Commenti

commenti su voglioscendere

post: La soluzione finale

Due settimane fa, ad Annozero, avevo evocato Licio Gelli e il Piano di rinascita della P2 e me ne hanno dette di tutti i colori. In realtà, ero stato troppo ottimista . Ormai siamo oltre Gelli, oltre la P2. Siamo al golpe politico-giudiziario . Per una volta, inseguire gli aspetti tecnico-giuridici della decisione del Procuratore generale di Catanzaro di strappare di mano l’ inchiesta “Why Not” su Prodi, Mastella & C. al titolare, cioè al pm Luigi De Magistris , è inutile e fuorviante. Meglio andare subito alla sostanza, che è questa: il magistrato che aveva raccolto elementi sufficienti per indagare Mastella per abuso , truffa e finanziamento illecito , cioè riteneva di aver trovato i soldi, non potrà portare a termine la sua indagine, ormai in dirittura d’arrivo. Il ... continua



commenti

Gli ultimi 100 commenti / 
Mostra tutti i commenti




# 6    commento di   Fort - utente certificato  lasciato il 21/10/2007 alle 18:47

"..Anche se la richiesta non sta in piedi, non importa: quando il magistrato arriverà al sodo, salendo di livello dagli amici del ministro al ministro stesso, il ministro sosterrà che il pm lo fa perché ce l’ha con lui. E, col gioco delle tre carte, riuscirà a convincere qualche alto magistrato a scambiare le cause con gli effetti e a scippare l’indagine al pm per “incompatibilità”." Ecco, il problema è tutto qui. Il fatto è grave e se ne discute tra la gente, eccome. La quale si domanda e mi ci metto anche io: Il politico è soggetto ad elezioni, i magistrati no. Ed allora perchè un Procuratore Capo sta al gioco dei politici? Non trasferisce, "non avoca a sé" l'inchiesta, ribatte al politico che è giusto che il magistrato in oggetto continui l'inchiesta. E' inutile accusare il politico, chiunque esso sia che, per definizione: "ruberebbe caramelle ad un bambino"(dal film Ottobre Rosso). Allora a chi si deve, veramente, attribuire questa angheria? Ed ancora: cosa c'entra nel discorso la separazione delle carriere in magistratura, cosa a mio modesto avviso, sacrosanta e rispondente ad una evidente regola del Diritto? Un saluto


Caro Marco, alle pagine 50 e 51 di “Per il bene dell’Italia” - Programma di governo 2006 - 2001, l’Unione, prima delle elezioni del 2006, prometteva: “Dobbiamo improntare il nuovo ordinamento giudiziario a criteri di osservanza del principio di autonomia ed indipendenza della magistratura e che siano anche funzionali a rendere più efficiente ed efficace il compito del magistrato. In particolare: (…) intendiamo ELIMINARE LA GERARCHIZZAZIONE NEGLI UFFICI DELLA MAGISTRATURA INQUIRENTE prevista dal nuovo ordinamento giudiziario , soprattutto in relazione all’esercizio dell’azione penale. Ciò non esclude – in quanto necessarie al buon funzionamento della giustizia - forme di organizzazione che diano efficacia, efficienza ed organicità alle attività di indagine e che inquadrino sia la fase delle indagini che l’esercizio dell’azione penale secondo principi e criteri di UGUAGLIANZA e di PARITA’ DI TRATTAMENTO DEI CITTADINI (…); vogliamo ELIMINARE OGNI FORMA DI DISCREZIONALITA’ di natura politico-culturale nella previsione degli illeciti disciplinari, pur agendo per un’effettività della funzione disciplinare; (…). intendiamo riportare i poteri del ministro della Giustizia alla stretta attuazione dei principi costituzionali ed evitare che essi si configurino come confliggenti con la funzione di organo di autogoverno del CSM” Qualcuno potrebbe spiegare agli elettori dell’Unione come il comportamento del Ministro di Grazia e Giustizia e del Governo nella questione De Magistris / Why not possa considerarsi in linea con la sopraindicata promessa elettorale? E voi, cari bloggers, avete capito per quale ragione abbiamo ideato il PROTOCOLLO C3? BASTA CON LE PROMESSE ELETTORALI VIOLATE DAGLI ELETTI! PROTOCOLLO C3: + DI 1 BOLLINO! www.protc3.org
www.protc3.org


Se ci sarà la crisi di governo è sicuro che le prossime elezioni le vince il Berlusca. Siamo tutti nei pasticci perchè ci aspettano altri cinque anni di degrado morale del paese. Io sono totalmente deluso dal governo Prodi, ma a questo punto non so più cosa augurarmi. Se si dovesse andare a votare, cosa voto?


Quando Berlusconi formo' il suo primo governo nel 1994, presento' al capo dello Stato l'elenco dei Ministri con Previti alla Giustizia, che al tempo non era stato mai condannato, forse non era neppure ancora indagato. Scalfaro rispose facendo il gesto dell'ombrello, perche' sapeva benissimo che un personaggio del genere al Ministero di Grazia e Giustizia avrebbe fatto le peggio cose, e fece benissimo visto che uno dei compiti del Presidente della Repubblica e' vigilare sull'autonomia della magistratura. Ora, Napolitano che sta facendo, sonnecchia? Qualche romano potrebbe mica passare sotto al Quirinale e suonargli il citofono?


è il segnale definitivo della fine della democrazia in Italia. Fine ufficiosa, certo, non ufficiale, cominciata molto tempo fa, ma non c'è molta differenza. Questo è un regime molto peggiore delle dittature, perchè è mascherato da democrazia, è un'illusione. Se l'Italia non darà un colpo di coda radicale, disfandosi di questa classe politica, ipotesi peraltro remota secondo il mio parere, è destinata alla rovina econimica, politica e culturale.


I cittadini NON dormono: cominciano a capire che le inchieste di De Magistris non riguardano solo 2 regioni sottosviluppate del meridione, ma la salvaguardia della democrazia stessa nel nostro Paese. I cittadini seguono ciò che sta accadendo, valutano e agiscono di conseguenza. Non è detto che questa faccenda si concluda con lo scippo al magistrato e l'archiviazione. Non glielo permetteremo. Vorrei ricordare che in Basilicata e in Calabria si sono formati comitati spontanei di cittadini che, insieme ad alcune associazioni, tra cui Libera Basilicata, da mesi si stanno battendo affinchè De Magistris possa essere lasciato in pace nello svolgimento del suo lavoro. E' importante in questo momento non lasciarsi prendere dalla rassegnazione e dallo sconforto. Il potere politico è forte, ma resisteremo.
http://diario_estemporaneo.ilcannocchiale.it


sono daccordo con fort. marco la riforma della giustizia è qualcosa da discutere. invece credo che spostare il discorso su questo punto genera diffidenza e allontana chi comunque è contro questa angheria. bisogna stare uniti sul punto non generare divisioni su questioni che sono importanti ma non necessariamente delineano il confine tra chi è per la validità dell art.3 della costituzione e chi no. perchè si stratta di questo: di stato di diritto. più di gelli avrei parlato dei magistrati casta ben integrata al sistema che ha ben definito nell'intervista de magistris.


Caro Marco, io inizio ad avere oggettivamente paura e proprio non so se temo di più quel che vedo di quel che temo, visto che i miei timori da anni coltivati non si stanno semplicemente verificando ma spesso ultimamente la realtà va ben oltre l'immaginazione, questo non è un paese di cui andare orgogliosi e questi politici non sono persone che amano il proprio paese, ne tanto meno i suoi cittadini, e gli italiani che fanno? si mettono in fila per pagare la nascita di un nuovo partito? ho 34 anni e mi sento perso e l'unica consolazione è che chi è più grande di me e per qualche verso quindi dovrebbe anche essere più saggio, o è scemo o alla meglio lobotomizzato, chi tanto vuole il grande partito Democratico, dimostri prima di dutto di esserlo, alzi la voce in difesa di De Magistris e si indigni almeno per l'operato di Mastella chieda a Prodi spiegazioni e si attui a bloccare la legge bavaglio contro i blog, se Democrazia e Giustizia sono il loro fondamento lo dimostrino ora!
http://alivebaconisurrection.spaces.live.com


# 14    commento di   watchdogs - utente certificato  lasciato il 21/10/2007 alle 19:31

marco, non ti sembra di essere troppo buono con prodi e il resto del centrosinistra? stanno zitti zitti (di pietro a parte) ad assistere a quel che sta accadendo, nuovo PD in testa! come fare a rivotare il centrosinistra? credo proprio non sia possibile, a meno che mastella non vada -come dice- nel centrodestra




Travaglio, con tutto il rispetto per lei è per la sua onestà, li faccia i nomi di quelli che stanno dietro a mastella, sono i Prodi e compagni. Perchè quando si parla di Berlusconi, giù a fare nomi e cognomi e questo non fa vedere che gli altri, quelli che molti di noi hanno votato, sono ancora peggio. Li faccia quei nomi quelli che seguono o comandano le azioni di clemente.










Ciao marco e ragazzi del blog, spero che la situazione cambiarà, qualcosa di positivo c'è: la gente sta iniziando ad alzare la voce, non può continuare a lungo questa barzelletta...Non molliamo.Non abituatevi allo scandalo, facciamo qualcosa di buono nel nostro piccolo, iniziamo veramente a cambiare noi x primi dando l'esempio..Un saluto a tutti


La cosa straordinaria è che nessuno ha sottolineato il vero nodo della questione: chi è in conflitto d'interessi? De Magistris che ha iscritto quello che aveva chiesto il suo trasferimento nel registro degli indagati? Oppure Mastella che, sapendo di essere invischiato nella vicenda (e questo è un fatto, intercettazioni alla mano), ha chiesto il trasferimento? Evidentemente De Magistris l'aveva chiesto prima (magari per telefono), a Mastella, di trasferirlo. E noi non ne sapevamo niente. Se no il suo conflitto non si spiega proprio: l'inimicizia con il super-ministro non l'aveva certo cagionata lui. A sentir parlare Travaglio sembrerebbe di essere davvero una repubblica delle banane. E menomale che invece non lo siamo. Naaa... P.S. Non mi sembra di riscontrare in questo blog quel pluralismo di opinioni che è requisito necessario, oltre che della correttezza e del buon senso, anche della buona informazione e del buon giornalismo. Pluralismo che, tra l'altro, sarà sancito a breve a norma di legge, dopo l'approvazione del ddl Levi. E poi, scusate, le vostre di opinioni le avete candidate? Sono state elette? No? Allora preparatevi a chiudere.


a questo punto, dato che questo governo è destinato a cadere in tempi brevi, facciamogli pagare caro il ritorno di berlusconi: rimaniamo a casa il giorno delle elezioni, saranno macerie in ogni settore, ma mi pare l'unico modo per liberarci dalla banda fassino e ritrovare spazi per costruire qualcosa; altrimenti saremo costretti a subire questo tipo di politica fino alla morte perchè non ci consentiranno mai un'alternativa decente.


# 24    commento di   daniela_83 - utente certificato  lasciato il 21/10/2007 alle 21:11

Se ci sarà il prossimo V-DAY sull'informazione sarebbe bello portare in piazza anche il caso De Magistris..Voglio proprio vedere se questa volta non ci sarà nemmeno una telecamera dei principali TG!! Spero che fino al 17 dicembre(giorno in cui il Csm deciderà sul caso)non si smetta di parlare di De Magistris!


che fare?






facciamo qualcosa,sì, ma ne varrà la pena? sono sconfortata e voglio fuggire via da questa dittatura.


Già da anni conviviamo con l'imbarazzo di appartenere ad un Paese che si racconta con una barzelletta. A forza di risentirla, ci sta anche facendo ridere. E non siamo più in imbarazzo, ma ridiamo di gusto anche noi. L'Italia ormai è come la casa de "La grande abbuffata" di Ferreri.


Ho 32 anni e sono senza parole di come il mio paese reagisce a tutte queste ingiustizie.PAZZESCO!!!! Mi stavo rileggendo la storia della rivoluzione francese, quando il popolo ormai ridotto alla fame e sempre più staccato dalla vita del RE e della REGINA che vivendo nei loro privilegi e sfazi se ne lavavano le mai. Arrivarono alla forca e questo i politici francesi (quelli di oggi) la loro storia se la ricordono bene. Dobbiamo fare questo per cambiare le cose in Italia?


Povera mia bella Italia!!! La osservo da lontano, da Parigi dove vivo ormai da 5 anni, ed anche se continuo a dire che sono orgoglioso di essere italiano, mi dico che sono sempre meno orgoglioso di vedere in mano a certa gente il mio bel Paese. Come molti dicono, sarà difficile votare la prossima volta, almeno per chi si sente del centro sinistra, ma certo non voglio rivedere l'Italia in mano a Berlusconi. Per il momento la mia intenzione è di dare un voto a Di Pietro. Immagino che non sia un uomo perfetto, ormai non ci credo più nella perfezione in politica, ma almeno è quello che mi pare più coerente al giorno d'oggi. Speriamo bene, ti amo mia bella povera Italia!


# 32    commento di   tanaliberatuttietutte - utente certificato  lasciato il 21/10/2007 alle 23:2

ormai le parole non servono più... come posso spiegare il lio stato d'animo??? non credevo si arrivasse a togliere l'inchiesta a de magistris!!! e fino ad ora ritenevamo berlusconi un problema per la giustizia!!!! ma nemmeno lui è riuscito a togliere ai pm colombo e boccassini le inchieste del processo sme.... e dire che di provarci ci ha provato!! ma attila-mastella è volato su vette dove altri non osavano volare. ora speriamo che colui a chi verrà assegnata l'inchiesta non si faccia intimorire( io non ci credo!!)


Come diceva Giovanni Falcone, “chi tocca certi fili muore”, e dicendolo si riferiva a un grosso personaggio della massomafia siciliana, poi legato a Forza Italia. Adesso con De Magistris si ripete la stessa storia. Quella di Falcone, costretto ad andarsene e poi ammazzato, di Carlo Palermo, trasferito e poi oggetto di un attentato mortale, e di altri ancora. Cieco chi non lo vede. Mi ha molto amareggiato percio' leggere, persino sull’Unita', critiche a Marco Travaglio per aver “esagerato” sulla questione della P2 e delle sue filiazioni. Avranno cambiato nome, ma che le lobbies trasversali oggi spadroneggino a destra e sinistra, con infiltrazioni dirette o con il dossieraggio mirato, non c’è dubbio. Sono troppi i segnali. Il problema e' semmai capire quanto sia profonda questa presenza. Ma e' in atto anche un’opera di normalizzazione, minimizzazione e rimozione della memoria storica. Ricordo un solo episodio, per me scandaloso, passato quasi in silenzio. Poco piu' di un anno fa Licio Gelli donava le sue carte (ovviamente scremate) all’Archivio di Stato di Pistoia. Gesto dal chiaro valore simbolico, perche' rappresentava il ritorno trionfale del Venerabile nella sua citta' e la sua definitiva riabilitazione. Indovinate chi c’era a presentarlo nella cerimonia? La moglie di D’Alema, non obbligata da nessuno a farlo. Non vi dice niente tutto cio'?


Amici del blog vi lancio una proposta: copiate il testo che ho virgolettato,(o se non vi piace ne fate un altro voi) e mettetelo nei commenti del blog di Mastella. Facciamoci sentire porca put......!!!!!!!!!! "CENSURA QUANTO TI PARE. NON E' ELIMINANDO I COMMENTI SCOMODI E MAGISTRATI CHE OTTIENI CREDIBILITA'. SE VUOI USCIRTENE BENE DALLE PORCATE CHE HAI FATTO FAI UNA COSA SEMPLICE E VELOCE: DIMETTITI E FATTI PROCESSARE!!!!!!!!!!"


...e meno male che è un governo di sinistra.




Penso sia una delle pagine più tristi per la giustizia italiana e per l'Italia in generale. La cosa che mi spaventa di più e che nonostante se ne parli nei giornali,pochi gridano allo scandalo ,e nel giro di pochi giorni sembrerà che la cosa non sia mai avvenuta-


Siamo tutti giustamente indignati, ma è ora di affiancare alle parole una PARTECIPAZIONE ATTIVA che probabilmente non cambierà la situazione, ma di certo farà capire a chi ci governa (da destra a sinistra) che certe manovre non passano inosservate. Nella SOCIETA' CIVILE la rabbia sta crescendo e questa gente deve esserne consapevole! PERCIO' LEGGETE QUI: Per DOMANI 22 OTTOBRE alle ORE 16:00 i ragazzi di ADESSO AMMAZZATECI TUTTI hanno organizzato un SIT-IN davanti al TRIBUNALE DI CATANZARO. Per il 17 DICEMBRE A ROMA è già in programma un'iniziativa davanti al CSM, in occasione della SENTENZA SULLA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO di DE MAGISTRIS. Per domani è un pò difficile organizzarsi, ma per l'iniziativa di Dicembre abbiamo tempo..purtroppo il 17 è un lunedì, però facciamo girare la voce e cerchiamo di essere in tanti.


Se l'onorevole(?)Mastella vuole veramente rendere un immenso servigio alla nazione tutta,allora che chieda pubblicamente scusa,si faccia da parte e tolga il disturbo,possibilmente in tempi rapidi...




QUESTA NON LA SA MANCO MARCO TRAVAGLIO! MASTELLA è CORNUTO:PER NON FAR SAPERE DELLA cornificazione DEL FIGLIO Pellegrino,CHIUDE INTERNET! CEPPALONI,Settembre 2007:in paese corre voce che la nuora di Clemente,tale Alessia Camilleri ha tradito il figlio primogenito di Mastella-Pellegrino-allorchè la famigliola trascorse alcuni giorni di vacanza agostana sulla barchetta di DellaValle Renato,noto venditore di scarpe di pezza.Mentre il mastellino Pellegrino era ancora a Roma a lavorare presso il Min.Att.Prod.(dove paparino lo mise a fottersi uno stipendio ingiustificato),l'allegra brigata familiare ceppalonica formata dal ciccione Clemente,dalla sua signora Sandra Lonardo e dalla moglie del figlio-Alessia Camilleri[in mastella,per anni 1+mesi 2],raggiunse il compare DellaValle Diego su barcone ormeggiato a Capri per poi recarsi alle Eolie.Dopo alcuni giorni,il mastellino Pellegrino raggiunse anch'egli la truppa dei gitanti ma ebbe un'amara sorpresa:trovò sua moglie Camilleri Alessia che giaceva nuda in una cabina sottocoperta dove si era intrattenuta con il figlio di Della Valle.Sbigottito dalla sorpresa,il mastellino si congestionò tanto da non partecipare nemmeno al GrandPrix a Monza insieme al babbo Clemente(che doveva aggiustare la causa McLaren.vs.Ferrari presso la procura di Modena e che perciò andò ivi per accordarsi col cacaturo Briatore che fungeva da mediatore e rimediatore per conto McLaren).Il cornuto mastellino ha avviato le pratiche di divorzio da 2 mesi.Prima i 2 sposi Mastella Pellegrino e Camilleri Alessia vivevano in una delle tante case(a gratis)del ceppalonico a Roma:adesso Alessia se n'è andata via di casa e si è trasferita in una località del norditalia per vivere col figliolo dello scarparo DellaValle.Per evitare spargimenti di notizie,il grassone Clemente ricorse prima ad una legge bavaglio contro la stampa italiana tutta e poi decise di chiudere anche internet, complici mortadella-Prodi & paracu-Levi dell'Opus DEI.


1/2 AIUTIAMO DEMAGISTRIS 1-SEMPLICEMENTE S-C-O-N-C-E-R-T-A-N-T-E LEGGETE ESTRATTO DA: Atti Parlamentari — 25949 — Camera dei Deputati X LEGISLATURA - DISCUSSIONI - SEDUTA DEL 17 GENNAIO 1989 MELLINI, VESCE, RUTELLI E CALDERISI. — Al Ministro di grazia e giustizia. — Per sapere –premesso che: la prima commissione del Consiglio superiore della magistratura si è di recente occupata del caso del magistrato Dolcino Favi, sostituto procuratore dellaRepubblica di Siracusa; in particolare le accuse mosse alFavi sono di « essere dedito a sistematiche violazioni di norme, in particolare di quelle poste a presidio dei diritti fondamentali dell 'individuo » come sostenuto dal consigliere del CSM Renato Papa dinanzi al plenum del CSM durante la seduta di mercoledì scorso; gli addebiti mossi al dottor Favi riguardanO i seguenti episodi: 1) i rapporti con la suocera del pentito Pandolfo, di cui il dottor Favi si servì per far pervenire messaggi alla malavita; 2) Favi ha spiccato mandati di cattura nei confronti di alcuni magistrati catanesi sulla base di intercettazioni telefoniche irregolari, di cui sono state tenute in conto solo quelle con « esito positivo ». mentre quelle che potevano servire come prove a discarico non sono state annotate; 3) Favi ha falsificato una delega del procuratore della Repubblica di Messina per il compimento di un atto istruttorio, facendosi da sé un fonogramma (per questo episodio il consigliere Papa ritiene doverosa la trasmissione degli atti al magistrato penale); 4) il mandato di cattura nei con fronti di Abbu Abbash, inefficace e per cui il Favi era privo di competenza;


2/2 AIUTIAMO DEMAGISTRIS 1-SEMPLICEMENTE S-C-O-N-C-E-R-T-A-N-T-E LEGGETE ESTRATTO DA: Atti Parlamentari — 25949 — Camera dei Deputati X LEGISLATURA - DISCUSSIONI - SEDUTA DEL 17 GENNAIO 1989 MELLINI, VESCE, RUTELLI E CALDERISI. 5) il caso dell 'arresto del proprietario di un cavallo che, imbizzarritosi, aveva ferito alcune persone, fra cui un magistrato, il pretore di Lentini. In questo caso il Favi non solo si impossessò del caso levandolo al pretore competente,non solo arrestò il proprietario del cavallo, non solo inventò una serie di reati inesistenti a suo carico, ma chiamato a risponderne davanti al CSM, inventò giustificazioni inesistenti producendo alcuni documenti falsi; sembra che non sia stato ancora disposto il trasferimento d'ufficio del dottor Favi poiché su queste vicende non vi sarebbe stato clamore tale da giustificare il trasferimento; considerato che ad avviso degli interroganti la presentazione della presente interrogazione può integrare da sola quel clamore che è richiesto da alcuni consiglieri del CSM per promuovere quei provvedimenti disciplinari che appaiono indispensabili in un caso di questa gravità –: quali siano le azioni disciplinari attivate dal ministro nei confronti del suddetto magistrato; se sia informato circa l'inizio dell'azione penale per il reato di falso in atto giudiziario nei confronti del predetto dottor Favi e se non ritenga, in caso negativo, di provvedere direttamente ad interessare l'autorità giudiziaria su quanto emerso nel corso dei lavori del CSM ove questo non abbia provveduto al riguardo. (3-01410)


Cuffaro, il perseguitato. S.O.S. SICILIA. La procura di Palermo ha chiesto 8 anni di carcere per il governatore della Sicilia Toto´ Cuffaro durante la requisitoria del processo che lo vede accusato di favoreggiamento nei confronti di Cosa Nostra. I lavori del Parlamento siciliano sono bloccati da continui rinvii per la permanente assenza dei deputati regionali. La voragine della sanita isolana, che inghiotte i soldi del popolo siciliano restituendo servizi pessimi, non accenna a diminuire. In tutto questo il nostro bravo Presidente sta cercando di sfruttare ad arte una mera questione di dialettica interna alla procura chiedendo lo spostamento del processo in altra sede. Utilizzando la legge Cirami di Berlusconiana memoria, ovviamente. Un tentativo di spacciarsi come un perseguitato dalla giustizia per ottenere l´ azzeramento del processo. Le forze che sostengono questo governo regionale dovrebbero trarre le conseguenze politiche da quanto accade. Bisogna mettere fine a questa farsa. Il risultato di questo gioco e´molto pesante e porta ad un aumento delle sofferenze del popolo siciliano. Costretto a subire l´avanzare della poverta´, a vedere sempre piu´ giovani lontani dalla propria terra in cerca di un lavoro dignitoso, ad avere servizi indecenti ed a vivere l´umiliazione della mafia. "Parlate della mafia. Parlatene alla radio, in televisione, sui giornali. Però parlatene" (Paolo Borsellino)


L'Italia è una repubblica antidemocratica fondata sul ricatto. La gente perbene non nè può più di queste cose il problema è che non si vedono spiragli...CHE SCHIFO!!!


Caro Marco e cari bloggers, vorrei proporre una considerazione politica sulla vicenda, partendo da alcuni interrogativi. Chi fa più male alla giustizia? Chi mina in maniera più devastante il rapporto tra cittadini e Istituzioni? In particolare, non sono più sicuro che il combinato disposto Berlusconi-Castelli - con le piazze piene di cittadini capaci di indignarsi e di mobilitarsi - fosse peggiore dell'accoppiata Prodi-Mastella, accompagnati da tanti, troppi cittadini assopiti dal teporino del "vabbè, ma sono i nostri", o ammansiti dalla minaccia che "sennò torna Berlusconi". Piazze vuote, e golpe in porto. E' chiaro ormai che non ha senso scegliere il meno peggio, non foss'altro perché il meno peggio non esiste. Lo stesso Di Pietro, che ho votato alle elezioni, allo stato rimane lì, protesta, bofonchia, ma ogni minuto che resta in questo governo è un minuto in più di Berluschella Ministro di Giustizia. Sarà il caso di applicare anche a MAstella e Di Pietro la frase celebre rivolta da Petrolini a uno spettatore di teatro che disturbava: "Io nun ce l'ho con te. Ce l'ho con quello che ti siede accanto e non te butta giù!". Il destino di Mastella è (anche) nelle mani di Di Pietro. Basta lamenti: agisca.


(continua) Per il resto, l'unica soluzione possibile per impedire che questo golpe sia stato veramente la "soluzione finale" rimane la nostra capacità di mobilitarci e di partecipare. E' evidente che non possiamo rimanere a bagnomaria fino al 17 dicembre. L'indignazioen degli italiani difficilmente supera le 24 ore, figuriamoci. Sarà necessario che chi ha la capacità di organizzare e mobilitare una considerevole quantità di cittadini (penso a Beppe Grillo e allo stesso Travaglio) stimolino in tempi brevi una forte e significativa protesta pubblica. Napolitano, il CSM, Palazzo Chigi e Montecitorio non possono rimanere con la testa conficcata dentro la sabbia. L'esperienza dei girotondi almeno questo dovrebbe avercelo insegnato: più che la quantità di partecipanti, conta la capacità di mobilitarsi in modo tempestivo e mirato. Facciamolo! PS Oggi su l'Unità esce un articolo di Marco Travaglio (Avocazione e Costituzione) in cui ricostruisce la vicenda in modo chiarissimo. Speriamo che a qualche lettore diessino sia rimasta almeno la forza e la voglia di capire.


Credo che questa mazzata alla democrazia DEVE essere la goccia che DEVE FAR TRABOCCARE IL VASO. Non basta piú scrivere nei blog, portare gente in piazza, ecc. Bisogna agire e estirpare questo cancro politico. C´é un solo modo per farlo a mio parere, a parte una rivoluzione. Ma dal momento che bisogna sempre evitare qualsiasi rigurgito di terrorismo, bisogna ENTRARE NELLE SALE DEI BOTTONI. Solo da lí si puó innescare un effetto domino che riporti la luce nelle tenebre del PALAZZO. Travaglio, Grillo, e perché no anche lo stesso De Magistris, DEVONO CANDIDARSI alle prossime elezioni e raggruppare il consenso di chi vuole una nuova politica a livello NAZIONALE, LE LISTE CIVICHE NON BASTANO. Manca un nome? Eccolo: "Politica 2.0". Marco hai sempre dichiarato di voler restare un giornalista: io ti chiedo di rivedere la tua posizione. L´Italia ha bisogno di essere guidata da Uomini che facciano davvero il bene del paese.


Basta!!! sono stanca e a quanto leggo da questo blog lo siamo tutti... sono stanca di leggere i giornali.... sono stanca di difendere il centro-sinistra e dirmi che prima o poi qulacosa cambierà e poi accorgermi che non cambia mai niente che le cose peggiorano e che il governo diventa sempre più indifendibile!!!Sono stanca di sperare in questo cambiamento, di entusiasmarmi per un partito democratico e di fare la coda per dimostrare che ci sono... Come fare a cambiare qualcosa???


Caro Marco, la democrazia in Italia è defunta. Oramai accettiamo di tutto. Questo centro sinistra è riuscito a far più danni perfino di Berlusconi! Questo governo riesce a farci prendere la medicina senza nememno lo zucchero, insomma è meglio della Fata Turchina! Non c'è più niente, nemmeno la vergogna! Non hanno più nemmeno interesse a uccidere giudici e giornalisti scomodi, sono andati perfino oltre la mafia, non temono più niente, non temono più nessuno! Siamo cacca da macello!


Inserisco le considerazioni di Salvatore Borsellino sulla vicenda. La notizia dell'avocazione da parte della Procura Generale dell'inchiesta Why Not al Procuratore De Magistris è di quelle che lascia senza fiato. Solo un'altra volta nella mia vita mi ero trovato in questo stato d'animo. Era il 19 Luglio del 1992 e avevo appena sentito al telegiornale la notizia dell'attentato il cui scopo non era altri che quello di impedire ad un Giudice che, nelle sue indagini, era arrivato troppo vicino all'origine del cancro che corrode la vita dello Stato Italiano, di procedere sulla sua strrada. Morto Paolo Borsellino l'ignobile patto avviato tra lo Stato Italiano e la criminalità mafiosa aveva potuto seguire il suo corso ed oggi vediamo le conseguenze del degrado morale a cui questo scellerato patto ha portato. Ieri era stato necessario uccidere uno dopo l'altro due giudici che, da soli, combattevano una lotta che lo Stato Italiano non solo si è sempre rifiutato di combattere ma che ha spesso combattuto dalla parte di quello che avrebbe dovuto essere il nemico da estirpare e spesso ne ha armato direttamente la mano. Oggi non serve più neanche il tritolo, oggi basta, alla luce del sole, avocare un'indagine nella quale uno dei pochi giudici coraggiosi rimasti stava per arrivare al livello degli "intoccabili", perchè tutto continui a procedere come stabilito. continua


Perchè questa casta ormai completamente avulsa dal paese reale e dalla gente onesta che ancora esiste, anche se purtroppo colpevole di un silenzio che ormai si confonde con l'indifferenza se non con la connivenza, possa continuare a governare indegnamente il nostro paese e a coltivare i propri esclusivi interessi in uno Stato che considera ormai di propria esclusiva proprietà. Oggi basta che un ministro indegno come il signor Mastella ricatti un imbelle capo del governo, forse coinvolto negli stessi suoi luridi traffici, minacciando una crisi di governo, perchè tutta una classe politica faccia quadrato intono al suo degno rappresentante e si esercitino in conseguenza chissà quale tipo di pressioni sui vertici molli della magistratura per ottenere l'avocazione di un'indagine e quindi l'inoffensività di un giudice senza neanche bisogno del tritolo come era stato necessario per Paolo Borsellino. Siamo giunti alla fine della Repubblica Italiana e dello Stato di Diritto. In un paese civile il ministro Mastella non avrebbe potuto chiedere il trasferimento del Dr. De Magistris titolare dell'inchiesta in cui à indagato il suo stesso capo di governo e lo stesso ministro. Se la decisione del Procuratore Generale non verrà immediatamente annullata dal CSM, saremo di fronte alla fine dell'indipendenza della magistratura e in conseguenza dello stesso Stato di Diritto.


Il Presidente Giorgio Napolitano, nonostante sia stato più volte sollecitato, continua a tacere su queste nefandezze dimostrando che la retorica dello Stato e della figura istituzionale di garante della Costituzione Repubblicana non sono diventate, in questa disgraziata Italia, altro che vuote parole. Quaranta anni fa sono andato via dalla Sicilia perchè ritenevo impossibile di vivere la mia vita in un paese in cui la legalità era solo una parola del vocabolario, ora non ritengo più che sia una vita degna di chiamarsi con questo nome e quindi una vita degna di essere vissuta quella di vivere in un paese dove l'illegalità è diventata la legge dello Stato Salvatore Borsellino 21 ottobre 2007 4.48


Spero che ciò che sta accadendo sia solo un brutto sogno...siamo difronte ad una oligarchia bella e buona..alcune volte penso che tornare alla dittatura può fare solo bene per capire come la democrazia, la vera democrazia sia il solo modo di vivere.. a chi dobbiamo rivolgerci? Gente come Marco, Peter, Pino, Beppe possono solo indicarci la strada, ma siamo noi a doverla percorrere..prendiamo in mano questo schifoso paese e mandiamoli a calci a casa!!!! Siamo un popolo o un branco di pecore?


Corriere.it. La Procura generale di Catanzaro ha avocato l'inchiesta "Why Not" sul presunto uso illecito di finanziamenti pubblici di cui era titolare il pm Luigi De Magistris. Lo si è appreso in ambienti giudiziari. L'avocazione è stata disposta dal procuratore generale facente funzioni, Dolcino Favi, e sarebbe stata motivata da una presunta incompatibilità di De Magistris nel procedimento legata alla richiesta di trasferimento cautelare d'ufficio che è stata fatta nei suoi confronti dal ministro Mastella. Nel caso specifico sarebbe stata ravvisata una incompatibilità nel procedimento da parte di De Magistris proprio per il coinvolgimento del ministro. La situazione determinatasi dopo la richiesta di trasferimento, secondo quanto si è appreso, avrebbe dovuto imporre l'astensione da parte del pm. [...] Il procuratore generale ha deciso di valutare la situazione dopo che si è appreso che il ministro della Giustizia è stato iscritto nel registro degli indagati. [...] Nel frattempo si è appreso che tra i reati ipotizzati nei confronti del ministro della Giustizia non figura la violazione della legge Anselmi sulle associazioni segrete. I reati ipotizzati nei confronti di Mastella, invece, sarebbero finanziamento illecito al partito, truffa e abuso d'ufficio.


Ma chi è Dolcino Favi? Ecco qui: Atti Parlamentari - 26075 - Camera dei Deputati X LEGISLATURA - DISCUSSIONI - SEDUTA DEL 17 GENNAIO 1989 MELLINI, VESCE, RUTELLI E CALDERISI. — Al Ministro di grazia e giustizia. — Per sapere – premesso che: la prima commissione del Consigli o superiore della magistratura si è di recente occupata del caso del magistrato Dolcino Favi, sostituto procuratore della Repubblica di Siracusa; in particolare le accuse mosse al Favi sono di « essere dedito a sistematiche violazioni di norme, in particolare di quelle poste a presidio dei diritti fondamentali dell'individuo » come sostenuto dal consigliere del CSM Renato Papa dinanzi al plenum del CSM durante la seduta di mercoledì scorso; gli addebiti mossi al dottor Favi riguardano i seguenti episodi :


1) i rapporti con la suocera del pentito Pandolfo, di cui il dottor Favi si servì per far pervenire messaggi alla malavita; 2) Favi ha spiccato mandati di cattura nei confronti di alcuni magistrati catanesi sulla base di intercettazioni telefoniche irregolari, di cui sono state tenute in conto solo quelle con « esito positivo » mentre quelle che potevano servire come prove a discarico non sono state annotate; 3) Favi ha falsificato una delega del procuratore della Repubblica di Messina per il compimento di un atto istruttorio, facendosi da sé un fonogramma;. 4) il mandato di cattura nei confronti di Abbu Abbash, inefficace e per cui il Favi era privo di competenza; 5) il caso dell'arresto del proprietario di un cavallo che, imbizzarritosi, aveva ferito alcune persone, fra cui un magistrato, il pretore di Lentini. In questo caso il Favi non solo si impossessò del caso levandolo al pretore competente, non solo arrestò il proprietario del cavallo, non solo inventò una serie di reati inesistenti a suo carico, ma chiamato a risponderne davanti al CSM, inventò giustificazioni inesistenti producendo alcuni documenti falsi. Sto sentendo l'agenzia di pompe funebri per organizzare IL FUNERALE ALLA GIUSTIZIA ITALIANA!!!!!!!


finche' c'e' ancora la capacita' di INDIGNARSI, c'e' speranza a questo servono (anche) i blog grazie per aver aperto questo, di blog, ormai seguo quello che accade in Italia attraverso le vostre 3 voci, quella di Grillo, e poche altre leggo la prima pagina dei vari giornali online, poi vengo qua, e mi incazzo ne parlo con i miei figli, mi indigno, e ne parlo, mi informo, e ne parlo, ne parlo... questo mi pare gia' meglio del coma vegetale che ci hanno regalato gli ultimi 20 anni di Mediaset parliamone saluti dall'oriente




come ci organizziamo contro questo schifo?!


Davanti a tutto questo c'è solo da sperare che tutte le persone oneste abbiano un sussulto di dignità e si organizzino, per dare sostegno ai Magistrati che non si lasciano intimidire. E' necessario un impegno di tutti, in prima persona, di tutti coloro che credono nello stato di diritto, nella Costituzione Repubblicana e nel dettato dell'art. 3 ! Oggi è in gioco molto di più di quello che appare, basta pensare ai riflessi che tali azioni avranno sul sistema giustizia del prossimo futuro. E' in gioco la DEMOCRAZIA reale del Paese, rispetto a quella che ci viene fatta apparire. Ricordo le parole di Rita Borsellino: Paolo è morto per difendere la Democrazia ! Lo trovo profondamente vero ed attuale. E' necessario seguire l'esempio dei ragazzi di Locri, farsi sentire nele piazze, nelle associazioni, nei luoghi di lavoro, in modo tale che il "palazzo" senta di non rappresentare nessuno. Lo dobbiamo anche a tutti quelli che hanno perso la vita per difendere legalità e democrazia, oltre che ai nostri giovani ! Stefano Del Lungo - Monte Argentario.


ANSA.it Prime indiscreezioni sul nuovo PROGRAMMA del governo di CENTODESTRA: Il ministero di Grazie e Giustizia sara' sostituito con il Ministero dello Spettacolo e della Giustizia, Tutti i processi si svolgeranno in televisione. Circolano gia' i nomi dei probabili ministri: Bruno Vespa o Enrico Mentana.




Caro Marco, anch'io temo che non c'è più niente che possa ancora farci sperare che è solo una questione di scelta.La realtà va ben oltre l'immaginazione,non sono per niente orgoglioso di far perte di questo paese diviso su tutto: nord-sud,destra-sinistra,laici-cattolici,gay-etero,corporazioni-centri sociali,sindacati-confindustria,politici-magistrati,precari-regolari,Santoro-vespa,pupari-burattini,ecc.ecc..Ecco in questa situazione, io appartengo ai burattini;faccio il tifoso di una squadra, ce ne sono tante,vado a votare per il pd dando anche un piccolo contributo(1 euro),partecipo alle manifestazioni di piazza(basta fare numero),costretto a scegliere il meno peggio(devi essere veramente bravo nell'individuare le differenze),importante per chi si alterna nei salotti di bruno vespa,per risultare il piu credibile sulle tante questioni che riguardano la mia vita affinchè io possa dire che è giusto quello che sostiene tizio anzichè quello che dice caio, insomma il solito tram-tram. Purtroppo ho l'età che non mi fa sentire immune da responsabilità per questa situazione, la mia generazione è l'attuale classe dirigente e se questi sono i risultati, credo che abbiamo fallito nel credere che i movimenti del sessantotto potessero consegnarci una società migliore.Concludo quest0 mio sfogo(posso fare solo questo grazie a Te)auspicando ai tanti giovani che qui leggo con tanto interesse, di trovare il modo e la soluzione per liberarci di cotanta schifezza.
uomo triste e deluso


Si doverbbe riscrivere il primo articolo della costituzione italiana: L'italia è una repubblica fondata sulla mafia e sull'ignoranza della genta.....almeno questo è quello che oensano loro...ma noi siamo davvero stanchi di tutto questo!!!E' ora di farglielo capire!!!


Che delusione, speravo che almeno questa volta il centro sin. di differenziasse dal precedente governo ma incredibile ma vero riesce a fare quasi peggio !!! Ma perchè tradire la fiducia di tante persone? Hanno demonizzato per anni Berlusconi e adesso fanno di tutto per riconsegnare il paese di nuovo nelle sue mani...vorrei proprio vedere con quali motivazioni proveranno a contrastarlo... A questo punto noi cittadini dobbiamo farci sentire e vedere, non basta più esprimerci con un commento su internet....forse hanno bisogno di vedere le nostre facce. Cosa possiamo fare di immediatamente tangibile? Qualcuno sul sito di Grillo propone di esporre uno striscione con la scritta "io sto con De Magistris" o la bandiera italiana nelle nostre abitazioni....se lo facciamo in tanti può essere un segnale.


AIUTO!


Io sono un cittadino del Sannio e so bene come agisce il caro Mastella, da noi lo fa da anni il DITTATORE. Usa tutto il suo potere per letteralmente annientare chi gli si oppone, intendo in battaglie politiche o di civiltà, non accetta voci fuori dal coro della schiera dei suoi sudditi, perchè qui nel Sannio ci sono i sudditi della politica non gli elettori o i cittadini che scelgono ed in qualche modo il caro Mastella usando tutti i mezzi nessuno escluso, usa le forze dell'ordine succube, i magistrati tutti servi di Mastella, il Prefetto anchesso subalterno ed alla fine anche le organizzazioni malavitose che tanto gli sono riconoscenti dopo l'indulto. Quindi non ci meravigliamo dei suoi comportamenti e di quelli che lo tengono a farsi ricattare al governo, tanto sono peggio di lui ma, al contrario ci meravigliamo della gente come Marco Travaglio o Beppe Grillo o Santoro che non chiamano il Popolo Italiano che ne ha le palle piene di questi delinquenti a dimostrare in piazza tutta la solidarietà al magistrato in questione, prima che lo fanno fuori e non possiamo più aiutarlo. Come siamo venuti o abbiamo partecipato attraverso la rete al V-Day, così siamo pronti a manifestare davanti al parlamento per far vedere a questi nostri dipendenti ladri e corrotti che se ne devono andere loro a casa e non i magistrati che ci danno dignità e ci fanno ancora sperare in una giustizia giusta ed in una nazione che voglia sentirsi ancora tale. Pensateci e non abbiate timore che sono milioni gli italiani stufi della casta e dei privilegi ed abusi della casta, è ora di dimostrarlo altrimenti sarà troppo tardi credetemi faremo la fine del mio povero Sannio, un feudo dei vari Mastella di turno e dei suoi compari che sono in tutti i partiti da destra a sinistra. Auguri a De Magistris ed auguri soprattutto alla democrazie in Italia. Michele


Un’idea per far sentire la propria voce al di fuori del blog. Prepariamo tanti bei “mortori”, come si dice dialettalmente. Tanti cartelloni con su scritto “In data 19 ottobre 2007 è venuto a mancare all’affetto dei suoi cari LA GIUSTIZIA ITALIANA. Addolorati ne danno il triste annuncio De Magistris, Forleo unitamente agli italiani tutti (o quasi). Non fiori ma opere di bene” e li appendiamo nelle nostre piazze, nelle nostre strade ecc ecc. Che ne dite? Lo so, non è una cosa che possa cambiare le sorti del mondo, ma è un mondo per portare la discussione fuori dalla rete, no?!?!? Insomma, è stato fatto quando la nazionale ha battuto la francia, non possiamo farlo ora? C’è qualcuno esperto in grafica che possa presentare qualche idea???


Parliamo di BERTINOTTI Spero che tutti voi abbiate visto la puntata di Report ieri sera. Sulla questione dei condannati in parlamento, Bertinotti ha preso una posizione davvero incredibile: in sostanza ha detto che sì, sarebbe meglio non ci fossero, ma l'autonomia del parlamento è sovrana, dunque è giusto, anzi giustissimo, che sia il parlamento a decidere se lecite o meno le indagini dei pm nei confronti di parlamentari..quindi anche per i comunisti siamo tutti uguali, ma qualcuno è più uguale degli altri. oggi, a proposito dell'avocazione dell'inchiesta "why not" sostiene sia doveroso TACERE in attesa delle decisioni del CSM. Mastella è un farabutto, ma chi tace acconsente e in una situazione come questa è davvero gravissimo. Solo Di Pietro ha avuto il buon senso di dissociarsi e porre il problema. I "compagni" che tanto parlano di legalità dove sono? E ancora mi chiedo: il "nuovo" PD che sta facendo? Veltroni non li legge i giornali? E la Finocchiaro,ex-magistrato, a cui piace tanto la parte della donna senza peli sulla lingua, perchè non dice niente?


Vorrei conoscere l'indirizzo esatto dell'ufficio del PM De Magistris per potergli inviare una lettera di solidarietà. Ho fatto una ricerca mappa con Google ed ho ricevuto diversi indirizzi sotto la voce: procura della repubblica-Catanzaro. Grazie a chi mi aiuterà. walchychiocciolinaalice.it. Scrivo chiocciolina per evitare che gli snuffer mi inondino di spam


la magistratura è una casta che deve ancora essere illuminata.Mai toccata. Nel suo complesso fa schifo perchè pur avendo l'indipendenza è marcia di partitica e lobby. Questo non lo dice nessuno, e meno che mai i giornalisti, i quali o la infangano per colpire solo "qualcuno" o la venerano sbagliando perchè se essa fosse meritevole non staremmo in queste condizioni. L'ho ha chiarito bene de magistris. tempo fa leggevo le vicissitudini di falcone col csm e mi ha sorpreso nei nomi dei componenti del csm che scipparono il posto di procuratore a falcone quello di "elena paciotti" beh!! io me la ricordo quando michele santoro (e non solo perchè allora era sempre in tv) la chiamava in trasmissione a difendere lo stato di diritto contro questo c..o di berlusconi. capito? la paciotti doveva difendere lo stato di diritto e l'indipendenza della magistratura. la sua di indipendenza quando l'avrebbe dimostrata??? questo è un paese di merda dalla memoria troppo corta. Per cui marco travaglio su questo punto sbagli. I giudici non perdono l'indipendenza per la riforma della giustizia palese o surrettizia che sia. I GIUDICI NON SONO INDIPENDENTI IN PRIMO LUOGO PER LORO RESPONSABILITA'




Agnese ha colto nel centro. Alcuni fa seguivo con molto interesse gli interventi dei vari Violante, Finocchiaro, Castelli (ovviamente non quello della Lega Nord...), Nando DallaChiesa, tutta gente perbenissima per carità. Venivano giù parlavano della lotta alla corruzione, all'omertà della gente...bravi molto bravi per carità loro che si muovevano con la scorta, adesso dove sono? la loro omertà di fronte a quello che sta accadendo a DeMagistris ed alla Forleo e molto più grave...vale un governo Prodi appena vivo contro un Mastella messo addirittura al ministero della giustizia? perchè non parlano? mi rendo conto che è l'unico governo che ci può essere...ma è tutto tremendamente triste.


Perchè Marco non sei obiettivo? i nomi sono di tutte le parti politiche, non c'è solo il male che sta a destra e il bene che sta a sinistra. Finchè non sarete obiettivi voi giornalisti non si andrà da nessuna parte!! Cominciamo però a fare i nomi e cognomi delle persone coinvolte, ce n'è per tutti i gusti Nicola Adamo (vicepresidente della giunta calabrese) Antonio Acri, l’assessore regionale Mario Pirillo (transitato dalla Margherita al Pdm il partito del governatore Agazio Loiero l’ex assessore regionale alla sanità Gianfranco Luzzo. E ancora il capo di stato maggiore delle fiamme gialle Gianfranco Poletti, il dirigente di Finmeccanica Franco Bonferroni, il consulente del presidente del consiglio in carica Piero Scarpellini, gli 007 Massimo Stellato (Sismi) e Brunella Bruno (Cesis). Figura cardine quella di Antonino Saladino, ex veterinario, imprenditore rampante e bipartisan, referente per il Sud della Compagnia delle opere, associazione molto vicina all’Opus dei. Saladino avrebbe imposto due nomi all’esecutivo Loiero De Grano e Nola, concordando il tutto con il parlamentare Sandro Gozi, ex membro dello staff di Prodi al tempo della commissione Ue, ritenuto appartenente alla loggia di San Marino Giuseppe Chiaravalloti (Cdl) continua...


Continua… Enza Bruno Bossio, moglie di Nicola Adamo l’imprenditore Pietro Macrì, legato a Prodi e presunto membro della loggia di San Marino, Antonio Gargano, presidente di Fincalabra Saladino avrebbe fatto assumere la moglie di Luigi Sbarra, segretario regionale della Cisl, ma anche il figlio di Gigi Meduri, sottosegretario dl, e addirittura il figlio dell’ex ministro dell’Interno Giuseppe Pisanu. Ci sono poi uomini di chiesa, vescovi, amministratori come Antonio Bassolino, carabinieri e magistrati con i quali Saladino sostiene di essere in ottimi rapporti Vincenzo Bifano (ex responsabile regionale della Cdo). Ma anche Fabio Schettini (found riser di Forza Italia) e l’ex ministro Franco Frattini, entrambi vicini all’Osservatorio per il Mediterraneo. E ancora Mario Brunetta, vicino a Berlusconi, legato alla Free foundation for research. continua.......


La lista dei politici poi è chilometrica. In testa c’è Giancarlo Pitelli Giovanbattista Papello (indagato nel procedimento Poseidone, ritenuto collettore di denaro illecito per An) Domenico Liso, ingegnere accusato in altra inchiesta di finanziamento illecito all’Udc. Sono coinvolti nella vicenda l’ex assessore regionale Gianfranco Luzzo, l’onorevole Mario Tassone, l’ex deputato Michele Ranieri e poi faccendieri vicini all’Udc, militari e uomini dell’Opus dei. Ruolo non secondario è assegnato al segretario nazionale dell’Udc, Lorenzo Cesa, e all’ex sottosegretario dello scudo crociato Pino Galati: avrebbero gestito i fondi neri grazie alla società Global Nella truffa Digitaleco Optical Disk un altro caso di trasversalità: tra i vertici societari ci sono Schettini (in quota Udc), Papello (in quota An) e Giulio Grandinetti (in quota Ds) attraverso utenze straniere, tra uomini come il generale delle fiamme gialle Walter Cretella Lombardo, l’ex consulente di Prodi e parlamentare Sandro Gozi, uomini riconducibili a Udc e Margherita, Papello, la 007 Brunella Bruno, il piduista Luigi Bisignani, il generale Poletti, Scarpellini, Bonferroni, la Global media e addirittura un magistrato della Dna.


Sono nauseanta, spaventata e inferocita...appena traspare qualche filo di onestà o giustizia o speranza, tutti si precipitano a chiudere le tende e a bloccare le vie d'uscita, d'accordo a destra e a sinistra!a volte perdo anche la speranza che qualcosa possa cambiare..ma continuerò a darmi da fare, se non altro per prendermi la soddisfazione di rompere le scatole a qualcuno.. Un abbraccio


Caro Marco, adesso davvero si sta esagerando. Io credo che le persone non accettaranno più queste prese in giro da parte dei nostri politici. Ieri ho dovuto sentire Mastella su La7 che faceva la morale a De Magistris e a Di Pietro. Siamo davvero alla frutta. Con quelle dichiarazioni ci prende per i fondelli tutti quanti. Mastella non deve più entrarte in un Parlamento, assieme a Berlusconi. Vogliamo la gente onesta. Mi sono rotto di tutti questi furbetti.


il problema ragazzi è uno solo : la mancanza di alternative. Da anni, A-N-N-I, la casta dei politicanti fa il bello e il cattivo tempo, arricchendo e proteggendo se stessi ai danni del popolo italiano. E sono sempre anni, A-N-N-I, che noi ne discutiamo, ci scandalizziamo, ci rodiamo il fegato e compagnia bella, scendiamo in piazza e facciamo casino. Risultati : ZERO. Fra poco saremo di nuovo alle elezioni e in quella cabina chi eleggeremo?Lo psiconano?Nooooooooooooo.La sinistra?Dopo l'ultima meravigliosa perfomance?Nooooooooooooo...e allora chi???Che alternative abbiamo?Che futuro abbiamo senza le alternative? PS:Vedo che nel forum c'è un'altra Emanuela. Ciao omonima!Che ne dici se, per distinguerci, aggiungiamo al nome l'iniziale del cognome? Io da ora in avanti sarò Emanuela C. Ciao!!!


io sto inondando di mail onorevoli e senatori. Servirà a niente? pazienza, almeno mi sfogo perchè tanto inc....ta non ero mai stata. se qualcuno avesse voglia di fare altrettanto, basta andare sui siti della Camera e del Senato, entrare nelle pagine personali dei parlamentari e cliccare sull'indirizzo mail. Se il governo cade perchè la maggioranza decide di dissociarsi da Mastella, allora FORSE prenderò in considerazione la possibilità di rivotarli. Ma se continuerà a subire le minacce di un lestofante come lui (vd. dichiarazioni riportate sui giornali poche ore fa) pur di sopravvivere ancora qualche settimana, allora tanto vale bruciare la tessera elettorale.


Ciao Emanuela C, accolgo il suggerimento. Spero solo che la somiglianza tra C e G non crei problemi.. eheheh... Sarà meglio usare il mio fantasioso soprannome: Ema. Ciao PS: purtroppo hai ragionissimo!!!!! Per questo pensavo, alle prossime elezioni (soprattutto se nel frattempo non sistemano la legge elettorale) di annullare la scheda disegnando un bel V cerchiato o ancora meglio un ditone medio!!!!! Avevo anche pensato al business: tanti timbrini da un euro l'uno (tipo Winni da attaccare al cellulare) con questi due simboli da usare al posto delle matite in cabina elettorale eheheheh ;-P




Penso che diventerò secessionista, fondo un feudo attorno alla mia casa.. Giustizia in Italia, un ricordo?




E se dovessimo andare a votare prossimamente? Per la prima volta in vita mia starò a casina!!!!


Una domanda per tutti. Quando Prodi presentò la squadra di governo, non poche furono le "reazioni" alla nomina di Mastella come Ministro di Grazia e Giustizia. Ora mi/vi chiedo: non è che Prodi, sapendo cosa sarebbe successo da li a qualche mese, ha voluto "preparare" il contrattacco in anticipo facendo Ministro il nostro ceppalonico, sapendo che lui non avrebbe provato alcuna vergogna ad agire come sta facendo, nessun problema a mentire e sbugiardare il programma dell'Unione? Insomma era la persona giusta al posto giusto al momento giusto. Non c'è Prodi dietro? Riflettete.


Ma io mi chiedo perchè non scendiamo in piazza e andiamo a Montecitorio a chiedere la testa di Mastella. Cioè dopo 13 anni di berlusconate arriva questo e fa le stesse cose e noi stiamo su internete a fare commenti? Ma che si indìca una manifestazione al più presto. Comincio a credere che le cose non cambieranno mai...


vedete il video di Di Pietro su "Mastella-De Magistris". http://it.youtube.com/watch?v=NlEia1LpAOI


Cito:Quando Prodi presentò la squadra di governo, non poche furono le "reazioni" alla nomina di Mastella come Ministro di Grazia e Giustizia. Ora mi/vi chiedo: non è che Prodi, sapendo cosa sarebbe successo da li a qualche mese, ha voluto "preparare" il contrattacco in anticipo facendo Ministro il nostro ceppalonico, sapendo che lui non avrebbe provato alcuna vergogna ad agire come sta facendo, nessun problema a mentire e sbugiardare il programma dell'Unione? Insomma era la persona giusta al posto giusto al momento giusto. Non proprio...... Quando si arrivò al momemento in cui Prodi doveva formare il governo, Mastella disse (ricordate?): o mi date qualcosa o vado all'opposizione. E siccome Prodi ha una maggioranza si, ma risicata, e siccome lui e colleghi ci tengono a scaldare l'onorevole poltrona per tutti e 5 gli anni (senza dimenticare il fatto che un onorevole che da un ultimatum da asilo nido del genere, cavoli, dev'essere un asso politico), gli han dato un ministero. Che poi quello della giustizia fosse l'unico avanzato, non so e non credo, ma è un passaggio avvenuto dopo.....


# 91    commento di   Aurora86 - utente certificato  lasciato il 22/10/2007 alle 17:12

Ma perchè vuole essere De Magistris il titolare di questa inchiesta a tutti i costi? Come può avere la necessaria serenità di giudizio nei confronti di Mastella? Basta con questi magistrati che si "autoeleggono rappresentanti della società civile". Basta con magistrati che sono in "crisi di autostima" perchè non sono sulle prime pagine dei media,e che si sentono in colpa perchè non hanno fatto nulla per "meritarsi le ispezioni ministeriali". TRASFERITELI TUTTI !!!




ECCO UN'ALTRA BELLA NOTIZIA: "MAFIA: 'TALPE' PALERMO, CASSAZIONE AMMETTE ISTANZA RIMESSIONE DIFESA CUFFARO Palermo, 22 ott. - (Adnkronos) - I giudici della settima sezione della Corte di Cassazione hanno dichiarato "non inammissibile" l'istanza di 'rimessione' presentata una settimana fa dai difensori del Presidente della Regione, Salvatore Cuffaro, imputato per favoreggiamento alla mafia e violazione del segreto d'ufficio nell'ambito del processo per le 'talpe' della Dda di Palermo, che si sta celebrando davanti alla terza sezione penale del Tribunale. Saranno i giudici della seconda sezione della Corte di Cassazione ad occuparsi dell'istanza di trasferimento in altra sede presentata dai legali del Governatore. Nell'attesa della decisione i giudici del collegio del tribunale potrebbero sospendere l'udienza, gia' fissata per domani, solo dopo aver ricevuto una comunicazione dalla Cassazione relativa alla fissazione dell'udienza della Suprema Corte."




per JOSE e GLORIA D'accordissimo con voi. in questo senso spero abbiate letto il post che ho scritto un pò più su..intanto c'è questa iniziativa per il 17 dicembre, che è sempre meglio di niente. Spero di vedervi fra i partecipanti!


Per EMA Hai ragione sulle tempistiche, ma la mia domanda resta valida: perchè Mastella proprio al Ministero della Giustizia??? L'inopportunità di tale scelta fu palese, e con tutti i Ministeri che hanno messo in piedi, un altro posto avrebbe potuto trovarglielo. Invece no, l'ha proprio piazzato alla Giustizia, che tempismo...


ciao ragazzi,la cosa che mi fa più paura è questo silenzio da parte di tutti i partiti.Mi sembra di vederli tutti seduti sulle sponde del fiume ad aspettare che passi il cadavere del nemico,mi chiedo poi chi è il nemico?Chi fa il proprio dovere per il bene dell'Italia?Poveri noi,in quali mani siamo finiti!!!Noi adesso qualcosa la sappiamo grazie ad internet,ma quanta brava gente crede ancora alle favole perchè è sprovvista di un pc?E ce ne sono tante di persone ,credetemi. Ciao


Purtroppo niente di nuovo mi pare:il sistema,attaccato,si difende non è sempre stato così? La stampa mi sembra abbastanza asservita al potere e d'altra parte quasi tutti ricevono finanziamenti statali quindi.... emilia


completo:quasi tutti i giornali emilia


Marco guarda chi e' Dolcino Favi il procuratore che ha evocato a se le indagini di De Magistris http://legislature.camera.it/_dati/leg10/lavori/stenografici/sed0234/sed0234.pdf (pag 127 di 130) ESTRATTO DA: Atti Parlamentari — 25949 — Camera dei Deputati X LEGISLATURA - DISCUSSIONI - SEDUTA DEL 17 GENNAIO 1989 MELLINI, VESCE, RUTELLI E CALDERISI. — Al Ministro di grazia e giustizia. — Per sapere –premesso che: la prima commissione del Consiglio superiore della magistratura si è di recente occupata del caso del magistrato Dolcino Favi, sostituto procuratore della Repubblica di Siracusa; in particolare le accuse mosse al Favi sono di « essere dedito a sistematiche violazioni di norme, in particolare di quelle poste a presidio dei diritti fonda - mentali dell 'individuo » come sostenuto dal consigliere del CSM Renato Papa dinanzi al plenum del CSM durante la seduta di mercoledì scorso; gli addebiti mossi al dottor Favi riguardano i seguenti episodi: 1) i rapporti con la suocera del pentito Pandolfo, di cui il dottor Favi si servì per far pervenire messaggi alla malavita; 2) Favi ha spiccato mandati di cattura nei confronti di alcuni magistrati catanesi sulla base di intercettazioni telefoniche irregolari, di cui sono state tenute in conto solo quelle con « esito positivo ». mentre quelle che potevano servire come prove a discarico non sono state annotate; 3) Favi ha falsificato una delega del procuratore della Repubblica di Messina per il compimento di un atto istruttorio, facendosi da sé un fonogramma Atti Parlamentari — 26076 — Camera dei Deputat i X LEGISLATURA - DISCUSSIONI - SEDUTA DEL 17 GENNAIO 1989 (per questo episodio il consigliere Papa ritiene doverosa la trasmissione degli atti al magistrato penale); (segue nel link)


In Italia per cambiare qualche cosa ci vogliono anni. Se c'è una proposta della dx la sx l'affossa e viceversa. Quando gli schieramenti politici sono d'accordo e si muovono tempestivamente vuol dire che c'è qualcosa che sta per "toccarli". E' stato così per le intercettazioni (si trovò subito l'accordo per dichiararle illegittime) è così ora che i politici si sentono "braccati" dalla magistratura, sarà forse così per lo strumento oggi più democratico: internet. A noi cittadini nessuno pensa. Dovremmo studiare una forma di protesta che arrivi dritta a destinazione. Colpirli in quello che hanno di più caro: soldi e potere.


Caro Marco,ti ammiro tantissimo per come esponi le tue idee,senza farti intimorire da niente e da nessuno, sono una laureanda in legge e non mi piace quello che i miei occhi stanno vedendo!!!!Sai per me che studio la "legge", che dovrebbe credere nel CSM ,sapere di un magistrato che crede nel suo lavoro, che ha prestato giuramento,venga "bloccato" per non far valere la legge mi fa perdere credibilita' in quest'ultima!!!sono delusa e mi auguro fortemente in una presa di "COSCIENZA" in quanto, se cosi non fosse ,questo "precedente" metterebbe fine al lavoro di MAGISTRATI ONESTI! Saluti Iolanda


Ditemi che non è vero per favore. Ditemi che tutto questo è solo una boutade, giusto per parlare un pochino...ditemi che le cose sono migliori in realtà. Vi chiedo di svegliarmi da questo brutto incubo perchè, davvero, non ce la faccio più. A leggere questo blog mi è venuta la nausea. Appena ora vengo a sapere che il governo sta per saltare...nuovo governo, nuova legislatura, nuovi ritardi...costi spropositati TUTTI A CARICO NOSTRO CHE SIAMO IPERTASSATI! Non lo so...non so più niente. Ora credo solo che dovrei fare come un mio amico/collega che ha detto basta a tutto questo e ha chiesto il trasferimento per andare a lavorare in Australia con la famiglia. Scusate lo sfogo


siamo i nuovi menestrelli che possono soltanto cantare in piazza il proprio disappunto contro il padrone tiranno. oltre questo che sappiamo fare? o che possiamo fare? tanto del nostro giudizio ai signori del palazzo non gliene frega una mazza. in questa nostra ''italietta'' se tenti di fare la persona onesta ti emargina il sistema che vede in te un anticorpo da distruggere e allora? W L' I T A L IA



Mostra tutti i commenti


commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti