Commenti

commenti su voglioscendere

post: Scoprite la differenza

Segnalo due notizie apparse sulle colonne de "L'Unità". La prima: sabato 3 novembre il ministro Antonio Di Pietro scrive a Marco Travaglio , che lo aveva aspramente criticato, ammettendo di essersi sbagliato: il voto contrario dell'Italia dei Valori alla commissione d'inchiesta sul G8 di Genova, dice il ministro, è stato un errore . Certo, Di Pietro continua a difendere le ragioni, a mio parere non condivisibili, che hanno spinto il suo partito a votare in quel modo. Ma dice: «ho sbagliato nel non essere riuscito a trovare una soluzione politica nell´ambito della coalizione in materie che - con il dialogo e la reciproca comprensione - potevano trovare una giusta soluzione». Seconda notizia: domenica 4 novembre il ministro Clemente Mastella viene intervistato ... continua



commenti



Caro Marco, venerdì 2 novembre guardavo RaiUtile sul digitale.Alle 14 inizia una trasmissione intitolata "Mafia,camorra e 'ndrangheta".In studio 4 ospiti.Si parlava dell'omicidio Fortugno e del suicidio di Piccolo,unico pentito.Intorno alle 15 quando la trasmissione arrivava alla sua conclusione,uno degli ospiti,il Sig. Mario Tassone,vice presidente della commissione parlamentare antimafia,circa i rapporti tra politica e mafia dice:"La politica ha bisogno della mafia".Ora,la faccia della giornalista conferma,presumo che sia una frase di una gravità enorme e spero di non averla sentita solo io! Speriamo di riuscire a cambiare questo Paese...


di pietro che ,a mio avviso,fino ad ora ,aveva dato la parvenza di essere un po' piu' responsabile degli altri suoi soci, ha fatto una bella figuraccia.nominare il programma dell'unione ormai sembra una barzelletta...non ce n'e' uno che abbia un briciolo di dignita'. l'Innominato e' letteralmente vergognoso. basta dire che ,dati alla mano,quando e' stato messo di fronte al fatto che entro i prossimi 6 mesi la situazione delle carceri tornera' ad essere tale e quale a prima dell'indulto, ha risposto:" figuriamoci se non ci fosse stato l'indulto". se non fosse perche' ricopre la carica di ministro della giustizia e vive sulle mie spalle come uno schifoso parassita e per di piu' dalla dubbia condotta lo troverei quasi ridicolo. in realta' se lo devo mantenere a questo punto preferirei mantenerlo ad hammamet.VIA DALL'ITALIA. preferisco i rom.


In effetti il clima non è dei migliori, io sono di Roma, da tempo non si sentiva blaterare di ronde e bastoni, sembra che la criminalità sia solo di marca straniera. Un giorno si e l'altro pure escono manifesti che incitano alla violenza indiscriminata verso lo straniero, il clandestino, l'extracomunitario. Si incita a tenere la schiena dritta e a cacciare gli invasori in nome di una non meglio precisata appartenenza di sangue. Di questo mi sento di ringraziare la classe politica tutta, dalla sinistra supergarantista che preferisce permettere condizioni di vita da favelas piuttosto che lavorare coerentemente per delle concrete politiche dell'integrazione che educhino alla convivenza multiculturale, agli sceriffetti "demoriformisti" che inseguono il popolusismo forzista, alla destra in doppiopetto di quel galantuomo di Fini, che si mette a fare comizi improponibili e sciacallaggio mediatico sul corpo ancora caldo della vittima innocente di un'assurda tragedia fino ai neofascisti che rialzano la testa coprendo gli spazi aperti dall'incompetenza della pletora di parassiti che manteniamo in parlamento. Poveri fascisti! Alle fiaccolate che propongono non ci va nessuno, collezionano iniziative fallimentari nel tentativo puerile di generare consenso sulla pelle dei morti. Ma Roma sta dimostrando ancora una volta la sua grandezza millenaria, frutto di una tradizione di dialogo ed apertura verso il prossimo che non riusciranno a cancellare. W la libertà!


# 4    commento di   SabrinaDiNapoli - utente certificato  lasciato il 4/11/2007 alle 22:14

Io provo a crederci nel partito di Di Pietro e, siccome provo a crederci, ci milito. La militanza come modo di voler vedere e voler capire, prima e provare a fare, dopo. Perchè la mia alternativa sarebbe stata altrimenti non crederci assolutamente più, alla politica, non votare assolutamente più. Se ci pensiamo nulla come la disillusione dei tanti rafforza la Casta in politica, nulla come la disinformazione rafforza gli altri poteri forti da cui la politica trae spinta. Ecco, per me la differenza è questa. Ascoltare un giornalista, che si spera sia neutrale e saper allungare lo sguardo al bene comune, e dire ho sbagliato. E, magari, ricordare che Di Pietro con IDV l'indulto non l'ha votato.
www.SabrinaDiNapoli.ilcannocchiale.it


BASTA CON IL FINANZIAMENTO PUBBLICO AI GIORNALI! per chi suona IL CAMPANILE -consulenze,voli,contratti benzina e case.E persino torroncini e panettoni.Pagati dal giornale Udeur e usati da mastella&C.Grazie anche ai fondi pubblici-Qualche esempio? .40 mila euro pagati a clemente mastella per la sua"collaborazione giornalistica" nel 2004; .14 mila euro usati per acquistare torroncini di Benevento, per regali a politici e giornalisti; .biglietti aereo per familiari del segretario; .12 mila euro incassati dallo studio del figlio,Pellegrino Mastella,e i 36 mila euro risucchiati in 3 anni dalla sua società di assicurazioni; .141 mila euro per spese di rappresentanza; .17 mila euro, pacchi, dolciumi e torroni, natale 2005; .2 mila euro al mese fino all'inizio 2006, usufruiva della benzina anche Pellegrino Mastella, per il la sua porsche cayenne; .ecc.ecc. (fonte espresso). Si può tollerare tutto questo!? se lo moltiblichiamo per tutti i giornali che il nostro amato paese paga, ci rendiamo conto quante risorse vengono sottratte alle reali esigenze che il paese ha:strumenti adeguati per il funzionamento delle procure,eliminare accise sulla benzina,risorse per le pernsioni maturate,mezzi e benzina per le forze dell'ordine di qualsiasi corpo, cancellazione dell'ici sulla prima casa. BASTAAA!!! all'indecenza bisogna porre fine!!! appropriamoci della legalità e della giustizia, mandiamoli a casa questi schifosi che mal ci rappresentano.VERGOGNA!!!
uomo triste deluso e incazzato


LA PAURA PORTA A DESTRA: Il deplorevole espisodio dell'aggressione squadrista a 4 rumeni, ne è la conferma. La paura porta a destra. Fu così che negli anni '70 in Italia si visse la strategia della tensione, che aveva un obiettivo preciso, quello di consegnare il paese alla destra, facendo leva sulla paura dei cittadini. E' un fatto psicologico, se si ha paura scatta l'autodifesa, si chiedono misure repressive molto forti, talvolta oltre il limite della legalità. La sinistra deve essere conscia di questo, se non si prendono i provvedimenti necessari, il paese rischia di andare in mano all'estrema destra. Servono provvedimenti decisi contro la criminalità, ma alternativi a quelli della destra. Se ciò non si fa, si spalancano le porte a Forza Nuova. In Europa già numerosi Stati stanno vivendo questa deriva a destra, la cui colpa sta anche nelle sinistre che non vogliono o non sanno affrontare certi problemi. Affrontare il problema da sinistra, significa non consegnare il paese alla destra, se non si fa ciò, si diventa complici morali degli squadrismi.
www.lineagoticafight.blogspot.com


# 7    commento di   QuasiSerena - utente certificato  lasciato il 5/11/2007 alle 9:32

"La punizione del saggio che rifiuta di prendere parte al governo è vivere sotto il governo di uomini peggiori di lui" é sempre Platone...secoli fa...




# 9    commento di   LiberaCittadinanza Under40 - utente certificato  lasciato il 5/11/2007 alle 10:15

Sabrina, comprendo i tuoi timori però non puoi negare che negli ultimi passaggi di questo governo si stiano evidenziando tutte le incapacità politiche del ministro di pietro. Prima cavalchi l'onda grillina (e dove eri fino a 2 mesi fà?), poi guerreggi con mastella ergendoti come paladino della giustizia e della morale e poi, zittito, non hai la benchè minima dignità morale e politica di dimetterti da una compagine governativa che sta lasciando passare tutto ciò. E perchè mai non si potrebbe dimettere? per paura di lasciare l'Italia a b.? Perchè devo arrivare a credere, che in fondo in fondo, pure il caro dipietro non avrà mai l il coraggio di mollare quella cara poltroncina? Forse perchè lo ha fatto già una volta e ha visto che mollare non serve a nulla? www.lbunder40.ilcannocchiale.it


Vedo che è stata aperta la fiera dell'ipocrisia!Permettetemi di intervenire, allora!Vedo che alcuni preferiscono i rom,altri che pensano che ad uccidere e stuprare siano le fiaccolate dei nostalgici,ma che idee chiare che abbiamo,molto bene. Nicola, la paura non porta a destra,ma se facessero qualcosa ad un tuo familiare, sono pronto a scommettermi una mano che per la rabbia in galera ci finiresti pure tu dopo un atto sconsiderato di rappresaglia.Perchè?Perchè siamo esseri umani e non contano le nazionalità dei criminali.Conta il fatto che siamo stanchi che persone inutili come gli ultimi due sindaci di Roma abbiano ridotto la capitale ad un brodo di lascivia corruzione e delinquenza, altro che millenaria tolleranza.A proposito, eretico, leggitela bene la storia della tua città, i Romani sono SEMPRE stati impauriti dagli estranei, hanno vissuto e regnato sulla difensiva e non hanno mai accolto, semmai invaso per paura di essere invasi, qunidi non raccontiamoci palle sulla millenaria tolleranza.E prima di dire che se capitasse a voi, quello che è successo alla defunta signora Reggiani, di qualunque nazione fosse il maiale che l'ha ridotta così,voi sareste per la tolleranza, provate a pensare al suo dolore e a quello di un marito che l'ha vista squartata e gonfia di cazzotti,POI PARLATE di tolleranza e di comprensione.Qualcuno gioca con le armi del nemico, tendando di farne una questione di razzismo.Non ci provate neanche, non siamo nati ieri. Un saluto.


Purtroppo devo dire che sono daccordo con gianluca sull'affare dei rom. Vivo a Torino da sono calabrese doc e credeti quando dico che c'è da avere paura ad andare in giro...non può essere che nelle nostre città dobbiamo avere paura e chi viene da fuori può spadroneggiarvi...!! Non si tratta di razzismo ma di buon senso...quando noi italiani andiamo all'estero stiamo con 2 piedi in una scarpa..chiunque viene qua...e parlo di chiunque non solo rom...va che cazzo gli pare e NESSUNO, compresi i poliziotti, dicono niente..Non si tratta di politica ma di puro senso civico...




Io non capisco perchè bisogna sempre ridursi ad agire in emergenza, mai un provvedimento tempestivo, mai un'idea lungimirante ci si muove (spesso male) solo quando la mer#a arriva nel ventilatore. E allora si fanno solo decreti per affrontare problemi immediati che sono spesso resi inefficaci dalle lungaggini della giustizia e dall'ambiguità causata dal modo in cui sono scritti. Certo questo problema Rom dà al centrodestra l'opportunità di magnificare la loro terrificante Bossi-Fini che è stata presentata come una legge molto restrittiva. Peccato che rende molto difficile entrare legalmente in italia ma è praticamente inefficace per quanto riguarda l'espulsione di coloro che sono nel nostro paese clandestinamente.


Che sia onesto e non arrogante nessuno ne dubita. Ma avete visto l'imitazione di Marcorè dalla Dandini?... ineccepibile. MArcorè è di un'intelligenza rara. Non si poteva rappresentare meglio la figura politica di dipietro (che esula da quella di persona stimata e rispettabile umanamente). Il punto è che con un ingenuo come di pietro i mastella gongolano. E allora ci si può far rappresentare un ingenuo se ci sono squali intorno? MA questo non è il peggio. Qui vi sto chiedendo se nel momento che un ingenuo si scopre raggirato cosa fa? Uno coerente protesta facendo saltare il raggiro. Perchè è ancora in questo governo inguardabile? Qualcuno sa rispondere? www.lbunder40.ilcannocchiale.it


Scusate, riposto: Il punto allora è che con un ingenuo come di pietro i mastella gongolano. E allora ci si può far rappresentare da un ingenuo se ci sono squali intorno? MA questo non è il peggio. Qui vi sto chiedendo, nel momento stesso che un ingenuo si scopre raggirato cosa fa? Uno coerente protesta facendo saltare il raggiro. Perchè è ancora in questo governo inguardabile? Qualcuno sa rispondere? www.lbunder40.ilcannocchiale.it


Gli errori si pagano!!! E noi lo sappiamo bene. Cacchio!!!!


inchiesta "why not", aggiornamenti: http://www.ilsecoloxix.it/italia_e_mondo/view.php?DIR=/italia_e_mondo/documenti/2007/11/04/&CODE=495bb9b8-8ab2-11dc-b251-0003badbebe4 oggi almeno c'è la bella notizia dell'arresto dei boss piccolo... deo gratias! \o/


Gianluca sono d'accordo con te sul fatto che di certo non si può parlare di tolleranza nei confronti di quel maiale che ha ridotto in quel modo (e ucciso) una persona, una donna. Ma c'è un ma bello grosso in mezzo:noi popolo italiano. Rom, extra-comunitari e affini di certo commettono crimini e a volte rendono le città meno sicure per questo motivo, ma non lo fanno da soli. Siamo noi che gli diamo la possibilità di farlo! E come la diamo a loro, la diamo anche agli italiani che commettono crimini, uccidono , stuprano. Il problema principale è che il nostro non è un paese prima di tutto civile e poi sicuro. Quante persone sono state aggredite in pieno giorno? Quanti hanno fatto qualcosa per impedirlo?Anche solo chiamare la polizia? Qua è pieno di gente ( e il parlamento nè è la prova) a cui non gliene frega un cazzo del prossimo, ma guarda e passa avanti, come diceva Dante. E poi non è vero che i poveri "Romani" sono sempre stati impauriti dagli estranei, leggi meglio i libri di storia.L'impero romano era composto da nostri avi e quindi non esattamente angeli scesi dal cielo a vedere anche solo come siamo diventati noi. Per quanto riguarda Di Pietro... ha sbagliato, ha toppato in modo atroce negli ultimi giorni.Ma mi ha colpito leggere sul suo blog le sue scuse.E mi ha colpito ancora di più il fatto che abbia risposto a dei perché di un giornalista con modi tranquilli. Sbaglia anche lui, certo, e tanto, ma in mezzo a quella gentaglia è il migliore.


A me che Di Pietro sbagli e poi chieda scusa mi interessa poco. Il problema è che sta facendo anche lui un sacco di errori. L'ex pm ne sta combinando di tutti i colori, un 'uguale e contrario' a Mastella ma con la stessa capacità devastante di un elefante nella cristalleria del governo Prodi.


a mio parere Di Pietro ha dimostrato la sua malafede nella logica del ragionamento che ha fatto per giustificare il fatto di aver votato contro l'istituzione della commissione dice infatti che è contrario ad una commissione giustizialista e a senso unico nei confronti delle sole forze dell'ordine. sarebbe favorevole ad un'attività di chiarimento svolta a 360 gradi: riguardante cioè sia quanto compiuto dai manifestanti che dalle forze dell'ordine evidentemente dimentica che il programma per la cui attuazione siede al suo attuale posto prevede di far luce sulla sospensione della democrazia avvenuta a Genova per le azioni compiute dalle forze dell'ordine -coordinate da politici di destra appena insediatisi a governare secondo un'organizzazione dell'ordine pubblico predisposta dal precedente governo di sinistra (D'Alema)- Una sospensione dello stato di diritto denunciata all'epoca da Amnesty International. In quella sospensione dello stato di diritto i manifestanti ed il loro operato c'entrarono NULLA!!! Di Pietro si sta comprando un posticino nell'eventuale prossimo governo di centro-destra


caro gianluca, credimi che come donna sono stata MOLTO scossa per cio' che e' successo a Tor del Quinto. sono indignata di fronte alla crescente violenza verso le donne. non parlo solo di stupri e aggressioni. mi riferisco anche allo SPORCO TRAFFICO di carne umana. nessuno vuole spezzare una lancia per i delinquenti: ho gia' scritto altrove che dovrebbero essere messi in una cella e buttata via la chiave.sono una mamma, ho una sorella, temo per tutte le donne. ma VOGLIAMO PARLARE DI TUTTE QUELLE RAGAZZE RUMENE, ALBANESI ,MAROCCHINE etc etc, che vengono portate qui come schiave, trattate come carne da macello, umiliate , violentate, picchiate, minacciate e talvolta anche uccise? tante di loro sono minorenni. sono ragazzine. quanti italiani approfittano di tutto questo per I LORO PORCI COMODI , politici compresi come abbiamo visto? RIPETO non vuole essere un'attenuante per chi ha mostrato tanta brutalita' (che non e' giusto strumentalizzare), ma una differenza c'e' . i rom saranno gente buona o cattiva ( se non sbaglio e' stata una rom a mettere i carabinieri sulla pista dell' aggressore), tanto quanto noi italiani. cerchiamo di non essere ipocriti e non chiudiamo entrambi gli occhi di fronte a coloro che di giorno brucerebbero gli extracomunitari sul rogo e poi la sera, prima di tornare a casa dalle loro mogliettine e dai loro figli, vanno in cerca di carne giovane su cui sfogarsi. la violenza su un' italiana scandalizza, la violenza sulla ragazzina albanese?


Giorgia,ti ringrazio per la risposta, anche perchè mi dà modo di chiarire il mio pensiero.Ho già affermato senza timore che non si tratta di razza,nè di modalità di applicazione della violenza,nè tentavo di strumentalizzare una morte annunicata,figuriamoci.Ma ci sono dei punti su cui non transigo:1)la città di Roma, soprattutto nell'ultima legislatura comunale, è diventata di un caos indegno;2)non si può far finta che non ci sia un problema grave di mancanza di integrazione e non dipende questa volta dagli italiani,ma dalla scarsa volontà di alcuni stranieri che arrivano qua;3)è deplorevole allo stesso modo che vi siano italiani che incrementano il giro economico della criminalità. Detto questo mi sembra che, soprattutto il neo capo del Pd Veltroni stia giocando a rompere il termometro, per non sapere di avere la febbre, dicendo: "L'Unione Europea deve intervenire". Rispondete tutti a questa domanda:ma lui, sindaco di una delle città più importanti del mondo, dove era, scusate?Ora viene fuori che era Barroso o Solana il sindaco di Roma?E' questa la cosa che mi spinge a dire:siamo concreti.Ma uno come Rudy Giuliani cosa doveva fare, governando una città grande come la Lombardia?Suicidarsi?La politica manca,i colpevoli sono coloro che chiamano lo stato di emergenza, quando dovrebbero solo fare applicare la legge esistente.Non mi sembra una cosa difficile da fare.


La direttiva UE sull'immigrazione, tanto richiamata nei giorni scorsi, è la seguente: Direttiva/2004/58/CE Gli articoli 22 e 23 di questo trattato, definiscono la possibilità di restrizione alla libera circolazione per motivi di ordine pubblico, di pubblica sicurezza o di sanità pubblica. Misure da adottare con principio di proporzionalità, recita la direttiva. L'UE si è già pronunciata in modo contrario alle espulsioni di gruppo, prevedendo la possibilità di effettuare solo quelle individuali (ai sensi della direttiva precedente). Nel frattempo il premier rumeno chiede giustamente a Prodi di fermare una possibile onda xenofoba in Italia. La soluzione del problema va concertata tra i due paesi. Il premier rumeno non dice però di avere fatto il furbetto (gli altri paesi europei si sono subito adeguati all'ingresso della Romania, mentre l'Italia ha dormito, subendo così un'invasione di massa incontrollata). Egli ha dichiarato che "molti dei loro galeotti, appena usciti dalla galera, si sono presentati alla frontiera per espatriare", aggiungendo che non potevano fare nulla. Invece no, poiché gli Stati possiedono dei dispositivi per impedire l'allontanamento dal proprio territorio di persone socialmente pericolose. Non si può spostare i propri problemi agli altri Stati UE, non è un bel modo per entrare in Europa... (e la Romania, questa è una mia opinione, come altri stati new entry, non era assolutamente pronta per entrare in Europa). La Romania deve tenere dentro al proprio territorio i suoi criminali e non, come ha fatto, esportarli all'estero, sperando che l'ingresso nell'Unione risolva loro anche questo problema. L'Unione Europea favorisce l'integrazione ma ma è necessaria la correttezza reciproca, altrimenti salta tutto. Ma forse sotto all'ingresso nella UE di questi paesi, c'è nascosto un interesse economico degli Stati più potenti... Staremo a vedere (alla prossima puntata...).
www.lineagoticafight.blogspot.com




salve,volevo dire che a Messina tra un pò si vota per rieleggere il sindaco e i vari annessi:comune quartiere e via così.Già le prime sanguisughe si sono fatte avanti,io ho detto loro che non avrei votato perchè non mi vedo rappresentata da nessun colore politico almeno fino ad ora,poi mi sono detta:ma allora questi non hanno capito niente?allora le cose sono due:o tutto quello che si è smosso in Italia a Messina non lo hanno neanche percepito o sono troppo sicuri del controllo sulla citta.Cosa devo dire?Ascolto suggerimenti,ma qui siamo proprio terraterra.Grazie


Cavalo è saltata la commisione d'inchiesta sul G8! E' saltato un'altro punto del programma politico dell'Unione! Bhe! Stiamo tranquilli non è successo nulla di che, tutto ciò è normale: l'Unione è salita al governo grazie ad un programma politico, che non è stato rispettato. Tutto è nella norma non esiste il benchè minimo motivo di preoccupazione. Per quanto riguarda Madre Mastella di Calcutta sarebbe meglio sorvolare, ormai è come sparare sulla Croce Rossa. Provo veramente pena per quell'uomo, che si incarta su qualsiasi pensiero voglia esprimere. Comunque a parte gli scherzi, oggi, in Italia, sembra di rivivere la Domenica delle Salme e a pensarci bene tutto ciò è terrificante. Maria Francesca


E' stato un provvedimento sbagliato, non c'e' dubbio, ma in alternativa cosa sarebbe successo, le prigioni erano e lo stanno diventando di nuovo,con una densita' di carcerati improponibile, se non avessero deciso di farne uscire una parte, molto probabilmente ci sarebbe stata una rivolta nei penitenziari di difficile evoluzione, ho s'investe di piu' su nuove carceri,oppure si trovano innovative forme di detenzione,tipo braccialetto elettronico, altrimenti possiamo fare molti bla,bla e chiacchericci ma fine a se stessi. Un ultimo particolare sui costi delle prigioni,ogni detenuto costa intorno ai 300-400 euro al giorno considerando le strutture e gli stipendi di chi vi opera,se vogliamo ampliare le finanziarie economiche per migliorare la situazioni dell'ordine pubblico bene, altrimenti giriamo pagina e cambiamo anche libro.
http://freedomlibertadiparola.myblog.it


Mi sembra lampante, dalla prospettiva del cittadino che non si intende di "politicanza", che non ci sia alcuna differenza sostanziale tra l'operato di Di Pietro e quello di Mastella: entrambi hanno commesso un errore! Forse Di Pietro la sa più lunga...e forse non è così casuale che entrambi si siano incontrati dalla stessa parte sul voto della commissione d'inchiesta sui fatti del G8.


Indulto o no, quale che sia il problema come la mettiamo col fatto che da qualche giorno a questa parte, dopo la vicenda di Roma, la giustizia italiana è stata messa alla berlina? E' giustissimo, la giustizia italian style non funziona, ma ce ne accorgiamo ora? Non rischiamo, come al solito, di riempire pagine e pagine di carta stampata e schermate di televisori con insulti e denigrazioni al sistema per poi lasciare che qualcos'altro attiri la nostra attenzione e per l'ennesima volta tutto rimane esattamente com'era? Ma forse ammettere di non essere capaci a gestire le cose è pretendere troppo.


Di Pietro, nel suo blog, ha ammesso di essersi sbagliato ma NON per non aver votato a favore della commissione di inchiesta! DI Pietro non vuole la commissione parlamentare d'inchiesta. Di Pietro ammette il suo errore, nel suo blog, dicendo che il modo con cui ha affrontato la vicenda è stato fraintendibile. Attenzione, non confondiamoci le idee!


# 31    commento di   Andrea Sacco - utente certificato  lasciato il 5/11/2007 alle 21:59

Rispondo a Claudio: non ho visto la puntata di RaiUtile e vorrei reperirla perchè la frase di Tassone è certamente grave ma è anche una frase di denuncia. Meglio certo di quella schifezza di "bisogna convivere con la mafia" di Lunardi. Allo stato attuale affermare che la politica ha bisogno della mafia è una constatazione fin troppo timida. E' peggio.
http://www.pinomasciari.it


# 32    commento di   elfoscuro81 - utente certificato  lasciato il 6/11/2007 alle 0:18

Quando riferisco che Di Pietro ha ammesso di essersi sbagliato sul voto sulla commissione d'inchiesta; la maggior parte delle persone mi domanda come mai, allora, questi ha votato contro ? Io sinceramente non so che rispondere e mi limito a scrollare le spalle. A parte lei dottor Gomez, chi è che ha fatto notare a Mastella l'ennesima panzana, quale televisione ha confutato le affermazioni del ministro ? Credo sia questo il vero problema. Inoltre mi preme esprimere un pensiero. Non credo a coloro che affermano la loro volontà di vendetta; qualora si dovessero trovare nella condizione di perdere, in un modo simile a quel che è successo a Tor di Quinto, un familiare o un amico. Queste affermazioni sono dimostrazioni di forza che fa chi non è coinvolto per mostrare indipendenza, coraggio e rabbia. In realtà le persone civili e di cuore reagiscono come hanno reagito i genitori di Giovanna Reggiani, c'è rabbia, dolore, voglia di Giustizia -quella vera- ma non credo ci sia nel loro strazio alcun spirito di vendetta. La conferma di questa mia osservazione viene dal fatto che simili vendette non avvengono quasi mai. Concludo scrivendo che: nel raid punitivo avvenuto di fronte al supermercato, non c'era nessun parente della povera Giovanna Reggiani.


Noi stiamo qui a discutere per giorni e giorni Mastella, Prodi, De Magistris, Di Pietro, Anno Zero,.....e intanto sotto il nostro naso cresce un NUOVO(si fa per dire)SOLE NASCENTE, candidio come il vetriolo "GERONZI" Sapevamo tutti che le BANCHE sono associazioni a delinquere legalizzate, PARASSITI che atechiscono le comunita degli esseri umani succhiando le loro risorse, ma essere così spudorate da porre a capo un LESTOFANTE con PROCEDIMENTI PENALI IN CORSO , mi sembra troppo. CHE NE PENSATE ??? marco




Sbagliato l'indulto? Ma siamo davvero sicuri? Pensiamoci bene: volevano liberare Previti e mettere tranquilli i furbetti? Ci sono riusciti. Quindi l'indulto è stato - dal loro punto di vista - azzeccatissimo. E ancora: volevano metter fuori un numero sufficiente di criminali, così da scatenare la conseguente ondata di "tolleranza zero" per i crimini da strada a distanza di un anno? Lo aveva pronosticato da subito Marco Travaglio, e puntualmente eccoci qui. Anche su questo, l'indulto è stato il provvedimento perfetto. Detto questo, se l'indulto l'avesse voluto - e tuttora difeso - il solo Mastella, potremmo dire che sta sbagliando e non riconosce i suoi errori (a differenza di Di Pietro). Invece l'ha voluto il 90% dei parlamentari, e tuttora lo difendono Diesse, Margheriti, Rifondaroli, Forzitalioti e Uddiccini vari. E' questa classe politica che è marcia, e Mastella è la punta dell'iceberg.


Per non soccombere nello strame dilagante continuo a fidarmi di Di Pietro nonostante l'errore. Penso comunque che l'errore fondamentale sia stato mettere nel programma l'istituzione di una commissione G8, tanto per grattare il fondo del barile dei voti a sinistra. Ma poi, bisognerebbe che una commissione parlamentare (non solo per il G8 ma una qualunque) fosse composta da galantuomini (scusate ma non viene da ridere anche a voi?). E poi farne una dopo cinque anni dai fatti? E per otterere cosa? la verità? ma di che? ma per favore! Ormai considero la verità nota e largamente sufficiente a trarre un preciso giudizio politico: - il governo decise come sede del G8 una autentica trappola come Genova sapendo benissimo che ciò avrebbe favorito un gran bel casino, - I vertici delle "forze dell'ordine" non possono aver impartito ordini che in base ai "desiderata" del governo, - I vertici delle "forze dell'ordine" (di cui il governo era responsabile) non possono che aver approvato la spedizione, - qualcuno degli stessi vertici deve avere addirittura selezionato i bastardi che se la sentivano, - costoro, dall'ultimo bastardo al primo (quello al governo) hanno disonorato se stessi ma anche tutta l'Italia, - i vertici delle forze dell'ordine avrebbero dovuto dimettersi per salvare almenol'onore del proprio Corpo (ma quando mai in questa Povera Patria?). Dovrei invece aspettare verità e giudizio politico da una commissione di politici cialtroni pronti solo a tirare acqua al proprio mulino? Ma non ci penso nemmeno!! Forse Di Pietro aveva questo in mente ma non si è sentito di dirlo quindi ha sbagliato due volte perchè: - avrebbe quanto meno dovuto spiegare la contrarietà sottolineando la perfetta inutilità della commissione tenuto anche conto del livello di credibilità della politica e non allinearsi al nostro "guardasigilli", - la commissione ormai era nel programma e non avrebbe d


Forse Di Pietro aveva questo in mente ma non si è sentito di dirlo quindi ha sbagliato due volte perchè: - avrebbe quanto meno dovuto spiegare la contrarietà sottolineando la perfetta inutilità della commissione tenuto anche conto del livello di credibilità della politica e non allinearsi al nostro "guardasigilli", - la commissione ormai era nel programma e non avrebbe dovuto in alcun modo votare contro.


E' morto Enzo Biagi. Adesso prepariamoci all'orgia mediatica di elogi da parte di tutti quelli che fino a ieri lo hanno voluto lontano da giornali e televisioni. Scommettiamo?


Ragazzi, Enzo Biagi si è spento stamane alle 8. Sono molto addolorata e vorrei esprimere il mio cordoglio ai famigliari e a tutti quelli che lo seguivano nel suo lavoro.


Enzo Biagi se ne è andato! Lucarelli, ( il giallista) in una sua trasmissione sul caso Pasolini, fece una riflessione: "Se oggi Pasolini fosse vivo che cosa direbbe, quale sarebbe la sua riflessione sull'Italia? Che peccato!Ci è stato tolta una parte della nostra coscienza!". Ebbene stamattina ci troviamo più o meno nella stessa situazione: adesso senza Biagi, che con estrema asciuttezza e rigore, ha commentato l'Italia per più di 50 anni, è strano sapere che mancherà un pezzo della nostra coscienza, pronto a riflettere sugli ultimi avvenimenti. Che cosa avrebbe detto Biagi oggi sulla politica italiana, sui tragici fatti di Roma? Qualcuno potrebbe dirmi "Puoi immaginarlo da sola" Sì è vero, ma avrei voluto, che ancora una volta fosse stato Enzo Biagi a riflettere ad alta voce e a smuovermi la coscienza. Chissà se anche a lui sarebbe sembrato di rivire la Domenica delle Salme Maria Francesca


x Amazzone57 LiberaCittadinanza under40 è la base giovanile di Liberacittadinanza nata dalle ceneri dei girotondi. Si sta cercando di fare una Lista Civica Nazionale con Pardi, Oliviero Beha, Elio Veltri e Alagna. Anche Marco Travaglio in varie apparizioni sta cercando di sostenere quest'idea. Credo stia tentando, come tutti noi, perchè la strada della credibilità è ancora lunga. LBU40 ha introdotto un'idea per rappresentare il popolo "curdo" degli italiani under40, un popolo non rappresentato nella sua terra: se ci sarà un lista civica nazionale i candidati under40 nominati, 1, 5, 10, saranno assolutamente indicati solo, e ripeto solo, dalla base under40, senza interferenze degli "adulti". Questo forse potrebbe essere il primo passo verso una responsabilizzazione sia degli under che degli over in questo paese. Se ci sono gruppi under40 interessati a Messina se ti va puoi indirizzarli sul nostro blog per discuterne. LBU40 non è un partitino, non ha tessere o iscritti... LBU40 è solo una piattaforma di idee da dove vorremmo individuare nel tempo, con calma, nuovi rappresentanti. Perchè purtroppo rappresentanti alternativi a questi attuali professionisti della politica... non verranno da Marte! Sarà quindi il caso che almeno si pongano delle basi dialettiche per individuare fra di noi, all'interno della società civile, chi realmente è disposto a sacrificarsi per rappresentare la sua comunità. Chi davvero ha il pelo politico. Perchè avere credibilità e visibilità (anche se sei un personaggio famoso) non basta. Ciao www.lbunder40.ilcannocchiale.it


Un saluto e una risposta,doverosa.Il saluto a Enzo Biagi,valoroso giornalista e saggista.Una risposta ad Elfoscuro,che sicuramente rispondeva a me sulla voglia di vendetta.Io faccio una riflessione libera dall'ipocrisia emi scoccia che tu, che tante volte hai detto cose libere,mi venga a sottoporre che nel raid non ci fossero parenti della defunta.Non trovi sia un po' demagogica come risposta?Lo so da me che non c'erano congiunti addolorati.Io ho detto in realtà un'altra cosa:che prima di parlare bisognerebbe esserci e non fare della filosofia da bar sport sul dolore composto e roba simile...anche perchè, caro elfo, il marito ha detto che se non avesse l'uniforme lo avrebbe fatto a pezzi con le sue mani, quindi come vedi non ho detto una cavolata. In secondo luogo ho detto una cosa ancora più importante:la politica è colpevolmente assente in questo girotondo di parole, così come lo è un sindaco, il quale per aver troppo pensato a diventare premier, ha letteralmente abbandonato una città in balia di diseredati di tutte le razze (italiani compresi).Un risultato evidente sai quale è?Il crollo delle mura aureliane e sai perchè?Anche se sembra assurdo nessuno, fino a un mese fa si era occupato di far sgombrare la gente sotto di esse, che viveva sotto di esse, nè tano meno erano stati programmati interventi di manutenzione.Questo significa essere assenti ed è questa la vera vergogna di un paese come il nostro. Un saluto


Ci hanno proposto di candidarci alle provinciali di Roma ma non crediamo di riuscire ad accettare. E' troppo presto per noi. Proprio perchè non c'è alcun interesse di creare altre scatole vuote, la prima cosa fondamentale è quella di creare invece una piattaforma di contenuti. Una sorta di primarie dei contenuti. DA cui un giorno possa scaturire un programma ben delineato su temi come la legalità, la giustizia, il lavoro precario, l'edilizia popolare, sostegno sui mutui prima casa, ecc. Qualcuno giustamente può pensare che qui si stia facendo proselitismo politico. Ha ragione. Perchè fare politica è una cosa bellissima quando si cerca di farla al meglio. Con strategie e non tatticismi utili solo a rimanere sulle poltrone. LA politica siamo noi. Se è brutta, siamo noi che la stiamo facendo male. PArtecipare a quel partito o lista civica sarà sempre una nostra libera scelta. Quindi la cosa più importante per chi deve scegliere è avere la possibilità di individuare le scelte di chi dovrebbe sostenere. Questo è il motivo per cui non abbiamo più paura (visto che ormai non abbiamo alternative) nell'esporre le nostre idee ed invitare tutti a ed esporre liberamente le proprie sul nostro blog. Con la differenza però che stavolta ci potrebbe essere uno sbocco politico a questa discussione. Alla fine, tra chi perteciperà, si avrà la possibilità di scegliere il rappresentante più convincente.




Saluto anche io Enzo Biagi. Come un padre della nostra terra. Non ci hai mai dato delle verità ma ci hai sempre insegnato con l'esempio come affrontare quelle di chi te le presentava. Ciao


Su Grillo cerco di prendere il buono, come da tutti. Quando si fa qualcosa di eccezionale bisogna sottolinearlo. Oggi sul suo blog, senza parole... http://www.beppegrillo.it/


SCARICA GRATIS- Il Libro “Dieci limoni 1.000 lire” a “Meno tasse per tutti” 12 Nov. - di Ambrogio Crespi. Dieci limoni 1000 lire, il libro che potete ordinare o scaricare gratuitamente in esclusiva sul mio quotidiano on-line www.clandestinoweb.com risponde fondamentalmente a due ordini di ragioni.l’avventura umana mia, di Natascia Turato e di Luigi Crespi, della nostra famiglia, che si è spesso incrociata con momenti importanti per il nostro paese, pezzi di storia che ci hanno visto quantomeno testimoni, non solo per i sette anni trascorsi a lavorare per Berlusconi o le decine di campagne elettorali organizzate in Italia e nel mondo, ma soprattutto la nascita di una delle più grandi imprese di comunicazione, Datamedia e HdC, dovevano essere rappresentate in una lettura lineare nelle sue origini, nella matrice che ha generato il nostro percorso dal quale abbiamo trovato sempre la forza e la spinta che ci ha portato a camminare nel mondo a testa alta. Tutto qui, che per me non è poco e mi auguro che possa rappresentare un momento di riflessione per chiunque avrà il desiderio di sfogliare digitalmente “Dieci limoni 1.000 lire!”. www.clandestinoweb.com
www.clandestinoweb.com





commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti