Commenti

commenti su voglioscendere

post: Addio Prodi

Vanity Fair, 12 marzo 2008 Dunque il Professore esce (con un sorriso tirato) dal palcoscenico della politica. Chiudendo simbolicamente la stagione delle due Italie, quella prodiana, quella berlusconiana, contrapposte anche nel colpo d’occhio di superficie oltre che nelle profondità del carattere, dei modi e dei mondi di riferimento dei due leader. Quella contrapposizione  divenne il tema principale della politica, il suo reagente e il suo fondale. C’era l’Italia dell’uno e dell’altro. Quella della Bologna prodiana e di quieta provincia italiana, con regole e segreti da rispettare, Università di tradizione, establishment bancari, centri studi, capitalismo temperato dalla dottrina sociale della Chiesa, statalismo coniugato al mercato e alle liberalizzazioni, un po’ di noia, ... continua



commenti



"E presto anche il declino di Berlusconi seguirà" Speriamo!


Spero che il declino del cavaliere venga al più presto... intanto pare che con veltroni non si stia di certo migliorando la qualità della politica... anzi... il marciume è proliferato ovunque e adesso i partiti pare non ne possano più fare a meno... chissà se qesto paese riuscirà un giorno a vedere il sole.








finale ottimistico....!


Ma non dimentichiamo che, per un Mastella "in corso di archiviazione" da Why not, c'e' un Prodi per cui neanche la Procura Generale di Catanzaro, cosi' ostile alle conclusioni di quel cattivone di De Magistris, ha osato cheidere il proscioglimento. Il Professore resta indagato, sospettato di aver favorito gli amici con i fondi comunitari di cui sapeva ogni cosa essendo stato al vertice dell'Unione Europea. Vorremo poterci fidare di qualcuno, ogni tanto....


...speriamo almeno che il Silvio arrivo alla poltrono che è ora di Napolitano, come la sua "svolta senile" mi fa temere...


Figli, mogli e nipoti? Presenti! Ex segretarie ed ex fidanzate? Ci sono! Portaborse e portavoce? Eccoli! Insomma, all’appello non manca nessuno. Anzi. Parenti, amici e collaboratori sono già tutti lì, con cappello e valigia in mano, pronti a staccare il loro biglietto per uno strapuntino a Roma e relativo (e soprattutto congruo) stipendio. E così, alla fine, le liste di candidati alle prossime elezioni almeno dimostrano una cosa. Forse aveva ragione il Financial Times nel bollare l’Italia come il Paese peggio governato d’Europa. Ma certo nessuno potrà mai accusare i potenti nostrani di non avere a cuore la famiglia. Ovviamente - e soprattutto - la loro. Qui, Prodi o non Prodi, ad ogni tornata elettorale pare che Camera e Senato siano sempre lo stesso affare: un affare di famiglia. P.s. Un saluto solidale a tutti quelli che non sono "parenti di". Avevamo sbagliato paese. Peccato che questo non ce l'abbiano insegnato a scuola, molto prima di laurearci e metter sù casa. ‘notte Sandro
http://bamboccioni-alla-riscossa.org


Purtroppo il Pd imbarca ancora una volta, la quinta, Fassino e la di lui moglie: la sesta! Poi Veronesi sostenuto dai fabbricatori di tumori, preoccupato più della polenta che degli inceneritori e poi D'Alema e via così tutti gli altri. Vincerà la destra e me ne dispiacerà molto perchè ogni volta che c'è stata la (finta) alternativa a Berlusconi sono diventato sempre più povero per "risanare" il deficit di bilancio. Mentre i già ricchi lo diventavano ancora di più e gli evasori evadevano sempre più. Oggi mia moglie ha portato a casa la busta paga: stipendio netto uguale alla metà di quello lordo! 2 diplomi, una specializzazione, 32 anni di lavoro: 1286 euro netti! Non so cosa vogliano ancora da noi questi pseudopolici monnezzari, che vediamo in tutte le trasmissioni televisive a tutte le ore. E comincio proprio da Napolitano che ha trascorso la sua vita fra Napoli ed il parlamento senza mai avere occhi per vedere cosa succedeva nella sua città e nella sua regione. Maledizione! Vogliono una rivoluzione armata?


VOTARE AD APRILE SIGNIFICA PUGNALARE LA NAZIONE. VOTERANNO SOLO GLI SCIACALLI!


# 12    commento di   areknames - utente certificato  lasciato il 11/3/2008 alle 22:59

Prodi ha resistito alle nefandezze della politica italiana finchè ha potuto. Il suo vero avversario è stato il popolo italiano, o meglio quella parte di popolo che ha creduto che 5 anni di vergogne si potessero cancellare con una bacchetta magica, quando si sapeva bene che per poter riparare solo ad una piccola parte dei danni compiuti dal criminale bandanato non sarebbero bastati decenni. E non ha capito ancora che la situazione italiana attuale è solo l'inizio del risultato di quei 5 anni devastanti. E cadrà nuovamente nei tranelli dell'Inquisito, che dei 20 mesi irrilevanti di un governo imbalsamato in senato grazie ai brogli elettorali del Paladino della Libertà, ne sta facendo la propria campagna elettorale.
www.ioscendoqui.blogspot.com


# 13    commento di   Shia - utente certificato  lasciato il 11/3/2008 alle 23:1

addio Prodi....addio Berlusconi....? e il futuro? Dov'è il futuro? Il PD? Gianfranco Fini? La Sinistra Arcobaleno? Di certezze ne vedo poche; di questioni aperte ce ne sono sin troppe....




Ci stavo pensando l'altro giorno... io ho 24 anni e non posso votare al Senato... nel 2008 mi sembra ancora un retaggio assurdo... Io credo nella buona fede e nelle capacità di Prodi, discorso diverso è se queste capacità le abbia mai applicate alla sua politica...




Caro Pino, Prodi annuncia la propria uscita dalla politica perche' siamo in campagna elettorale e quindi, dato che il soggetto e' stato ed ha spremuto, tanto vale farlo ora. Non e' stato un bel personaggio: si, ha battuto Berlusconi, ma e' uno dei peggiori DC, di quelli cresciuti a nomine e deliri da seduta spiritica. Berlusconi rimane, sempre ruspante, ma il suo declino e' certo, ed altrettanto certo e' che la sua famiglia ed il suo gruppo continueranno a destabilizzare l'Italia. L'Italia forse sara' il primo paese a statuto anarchico. Ce la faremo a farlo senza i morti e gli umiliati? Giannit


Ammiratissimo Corrias: Sembra che lei si stia ergendo a difesa di Prodi, che dopo tutta questa valanga di recenti avvicendamenti tragicomici della realtá italiana, non sembra essere stato all'altezza del suo cognome... Adesso, secondo alcune fonti, lascia la politica, non senza prima aver dato la stoccata finale con l'ultima uscita, quella della termodistruzione delle ecoballe dando mostra ancora una volta dell' insofferenza blindata della politica di fronte alle esigenze della cittadinanza. Forse non c'è il tempo, o forse non c'è la forza ma é chiaro che gli inceneritori rappresentano un'altra torta grande da spartire e che l'ex funzionario della Goldman Sachs trova piu congruo continuare ad avvelenare e avvilire il territorio e le sue comunitá prima di promuovere una soluzione equa e razionale come la raccolta differenziata: lí c'è sicuramente molto meno da cui attingere. Quindi, se si continua a cancellare con il gomito (o meglio: a gomitate) quel che si fa (decentemente)con la mano, siamo al punto di partenza. Prodi, senzaltro, non é paragonabile a Berlusconi, ma non é nemmeno un prode della politica visto che in due occasioni ha sbagliato le alleanze e ha comunque fallito nel progetto che ha tentato di portare avanti. Ed il fatto che gli si aggiudichi il risanamento dei conti sapendo che la salute dell' economia non é in mano ai governi ma alle banche centrali, sa tanto di (eco)balla... questa sí da termovalorizzare, nel rispetto della dignita e della veritá che lei, da questo blog sembra difendere costantemente. Io per paradosso, Prodi l'ho votato ed é per questo che mi esprimo cosí adesso. Avesse almeno fatto qualcosa contro il conflitto d'interessi... Hasta Nunca Prodi!
http://www.beppegrillo.it/2008/03/nerone_prodi_e/index.html?s=n2008-03-08


Vorrei rispondere a tutti quelli che dicono che Prodi ha sbagliato alleanze.Senza dubbio e' stato vittima della sinistra radicale prima ( e di D'Alema, non lo dimentichiamo..la sua ambizione alla poltrona di primo ministro e il suo strisciante complottare contro Prodi hanno sortito l'amaro risultato nel primo governo Prodi) e di Mastella e Dini poi (si vede che mentre pensavano a come far uscire le mogli dagli arresti si divertivano a far cadere il governo Prodi). Ma il fatto che abbia costruito queste alleanze e' semplicemente dovuto ad esigenze matematiche. Senza questi alleati non avrebbe vinto le elezioni. Volevate un Berlusconi 2 invece che un Prodi 2??La seconda volta ha pure messo in cassa un programma comune e blindato ma gli interessi dei singoli hanno di nuovo avuto la meglio. La colpa di questa situazione non e' di Prodi ma degli italiani che votano Berlusconi e Mastella.
alziamolavoce.blogspot.com


Voglio essere sincera:avevo nel Professor Prodi una certa fiducia. Questo perchè l'ho sempre reputato una persona priva di egocentrismo cieco proprietà appartenente invece al Sig. Berlusconi.Non ho mai visto nel suo operato fini personali.Credo inoltre che il meglio dovesse ancora venire e che piano piano forse si sarebbero ottenuti risultati concreti e in un certo qualmodo positivi.Non gli e stato concesso il tempo necessario per arrivare a buon fine. Il peggio arriverà da ora in poi.Non vedo negli attuali futuri primi Ministri le capacità necessarie per ripartire (a mio avviso sono dei veri incompetenti).Ci vuole gente con le palle in questo nuovo governo non i soliti venditori di fumo. Se Prodi va a casa allora che ci vada anche il resto della "marmaglia" che ha preso fino ad ora stipendi da capogiro e non ha mai fatto l'interesse del Paese(D'Alema,Rutelli,Fini,Casini,Dini,Berlusconi etc etc).Ricordatevi che questa gente ci deruba tutti i giorni e non gliene frega un cavolo della povera gente.


Dopo gli operai tirati per la giacchetta e messi in lista, dopo gli industriali sì, gli industriali no, gli operari e basta, dopo vediamo se Briatore viene, dopo Mastella vieni nel Partito Socialista, dopo venite Radicali ma si fa come dico io, dopo Ciarrapico ci serve anche se è un fascistone ma intanto così Basso Lazio e Molise ce li ciucciamo noi, dopo un posto al Senato per Cuffaro lo troviamo noi, dopo Lumia chiamiamo sennò facciamo una figura di merda....mi convinco che se fosse viva la buon'aninma di Moana le farei personalmente campagna elettorale per il Partito dell'Amore!Almeno in quel posto lo prendeva lei..




Analisi corretta e "tristemente" vera, anche se il declino di Berlusconinon lo vedo tanto prossimo.... Il grosso problema è che in politica al momento non trovo nessuna personalità che si assuma la responsabilità e la sfida di proporre qualcosa di veramente nuovo. Parliamoci chiaro, stiamo assistendo ad una campagna elettorale surreale priva di contenuti ed assolutamente deficitaria di programi convincenti. Paradossalmente sono i "piccoli" partiti e coalizioni che stanno osando qulcosina in più. codiali saluti




Prodi è stato un leader europeo e, come tutti i grandi leaders europei, una volta terminato il suo compito ha deciso di ritirarsi. Berlusconi che ci azzecca con i grandi?


Dichiarazioni a dir poco sconcertanti di Silvio Berlusconi, dalle quali, seppur fievolmente, hanno preso le distanze AN e Lega. La Russa ha detto che il suo partito è sempre stato contrario alla candidatura di Ciarrapico e la Lega chiede all'imprenditore romano di fare un passo indietro, ma lui declina e dice di volere andare avanti. Berlusconi ha dichiarato: "Si deve fare una campagna elettorale e si deve vincere. L'editore Ciarrapico ha dei giornali importanti, credo che sia assolutamente importante che questi giornali non siano ostili. Visto che quasi tutti i grandi giornali stanno dall'altra parte, quando ce ne è qualcuno che è a nostro favore credo che sia una cosa assolutamente logica cercare di continuare di averli a favore. Anche Alleanza nazionale era d'accordo su questa candidatura". Quest'ultima frase è l'ennesima bugia, come confermato anche dai vertici di AN. Che poi tutti i giornali siano dalla parte opposta quando lui è un imprenditore editoriale, la dice lunga: o lui è un imprenditore incapace che non riesce neppure a essere l'editore dei propri giornali (cosa molto distante dalla realtà) o, come al solito, mente. Per Berlusconi importa solo vincere: non conta come e con chi. Allora si imbarcano pluripregiuticati, personaggi dall'oscuro passato, solo per vincere. Le regole, l'etica, la morale, tutte buttate nel cesso. Berlusconi non vuole buoni politici per una buona politica, ma pessimi personaggi che, con il loro potere economico e di influenza mediatica, lo portino alla vittoria. Come può riempirsi la bocca con grosse parole, dicendo che vuole il bene del paese? Qualcuno gli dica che questa non è una partita di calcio dove per vincere si arriva a tutto, anche a comprare gli arbitri. Qui si parla del futuro dell'Italia, serve gente onesta e capace e Ciarrapico non è certo in nessuna di queste categorie. Chi altro caricherà nel suo carrozzone?
www.lineagoticafight.blogspot.com


# 27    commento di   Watty - utente certificato  lasciato il 12/3/2008 alle 10:46

Prodi ci lascia nelle mani del divino Topo Gigio... E' un bene o una minaccia? Vi lascio decidere segnalandovi ciò che ho scritto a proposito della sua visita a Genova di martedì scorso perchè mi ha stupito un pò questo curioso personaggio... Comunque le alternative rimangono sempre più aberranti... un saluto
http://www.lostudiodiwatty.ilcannocchiale.it/post/1824545.html


Buon compleanno cara Inter per le tue 100 candeline! E tanti saluti, arrivederci e grazie per l'ennesima delusione di ieri sera in Champion. Essere interisti è un pò una maledizione, perchè sei abituato alla rassegnazione classica dei non vincenti (razza ben diversa dai perdenti). Anche le poche vittorie sono contornate da sofferenze, regalie, o a volte da immeritata fortuna. Mentre le tante sfortune sono accompagnate da una valanga di sfiga. Sempre cercata però. Poi le gioie interiste durano poco. Uno scudetto regalato due anni fa, un altro conquistato l'anno scorso quando mancavano le rivali più forti e quest'anno a soffrire fino all'ultimo. Ne parlavo qualche anno fa anche col grande Giacinto Facchetti: siamo atipici, abbiamo una squadra ma mai un gruppo, siamo forti ma non coraggiosi, siamo imbottiti di campioni ma troppo individualisti, abbiamo un presidente ricco ma troppo buono. La partita perfetta non arriva mai (perchè andiamo a diesel, non a benzina super) e la storia non riusciamo così a riscriverla. Da noi allenatori straordinari hanno fallito (Lippi), giocatori incredibili sono stati ceduti (uno su tutti Pirlo) e una valanga di soldi sono stati spesi inutilmente (Velasco). E' sempre mancata negli ultimi decenni una caratteristica unica per essere campioni grandi con grandi campioni: un vero cuore. Se questa carenza sia da addebitare alla Presidenza, all'Allenatore, allo staff dirigenziale o ai giocatori, o a tutti insieme, non si sa. Ma ai tifosi no di certo!
www.fuochidipaglia.it


# 29    commento di   niscal - utente certificato  lasciato il 12/3/2008 alle 11:34

Salutiamo con stima e affetto Prodi ... mente troppo elevata per la nostra misera italietta. Lo rivedrei bene a Brussels a guidare i destini d'Europa ... e a bacchettare il nostro BelPaese. Segnalo un post ... con altri "addii" ... meno rimpianti: http://nicolascalera.blogspot.com/2008/03/sullaltare-della-moralit.html
http://nicolascalera.blogspot.com


che cazzo c'entra l'inter? ha vinto? ha perso? chiedo scusa ma chi se ne frega, almeno in questo luogo? che fallisca l'inter aggiungo allora io, lei ed il suo presidente ed i suoi brocchi pagati con il mio pieno di gasolio(considerazione fatta giusto per rimanere sulla stessa lunghezza d'onda e per rispondere pietosamente ad un post pietoso)




Quoto in pieno il tuo intervento, Sandro Brancaleone! Ho 36 anni, una laurea in Lettere e un diploma di Conservatorio....sto industriandomi per cambiar vita e trovare lavoro all'estero (con questi titoli di studio e alla mia età non è facilissimo). Secondo me il nostro paese ha perso definitivamente il treno nel momento in cui è stato aggredito il pool mani pulite (con un revisionismo storico che ha premiato i ladri e punito le "guardie"), nel momento dell'inciucio dalemiano, nel graduale (e invisibile ai più) degrado dell'informazione e, naturalmente, nel Berlusconismo dilagante (Berlusconi, una sorta di Menem all'italiana). Ne seguono ingiustizia sociale, professioni congelate e "tramandate" etc... Spero di riuscire a realizzare il mio sogno: vorrei tanto che i miei figli (se ne avrò) amassero tanto l'Italia quanto la amo io....ma da turisti!!


Io, al contrario di alcuni critici, sono dispiaciuta per l'addio di Prodi. Non sono mai stata democristiana, anzi, ma essendo cadute quasi tutte le ideologie lui mi sembrava il punto di sintesi perfetto per il periodo che stiamo vivendo, non per caso ha battuto per due volte il cavaliere nonostante il suo scarso appeal mediatico.Traspariva da lui una certa serietà di persona, una certa affidabilità, al contrario il suo competitor era, ed è purtroppo ancora, un vulcano(finto), uno scoppio di fuochi artificiali, imbonitore, proprietario di quasi tutti i media a disposizione ed altro che usava ed usa ancora per accaparrarsi il favore ed il voto di persone fragili di mente. Se non è riuscito a durare e a portare a termine il suo programma la colpa è innanzi tutto di questa ignobile legge elettorale, che per vincer ti costringe a mettere insieme di tutto(evidentenente fatta apposta), anzi, secondo me Prodi ha avuto grandi doti di mediatore e tanta pazienza. Io da mò che avrei mandato tutti a quel paese! Cibiamoci tutti Ciarrapico adesso!


guardate che a chi vota pdl, il fatto che nel suo interno ci siano persone poco edificabili, pregiudicate o condannate non interessa poi molto, anzi diciamo per niente. Lo stesso si può dire quando si parla della legge sul conflitto di interesse e delle varie leggi vergogna. Questa gente ha il culto del mito Berlusconi e tutto quello che fa o dice, per loro è verità. Il popolo di centro sinistra (non tutto), invece, si interroga e si arrabbia quando vede che la classe politica che li deve rappresentare non mantiene dei solidi principi e rispetta la parola data. Pretende legalità e giustizia sociale, miglioramento delle condizioni di vita di tutti, leggi che rendano la società più libera di decidere il proprio futuro, che premino la meritocrazia. Sarei tentato di non andare a votare anche perchè Uolter non mi piace e la SA presenta un Bertinotti impresentabile ma non credo che l'astenzione sia giusta. Ricordiamoci che negli stati uniti non vota mai più del 40% della popolazione e comunque chi governa si sente pienamente legittimato (a fare quello che vuole).


CONTROLLO SUL VOTO DI SCAMBIO ______________________________+ + Nello Musumeci, ma io ti avevo scritto _______________________________+ + Mi sono fissato sul Controllo del Voto di Scambio. Sul web se una proposta non riceve palettate, significa che è ineccepibOle. E’ come l’uovo di Colombo. In Sicilia abbiamo lo Statuto speciale, ma anche senza di questo la legge prevede già che non si possa entrare in una cabina elettorale con apparecchiature elettroniche (Cellulari).La legge prevede già che se vuoi votare Mario Rossi, non puoi scrivere “Rossi”. La legge italiana troppo cose prevede. Il 90% del voto in Sicilia è controllato. Non si spiegherebbe l’irrompere sulla scema (sic!) spolitica di tanti, troppi, che spuntano dal nulla. A Lombardo vorrei chiedere cosa ha fatto alla Provincia, per meritare tanti consensi,Vorrei chiedere che fine hanno fatto i 100 mila Euro stanziati in esordio di campagna elettorale, per i “Nuovi Poveri”. Che faccio, lo sciopero della sete alla Pannella? Non faccio favori. - www.ricostruire.it - http://blog.libero.it/AntiGrillino/
http://www.ricostruire.it


non è che, più che altro, seguirà il declino dell'Italia?


Io credo che quest'idea che la sinistra "radicale" abbia impedito al governo di fare il proprio lavoro, sia semplicemente una bufala instillata dai media nelle persone. Se hanno tentato di dare un freno a delle iniziative assurde di questo governo, non vedo dove sia il problema. Se si protesta per le inutili TAV, o per gli ampliamenti devastanti delle basi militari di Vicenza, non c'e' niente di male. Non e' grave cercare di portare avanti certe battaglie, se invece si fa cadere un governo e' un'altro discorso. La sinistra radicale non ha fatto cadere il governo, piuttosto e' stata tremendamente allineata alle idee della coalizione pur di evitare problemi, non hanno mai manifestato in modo serio le loro idee opponendosi alla linea governativa. Vediamo per es. da qui che la sinistra radicale non e' stata la causa che ha creato una delle crisi di governo: Il caso Turigliatto-Rossi Il 21 febbraio 2007, la sua non partecipazione al voto assieme al senatore Fernando Rossi del PdCI sulla mozione del Ministro degli Esteri D'Alema riguardo la politica estera del Governo, scatena notevoli polemiche, pur non essendo determinante per la crisi del governo Prodi II, causata dall'astensione, che al senato equivale ad un voto contro, anche di due senatori a vita, Giulio Andreotti e Sergio Pininfarina, e del voto contrario di Francesco Cossiga (anch'egli senatore a vita). Tuttavia a causa dell'astensione, essendosi posto "fuori dalla comunità di Rifondazione", secondo le parole della segreteria del partito, questa ha raccomandato che ne venga decretato l'allontanamento. http://it.wikipedia.org/wiki/Franco_Turigliatto#Il_caso_Turigliatto-Rossi


concordo con Pippo_io.. che cakkio c entra l'Inter qui?? mah!




# 40    commento di   lovelynicky - utente certificato  lasciato il 12/3/2008 alle 15:27

"E presto anche il declino di Berlusconi seguirà" me lo auguro davvero. in merito all'addio di Prodi, mi dispiace moltissimo, ma mantengo intatta la speranza (o forse l'illusione) di averlo, in futuro, come sindaco della mia Bologna.
in_direzione_ostinata_e_contraria.ilcannocchiale.it


Stiamo aspettando tutti con ansia il declino di Silvio... :-/ (...o l'arresto)


Caro Libero Mando, Sento le tue parole molto vicine. Oltre a non essere parenti di nessuno siamo pure laureati in lettere. Un treno di sfortune. Io non so perchè questo paese sia fermo al palo. So solo che anche Berlusconi e Veltroni alloggeranno nelle proprie liste un nutritissimo drappello di "mogli di", "figli di", "parenti di" e "portaborse di". Tutto in famiglia insomma. E a noi, bamboccioni della famiglia sbagliata, queste occasioni non capitano (mai). Noi, caro Libero, alla spartizione della torta non ci saremo. Nessuno ci ha invitato. Nell'emigrazione ci credo: ho vissuto in Francia e in Inghilterra. Sono sempre tornato. Ma ho anche amici che sono rimasti là. Fare l'emigrante è dura: ho fatto anche il lavapiatti, per capirci. Ma, per esperienza, in Italia ti insegnano a zoppicare, sempre. In altri paesi - da straniero - nell'immediato ti spremono come un limone. Ma se hai voglia di fare e sei capace e intelligente (e pure fortunato) possono rimetterti in carreggiata o offrirti delle opportunità. E comunque, sicuramente, ti daranno più grinta. Tienlo a mente anche per i tuoi figli. Che dire? Posso solo invitarti a fare due chiacchiere sul mio sito. Lì non serve davvero nessuna raccomandazione. Rinnovo il saluto solidale. E in bocca al lupo per tutto. Sandro
http://bamboccioni-alla-riscossa.org


penso veramente che il declino di berlusconi verrà presto...non è una persona (politico sarebbe veramente dire troppo!!!) che stimo, è l'immagine di quanto di peggio possa esserci: esteriorità, furbizia, egocentrismo...ma (purtroppo!!!) non si può negare che riesce ad avere molti consensi nel popolo: sia esso popolo di basso grado sociale e pronto a credere a tutto oppure popolo arrivista, fatto da gente che fa della furbizia lo scopo di vita...Sono prorpio questi consensi che difficilmente riusciranno ad avere altri suoi alleati...Berlusconi, seppur in amniera indecorosa, riesce a parlare alla gente, a convincerla che risolverà i problemi quotidiani che maggiormente la affliggono: tasse varie, spesa...poi il come non ha importanza, il fatto che l'Italia andrà a rotoli non ha importanza, l'importante è dare una parvenza di benessere... che dire???apsettiamo fiduciosi che questo declino arrivi presto, ma soprattutto speriamo di avere un qualche esponente politico in grado di ridarci la forza di andare a votare contenti di quello che stiamo facendo!!!








# 47    commento di   SKYLINE - utente certificato  lasciato il 12/3/2008 alle 19:8

Era ora che si levasse dal cazzo colui che ha portato l'Italia alla ROVINA. Se avesse governato bene si sarebbe presentato LUI e non Veltroni (che poi sono la stessa cosa). Se Berlusconi si candida per la 5° volta e la gente lo vota un motivo ci sarà? Se avesse governato come Prodi, col cavolo che ci avrebbe rimesso la faccia... Ma a voi Comunisti ciò vi rode e parecchio. P.S. IO non voto da 15 anni e non voterò mai più ma mi limito a seguire la Politica dall'esterno.
http://skylineblog.wordpress.com


Visto la carrellata di nomi ai quali noi, poveri elettori siamo costretti a sottostare data la porcellum, mi/ci piacerebbe sapere come si presentano questi a proposito di requisiti essenziali dal punto di vista morale, penale, condanne e prescrizioni varie. Sarebbe opportuno sapere di chi son mariti, mogli, figli, cosa fanno nella vita così tanto per regolarsi e per sapere cosa ci riserva il prossimo futuro... Chissà se Marco Travaglio ha in mente di scrivere un libretto, magari da distribuire in accoppiata con un settimanale o quotidiano, tanto per conoscere questi rappresentanti del "popolo"? Lo spero vivamente


Secondo me Prodi non ha governato poi così male...certo ha fatto tanti errori e non certo per colpa della sinistra radicale...Mastella e Dini, loro si che remavano contro il governo..Comunque Prodi ha fatto bene a ritirarsi, ha dimostrato dignità...Certo Berlusconi al suo posto non l'avrebbe mai fatto e penso che non lo farà mai...ho paura che dovremo sorbircelo ancora per un bel pò...


# 50    commento di   Hawkeye - utente certificato  lasciato il 12/3/2008 alle 19:37

Prodi ha governato benino... Benissimo su alcune materie, su altre meno bene (dei regali agli industriali non si sentiva varamente la necessità!). Non sono ottimista come Pino riguardo alla sparizione dalla politica del Berlusca... secondo me ce lo sopporteremo ancora a lungo e quando mollerà passerà il testimone al piersilvio di turno. Che depressione!


Per quello che può valere esprimo tutta la mia stima nei confronti di Romano Prodi, un uomo che ha dato molto al paese am che probabilmente non passerà alla storia. Non ha nessuna capacità comunicativa ed è stato il suo principale problema, poco scaltro non ha base e questo ne fa un facile bersaglio per tutti i politicanti che purtroppo vivacchiano alla grande in parlamento alle spese dei polli. Prima D'Alema e Marini via Bertinotti, operazione disgustosa, poi Mastella, DeGregorio, Dini, Fisichella e gli altre mezze cartucce...Onore a te Prodi, insieme a Visco ed a Tommaso Padoa Schioppa avete cercate di far diventare un paese normale l'Italia che è e rimane la Repubblica delle banane.




e speriamo che corrias sia profetico...... "e presto anche il declino di Berlusconi seguirà"






# 56    commento di   BastianCuntrari - utente certificato  lasciato il 13/3/2008 alle 10:51

Se non ho sentito male, Prodi ha detto che lascia la politica "italiana", ed ha aggiunto che ci sono "tante altre cose da fare" (altrove? n.d.r.). Secondo Lei significa che si presenterà alle europee?
http://bastianocuntrari.blogspot.com/


d'accordo con ciò che dici. ma traspare l'immagine di prodi "vittima" e non sarei così d'accordo. ha ordinato di bruciare le 7000 tonnelate di ecoballe campane, in cui c'è di TUTTO, (pile , rifiuti farmaceutici, materiale non combustionabile ecc..) ha dato via a un ondata di tumori che nei prossimi anni mieteranno moltissime persone.


Due volte ha risanato i conti dell’Italia.??? MA A CHE PREZZO? HA STRANGOLATO L'ECONOMIA, L'ITALIA E' FERMA ED ADESSO CHE ARRIVA LA CRISI MONDIALE SIAMO NELLA M... . MA PERCHE' NON SIETE OBIETTIVI? FATE UNA GRANDE TRISTEZZA!!!


Hello, I noticed you use my photo on this blog. As you probably have read my photos have copyright, so I thought it would at least be decent if you would have asked for permission before taking my photo from the internet. However, I'm honoured that you think my photo suits your website. regards, Caroline


# 60    commento di   Susej - utente certificato  lasciato il 12/6/2009 alle 14:16

Non mi piace come giornalista, cavoli miei può benissimo dire, ma come lei dice la sua anche io dico la mia. Voglio precisare che le sto rispondendo ora e quindi son più che certo che mai leggerà questo post, considerando che non può mica ricontrollare tutte le cose che ha scritto ed i relativi commenti, perché sono da poco un lettore di questo blog. Non è obiettivo, ed un giornalista dovrebbe esserlo perché non può essere di parte, come voi dite(con voi intendo lei,Travaglio e Gomez)che gran parte dei giornalisti difendono il potere, lo fanno perché non sono dei veri giornalisti, lo fanno perché sono costretti dalla "casta", secondo il mio parere lo fanno perché sono "di parte" proprio come lei. Ho letto altri articoli sia passati(da quando avete cominciato a scrivere su questo blog), a quelli di oggi del 2009, bene e lei sempre difendo o cerca di mostrare una sinistra bella e pulita come cerca di dimostrarlo con questo articolo in cui parla di "San Prodi della libertà", bene io le pongo alcuni quesiti quesiti fu o non fu lui e il suo governo ad accettare alcune leggi che andarono anche a favore di Berlusconi? Fu o non fu lui che pur di non far cadere il governo, rifiutava le dimissioni di Mastella? Chi non denuncia un atto criminoso è o non è in maniera ridotta un criminale anche lui? Si comprende anche la sua bravura nel giornalismo quando prevede cose basandosi sui dati,"E presto anche il declino di Berlusconi seguirà", è passato più di un'anno e lui, purtroppo per me, per fortuna per i suoi elettori, è sempre li e ha perso veramente poco per ciò che ha fatto e non parlo di donne o robe che all'Italiano poco dovrebbero interessare, ma son cose di cui si interessa perché gente come lei ci bombarda di queste "stupidaggini", ma di leggi anti-costituzionali, a favore di atti criminosi(basta vedere le riduzioni per le intercettazioni) e tante tante altre cose che lei e persone come lei, non vedono o vedono male perché hanno una bandiera che


# 61    commento di   Susej - utente certificato  lasciato il 12/6/2009 alle 14:21

non vedono o vedono male perché hanno una bandiera che gli sventola davanti ed invece che guardare oltre essa la difendono a prescindere da ciò che essa mostra.





commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti