Commenti

commenti su voglioscendere

post: I peccati di Azouz e quelli degli altri

da Vanity Fair del 5 dicembre 2007 L’ultima volta che ho visto Azouz Marzouk , firmava autografi in una pizzeria-astronave dalle parti di Eupilio, Alta Brianza. Veniva esibito da Lele Mora – tra un tronista biondo e un’aspirante velina – come il meglio vedovo su piazza, l’attrazione illuminata dal sangue di Erba, l’orso da far ballare, con un’ostrica in premio dopo ogni numero ben fatto. Tre ore ore più tardi, ho visto come Lele Mora, andandosene via coi suoi ragazzi ben pettinati, direzione il Casinò di Campione, lo scaricasse con un’alzata di spalle , niente posto per Azouz in automobile: “ Tanto al Casinò mica lo fanno entrare ”. Era una premonizione sul suo imminente destino: usato per una mezza serata in pubblico, fotografato dai paparazzi di Fabrizio Corona , ... continua



commenti





# 2    commento di   Sympatros - utente certificato  lasciato il 5/12/2007 alle 17:36

Certo, con un pò di esagerazione, si può dire che la vicenda di Azouz è esemplare e sintomatica di quanto il materialismo consumistico, l'edonismo anch'esso consumistico, il successo legato al denaro facile e anch'esso da vivere in modo frenetico, siano stati capaci di penetrare nella società occidentale e siano adesso in grado di entrare nella società islamica e mutarne i valori. Il dio denaro e il dio piacere non conoscono ostacoli!!


...e del resto in un Paese come questo, in cui l'importante è diventato apparire, in cui un (EX) Presidente del Consiglio scompare per darsi una ritoccatina come se ce ne fregasse qualcosa di quante rughe tiene, in cui i genitori si svenano per dare ai figli l'ultimo oggetto alla moda "perchè ce l'hanno tutti i suoi amichetti", di che ci stupiamo ancora? non era Fabrizio Corona che si era presentato a Grugnasco attratto da quelle due disperate delle cugine di Chiara? Anzichè compatirle quelle due, perchè cercavano di farsi pubblicità con la morte della cugina, anzichè oscurarle e lasciare che i loro genitori pensassero all'internamento in qualche centro di recupero per imbecilli, le hanno fatte diventare fenomeni da show. Azouz Marzouk fa schifo ne più nè meno di tanti altri...questo ormai è il loro Paese ideale; se vorremo vivere in un Paese per bene dovremo andarcene noi.


Per Azouz prevedo un futuro nel partito del popolo delle libertà. Quando starà male ci sarà sempre un Gustavo Selva o un Cosimo Mele pronti ad aiutarlo!!




cio' e'la domostrazione che satana esiste


D'accordo su tutto, soprattutto con l'ultima amara frase: "non c'è reato e non ci sarà pena". E' sconfortante pensare che nel nostro paese i lelemora, i fabriziocorona e il contorno di pagliacci (maschi e femmine) che girano loro intorno, siano diventati i modelli dominanti. I nostri ragazzi e ragazze, non tutti per fortuna, hanno come ammbizione nella vita, quella di andare in TV, di diventare famosi/e, perchè hanno fatto credere loro che quella sia la vit migliore che possono sognare. Ma la colpa, come al solito, non è neanche di lelomora o fabiriziocorona, la colpa è dei giornali e della tv, i quali non dovrebbero proprio sprecare neanche una parola per raccontare le prodezze di certa gente e invece, spaice dirlo, la televisione ci fa interi palinsesti e i giornali hanno sempre uno spazio più che abbondante per ciò che ora si chiama "gossip" ma che una volta era più semplicemente "pettegolezzo" con il sapore spregiativo che tale parola si porta dietro. Auguro ai ragazzi italiani di poter uscire da questa trappola mediatica e vedere quante belle cose ci sono da guardare e da sognare oltre le feste estive in costa smeralda.
www.mauroclementi.com


# 8    commento di   Cheope - utente certificato  lasciato il 5/12/2007 alle 18:46

Se nemmeno il sangue di un figlio, il tuo sangue, riesce a farti fermare dire voglio scendere da questo mondo della malora, beh allora riconosciamo che per noi non c'è " amanhã " e forse in fondo è quello che vogliamo.


mi dispiace sig. corrias non sono d'accordo a dedicare un solo secondo agli argomenti principe dei ns. massmedia pensiamo piuttosto ad informare i lettori su cio che non viene detto....


Caro Stefano, come saprai, Corrias in questi giorni ha fatto uscire il suo libro intitolato "Vicini da morire.La strage di Erba e il nord Italia divorato dalla paura" edito da Mondadori. Capirai che per vendere molte copie ha bisogno di pubblicizzarsi anche lui.


Non avrei sprecato tempo su questo argomento. E poi se i TG ce ne danno notizia, ovviamente come pare a loro, è per "creare opinione pubblica"... in questo caso vengono suscitati, ovviamente, sentimenti per lo più sordidi; e vedo che qualcuno cita "perfino" il sangue di un figlio... Questo è il gioco dei media, penso che vada rifiutato evitando di formarsi una opinione senza sufficienti Informazioni.




benedette intercettazioni...






Non c'è niente di disdicevole nel fatto che Corrias parli di un argomento che conosce bene, visto che ci ha scritto anche un libro. E non credo che necessiti di ulteriore pubblicità. Per quanto ne so il suo libro non è solo cronaca, ma fa un'analisi sociale del fenomeno e chi lo compra non ha bisogno delle vicende di Azouz per interessarsene. E non è neanche vero che l' argomento non abbia importanza e sia estraneo alle tematiche di questo periodo. C'è invece un filo che unisce i diversi aspetti della degenerazione morale, ideologica, politica, sociale e mentale del paese. I lelemora e i fabrizicorona sono modelli positivi per la gioventù nonostante siano (anzi, proprio perché sono) ignobili e orgogliosi di esserlo, impuniti e vincenti; il loro vittimismo giudiziario è l'eco caricaturale di altri vittimismi. E gli Azouz di turno vanno sempre bene per tenere vivo lo spirito del "Dagli all'immigrato!" così utile per distogliere l' attenzione e la reazione dai Grandi Criminali che ben altri guasti producono, indisturbati.


# 17    commento di   ivo serentha - utente certificato  lasciato il 5/12/2007 alle 22:52

Per i carnefici della sua famiglia ci penserà la giustizia nel dare un congrua condanna, come pare ai due coniugi quando ci sarà l'ultima sentenza della cassazione. Per quanto riguarda la situazione dell'unico superstite della famiglia, i suoi comportamenti,le intercettazioni telefoniche, ho un unico sentimento,quello di pietà, solo una persona immatura nonostante l'età adulta, può comportarsi in questo modo dopo l'allucinante fine della sua famiglia,per ciò che riguarda lo spaccio,essendo recidivo sia fatta giustizia anche per questo. Non commento sul mondo citato da Piero che ha fatto da contorno,facendolo sentirei in senso lato, l'olezzo tipico di una fogna. Chi mi fa più pena in questo momento è il suocero,davvero una persona incredibile per lo spirito che ha interpretato fino ad ora, le sue ultime parole sul genero, sono assolutamente perfette. Un saluto, Ivo.
http://freedomlibertadiparola.myblog.it


Ritengo che un po' di responsabilità ce l'hanno i direttori di tg: con tutte le notizie vere che ci sono da portare alla ribalta si sprecano pagine e pagine dei telegiornali qutidiani a dire degli assassini che diventano vip, o dei prsunti tali come Amanda che ricevono lettere di ammirazione da parte di ragazzi e ragazze, Azouz personaggio da fotografare...Eh già! Queste sono notizie...! Mica la cacciata della Forleo...nessuno si è degnato di accompagnare il servizio con l'intervista al magistrato trasferito. E le trasmissioni "d'approfondimento(?)"? Ritengo raccapricciante la recente piega presa da alcune trasmissioni di ospitare gli indagati di cronaca nera. E' pericolosissimo! L'effetto emulazione è dietro l'angolo. E quella gran parte di Italia di oggi, ormai poco incline al sacrificio (basti pensare ai numeorsi ragazzi che hanno protestato per il reinserimento degli esami di riparazione o chi per diplomarsi e laurearsi prende la socrciatoia del Cepu&co)ci mette poco a fare un errato 2+2. Specialmente quando vengono a sapere che per un'ora in tv li hanno pagati cifre come 30 o 50mila euro. Io che studio duramente e duramente da 4 anni faccio la gavetta (solo da 2 vengo pagata all'eccellente stipendio di 400 euro per due mesi insieme e nemmeno tutti i mesi) mi sento profondamente offesa.




# 20    commento di   Sympatros - utente certificato  lasciato il 6/12/2007 alle 6:53

Sempre tornando all'episodio di Azouz, e volendoci a forza trovare significati profondi che forse non ha, viene facile il collegamento con l'enciclica Spe salvi di Ratzinger: nella società moderna, con il moderno e consumistico materialismo, domina una idea di vita senza speranza e pertanto senza fede e, quindi, senza salvezza, la morte non solo di Dio, ma anche di quelle ideologie laiche e anche atee, ma pur esse salvifiche, ha condotto l'uomo a simili obbrobri. Tutto questo discorso forse non c'entra niente, il tutto si spiega con l'imperante banalità della vita, anche in ciò che dovrebbe essere serio. In fondo sono cose sempre successe, niente di nuovo sotto il sole!!


VENDONO TUTTO E SOPRATTUTTO E' PRESENTE SEMPRE PIÙ NUMEROSO, UN PUBBLICO CHE ACCOGLIE TUTTA LA SPAZZATURA DI LELE MORA E COMPANY. ORAMAI INVIDIANO QUELLA VITA, SEPPUR EFFIMERA, PIUTTOSTO CHE UNA CARRIERA. MA LA COLPA NON E' LORO PERCHÈ INSEGUONO UN SEGNO PER UNA VITA FACILE IN QUESTO MONDO DI SOLDI-RACCOMANDAZIONI-CORRUZIONE-... . BISOGNEREBBE IGNORARE E LEVARE IL SUCCESSO AI VARI MORA MA NON E' FACILE FAR CAPIRE A TUTTI CHE POSSONO ASPIRARE A QUALCOSA DI PIÙ GRATIFICANTE. NON COMMENTO MORA PERCHÈ CADREI NELLE OFFESE E SOPRATTUTTO PERCHÈ SI COMMENTA DA SOLO IN OGNI OCCASIONE.


Ah come sono caduche le cose del mondo! Bèh però forse meglio un giorno da mandrilli che una vita col ramo nel di dietro. Peccato che su questo non ho nulla da consigliare.




il soggetto in questione non puo' essere commentato perche' non e' degno di nessun commento. ma VORREI VEDERE IN FACCIA quei coglioni che gli chiedono l'autografo. la rivoluzione parte proprio da noi genitori, educatori del mondo,ognuno nel suo piccolo. infondo e' troppo facile prendersela con lele mora. se a nessuno fregasse niente di azouz ( ho sofferto piu' io per la sua disgrazia di quanto non abbia sofferto lui), per lui non ci sarebbe posto sulle pagine dei giornali e nessuno vorrebbe il suo autografo. siamo un popolo di imbecilli. spero che i nostri figli siano migliori, ma difficilmente da un melo nasce un pero.


Un commento OT: ieri sera ero a Mirandola ad ascoltare Travaglio alla presentazione del suo nuovo libro. Serata interessantissima, non ero mai stanca di ascoltare, di apprendere fatti nuovi che fino a poco fa ignoravo completamente (nel pomeriggio avevo avuto problemi di internet e non avevo letto le ultime notizie). A fine serata il pubblico ha posto a Travagio delle domande alle quali ha gentilmente risposto. A me una domanda è venuta in mente tardi, per questo la vorrei porre adesso. Prendendo spunto da una frase tratta da Il libro dei Kipli di Guzzanti (Corrado) che dice "Se i partiti non rappresentano più gli elettori, cambiamoli questi benedetti elettori" la domanda è: ci hanno cambiati?




Una notizia OT: e' arrivato il regalo di natale per Marco, Corrias e Gomez (materiale per lavorare per anni): L'ARCHIVIO CRAXI 400.000 documenti che svelano i "misteri" d'Italia. Tra cui leggiamo il biglietto di ringraziamento di Berlusconi per la legge salva TV e sopratutto la rivoltante lettera di Amato: "Caro Segretario, prendo a calci i primi mattoni di un muro di silenzio che non vorrei calasse fra noi. E vorrei chiederti invece di avere fiducia in quel che io sto cercando di fare. Occorre certo che passi qualche giorno, che la situazione delle imprese, e non solo della politica, appaia (come del resto già è) insostenibile. E' inoltre realisticamente utile che la macchia d'olio si allarghi. Neppure a quel punto credo che sarà possibile estinguere reati di codice. Ma credo che l'estensione per essi dei patteggiamenti e delle sospensioni condizionali sia una strada percorribile. Sto conquistando su questo preziosi consensi. E ritengo che si ottengano così procedure non massacranti, che evitano la pubblicità devastante dei dibattimenti e forniscono possibilità di uscita (...). Claudio mi pare ormai in pericolo. Apprendo che, se ci fosse un riscontro a ciò che ha detto Larini, già sarebbe partito un avviso per concorso in bancarotta fraudolenta. Io sono qua. E continuo ad esserti grato ed amico. Giuliano" LEGGETE TUTTI, questo il link: http://www.repubblica.it/2007/12/sezioni/politica/archivio-craxi/archivio-craxi/archivio-craxi.html


In alcuni casi il genere umano è MISERABILE. Provo profonda pietà per un uomo, che dopo aver perso tutto, spera di ritrovare cose migliori attacandosi ad altri miserabili. Provo profonda pena per Azouz, che per vivere deve attacarsi a Lele Mora, un altro pover'uomo. Maria Francesca


IL SILENZIO DEL POPOLO Sono semplicemente sconcertato. Che la Casta politica usi dei privilegi costosi e senza logica è risaputo. Che abusi anche del suo potere è altrettanto arcinoto (e, perdonatemi l'inciso, sulla mia pelle ne ho pagato le pesanti conseguenze). Che la lentezza della Giustizia sia una trappola programmata per la verità, è conosciuto dai più. Ma che due giudici, come la Forleo e De Magistris, vengano messi a tacere perchè hanno indagato sulla politica non mi sta bene. Ho già scritto nel post qui sotto del 27.11.07 "CHI TOCCA MUORE", il mio pensiero sul caso Forleo. Anche io quasi 3 anni fa sono finito, mio malgrado, in un processo durissimo e lì mi sto difendendo. Non ho mai preteso destituzioni o trasferimenti di magistrati, nè incriminazioni di giudici. Mi sto difendendo, come ogni cittadino normale, "nel" processo non "dal" processo. Allora mi chiedo, e vi chiedo, se questa è una democrazia vera, dove per coprire degli scandali politici vengono allontanati dei Pubblici Ministeri che indagano sui parlamentari. Ma il vero scandalo sarebbe il silenzio del popolo.
www.fuochidipaglia.it


quando ho letto la notizia, l'ansa recitava: "delitto di erba: azouz marzouk arrestato per traffico di droga", come se i due fatti fossero legati. questo accostamento mi ha messo francamente a disagio: ormai anche all'ansa galoppa l'im-pertinenza delle notizie. ;(




Mi domando perchè voi giornalisti perdiate tanto tempo dietro a queste squallide situazioni. Niente di meglio da fare? Tutto bene nel mondo? No problem?


E ti pareva che alla fine la colpa era dei giornalisti...




Ma che si fotta Azouz!! Uno che sfrutta la morte dei propri parenti per farsi pubblicità nn merita nè rispetto nè solidarietà nè niente... una pedata la dove dondola, dentro la gabbia e la chiave nel gabinetto che tanto la società nn ci perde niente! Per quanto riguarda Lele Mora, lui dà alla gente quello che vuole, quindi invece di biasimare lui dovremmo biasimare noi stessi.


Come dice il saggio (e come ha già sottolineato qualcuno) "Sicuramente ci sono alcuni più responsabili di altri che dovranno rispondere di tutto ciò, ma ancora una volta, a dire la verità, se cercate il colpevole.. non c'è che da guardarsi allo specchio"


D'accordo con quanto dici, Daniele. Siamo un branco di povere pecore spelacchiate,senza la voglia ed il gusto di intervenire sul serio sulla preoccupante escalation di violenza che dialga in politica e nella società. Troviamo in alcune persone il mostro da additare, perchè essi raprresentano la nostra incapacità di andare a fondo nelle singole coscienze ed affrontare i nostri problemi come esseri umani.Il nostro aspro disgusto nei confronti di talune persone è ancor più preoccupante quando maschera una acuta invidia per non occupare posti remunerativi con pochi sforzi.Siamo diventati superficiali e paurosi e questi personaggi, che vivono secondo canoni etici discutibili, sono per noi come la droga...chi si fa mente per nasconderlo, chi disprezza alla fine compra. Dovremmo imparare ad avere il coraggio di guardarci di nuovo dentro e di sconfiggere i veri mostri. Che non sono i nostri politici, ma quei fantasmi pigri che non ci hanno permesso di prendere in mano le nostre vite e cambiare secondo le regole una società che non ci piace. Un saluto


BASTAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA C'ero anch'io, ieri sera, a Mirandola e concordo in pieno con quanto detto da Travaglio: basta con i plastici di Cogne, la bicicletta di Garlasco, la casa di Meredith e adesso le intercettazioni di Azouz. Non mi presto a rimbecillirmi con elucubrazioni alla meluzzi, le opinioni di caterina collovati, le domande morbose e "salivose" (neologismo) di mentana, vespa e costanzosciò. Se anche siamo sul fondo, non ho nè intenzione di scavare, nè di mettermi ad imparare a camminarci... Se tutti (beh, tutti è una parola grossa: diciamo che ognuno faccia la sua parte) la smettessimo di interessarci a fatti morbosi che dovrebbero interessare solo la polizia, la magistratura, la psichiatria, i servizi sociali e il Buon Dio, forse saremmo su una buona strada. Mi piacerebbe tanto che questo argomento avesse 0 commenti.


Che bello AURORA 86 non ha più rilasciato commenti. Forse la mia profezia ha funzionato e le sono andate le aragoste di traverso.....


L'articolo di emile su www.radiocarcere.com mi pare sia molto interessante. Parla del rispetto delle regole argomento forse in Italia superato.


L'articolo di emile pubblicato su www.radiocarcere.com mi pare illuminante






non ci sono parole per una persona che ha avuto il coraggio di affermare "1000 euro li guadagno con una serata" (a proposito del cercare lavoro al di fuori dell' ambiente televisivo).. non so quanto possano valere, anche 1.000.000 di euro, guadagnati con la perdita della famiglia, ma contento lui..


Legislatura 15 Atto di Sindacato Ispettivo n° 4-02084 Atto n. 4-02084 Pubblicato il 31 maggio 2007 Seduta n. 159 CORONELLA - Al Ministro della giustizia. - Premesso che, per quanto risulta all'interrogante: il 18 luglio 2006, l’on. Francesco Cafarelli ha denunciato ai Titolari dell’azione disciplinare una grave e circostanziata serie di fatti dei quali si sarebbe reso protagonista, nell’esercizio delle pregresse funzioni di magistrato della Procura di Roma, il dott. Giancarlo Armati, attuale Procuratore generale della Corte d’appello di Perugia; l’on. Cafarelli, nell’evocare i singolari svolgimenti di un processo da lui subito nella cosiddetto stagione di “tangentopoli”, insieme all’allora Ministro dei lavori pubblici Giovanni Prandini, processo conclusosi poi definitivamente con pronuncia liberatoria a favore di tutti gli imputati, ha precisato che la fonte d’accusa, tal Romualdo Di Corato, imprenditore legato agli appalti ANAS, aveva ottenuto dal magistrato inquirente – il citato dr. Armati, appunto – un inspiegabile trattamento di scandaloso favore. Addirittura, si legge nell’esposto, nel corso dell’esame cui il Di Corato era stato sottoposto l’11 febbraio 1993, l’Armati, anziché invitarlo alla nomina di un difensore quale indagato per corruzione, gli aveva attribuito del tutto arbitrariamente la qualità di persona offesa da una presunta concussione. Nessuna indagine – prosegue l’on. Cafarelli – fu mai svolta dal dr. Armati a carico del Di Corato, nonostante le numerose prove della falsità delle dichiarazioni che egli aveva reso nei confronti di tutte le persone poi prosciolte; a distanza di anni – soggiunge ancora l’on. Cafarelli – è stata acquisita la costernante spiegazione delle “ragioni” che avevano ispirato il comportamento dell’Armati nei confronti del Di Corato: i due - al tempo dell’indagine - erano legati da intensi rapporti d’indole inequivocamente corruttiva; la prova del mercimonio è contenuta nella drammatica denuncia p


presentata al Procuratore della Repubblica di Roma il 30 giugno 2006 dal dott. Federico Armati, alto funzionario del Ministero dell'interno, contro il padre Giancarlo nel contesto il sindacato parlamentare, il dott. Federico Armati afferma testualmente: “Posso dichiarare con certezza che negli anni 1989, 1990, 1991,1992 e 1993, mio padre, il dr. Giancarlo Armati, all’epoca sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma riceveva in modo continuato regali di valore rilevante dal sig. Di Corato Romualdo, pugliese di Trani, titolare di un'importante impresa di costruzioni di autostrade. Tra i regali di cui ho diretta conoscenza ricordo un orologio di platino marca Cartier mod. Pasha con cinturino in pelle marrone, un orologio d’oro marca Piaget, gemelli da camicia in oro e smalto nero con diamante di Bulgari, servizio completo di posate da tavola di argento massiccio del gioielliere Buccellati, un prezioso servizio da tavola di porcellana, un servizio di bicchieri di cristallo Baccarat, una coppia di preziosi candelabri d’argento d’epoca con incisione alla base, un servizio di bicchieri-coppe in oro zecchino (…) giacche, maglioni ci cachemire, calzini di cachemire, camicie ed altro, provenienti, per la maggior parte, dai negozi di Roma, Ravasi di via del Babbuino ed Hermes di via Condotti”; con successiva denuncia del 26 luglio 2006, il dr. Federico Armati ha riferito di essere stato oggetto – a causa della sua iniziativa – di pesantissime intimidazioni persino in ambito familiare, con l’esplicito avvertimento di uno strettissimo congiunto, qualificatosi “messaggero”: “se non ritiri la denuncia sarai rovinato, sarai distrutto”, si chiede di sapere se sia a conoscenza di quali iniziative siano state intraprese e se e quali provvedimenti siano stati adottati, nell'ambito di propria competenza, dal Ministro in indirizzo, dal Procuratore generale della Corte di cassazione e dal Consiglio superiore della magistratura, anche in via interdittiva,


http://newscontrol.repubblica.it/item/387701/omicidio-perugia-procura-contrariata-processi-mediatici Omicidio Perugia: Procura contrariata, processi mediatici 22 novembre 2007 alle 11:30 — Fonte: repubblica.it Il Procuratore Generale Giancarlo Armati non ci sta e, per arginare i processi mediatici sull’omicidio di Perugia che l’hanno profondamente “contrariato”, e si moltiplicano sui network nazionali, sta cercando di definire una strategia. Un incontro con il Procuratore Capo Nicola Miriano e con il PM Giuliano Mignini è stato convocato proprio a tale scopo, anche in vista dell’udienza del tribunale del riesame fissata per venerdì prossimo (30 novembre).




# 49    commento di   Barnie - utente certificato  lasciato il 7/12/2007 alle 0:30

Sarà che sono tonta, rigoletto, ma... che c'entra con Azouz?


# 50    commento di   Sympatros - utente certificato  lasciato il 7/12/2007 alle 6:58

I fatti di cronaca e il piacere I gornali, le televisoni, tutti i mezzi di comunicazione, sanno bene che, per attrarre e tenere attaccato l'ipotetico lettore o ascoltatore, bisogna creare dipendenza; la dipendenza è qualcosa che riguarda la sfera psico-fisica e si ottiene tramite il piacere. Tutto ciiò che è sensazione provoca piacere, il sensazionalismo dei fatti di cronaca eclatanti, di buona parte dei programmi televisivi, provoca piacere, provoca dipendenza. Il piacere può assumere le forme del piacere appunto, ma anche del ribrezzo, dello sdegno, dell'orrore, dello schifo, ma sempre piacere è, sempre dipendenza è.




breve OT : meravigliosa la puntata di ieri sera di Annozero! Guzzanti, Rossi, Grillo, Travaglio e una spolverata di Carrà (un filino buonista eh...non si scompone)! La Guzzanti bisognerebbe metterla in scaletta tutti i giovedì!E' meravigliosa!


Ieri Travaglio ha spaccato.....e non solo lui!!!Super puntatone, finalmente la vera informazione ha trionfato su tutte le baggianate che ogni giorno ci fanno vedere in tv e che ci svendono come realtà, ma non è così e ieri ne abbiamo avuto la dimostrazione. Quello di ieri sera è stato il vero servizio pubblico cui ha diritto lo spettatore!!!!! Noi spettatori non siamo dei deficienti, ma veniamo trattati come tali quando guardando un semplice tg (che sia rai1 rai2 canale5, salvo rai3)ci accorgiamo che le notizie su cui abbiamo il diritto di essere informati vengono totalmente omesse per lasciare il posto a servizietti inutili fatti solo per coprire le malefatte di quello o quell'altro politico. Tutto ciò è sconcertante!!! Mi chiedo, ma quando finirà annozero, unica trasmissione che mette alla berlina I FATTI come si farà? E' dura trovare una risposta!!!!!!!!!!
myspace.com/spongano


OT OGGI BELLISSIMO ARTICOLO SU CALDAROLA MARCO stupendo contro i codini del regime e delal dittatura mediatica berlusconiana MA MA criticavi Mentana (con altri motivi, ti ricordi lo scomodino da NOTTE?) però quando lo hai avuto davanti ad anno zero non hai usato gli argomenti più forti, e così milioni di tlespettatori, NON hanno saputo le cazzate servili che ha fatto. Se non gliele dici tu chi???????? criticavi formigoni ma a anno zero nessuno ha replicato quando ha detto che BERLUSCONI E' SEMPRE STATO ASSOLTO, tu forse dici che i telespettatori lo sapevano, ma non è così per tutti qui è vero che ci hai provato, ma mi sembra che santoro con un gesto ti abbia stoppato MA NON VA BENE LO STESSO SE NON LE DITE VOI CHI LO FA? sulla annunziata mafalda ieri sera NON hai detto niente. ED ALLORA? se non lo fai te chi deve farlo? DICCELO: CI SONO DEI LIMITI PER TE AD ANNO ZERO? ci sentiamo un po' come i bambini a cui si raccontano le storie per stare buoni, ma poi davanti al grande pubblixco si sfuma è verissimo che rimani unico e che ieri sera hai fatto i fuochi di artificio MA VENEZIANI ha potutto mentire dicendo che alal rai di oggi Berlusocni NON COMANDA PIU' (ha usato un'altra espressione) e nessuno l'ha corretto, l'ha sputtanato (DEl noce, mazza, marano e i tg regionali?) Veneziani ha ripetuto il paragone con corriere e repubblcia che si accordavano sui titoli e nesuno nessuno nessuno ha mostrato l'improponibiità del paragone


Concordo, ottima puntata!!!!! PS: ieri sera, mentre preparavo la cena, ho ascoltato i titoli del tg5: panino politico, Perugia e soprattutto..... la moda ad alta quota, con immagini del sciatore griffato!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Ho spento la televisione.. Credevo di aver visto di tutto con quella sottospecie di casino (e mi riferisco al significato pre-legge Merlin) di studio aperto, non avevo ancora conosciuto appieno ClementeJ....




Cari Amici, su www.radioacrcere.com trattano dell'abuso edilizio. Penso che questa sia una piaga del nostro paese. Frse andrebbe affrontato anche da questo blog. I ponteggi su via dei Fori imperiali poi fanno capire che anche Veltroni dorme.


Oltre a Antonio Schiavone, si è spento anche Roberto Scola, di 32 anni e padre di 2 figli piccoli. Questi signori non sono diventati famosi, perchè spacciatori di droga o perchè gli era stata sterminata la famiglia, non hanno avuto Corona e Lele Mora tra i piedi, perchè potessero diventare i tronisti di turno. Schiavone e Scola non hanno nemmeno partecipato all'assasinio di Perugia, ma allora chi sono? Perchè dovremo perdere tempo a parlare di loro e soprattutto della loro morte? Ah adesso ricordo sono i 2 morti delle acciaierie ThyssenKrupp di Torino! Sono 2 caduti sul lavoro, non credo che Mentana e Vespa dedicheranno loro una puntata o solo uno spazio, perchè sarebbe troppo dura ricostruire il plastico dell'acciaieria, ma poi che cazzo vogliono fossero stati ammazzati, sono solo arsi vivi come torce, al pubblico cosa vuoi che interessi di 2 poveri sfigati bruciati vivi, meglio l'orgia di Perugia e i commenti di Azouz. Maria Francesca


Per carità il mio commento di prima non vuole essere una critica a Pino Corrias, anche perchè ho letto il libro sulla strage di Erba e devo dire, che il modo in cui è stato trattato il tema, mi è piaciuto, è interessante. Però spero proprio, che su questo blog venga dedicato un post a ciò che è successo a Torino. Sono morti 2 ragazzi, padri di famiglia, per di più questi 2 uomini sono morti in modo mostruoso, disumano, mentre lavoravano. Quando si parla di morti bianche io divento una bestia, perchè è il problema della sicurezza sul lavoro mi tocca da vicino e penso, che in un paese civile, non si possa uscire di casa la mattina, per andare a lavorare e sperare di rientrarci la sera. Maria Francesca




Come possiamo noi difenderci da quest'umanità che stiamo diventando? Al tunisino offrono soldi per scopare e lui al telefono se ne bulla con gli amici. Dice: "Sono i mesi più belli della mia vita, mi danno soldi in cambio di sesso" e io, essere umano, quando leggo queste frasi mi sento inevitabilmente un po' stronzo, perché mi ricordo tutta la sofferenza che, durante quei mesi, i mesi più belli della vita sua, io provavo per lui pensando che, invece, erano i più brutti. M'infilavo in bocca una forchetta col cibo e scuotevo la testa: "Poveretto". I saggi dicono che ognuno è tenuto a vivere la vita propria come crede; lasciatemi libero, allora, di non credere più a questi saggi. Concedetemi la libertà di cambiare strada e panorama: perché dovremmo meritare tanta libertà? Non è forse evidente che l'uomo ha fallito e che molti dei criteri che ne orchestravano l'esistenza dovrebbero andare rivisitati e corretti? Quest'umanità che siamo diventati detiene, forse, ancora il diritto d'essere libera? Oppure ha fallito così come i politici e i volti istituzionali che tanto critica tutti i giorni davanti ai giornali aperti masticando croccanti corn flakes? Se devono farsi da parte loro, allora dobbiamo farci da parte pure noi, esseri umani. Lasciamo la civiltà alle formiche, all'anidride carbonica e alle mosche: cosa sa fare di tanto grandioso quest'umanità che è sempre pronta a incrociare le braccia e dire no a chi la governa? Non è lapalissiano che l'uomo ha perduto il diritto alla facoltà di non rispondere davanti alla domanda: e tu perché mai dovresti meritare il Paradiso? Il tunisino che scopa in macchina senza preservativo mentre i corpi della moglie e del figlio non sono stati seppelliti ancora è una cosa che appartiene alla sua sfera personale e al suo libero arbitrio, ma va immediatamente ad intaccare la moralità assoluta dell'essere umano, quindi anche la mia che a questo genere è capitato che appartenessi, anziché ai sassi, ai cocci di vetro, alla vernice.<
www.noantri.net


# 62    commento di   *Faith* - utente certificato  lasciato il 7/12/2007 alle 15:41

Su Azouz, Lele Mora, Corona, e tutto quel triste teatrino non ci sono parole. Un giorno finirà tutto anche per loro e quel povero padre si renderà conto di non avere più nulla, neanche una famiglia. Fa molta pena anche a me. Continuando l'OT su AnnoZero di ieri, invece... Marco ti odio :P :P :P Raffaella Carrà è uno dei miei idoli assoluti e tu l'hai conosciuta (magari ti sta pure antipatica, perchè la Carrà o la si adora o la si detesta XD). Non è giustooooooo!!!!! :P :P :P Concordo con tutti sul fatto che sia stata una bellissima puntata, sono stata ovviamente piacevolmente sorpresa di averci trovato Raffa (ringrazio chi le ha fatto uscire il cd/dvd, almeno la si vede un po' in giro!). L'unica nota stonata quell'idiota di giornalista di cui non ricordo il nome e nemmeno mi interessa saperlo, che probabilmente credeva di aver davanti Maria DeFilippi, Antonella Clerici o Alda D'Eusanio, e invece aveva davanti una persona del calibro di Raffaella Carrà. E una persona con quella storia artistica sicuramente non ha interessa a fare una cosa finta. Sennò dobbiamo dire che anche le telefonate del periodo dei fagioli erano finte? Tutto può essere, per carità. Se vuole ci riguardiamo insieme tuuutte le puntate di tutte le edizioni e vediamo quanti davvero guardavano nella telecamera. Che poi, con l'andare avanti negli anni, come ha cercato di arrampicarsi sugli specchi lei infatti, molti convocati nello studio intuissero già perchè erano lì è un conto, ma che fossero degli attori no. Non sarebbe degno di Raffaella.


# 63    commento di   *Faith* - utente certificato  lasciato il 7/12/2007 alle 15:45

@ Noantri Il tunisino, il tunisino, il tunisino. E se fosse stato italiano?? Saremmo qui a parlarne? Secondo me NO. Come del rumeno e la sua pubblicità. Sento tutti riempirsi la bocca con "rumeno, rumeno, rumeno". Se un italiano avesse ammazzato 4 rumeni e ora fosse socio di Corona nessuno se ne sarebbe nemmeno accorto. Quelli di Forza Nuova gli avrebbero fatto una statua nell'indifferenza o compiacenza generale. Stessa cosa se un italiano avesse stuprato una rumena. Non sarebbe neanche rimbalzato sui giornali. Altro che tutto quel casino. Questa è la cosa che mi fa più immensamente SCHIFO di tutto questo inutile teatrino.


MANIFESTAZIONE A ROMA CONTRO TRASFERIMENTO FORLEO/DE MAGISTRIS CONFERMATA!!! 16 DICEMBRE ore 14.30 - 18.00 Presidio in Piazza Madonna di Loreto affianco all'Altare della Patria (Piazza Venezia). Tutti i partecipanti sono invitati a portare una candela per illuminare la piazza in segno di solidarietà. 17 DICEMBRE ore 9.00 - 14.00 Sit in davanti al CSM a piazza Indipendenza (marciapiedi fra Via Goito e Via Castelfidardo). per maggiori informazioni potete consultare http://beppegrillo.meetup.com/2/messages/boards/view/viewthread?thread=3573855&pager.offset=230







commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti