di Montecitorio a fine febbraio. Luttazzi legge una cronaca del Manifesto e decide di procurarsi il libro. Lo legge e mi invita a presentarlo a Satyricon per il 14 marzo. E Santoro? Si era per caso già occupato del caso Berlusconi, in quella campagna elettorale, prima del Satyricon sull'Odore dei soldi? Nossignori. Tant'è che ancora il 10 gennaio 2001 Celli si complimentava con la squadra di Santoro per il documentario "Sciuscià" sui ricconi in Costa Smeralda ("Riteniamo di dover esprimere un riconoscimento pubblico, a nome dell'azienda tutta, al gruppo di sciuscià per la straordinaria qualità del reportage realizzato e per la professionalità dimostrata"). Il 26 gennaio, due settimane prima delle dimissioni di Celli, Raggio verde si occupava della mucca pazza. Il 2 febbraio, sei giorni prima delle dimissioni di Celli, il tema era l'abusivismo nella valle dei templi di Agrigento. Ora, può darsi che noi non conosciamo la grammatica. Celli però non conosce neppure il calendario. Ma è ancora giovane, si farà.

Segnalazioni

Celli sbarella, il Giornale gongola
di Daniele Luttazzi (da www.danieleluttazzi.it)

Pierluigi Celli e generazioni future - video con intervento di Marco Travaglio (da youtube.com)

Identificateli!
Piero Ricca intervista Jole Santelli - il video

Se il buongiorno si vede dal mattino
Da quaranta dì hanno vinto
ed han subito dipinto
un futuro entusiasmante
con governo dialogante,
 
disponibile al confronto
con un premier ombra pronto
a incontrare quello là
per veder che se po’ fa’...
Leggi tutta la poesia di Carlo Cornaglia

762
commenti


Vignetta di Molly BezzOra d'aria
L'Unità, 24 maggio 2008
Come alla nascita di ogni regime, anche stavolta si riscontra tutt'intorno ai nuovi padroni del vapore uno spaventoso affollamento di cortigiani, sicofanti, voltagabbana, ma soprattutto di reduci antemarcia. Il reduce antemarcia è una figura tipicamente italiota, che a ogni cambio di governo resetta il proprio passato e s'inventa a tavolino una nuova biografia a immagine e somiglianza del nuovo potere. "Sire, io l'ho sempre pensata come lei, da prima che lei nascesse...".

Quando da una parte c'era la sinistra e dall'altra il centro o la destra, era più semplice, anche perché nell'albero genealogico di ciascuno c'è sempre un nonno o uno zio che ha fatto la Resistenza (o dice di averla fatta) e un altro che ha fatto la marcia su Roma (o dice di averla fatta). Basta estrarre il nonno giusto al momento giusto, e il gioco è fatto. Ora che non si capisce bene dove finisca la maggioranza e dove cominci l'opposizione, per il reduce antemarcia il gioco si complica. Bisogna dimostrare di essere sempre stati sia di destra sia di sinistra, o almeno favorevoli al dialogo e all'inciucio. Impresa titanica, almeno per chi non è editorialista del Corriere o del Riformatorio. E per chi non si chiama Pierluigi Celli.

Questo eroe dei nostri tempi, che solo per motivi anagrafici non ha ispirato un film di Alberto Sordi, è attualmente direttore generale della Luiss, ma fino al 2001 lo fu della Rai perché - lo disse lui stesso - "mi chiamò D'Alema". Ma ovviamente non dispiaceva neppure a Berlusconi, che quando si tratta di Rai, essendo il padrone della concorrenza, ha sempre avuto voce in capitolo. Infatti Celli regalò Rai1 al superberlusconiano Agostino Saccà. Poi, nel febbraio 2001, alla vigilia dell'annunciatissima vittoria elettorale del Cavaliere, si trovò una nicchia sicura a Telefonica, la compagnia spagnola che controllava la Endemol, a sua volta guidata in Italia da Marco Bassetti, marito di Stefania Craxi, fornitrice di format alla stessa Rai. Con quella mossa elegantissima, Celli lasciò la Rai in pasto agli epuratori. Oggi, con una biografia così, non gli servirebbe alcun riposizionamento. Ma lui vuole esagerare e l'altroieri racconta al Giornale berlusconiano una storia di pura fantasia, fabbricata a tavolino ex post: "Mi sono dimesso da direttore generale proprio alla vigilia degli interventi di Marco Travaglio a Satyricon e di Michele Santoro, perché ero contrario. Sono convinto che una tv pubblica non deve essere di parte, ma deve mantenere il suo equilibrio. Il loro è stato, come dire, un errore di grammatica. Non si fa".

Ecco: lui era contrario in cuor suo, ha sofferto in silenzio per tutti questi anni, e solo ora ha deciso di uscire allo scoperto. In tempi non sospetti, direbbe qualche buontempone. Purtroppo, la sua versione dei fatti ha un problema di consecutio temporum. Occhio alle date. Celli annuncia le dimissioni dalla Rai l'8 febbraio 2001. Il Satyricon di Daniele Luttazzi che ospita il sottoscritto per presentare "L'odore dei soldi" sulle origini e i misteri delle fortune di Berlusconi (scritto con Elio Veltri) è del 14 marzo: 5 settimane dopo. Le puntate di "Raggio verde" di Santoro sul caso Berlusconi-Dell'Utri sono quella del 16 marzo e quelle successive. Come poteva Celli essere contrario agli "errori di grammatica" di Luttazzi, Travaglio e Santoro un mese e mezzo prima che venissero commessi? Si dirà: erano già nell'aria ai primi di febbraio. Impossibile.

"L'odore dei soldi" esce in libreria a metà febbraio, una settimana dopo le dimissioni di Celli. E viene presentato alla stampa nella saletta di Montecitorio a fine febbraio. Luttazzi legge una cronaca del Manifesto e decide di procurarsi il libro. Lo legge e mi invita a presentarlo a Satyricon per il 14 marzo. E Santoro? Si era per caso già occupato del caso Berlusconi, in quella campagna elettorale, prima del Satyricon sull'Odore dei soldi? Nossignori. Tant'è che ancora il 10 gennaio 2001 Celli si complimentava con la squadra di Santoro per il documentario "Sciuscià" sui ricconi in Costa Smeralda ("Riteniamo di dover esprimere un riconoscimento pubblico, a nome dell'azienda tutta, al gruppo di sciuscià per la straordinaria qualità del reportage realizzato e per la professionalità dimostrata"). Il 26 gennaio, due settimane prima delle dimissioni di Celli, Raggio verde si occupava della mucca pazza. Il 2 febbraio, sei giorni prima delle dimissioni di Celli, il tema era l'abusivismo nella valle dei templi di Agrigento. Ora, può darsi che noi non conosciamo la grammatica. Celli però non conosce neppure il calendario. Ma è ancora giovane, si farà.

Segnalazioni

Celli sbarella, il Giornale gongola
di Daniele Luttazzi (da www.danieleluttazzi.it)

Pierluigi Celli e generazioni future - video con intervento di Marco Travaglio (da youtube.com)

Identificateli!
Piero Ricca intervista Jole Santelli - il video

Se il buongiorno si vede dal mattino
Da quaranta dì hanno vinto
ed han subito dipinto
un futuro entusiasmante
con governo dialogante,
 
disponibile al confronto
con un premier ombra pronto
a incontrare quello là
per veder che se po’ fa’...
Leggi tutta la poesia di Carlo Cornaglia

sfoglia settembre        novembre
autori
dvd
democrazya
rubriche

signori della corte sentenze italiane sentenze europee

il mattinale

errata corrige

commento del giorno

errata corrige

speciali

l'armadio degli scheletri

passparola

iniziative

no bavaglio

basta

basta

no bday

appello fini travaglio

arrestateci tutti

tutte le iniziative

Premi
Macchianera Blog Awards 2009
perche' voglio scendere

perch� voglio scendere

intervista agli autori

messaggio ai troll

feed

Feed RSS di questo blog Feed RSS di questo blog

feedburner

archivio


agenda 2010
agenda 2010
prossimi appuntamenti
vedi tutti gli appuntamenti
materiale infiammabile

IN EDICOLA
IN LIBRERIA

libri di chiarelettere

diffondi

voglio scendere

incolla il codice sottostante nel tuo blog o sito

premi

intervista agli autori


<[0.472475399999894]>