Commenti

commenti su voglioscendere

post: È la stampa, bellezza!

Brutti, conformisti, omertosi e per molti versi inutili. Non è un bel periodo quello che stanno vivendo i giornali italiani . Travolti dalla crisi economica, che riduce anche del 40 per cento gli introiti pubblicitari, i quotidiani annaspano e, dopo essere sopravvissuti per anni drogando i dati di vendita e di diffusione, si trovano di fronte a un bivio: o chiudere, o tentare di far passare la nottata espellendo centinaia di giornalisti e riducendo, di molto, i costi. La soluzione, insomma, è la solita: la cura da cavallo. Solo che questa volta tagliare le spese e cercare di innovarsi almeno un po' investendo nell'on-line non basta. O meglio, può bastare solo per allungare un'agonia cominciata nel 2000, ben prima dell'esplosione della bolla finanziaria. Che fare, allora? ... continua



commenti

Gli ultimi 100 commenti / 
Mostra tutti i commenti


Grazie Peter. Apprezzo sempre i tuoi articoli.


# 52    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 11:16

@33 Mackpein "Perchè nessun giornale dice che i due stupratori della caffarella positivi al test del dna sono stati presi grazie alle intercettazioni? Precisamente con l'incrocio di tabulati telefonici." Il fatto è che lo dicono.


siamo sull'orlo del baratro e c'è chi si diverte a spingere ..


Peter Sarà pure la tua una analisi spassionata, ma i dati di borsa indicano l'esatto contrario di quanto affermi Quello che condiziona il giudizio del broker sono le previsioni sulla raccolta pubblicitaria, da loro abbassate per l'anno in corso.Ubs (e molti altri) ha quindi deciso di aggiornare la loro view sull'utile per azione 2009, riducendolo di circa il 7%, nell'attuale fase il titolo è troppo costoso trattando circa 16 volte le stime di utile per azione 2010. I broker hanno portato il target price a 2,55 euro dai precedenti 2,80 euro. E se poi si anno a confrontare i dati sul flottnte disponibile si scopre che l'avvertenza di tutti gli operatori è SELL (vendere! capito?? VENDERE)


ps. Il verdetto è chiaro: pur essendo il gruppo solido sotto il profilo finanziario, l'attuale scenario non permette vie di fuga a nessuno!! nemmeno ad uno che fa il presidente del consignei tempi morti


PROFETA... NON IN PATRIA, MA IN EUROPA La stampa odierna rifersice dell'interesse, anzi del successo che Berlusconi dice di aver mietuto all'ultimo ConsigLio UE: intende il plauso da parte di paesi europei per il Piano Casa, e anche per programma nucleare (sempre secondo lui medesimo). Considerato la statura da spaccone e l'attuale tendenza della stampa che ne dà ampio spazio (appunto: è la stampa, bellezza, che ci vuoi fare?). Per essere meglio informati, non rimane che leggere la stampa dei paesi interessati al "modello Italia" (chi l'avrebbe mai detto? un vero miracolo): ma penso che i toni della stampa estera saranno leggermente diversi, a dir poco.... A meno che i paesi europei siano talmente nella merda, economicamente parlando, che un Berlusconi, talmente abile ad affrontare la crisi grazie alla solidità del proprio governo e alla virtuosità delle banche italiane, che agli occhi degli altri (che hanno appunto le pezze al culo) diventa persino profeta. Mi viene in mente, al riguardo, un detto (che commento tra parentesi): Nessuno è profeta in patria (ma con ciò non è detto che lo sia all'estero).


# 57    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 11:33

@33 Mackpein Anche "il giornale", dovesse interessarti.


Bravo, Gomez! I giornali e i giornalisti (o meglio, giornalai) avranno quello che si meritano! Centinaia di migliaia di cittadini hanno firmato al V2-day per abolire i finanziamenti pubblici ai giornali (tutto è casualmente finito nel nulla, ma guarda un po'!), i lettori sono sempre di meno... Via il dente, via il dolore: SMETTETE di acquistare i giornali! Finchè non capiranno che devono essere i "cani da guardia del potere, e non i cani da riporto" [cit.] la loro fine non mi dispiacerà per niente. Si leggono solo faziosità e non c'è quasi mai una vera opinione indipendente (tutti a favore del nucleare, nessuno che parla più di Dell'Utri, i suoi amici mafiosi, Mangano, P2 e Berlusconi), le inchieste sono sempre di meno e così via. Spero che chiudano presto, come sta già succedendo a molti importanti quotidiani in America.


Buongiorno, Complimenti per l'articolo Gomez. Complimenti ad annozero per la puntata di giovedi, e onore al vostro collega Gatti che secondo me fa parte dell'elite del giornalismo mondiale. Solo una lamentela.. Per favore non mandate piu in onda ad annozero la Guzzanti, anche se magari santoro o voi avete simpatia personale ma non ce nessun merito secondo me perche non fa ridere, fa solo un senso di disagio per chi come me ama questa trasmissione in quanto una boccata d'aria fresca. Continuate tutti quanti a parlare di cose serie come sapete fare benissimo. Complimenti come sempre a Vauro che è un grande. Saluti Martin


# 60    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 11:45

@33 Mackpein Ci sarebbe anche da dire che i due PRESUNTI stupratori sono stati presi ANCHE grazie ai tabulati, non solo. Basterebbe leggere i giornali.


LA NOSTRA "VALUTAZIONE"... Ormai noi abbiamo deciso di "VALUTARE" qualunque persona "VECCHIA" o "NUOVA" della "POLITICA" (e non) esclusivamente secondo un "UNICO" criterio, a nostro giudizio valido indicatore della eventuale "BUONAFEDE" o "MALAFEDE" del candidato: daremo la nostra "FIDUCIA" a chiunque proporrà di impegnarsi "PRIORITARIAMENTE" a ridurre drasticamente i "TROPPI SOLDI" che andrà eventualmente a guadagnare una volta eletto e di conseguenza a "CASCATA" quelli di "TUTTI" i "PRE-POTENTI" di qualsiasi "CASTA", per "RIDISTRIBUIRLI" a favore della "COLLETTIVITA'" (cosa che secondo noi rappresenta "LA" soluzione a "TUTTI" i problemi), mentre invece non staremo nemmeno a sentire chi, come al solito, un giorno sì e l'altro pure, cercherà di "CONFONDERCI" parlando, in maniera "VOLUTAMENTE" inutile, di "MILLE" argomenti, di altri "MILLE" problemi e delle relative "MILLE" possibili soluzioni . Questo "UNICO" argomento, secondo noi, significa parlare anche implicitamente e contemporaneamente di "UGUAGLIANZA", "GIUSTIZIA" e "LIBERTA'" per "TUTTI" i cittadini: chi non "CAPISCE" questa semplice affermazione, e a scanso di "EQUIVOCI", lo invitiamo nuovamente a leggersi "TUTTI" i nostri post pubblicati a partire dal 25 settembre 2007...
emergenzademocratica.blogspot.com


Travaglio da buon neoliberista vorrebbe le tasse uguali per tutti magari al 20%.. Bravo Travaglio...meno tasse per tutti eh? quattro cagate che scrive e dice in tv il signorino guadagna cifre folli e si lamenta delle tasse.. poi bravo Travaglio..facciamo anche i complimenti a Visco..bisogna pedinare i milioni di evasori..ahaha un sola banca evade per 10 milioni di italiani ma il signorino servo delle banche d'affari non lo dice in tv..


Saluto il nuovo truollo del sito, Travaglio sionista, mentra Andrea taxo lo conoscete già. "Travaglio sionista" è nu bravo guaglione, cresciuto alla luoggia di Salerno, da me stesso supervisionato. Facci fieri 'e te, mi raccomando. Insistiamo sui soldi che Travaglio possiede, mi raccomando, e sul fatto che non parla mai male delle banche. Che così lo blocchiamo a sinistra. Ripeto, lo blocchiamo a sinistra. E soprattutto bisogna deviare la discussione dal tema che i giornali non informano e sono al servizio di chi voi ben sapete. Ripeto, di chi voi ben sapete...


# 64    commento di   Mackpein - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 12:52

# 60 commento di plisv Quando ho scritto non lo dicevano e la notizia la sò da ieri (quindi mi aspettavo eaustivi pezzi sui giornali di stamattina) Non è colpa mia se ti svegli a mezzogiorno.
Wizard of the steel threads


Trullo perche stai a vedere che Travaglio è uno di sinistra?!?!? SIONISTA, fan della scuola liberista..e lo mettete a sinistra..mah. Io so solo che non abbiamo bisogno ne Di Travaglio ne di nessun mellifluo chiaccherone oggi..abbiamo bisogno solo di perdere la fiducia nel sistema bancario per mandarli tutti a casa questi corrotti di merda...ma la gente oggi non è disposta a lottare..al massimo mette una firma..non rinucia a nulla delle cose inutili che possiede.


# 66    commento di   Mackpein - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 13:2

# 66 commento di andrea taxi Quali cose inutili?
Wizard of the steel threads


Hai detto proprio bene: LA CHIUSURA e se la meritano!!!!




http://img22.imageshack.us/img22/5821/facebookberlusconi.gif


Taxi, tu prevedi il futuro x caso???????? e cmq ti consiglio la rivista -internazionale- che spacca e ci son articoli che ti piacerebbero di sicuro. e segnalo anche questa fantastico(a mio avviso)commento di franceschini E sul piano casa, su cui il premier ha assicurato di aver suscitato grande interesse europeo, il segretario del Pd dice: "Sarei veramente curioso di vedere come Berlusconi ha raccontato in Europa il piano casa. Ci vorrebbe una webcam per vedere quale storiella, visto che ne racconta tante, ha raccontato questa volta Berlusconi".


# 71    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 13:10

# 65 commento di Mackpein RIPETO: "Perchè nessun giornale dice che i due stupratori della caffarella positivi al test del dna sono stati presi grazie alle intercettazioni? Precisamente con l'incrocio di tabulati telefonici." I GIORNALI LO DICONO, "il Giornale" COMPRESO, E DA BEN PRIMA DI MEZZOGIORNO. TI E' CHIARO?. Nessun complotto quindi, rilassati. Hai solo preso un granchio. Nessun complotto neanche attorno ai miei orari, che fra l'altro non ti dovrebbero riguardare.


sarà sempre peggio. Se la situazione era già grave, dopo l' entrata in politica del più grande gruppo editoriale è diventata insostenibile. Nessun giornalista è veramente libero perchè tutti gli editori sono legati a filo doppio ai partiti che addirittura elargiscono contributi diretti e sostanziosi a tutte le testate. I conflitti di interesse sono paradossali per quanto sono giganteschi. L' asticella anno dopo anno è sempre portata più in alto. E' una propaganda incessante che copre il malaffare, la mafia e l' affarismo dei partiti. Il nostro è un paese gravemente ammalato, molto più di quello che si pensi. La questione morale di berlingueriana memoria era già un emergenza trent'anni fa. L' amoralità e la disonestà della classe dirigente di questo Italia è così diffusa che oramai viene considerata un fatto "normale" e l'agire in maniera disonesta, dall' evasione fiscale alla piccola corruzione di tutti i giorni di tantissimi cittadini, è l' idem sentire del paese. Io credo che non esista nessuna nazione del primo e del secondo mondo dove l' amoralità sia endemica come in Italia.


# 73    commento di   blackholesun_ - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 13:19

mackpein lascialo perdere a quello là. Ho capito come ragiona. Taxi da retta a Paolo Barnard, un giornalista che faceva le inchieste per report,e che è stato cacciatto per aver perso una causa contro un informatore scientifico. Per questo fu cacciato da report e ora va frignando a destra e a manca per tutti i siti di disinformazione,seminando odio nei confronti di travaglio e grillo. Siccome è un giornalista dovrebbe avere un pò più di onestà intellettuale,invece di pubblicare le conversazioni private con travaglio (però lui si giustifica dicendo demagogicamente "ragazzi io lo faccio per informare"),e invece di celare(?) invidia nei confronti di chi si è fatto un nome. Il bello è che questo qui critica tanto ma i nomi invece non li fa mai. E vuoi sapere quale sarebbe la colpa di travaglio? il suo essere "VIP". Cioè AUHAHUUHAUHAUHAAUHUHAHUA. Cioè secondo questo mentecatto,travaglio sarebbe un servo del sistema perchè con i suoi articoli accheta gli animi invece di informare (guarda un pò invece a me viene l'effetto contrario),e perchè pubblica libri e tiene comizi. Cioè tu ti rendi conto di che cazzo di ciarlatani vanno in giro?


# 74    commento di   Mackpein - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 13:28

# 72 commento di plisv Visto che hai difficoltà di comprendonio te lo ripeto: Stamattina non c'era. Nessun complotto semplicemente non ho trovato il dettaglio e ho riportato il fatto. Se dopo mezz'ora, un'ora o mezza giornata i giornali informano sulla questione non può farmi che piacere. Lascio quindi granchi e complotti a te che sicuramente sei più esperto. E ti suggerisco di non scrivere appena alzato dal letto perchè credo che ci potevi arrivare che alle 8 quando ho postato forse la notizia non c'era, essendo stata data magari dopo (alle 11 passate quando hai scritto tu). Ecco adesso che te l'ho spiegato meglio (confidando che alle 13:30 dovresti essere abbastanza sveglio) spero tu abbia capito una cosa a cui, in realtà, potevi arrivare da solo.
Wizard of the steel threads


E' già da un pezzo che le mie fonti di informazione sono solo Il MANIFESTO, LIBERAZIONE e CARTA che me ne faccio di un giornale come Repubblica con tanti bei servizi culturali, filosofia o libri e spettacoli, quando un'opinione seriamente critica la devo cercare in mezzo a paginoni zeppi di pubblicità?? è anche grazie all'appeal di opuscoli, cassette, film, enciclopedie e quant'altro che la nostra lucidità è andata a ramengo. Mi taccio sui giornali strapieni di quella cronaca che tanto alletta, come il Messaggero e il Tempo.. conosco meno Corriere, Stampa e Sole 24 Ore, ma a giudicare dall'espressione serafica degli onnipresente Mieli o De Bortoli (per tacer del Foglio di Ferrara o del Riformista!..) a occhio non mi sembrano tremendamente colpiti dalle sorti degli operai in cassintegrazione o dei precari.. E allora dobbiamo anche premiarli sulle vendite?
http://www.mimuovofacciocose.splinder.com/


# 76    commento di   Mackpein - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 13:40

# 74 commento di blackholesun_ Si, il taxi è un complottaro doc. Vorrebbe farci ritornare tutti all'eta della pietra in nome della lotta alle banche. Aspetto con ansia il momento in cui tirerà in ballo il 2012 e la fine del calendario maya (quindi la fine dell'universo).
Wizard of the steel threads


# 77    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 13:44

@75 commento di Mackpein Tu forse hai difficoltà a compprendere che se scrivi determinate cose alle 8 di mattina puoi essere destinato a prendere un grosso granchio, come è successo. Se a quell'ora la notizia non c'è, può non essere perchè i giornali vogliano nascondere la notizia. Tu forse dovresti svegliarti meglio prima di postare. Vedo che ti occupi di un argomento che non dovrebbe riguardarti. Ti dò una chicca: appenza alzato dal letto la prima cosa che faccio non è leggere i tuoi commenti. La seconda chicca è che ci potevi arrivare da solo.




Mackpein guardi io non parlo di ufo..neppure pretendo la sovranità monetaria popolare..serviranno altri secoli per ottere cio..io parlo di BANKITALIA e il suo conflitto d'interesse. Perchè il mediocre Travaglio-Grillo non fanno firmare per far riprestinare l.art 3 dello statuto di bankitalia? chi va contro bankitalia muore forse? Onore ad ARrigo Molinari e Agostino Cordova.. a Federico Caffè... Grazie nessun giornalista vi ricorda..neppure coloro che parlano di giustizia come Travaglio...si sono solo dei cagasotto, pagliacci che pensano solo a guadagnare inutili soldi.. se parlare del conflitto di BAnkitalia è da complottisti BHE SONO FIERO DI ESSERLO!!


# 80    commento di   Mackpein - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 13:54

# 81 commento di andrea taxi Ma a me sembra che travaglio lo ha detto che c'è un conflitto di interessi su bankitalia. Perchè non sollecitate qualche giornalista economico a parlarne?Anzi visto che tu e i tuoi amici sapete tutte queste cose perchè non denunciate questo decadimento di fatto dell'art 3 dello statuto alla magistratura?
Wizard of the steel threads


# 81    commento di   Mackpein - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 13:57

# 79 commento di plisv Ma, come ho già detto, la notizia mi era nota da ieri, non da stamattina alle 8:13. Ti devo fare un disegnino?
Wizard of the steel threads


ciao amici giornalisti io sul "nostro"log nn scrivo più è troppo , troppa persecuzione , troppi fatti contro ....l'italia ...mi scuso e senza censure scelgo il silenzio politico ,,,,uona fortuna,,,,kri ,,quando sarò al sicuro all'estero vi riscriverò , ciao kri


insomma tra di loro tra chi è come loro io nn sono ciao cri kri




# 85    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 14:6

@82 commento di Mackpein "Ma, come ho già detto, la notizia mi era nota da ieri, non da stamattina alle 8:13." Il che non obbliga i quotidiani a pubblicare le notizie quando lo decidi tu. Se un disegnino ti serve a svegliarti, fa pure.


Mackpein guarda è gia stato fatto..e bankitalia ha PAGATO!! cmq non risolvi la questione con la magistratura.. Giornalisti economici in TV?!? ah ah ah è colpa mia se ci va Travaglio in Tv e non altri? e colpa mia se questa rai di merda non fa mai un collegamento con qualcuno serio..? Pago il canone per vedere come massimo le denuncie di Travaglio che ormai anche i bimbi di 5 anni sanno a memoria.. Santoro l'ho bombardato di email per far un collegamento ogni tanto con qualche genio,come chomsky e qualche dissidente VERO... Nulla da fare..il massimo per gli italiani è Travaglio oltre non si può andare. STravaglio ne ha parlato solo 4 secondi ad annozero..I conflitti di Berlusconi ci spacca le palle da 10 anni...Strano che gli sfugge il più grosso di tutti. MA per fare una domanda a Draghi bisogna capire di Economia..lei si è mai chiesto perkè guando parla Draghi bisogna solo ascoltare?


# 87    commento di   Mackpein - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 14:15

# 85 commento di plisv Prendo atto (dopo essermi fatto un disegnino ed essermi svegliato) che ti serve l'insegnante di sostegno. Non capisco neanche il tempo che ho perso a parlare con te (devo farmi più disegnini)...meglio taxi e i suoi compari. Questa dei giornali che pubblicano una notizia non quando la hanno sotto mano e in base a criteri giornalistici ma quando vogliono (a questo punto potrebbero anche non volere) me la segno comunque. Uno spaccato dell'italia berlusconiana niente male.
Wizard of the steel threads


# 88    commento di   blackholesun_ - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 14:19

certa gente non esiste. Non è possibile.


# 89    commento di   Mackpein - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 14:22

# 86 commento di andrea Taxi Devi scrivere a Floris non a Santoro. Non me lo sono chiesto perchè quando parla Draghi nessuno fà domande anche perchè un paio di giorni fà è stato in commissione finanza al senato e gli hanno fatto un sacco di domande per un paio di ore (non 10 minuti). Se vai sul sito della rai c'è pure un'intervista andata al tg1 di un po' di tempo fà. Certo non puoi pretendere che Draghi diventa come Gasparri che in qualsiasi trasmissione a qualsiasi ora è lì pronto a dire una cazzata su qualsiasi cosa.
Wizard of the steel threads




# 91    commento di   blackholesun_ - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 14:33

# mackpein che poi c'è stata una sentenza sulla questione signoraggio,la postai a quel somaro http://www.bancaditalia.it/bancomonete/signoraggio ( da notare come ne parli pure bancaitalia di questo "complotto",che però è una cosa diversa da quello che intende quel rompipalle) questa è la sentenza della cassazione http://www.bancaditalia.it/bancomonete/signoraggio/cass_SS_UU_16751_06.pdf Ed è un documento ufficiale,non le lamentele di un povero giornalaio fallito,che siccome non è riuscito a guadagnare attraverso la lotta contro i potenti,ha deciso di farla contro i colleghi. L'unica cosa che ha saputo rispondermi è stata "ah ah ah ciccino vuoi i commenti ufficiali." Certa gente dovrebbe indossare il cappello con l'elica per legge.


Cambio Mackpein. Si riscaldi pulicane. Blackholesun_ tu fai il centrale e non farti intortare dai troll. Mackpein, altre due partite così e all'apertura del mercato a giugno ti rispedisco al blog di Di Pietro, ok?


# 93    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 14:39

@87 commento di Mackpein Dovresti prendere atto di ben altro: dopo il granchio della notizia non pubblicata ma strapubblicata, vedo che continui a prenderne altri. Lo decidi tu quando una notizia è verificata e approfondita, magari con il conforto di più fonti? O di quando è arriva ed e pubblicabile un commento alla notizia? Se parli di criteri giornalistici, "sotto mano" non vuol dire un beneamato piffero: ci sono altre decine di variabili. Questo comporta che sia su carta che su web le notizie non vengano pubblicate quando lo decidi tu. Se quando parli di spaccato di italia berlusconiana ti riferisci a me, eccoti una chicca: hai preso un altro granchio. "Non capisco neanche il tempo che ho perso a parlare con te" Non lo dire a me caro.


Parlando di giornali stamani su EL pais.com c'è un'articolo che parla dei nuovi giochi di potere e trame "oscure" (solo per noi evidentemente) che avvengono alle spalle di corsera, sole 24ore, la stampa in questi giorni in Italia...veramente incredibile! La crisi minaccia la libertà di stampa in Italia La manovre del governo per mettere uomini di fiducia a capo di prestigiosi giornali MIGUEL MORA - Roma - 21/03/2009 Il cataclisma finanziario, il calo della pubblicità, la necessità di adattarsi all’universo digitale e il licenziamento dei giornalisti sono questioni che occupano i giornali di tutto il mondo. Molti esperti, e molti lettori hanno timore che questo processo incida sulla qualità della stampa. In Italia, forse il paese europeo,con la Russia, dove il controllo politico dei media è meno discutibile, la preoccupazione è duplice. Al duopolio televisivo, o piuttosto al monopolio puro e semplice, formato dalla RAI e Mediaset, potrebbe presto unirsi a una sorta di rivoluzione della stampa. Alla base di questo movimento tellurico in arrivo risuona il solito nome: Silvio Berlusconi, magnate dei media e primo ministro, il cui nuovo obiettivo sono 2 prestigiosi quotidiani di Milano, il Corriere della Sera, il più grande quotidiano italiano, Il Sole 24 Ore e, il più grande quotidiano economico del paese. "Questa volta, Berlusconi non farà prigionieri, vuole controllare tutto e lo farà", dice Giancarlo Santalmassi giornalista della RAI dal 1962 al 1999 e direttore di Radio24 fino al giorno in cui non venne cancellato, nell'autunno scorso, dopo essere stato dichiarato nemico ufficiale da parte del Governo del Cavaliere nel 2006. Enzo Marzo, un giornalista veterano del Corriere, concorda "pienamente" con Santalmassi; il giovedì nel corso di un dibattito sulla libertà di stampa tenutasi presso la sede della Commissione europea a Roma, ha detto che la battaglia per la leadership del giornale è già iniziata. Il nucleo dirigente del gru
murodicani.blogspot.com






# 97    commento di   fab1979 - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 15:0

Cari tutti, un commento off topic. Se notate fin verso il 60 commento di questo post, la discussione è sensata e visono diverse interessanti conversazioni. Anche dopo per carità, solo che riguardano metà dei commenti. Poi, vi sono la solita caterva di minchiate dei troll e di chi gli risponde. Proposta: visto che quest'ultima quota di commenti (troll e rispondenti ai troll) è sempre uguale come contenuto (e spesso anche come parole) da mesi, si potrebbe chiedere al webmaster di aggiungere in automatico, per ogni commento normale, uno che riguardi i neurodeliri medesimi. Il risultato è uguale e vi risparmiate la fatica di scriverli. O no? A tutti gli altri evitate lo strazio di dar corda questi imbecilli, grazie. Nel link il gruppo dei lettori di Voglioscendere su Facebook. Buona giornata a tutti
http://www.facebook.com/inbox/?ref=mb#/group.php?gid=54457140201


# 98    commento di   Mackpein - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 15:6

# 92 commento di blackholesun_ Vado a leggere. # 93 commento di mou Fammi sapere mi raccomando! Ci tengo a quello che pensi, agli argomenti che hai portato e al tuo contributo giornaliero in questo spazio. Caro mou prima-volta-che-scrivo-sul-blog. Ciao. # 94 commento di plisv L'ansa è una fonte affidabile secondo te? Italia berlusconiana è riferito all'evidente morbo che appesta il paese non può essere riferito ad un singolo individuo, non trovi? Non mi interessa per chi voti...non sono neanche sicuro che hai la maggiore età per votare. # 95 commento di Muro di Cani Puoi postare il link all'articolo intero tradotto?
Wizard of the steel threads


# 99    commento di   Mackpein - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 15:9

Parlando di cose serie vi ricordo che DOMANI a REPORT parlano di frequenze tv e EUROPA7!
Wizard of the steel threads


Mackpein ah ah h perckè sono cose serie eh? Europa 7 ah ah altra questione che tritano le palle da 10 anni..Report su Bankitalia silenzio eh? chissa come mai tutti zitti difronte a Bankitalia.. Strano che report non ha mai fatto un servizio visto che bankitalia è stata privatizzata nel silezio assoluto derubando la società... Europa 7 WOW..anche qui i bimbi di 5 anni conoscono..bla bla bla bla.. I media dell indignazione..ma andate a cagare!


Per #98 - 21/3/2009 - 15:0 Siccome il commento n°61 è di EMERGENZA DEMOCRATICA, movimento di cui faccio parte, da quanto scrive, caro Fab1979, devo per "LOGICA" dedurre che secondo Lei noi siamo "TROLL" o, a scelta, "IMBECILLI". Bèh, voglio "DIMOSTRARLE" che spesso gli "ZERI" valgono tantissimo, che anche nell'"INFORMAZIONE" valgono solo ed esclusivamente i "TROPPI SOLDI", che la "PERCENTUALE" può essere un valore assolutamente "INGIUSTO", che non sempre i cosiddetti "TROLL" sono "IMBECILLI" e invece chi parla sempre di "FACEBOOK" e di "TROLL" potrebbe essere davvero un "TROLL" e/o un "IMBECILLE". Se guadagno 1.000 euro al mese, anche "UNENDOMI" con altre "MILLE" persone "ONESTE" e in "BUONAFEDE" come me e mettendo il 10% dei nostri "SOLDI" (totale 100.000 euro) non potrò mai comprare un "GIORNALE" o una "TV" a livello "NAZIONALE", il che significa che non potrò mai fare "INFORMAZIONE" vera e buona, a "TUTTI" e per "TUTTI". Se guadagno 100.000 euro al mese, mettendo "INSIEME" il 10% di altri "MILLE" persone in "MALAFEDE" come me (totale 10.000.000 di euro) aivoglia a comprare "GIORNALI", "TV", ma pure "AVVOCATI", "MAGISTRATI", "GIORNALISTI", "TROLL", "FACEBOOK" e perfino "MILIONI" di "IMBECILLI" che mi votano. Qualunque "SUA" eventuale risposta sarà accettata e non criticata, ma semplicemente "IGNORATA"...
emergenzademocratica.blogspot.com


# 102    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 15:25

@99 commento di Mackpein Sei molto dispersivo: insegnanti di sostegno, maggiore età, quando mi sveglio, se sono abbastanza sveglio, i disegnini, le patatine, ecc. Poi ti lamenti che perdi tempo. Mi sembri infantile oltre che dispersivo.


@100 Mackpein Che carino l'annuncio di Report. Ma almeno fallo bene: "Domani sera, su Rai 3, alle ore 21,15 circa Milena Gabanelli condurrà il secondo appuntamento di Report. Argomento della puntata frequenze tv e il caso di Europa7"... Ah, Mack, timidone, non hai detto dell'"Era Glaciale" stasera su Italia 1. Lo so che non te la perderesti per niente al mondo. E che ancora non capisci bene la differenza tra l'Era Glaciale e Report. Ora non mi arrossire, su!...


# 104    commento di   Moon81 - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 15:44

Caro Peter! Si ricollega alla questione che riportavo alcuni giorni fa anch'io sul mio blog! Ecco perchè la crisi non c'è! Per lui! Berlusca ha intascato il 50% in più del 2008!!!!!! Ot:Ma che siamo in una foresta? David Gnomo oggi ha paura di uscire dal casa sotto l'albero!!!
http://2piu2uguale5.ilcannocchiale.it/2009/03/07/la_crisi_non_ceper_berlusconi.html


Questo tipo di Post mi fanno venire il magone. Possibile che gli Italioti siano così incapaci di intendere e di volere?? Una cosa giusta l'ha detta Franceschini, dando del clerico-fascista al Cavaliere. Ma non ha detto tutto. L'amara verità è che una buona percentuale di Italioti sono convintamente CLERICO-FASCISTI. Come sia possibile, nel 2009, che esista un'Italia del genere, per me è un mistero. Una possibile risposta, dal mio punto di vista, passa attraverso il "culto del mistero" e del magico, che ha una presa fortissima su tante persone. Dopo millenni di rimbambimimento, in fondo la cosa non è poi tanto strana.


# 92 commento di blackholesun_ Probabilmente, nessuno di noi possiede verità assolute! Una cosa però è certa, abbiamo un "sistema monetario" che ha dell'incredibile, riconosciuto dallo stesso Ministro Tremonti in un intervista al TG1. (http://www.ilribelle.com/ribellewebtv/2009/3/12/tremonti-confessa-il-signoraggio-bancario-al-tg1.html) In quella sentenza la Corte di Cassazione non interviene sulla legittimità del signoraggio o meno, ma si esprime sulle leggibilità di un giudice ad intervenire su un potere sovrano di uno Stato. La sentenza spiega che un qualsiasi giudice non può, essendoci un vuoto di legislazione, pronunciarsi sulla politica monetaria, perché lo Stato esplica le proprie funzioni sovrane. In sintesi, un giudice non potrà mai decidere se il sistema monetario di uno Stato è corretto oppure no! Credo che dovreste ampliare il vostro campo di informazione. Vi state fossilizzando su questioni politiche, per carità importantissime, ma state perdendo tutto il resto. Per iniziare, vi consiglio di leggere Massimo Fini…vi si aprirà un mondo! Ora potete annoverare anche me tra i troll…tanto si fa così con quelle persone che raccontano verità scomode! No?


Bravve, bravve, siete oggidì eccezziunalo 'o vero. La rivincita dei truolle. Andrea taxo, lo principe viola, plisv la nuostra cara tessera n.1817, mou, the matrìx. Lu capologgia ve ringrazzia assaje per come procede lu lavoro secondo il piano di propaganda che voje ben sapete, che voje ben conoscete. La rivincita dei truolle oggi su voglioscendere. A questo punto, possiamo organizzare anche nu truolle pride, tutti in piazza a gridare l'orgoglio di essere truolle. Ma attenzione, confratelli, nuje lo registrio civilo de li confratelli non lo vogliamo. Ripeto, non lo vogliamo...


# 108    commento di   Mackpein - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 16:13

# 106 commento di mou Guarda che il messaggio non era rivolto a te e agli altri professori che ti circondano. Era rivolto a chi anche se non sà cosa è report và su google e in 3 secondi trova tutte le informazioni. Mi dispiace ma non riuscirai a farmi venire lo schifo di scrivere in questo blog ;) Così come non ci riusciranno taxi e le sue stronzate su bankitalia nè plivs o come si chiama con le sue polemiche montate sul nulla. ps. Ho il dvd originale dell'era glaciale, se non lo hai mai visto te lo consiglio.
Wizard of the steel threads


Lasciatemi pensare che questo crollo delle vendite dei giornali è un segno del malumore verso il regime a cui stiamo lentamente ma inesorabilmente tendendo.... Quando questo regime si stava instaurando i giornali erano giunti ad un bivio: o fare i cani da guardia del potere, portando avanti un'informazione libera ed indipendente, o assecondare il regime. Molti (non tutti, per fortuna) hanno chiaramente scelto la seconda strada, che li mette ovviamente in buona luce presso i potenti ma cattiva verso i lettori, che sono meno stupidi di quanto si creda. Il crollo delle vendite e' il chiaro termometro di questa soluzione, e spero - ribadisco - che sia l'inizio dell'espressione del malumore crescente.


# 110    commento di   limat - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 16:25

Per essere informata purtroppo, ero costretta a comprare più di un giornale ,per poi verificare che non mi dicevano niente di più di quanto riportato nei vari TG . Oggi poi in Tutti i TG ti annoiano pure con le stesse immagini tanto che sei costretto a verificare in quale canale stai. Chi esce dal coro è il TG4 ma non lo posso mettere perché il mio cane quando vede Fede comincia a vomitare, ma forse dovrei dire quando lo sente perchè prima di rantolare a terra si copre le orecchie con le zampe . Comunque, non compro più i giornali da quando, un giorno, non mi sono accorta che stavo leggendo il quotidiano del giorno prima!!! sostituito da un mio collega di lavoro burlone . Ossia sulle prime qualche dubbio mi era anche venuto ma l’assuefazione a leggere cose già sentite mi ha impedito di prestare più attenzione a quello che stavo leggendo. Oggi poi non mi accorgerei neanche più delle differenze tra le varie testate per quanto si sono accucciati,




gli indagati per mafia come Porfidia e La rupa crescono come funghi ne Idv ,niente male per un partito del 5-10%


# 113    commento di   blackholesun_ - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 16:38

chi cazz'è mou,posso affittarlo? I suoi interventi starebbero bene vicino a qualche inutile soprammobile. Bello mou,intelligente soprattutto. Ciao.


# 114    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 16:58

@111 commento di Mackpein "plivs o come si chiama con le sue polemiche montate sul nulla." Dicevo dispersivo e infantile, aggiungo polemico e bulletto quando gli si fa notare che scrive inesattezze che avrebbe pure potuto correggere di suo pugno. La roba montata sul nulla per creare polemicaa sono le tue patatine, i tuoi insegnanti di sostegno, ecc.


# 115    commento di   limat - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 17:4

# 115 commento di Spartacus - lasciato il 21/3/2009 alle 16:34 la cacchina che hai buttato te la rimando con una notizia del 17/01/09 poi quando ho tempo ti rintuzzo anche l'altra!! Per quanto riguarda Napoli e la Campania, oggi su alcuni giornali si parla di alcuni nostri esponenti indagati, ma in alcuni casi si confonde tra l’essere citati nelle intercettazioni e l’aver ricevuto un avviso di garanzia. Ad ogni modo, c’è stato un nostro ex deputato, Porfidia, che si è autosospeso senza neanche aver ricevuto un avviso di garanzia, solo per salvaguardare l’onorabilità del partito http://italiadeivalori.antoniodipietro.com/articoli/politica/noi_siamo_sereni.php


Ehi, ragazzi, di cosa volete parlare? Mackpein, per suscitare commenti intelligenti dovevi proporre argomenti intelligenti. Cosa ti aspetti che ti si risponda ai tuoi "ti sei alzato tardi, ti sei alzato prima, ti faccio i disegnini, sei abbastanza sveglio". Hai avuto la presunzione di rispondere al taxi dimostrando solo la tua ignoranza più la tua arroganza. Poi al culmine della tua serietà, l'unica cosa che hai saputo scrivere è "Occhio che domenica c'è Report". Ma ti leggi, personaggio da fumetto? A blackholesun, vuoi affittarmi? Ripresentati il giorno che sarò in affitto, e tieniti pronto a sganciare i soldi. E passiamo a Peter Gomez. Contenuto del suo articolo: "i giornali non informano"... (ma va? ma davvero? acciderbolina! sto scoprendo un mondo nuovo!) ..."perché le persone non li comprano"... (ma cosa mi dici mai!!) ..."e quindi preferiscono rivolgersi al potere politico per avere dei finanziamenti"... (oddio! tutte queste verità rivelate in un giorno solo). Per dire queste OVVIETA' Gomez SPRECA oltre il centinaio di parole. Poi mette in grassetto: "un giornale trova dei lettori quando è in grado di raccontare loro (con autorevolezza) qualcosa che non sanno". Con autorevolezza. Qualcosa che non sanno. Come hai fatto tu in questo post, Peter, nevvero? Era scontato che la conversazione finisse in cazzeggio dopo cotanta lezione di cotanto maestro, e suoi discepoli.


# 117    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 17:35

OT Mantovano ha aperto il suo intervento pochi minuti fà con un incipit vergognoso sia sulla storia di eluana sia sulla corte di cassazione sia complessività contro tutto dello stato di diritto e se fossi un componente anche tipo un uscire di un tribunale, fare querela.. non che urso o altri siano stati meglio , ma qusto intervento è vergognoso,forse anche solo nei confronti del suo , non certo il mio , Fini stamattina (durante la puntata di ominibus) , era già stato assurdo sentire Urso con i suoi occhioni sorridenti nei proclami che ..che insomma loro sarebbero quelli giusti a promuovere finalmente con la scienza (sempre dalla loro,rispetto a tutti gli altri) una vita migliore a tutti noi ( ponte, nucleare e ego a metri cubi).. mammamia che tristezza.. sarebbero qui a dare a tutti noi i progressi che non abbiamo avuto..meno male che almeno stamattina c'era Giglioli a dire qualcosa di indignato, su quale cioè sarebbe questa scienza che questo governo sta facendo lavorare per il popolo,lo stato di diritto e ogni principio costituzionale che nausea.


# 118    commento di   Mackpein - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 17:36

# 113 commento di blackholesun_ E' come l'omonima caramella che si incolla al dente e tira via l'otturazione. Ma se hai denti sani puoi masticarla in tranquillità! :D


# 119    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 17:39

e.c. uscire=usciere fare=farei scusate altri errori, ma sono con layout tastiera imputtanata




Ci sono personaggi che frequentano questo blog che mi danno l'esatta comprensione del perchè siamo ridotti in questo stato e perchè abbiamo questi governanti e questa classe politica e perchè siamo il paese che siamo. L'imbecillità che traspare da alcuni cosiddetti blogger è talmente palese e schietta che non merita si aggiunga altro perchè già abbastanza si commenta da sola. So ormai certamente che voi non ci fate, ci siete proprio! mettetevi in prima fila a godervi la vostra parte. A buon intenditor.......... Notteeeeeeeeeee!!


AMERICA ME SENTI? "America me senti?" era la famosa battuta con cui Alberto Sordi tratteggiava, in "Un americano a Roma", il nostro atavico provincialismo e l'eterno complesso di inferiorità nei confronti degli States. Questa settimana, Barack Obama ha deciso di essere ospite del Late Night Show di Jay Leno sulla Nbc. Per la prima volta, l'uomo più potente del pianeta si confronta direttamente con la satira, sta al gioco, parla alla "pancia"della nazione. Per farlo, non sceglie il raffinato show di Letterman, che fa molto intellighenzia East Cost, andando in onda dagli studi di New York della Cbs. Il Presidente USA sceglie il programma comico più popolare, oltre cinque milioni di telespettatori, per parlare a quella fetta di elettori più lontani da lui e per rispondere tempestivamente ai primi attacchi degli autori tv, alla ricerca di una nuova preda dopo aver sbranato (giustamente) Bush. In base alle più recenti ricerche, due americani su cinque ricevono le notizie del giorno attraverso gli spettacoli di intrattenimento. Il filtro della satira riesce così a diventare un tassello importante nella costruzione del discorso politico. In Italia, la satira langue, tra querele, censure e ridicole accuse di faziosità. A nulla servono le epifanie sanremesi di Benigni: manca completamente lo spazio per la satira quotidiana che, commentando acidamente l'attualità, contribuisca a costruire il senso comune. L'unico programma satirico quotidiano di grande ascolto è Striscia; ma sappiamo che Ricci se la prende soprattutto con maghi e fattucchiere. Quando tocca i potenti, e in particolare il padrone, la butta sulla slapstick comedy: inciampi, tic fisici, lapsus e risate registrate alla Benny Hill che, ovviamente, non si avvicinano mai a sfiorare le questioni politiche reali. Dai tempi di Aristofane, la fantasia creativa e corrosiva della satira ha dato linfa e senso alla democrazia abituando i cittadini all'esercizio della libertà di parola e a una visione "laterale",
http://azionecatodica.blogspot.com/


Peter Gomez ha ragione: scoprire attraverso inchieste e rendere pubblico quanto di ciò che riguarda i cittadini rimane nascosto ai loro occhi è il lavoro del giornalista. Ma sul fatto che questo sia il modo in cui la carta stampata possa riconquistare i propri lettori dubito molto. Non conosco la tiratura cartacea di Corsera e Repubblica ma il sito del quotidiano romano vantava a ottobre 2008 una media di 28 milioni di contatti al giorno, mentre il Corriere non è distantissimo. Eppure sulla completezza d'informazione di queste due testate ci sarebbe molto da ridire. Direi quindi che la crisi dei giornali non dipende tanto dalla qualità dei loro contenuti, quanto dagli svantaggi che i quotidiani pagano rispetto alle loro versioni online: costo per gli utenti, reperibilità, versatilità. Il fatto è che internet insieme al mondo ha cambiato anche le abitudini dei lettori, gli spazi di libera espressione, la diffusione della missione informativa nella società. I giornalisti (seri) della carta stampata che oggi rischiano il posto dovrebbero cercare, come stanno già facendo i nostri tre amici, di cogliere l'occasione data da questa crisi per organizzarsi in tribune libere sulla rete, ma non con singoli blog isolati gli uni dagli altri, bensì in veri e propri progetti editoriali che raccolgano grandi firme ma anche il meglio del giornalismo non professionista che si trova in rete. Segnalo il sito del gatto di S.B.:
http://cuorefelino.blogspot.com/


# 124    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 17:55

di Raffaele Mastrolonardo STATI UNITI Giornali nel baratro Il rapporto annuale americano sui media è catastrofico. Perdono tutti, crolla la stampa Il tempo stringe per il giornalismo americano. Non bastavano le notizie di licenziamenti e ridimensionamenti delle redazioni che si moltiplicano da qualche mese. Ora lo conferma, con dovizia di dettagli e profondità di analisi, lo State of the news Media 2009 del Project for excellence in journalism, autorevole studio dedicato ai media a stelle e strisce. La diagnosi della sesta edizione del rapporto pubblicata ieri («la più tetra», secondo gli stessi estensori) non lascia spazio a incertezze: lettori e spettatori in fuga verso il web, calo di entrate, licenziamenti in massa, incertezza sulla propria missione sono i sintomi di una crisi che va avanti ormai da troppo tempo per non essere considerata strutturale. Altrettanto dura la prognosi: il settore deve reinventare in fretta se stesso oppure rassegnarsi a morire. Con grave danno per l'economia ma, soprattutto, per la democrazia. Le cifre del malessere Il 2008 visto attraverso le lenti della ricerca è l'annus horribilis per la professione dei reporter dall'altra parte dell'oceano. Salvo la televisione via cavo, che ha beneficiato di una copertura ossessiva delle elezioni presidenziali, tutti gli altri media si leccano le ferite. Le produzioni giornalistiche delle tv locali hanno visto i propri staff tagliati, l'audience diminuire e le entrate calare del 7%. Da un supporto all'altro, alla carta stampata non è andata meglio, anzi. I numeri dicono meno 14% di entrate (un calo del 23% in due anni) e circolazione in discesa (4,6%) per i quotidiani. Quanto ai cugini dei periodici, confermano il detto che al peggio non c'è fine: circolazione in caduta del 4,8%. Simbolo della disfatta, un settimanale storico come U.S. News & World Report (classe 1933) che ha infine deciso di abdicare alla propria ragion d'essere: niente più news, si concentrerà sulle sue


# 125    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 17:56

continua di Raffaele Mastrolonardo ..si concentrerà sulle sue popolari classifiche relative alle università e ad altri argomenti. Maledetta internet Tra i grandi colpevoli che, secondo lo State of the news Media 2009, hanno accelerato la discesa verso il baratro, c'è internet. L'accusa alla rete è quella di trasferire lettori e spettatori online senza restituire soldi in proporzione. Sempre più americani vanno sul web alla ricerca di news e il traffico sui primi 50 siti giornalistici cresce, tuttavia la pubblicità digitale tarda a dare i suoi frutti. La crescita delle inserzioni online (+ 14% nei primi tre trimestri del 2008) va infatti a beneficio soprattutto di Google e altri motori di ricerca. Mentre i proventi dei banner, la réclame visuale su cui puntano i siti di news, sono cresciuti solo del 4% e i primi segnali parlano di un calo nell'ultimo trimestre con tariffe pubblicitarie dimezzate. Al momento, afferma lo studio, 1000 utenti virtuali pagano in media 26 centesimi di dollaro, meno di un caffé. Problemi quotidiani Nel mezzo di una difficoltà generalizzata a pagare il conto più salato alla crisi è l'anello debole del settore, quello legato alla carta stampata e all'inchiostro. Non è un caso se nel 2008 le azioni dei quotidiani sono scese nel complesso dell'83%. Il titolo del New York Times, già declassato a spazzatura in ottobre da Standard & Poor's, ha toccato a febbraio i 3,50 dollari, meno del prezzo dell'edizione domenicale. Nel frattempo, il gruppo Hearst chiude oggi, dopo 146 anni, le rotative del Seattle Post-Intelligencer e minaccia di fare altrettanto con il San Francisco Chronicle. Da parte sua, l'editore del Los Angeles Times e del Chicago Tribune ha richiesto il Chapter 11, ovvero la protezione per bancarotta. Non sorprende apprendere, nel mezzo di simile catastrofe, che, come spiega lo studio, le entrate complessive dei giornali sono calate del 14% nel 2008 e del 23% in due anni. In questo bollettino di guerra non


# 126    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 17:58

(continua di Raffaele Mastrolonardo) In questo bollettino di guerra non possono mancare le vittime collaterali: i giornalisti. Il comparto, racconta la ricerca, ha perso negli ultimi 365 giorni circa 5 mila posti di lavoro a tempo pieno, il 10% del totale. Se le cose non cambieranno, stima lo studio, alla fine del 2009 le redazioni dei giornali americani avranno lasciato sul terreno un quarto dei posti di lavoro che avevano nel 2001. Un esodo forzato di persone e saperi che non può non avere effetto sull'offerta giornalistica. Qualità a rischio Lo dimostra l'analisi di oltre 70 mila servizi, 2.200 ore di programmazione televisiva, 7.350 articoli di prima pagina e 600 ore di radio condotta dalla ricerca. «Risorse giornalistiche in diminuzione, - si legge - un impegno minore sugli esteri, una cultura del dibattito tipica della tv via cavo e delle trasmissioni radiofoniche , la mancanza di approfondimento in un contesto mediatico sempre più veloce, tutto questo ha contribuito a creare un menu giornalistico concentrato solo su poche grandi notizie». Paradigmatica, fa notare lo studio, l'incapacità da parte di un giornalismo americano così prostrato di cogliere i primi segnali dell'incombente crisi economica, pressoché assente dalle grandi testate fino al fallimento di Lehman Brothers nel settembre scorso. «Nel complesso - si legge nel rapporto - la stampa non è riuscita a diventare un meccanismo di allarme preventivo per quello che oggi è considerato il più grande disastro economico dalla Grande Depressione». Eppure, gli scricchiolii del sistema non mancavano. È che non c'erano orecchie abbastanza fini per sentirli. Troppi reporter, rimprovera il rapporto, si sono «affidati alle dichiarazioni ufficiali» invece che alla «realtà economica» vissuta dai cittadini. E «i tagli nelle redazioni - è la sconsolata conclusione - rischiano di accentuare tutto questo riducendo il numero di specialisti in finanza». www.totem.to


In tutto il mondo la carta stampata è in crisi, tuttavia in Italia i giornali hanno sempre avuto una diffusione inferiore alle altre nazioni. Il motivo? Il legame con il potere. Pensate a cosa è accaduto negli anni '80 e '90. La famiglia Agnelli controllava La Stampa ed il Corriere della Sera, la Repubblica apparteneva al cognato di Agnelli e il Sole 24 Ore era di proprietà di Confindustria, nella quale la FIAT la faceva da padrone. Era peggio di Berlusconi con le televisioni. Anche adesso il legame giornali-FIAT è molto forte. Appena è arrivata la crisi tutti hanno cominciato a strillare per chiedere gli aiuti all'auto. I giornali sono riusciti a far diventare di parte persino la pagina sportiva. Poi i giornali sopra citati hanno cercato di fare da King Maker. Prima hanno sostenuto Prodi contro Berlusconi, poi hanno cambiato cavallo puntando su Veltroni. Oggi sono andati a Canossa da Silvio. Io trascorro molto tempo all'estero per lavoro. Se uno si legge il Financial Times (giornale sempre molto critico verso Agnelli), o il Guardian, dopo non riesce più a leggere le stupidaggini che i nostri giornali ci scrivono.


Grazie Pasolinante per l'articolo di Mastrolonardo che chiarisce con numeri e fatti che la crisi della stampa sia più legata alla sua forma (supporto, distribuzione, costi di produzione) che ai contenuti. Per quanto riguarda il problema della scarsa redditività dei banner, è una questione generale della new economy e credo diventerà centrale nel fare esplodere la prossima bolla gonfiata dai vari google, facebook, etc., che sono siti popolarissimi con un ritorno sull'investimento miserabile. Qui secondo me occorrerebbe introdurre un prezzo d'ingresso. Capisco che l'idea può non piacere a molti, ma se il prezzo fosse ragionevole (2 euro per un mese di voglioscendere), considerandola una forma di finanziamento necessaria per l'informazione di cui abbiamo fame, penso che i più la sottoscriverebbero (forse non i troll). Segnalo il sito del gatto di S.B.:
http://cuorefelino.blogspot.com/




Mackpein perchè non ci sono cose inutili nella nostra vita? Di certo il cambiamento passa attraverso il nostro sacrificio e non la sentenza di un giudice CALLLLABRESE. La verità è che siamo dei codardi rispetto i nostri atenati. Poi divertente far credere alla gente che sbattendo in galera qualcuno le cose cambiano..E Travaglio è uno di quelli che ci crede..lui sbatte in galera qualcuno come Fanno in america e abbiamo RISOLTO TUTTO.. Gli antisistemi nascono in america li nasce il sistema li nascono i movimenti seri..se alcuni americani scendono contro la FED, tu italiotto scendi contro la tua banca centrale di merda anche se non capisci un cazzo di economia...


"E sempre più soli, con sempre meno lettori, corrono veloci e a schiena curva, verso la fine che si meritano. La chiusura." EPIC!


Il Principe Viola perchè non ci sono persone serie e oneste nella poltica attuale? io credo di si..pochi ma ci sono. su quanto quadagnano siceramente non me frega nulla..il mercato è ben peggior paga alcuni dementi personaggi 100 volte un qualunque politico. bhe le magari crede alla favoletta di banche e multinazionali che il mercato premia i migliori..ah ah ah


L'Inganno di Obama http://www.youtube.com/watch?v=BfD4InSmo78


ora abbiamo la certezza che le statistiche sul Prodotto interno lordo e la produttività calcolavano in modo errato parti di produzione offshore delle aziende americane come Pil statunitense Quindi altro che gli USa crescevano..ah ah Travaglio i tuo i grandissimi USa hanno truffato tutti...peggio di CRAXI! ADESSO CHI ARRESTIAMO?!?


Lyl Chomsky 2008 :"OBama è un attore di Hollywood" Si ma qui non dire certe cose altrimenti sei un Troll...Oh il questionario di OBBAMA te l'ha letto Travaglio..quindi Obama è un grande! ah ah


Rilancio l'idea di Pulicane che mi sembra molto interessante ' # 31 commento di pulicane - utente certificato lasciato il 21/3/2009 alle 7:42 Una proposta (non OT) per la Redazione Perché di ogni post non date anche un file pdf in bei caratteri da scaricare? In questo modo chi lo vorrà – associazione o individuo – potrà farsi da sé, con la sua stampante ed una fotocopiatrice, volantini e locandine da lasciare in giro. Se l’informazione viene soffocata, torniamo al samiszadat, e attrezziamoci! '


Come antitodo ad una informazione tutta uguale e tutta truccata (fateci caso, se fate zapping mentre trasmettono i tg vedrete che anche l'ordine dei servizi è la stessa!) devo dire che nei commenti di questo blog trovo un'infinità di commenti intelligenti e di spunti di informazione interessantissimi (ovviamente quando non ci facciamo sovrastare dai troll )


# 138    commento di   Mackpein - utente certificato  lasciato il 21/3/2009 alle 19:28

# 136 commento di IdeePerLaSinistra Sicuramente una buona idea...ma molto marginale. La vera rivoluzione sarebbe spingere più gente ad andare sulla rete, o meglio spingere la rete a coprire più aree. Mi risulta che siamo l'unico paese in europa in cui l'accesso ad internet cala al posto di crescere. Poi diciamo che abbiamo anche dei servizi scadenti a costi esorbitanti.
Wizard of the steel threads


Mackpein Mentre un'ulteriore diffusione della rete non dipende da noi e comunque richiede tempo e investimenti, stampare i post e fare un po' di fotocopie sarebbe possibile anche per noi ... certo non si raggiungono così milioni di persone ma con un po' di buona volontà qualche migliaia si riescono a coinvolgere ...


IdeePerLaSinistra cosa pensa di Bankitalia? ideeperlasinistra questo è un blog neoliberista..Travaglio adesso lo facciamo anche di sinistra? ha sbagliato blog anche lei è un troll


Mackpein si ma anche negli altri paesi le cose non cambiano... anche negli USa la Tv comanda ancora..figurarsi in italia.. Poi la rete è molto dispersiva...la gente usa la rete per cose superficiali..chatt,oppure si informa solo attraverso canali ufficiali "corriere della sera" ecc..capirai.. Guardati international..quante belle frasi contro il sistema bancario..ovvero contro il solo ed unico sistema.. Luca Barbareschi recita una parte e dice la verità...peccato solo come attore..ahahaha


Come richiestomi riposto l'articolo del pais uscito ieri tradotto...spezzato in due EL PAIS - Spagna La crisi minaccia la libertà di stampa in Italia La manovre del governo per mettere uomini di fiducia a capo di prestigiosi giornali MIGUEL MORA - Roma - 21/03/2009 Il cataclisma finanziario, il calo della pubblicità, la necessità di adattarsi all’universo digitale e il licenziamento dei giornalisti sono questioni che occupano i giornali di tutto il mondo. Molti esperti, e molti lettori hanno timore che questo processo incida sulla qualità della stampa. In Italia, forse il paese europeo,con la Russia, dove il controllo politico dei media è meno discutibile, la preoccupazione è duplice. Al duopolio televisivo, o piuttosto al monopolio puro e semplice, formato dalla RAI e Mediaset, potrebbe presto unirsi a una sorta di rivoluzione della stampa. Alla base di questo movimento tellurico in arrivo risuona il solito nome: Silvio Berlusconi, magnate dei media e primo ministro, il cui nuovo obiettivo sono 2 prestigiosi quotidiani di Milano, il Corriere della Sera, il più grande quotidiano italiano, Il Sole 24 Ore e, il più grande quotidiano economico del paese. "Questa volta, Berlusconi non farà prigionieri, vuole controllare tutto e lo farà", dice Giancarlo Santalmassi giornalista della RAI dal 1962 al 1999 e direttore di Radio24 fino al giorno in cui non venne cancellato, nell'autunno scorso, dopo essere stato dichiarato nemico ufficiale da parte del Governo del Cavaliere nel 2006. Enzo Marzo, un giornalista veterano del Corriere, concorda "pienamente" con Santalmassi; il giovedì nel corso di un dibattito sulla libertà di stampa tenutasi presso la sede della Commissione europea a Roma, ha detto che la battaglia per la leadership del giornale è già iniziata.
murodicani.blogspot.com


...Il nucleo dirigente del gruppo RCS, editore di Unedisa in Spagna, e proprietario del Corriere, spiega Marzo, ha ritirato la sua fiducia al direttore del quotidiano, Paolo Mieli, e pensa a due sostituti. Il primo è Carlo Rossella, sponsorizzato da Berlusconi, e il secondo, Roberto Napoletano, direttore de Il Messaggero, che ricorda Marzo, “è divenuto famoso nell’ ultima notte elettorale , perché venne intercettato da una videocamera, con un telefono cellulare mentre stava concordando con Casini (leader della Democristiana UDC e cognato del direttore del quotidiano) il titolo che avrebbe dovuto dare il giorno seguente al suo quotidiano". Rossella presidente di Medusa, il casa cinematografica di Berlusconi, e ha ricevuto la benedizione di Il Giornale, il quotidiano della famiglia del magnate, che ha ricordato che lo stesso "ha sempre avuto grande simpatia per Rossella avendolo già messo a capo in passato di due tra le più importanti testate, Panorama Tg5.” All'interno di RCS, Rossella gode di un altro sostegno significativo: Diego Della Valle, padrone di Tod's e proprietario della Fiorentina, e Luca Cordero di Montezemolo, padrone di Fiat e di Ferrari nonché consigliere delegato de La Stampa. Ma la parola di Berlusconi, sarà determinante, ragiona senza un minimo accenno di pudore il giornale di suo fratello, perché, mentre la crisi risucchia i giornali, "l'intero sistema bancario dipende dal primo ministro." Anche Napoletano si gioca le sue carte: non dispiace a Berlusconi ed è uno dei pochi a parlare per telefono con Giulio Tremonti, ministro dell'Economia e editorialista per Il Messaggero. Secondo Il Giornale, il ministro sa che il peggio della crisi economica è ancora venire "e la sua idea è quella di collocare Napoletano a Il Sole 24 ore (proprietà, Radio24, i datori di lavoro: Confindustria) e al suo attuale direttore, Ferruccio De Bortoli, il timone del Corriere. Se non si parlasse dell’italia, tutto questo fermento risulterebbe inverosimil
murodicani.blogspot.com


terza parte...Se non si parlasse dell’italia, tutto questo fermento risulterebbe inverosimile, degno di un incontro nel confessionale. Ma tutte le fonti concordano sul fatto che si tratta di "reali e serie manovre", il cui effetto produrrà "un terremoto". Inoltre il malcontento del governo verso un altro grande giornale, La Stampa di Torino, di proprietà Fiat, è ovvio. Secondo l’ambiente berlusconiano, il suo direttore, Giulio Anselmi, sarà tentato con una grande poltrona: la presidenza dell’ agenzia Ansa. Se accetterà, sarà sostituito con un direttore meno ostile al governo. Mentre prende corpo questo disegno politico, i mezzi di comunicazione italiani cercano di ripararsi dalla tempesta come possono. Il presidente di RCS, Piergaetano Marchetti, che ha visto i profitti per il gruppo nel 2008 abbassarsi a 38 milioni di euro da 220 milioni di euro nel 2007, ha confermato che stanno soffrendo "gravi e repentini tagli della pubblicità." E il suo amministratore delegato ha annunciato che l’andamento del gruppo nei primi mesi dell 'anno obbligherà a “ridurre il personale. " "Dobbiamo agire sui costi e sui modelli di business in Italia e all'estero." Marco Benedetto, Vice Presidente del Gruppo Espresso, prevede anche un "riallineamenti e chiusure". Ironia della sorte, Benedetto non è pessimista circa il futuro del settore: "Entro dieci anni sarà splendida."
murodicani.blogspot.com


Caro Peter, sulla crisi dei giornali hai perfettamente ragione. Ieri sera, discutevo con un amico che mi diceva che non ama il giornalismo "schierato". Siccome so che è di destra, non ho approfondito...Però, ha anche detto che, ormai, i giornali sono tutti uguali, e lì non ha torto. Io vado e vengo da Milano tutti i giorni, frequento stazioni di metrò e fermate di tram, e vedo tutti i giornali in edicola: uno peggio dell'altro! Per non parlare del dilagare della spazzatura gossippara su tutti i quotidiani...PUAH!!!! E poi, si domandano perché la gente non legga... P.S.: Peter, ho visto il tuo intervento all'incontro "Le mani della mafia sull'Expo": da brividi all'Equatore! :-O. Sei sempre grandissimo: un bacio! :-*


è bene che falliscano ed alla svelta, acceleriamo il processo di rinnovamento che prima o poi avverrà nel frattempo, un giornale alternativo? chi nn spenderebbe anche 2 euro per un quoitidiano indipendente di poche pagine ma veritiere credo che occorra 'inserirsi' in ogni 'luce', seppur piccola, che viene lasciata, volutamente o meno, aperta


pezzo ineccepibile...la morte cerebrale del nostro giornalismo è iniziata con il trionfo del modello gossiparo, proseguita con l'inutile mielismo dei finti retroscena, arrivata allo stadio terminale con la vittoria del modello mediaset: cronacaccia in pasto al volgo per non disturbare il manovratore. l'unica vera novità di questi anni sono stati IL FOGLIO, portavoce della nuova egemonia culturale, e gli aggressivi fogli di destra come LIBERO. Dal fronte della stampa un tempo progressista, oggi borghese, una lenta e costante decadenza fino alla resa. poi si chiedono perché uno non va più in edicola. per leggere quello che sa già? fino a qualche tempo fa mi capitava di acquistare due o tre quotidiani al giorno. ora compro a volte La Stampa, l'unico decente grazie a un grande direttore, Anselmi, non a caso escluso da tutti i movimenti sulle nomine. Il resto lo si sfoglia distrattamente al bar e finisce presto tra la carta straccia. Mi dispiace per chi ci lavora, ma concordo con la prognosi. Se pensate di andare avanti così, cari signori, meglio che chiudiate


Marco Lillo un esempio!Ormai i giornali sono arrivati a un punto davvero catastrofico,e i giornalisti(quasi tutti)oramai non sanno neanche più la dignità che cos'è!!!




SONO TUTTI. CIARLATANI,CIALTRONI.E LADRONI. LI VANNO A VOTARE: I FURBASTRI, I RUFFIANI, E I COGLIONI! *ORFEO*



Mostra tutti i commenti


commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti