Commenti

commenti su voglioscendere

post: Il compito di Villari Riccardo

Il bello è che questo Villari Riccardo , deputato napoletano in quota all’opposizione, ma eletto dalla maggioranza a presiedere la Commissione parlamentare di vigilanza, se ne stava al sole romano, due domeniche fa, ore nove e trenta del mattino, con Massimo D’Alema , tutti e due passeggiando sul Lungotevere. Da soli e fitto fitto parlando, chissa di cosa poi. Per di più sul lato più simbolico del fiume, tra Castel Sant’Angelo e il Vaticano , ad aggiungere intreccio di sangue e di complotto al sottotesto. Perché poi il sottotesto e il testo coincidono: “ Non mi dimetto. Non ci penso proprio ”, ha dettato il Villari, dopo diurne consultazioni con Ciriaco De Mita e Clemente Mastella , bufale sagge e silenti della politica campana, entrambi esperti in dimissioni per averne rifiutate ... continua



commenti

Gli ultimi 100 commenti / 
Mostra tutti i commenti




# 184    commento di   DANIELEPELIZZARI - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 10:45

@Saverio 175 si potrebbe tentare di dimenticarlo (ne guadagneremmo tutti in salute), il guaio, caro Saverio, e' che lui non si dimentica di noi. ciao


(Ieri ho perso lo spettacolo della sfuriata in diretta. Ma ho assistito, tra amici, a qualcosa di meglio: un impareggiabile recital, di 3 ore e mezza, di flauto e ghitarra a 7 corde: jazz americano e brasiliano.) Che il Telebano-Telebabano sia un corruttore politico incallito - nato, navigato e consumato - lo gridano pure i passeri dai tetti, anche se Di Pietro non l'avesse mai detto. Sarà difficile fornirne le prove: è bravissimo, con l'aiuto dei suoi niccolò-machiavellici difensori, a farle scomparire o a tirarsi fuori diversamente, come Macky Messer (in letteratura) e Al Capone (nella realtà). Fin quando non scivolerà su una della tante bucce di banana disseminate ovunque, che finora ha sempre scansato con funambolesca bravura e/o fortuna.






# 188    commento di   fili di Lupo - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 10:55

x daniele177 minoranza rispetto a che cosa?lademocrazia è la maggioranza?ci vorrebbe il blogger Urbano,purtroppo io nn sono lui,vediamo come dirti non sono d'accordo con il concetto ..mi spiace daniele , se ti basi su un concetto politico italiano, posso capire in che senso lo hai usato, ma per sentirsi dalla parte del futuro e della speranza da dare al paese, sia culturalmente parlando che economicamente parlando facendone una nuova sintesi, "devi" uscire dalle vecchie categorie di calcolo maggiore minore, cosi può essere possibile quell'unione ( piu che alleanza che mi suona per l'italia di pentapartitica memoria senza futuro) , quella movimento verso quella direzione che supera tutti i concetti ideologici e partitici, e che va verso le qualità che tagliano trasversalmente il numero maggiore di persone e che puoi meglio fare se del passato conservi solo quali sono stati i terribili errori e danni anche nel formare alleanze di fuffa sono sempre più d'accordo con quanto scriveva di recente enrico imp e anche altri, in italia cio' che ha perso (infatti in una visione complessiva non esiste nè vera sinistra nè vera destra) sono i valori minimali di dignità e civiltà e su questo siamo maggioranza già ora..se però vogliamo rimanere legati ai vecchi calcoli di maggiore o minore, va bene cosi..è chiaro che mi appassiono su questi temi,ma solo per la visione di quel traguardo che meglio di me esprimono altri e che potrebbe essere più vicino di quanto si pensa,se ci si basa sui valori semplici rimasti di dna a moltitudini sconfinate inimagginabili..tanto come saranno inimmaginabili i danni se quel fare "insieme" non verrà intercettato da chi può pro_muovere futuro. ciaodipiùcomedicitu




buongiorno blog!!! Sono ormai convinto che il "controllo" dell'opinione pubblica praticato dalla classe politica sia l'unico nodo da sciogliere perchè, una volta consapevole, l'elettore medio italiano non confermerebbe il voto a coloro che ci hanno portati a questo livello di degrado economico e sociale... Pensavo che un modo semplice e praticabile per diffondere e amplificare l'opera di informazione dei pochi giornalisti con la schiena dritta che ci sono rimasti, oltre al passaparola, potrebbe essere raccogliere i post di Marco, Peter e Pino settimanalmente (come ha già fatto Beppe Grillo) in un formato stampabile da tutti coloro che si prenderanno l'impegno di distribuirlo dove possibile... nel bar sottocasa, in ufficio, alla fermata del tram, donandolo a un amico dormiente, .... spesso il passaparola non "arriva" perchè i concetti espressi vengono in qualche modo colorati dalla personalità di chi racconta e perde di efficacia, ma la notizia documentata e ben esposta da chi fa della comunicazione la propria professione è un po' come uno schiaffo, quando lo prendi lo "senti" che tu sia daccordo oppure no. Ovviamente la redazione deve dare il suo benestare, poi si potrebbe discutere sul format e l'impaginazione , trovato una forma che vada bene a tutti potrebbe bastare, per cominciare, che ognuno di noi stampi una dozzina di copie alla settimana e si comincia...... So che qualcuno ha già praticato questa strada (io non invento nulla di nuovo) ma un accordo tra "NOI" e un po' di impegno generale avrebbe un impatto forse superiore. Principe Viola; ti stimo molto e condivido spesso i tuoi ideali ma sei sempre troppo incazzato!! forse cercando bene e limando un po' "TUTTI" gli spigoli che ci allontanano si diventa più gruppo, quindi più forti... pensaci... iosono disponibile a incazzarmi un po' di più se tu sei disposto a controllare un po' la tua aggressivita...OK? buona giornata a "TUTTI" Marco Berselli.


# 191    commento di   DANIELEPELIZZARI - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 11:28

@Fili di Lupo 188 Da parecchio tempo ripeto (e l'ho scritto diverse volte anche sul blog) che e' forse giunto il momento di cambiare modo di fare politica, di abbandonare i vecchi schemi destra e sinistra e cominciare a parlare di qualita' di vita e futuro della societa' e del pianeta e certo, tu lo sai, mi sento attratto e proiettato verso questo futuro. Per fare questo pero' bisogna abbandonare non solo d'alema ma pure di pietro, tabacci, bersani e compagnia. Questi signori (alcuni di loro, es. gli ultimi tre, ottime persone) non faranno altro che proporre la loro soluzione che e' semplicemente un altro lato della stessa corrosa medaglia. Noi saremo contenti, tanti altri no e tra qualche tempo ci si ritrovera' a parlare delle stesse cose a campi invertiti. Insomma, o li si butta tutti a mare e si ricomincia da capo o si continua cosi sperando in una presa di coscienza maggiore sia negli elettori che negli eletti. Penso che la seconda soluzione (che non e' necessariamente la mia) sia la piu' praticabile e in quel contesto si pone il mio msg 177. Quello che tento di dire e', mi va benissimo e trovo molto bello questa voglia di cambiare rotta (ricordi la descrizione, bellissima di Cristina: i primi cittadini costituenti) ma questo cambio di rotta non ce lo portano i di pietro, bersani, letta, e co. semplicemente perche' non e' il loro modo di navigare, loro possono essere (ed e' gia' molto) capitani migliori, ma itaca e' sempre di la dal mare. ciaodipiu'




Minoranza... infondo, anche la Rivoluzione Francese è partita da una sparuta minoranza che parlava di "liberté, égalité, fraternité" in un mondo di privilegi e soprusi (mi si perdoni il paragone altisonante), così come il Risorgimento. In questo, la mia parte realistica e pragmatica è d'accordo con Daniele Pellizari, mentre quella che vuole volare in alto è stimolata dagli incitamenti di FilidiLupo. E' vero, il Risorgimento ha avuto bisogno degli inciuci di Cavour coi francesi e delle brame di espansione dei Savoia, ma alla fine ha funzionato. La nostra esasperazione non è ancora veramente produttiva, perché la maggioranza ha bisogno di dosi di malcontento massicce per svegliarsi. E forse ancora la dose non è sufficiente. Bisogna attendere?


155 the truth Le conosco le responsabilità dei furono DS nel non aver fatto la legge sul conflitto di interessi, le conosco benissimo, ovvio che la realpolitik non sia cosa pulita, e quella legge avrebbe fatto scoppiare un casino- io l'avrei fatta, sia chiaro, chi se ne fregava se quello piangeva e i servi scendevano in strada. Ma la gente il berlusca lo vota, D'Alema o no, e pure con Prodi si è vinto per un pelo. Su quello ci si dovrebbe concentrare ancora di più. Invece a sinistra si è occupati sull'autoprocesso al punto che il nemico passa in secondo piano. Tu parli di "disgustosi individui", bene, io che la differenza tra male maggiore e minore la vedo ancora- la realtà non è un libro di filosofia- il termine disgustoso lo riservo per il berlusca ed i suoi lacché. Opinioni. Poi, che gli errori della mia parte politica mi facciano incazzare è fuori discussione. Ma si9amo in emergenza, o no? Mentre aspettiamo un messia obamiano che facciamo, lasciamo che il berlusca sguazzi nella melma che ha creato PIÙ di chiunque altro? Poi, io contestavo questo credere a priori.


@ Principe Viola Guarda che ti stavo dando ragione. Non si era capito?




Ancora una presa in giro di Berlusconi a Ballarò:"Di Pietro faccia il suo dovere e mi denunci,altrimenti lo farò io".Allora,proviamo a ragionare un attimo:se davvero Di Pietro denunciasse Berlusconi,il tutto sarebbe bloccato dal famigerato Lodo Alfano.E allora a che pro? Per ingolfare ulteriormente la giustizia,spendere inutilmente altri soldi dei cittadini e sottolineare una volta di più che razza di Stato siamo...o sbaglio?


#190 Principe Viola Sei uno che si attacca alle parole, eh? Proprio come un politico scafato. Prima chiedi libertà di opinione poi dici per favore POSSIBILEMTE non rispondete se non avete nulla da sire su un tale argomento. No, io non mi offendo. Non ho bisogno di dimostrarti alcunchè. Ma non è così che si difendono i diritti di tutti. Tu vuoi i tuoi spazi ma inviti 'cadamente' (ricordi, il dottore?) gli altri a risponderti solo su quello che a TE sembra importante. Qui, fortunatamente censura non c'è quindi ti becchi le risposte buone e quelle che ti piacciono meno. Ti ho già risposto in un post precedente che condivido gran parte di quello che dici, ma non abusare di politichese. Se vogliamo una discussione lineare, libera, tranquilla e chiarificatrice non possiamo perderci negli arzigogoli del lessico.


Clamoroso: Nel forum della legalita' del PD tenutosi a Caserta indovinate chi c'era (insieme a molte persone,per la verita', molto impegante e valide)? ANTONIO BASSOLINO NO COMMENT


# 157 commento di qualunque >o federì, chi perde se ne va a casa! Quindi? Non capisco cosa significhi questo aforisma nel contesto. Chiunque tu sia. Indignato 60 Lo so cosa sia la credibilità. Però, a volte chi grida al lupo, per citarti, ha ragione. Bello sarebbe poter ancora distinguere o semplicemente aspettare prove. Mi piace l'empirismo, che ci devo fare? A Watchdogs Ok, allora non avevo capito io, tu facevi solo un paragone, un parallelo, anzi. D'Alema ha fatto danni alla sinistra stessa, indubbio, per me il moderatismo a tutti i costi li ha fatti in genere allo stesso modo. 'Sta cavolo di ricerca del centro. Poi, per me nessuno ha fatto i danni che berlusconi ha fatto al Paese, nessuno, mi spiace ma ho poche certezze, pochissime, questa è una di quelle. Che Latorre dica quello non è ancora prova che D'Alema sia il costruttore della congiura contro Veltroni fin dall'inizio, può essere che abbia preso il treno in corsa. Quando ci saranno le prove, verrò qui e dirò che avevate ragione. Io preferisco aspettare. Ciao


Principe Viola #192 IO non sono all'altezza di giudicare nessuno. Solo a volte dal tuo scrivere trasuda aggressività che personalmente reputo eccessiva in questo contesto.... se ritieni ingiusto che chi lo "sente" di più te lo faccia notare prova a spiegare del perchè senza "URLARE" e anche loro ,sono certo, ti comprenderanno meglio. La tua idea di giustizia è in buona parte condivisibile, la voglia di "fare" sembra che non ti manchi,.... sembrerebbe che i presupposti per la convivenza ci siano, ma come tu sei libero di porti come preferisci , rispetta chi ti chiede di non urlare.... ne trarremmo "tutti" giovamento... ciao. Marco.


Berlusconi: "non sono stato io a convocare villari" "non sono stato io a organizzare l'incontro con orlando" "non sapevo di di pietro" "non sapevo del incontro prima di 10 min (a casa sua)" bene, allora quest'uomo è un incapace, non conta nulla. dimissioni PS quando istituiremo 'impeachment in italia?




a Marco #190, da un certo punto di vista la penso come te,ma da un un altro penso che non sia tutto qui il problema.L'altra sera a Report hanno fatto vedere la situazione monnezza a Napoli.Stavo facendo dell' altro e quindi correggetemi se riporto informazioni errate, ma m'è sembrato di percepire che: 1)il centro di Napoli è stato ripulito anche perchè Prodi ha firmato la riapertura delle due discariche dove ora vengono convogliata la spazzatura poco prima della sua caduta. 2)ovviamente solo il centro di Napoli è stato tirato a lucido, la periferia sembra sia peggio di prima.Quindi:Perchè l'opposizione non evidenzia queste cose in maniera martellante? Secondo esempio che ti porto.E' stato fatto un sacco di casino (e si continua a farlo) sull' immigrazione clandestina e su ciò che è stato permesso dal precedente governo Prodi.Penso che la Lega abbia preso un sacco di voti proprio cavalcando queste idee, eppure mi sembra che gli sbarchi di clandestini siano all' ordine del giorno.Centinaia di disperati continuano a sbarcare (sembrano molto di più di quelli che si imputava al precedente governo).E di questo c'è solo qualche trafiletto al televideo o attraverso qualche sito di qualche organizzazione umanitaria.Stessa domanda:Perchè l'opposizione non evidenzia queste cose in maniera martellante? Quindi sono con te quando dici di maggior libertà dell' informazione ma dovremmo avere oltre a questo, anche un gruppo d'opposizione di cui ci si possa fidare e che ci dimostri la sua opposizione e non l'apparente appoggio a chi sta al governo ...(Villari doveva essere cacciato a calci nel c..o ma non quando è stato eletto bensì quando se n'è fregato delle indicazioni del partito che lo volevano dimissionario) e il poco onorevole La Torre,andrebbe preso per un orecchio e messo alla gogna per il suo "piccolo" supporto alla "concorrenza"...e invece Marco tutto tace, il governo fa il c...o che vuole e così pure tanti membri dell' opposizione !!!


leggete "repubblica" CARTA CANTA http://www.repubblica.it/2003/k/rubriche/cartacanta/19-nove/19-nove.html


L'ultima di Angelino... anche questo era nel piano di rinascita di Gelli. Basta!... Io mi arrendo ddl Alfano quasi un'amnistia per condanne fino a quattro anni ROMA - Il Guardasigilli Alfano critica da sempre l'indulto, ma mette mano a un ddl sulla certezza della pena con una mezza amnistia per i reati fino a quattro anni. Rispolvera l'istituto pensato dal predecessore Mastella, la "messa in prova", ma raddoppia la massima pena prevista. Chi rischia un processo, prima che cominci (fino al rinvio a giudizio), può chiedere al giudice "d'essere messo alla prova" in cambio di un lavoro socialmente utile. Che alla fine cancellerà tutto, il processo e pure il reato. Peggio dell'indulto dunque, che almeno lascia traccia del delitto sulla fedina penale.


# 207    commento di   fili di Lupo - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 12:35

daniele191,hai detto letta?no , letta no!eh eh ..cmq diciamo ke 1dei danni+gravi del passatoremoto e di quello+recente,è ke nn aver distinto melemarce da melebuone di questi animali politici italiani,nel senso di bestie nere demoniache,è in 1 delle tante sue conseguenze oltre i danni sui bilanci di stato,quella di aver bloccato la scuola del buon politico(=sviluppare "uomini" che avessero ben nitido il concetto di senso dello stato,progettare legiferare amministrare nell'intersse di tutti e nn personale)è bellissima l'immagine della Crì e sai che la sposo appieno,ma x mia formazione nnposso esser così netta nel tagliare dal presente e futuro tutto quell'insieme di persone(politiche e non ,quindi accademiche ,intellettuali,informative e formative,di valore civile e culturale)ke hanno mantenuto alto il senso dello stato,legalità e dignità e ke hanno saggezza equilibrio(nn equilibrismo)e quindi esperienza!..valore spesso consumato visti i tempi in cui tutto deve essere "new" senza poi essere veramente puer aeternum..giovane eterno senza peter(nn gomez) e senza pan (ke nn è solo i pani ke nn ci hanno)e ke possono pro-muovere unendosi con tanta maggioranza/cittadini senza bandiere vista la direzione verso italiaca già consegnata nella costituzio dei padri,smarrita e dimenticata come appunto l'esperienza quando sa fare memoria ,tesoro della stessa.Si potrebbe pensare che su quella rotta,loro si mettano in ombra,lascino a volti mai bruciati "la faccia",mentre della stiva ne sono le pro_viste accumulate per nutrirli. ciaooltremareondaepiù-


Caro Sergio Cruciani, sempre piu raramente mi capita di ascoltarla a “La Zanzara”, e sempre piu mi fornisce prova del suo calibro. Lei non è un giornalista, ma è semplicemente ridicolo. La offendo, ma le spiego anche perche’. Prendo spunto da le ultime cose che ho ascoltato, senno’ la lista sarebbe lunga. Lei che si vanta spesso di non essere schierato da nessuna parte politica, dice il vero, ma rimane comunque schierato. Dove? Primo, è schierato dalla parte dell’Autorità. La sua facoltà di commento è raramente mossa dal principio di razionalità (o ragionevolezza), ma dal principio di autorità. Quello che viene detto è piu giusto o meno grave se lo dice una persona a suo giudizio autorevole, mentre la stessa cosa è meno giusta o piu grave se la dice uno qualunque. Un esempio recente è stato quando commentava l’istigazione a manganellare di Kossiga. Siccome è Kossiga, allora voleva dire una cosa in realtà piu sottile piu intelligente, “era una battuta…”, mentre una battuta o cosa intelligente che dice un Grillo è quasi sempre accompagnata da critica “si pero, i modi… , ma siamo sicuri che era una battuta?...” oppure “..vabbe’, ma che c’e’ bisogno di Grillo?”. Secondo, è schierato dalla parte della cultura prevalente italiana, di destra e di sinistra, quella dei furbetti, dei camuffatori della realtà a scopi personali, del piccolo orticello, la cultura dell’italietta truffaldina, piccina. Sarebbe solo ridicolo, se non fosse una vera e propria radio-truffetta il criticare Di Pietro su questioni che seppur vere, messe a confronto con la disonesta e la caratura morale di un Berlusconi, scompaiono letteralmente. Berlusconi pero’ va sempre bene. E’ stato eletto no? quindi ha autorità, e quindi tutto quello che fa va bene, no? No. Lei sta sempre li ha sottolineare tutte le sbavature di Di Pietro, dimenticandosi bellamente che Berlusconi, ha commesso come vari reati PROVATI, ma o prescritti o amnistiati, mente spudoratame


# 209    commento di   fili di Lupo - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 12:42

ps 1 rovesciando pensiero per_formante di orwell,almeno per me, direi:ki in italia ha controllato il passato x controllare il presente(quindi il futuro)se ne vada per altra rotta,somalia o altro, altra barca, altri skipper,e cosi tutti i suoi complici indiretti e diretti;ki invece si è opposto ai controllori del passato,presente futuro,sensibile complessivamente al danno del controllante sui controllati(nonostante qualche cadaverino che ogni vita ha nella sua vita ..ma c'è cadaverino e cadaverino e montagne di cada_veri articoli di vite costituzionali ke ha perso il paese)allora questo oppositore va tenuto gelosamente caro anke se dentro una stiva o dentro uno "stivale" indossato dai cittadini e da coloro che vanno verso la loro "italiaca" con volti emersi a capolino o ancora nascosti dalla becera legge dell'audience,ma già presenti nelle miniere dei coralli italiani della democrazia. ps2 attenzione ke ki fa incacchiare qualcuno rischia grosso e fa "possibilmente" brutta fine e se non fa possibilmente brutta fine,è solo xkè non sa' leggere oppure xkè ride, oppure xkè orme oppure xkè mangia gli gnocchi anche se è mercoledì oppure xkè è infermo oppure xkè deve curarsi,oppure xkè fuma oppure c'ha la paglia,oppure xkè non ha forma ma neanche sostanza,oppure xkè non non odia, oppure xkè ha la coda oppure perchè ama ed è imbecille oppure quelli che non si a..tengono e poi pure si offendono,oppure quelli ke nn devono scavare,oppure quelli ke nn devono parlarsi,o ke nn possono musicarsi,oppure quelli ke credono alla sinistra, oppure quelli ke credono alla destra,oppure quelli ke nn ci credono più, oppure quelli ke ki se ne frega di loro oppure quelli ke ki se ne arifregadiloro e si permettono pure se glielo dico di sentirsi feriti..sembra ke di lui si diceva lo chiamassero dio,certe volte anche silvio,silvio che dice è mio,che dice io


# 210    commento di   Gianmario D - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 12:45

Ritorno brevemente su D'Alema. Per me la sua carriera non è costellata di errori. Anzi, siccome lo ritengo una persona intelligente, credo invece che tutta la sua carriera stia a dimostrare quanto sia stato alleato di Berlusconi e quanto lo sia tutt'ora.Gli accordi sottobanco del '94, la bicamerale, il contributo alla caduta del primo governo prodi, la perdita delle elezioni del 2001 con il complice Rutelli, il comportamento odierno da Richelieu che trama nell'ombra alle spalle di Veltroni. Baffetto sta a sinistra ma in realtà pensa a destra. Anzi, in realtà pensa agli interessi di casta. A lui in fondo non credo interessi molto chi governa, se destra, sinistra, centro, sopra, sotto. A lui interessa essere li, godersi i suoi privilegi e mantenerli il più a lungo possibile. E come diceva il buon Guccini:"A culo tutto il resto".


# 211    commento di   DANIELEPELIZZARI - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 12:46

@Rosa 193 Hai colto nel segno. C'e' una strada realistica e pragmatica (e possibile) ed una (molto piu' difficile) "che vola in alto" (bella la definizione). Si tratta di scegliere quale seguire. Non vorrei pero' che alcuni, lupo non e' tra questi, beninteso, facessero confusione tra le due. La seconda non prevede di pietro (cito lui perche' lo ritengo il piu' onesto non per altri motivi). ciao




Per #195 - 19/11/2008 - 11:54 Scusa, non ho capito a cosa ti riferisci, comunque "GRAZIE"... Per #198 - 19/11/2008 - 11:59 Senti Scavatore, se "SCAVI" bene, ti accorgerai che "ATTACCARSI" alle parole, come dici tu, è importante e in momenti come questi è "FONDAMENTALE", perché la "PAROLA" è l'unico mezzo che abbiamo per contrastare i "PRE-POTENTI" (a meno che non si voglia ricorrere ad altri mezzi); fra l'altro ti ricordo che siamo sul blog di chi usa la "PAROLA" anche per mangiare. Ti assicuro che se mi dai del "POLITICO" non mi offendo, al contrario se mi dessi del politicante "PARTITICIZZATO", allora sì che mi "INCAZZEREI"! Inoltre il "POSSIBILMENTE" era contestuale, non successivo, ma forse hai ragione, adesso esagero con la "PIGNOLERIA"... Per #201 - 19/11/2008 - 12:13 Quello che potrebe sembrare un "GRIDARE", è solo un mio modo per accentuare il tono della "VOCE". Hai presente quando si parla? Mica lo si fa in maniera "MONOCORDE" o "MONOTONA", che dir si voglia, e poi purtroppo ho il maledetto vizio di parlare spesso a voce "ALTA". Ecco, fai conto che io stia "PARLANDO"..
emergenzademocratica.blogspot.com


Lupo Sulla questione blog, mi spiace, non cambio idea. Il mio giudizio è basato su ciò che leggo, tutto lì. Oh, i gandhiani sputano su D'Alema? Non credo che lo sputo fosse contemplato. Ma siamo umani, già... ;) Tu non vedi minore e maggiore, non vedi destra e sinistra, vedi solo la ricercà della legalità. Bene, l'ho già scritto, io la differenza la vedo ancora, ci credo, il fatto che entrambe possano fare schifo la dice lunga su questo Paese, non sulla distinzione destra e sinistra in genere. In Italia, ragazzi, riusciamo a rendere schifoso pure il calcio, già sport orrendo di suo ;), pensiamo ai motivi storici e culturali, non alla questione specifica destra sinistra. Oppure no, ognuno sceglie la spiegazione che vuole, no? Io contesto anche questo sparare a zero su tutta la sinistra, alla quale non si perdona nulla, mentre Di Pietro, per citare uno, diventa il deus ex machina. Eh no. All'interno del PD ci sono persone come la Bindi, ma qui ed altrove alè, giù mannaie della condanna, sempre e comunque, a tutti, tutto il PD e mentre noi ci dedichiamo al tafazismo assoluto, gli altri gongolano. Io devo scegliere: da una parte c'è l'emergenza democratica, dall'altra una partito alla deriva con una manica di coglioni all'interno ma anche persone pulite. Dall'altra c'è la feccia, punto. io sarò categorica, stupidamente manichea, può darsi, ma di fronte ad un'emergenza pura la scelta è, per me, tristemente obbligatoria. Certo che il repulisti è necessario dall'interno. Non ne dubito e lo voglio pure io. Ma mentre molti di sinistra non vanno più a votare disgustati, gli altri vincono. Ne vale la pena? Negli USA 2000 molti votarno Nader, stanchi dei democratici; brogli o no, chi vinse? 8 anni di merda. Noi di più. Ha vinto anche grazie all'astensione a sinistra. Mentre aspettiamo Obama (scusate se rido tristemente) io continuerò a votare, naso turato o no, perché se li mandiamo tutti a casa, come molti vogliono, chi va in Parlamento? Gri


# 215    commento di   Gianmario D - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 12:54

Volevo anche rispondere allo scritto di Daniele, riguardo al buttare a mare tutti e ricominciare da capo. Tendenzialmente sarei d'accordo, tanto qui è quasi tutto un magma informe in cui è difficilissimo distinguere il buono dal cattivo. Sostituiamo tutti e via. Solo che non è possibile., a meno di eventi traumatici (una guerra). E forse, dico forse, una guerra è l'unica cosa che potrebbe far risorgere questo paese dalle ceneri. L'ho ricordato altre volte. Gli italiani si sono tenuti per venti e passa anni il fascismo e se non ci fosse stata la seconda guerra mondiale, saremmo ancora tutti in camicia nera. Gli spagnoli si sono tenuti Franco fino alla sua morte, noi avremmo fatto lo stesso con Mussolini. Ci sono voluti centinaia di migliaia di morti, la disfatta di Russia e d'Africa,l'invasione degli alleati perchè qualcosa si muovesse. Adesso credo siamo nella stessa situazione. Certo non mi auguro una guerra, ma però una crisi economica totale, che mandi il 70% dei cittadini con il culo per terra, che li faccia incazzare e gli apra gli occhi, questo si. Se non succede questo, signori miei, possiamo stare qui a raccontarcela quanto vogliamo, ma.....sono molto pessimista.


Ronin #204 Hai perfettamente ragione sul fatto che non sia tutto quì... ma è proprio per il fatto che l'opposizione non fa nulla per denunciare e rendere di pubblico sapere ciò che realmente accade che ,forse, cercare di portare a conocsenza dei fatti tutti quelli che riusciamo a incrociare può essere un primo, piccolo passo verso il traguardo... Penso solo che potremmo farci carico di aiutare chi fa informazione a raggiungere più persone dormienti possibile... se scrivi in questo spazio probabilmente sei ben informato quindi se guardi un tg o leggi un giornale sei in grado di riconoscere con chiarezza le informazioni faziose che propinano alla nazione ,ma altri non hanno la tua consapevolezza ... Ti auguro una buona giornata. Marco.


# 217    commento di   Gianmario D - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 13:1

L'alternativa ad un evento traumatico è un lento, graduale ma costante cambiamento dalla base. Non è praticabile in tempi brevi ma in tempi lunghissimi. Ma per questo occorrono cambiamenti di mentalità che solo una ristretta minoranza può cominciare a promuovere. Daniele qualche giorno fa diceva di partire dalla scuola. Certo. E da chi? Dagli insegnanti sempre più bistrattati o dai genitori? Ma se i genitori sono dei coglioni per conto loro, cosa si pretende che possano insegnare ai figli?


# 218    commento di   DANIELEPELIZZARI - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 13:3

@FilidiLupo 207 Intendevo il Letta nipote, che sta dalla nostra parte e non e' dei peggiori. Per il resto, penso anch'io che tra le tante cose imputabili ai politici dal dopoguerra ad oggi, la peggiore e' proprio la distruzione del senso dello stato. Per riparare i danni di questo ci vogliono anni, molti. Anche per questo la "via lupis" e' di difficile percorrenza. Naturalmente questo non significa che non si debba o possa cominciare da qualche parte. ciaodipiu'


>oppure quelli ke credono alla sinistra, oppure quelli ke credono alla destra,oppure quelli ke nn ci credono più, oppure quelli ke ki se ne frega di loro oppure quelli ke ki se ne arifregadiloro e si permettono pure se glielo dico di sentirsi feriti.. E copio solo quello. Vedi perché non cambio idea sulla legge del blog? Perché le tue parole lo confermano. È tutto un 'permettersi' di dire fare sentire o scrivere. Chi lo dice, tu? Via di pulpito, e giù generalizzazioni contro chi vede il mondo in un altro modo. Succede, Lupo, succede. Non lamentarti se ti si accusa quando tu sei la prima a dire a mezzo blog un giorno sì ed un giorno anche ciò che devono scrivere o pensare o sentire per essere nel giusto. Chi di spada ferisce....


Continua ...chi va in Parlamento? Grillo e i grillini? Di Pietro da solo? E gli immigrati?


# 221    commento di   Gianmario D - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 13:8

# 214 commento di Federica - lasciato il 19/11/2008 alle 12:52 Ciao Federica. A te dico solo una cosa. Hai ragione, all'interno del PD ci sono anche persone degne. La Bindi, che considero l'unico vero uomo della sinistra, (perdona la battuta ^_^), Bersani, e altri. Ma i buoni sono altrettanto colpevoli dei cattivi, perchè non fanno nulla o ben poco per cambiare una situazione disastrosa. Forse non ne hanno il potere, all'interno del PD, forse preferiscono "turarsi" il naso per fare numero. Ma facendo questo sono comunque complici, consapevoli o meno dello sfascio della sinistra italiana.




Grazie Marco, sono incappato, casualmente, nella trasmissione televisiva “ICEBERG” di Telelombardia dedicata al tema della sedicente miracolosa riforma della Pubblica Amministrazione del, di loro, mini-stro “macro-cefalo” Brunetta, il quale dichiara bellamente di essere socialista di Forza Italia ora PDL … ? ma che significa? Io, proprio, non riesco a capirla ‘sta dichiarazione diffusa ormai come una pestilenza …qualcuno spieghi a ‘sti figuri che il termine “socialista” non è sinonimo di “craxiano”, e ovviamente, viceversa; si perché ritengono ormai di poter dire qualunque cazzata e non solo in tv ma in qualunque occasione. L’intervento di Marco Travaglio è stato sintetico ma essenziale ed ineccepibile; perché come al solito hai detto una sacrosanta verità ossia, paradossalmente, ciò che nessuno mai in ‘sto paese vuole dire o, a maggior ragione, controbattere al politicante di turno, ovviamente schermato dalla posizione di potere; Hai detto, e mi permetto di sintetizzare, che per riformare veramente la P.A. si dovrebbe partire innanzitutto dalla testa e non dalla coda, ossia dai dirigenti, ed io ripeto i DIRIGENTI e aggiungerei i FUNZIONARI CON POSIZIONE ORGANIZZATIVA (cioè facenti alcune funzioni dirigenziali grazie ad una sorta di investitura/delega SEMPRE del DIRIGENTE). Infatti, sono loro, i DIRIGENTI, che hanno in mano la nuda gestione della cosa pubblica, oltre che la responsabilità giuridica della stessa, ma sono loro che rappresentano i guardiani più fedeli e compromessi, ovviamente, del sistema clientelare le cui fila sono tenute dagli amministratori politici locali e nazionali. Ogni Ufficio o Servizio, che dir si voglia, retto da un dirigente è un’enclave di potere che risponde a queste esigenze clientelari e alle sue personalissime esigenze di autoconservazione della piccola fetta di potere acquisita. Questo è un sistema blindatissimo a cui non sfugge quasi nulla e permea di se come una metastasi qualunque cellula di un qualunque organ
http://ifantastici4.splinder.com/


# 224    commento di   DANIELEPELIZZARI - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 13:14

@Gianmario D. 215+217 Ehila Gianmario, non ti ho mai letto cosi' pessimista. La via d'uscita c'e' ed e' l'uomo con la sua capacita' di risalire quando tocca il fondo, magari dopo qualche ulteriore scavo (a proposito, sono completamente daccordo su quanto dici del ventennio, senza la guerra non sarebbe cambiato nulla almeno per molti, molti anni) solo che ci vogliono anni e nella societa' attuale si e' abituati a pensare in termini di oggi e domani, niente altro. L'alternativa e' appunto un evento traumatico con pero' le conseguenze imprevedibili che puo' comportare. La storia e' li a dimostrarlo, basterebbe imparare qualcosa dagli errori passati. La frase che si ripete sempre: quando non insegna la storia si ripete, e' stantia ma rimane pur vera. E non e' l'insegnante (Storia) in questo caso ad essere fannullone ma gli allievi. ciao


@federica conosco bene la realpolitik. il mio non e' un atteggiamento folle ed autolesionistico, ma molto pragmatico! cosa ottengo a votare pd? un paese migliore? purtroppo dal mio punto di vista la risposta e' no! e qui e' probabilemnte la differenza tra i nostri punti di vista, differenza incolmabile al momento. l'unica cosa che ottengo e' apparenza, perche' non vedro' berlusconi dire cazzate ed oscenita' ad ogni pie' sospinto dall'alto del colle, inanellando brutte figure internazionali a catena, ma quello che si fara' non sara' migliore di quello che potra' fare berlusconi... questo ho visto nella politica portata avanti dalla sinistra! questo mi dice che l'aggettivo "disgustosi" e' perfettamente associato a questi figuri perche' la differenza con berlusconi, non e' la disgustosita', ma l'oscenita'! e poi, basta che in nome della realpolitik, bisogna ingoiare tutto! questo e' folle! io posso accettare (non sempre) di sopportare qualcosa che ritenga sbagliato, se dietro c'e' comunque un progetto sociale verso cui arrivare. qui, questo progetto, dov'e'? oltre a vivacchiare dietro alle idee degli altri ed ad assecondare gli interessi di alcuni, cos'altro fanno? cosa propongono? ma non a parole! nei fatti concreti di amministrazione! infine, una provocazione. perche' devo essere sempre io a farmi carico di un comportamento responsabile? se io dico che non li votero' se continueranno ad essere rappresentati da quelle facce, perche' non assumono loro un atteggiamento responsabile e se ne vanno, cosi' il mio voto torna, fiducioso che nello spazio lasciato libero, possa inserirsi un qualche obama nostrano, perche', e' vero, come hai scritto, che i democratici votando nader ottennero bush, ma in compenso dopo e' arrivato obama...


continua dal precedente... Questo è un sistema blindatissimo a cui non sfugge quasi nulla e permea di se come una metastasi qualunque cellula di un qualunque organo dell’Amministrazione statale. Certo è più facile sparare nel mucchio della mandria variegata dei semplici e subordinati dipendenti pubblici; Il sistema clientelare creato in cinquant’anni è duro ad essere smantellato. I posti del sottobosco di governo locale e nazionale, non sono facili da destituire, e comunque sono posti di potere che mantengono i vecchi legami clientelari e ne creano di nuovi. Io dico queste cose perché le vedo dall’interno, in quanto sono dipendente pubblico, di un ente locale del nord Italia, triturato dagli ingranaggi di questo sistema e costretto a essere “fannullone” dai vertici soprattutto dirigenziali, solo perché costituisco una eccezione, una mosca bianca in quanto entrato con un regolare concorso pubblico e sono qualificato cioè laureato con specializzazione master, esperienza di lavoro qualificato ma precario nel privato ecc. ecc. ma non sono sponsorizzato; e allora sono stato letteralmente placcato dal mio ex dirigente che mi ha dequalificato e demansionato, mettendo in atto strategie di vero e proprio mobbing; il tutto ovviamente per favorire una pletora di incapaci senza titoli e qualifiche che ottengono premi e promozioni senza alcun controllo; il buon servizio al cittadino e i principi di buona ed efficiente amministrazione sono proprio l’ultima preoccupazione dei dirigenti! E ora attendo con ansia e grande preoccupazione le prossime mosse del Mini-stro che ha promesso di mettere mano ai premi di produttività dando più incentivi ai più meritevoli; e come potrà farlo se non attribuendo un ulteriore e maggior potere alla discrezionalità, ancora una volta, dei dirigenti pubblici, che ovviamente ridistribuiranno ai loro leccosi e sponsorizzati cortigiani; e il sottoscritto nella perenne condizione del “è stato suicidato” non beneficerà di nulla anzi no! Sarò
http://ifantastici4.splinder.com/


# 227    commento di   Paoletta! - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 13:18

Berlusconi a Ballarò.. bleah.. non riesco nemmeno più a commentare certe cose.. Sono stufa. Non mi fido più di nessuno di quei "politici", men che meno di veltroni, di d' alema e dei loro "inciuci". Questo paese fa schifo, e non si vuole risollevare. Per il decreto gelmini, ad esempio.. Noi giovani ci stiamo dando da fare, ma.. risolveremo qualcosa? mah.. boh.. le lezioni sono ricominciate, gli esami anche, certo, continuano le assemblee e le manifestazioni ogni tanto, ma.. Guardate, io non sono certo una persona che si arrende, anzi.. anche quando la situazione è disperata, non mi arrendo, vado avanti.. ma sono talmente schifata da tutto questo, che davvero adesso vorrei solo andare via. Non mi sento capita da alcune persone, giovani, come me, ormai troppo "politicizzati", acritici, che difendono veltroni a spada tratta, e guai a nominare di pietro, che vuole solo poltrone e notorietà, e "attaccando" berlusconi, non fa altro che ottenere l' effetto opposto, cioè aumentarne il consenso (non s' è mai capito perchè se si denunciano le schifezze di berlusconi se ne aumenta il consenso.. mah.. invece non nominandolo neppure, cosa si fa?!) e se mi infervoro nel discorso, poi sono anche "esagerata", perchè "non ne vale la pensa prendersela tanto".. oltre che "fissata con Travaglio", naturalmente.. Scusate questa specie di sfogo, ma oggi va così. Auguri, italia.


Una volta tanto credo che Berlusconi abbia detto la verità a Ballarò a proposito di Villari.Basta infatti sentir parlare il dalemian-mastelluto o anche solo guardarlo in faccia,per capire che è perfettamente inutile tentare di corromperlo.Si offre da solo.


# 229    commento di   fili di Lupo - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 13:20

214 federì:-) ho scritto a veltroni di fare le carezzine a bindi, beh quindi figurati come piove sul bagnato! e non posso scriverti "ma mi leggi? ", come farebbero altri..l'unico personale cadaverino che trovo nella bindi e che gli eprdono tutto( anke se altri farebbero gli skizzinosi) , è aver dato contro a una cura quando era ministro della sanità quando scoppio il caso di bella, e una mia amica stava ripigliandosi, come altri, sulla sclerosi multipla xke si sa come vanno certi protocolli e quella cura non si rivolge solo a certe patologie tumorali, e te la dovevi procurare come al solito in italia, andando in svizzera federì se fosse x me , la vera novità del futuro sarebbe un movimento fondato sulle donne con le donne e gli uomini, dopve fra le prime cmq ci metterei la bindi, vedi anche più in generale il pensiero che ho appena lasciato su custodire in "stiva " tutte le persone che si sono battute x i valori della "costituzione", non solo il dipietro che ho votato x la prima volta nelle ultime elez perche sostanzialmente, non potendo scegliere il candidato,almeno di lui sapevo che non mi avrebbe messo un sospetto o un indagato..figurati che quando c'era capanna votavo lui, quindi tu figurati con chi stai parlando,un amante ideale di rostagno! e con mio padre incacchiato nero xke non c'era piu nenni e nn sapeva che pesci pigliare- eh eh eh :-)ciao federì!..e intanto che ci sono saluto anche rosa :-)))




Ciao Gianmario >A te dico solo una cosa. Hai ragione, all'interno del PD ci sono anche persone degne. La Bindi, che considero l'unico vero uomo della sinistra, (perdona la battuta ^_^) la perdonerò... ;) > Bersani, e altri. Ma i buoni sono altrettanto colpevoli dei cattivi, perchè non fanno nulla o ben poco per cambiare una situazione disastrosa. [...] Ma facendo questo sono comunque complici, consapevoli o meno dello sfascio della sinistra italiana. Lo so. È sull'altrettanto colpevoli che non sono d'accordo. Dei delitti e delle pene, ricordi questa pietra miliare della giustizia. Sono sfumature, lo so. Noi, oltretutto, non sappiamo cosa i pochi, o meno pochi di quanto crediamo, facciano effettivamente per cambiare le cose dall'interno. La Bindi era candidata alle primarie, hanno preferito Veltroni (la Bindi avrebbe vinto, secondo me, con giuste tette e giusto deretano. Purtroppo). Ahimé, vox populi, vox Dei. C'è un'emergenza, non per fare il verso al principe viola ma una strategia ci vuole. Andiamo tutti alle sedi locali del PD ad 'urlare' un po' invece di insultare tutti. O no. ;)


# 232    commento di   fili di Lupo - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 13:30

x daniele pellizza lo so caro daniele che intedevi il letta nipote, purtroppo nel mio dna che di spada ha ferito ferisce e ferirà e ne morirà, non esiste che in una versione pubblica di me, e cosi pubblica pubblica come quella politica, si possa essere separati in casa ..una cosa è camillo e don peppone..una cosa è il ridicolo ..so che dicendo cosi generalizzo sul nepotismo, lo so , letta sara' un grande della politica ma x essre "credibile" doveva stare molto ma molto estremamente in ombra (nn come qul governo ombra) oppure molto visibile ma nettamente in battaglia costituzionale ..poi non possiamo lamentarci se il "dialogano" è perche sono di nome e di fatto apparentabili.. purtroppo poi per la stessa "apparentabilità" ne farebbero le spese quelli che appunto in blocco volevano migliorare il paese come la bindi o bersani e dovrebbero andarsene senza essere mai stati parenti dell'amico o del controamico ciaoltreciao:-)


# 233    commento di   ken saro wiwa - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 13:36

rispondo a gianmario d. non credo che una guerra risolverebbe le cose, anche perchè questo fascismo che stiamo vivendo non c'entra col precedente...i manganelli ora non sono quasi più necessari a parte in alcune occasioni come il g8 o contro gli studenti...questo regime ha tutto ciò di cui ha bisogno per tenersi in piedi, ha l'informazione ai suoi ordini. è l'esempio più esplicito credo in tutta Europa di cosa aveva scritto orwell in "1984". la guerra semmai servirebbe ai soliti potenti per tenere alto il loro dominio...e per quanto riguarda il fascismo, gli italiani se ne sarebbero disfatti con o senza l'aiuto delle bombe americane...l'antifascismo è un fatto di cultura, non politico ed era già presente allora!
www.bardifontanelle.ilcannocchiale.it


@ # 181 DANIELE PELIZZARI Sono contrario al fatto di "dimenticarci" Berlusconi, però è un Fenomeno da RIDIMENSIONARE! OK, è POTENTE, RICCO ha 3000 Televisioni ed è Presidente del Con(s)iglio! Perchè, come ha fatto ad arrivare fino a lì? Bè insomma... sono cose risapute, non discutiamo ulteriormente del segreto di Pulcinella. Basta! E' inutile continuare a commentare le stronzatine, gli abusi, le scorrettezze istituzionali-costituzionali, la parolacce... l'uomo è quello e non lo cambi. E' chiaro che politicamente parlando vale Zero! Lui non è certo De Gasperi come Bush non è stato Lincoln. Dobbiamo stare ai fatti attuali: i fatti sono che... non ci sono fatti nè idee! Da quando è tornato al Governo è tutto fermo oppure peggiorato, in qualsiasi campo politico-economico-sociale abbia messo le mani. OKKIO: non dico che prima funzionasse tutto a gonfie vele ma avevamo rimesso i piedi su una strada corretta e legale... Hanno la maggioranza: che governino!!! Però gli Italiani devono essere consapevoli che quelli che verranno dopo NON metteranno delle pezze ai BUCHI fatti da questi... questi qua... tipo l'aggiustamento dello scalone o stronzate simili. Lasciamoli fare, non complichiamo la vita al Governo, non facciamo sponda, non gonfiamo sempre "il caso". Tra 5 anni (se non saranno implosi prima) ci serviranno il Paese, sicuramente devastato e alla fame, su un piatto d'argento... e se ne stanno già accorgendo anche gli industriali che fare affari con certa gente è dannoso.


# 235    commento di   sofista g - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 14:24

TUTTO QUESTO PARLAR BENE DELLA SCUOLA ITALIANA DA PARTE DI TUTTI I TROMBETTIERI DELL'INFORMAZIONE E POLITIOTI MI PUZZA DI DEMAGOGIA ED I RECORD NEGATIVI LO DIMOSTRANO. SIAMO ULTIMI PER LA CONOSCENZA DELLA MATEMATICA E LINGUE STRANIERE,USO E CONOSCENZA DEL COMPUTER SI VA AVANTI A COLPI DI RACCOMANDAZIONI:"MA LA CLASSE DIRIGENTE MI SBAGLIO OPPURE E' USCITA DALLA TANTO DECANTATA SCUOLA?". ANDREOTTI,COSSIGA,POMICINO,CRAXI,DE MICHELIS,G.LA MALFA,AMATO, LA TORRE,D'ALEMA,CICCHITTO,GASPARRI,STORACE,BOSSI,CALDEROLI, MARONI,BINETTI,BERTINOTTI,FORMIGONI,CARFAGNA,NAPOLITANO, SCHIFANI,FINI,AR TAPPONE(il computer si rifiuta di scrivere il nome)CIMOLI,I FURBETTI DEL...,DEL FURTO,ANGIOLINO JOLI, MAMMI, GHEDINI,PECORELLA,TAORMINA,DELL'UTRI,PREVITI,ECC.ECC. ANCHE I PSEUDO GIORNALISTI SONO USCITI DALL'UNIVERSITA' ITALIOTA,E QUESTI SONO I RISULTATI,BELLA INFORMAZIONE NULLA DA RIDIRE.


A proposito di PD, e un po' per Federica, di cui capisco assolutamente il punto di vista perché è stato a lungo il mio... Io per la prima volta non li voterò non perché voglia dare uno sputo in faccia a tutti indistintamente, e nemmeno perché consideri Di Pietro il salvatore della patria (l'unico che sta facendo opposizione però sì!). Voglio causargli un trauma. Una vera emorragia di voti li metterebbe almeno in allarme sulle condizioni del malato? Si possono accorgere che si è infine corroso del tutto l'ormai esile rapporto di fiducia che era rimasto con gli elettori? Poi vorrei ricordare un'altra cosa, comunque. Veltroni non "ce l'hanno messo", ma è stato votato dalla maggioranza dei sostenitori e simpatizzanti del PD alle primarie. Io avevo votato per Letta, ma se tornassi indietro non lo farei.


The Truth >conosco bene la realpolitik. il mio non e' un atteggiamento folle ed autolesionistico, ma molto pragmatico! Non avevo dubbi che tu conoscessi la realpolitik, la citavo solo. Non ti ho detto che il tuo atteggiamento fosse folle, assolutamente no, sul pragmatismo si può discutere. >cosa ottengo a votare pd? un paese migliore? purtroppo dal mio punto di vista la risposta e' no! e qui e' probabilemnte la differenza tra i nostri punti di vista, differenza incolmabile al momento. Direi di sì. Pace, sono solo differenti opinioni. Su quale sia l'alternativa, ecco che entra in gioco il pragmatismo: l'unica per chi non vota più PD pare essere Di Pietro. A parte che non avrà mai i numeri (pragmatismo) io ad esempio ho problemi a votare uno che su certi aspetti è lontano dalle mie idee (ideologia). >questo mi dice che l'aggettivo "disgustosi" e' perfettamente associato a questi figuri perche' la differenza con berlusconi, non e' la disgustosita', ma l'oscenita'! Guarda che io non intendevo dirti che tu non devi usarlo, chi sono io, babbo natale?, dicevo solo che io non ero d'accordo. se rileggi, vedrai che non c'era nessuna 'condanna'. >e poi, basta che in nome della realpolitik, bisogna ingoiare tutto! questo e' folle! Se le mie parole ti hanno fatto pensare che io sostenessi la realpolitik, è evidente che c'è stato un qui pro quo. La realpolitik non piace neanche a me. Machiavelli ha scritto una gran stronzata. Sul resto, lo so, non stanno facendo nulla di ciò che ci aspetteremmo, ma prima di cacciarli, sarebbe meglio tentare una riforma interna. Forse sono ingenua o troppo positiva, non so. continua


# 238    commento di   sofista g - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 14:40

CUCU',BO'BO'..SETTETE INDOVINA CHI MI HA INVITATO A CENA A CASA MIA?VOI PENSERETE ALLA MERKEL. NOOOO!!!!!SONO STATO INVITATO A CENA A CASA MIA DA BONANNI ED ANGELETTI,E VI GIURO NON NE SAPEVO NIENTE,(come al solito)SPORCHI COMUNISTI ORGANIZZANO SEMPRE LE COSE A TRADIMENTO,HE CHE CRIBBIO!!!




# 240    commento di   Paoletta! - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 14:46

Xfavore togliete la pubblicità del cepu con sgarbi!


http://www.quinews.it/2008/11/18/socio-cai-ammette-compriamo-a-costo-zero-e-fra-3-anni-guadagneremo-300milioni/ "Socio Cai: “Compriamo a costo zero e fra 3 anni utili per 300milioni” Sull’operazione Alitalia è stato scritto di tutto e di più. Che l’operazione fosse poco trasparente l’hanno detto in molti. L’opposizione parlamentare ha gridato allo scandalo per settimane: ‘è un imbroglio’, diceva. ‘La cordata Cai è una ‘combriccola di amici degli amici: acquistano a costo zero, scaricano i debiti sui contribuenti e incasseranno gli utili futuri”. Il governo, invece, premier in testa, da canto suo, difendeva l’operazione: ‘La cai rilancerà la compagnia di bandiera e porterà in alto la bandiera tricolore”. ‘L’Espresso’ di questa settimana svela l’imbroglio, pubblicando la lettera di un comandante di Alitalia, che, casualmente, viene a scoprire la verità per bocca, nientepopò di meno che, di un socio Cai. Leggere per credere… Lettera pubblicata sul settimanale ‘L’Espresso’ di questa settimana (N. 46) E l’azionista Cai mi dice: pilota, lei è finito Caro direttore, sono un comandante Alitalia. Lunedì ero seduto a Santa Monica in un negozio di abiti, nei dintorni dell’albergo dove alloggiavo, mentre i piloti del mio equipaggio finivano di provare una felpa. C’erano i saldi e Abercrombie and Fitch era pienissimo. Su una poltrona, un signore con l’accento fortemente toscano mi chiede: “Italiano?”. “Sì”, rispondo. “Parte anche lei stasera con Air France?”, mi fa lui. “No, vado domani con la Delta. Siamo piloti Alitalia e abbiamo fatto l’ultimo volo per Los Angeles da Roma. Ora siamo costretti a tornare con altre compagnie. Alitalia, anche se in questi sei mesi la rotta Roma-Los Angeles ha avuto un coefficiente di riempimento dell’85 per cento, ha soppresso il volo”. “Ah siete dell’Alitalia? Lo sa che io, insieme a mio fratello, sono nella cordata Cai?”, mi risponde. “Bene, piacere. Io mi chiamo Elvio D’Alù e sono un comandante di


a the truth >infine, una provocazione. perche' devo essere sempre io a farmi carico di un comportamento responsabile? perche' non assumono loro un atteggiamento responsabile e se ne vanno, cosi' il mio voto torna, fiducioso che nello spazio lasciato libero, possa inserirsi un qualche obama nostrano, perche', e' vero, come hai scritto, che i democratici votando nader ottennero bush, ma in compenso dopo e' arrivato obama... Sulla responsabilità, non posso darti torto. Io ho detto che nell'attesa e tentando di cambiare le cose dall'interno, non butterò il voto né non andrò a votare. Può darsi che io diventi poi complice. Ma ripeto l'importanza dell'emergenza. Mica dico che ho ragione solo io... ho dubbi perenni... Su Obama che è arrivato, bene, ottima osservazione: mi chiedo solo cosa ne pensino le famiglie sfrattate e dei soldati morti per guerre inutili (come se ce ne fossero di utili) e criminali di questa attesa. Obama non è arrivato perché la gente era stufa dei democratici, è arrivato perché la gente è stufa di perdere tutto. Lo sai. È l'italianità il vero problema, è il carattere profondo di una classe politica clientelare che rispecchia quello della maggioranza del paese, che si lamenta poi va dal politichino a chiedere il lavoro per il figlio. Bisogna lavorare alla base e sono totalmente con Daniele e altri, dalla scuola, dalla formazione, dalla cultura, perché se è vero che esisstono i genitori deficienti di cui parla Gianmario, e pullulano come mosche su una cacca di cavallo, può anche essere vero che lavorando alla base li si ridurrà di numero. Almeno. È un popolo autocompiacente, presuntuoso, indulgente con se stesso in modo patetico, che vive di gloria del passato, finchè non lo si capisce, i D'Alema non mancheranno e mancheranno gli Obama.


Io quando ho offerto l'incarico di Ministro dell'Interno a Di Pietro non sapevo che aveva mandato in carcere tanti innocenti! Mi era stato detto che era il rappresentante della Confcoltivatori Diretti del Molise!


# 244    commento di   Fab1979 - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 14:58

Da La7 è arrivato il testo del suggerimento scritto sul giornale da Latorre per Bocchino. "E la consulta? E pecorella? Io non posso dirlo dillo tu". Appena letta dal Corrierone online. Io non commento. Voglio proprio vederle adesso le reazioni indignate di PD e PDL. Anzi già me le immagino. Cambieranno discorso e accuseranno IDV di essere eversiva.


Rosa Ciao. Bene, visto che il mio stato mentale è il tuo passato, capisci e questo è già qualcosa. Detto ciò, la tua strategia è quella, guarda, ho discusso per mesi con amici che non sono andati a votare, non l'hanno fatto, non è che ora non parli più con loro. ;) Se dall'altra parte ci fosse una destra normale, sarei anch'io di quell'idea: una bella lezione, dato che sembra che capiscano solo il linguaggio dei numeri e non più quello delle persone. Ma, e forse questo sembrerà machiavellico ma non lo è davvero, finchè illo sarà lì a fare il boa distructor, io non riuscirò a non votare. Lo so che non è perfetto, è solo una mia scelta. io stessa ho sottolineato che è stata la gente a scegliere Veltroni, come ricordi tu. Ecco perché continuo a dire che è alla base che si dovrebbe lavorare. Nel mio piccolissimo, comunque, alla sede locale del PD sono andata. Ma non conto una fava, né ho tessere di partito, per carità. ;) Mi deludono molto, certo, ma non ce la faccio a rinunciare al diritto di voto- ripeto, Di Pietro non riuscirei a votarlo, nonostante ne dica tante e tante giuste. È un bel casino... o, almeno, io lo percepisco così.


# 246    commento di   D@ria - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 15:0

ragazzi, per chi vuole seguire in diretta l'incontro di Travaglio con gli studenti dell'Università di Milano di oggi pomeriggio, ecco il link:
http://www.youreporter.it/view_photo.php?viewkey=fa9cedd3577df9bf446296e3b8ac014b


Qualcuno oggi qui ha scritto che ormai è una partita che si gioca fra i "PARTITI" e i "CITTADINI". Forse interpreto male, ma credo significhi fra "PARTITOCRAZIA" e "CITTADINI" (quelli in "BUONAFEDE", ché gli altri è inutile perfino nominarli), e che nonostante nei "PARTITI" ci sia (ovviamente) molta gente in "BUONAFEDE", purtroppo la loro attuale "LOGICA" di "SISTEMA" costringe (perlomeno me) a dover "GENERALIZZARE" e a fare controvoglia e malvolentieri di tutt'erba un fascio. Quindi credo che o i "CITTADINI" capiscono che in questa fase di "EMERGENZA" devono lasciare perdere momentaneamente i "PARTITI" (dopo si vedrà), da qualunque parte stiano e di qualunque colore siano, "COAGULANDOSI" contro uno stesso "NEMICO" comune, oppure questa stessa "LOGICA" partitocratica ci porterà inevitabilmente ad uno "SCONTRO" intestino di proporzioni "INIMMAGINABILI". E mi auguro vivamente che non sia proprio questa l'ultima razio che serve all'Italia per uscire fuori dal pozzo in cui è caduta. Catastrofista? Non credo, semplicemente "REALISTA"...
emergenzademocratica.blogspot.com


# 248    commento di   DANIELEPELIZZARI - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 15:8

@FilidiLupo 232 Povero Letta nipote, guarda che anche il "che" aveva papa' ingegnere benestante e mamma americana e guarda che razza di icona rivoluzionaria a difesa degli oppressi ed antiamerican ne e' uscita. Le colpe dei padri... ciaodipiu'


I RECETTORI DI ARCORE E' ormai evidente, anche da una semplice diagnosi a distanza, dopo le ultime splendide uscite del Nostro (Obama,Merkel, Ballarò...aspettiamo quella di oggi), che i suoi recettori cerebrali sono saturi, e le dosi sempre maggiori di euforizzanti anti-fatica (probabilmente anfetaminici, per non pensare troppo male) hanno raggiunto livelli che portano l'assuntore a una perdita sempre più frequente dei freni inibitori e conseguente incapacità sempre più marcata di controllare atti e parole. Consigliamo vivamente il suo medico-parlamentare-ex sindaco di fiducia, di iniziare a prendere in seria considerazione una cura disintossicante. Ricordiamo che l'abuso di tali sostanze, oltre a creare danni cerebrali irreversibili, potrebbe compromettere seriamente la funzionalità di numerosi organi vitali (oltre naturalmente a mandare a PUTTANE l'Italia).


# 250    commento di   DANIELEPELIZZARI - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 15:12

@Saverio 234 Certo, la mia era solo una battuta. ciao


a Marco #216 effettivamente...come darti torto.La conoscenza dovrebbe partire dalla base ma a questo punto dovremmo fornire informazioni con dati alla mano.Numeri, foto, leggi, dossier e qualunque cosa che non possa essere travisabile o, peggio, negabile. Ogni qualvolta ho cercato di trasmettere questo messaggio a colleghi o conoscenti rispondono che questa informazione è faziosa e creata ad arte per gettare fango su chi governa.E' un pò quello che succede nei giornali e in tv.L'opposizione dice bianco, il governo dice nero ma nessuno dei due si premura di citare fonti o dati che siano verificabili, con il risultato che il cittadino filo-governativo ritiene dogma ciò che è stato detto dal suo esponente e ovviamente il cittadino (passami il termine) filo-opposizione fà lo stesso con quello detto dall' oppositore.Così non se ne esce.Chi vuole conoscere la verità ha a disposizione fonti come queste dove scriviamo, ma a tutti quelli che non possono o non vogliono utilizzare mezzi alternativi a stampa e tv, dobbiamo dare la giusta informazione che a parer mio non può basarsi su un semplice racconto dei fatti ma deve basarsi su un qualcosa di facilmente verificabile.Si dice: "le chiacchere stanno a zero..." ed è così che deve essere.Citando il mio post precedente, se io dico ad un mio amico che la monnezza a Napoli è ancora al suo posto e che l' emergenza non è finita mi sento rispondere che sono il solito comunista.Se invece allo stesso gli faccio vedere delle foto o gli snocciolo dati che dimostrano questo, molto probabilmente mi dà lo stesso del comunista ma almeno un minimo di dubbio glielo insinuo.E' proprio per questo che, ad esempio, gli articoli di Travaglio che reputo più efficaci sono quelli di CartaCanta o quelli in cui si dilunga citando le fonti (ad es.dei processi).Forse in questi articoli si perde un pò della sua consueta ironia e alcuni li potrebbero trovare un pò noiosi,ma a mio avviso sono i più incisivi anche perchè verificabili.Non credi? Augu


!!! ho superato il limite dei 2000 caratteri. finivo solo con ... Auguro una buona giornata anche a te. ronin


Lupo 229 Innanzitutto, anche se il concetto del mio 219 lo confermo, ti chiedo scusa per l'entrata a gamba tesa, come mi è stato suggerito da un amico. La moderazione non è un mio punto di forza. Le parole contano, e io sono stata sciocca nella scelta. Ma ecco perché in questa moderazione non credo tanto. Mi chiedo se mi avresti risposto con toni così concilianti se avessi visto il mio messaggio prima. ;) Non ripeterò ciò che ho scritto a iosa, ormai. Nenni è andato, ok, ma Di Pietro aveva candidato De Gregorio... certo, l'ha cacciato, ma gli errori capitano a chiunque. Poi, votate Di Pietro quanto volete, ci mancherebbe. io no. ;) ---- C'era una blogger di nome Jean Louis Finch, ieri, e dato che Il buio oltre la siepe libro e film sono nella mia top ten di sempre, ho dato un'occhiata al suo blog, ma mi sono beccata un virus, di nuovo. Volevo solo dirglielo, se legge. Ciao


# 254    commento di   DANIELEPELIZZARI - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 15:20

Per quello che conta, credo che questa mattina ci sia stato un interessante scambio di opinioni. Personalmente credo di aver imparato molto sia da chi ha espresso opinioni che condivido che da chi invece non la pensa come me, da chi ha detto cose che sapevo gia' e da chi mi ha sorpreso con notizie o dati che non conoscevo. E' un bel blog. Grazie a tutti e a piu' tardi.


D'Alema e i suoi bravi SONO il miglior SALVACONDOTTO per S.B. P.S Il baffino come stratega non vale na' se.a C'è bisogno ancora dell'elenco dei successi eheheh ? O bisogna dare ragione al buon G.Brera " gli italiani un popolo malato di alzheimer "


# 256    commento di   DANIELEPELIZZARI - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 15:23

@Fili di Lupo Prima di andare devo aggiornare un commento: mica volevo paragonare Letta al "Che", sia chiaro ;) ciao




Ronin # 251 tutto giustissimo caro Ronin... ho già verificato di persona quali sono le risposte più frequenti a tentativi di avvicinamento verbale... ed è proprio per questo motivo che ritengo più valido un articolo ben scritto con disponibilità di relative fonti piuttosto che il passaparola... questo deve servire, secondo me, solo a mettere la famosa pulce nell'orecchio e a invogliare il "malcapitato" a cercare informazioni attendibili perchè si possa creare una sua, comunque libera, opinione.


Oh pofferbacco ! perdindirindina ! VIGILANZA RAI: CECCANTI ( sen. PD ), LATORRE SMENTISCA SUL BIGLIETTINO A OMNIBUS ASCA (ASCA) - Roma, 19 nov - ''Apprendo dalle agenzie di stampa il presunto contenuto del biglietto che sarebbe stato scritto dal nostro vicecapogruppo Nicola Latorre durante la trasmissione di 'Omnibus' sulla vicenda Vigilanza Rai a Italo Bocchino che stava discutendo col capogruppo dell'Italia dei Valori Massimo Donadi. Sono incredulo''. Ad affermarlo e' il senatore Stefano Ceccanti ( PD ) che aggiunge: ''Mi attendo che Latorre smentisca tale ricostruzione che gli farebbe assumere il ruolo di suggeritore nei confronti di un esponente della maggioranza''


# 260    commento di   kratiasinedemos - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 16:0

sono un po' indietro nella lettura dei post, che trovo ultimamente più costruttivi ed interessanti.Scorrendoli tutti avrei voluto prenderne tanti che danno una spinta nuova e coinvolgente. Il dialogo veramente aiuta a chiarirsi le idee. E l'impressione è che oggi questo stia accadendo da tutti e verso tutti.(al di là del pro/contro). Ho cercato di vedere dove gli ultimi interventi portassero, e, per ora, ne ho evidenziati 2 che (forse, se la fretta non mi ha sviato, altrimenti mi scuso in anticipo), analizzano la situazione sinteticamente e propongono attività concrete: # 242 commento di Federica - "(...)Su Obama (...)mi chiedo solo cosa ne pensino le famiglie sfrattate e dei soldati morti per guerre inutili (come se ce ne fossero di utili) e criminali di questa attesa. Obama non è arrivato perché la gente era stufa dei democratici, è arrivato perché la gente è stufa di perdere tutto.(...) È l'italianità il vero problema, è il carattere profondo di una classe politica clientelare che rispecchia quello della maggioranza del paese, che si lamenta poi va dal politichino a chiedere il lavoro per il figlio. Bisogna lavorare alla base e sono totalmente con Daniele e altri, dalla scuola, dalla formazione, dalla cultura, perché se è vero che esisstono i genitori deficienti di cui parla Gianmario, e pullulano come mosche su una cacca di cavallo, può anche essere vero che lavorando alla base li si ridurrà di numero. Almeno. È un popolo autocompiacente, presuntuoso, indulgente con se stesso in modo patetico, che vive di gloria del passato, finchè non lo si capisce, i D'Alema non mancheranno e mancheranno gli Obama." Sono d'accordo sull'analisi che fai. E copioincollo una possibile (anche se non unica) operazione/ azione concreta: # 190 commento di marco be - "Sono ormai convinto che il "controllo" dell'opinione pubblica praticato dalla classe politica sia l'unico nodo da sciogliere perchè, una volta consapevole, l
kratiasinedemos.ilcannocchiale.it


# 261    commento di   kratiasinedemos - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 16:10

# 190 commento di marco be - "Sono ormai convinto che il "controllo" dell'opinione pubblica praticato dalla classe politica sia l'unico nodo da sciogliere perchè, una volta consapevole, l'elettore medio italiano non confermerebbe il voto a coloro che ci hanno portati a questo livello di degrado economico e sociale... Pensavo che un modo semplice e praticabile per diffondere e amplificare l'opera di informazione dei pochi giornalisti con la schiena dritta che ci sono rimasti, oltre al passaparola, potrebbe essere raccogliere i post di Marco, Peter e Pino settimanalmente (...) in un formato stampabile da tutti coloro che si prenderanno l'impegno di distribuirlo dove possibile... nel bar sottocasa, in ufficio, alla fermata del tram, donandolo a un amico dormiente, .... spesso il passaparola non "arriva" perchè i concetti espressi vengono in qualche modo colorati dalla personalità di chi racconta e perde di efficacia, ma la notizia documentata e ben esposta da chi fa della comunicazione la propria professione è un po' come uno schiaffo, quando lo prendi lo "senti" che tu sia daccordo oppure no. Ovviamente la redazione deve dare il suo benestare, poi si potrebbe discutere sul format e l'impaginazione , trovato una forma che vada bene a tutti potrebbe bastare, per cominciare, che ognuno di noi stampi una dozzina di copie alla settimana e si comincia..."
kratiasinedemos.ilcannocchiale.it


Un mese fa scrissi: Credo che adesso, dopo aver richiesto un nome per la Corte Costituzionale alla maggioranza e dopo averlo inevitabilmete rifiutato, non ci sarà più la possibilità di presentare il nome dell'On. Orlando per la presidenza della commissione di vigilanza sulla Rai. Vedo del marcio... Oggi: La Torre, Bocchino, Corte Costit., Vigilanza, PD, PDL, ed altro orrido schifo della Casta




# 264    commento di   fili di Lupo - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 16:43

x kratiasinedemos 260 sono contenta di questo tuo intervento, spera sia con la dedizione che ti contraddistingue, una possibilità diversa e meno esposta di quanto sono io visto il mio amore per il rispetto delle regole,la purezza e la poesia.. mi rendo conto sia semplice per qualcuno pensare che io sia conciliante a seconda di cio' che vivo,penso,leggo,non leggo,aziono,reaziono , scambiando il nucleo del mio senso di infinito(x mia fortuna sfortuna ,innato) come un aggiustamento progressivo in balia degli eventi, ma di questo qualcuno non temo,mi rattrista ma sò che il loro dolore è nel fiume umano non elaborato della storia di cui io , voi, noi, loro, un infinitesimo frammento e in questo frammento kratiaSimon ti auguro di cuore di trovare quella pedagogia che già sei idea e pratica di fatto di ogni mensa fisica e metafisica del nutrire complessivo,tanto da autoproteggerti molto rispetto a me e non farti scambiare x chi non sei; piu semplicemente ti soffio quel "non uno di meno" che nn significa pensiero unico,ma pensiero su pensiero per aggiunzione di movimento con_patto verso itaca e l'orizzonteinfinito..x quanto contro me stessa,sò quasi come l'idiota che devo andarci di mezzo,è x nn far morire le regole di quel dibattito che avete/abbiamo apprezzato con tanto di buon appettito dal viola a tuttui i colori;ti auguro di non aver alcun virus,di cui sempre qualcuno a darcene la colpa xke avremmo ricordato troppo la purezza dell'amore per le regole del giardino della foresta del buio della luce e dei muri agresti e la distinzione con cio' che diventa indifendibile ed ha fatto danno alla storia.E' bello questo tuo prendere il testimone per tenerci unita la nostra federica tramite il nostro obamarcobe..che gia se dico nostro qualcuno pensa voglia imporre loro,ma nn è così..e chi vuole sentire l'altruità di quel suono,sente suono + che capirlo..forma_azione e in forma azione sono il nostro pre---deh....lino,si sà è anche questo il futuro- ciao locand
ps corto x crì..potremo andare a rassegna filmsss di zhang yimou?che ne dici?


# 265    commento di   kratiasinedemos - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 16:52

Se mi è concesso un breve ragionamento “in diretta-blog”, vorrei dire che stiamo assistendo ad un’abile manovra: creare in noi umani una grande confusione tra “sviluppo economico e sviluppo sociale”, con costante penalizzazione del secondo. Il mercato è diventato (e come non avrebbe potuto?!Martellamento informazione/deformazione; vita quotidiana, disoccupazione) la panacea di tutti i mali. Guardiamo l’abisso che si è creato nella “forbice” tra ricchi e poveri...parla da sè.La legge del mercato domina incontrastata: sempre meno ma più ricchi, sempre di più e più poveri. Uscendo dall’Italia guardiamo il totale assoggettamento alle classi dominanti dei Paesi in via di sviluppo/emergenti. Troviamo pochi corrotti al potere e tanti e ignoranti sottomessi. Sia chiaro che “ignoranti” equivale al non sapere, ignorare. In ogni caso, ovunque si guardi, la priorità è data al mercato selvaggio. Ma se riuscissimo ad eliminare questa priorità, se si riuscissero, per esempio a non più ragionare sul “produrre di più per vendere di più”, a vedere i problemi relativi allo sviluppo sociale, ai Diritti Umani, rivalutando la cultura, investendo sulla cultura dei nostri figli, nipoti, allievi, nei nostri blog e verso gli amici e conoscenti, forse riusciremo a creare quel substrato culturale necessario a far aprire gli occhi. In poche parole: siamo pronti per il passo successivo a quello dell’analisi? Ho discusso su un tema a me molto caro, ma sul quale ammetto la mia ignoranza, sulla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, con un’amica, vera intenditrice. Ma non ci troviamo in accordo: io sostengo che sia fondamentale ancora oggi: l’importante è evitare il pericolo che venga svuotata, che venga tolta da una bacheca virtuale. A parole sentiamo grandi pronunciamenti, ma gli esiti effettivi non sembrano interessare le più persone. Ritengo che stia a noi cittadini più sensibili , a chi ci crede ancora, imporci per far sì che questi Diritti e Doveri esistano davvero, e non sol
kratiasinedemos.ilcannocchiale.it


Di Massimo D'Alema mi viene in mente una sua frase profondamente rivelatrice del personaggio: "Sono un uomo dell'Ottocento, non ho l'orologio, uso poco il telefonino e diffido del computer". Ora, se ipotizziamo che per Ottocento intendesse l'anno 800 e non 1800, possiamo dire di aver trovato l'aspirante feudatario perfetto per quel feudo in via di costruzione che è L'Italia. Secondo me si sta covando e coccolando quest'aspirazione come nella celebre pantomima di Chaplin, nei panni di Hitler, nel film "Il grande dittatore". E il ruolo di Berlusconi è quello di spianargli la strada. Di Veltroni non ho ancora capito se è un furbo di tre cotte pronto a fare le scarpe a tutti (sia la destra che la sinistra) oppure se è una specie di "agnello di Dio" disposto a farsi umiliare e a sacrificarsi in nome di chissà quale alto ideale. Speriamo di non trovarci di fronte ad un novello Chamberlain.


# 267    commento di   kratiasinedemos - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 17:10

A parole sentiamo grandi pronunciamenti, ma gli esiti effettivi non sembrano interessare le più persone. Ritengo che stia a noi cittadini più sensibili , a chi ci crede ancora, imporci per far sì che questi Diritti e Doveri esistano davvero, e non solo come pura “forma esteriore”. Solo in quel momento si potrà, poi, parlare di “sviluppo economico” in modo equo (e solidale).
kratiasinedemos.ilcannocchiale.it


a prescindere da ciò che si dice sul "buco di bilancio" di Roma capitale, io Veltroni lo reputavo un buon leader ora non so che pensare...certo che a vedere ciò che è successo in questi giorni mi viene in mente quello che mi disse una mia carissima amica romana dotata di una buona capacità critica e oggi direi anche di una discreta lungimiranza o preveggenza. Quando si presentò come leader del PD le chiesi cosa ne pensava di Veltroni e mi disse: Veltroni è una persona in gamba e per Roma ha fatto molte buone cose, potrebbe farle anche per l' intera nazione purchè gliele lascino fare... aggiunse ...temo però che i vecchi poteri lo "brucierà" presto !!!




# 270    commento di   kratiasinedemos - utente certificato  lasciato il 19/11/2008 alle 18:44

segue da 267 E' come pensare al dopo unità d'Italia: Destra storica: pensò esclusivamente al risanamento del bilancio;senza pensare a tutte le problematiche sociali, infatti il giorno dopo aver pareggiato i conti, crollò, e salì la Sinistra storica, che dovette provvedere alla Questione Sociale...
kratiasinedemos.ilcannocchiale.it


a federica che preferisce aspettare. ___A Scalfari Mauro Serra do anch'io ragione, ma nel senso che i politici "qualunque" son la prima maledizione, poi viene la reazione fisiologica alla pseudo-politica. ___Son come Rosa: ho dovuto farmene una ragione. Mi son turato il naso, e tanto, ma non ha funzionato, maledizione! ___Quel che riteniamo osceno va combattuto, non va invitato in bicamerale o resuscitato come principale esponent.... ecc.ecc. ___Per me prima se ne tornano a casa (se ci riuscissimo che questa si che è irrealpolitik), e prima potremo scegliere a sinistra i migliori. Proviamo a farli fuori per permetterci anche noi un Obama o Zapatero o Bindi. Ho letto così il __# 225 di The Truth__ [...]io dico che non li votero' se continueranno ad essere rappresentati da quelle facce, perche' non assumono loro un atteggiamento responsabile e se ne vanno, cosi' il mio voto torna, fiducioso che ... possa inserirsi un qualche obama nostrano[...]: chi ha perso se ne andrebbe a casa, ma è qualunquismo se dico che questi non se ne andranno?. ___Non esser qualunquista tu (perdona il tono) ma qui è in gioco la DEMOCRAZIA e la possibilità di avere un futuro, non fermarti ti scongiuro davanti al primo ostacolo. Nella Costituente erano ancor più distanti.


Lupo >mi rendo conto sia semplice per qualcuno pensare che io sia conciliante a seconda di cio' che vivo,penso,leggo,non leggo,aziono,reaziono , Non mi chiamo qualcuno, e se vuoi discutere, se vuoi 'difenderti'- nota le virgolette così evitiamo questioni- indirizza il messaggio a me, invece di parlare sempre in terza persona. Usa la seconda. Quella del conciliante era solo una battuta, se vuoi di nuovo vederci chissà che, fallo pure. L'occhiolino serviva a far capire che era una battuta. Solo una cavolo di battuta. > ma di questo qualcuno non temo,mi rattrista ma sò che il loro dolore è nel fiume umano non elaborato della storia di cui io , voi, noi, loro, un infinitesimo frammento il dolore non c'entra nulla. Che bello, ora rattristo anche i lupi. Wow. Ciao


Qualunque >a federica che preferisce aspettare. Aspettare i fatti, solo i fatti. >___Quel che riteniamo osceno va combattuto, non va invitato in bicamerale o resuscitato come principale esponent.... ecc.ecc. D'accordo. >___Per me prima se ne tornano a casa (se ci riuscissimo che questa si che è irrealpolitik), e prima potremo scegliere a sinistra i migliori. Proviamo a farli fuori per permetterci anche noi un Obama o Zapatero o Bindi. Ok, ma prima si sceglie, poi si fa fuori gli altri (intendi metaforicamente, giusto? ;)). Se no, si crea vuoto e sappiamo quali mostri abbiano creato i vuoti di potere della storia. Bindi c'è, Obama e Zapa no, insisto sul lungo lavoro da fare perché vengano fuori. Cambiare la mentalità di base, altrimenti con gli Obama nuovi continueranno anche a saltar fuori i berlusconi vecchi. >chi ha perso se ne andrebbe a casa, ma è qualunquismo se dico che questi non se ne andranno?. No. Qualunquismo è dire che sono tutti uguali e tutti da mandare a casa. È il 'tutti' la chiave della questione. >___Non esser qualunquista tu (perdona il tono) Non mi sembra aggressivo, non ti preoccupare. > ma qui è in gioco la DEMOCRAZIA e la possibilità di avere un futuro, non fermarti ti scongiuro davanti al primo ostacolo. Nella Costituente erano ancor più distanti. Non credo di fermarmi di fronte al primo ostacolo. È solo sulle scelte che le opinioni divergono, non sul contenuto.


E se invece Veltroni con un gesto plateale e per una volta significativo si dimettesse lui? Non avrebbe, quello invece si, un significato? Se non riesci a far dimettere un tuo compagno di partito che decide di fuoriuscire in silenzio, lasciandosi comprare, che ci stai a fare? Andrea








@213 PRINCIPE VIOLA Ecco! Politicante! Non mi sovveniva il termine e me lo hai suggerito. Ecco, si ti ci stai avvicinando. Usi le parole per girare i fatti a tuo piacimento, Politicante.


Perché Schifani, Fini, Berlusconi, dicono che villari deve dimettersi? Non è stato votato con i voti del loro partito? E non è o era un esponente dell'opposizione? Che in questa vicenda tutti hanno fatto la solita figura di voler usare il proprio ruolo, per riuscire a "ricattare" a parte avversa, riuscendo a creare questa situazione al limite dell'assurdo! Il nocciolo è proprio questo, visto che è stato votato dalla maggioranza perché dovrebbe dimettersi? E poi dimettendosi, siamo certi che con zavoli o qualcuno altro le cose potessero cambiare?


Chissà quanti altri Villari ci sono nel PD...


a Federica che preferisce aspettare. Il vuoto... il vuoto... il vuoto l'abbiam già creato, un enorme opprimente e disperante vuoto. Ha facce conosciute, da sempre le stesse per tutte le stagioni. Non ha parole di speranza ma solo rantoli ritriti. Officia sue esclusive liturgie al di sopra delle nostre domande. E tu preferisci aspettare?





Mostra tutti i commenti


commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti