Commenti

commenti su voglioscendere

post: Il golpe bianco

Costituzione della Repubblica Italiana , art. 3 : “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge”. Art. 25 : “Nessuno può esser distolto dal giudice naturale precostituito per legge”. Art. 101 : “La giustizia è amministrata in nome del popolo. I giudici sono soggetti soltanto alla legge”. Art. 104 : “La magistratura costituisce un ordine autonomo e indipendente da ogni altro potere”. Art. 107 : “I magistrati sono inamovibili”. E’ ancora in vigore, la Costituzione della Repubblica Italiana che sta per compiere 60 anni? Sì, formalmente lo è ancora. Di fatto, non più . Quel che sta accadendo tra Roma e Catanzaro è una sorta di golpe bianco che, diversamente dai golpe-golpe, mantiene la parvenza della legittimità . Il ministro della Giustizia ha ... continua



commenti

Gli ultimi 100 commenti / 
Mostra tutti i commenti


CIAO MARCO Il capo della chiesa Siciliana tale Cardinale Ruffini nel 1963 sosteneva che i mali della Sicilia erano tre: 1- Tutta la gente che sostenava che in sicilia c'èra la Mafia 2- Danilo Dolci, con le sue denunce contro il malaffare (Valente uomo che lottava per l'affermarione dei diritti dei poveri contro la violenza della Mafia) 3- Il Gattopardo, perchè simbolo della rassegnazione del 'tutto cambi perchè nulla cambi' Quest'uomo -per cosi dire- arrivò ad affermare l'inesistenza assoluta della mafia, entrado per questo in forte contrasto con la segrateria di stato vaticana. Alla luce di questi fatti mi chiedo: -Andreotti -Berlusconi -Casini -Cesa -MAstella -Dell'utri -Cuffaro ecc.... SECONDO TE SONO PAPABILI?


L'intervento di Napolitano lascia stupefatti per la sua ipocrisia. Sembra voler dire "beh, adesso state bboni", ma qui non abbiamo l'anello al naso: capiamo benissimo che spargere melassa a misfatto compiuto è un diretto appoggio a chi del misfatto si avvantaggia. Nel frattempo, rimanda il tutto al CSm di dicembre, ben sapendo che per dicembre l'inchiesta sarà stata affidata a chissà chi, chissà dove. E d'altra parte, l'ha detto lui stesso: è la magistratura che deve poter indagare, non il singolo magistrato. Peccato non potergli ricordare che la magistratura calabrese ha mostrato solo una capacità: quella di girarsi dalla'ltra parte. Vergogna, Presidente!


Mastella ci tiene a sottolineare di non aver bloccato l’indagine, che al contrario andrà avanti anche senza De Magistris. In realtà Mastella ci tiene a prenderci per culo. Ecco infatti i primi devastanti effetti. Un ex assessore regionale del Psdi, Pino Tursi Prato (ora in carcere per concorso esterno in associazione mafiosa), sta collaborando nell’inchiesta “Why Not”. Tursi Prato ha gia fatto alcune dichiarazioni al pm De Magistris, in merito ai presunti rapporti tra l’imprenditore Antonio Saladino, personaggio centrale dell’inchiesta “Why Not”, ed il presidente Prodi ed il ministro Mastella. Ma dopo l’avocazione dell’inchiesta Tursi Prato sta ora valutando se proseguire la sua collaborazione. La deposizione che Tursi Prato averebbe dovuto fare oggi pomeriggio davanti a De Magistris è stata annullata per effetto dell’avocazione dell’inchiesta da parte della Procura generale. (Fonte http://ansa.it/opencms/export/site/visualizza_fdg.html_71504940.html )
pguiducci.com/blog


E' un giorno tristissimo. Non so se se Marco se lo aspettava che sarebbe arrivato cosi presto, ma VOGLIO SCENDERE!!!! CHE POSSIAMO FARE? Mi viene in mente una frase di John Pilger, un giornalisto australiano che lavora in Inghilterra: "al contrario che nei paesi ricchi, nei paesi in via di sviluppo la gente non mi pone mai una domanda simile". Scende in piazza e basta. Dobbiamo fare semplicemente questo. E prendere in considerazione che questo sistma si difendera fino all'ultimo, anche imponendo una forma rivisitata di fascismo o di strategia della tensione. Noi dovremo continuare nella nostra azione, come i monaci Buddisti in Birmania: pacificamente ma senza tentennamenti. Non si sa come andra' a finire. Ma avremo fatto la cosa giusta. Se qualcuno vive dalle parti di Roma e vuole ragionare assieme a come organizzarsi, mandatemi una e-mail. b_baroni@hotmail.com Bruno


Che bello, avete visto? C'è l'abbiamo fatta! Napolitano finalmente è intervenuto:"vigilerò affinchè l'inchiesta di Catanzaro vada avanti".....verso una giusta e sacrosanta prescrizione. E ancora "non bisogna rilasciare dichiarazioni che creano sconcerto nell'opinione pubblica"...non sia mai che l'opinione pubblica si sconcerti, questa deve rimanere tranquilla, assopita, anestetizzata da programmi come Porta a Porta. Abbiamo convinto anche Mastella che adesso, dopo che l'inchiesta è stata tolta a De Magistris, non vede l'ora di farsi processare. Caro Marco questi non sarebbero stati degni neanche di lustrare le scarpe di Pertini. Ragazzi mi sa che siamo senza speranza.


Che bello, avete visto? C'è l'abbiamo fatta! Napolitano finalmente è intervenuto:"vigilerò affinchè l'inchiesta di Catanzaro vada avanti".....verso una giusta e sacrosanta prescrizione. E ancora "non bisogna rilasciare dichiarazioni che creano sconcerto nell'opinione pubblica"...non sia mai che l'opinione pubblica si sconcerti, questa deve rimanere tranquilla, assopita, anestetizzata da programmi come Porta a Porta. Abbiamo convinto anche Mastella che adesso, dopo che l'inchiesta è stata tolta a De Magistris, non vede l'ora di farsi processare. Caro Marco questi non sarebbero stati degni neanche di lustrare le scarpe di Pertini. Ragazzi mi sa che siamo senza speranza.


Che bello, avete visto? C'è l'abbiamo fatta! Napolitano finalmente è intervenuto:"vigilerò affinchè l'inchiesta di Catanzaro vada avanti".....verso una giusta e sacrosanta prescrizione. E ancora "non bisogna rilasciare dichiarazioni che creano sconcerto nell'opinione pubblica"...non sia mai che l'opinione pubblica si sconcerti, questa deve rimanere tranquilla, assopita, anestetizzata da programmi come Porta a Porta. Abbiamo convinto anche Mastella che adesso, dopo che l'inchiesta è stata tolta a De Magistris, non vede l'ora di farsi processare. Caro Marco questi non sarebbero stati degni neanche di lustrare le scarpe di Pertini. Ragazzi mi sa che siamo senza speranza.


Avete sentito?La prima azienda in Italia è la M-A-F-I-A. La MAFIA!!!Manderemo un curriculum...




VOGLIO POTER FARE QUALCOSA!!! COSA POSSO FARE? CHI MI AIUTA A SCRIVERE UNA LETTERA DA MANDARE AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA?




MASTELLA È UN INFILTRATO! che schifo haha Ieri sera si è presentato a exit che sembrava dopato, gli occhi rossissimi e anche un pò schizofrenico ci sarà da sospettare?? ahah Dichiara il ceppalonico ministro che farà di tutto per proteggersi da attacchi politici con qualsiasi potere, quello del ministro del sindaco del padre di famiglia,e anche di banditore del mercante in fiera mi pare,ciò sta a significare che farà di tutto perchè le indagini non continuino. Il bello che ha poi aggiunto il suo rammarico perchè ha ricevuto più telefonate da destra che da sinistra. Be..mi pare anche ovvio, Berlusconi sarà stato il primo, magari gli avrà fatto persino i complimenti : Ma a questo punto dopo l'indulto, la legge bavaglio sull'informazione ecc ecc e poi questa...vuoi vedere che Mastella è un infiltrato al soldo dell'opposizione? staremo a vedere ahaha


se ci fosse stato Di Pietro come ministro della giustizia cio' non sarebbe successo.


@Emanuela C. ho mandato il curriculum. Non mi prendono..hanno detto che la scianchetta fatta alla mia compagna di banco in 4° elementare non conta come tentato omicidio..nemmeno colposo..e che sono parecchio indietro con l'evasione fiscale..ma che ci posso fare se come lavoratrice dipendente le tasse me le tolgono direttamente dalla busta paga??? Però mi hanno rassicurato..se mi iscrivessi all'UDEUR potrebbero ricondiderare la mia posizione!


# 55    commento di   Lisuccia - utente certificato  lasciato il 23/10/2007 alle 10:5

Grazie Marco per le consuete sintesi e puntualità con cui hai ripercorso gli ultimi anni di vita istituzionale italiana in questo post .... Non immagini come sia sempre più avvincente interessarsi alla nostra ‘res publica’ e come sia ugualmente avvilente tornare a sedersi ogni giorno davanti alla propria scrivania e al proprio computer per iniziare una nuova giornata di lavoro, augurandosi che nel suo piccolo possa essere fruttuosa e produttiva per tutti, e sapere invece che nel frattempo alcuni pochi “soggetti di varia collocazione istituzionale”, ben altolocati e stipendiati, si preoccupano ben poco di essere “produttivi” per la mia, la nostra “cosa publica”, e si prodigano semmai per mettere al sicuro i propri affari e le proprie posizioni. E la cosa che più mi rattrista è che sono loro a guidare la politica e non tutti coloro che invece proseguono nel quotidiano le proprie attività con senso del dovere e rispetto delle regole; è forse questa una delle beffe più insopportabili.....sapere che lo Stato segua le sorti dettate da questa schiera di incompetenti, mentre tu, povero cittadino ancora illuso (secondo loro), ti affanni giorno dopo giorno per fare bene il tuo lavoro, per coltivare il tuo senso civico, per rispettare la legge, credere nei tuoi ideali.....due direzioni opposte insomma...speculari....peccato che alla fine il gioco sembrano farlo sempre e soltanto loro.... Lisuccia


MA poi ci toccherà anche subire l'ipocrisia dei FUNERALI DI STATO, per commemorare le vittime della mafia? E poi a DE MAGISTRIS intesteranno anche delle strade?


Abbiamo fatto tanto per eliminare dalla politica Berlusconi, ma purtroppo lo ritroviamo nelle idee e nelle azioni di molti alri..Ho ribrezzo per questa Italia!


Questa mattina martedì 23 ott sulla tv la 7 dibattevano fra gli altri Di Pietro , Fabris e Castelli ,discutevano sull'attuale caso DeMagistris . Castelli , che in precedenti interviste sul "Giornale" aveva pesantemente criticato il provvedimento contro De Magistris , questa volta si schierava invece contro Di Pietro attaccato a sua volta da Fabris appunto per le critiche a Mastella . Castelli ad un certo punto è anche intervenuto come "Cittadino italiano " denunciando quella situazione scandalosa coi componenti di una maggioranza che litigano fra loro . Bravo Castelli chissà quanto soffre da cittadino italiano quando a casa sua si parla del tricolore da usare come carta igienica .




Ieri sera di pietro ha detto: la frittata è fatta e non si può tornare indietro. poi ha posto come contropartita il pacchetto giustizia. se l'inchiesta è stata tolta ingiustamente, non ho capito perchè non possa essere ridata al magistrato titolare cioè a de magistris. L'inchiesta deve andare avanti nel modo legittimo perchè oltre che mastella è indagato l'attuale presidente del consiglio e occorre fare chiarezza. Quindi di pietro si infuoca ma è dalla parte del governo nel ritenere che "l'inchiesta ormai de magistris non la può riavere". A stò punto l'unico isolato è veramente mastella. Cè qualcosa che non torna.




Su la7 questa mattina abbiamo sentito di tutto, di più. L'ex ministro Castelli, a grogiolarsi per come lui a gestito in modo diverso la Procura di Catanzaro;Il servo di forza italia, che sorrideva compiaciuto dello squallore che il Ministro Di Pietro e l'altro servo dell'udeur,esprimevano nel loro dibattito interno al governo; il giornalista di mediaset a pontificare e menzionare l'inefficienza dei giudici che a suo dire sbagliano a perseguire i vip di vallettopoli,anticipandoci l'iscrizione nel registro degli indacati della Procura di Palermo per competenza territoriale, per il magistrato che in questo momento è sulla bocca di tutti (come abbia avuto la soffiata non ce la detto,questa si sarebbe una notizia utile);un magistrato della Procura di Milano che imbarazzatissimo cercava di rispondere a domande provocatorie fatte dal conduttore della trasmissione."veramente uno spettacolo deprimente" Vi prego mettiamo fine a questo squallore ne va della nostra dignità nei confronti delle altre collettività,che animano questo pianeta.
uomo triste e deluso


Ma secondo voi Mastella, in 30 anni di carriera politica, impegnato come era a: mangiare, rubare, pulirsi dagli schizzi di fango, usare la parola analfabeta, liberare criminali, saltare da destra a sinistra, andare a PortaAPorta... avrà mai letto la costituzione fino all'articolo 3? mah...


Roma, 23 ott.- (Adnkronos) - A quanto apprende l'ADNKRONOS, il ministro della Giustizia, Clemente Mastella, si sta recando dal presidente del Consiglio, Romano Prodi. Non è escluso che il Guardasigilli rassegni le dimissioni. DAI CHE NON E' DIFFICILE, MASTELLA DIMETTITI




ANSA) - ROMA, 23 OTT - 'Il mio comportamento e' stato lineare. Il conflitto d'interessi non e' mio'. Lo ha detto il Pm di Catanzaro Luigi De Magistris.Su Radio 24 ha risposto all'accusa di non avere informato i propri superiori sull'inchiesta Why not: 'Chi sostiene che sono state violate le regole dice il falso'. Ha poi spiegato di aver parlato pubblicamente 'per legittima difesa' davanti a 'troppi silenzi inquietanti' ed ha chiesto 'intervento rapido del Csm, che tuteli l'indipendenza della magistratura'. Quali sono i silenzi inquietanti????????


Quello che stanno facendo è sotto gli occhi di tutti! Chi, come me, sperava che le cose potessero cambiare con il nuovo governo sente ancor di più la delusione del "tra cani non si mordono" e la speranza del rinnovamento, annunciata in campagna elettorale e del cambiamento di rotta sono già ricordi lontani, sbiaditi e dimenticati! Diamo ormai per scontato che ne' questo, ne' quel governo, sono in grado di garantire crescita, sviluppo, giustizia, sanità e a questo punto forse la domanda è: COSA SI PUO' FARE PERCHE' LE COSE CAMBINO DAVVERO? Come si può cambiare questo stato di cose? I cittadini che, come me, giornalmente, passano da un blog ad un altro in cerca di risposte, restano sempre più allarmati dai gravi fatti che vengono commentati. Ma perché, se la rabbia ci assale e la voglia di impegnarci non manca, non proviamo noi a far qualcosa? Travaglio, Grillo, Gino Strada ecc perché non vi riunite per formare un movimento, una lista civica un qualcosa che ridia fiducia a tutti coloro che sono stanchi di ingiustizie, prevaricazioni, sorprusi, malgoverni, privazioni e terze settimane sempre più lunghe. Credo sia giunto il momento di agire: svegliate le coscenze è ora di mettersi in marcia.




In Italia per cambiare qualche cosa ci vogliono anni. Se c'è una proposta della dx la sx l'affossa e viceversa. Quando gli schieramenti politici sono d'accordo e si muovono tempestivamente vuol dire che c'è qualcosa che sta per "toccarli". E' stato così per le intercettazioni (si trovò subito l'accordo per dichiararle illegittime) è così ora che i politici si sentono "braccati" dalla magistratura, sarà forse così per lo strumento oggi più democratico: internet. A noi cittadini nessuno pensa. Dovremmo studiare una forma di protesta che arrivi dritta a destinazione. Colpirli in quello che hanno di più caro: soldi e potere.


Quello che è in gioco in questo momento sono i rapporti tra il potere esecutivo e l'autonomia e l'indipendenza della magistratura", ha aggiunto De Magistris. "Quello che bisogna chiarire è se il potere esecutivo può entrare a gamba tesa sull'autonomia e l'indipendenza della magistratura - ha proseguito De Magistris - Con questa avocazione abbiamo fatto un passo indietro di cinquant'anni. Allora mi chiedo come mai il procuratore generale non esercita il potere di avocazione in tutti quei casi di centinaia e centinaia di fascicoli scaduti che si trovano nelle procure della Repubblica e la procura generale dovrebbe attivare i suoi poteri di avocazione proprio in questi casi". DeMagistris nel corso dell'intervista rilasciata a Radio24 ha ribadito di attendere le decisioni del Consiglio superiore della magistratura, ma ha aggiunto: "Voglio sapere se ci sono ancora le condizioni per esercitare questo lavoro in Calabria tenendo presente l'articolo 3 della Costituzione; non vorrei che ci stiamo avviando ad un punto in cui quando vengono toccati determinati interessi, cioe' i colletti bianchi, allora piomba una avocazione o una sottrazione del fascicolo. Questo è molto mortificante". "Una persona non può essere un magistrato esemplare se fa indagini sui trafficanti di droga o sui rapinatori - ha detto ancora - e diventa un soggetto pericoloso, un ciuccio, un eversivo, un millantatore se fa indagini sulla pubblica amministrazione". NON LASCIAMOLO SOLO








che tristezza!


Ragazzi quante persone di destra pensate leggano questi blogs? quanti di loro sono indignati per la porcata di Mastella e lo siano stati per la legge Cirami? e per tutte le nefandezze criminali della banda bassotti? NESSUNO, non leggono i giornali e non si indignano per queste cose, sarebbe veramente bipartizan questo senso di schifo nei confronti della politica andremmo alle elezioni con la certezza di toglierci dalle p..e tutto questo vecchiume di partito. Che fare? l'argomento è duro tenersi un Prodi con Mastella alla Ministero della Giustizia, che anche oggi non ha fatto mancare il suo ricatto da camorrista o il psiconano che dall'ultimo censimento giudiziario penso abbia ampiamente prescritto tutti i suoi guai giudiziari? E' dura...


Spero che Mastella si dimetta. Non me ne importa più se cade il governo e ritorna Berlusconi. Questa è l'arma segreta di Mastella che tira fuori ogni volta che minaccia la crisi di governo. Che se ne andasse pure..non penso che i cittadini saranno così stupidi da far tornare lo psiconano. Pituttosto bisognerà portare avanti gente come Di Pietro, che avrà qualche problema con la lingua italiana, ma che ha pure il "difetto" dell'onestà!


Ieri mi chiedevo (piuttosto inferocita) come mai nessuno del "nuovo" partito democratico dicesse una parola sulla vicenda. Bene, oggi capisco quanto sia prezioso il detto "il silenzio è d'oro"..Fassino ha parlato..purtroppo... Eccovi l'ansa: 13:28 Fassino: "Riconoscere a Mastella titolarità funzioni" "Ogni ministro dev'essere in condizioni di esercitare la propria funzione con serenità e sapendo di godere della piena fiducia della propria maggioranza. Ciò vale a maggior ragione per chi, come Mastella, è chiamato a reggere un ministero così delicato e cruciale". Lo afferma in una nota Piero Fassino. "Mi auguro perciò che tutti avvertano la responsabilità di mettere fine a polemiche strumentali, riconoscendo al ministro la piena titolarità delle sue funzioni"


Ho letto anch'io il commento di Fassino. Ma che commento ci si può aspettare da uno che è accusato di aver appoggiato le scalate a colossi bancari? Almeno Berlusconi sta zitto perchè sarebbe troppo spudorato dare il proprio appoggio a Mastella. Ma come si dice? Vale più un silenzio che mille parole. Comunque il Partito Democratico è in crescita di consensi...attendiamoci un'uscita del Cavaliere quanto prima...magari accompagnata da una delle sue belle trovate pubblicitarie atte a screditare e insultare.


Ormai funziona così, l'agnello deve chiedere scusa al lupo..ho firmato la petizione pro De Magistris, però non mi aspetto molto..spero solo che De Magistris e tutti i cittadini coraggiosi come lui non mollino!




Inserisco alcuni brani dell'inetrvista che Nicola Gratteri, Sostituto Procuratore di Reggio Calabria a rilasciato a Riccardo Iacona il 17/07/07: Stasera abbiamo visto molta incoerenza tra quella che è la realtà dell’amministrazione della giustizia e quello che sentiamo sempre dire nelle conferenze, nei convegni e anche in Parlamento: l’impegno, il processo che dovrà durare cinque anni, i mezzi, …" "Avete visto in quali situazioni, soprattutto psicologiche, l’umiliazione di un impiegato dello Stato, di un funzionario a dovere operare in quelle condizioni". "Io ricordo, ad esempio, quando il Presidente della Repubblica è sceso a Reggio Calabria e ha esortato i cittadini a stare più vicini alle Istituzioni. Io ho osato dire che sono le Istituzioni che devono fare due passi avanti. E poi forse la gente si avvicinerà a noi, vedendoci più credibili. Sono stato aggredito perché ho osato fare questa osservazione. Però io dico che ci vuole coerenza. Non è possibile pensare che la gente davanti a queste immagini possa credere in noi, possa credere nella giustizia. Noi non siamo credibili come 'Istituzioni'". continua


secondo me lo Stato ha tradito. Secondo me chi aveva il potere di legiferare, chi aveva il potere di creare un sistema giudiziario proporzionato e proporzionale a quella che era la realtà criminale e a quella che è oggi, perché attenzione che oggi la criminalità organizzata, le mafie, la ‘ndrangheta in particolare, è più arrogante e più pericolosa degli anni ’70. Perché la ‘ndrangheta di oggi è molto più ricca degli anni ’70 e ha meno paura delle Istituzioni, dello Stato perché dal ’92 a oggi lo Stato dal punto di vista normativo ha fatto grossi passi indietro. Per esempio con l’introduzione del patteggiamento allargato in appello, quando qui al Tribunale di Locri sono state condannate persone a 24-25 anni per associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti, con il patteggiamento allargato, in appello, a Reggio Calabria, le persone sono state condannate a 7-8 anni di carcere". Non è assolutamente vero che per i reati di criminalità organizzata il rito abbreviato deflazioni: il processo si fa due volte. Perché in un processo, per esempio, con quaranta imputati, trenta scelgono di fare il rito abbreviato e dieci no, per quelle dieci persone che non chiedono il rito abbreviato bisogna rifare l’udienza in dibattimento e bisogna riesaminare la posizione anche degli altri trenta già giudicati, perché nel reato associativo bisogna spiegare la condotta dei dieci imputati in concorso con gli altri trenta già giudicati. Quindi i quaranta-cinquanta testimoni bisognerà sentirli lo stesso, anche per uno solo degli imputati. Quindi, dov’è il risparmio per lo Stato? E’ solo un regalo che si fa alle organizzazioni mafiose. E’ solo un regalo".


"Con il sistema elettorale attuale è molto più facile per la ‘ndrangheta spostare il pacchetto di voti a destra o a sinistra. La ‘ndrangheta non ha ideologie, la ‘ndrangheta non è né di destra né di sinistra. La ‘ndrangheta vota il cavallo vincente, quello che pensa possa vincere. Comunque attualmente ha la forza di chiedere il conto anche al sindaco eletto che non ha votato". Nella gestione della cosa pubblica c’è sempre di più la presenza della ‘ndrangheta. Nella pubblica amministrazione, negli ospedali, … Sono cose notorie che sanno tutti, ma è inutile che andate dall’infermiere, dal medico a fare l’intervista, a chiedere che l’infermiere vi dica ‘c’è la ‘ndrangheta a Locri’, perché è talmente ovvio e notorio. Il fatto che stasera questa piazza sia vuota denota la sfiducia, la stanchezza della popolazione della Calabria, che è stanca di essere presa in giro, che non crede più in noi. Per questo non c’è nessuno qui. L’ennesima delusione per i calabresi è stato l’uso strumentale dei giovani di Locri. ecco perché non ci sono più qui".


Orbene. Qui cominciare a leggere la Gazzetta dello Sport non risolverebbe il problema. Qui siamo nella m ... tutti quanti se non ci mobilitiamo.Una volta compreso che a) non si può tornare al regime di Berlusconi b) tantomeno si può continuare a tollerare quello attuale che è riuscito ad omologarsi in tutto e per tutto a quello anzidetto c) è sorprendente ( lo è?) che da Fassino a Prodi, da Mastella a Napolitano (almeno prima c'era Ciampi) fatti gravissimi come quelli degli ultimi giorni(e non sto parlando della Fontana di Trevi) siano trattati alla stregua del "tutto okay" "povero Mastella" "cattivo Di Pietro che con le sue polemiche nei confronti del Guardasigilli mette in pericolo il governo" "evviva i magistrati (asseveriti al potere, ma questo non si dice" "abbasso i magistrati (che informano i cittadini delle nefandezze che stanno succedeno e che fanno il loro dovere, ma questo non si dice)" d) che siamo veramente sul bilico della scarpata che porterà alla definitiva fine dello Stato di diritto democratico italiano insomma, capito questo, rimangono solo i cittadini di questo paese. Urge una mobilitazione.


Ciò costerà la caduta dell'attuale governo che, per carità, conta per certo qualche Ministro meritevole? Amen. Se non si vuole il ritorno di Berlusconi (perchè a questo punto sarebbe ancor più grave, tanto vale veramente emigrare), perchè non cominciare a votare l'Italia dei Valori? Non ho mai capito perchè riesce a trovare soltanto così pochi consensi. In Di Pietro si trovano sempre mille difetti... Bah ... a me sembra, invece, una delle poche alternative valide già presenti sulla scena politica nazionale, insieme alla Bindi e pochi altri. La magistratura italiana era rimasta l'unico potere ancora in grado di resistere alla collusione degli altri poteri ufficiali ed ufficiosi di questo paese. L'unico potere ancora sufficientemente indipendente che, almeno, ogni tanto e pur se con enormi sacrifici, anche umani, è stato in grado di contrastare lo smantellamento di questo paese. Ora finanche questo potere, nella parte sana ancora rimasta, è in gravissimo pericolo. Questo significa che tutti noi siamo in gravissimo pericolo. Non ci possiamo permettere di stare in silenzio. Scrivere al Presidente della Repubblica? Non credo, viste le esternazioni finora pervenute dallo stesso, possa servire ad alcunchè. Ho comunque firmato l'appello cui si rimanda in questo blog, ma non mi pare si possa sperare in un riscontro positivo. Non rimane che "scendere in piazza". Chiunque abbia esperienza in materia, è pregato di farmene partecipe. Grazie mille.


In molti, mi sembra, ci sentiamo impotenti, vorremmo manifestare la nostra protesta e il nostro disagio in modo assolutamente civile e non strumentalizzabile. Una manifestazione di piazza, oltre a non essere facile da organizzare e richiedere un certo impegno anche di tempo delle persone, si presta senz'altro a strumentalizzazioni o a infiltrazioni. Perche' invece gli autori di questo bellissimo blog, magari in accordo con Grillo e con altri capaci di mobilitare le persone in massa (volutamente non ho detto le masse perche' inteso spesso in senso spregiativo) non propone qualche azione che sia facilmente realizzabile, capillare, che abbia impatto visivo, che costringa i media ad occuparsene e che non sia in alcun modo assimilabile a offesa o ingiuria per alcuno, ma possa essere riconducibile in modo immediato alla questione che oggi ci sta tanto a cuore e farci gridare la nostra voglia di un'Italia che recuperi il senso morale? Una frase simbolica, un indumento colorato, una qualsiasi immagine efficace e di impatto, come i nastri o le candele alle finestre di tante proteste nel mondo, coem le bandiere della pace. Faccio un semplice esempio: visto che tutto nasce dall'inchiesta "Why not", supponendo che questo sia un marchio registrato, perche' non usare la scritta "Why?" , da mettere su cartelli appesi alle finestre, su fascette indossate, e cosi' via, magari decidendo anche un giorno per questa protesta? Ripeto, e' solo un esempio, un tentativo di suggerimento. Per cercare di essere innovativi ed inequivocabili.
www.fantascienza.net/dued


Cara Patrizia Rimini, non è detto che trovi pochi consensi L'ITALIA DEI VALORI, ma semplicemente, visto i delinquenti esperti del nostro parlamento, fanno sparire le schede elettorali che non piacciono agli "impastatori". Così Di Pietro sarà solo una voce fuori dal coro che rappresenta una percentuale minima dell'elettorato e che comunque basta screditare tutti insieme (destra e sinistra...) per essere certi che l'opinione pubblica sposti la sua attenzione altrove... Sono d'accordo con te manifestiamo, in tanti, più che si può, in tutte le città: come per il V-Day stabiliamo un giorno e un'ora e divulghiamo l'invito a tutti. Abbozziamo un programma serio e semplice da seguire. I più esperti magari ci sanno consigliare. Fiduciosa e disponibile. Laura (sono di Brescia).


Berlusconi sta zitto? E che deve aggiungere? Può godersi lo spettacolo di questo "governo" di "sinistra" che si autoaffonda. Perchè, sotto il governo Berlusconi, almeno, le informazioni sul suo operato non trapelavano affatto. O molto difficilmente. O in maniera distorta. Mica scemo! Mentre questo governo non ha nemmeno il pieno controllo sull'informazione, né sa vendere le nefandezze che produce e, peggio ancora, non sa vendere bene nemmeno i propri meriti. Vabbè. Ovviamente va apprezzato tantissimo che il giornalismo si è nuovamente ritrovato a poter usufruire di una maggiore libertà di stampa. Ma, ironia della sorte, pare attualmente andare a tutto vantaggio di chi l'aveva portata sull'orlo dell'abolizione. Non lasciamo che ciò accada!


Ma non è stata la stessa ANM a richiedere al ministro mastella di prendere provvedimenti su De magistris per gravi motivi? Scusate la domanda ma vorrei capirci qualcosa...questa è l'unica scusa credibile tirata fuori dall' impresentabile ministro... grazie


Ha ragione Corrias che su questo blog aveva scritto che la sinistra (sinistra?) aveva due possibilità all'indomani delle elezioni: la prima era tenere fede alle promesse, e tracciare una semplice riga sulle leggi vergogna, ad-personam, e anticostituzionali che il governo precedente aveva fatto. La seconda era quella di approfittare del 'lavoro sporco' fatto dal piduista di arcore e compari, e di utilizzrlo a proprio vantaggio. Purtroppo hanno scelto questa seconda strada. Non dimentichiamo però che queste leggi le ha fatte Berlusconi, Castelli, e compagnia bella.


Care Milena e Laura, anche io manifesto la mia disponibilità (vivo a Rimini come forse era chiaro),pur se debbo manifestare altrettanta inesperienza. Bella anche l'idea di Milena. Si potrebbe ipotizzare anche un'aggancio al "Ora trasferiteci tutti" dei, mi pare, ragazzi di Catanzaro,su scala nazionale in un giorno preciso. Spero, invece, ancora nel consiglio di qualcuno pratico di manifestazioni in piazza. Anche degli eventuali pericoli di strumentalizzazioni e/o infiltrazioni, certamente presenti. Circa i pochi consensi finora riscossi dall'Italia dei Valori .. bè, brogli veri o presunti a parte ... ritengo, invece, che la strada sia ancora lunga. Parlando con amici, conoscenti e sconosciuti ne sento di tutti i colori. I sostenitori di Bellachioma sono ancora tantissimi, non foss'altro perchè sono ancora in tantissimi a leggere, per l'appunto, solo la Gazzetta dello Sport (con rispetto parlando). Gli altri preferiscono spesso i personaggi che meglio conoscono. Sai in quanti mi dicono:"Tanto Di Pietro è come tutti gli altri" "Tanto anche lui mira solo alla poltrona". Se si tratta di lui, s'innesca una sorta di ipercriticismo. Sulla base di che, non saprei. Mentre io vedo e sento Di Pietro e mi chiedo, anche in considerazione della sua storia personale, come cavolo si fa a non dargli un pò di fiducia, visto che questo paese ha oramai sperimentato di tutto senza alcun successo? Chiaramente chi vive abituato all'illegalità, si sceglierà i suoi rappresentanti di conseguenza, ma gli altri???




.....CONTINUA........lettera aperta, del fratello del giudice Paolo Borsellino, che commenta ed analizza la vicenda mastella - De Magistris, leggerla ripercorrendo i passi che furono propri, di un giudice che si immolò sull'altare del sacrificio, dopo essere stato delegittimato insieme a Falcone fa venire un nodo allo stomaco. la posto integralmente, chiedendovi di leggerla con tranquillità e mentre lo fate pensate alla nostra povera ITALIA e come questa e' stata ridotta da una classe politica che non sa cosa significa la parola dignità. """"La notizia dell'avocazione da parte della Procura Generale dell'inchiesta Why Not al Procuratore De Magistris e' di quelle che lascia senza fiato. Solo un'altra volta nella mia vita mi ero trovato in questo stato d'animo..........CONTINUA.......... http://spadafora-live.blogspot.com/
http://spadafora-live.blogspot.com/


anche DI PIETRO è crollato. leggo su repubblica che il nostro caro DP sta ritrattando..niente più manifestazione per la giustizia prevista per questo fine settimana. vorrei sottolineare (nel caso in cui a qualcuno fosse sfuggito) che questa manifestazione è stata indetta IERI pomeriggio, cioè 24 ore fa. nell'arco di queste 24h di Pietro ha fatto il diavolo a quattro contro il ceppalonico su qualunque rete televisiva, radio, blog, giornale del pianeta. OGGI invece si aprono spiragli tra IDV e UDEUR, e la manifestazione sulla giustizia la riponiamo nel cassetto in attesa del prossimo match mediatico. che tristezza.


ATTENZIONE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! DE MAGISTRIS SARA' GIOVEDI' AD ANNOZERO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!


o almeno...questa è la notizia apparsa su adnkronos


@ Agnese Prima di trarre conclusioni, vediamo come si risolve la faccenda. Se Di Pietro riuscirà ad ottenere qualcosa di buono ben venga l'annullamento della manifestazione.




Il problema non sono politici.Non sbaglia prodi quando dice che "la società civile non è migliore della sua classe politica". Siamo tutti qui sbigottiti per le abili manovre che fa mastella ma d'altra parte mastella non fa altro che sfruttare la sua posizione di forza.La domanda che un'osservatore estraneo dovrebbe farsi è: come cazzo fa un politico che vanta una percentuale di voti dello 0,niente% a trovarsi in una posizione dominante? La porcata non l'ha fatta berlusconi cambiando la legge elettorale.La porcata l'hanno fatta gli italiani quando,dopo 5 anni di governo berlusconi, sono tornati alle urne per confermarlo.Di pietro non se ne va perchè non vuole essere lui a far tornare berlusconi al governo.L'unico nella coalizione di centrosinistra che non sentirebbe il peso di una tale azione è mastella.Francia o Spagna purchè se magna.Non prendiamoci per il culo.La destra italiana è indecente.E che fra di voi vorrebbe altri 5 anni di berlusconi,bossi,fini e mastella?Non mi pento di aver votato sinistra.Un po' mi scoccia essere nato in italia.




Prodi: "Fiducia a Mastella" E te pareva che si fottessero a vicenda Sono solo dei BUFFONI Il governo per me non esiste più, siamo in balia dei corrotti, delinquenti e mafiosi. Quelli che non lo sarebbero lo diventano perché tacciono e dunque sono complici e come tali sono anchessi rei. Mi vergogno a dire che sono italiano - ho la nausea


Parole sante caro Michele...e mai possibile che non ci sia UNO, ma UNO di questi rompiscatole che dica le cose in faccia...sto beccamorto di Prodi da me votato per evitare lo psiconano, non rispetta UNA RIGA di quelle stramaletteìissime pagine del programma!!!!!!!!! Ma che gente di m.....


Molti commenti su internet richiamano l'attenzione su come sarebbe bello che gente di sx e gente di dx, insieme, uniti, cercassero il dialogo senza antagonismi ma solo al fine di trovare la migliore intesa. Naturalmente non parlerei di fascismo e comunismo io parlerei piuttosto di idee a sx e a dx convogliate in un unico contenitore che non necessariamente si deve chiamare centro. Mi viene in mente quando da ragazzo ci scontravamo sul dove passare la serata o la domenica. Avevamo tutti idee diverse ma alla fine si trovava quella che univa tutti. Cazzo, perché questo non é possibile per la politica? Sarebbe veramente la fine dei partititi e l'inizio della Democrazia


Ho letto questi commenti ma ribadisco la mia idea iniziale: E' ORA CHE TRAVAGLIO,GRILLO, GINO STRADA, DARIO FO ECC. ECC. SI PARLINO E DIANO VITA AD UN MOVIMENTO NUOVO!!! Tutti ci dichiariamo stanchi, esterefatti, schifati, e chi più ne ha più ne metta ma, ammettiamolo, siamo tutti impotenti davanti a questo continuo scempio. Chi seguirebbe un movimento, o lista civica, formata da me e da altri volenterosi onesti che scrivono? In quale modo possiamo lottare, cercando di imporci all'attenzione di questa nazione, sapendo quali sono gli strumenti che hanno gli altri? Se, al contrario, chi già gode di fama e seguito, chi già ha sperimentato il suo potere mediatico, chi ha già visto riconosciuta nel mondo la sua attività ha tutto il carisma necessario per far impallidire questi trafficanti della politica-affaristica. E' ora di costruire qualcosa di nuovo, di diverso, di pulito; qualcosa che non sia la solita revisione all'italiana, ossia modificare senza cambiare. Non abbiamo bisogno che qualcuno ci guidi, o ci indichi la via, ma abbiamo bisogno di uomini e mezzi di cui purtroppo non disponiamo. Ripeto quello che ho già scritto questa mattina: svegliate le coscenze è ora di mettersi in marcia. Ora che ci siamo svegliati è ora che qualcuno continui il lavoro iniziato perché solo così abbiamo la speranza di cambiare ciò che è sembra immutabile da sempre: questo schifo di classe politica.


# 105    commento di   Sinistra...ta - utente certificato  lasciato il 23/10/2007 alle 18:18

Ciao raga, io sono una di quelli che ha votato la sinistra convinta che le cose sarebbero cambiate in meglio ma.... come dice il mio nick-name mi sento sinistrata!! Ne stanno davvero combinando di tutti i colori, e questa poi di Mastella che chiede il trasferimento di un magistrato che sta indagando proprio sul di lui è davvero.... non ho parole per definirla! Mi vergogno di aver votato per questa coalizione... A prescindere che io la destra non la voterò mai (i miei avi si rivolterebbero nella tomba...) ma devo ammettere che se dovessi tornare alle urne in questo momento non saprei proprio a chi dare la mia fiducia... sono troppo delusa in questo momento, non vedo la luce in fondo al tunnel....


Ci si accanisce tutti contro il ceppalonico, ma nessuno mette a fuoco il VERO problema: Prodi riconferma la fiducia a Mastella perchè PRODI HA BISOGNO DI MASTELLA. Con lui come Ministro della Giustizia, Prodi è pressochè certo che azioni come quella contro De Magistris potranno essere perpetrate senza "rimetterci le chiappe": volente o nolente Prodi deve rendere conto ai 3 milioni di elettori dell'Unione che lo scelsero alle primarie, Mastella a chi deve rendere conto? Praticamente Mastella è lo specchietto per le allodole, pronto a farsi massacrare dall'opinione pubblica per difendere interessi più grandi di lui. In bocca al lupo a tutti...


Quando abbiamo deciso di votare romano prodi, eravamo sinceramente in buona fede, passare 5 anni a cinfutare sciocchezze non è stato facile, un bel respiro in quell'aprile 06 e tutti aspettavamo il cambiamento, una boccata d'ossigeno, qualcosa di più di una speranza. Vedevamo in prodi, quasi una figura paterna, uno zio burbero ma giusto, disposti anche a subire qualche sculacciata. Che emozione l'aprile di nuovi orizzonti, credere in progetto di 280 pagine non è stato facile, abbiamo fatto anche questo. La primavera appena cominciata, quell'aprile, subito una difesa strenua post-voto all'attacco virulento a testa bassa dell'unto che mai e poi mai la rassegnazione lo calmò.. Subito in quei giorni si capiva che qualcosa non quadrava, gli sconfitti che non riconoscono i vincitori, non riconoscono il governo, non riconoscono un bel niente. D'altro canto che t'aspetti?? Anni di guerra al potere costituito della magistratura indipendente, ignobili accuse a chi di mestiere fa il bersaglio umano per vivaci kalashnikow.. Ma che t'aspetti?? Si quella primavera di speranze quasi subito si frantumò come cristallo, i nostri sogni con fatica fino ad oggi sulle spalle come croci sul calvario, che fatica credere in qualcosa di giusto e onesto, quanta solitudine dopo avere espresso un pensiero che si specchia nella legalità, semplicemente quella speranza non esiste più, quel che credevamo potesse rinascere in quella laontana primavera si è infranto sul muro degli scandali e contro la retorica logorroica dei burattini parlanti, comeme un disco rotto, vuota come la testa di un manichino, inutile e volgare al tempo stesso. prodi ha il solo merito di averci svegliato dal sogno, prima di lui un incubo, beh forse è meglio rimettersi a dormire, speriamo che il prossimo risveglio accanto a me ci sia.. almeno Jennifer Aniston..




# 109    commento di   aleida898 - utente certificato  lasciato il 23/10/2007 alle 19:1

Ok..sono un poco confusa e premetto di non avere risposte, ma questo è quanto: Ho votato a sinistra perché sono di sinistra. Non perché era "il meno peggio" o per "mandare a casa Berlusconi".. la mia mentalità è di sinistra, non posso votare a destra perchè non ne condivido i valori.. detto questo ammetto di essere delusa. Delusa dal vedere Mastella ministro della giustizia e da molti altri atteggiamenti del governo.. ma lamentarsi di come siano tutti uguali..non è controproducente? Non si cade nel gioco dell'era Berlusconi? Cambiamo i significati delle cose e delle parole, mischiamo tutto e mettiamo il caleidoscopio televisivo a fare da filtro..dire che la gente dorme non è dar ragione a quanti hanno visto nel v-day uno scoppio di anti - politica? Quella "era" politica e non lo è di meno solo perchè nessuno si è picchiato o perchè non siamo negli anni 70. Ed era politica fatta da tanti uomini e donne! Eppure è stato tutto ridotto a meno di niente. Ce ne fosse uno che ne ha colto il senso. Giorni e giorni di trasmissioni, fiumi di parole e inchiostro e alla fine? E allo stesso modo, non è di per sè sbagliato chiedere che scendano in campo Travaglio e Grillo? Hanno un altro ruolo, facessero politica probabilmente non gli daremmo il medesimo credito.. Non so cosa si debba fare. Anzi.. scritte queste parole sono più confusa di prima!


Per Aleida898 E' vero: Marco, Beppe, Gino ecc. ecc., hanno altri ruoli. Ma se chi fa politica oggi non pensa altro che ai propri interessi, coprire magagne, cambiare per non cambiare mai, cosa possiamo fare? Il credito, e Di Pietro in parte ne è una dimostrazione, lo si conquista con il lavoro, qualsiasi esso sia! Il fatto è che è difficile dare credito oggi a questa classe politica tutta intera. Hai sentito le dichiarazioni di Fassino, la solidarietà data da Prodi a Mastella? Cosa ti aspetti da questi personaggi? La parte più sana del paese, anche se impegnata in altri ruoli ha, secondo me, più possibilità di aggregare altre persone che sono stanche di questo modo di fare. Dei politici professionisti ne abbiamo già visti da sempre e i risultati pure: è ora di cambiare! Magari si sbaglierà ma almeno sarà salva la buona fede. Non credi valga la pena di provare?


Grandissima la bellachioma in gonnaella, quante minchiate che spara, ballarò che vergogna! I problemi veri come al solito se li dimementicano allegramente, il conflitto d'interessi, condannati, pregiudicati, rete 4, mafia spadroneggiante indisturbata. Spero che concordiate sul fatto che questi programmi non servono assolutamente a niente se non a lorsignori, perchè anestetizzano e paradossalmente normalizzano le situazioni scottanti, cioè, un fatto accade e non viene affrontato ma discusso, la famosa seconda domanda per smascherare il politico di turno che mente, non viene posta, così è bla bla finchè si finisce a ridere su questioni gravissime. 25 anni di dominio televisivo hanno portato a questo sfascio ormai irreeversibile. Spero che semmai, un futuro governo formato da persone rispettabili al di sopra di ogni sospetto, non cada mai nella provocazione di recarsi a dibattere in qualsiasi studio televisivo, contradittorio o meno, spero che venga messa al bando la politica dalla tv, altro che separazione delle carriere! Matrix e Porta a porta non sono rami del Parlamento, siamo noi con la nostra fragilità emotiva che lo crediamo, che gli permettiamo di farcelo credere, questa potrebbe essere la prima grande riforma, mai FALSA POLITICA IN TV!


Di Pietro è finito nell'angolo. Se si dimette e fa cadere il governo alle prossime elezioni dovrà correre da solo; se rimane al governo perde di credibilità. Lo scenario ora è questo. Il PD, se si dovesse andare a elezioni il prossimo anno, mollerà la sinistra radicale e tenterà di sfondare al centro portandosi appresso Mastella, i socialisti e cercando di agganciare Casini; in questo caso Di Pietro rimerrebbe isolato con la sinistra estrema. In altrnativa, Di pietro deve accettare la politica giudiziaria di Mastella e rimangiarsi quanto detto sino a questo pomeriggio. Rimarrebbero le dimissioni con appoggio esterno al governo ed attendere gli eventi senza sporcarsi le mani. Comunque la si veda, la situazione è triste.


In sostanza le figure saranno le stesse anche per la prossima campagna elettorele... Rinnovo la prposta di fuggire ai tropici..


Grillo-Travaglio io vi voto.........


Ci sono per i tropici... non condivido il ragionamento rassegnato per quanto realistico di chi, pur di evitare il ritorno di Arcorman, si terrebbe l'attuale circo, magari con un nome diverso. Non é che per evitare Barbablù, uno si debba tenere il Babau. Non possiamo annetterci spontaneamente a qualunque altra nazione europea?


Antonio Di Pietro rischia seriamente di apparire l'ennesimo quaqquaraqquà di questa classe politica indegna. Se dopo aver parlato ai quattro venti di necessario chiarimento si accontenta della finta equanimità di Napolitano e Prodi, vuol dire che sta soltanto recitando un ruolo nella commedia. Oppure che il suo attaccamento alla poltrona di ministro non è troppo inferiore a quello di Mastella. Spero che dimostri a tutt'Italia che non è così.


da "Lettere al Direttore", Repubblica di oggi. IUS MUGUGNANDI Lieber Vittorio questi Grillo, Travaglio, Santoro - sempre indignati, sempre a saperne una più del diavolo! Vorrei vederli una volta a fare una trasmissione sulle cose che funzionano in Italia. Don't get me wrong, ma ci sono anche ospedali che funzionano, c'è anche la raccolta differenziata, ci sono piste ciclabili etc etc - mica siamo un paese del terzo mondo. Non parlo di reportage nordcoreani stile "gli allegri compagni lavorano i campi", ma una volta sola vorrei vedere Santoro e Travaglio a parlar bene di un amministratore, di un consigliere etc.. Ovviamente è piú facile criticare, denigrare e fare i saputelli. Il mio rispetto va a coloro che fanno, che producono, insomma a quelli che si fanno il mazzo e non a questi qua. Scusa lo sfogo, liebe Grüße aus Wien Alex Dellantonio Department of Forest- and Soil Sciences, BOKU Wien Se lei fa una trasmissione per dire che nessuna generazione nella storia della penisola italiana ha mai vissuto tanto a lungo, è stata meglio assistita, ha avuto acqua, luce e gas in casa anziché la stufa e il cesso sull'aja, ha mai mangiato meglio, ha mai goduto di più libertà personale, non la guarda nessuno. Se fa una trasmissione per dire che non se ne può più, che i politici sono tutti ladri, che il pane costa troppo, che non si arriva alla terza settimana o la polizia fa troppe multe con l'Autovelx, fa tombola al cartellone dell'Auditel e diventa milionario. Tutto qui. Il resto, la denuncia, il martirio, il coraggio, sono condimento. (uhm....)


Vedere che qualcuno commette un crimine fa arrabbiare. Se poi il criminale la fa franca, ci si incazza ancora di più. Dati alla mano la percentuale di crimini commessi da cittadini italiani e stranieri regolari si equivale. La percentuale invece sale vertiginosamente per quanto riguarda gli irregolari presenti sul nostro territorio. La soluzione appare quindi abbastanza logica: lotta all'immigrazione clandestina, espulsione immediata degli irregolari con accompagnamento al loro paese di origine; in più, gli irregolari che ricevono una condanna nel nostro paese se la devono andare a scontare nella loro nazione di origine. Alimentare la paura dell'immigrato, del diverso, non serve a nulla. Dire che tutti gli immigrati sono dei criminali è profondamente ingiusto e sbagliato (tenendo conto anche del fatto che gli italiani in passato sono stati un popolo di emigranti). Anche io mi imbestialisco quando vedo degli stranieri che commettono crimini, come mi imbestialisco quando a commetterli sono gli italiani. Credo sia abbastanza normale provare molta rabbia quando è uno straniero che commette un crimine, poiché sembra che ce lo facciano in casa. Però uno Stato di diritto deve garantire la legalità per tutti, senza fare sconti a nessuno, quindi, come ho già sottolineato più volte, la lotta alla criminalità deve essere una priorità assoluta per il Governo. Primo punto: Legalità! Se non c'è legalità, salta tutto il resto! Senza legalità, senza certezza della pena, senza severità contro chi delinque, non ci potrà essere poi giustizia sociale, economia fiorente, riduzione delle tasse e tutto il resto. C'è una certa sinistra che non vuole affrontare il problema, mentre c'è una certa destra che vorrebbe buttare tutti a mare. Soluzioni entrambe sbagliate.
www.lineagoticafight.blogspot.com


Io sono il primo a chiedere la massima severità contro chi delinque e mi imbufalisco nel vedere e sentire parlare gente come Caruso e Farina, deputati RC che esaltano una certa delinquenza (che fa a loro comodo per consensi elettorali e non solo). Mi imbufalisco in egual modo nel vedere l'ipocrisia di molti altri deputati, che chiedono la tolleranza zero, quando sono loro stessi a delinquere (Forza Italia è il partito con più pregiudicati in Parlamento e anche AN ne ha). Per parlare o sparlare, bisogna avere quindi la coscienza (e la fedina penale) a posto. Indignamoci ogni volta che viene commesso un crimine e non prendiamocela con i Giudici se le pene ci sembrano troppo lievi. I Giudici applicano solo la legge, che viene emanata dai Parlamentari. Anche i Giudici sbagliano, prendendo a volte decisioni discutibili, nella rimessa in libertà di gente che dovrebbe rimanere in galera. Purtroppo il nostro sistema giuridico è molto garantista nei confronti di chi delinque, ciò è derivato dal fatto che, dopo venti anni di dittatura, il legislatore temeva un uso scorretto della giustizia. Quei tempi sono cambiati, credo sia necessaria una revisione del Codice, apportando più severità, una severità che non significa Giustizialismo, ma semplicemente Giustizia. Ricordiamo che per ogni persona che delinque, esiste almeno una persona che è vittima di quel reato. Difendiamo le vittime e puniamo i colpevoli, con la giusta severità. Sono certo che l'Italia andrà meglio.
www.lineagoticafight.blogspot.com


Sono d'accordo con best per quanto riguarda Ballarò di ieri sera, spettacolo indecente. Secondo me l'unica cosa sensata l'ha detta Mieli e cioè che il caso De Magistris costituirà un gravissimo precedente per il csx; quando lo psiconano tornerà al governo (cosa poveri noi ineluttabile) con quale credibilità ci si potrà opporre ad eventuali (anzi probabili) leggi ad personam? Secondo me non si può continuare a sostenere questo scempio per la paura che torni Berlusconi. Stanno facendo le peggiorgi porcate, i peggiori compromessi mentre ci agitano davanti questo spauracchio. Che lo psiconano torni al governo, purtroppo, è inevitabile. Cosa possiamo fare? Dobbiamo appoggiare un partito democratico pieno di dinosauri che sono il peggio della politica italiana degli ultimi 30 anni? O Di Pietro di cui non condivido tante idee ma che almeno in fatto di legalità dovrebbe (uso il condizionale) essere una garanzia? O strappare in piazza i nostri certificati elettorali? Mai come in questo momento le mie certezze vacillano. Un saluto a tutti.


# 121    commento di   fioredicampo - utente certificato  lasciato il 24/10/2007 alle 10:8

L'inquisito che giudica il Giudice. Solo in Italia può succedere.
fioredicampo.ilcannocchiale.it


Se la lettera (riportata da "inoriente") da "Lettera al Direttore" di Repubblica è vera è scandalosa. Non parlo della ingenuità del sig. Lieber ma della risposta del direttore. Risposta di una superficialità e di una mancanza di rispetto incredibile e per di più pronunciata da un giornalista nei confronti di altri colleghi; da un direttore nei confronti di un suo Giornalista (Travaglio). Questa è una dichiarazione da rubrica tipo:"Lettera a James Bondi",o "Lettera a Fessino" (...scusate Fassino)o "Lettera al Tweed Bertinotti". O per andare sui simil-giornalisti:"(In)via col vento a Rossella" o "Velina a Giordano" o "Abbaia a Emilio Fido" Se la lettera è vera è disarmante pensare che il direttore di uno dei pochi giornali decenti del nostro Paese abbia una così bassa opinione del lavoro che fa. Riduce tutto alla ricerca dei soldi e del successo!!! La questione morale purtroppo non c'è solo all'interno dei Partiti ma c'è anche nella politica (Polis)che facciamo noi cittadini. Gianpaolo "Qui Storo Libero"


per Gianpaolo Pasi: la lettera al Direttore di Repubblica e' vera, e anche la risposta, e' tutto online oggi. E' per questo che l'ho riportata qui, aggiungendo solo un pensoso "uhm..." che dire?


Condivido lo sdegno di Gianpaolo Pasi... se ciò che ha scritto il "presunto " direttore di Repupplica è vero chi ci resta da credere in Italia? Marco Travaglio, Peter Gomez sono le uniche persone che ho visto dal vivo e mi sembravano credere in ciò che dicevano, ci mettevano passione in quello che facevano. Io non penso che prendere denunce per ogni cosa che scrivi sia bello e non penso che lo facciano per pubblicità, ma forse lo facciano perchè....CREDONO IN QUELLO CHE DICONO!!!!! Cascasse il mondo il 30 ottobre vado a Torino per sentire marco che legge alcuni articoli di Montanelli.. è una delle poche persone che mi piace ascoltare e contemporaneamente non penso che sia una scimmia che mangia una banana (pensiero che ho quando parla lo psiconano)


la questione morale, come diceva il ragazzo siciliano insultato da Cuffaro, per moltissimi italiani comincia dalla culla, anzi prima ancora di nascere, quando per partorire e' meglio se ci hai un amico che conosce un'ostetrica che conosce un bravo ginecologo che al momento giusto ti puo' trattare meglio delle altre partorienti in fila, elevandoti al rango di privilegiato/a... e continua con il sorteggio della sezione migliore a scuola, con l'esame d'accesso all'universita', le multe, i permessi edilizi, il mutuo, la ricerca del posto di lavoro... "SENTI, IO CI HO UN AMICO CHE..." "SENTI, CHE CONOSCI QUALCUNO CHE..." e' ENDEMICOOOOOO!!! SIAMO INFETTATIIIIIIII !!!! E su questo bisogna lavorare, sui nostri figli, su noi stessi. Per cominciare a fare quello che diceva il Presidente Sandro Pertini, basta cominciare a rinunciare al famoso "aiutino", e farlo senza paura di essere fregati dai piu' furbi. IO DICO CHE CE LA POSSIAMO FARE


Forse la vicenda è più torbida di quello che pensiamo. Sembra che sabato pomeriggio la segretaria di De Magistris sia stata chiamata in procura in tutta fretta ed obbligata ad aprire la cassaforte che conteneva le carte dell'inchiesta. Inserisco parte di un post di Giorgio Durante pres. dell'associazione calabrialibre. Adesso ci rubano anche la speranza Come ladri veri, si sono introdotti nottetempo negli uffici della Procura per mettere le mani, sulle carte di Why not, perché tanta fretta? Sotto inchiesta erano i comportamenti del PM de Magistris, non le carte che supportano le indagini. Ci viene il sospetto che l’obiettivo di questa operazione da intelligence, non era de Magistris ed i suoi comportamenti ma il contenuto delle carte che questo deteneva. Cosa c’è in quelle carte, forse già nell’inceneritore, oltre alla nostra speranza di riscatto, e di giustizia?


Lo schifo sta crescendo. Ieri ho quasi perso le speranze, ma poi mi sono detto..ma chi è che ha dato la fiducia a Mastella? Prodi che è indagato con lui e Fassino che ha torbide questioni con le scalate bancarie. Quindi è come se Berlusconi avesse dato fiducia a Previti. Il Cavaliere, dal canto suo, tace sulla vicenda perchè gli conviene. Quindi bisogna continuare a lottare e far sentire la voce grossa a questi polituncoli. Comuque il Centro Sinistra ha imparato bene la lezione dal Centro Destra: soffocare l'informazione e la magistratura.


# 128    commento di   elfoscuro81 - utente certificato  lasciato il 24/10/2007 alle 11:24

Rimpiango di aver passato ore al bar della scuola durante le lezioni di educazione civica. Quel che mi domando è se: esiste un sistema di controllo che garantisca l'indipendenza dei poteri dello stato e; se esiste, chi è che se ne occupa. Gli articoli della Costituzioni citati in questo articolo creano una profonda agitazione ed inquietudine. Parlo sul serio ! Chi si occupa di stabilire se quegli articoli siano stati violati o meno ? Un cittadino può denunciare lo Stato Italiano o qualcun altro per violazione dell'articolo 104 ? Ho subìito la notizia dell'avocazione (termine che ho imparato da poco) del pm De Magistris e, malgrado il dispiacere, questa volta non me la sono presa più di tanto, quasi fossi preparato ad una notizia del genere. Sono frustrato e non so come uscirne: leggo forum, m'informo, commento, firmo per petizioni, proposte di leggi popolari, partecipo a convegni e manifestazioni, ma, in sostanza, il mio contributo al cambiamento è nullo Faccio parte di questa società come pedone mentre vorrei essere alfiere o torre. Io maledico il giorno in cui lessi il primo libro di Travaglio; se non l'avessi fatto, oggi, sarei meno informato, più superficiale ma, forse e dico forse, molto più sereno. Da "Intoccabili" in poi soffro di continui attacchi di ulcera. Grazie tante Marco.


Incredibile ma vero. Il commissario europeo alla concorrenza Kroes mi ha risposto ad una mail che le avevo inviato qualche tempo fa chiedendo delucidazioni e chiarimenti sul caso Europa7/Rete4. Non riporto la mail, in quanto è troppo lunga, comunque vorrei evidenziare 2 cose: 1) Le conclusioni dell'avvocato generale della Corte di Giustizia della Comunità Europea Poiares Maduro sono state presentate il 12 settembre 2007: http://curia.europa.eu/jurisp/cgi-bin/form.pl?lang=IT&Submit=Rechercher$docrequire=alldocs&numaff=C-380/05&datefs=&datefe=&nomusuel=&domaine=&mots=&resmax=100 Danno chiaramente ragione a Europa 7 2) Il commissario Europeo Kroes MI HA RISPOSTO!!! Mi dite qual'è un istituzione italiana di pari importanza che si sarebbe degnata di dare spiegazioni esaurienti (nomi, date, fatti) ad una richiesta di un semplice cittadino? Facciamoci commissariare!


Buongiorno a Tutti, qualcuno sa se è disponibile il video online della serata del 22/10? Se cosi fosse, sarebbe così gentile da postare il link? Grazie. Saverio


DOBBIAMO ORGANIZZARE MANIFESTAZIONI IN TUTTE LE CITTà, PORTARE IN PIAZZA PIù GENTE POSSIBILE! MA FACCIAMOLO CAZZO!!! FACCIAMOLO AL PIù PRESTO! Li voglio vedere tutti come Craxi! Mastella,Prodi, Berluska, Casini, Fini, D'Alema, Fassino, Bossi e la lista è lunghissima TUTTI AD HAMMAMET!!!!!!!!


Mi chiedo come mai una questione come quella riguardante l'effettiva destinazione dei fondi europei non venga trattata e traslata alle autorità europee. In fondo quelli sono soldi anche degli altri stati membri. E non credo che uno svedese sia contento che soldi "suoi" vengano intascati dalla 'ndrangheta. Già il caso della strage di Duisburg ci ha mostrato quanto sia superiore l'incisività, grazie anche ad un humus civico più sano, dell'azione investigativa all'estero: già dopo qualche ora molte testimonianze, filmati. Che ha poi portato all'arresto dei responsabili. Forse la lotta investigativa alla mafia è un affare che dovremmo lasciare a chi è capace di farla... Forse quando i suoi tentacoli arriveranno in Germania o in Francia o in Olanda, avremo la speranza che cessi questa piaga.
cavoliamari.splinder.com


Ok, come sempre ci sfoghiamo con un florilegio di 'che schifo', 'indegno','non ci sono parole' etc etc...quindi?Provate a leggere i post degli articoli precedenti, SONO SEMPRE TUTTI UGUALI.La verità è ora come ora abbiamo come unico potere la lamentela.Non abbiamo mezzi ne la possibilità di fare qualcosa di attivo per spedire questa gentaglia (di destra e di sinistra) a lavorare in una miniera.Ma da quando la situazione è così grave?Da quando il cittadino non ha più un'alternativa ad un governo illegittimo?


Da che, a mio parere, c'è stato l'avvento del bipolarismo.Ovvero le coalizioni sono queste, se vuoi tizio sappi che ti dovrai sorbire anche caio, non hai alternative. E sappi anche che quello che se voti tizio, non potrai fare a meno di caio, perchè senza di lui la coalizione si sfascia. PERCHE' PRODI NON MANDA A CASA QUEL DEMENTE DI MASTELLA???PERCHE' SE LO FACESSE PERDEREBBE LA MAGGIORANZA E, DI CONSEGUENZA, L'ADORABILE POLTRONCINA. Io ormai sono avvilita, mi rifiuto di andare a votare alle prox elezioni.


Dal MEETUP DI LECCE (salentini uniti con Beppe Grillo) si parla del passato inquietante di DOLCINO FAVI, facendo riferimento a un documento datato 1989. Non pubblico tutto solo per motivi di spazio, ma invito i nostri beniamini (Travaglio in primis) ad approfondire la faccenda per illuminarci in proposito :)




spero solo che il miracoloso arresto di quel panzone si avveri al più presto...


Caro Marco il problema resta sempre lo stesso. Appena un magistrato compie il suo dovere fino in fondo, indagando su politici e altri personaggi di potere, viene immediatamente additato, insultato, rimosso dal suio incarico...solo perchè compie il suo dovere! Qui mi sembra che si stia veramente superando ogni limite. La giustizia italiana è in mano ad un incompetente che si permette di dare dell'analfabeta ad un suo "collega" solo perchè quest'ultimo inizia a sentire puzza di bruciato e di "porcherie" varie. Prodi si indigna e detta dei diktat piuttosto severi ai suoi alleati. Ma dove siamo arrivati? Che razza di paese è questo? Pur di rimanere al potere tutti questi signiri svenderebbero le loro madri senza contare i danni che producono a livello sociale. Ma, come ha già detto qualche amico del blog, la sola indignazione non basta più. E' ora di fare veramente qualcosa di costruttivo noi qui alla base. Almeno pensare alle alternative possibili! Ogni volta che leggo o ascolto te caro Marco, Beppe Grillo, Gomez, Corrias et al. sale la febbre del mio schifo riguardo al'attuale nomenklatura di governo. Però ripeto il solo schifo non basta, dobbiamo tutti reagire in qualche modo firmare appelli, disertare le urne, insomma portare avanti delle piccole rivoluzioni che facciano capire a chi ci governa che è veramente ora di cambiare mentalità e rispettare soprattutto la dignità delle persone.


A questo punto davvero c'è da rimpiangere il signor Gelli Licio, il quale,perlomeno,difendeva i propri pensieri e programmi con dignità.Si sapeva quello pensava;si sapeva ,nero su bianco,quale sarebbe stato il suo programma .Dalla p2 ad oggi non è cambiato nulla nella sostanza, solo nei modi. Prima i magistrati sapevano quale era il nemico della democrazia.Ora non c'è nessun nemico , sono tutti falsi amici ,dai quali è difficilissimo difendersi , in quanto si professano tutori del nostro stato e della democrazia , e nella realtà dei fatti si dimostrano fedeli adepti del famopso programma piduista.


a parte la questione dell'incostituzionalità, prassi politica dalla costituente del 1946, poi diventata un merito e sbandierata in piazza dal 1993 circa, la situazione di mater mastellarum è ancor più evidente se si circoscrive il campo della sua legalizzata ingerenza al "mero" conflitto di interessi: "io Mastella, ministro della giustizia, appena so di essere indagato da un pm ne chiedo l'immediato trasferimento con urgenza", richiesta peraltro che deve essere motivata, e non con le sue ceppaloniche arringhe; e quella certa sinistra che doveva in tutti i modi eliminare quei conflitti di interessi che ammorbano l'Italia? Ah scusate, dimenticavo il vicepremier!



Mostra tutti i commenti


commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti