.
Annunci online

abbonamento
165
commenti


Testo:
Buongiorno a tutti, il Governo è lì in stato di decozione, i finiani si sono ritirati con la loro delegazione dal Consiglio dei Ministri, Berlusconi tenta di resistere in maniera un po’ tragicomica in una versione moderna e farsesca della tragedia del bunker di Hitler, di Eva Braun gliene sono rimaste ancora parecchie intorno, ma la pattuglia si sta assottigliando, vedete quanti topi stanno già gettandosi giù dalla nave che sta affondando alla ricerca di nuovi approdi.  (leggi tutto)

Segnalazioni

La Voce del Ribelle - Il sommario del n.26, novembre 2010

Milano, 16 novembre, ore 18 - Marco Travaglio interviene alla presentazione del libro "Nel labirinto degli dèi" di Antonio Ingroia. Partecipa Enrico Deaglio. c/o Teatro Elfo Puccini

 


continua

255
commenti



Vignetta di Molly BezzZorro

l'Unità, 9 dicembre 2008


Il dibattito sulla “questione morale a sinistra” si fa ogni giorno più elevato. I pregiudicati De Michelis, Di Donato e Pomicino si consolano perchè il più pulito ha la rogna, nella speranza che le mani sporche altrui puliscano le loro. Al Tappone, presentando il suo candidato in Abruzzo Gianni Chiodi, ovviamente inquisito, punta il dito contro le porcherie degli altri. I quali, nonostante gli sforzi, non ce l’hanno ancora fatta a eguagliare le sue. Infatti gli rispondono che lui ha portato in Parlamento un bel po’ di condannati e inquisiti. Vero, peccato che ne abbian portati anche loro. Ma un po’ di meno. Sono come quella signora citata da Enzo Biagi, la cui figlia era “incinta, ma solo un po’”. Quando Beppe Grillo, al V-Day dell’anno scorso, raccolse un mare di firme per una legge di minima decenza che espella almeno i condannati dalle liste elettorali, mancò poco che lo impiccassero: la legge di iniziativa popolare langue in commissione Affari costituzionali, presieduta dall’ottimo Carlo Vizzini, salvato dalla prescrizione per la maxitangente Enimont. Violante (avete capito bene: Vio-lan-te) ha finalmente individuato il nemico da battere: i magistrati, che “hanno troppo potere”, dunque bisogna levargliene un po’, d’intesa con Al Tappone che non vede l’ora. Piercasinando, dopo un vertice con Cuffaro e col commissario Udc di Legnano appena arrestato per spaccio di droga, invita il Pd a liberarsi di Di Pietro, pericolosamente incensurato. Intanto Capezzone (dicesi Ca-pez-zo-ne) intima alla sinistra di scusarsi con Craxi. Poi - come ha scritto un ragazzo sul mio blog - chiederà a Olindo di scusarsi con la Franzoni.
(Vignetta di Molly Bezz)

Segnalazioni

Io sono Saviano, no a tutte le mafie - Milano, 20 dicembre 2008

L'onorevole Trombetta - di Riccardo Orioles (4 dicembre 2008, n. 376)

CSM selection - il video di Roberto Corradi

Asservire i magistrati… Why not? - di Carlo Cornaglia
Indagava su tre cose,
di reati tre overdose:
con l’inchiesta “Poseidone”
indagava le persone
  
che coi soldi della Ue
tutto han fatto meno che
costruire degli impianti
per abbatter gli inquinanti...
Leggi tutto



129
commenti


by newsr da flickr.comLeggi la mia risposta al commento di Giuseppe D'Avanzo sulla puntata di Annozero.

Nel 2002, quando con Peter Gomez ho scritto “La Repubblica delle Banane” censendo gli onorevoli condannati e imputati della scorsa legislatura, nessuno lo recensì e nessuno ne parlò. Ci convincemmo, Peter e io, di essere due matti un po’ fissati. E dire che già allora i condannati in Parlamento erano 25.
Poi, l’anno scorso, pubblicammo le pagine gialle, anzi marron, dei condannati e degli imputati del nuovo Parlamento: “Onorevoli Wanted”. I condannati erano di nuovo 25: alcuni erano gli stessi della legislatura precedente, altri erano cambiati, ma i seggi riservati ai pregiudicati restavano immutabili. Una sorta di quota fissa (ora che, con la cacciata di Previti, sono scesi a 24, resta una casella da riempire, e vedremo chi arriva prima). Ma anche il nuovo libro non produsse effetto alcuno. Ci confermammo nell’idea che era un problema soltanto nostro, e dei 50 mila cittadini che avevano acquistato il libro.

Intanto però un comico, Beppe Grillo, aveva preso sul serio la faccenda e ne aveva fatto una battaglia sul suo blog. Santoro e la Gabanelli rilanciarono il tema ad Annozero e a Report. La battaglia è poi sfociata nella raccolta di firme per la legge d’iniziativa popolare al V-Day. Ora dei condannati in Parlamento parlano tutti, perfino Vespa e Floris. L’altra sera se ne parlava a “Exit” con Ilaria D’Amico. C’erano Di Pietro e Giovanardi, attorniati da alcuni noti onorevoli condannati come Enzo Carra (false dichiarazioni al pm), Daniele Farina (lesioni gravi, fabbricazione, detenzione, porto di ordigni esplosivi) e Francesco Caruso (fresco di una condanna a 3 anni e mezzo in primo grado per estorsione ai danni di un supermercato).

Il trio faceva a gara nel tentar di dimostrare che il loro reato era poco grave, o non lo era proprio.

Giovanardi, che è incensurato ma un po’ se ne vergogna, sosteneva che c’è reato e reato. E sproloquiava di Bossi paragonandolo a Mazzini, farfugliando di “reati politici” e “d’opinione”, mentre il Senatur ha una condanna definitiva per la tangente Enimont. Nessuno nella confusione, nemmeno Di Pietro, ha ricordato che è vero, c’è reato e reato, ma chi viola le leggi dello Stato non può scrivere le leggi dello Stato. Nessuno ha ricordato che l’articolo 54 della Costituzione recita: “… I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore…”. A che cosa s’è ridotto l’onore di questi signori, se lo strattonano di qua e di là con scuse balzane come “reati minori”? E se non provano alcuna vergogna nel sedere a fianco di chi ha violato le leggi che ha fatto? I reati non si commettono, punto e basta. Tantopiù se si siede in Parlamento e si legifera su quali siano i reati e su come punirli.

Cacciare i condannati non basta. Bisogna cacciare anche i prescritti: chi vuole svolgere pubbliche funzioni, ed è sotto processo, deve rinunciare alla prescrizione, per essere assolto se innocente o condannato se colpevole. Non può farla franca perché è passato troppo tempo. E bisogna cacciare anche gli assolti, se hanno confessato un reato: Lorenzo Cesa, segretario dell’Udc, fu arrestato nel ’93 e confessò di aver personalmente ritirato da vari imprenditori una dozzina di tangenti sugli appalti Anas. Poi, per vari cavilli giuridici, uscì prosciolto: ma dov’è l’onore di uno che confessa tangenti e poi si candida al Parlamento? E dei suoi compagni di partito che lo candidano e lo eleggono segretario?

sfoglia ottobre        dicembre
autori
dvd
democrazya
rubriche

signori della corte sentenze italiane sentenze europee

il mattinale

errata corrige

commento del giorno

errata corrige

speciali

l'armadio degli scheletri

passparola

iniziative

no bavaglio

basta

basta

no bday

appello fini travaglio

arrestateci tutti

tutte le iniziative

Premi
Macchianera Blog Awards 2009
perche' voglio scendere

perch� voglio scendere

intervista agli autori

messaggio ai troll

feed

Feed RSS di questo blog Feed RSS di questo blog

feedburner

archivio


agenda 2010
agenda 2010
prossimi appuntamenti
vedi tutti gli appuntamenti
materiale infiammabile

IN EDICOLA
IN LIBRERIA

libri di chiarelettere

diffondi

voglio scendere

incolla il codice sottostante nel tuo blog o sito

premi

intervista agli autori


<[0.241826050001691]>