Commenti

commenti su voglioscendere

post: Chi è Stato

Zorro l'Unità, 13 maggio 2009 Non avendo mai scritto una riga sui misteri d’Italia, Pierluigi Battista pretende pure che non ne scrivano gli altri, se no lui fa brutta figura. Così, sul Corriere, compila una lunga lista nera di reprobi – “storici, politologi, politici, giornalisti, memorialisti” – che si sono permessi di scavare nelle fondamenta della I e della II Repubblica, imbattendosi regolarmente nel “doppio Stato” che pubblicamente si ammantava di legalità e democrazia, mentre dietro le quinte faceva o copriva o depistava stragi, omicidi politici, mafie, corruzioni. Ora, esulta il Cerchiobattista, “la misteriologia doppiostatista rischia di andare in soffitta”. E perché, di grazia? Perchè Napolitano ha definito “fantomatico” il “doppio Stato”. Ora, a parte il fatto ... continua



commenti

Gli ultimi 100 commenti / 
Mostra tutti i commenti


@ Filippo S Io non credo sia un PROBLEMA che Marco abbia scritto un libro con la "fashion-intellettuale(?)" Borromeo. Tuttavia, ognuno è libero di criticare questa scelta aldilà che il libro sia bello o brutto. Anche la giornalista Rula Jebreal ha fatto parte di AnnoZero eppure non ha scritto questo libro, così come la Granbassi. Riporto quanto ho scritto nei commenti del post precedente: "E' lecito o no, chiedersi come mai sia stata scelta per un programma serio come AnnoZero? E' lecito o no, criticare Marco (di cui sono un grandissimo sostenitore) per la scelta di scrivere un libro in collaborazione con la giovane laureanda Borromeo? (se penso agli altri co autori dei suoi libri.. Veltri, Gomez, Barbacetto, il paragone viene stroncato sul nascere) Ho chiarito sin dall'inizio che io non ce l'ho assolutamente con la Borromeo. Piuttosto ce l'ho con chi in passato l'ha scelta per il "cast" di Annozero con criteri che, alla mia limitata intelligenza, appaiono misteriosi. Possibile che non ci siano stati laureati o giornalisti migliori di lei?!? Questo non riesco a spiegarmelo. Non riesco ad accettarlo soprattutto da chi ogni volta critica (giustamente)certi criteri di selezione che adottano uomini politici piuttosto che dipendenti del servizio pubblico. Prima di criticare penso che si debba dare il buon esempio a partire da queste piccole cose. La Borromeo è apparsa dal Nulla ! Si è materializzata su AnnoZero. Sarò ripetitivo: per quali meriti?? per quali titoli?? A fronte di questo mio pensiero, mi ripeto: sono "deluso" da Marco per la scelta di scrivere questo libro a "quattromani" con la signorina Borromeo. Posso muovere una critica o Marco non deve essere criticato perchè ha ragione a priori?? è una mia opinione, non pretendo di aver ragione.non mi interessa. Ci lamentiamo della Carfagna, della Brambilla scelte come ministro (e mi lamento anche io), ci lamentiamo delle "raccomandazioni" di soubrette


che spuntano fuori dal nulla e poi diamo questo esempio!? Ripeto: il "caso Borromeo" è una piccola cosa paragonata a queste però, a mio modestissimo parere, sono per certi versi accomunabili. Spero di esser stato chiaro seppur non sia capace di scrivere correttamente. B serata a tutti Mat"




Pigi Tricheco Battista colpisce ancora. E lo fa col suo solito prolifico stile,inconfondibile. Outrè. Lo stesso Pigi,che qualche anno fa,con balzo felino e fare intrepido approdò su raiuno battendo e ribattendo,su cosa è tutt’oggi un mistero. Il Pigi che in teoria avrebbe dovuto colmare l’assenza di una rubrica di approfondimento tipo Il Fatto di Enzo Biagi, “asportato brutalmente con l’editto bulgaro dello psiconano, perché spiattellato ogni sera in faccia a chi i fatti proprio non piacciono. Ed era chiaro da subito che non ci sarebbe riuscito. Ora, dopo averci deliziato col suo modo garbato e indolente di affrontare i fatti-non-fatti in tv, si cimenta in “editoriali e teorie” sul corriere. Dott.Travaglio, le confesso che ho fatto davvero fatica ad arrivare alla fine di questo prolisso,macchinoso papiro di spiegazioni,precisazioni,puntualizzazioni,nomi di storici,politici,studiosi…ecc… Voglio dire, per quello che ha detto, bastava la metà di tutto quel groviglio verboso di aneddoti. Il gran finale tra l’altro ti lascia proprio l’amaro in bocca. Tanto impegno,(era perfino partito bene con la storiella del presidente della repubblica),per dimostrare e citare quanto di utile a rendere l’idea, per poi sentirti ripetere ancora le solite frasi appiccicose : Anche quando la classifica della Freedom House ci piazza al 65° posto tra 195 paesi considerati?Certo,visto chi abbiamo al governo poteva anche andarci peggio Pigi,hai ragione) in quanto …e in esso abbiamo sempre vissuto, non in un fantomatico "doppio Stato", porta su di sé questo peso» Chissà a quale peso farà riferimento…forse a quello della sua tiritera.




A Marco Travaglio, solo una parola: Grazie.


OT Al Salone dle Libro di Torino stasera è di scena una “lettura concertante” de LE BENEVOLE di Jonathan Littell (traduzione di Margherita Botto, Einaudi). Non ne sapevo niente. Ma ho cominciato a documentarmi e ho scoperto una massa di recensioni e commenti in rete. Non mi rimane che affrontare l’immane lettura del voluminoso libro – quasi mille pagine! “Premio Goncourt 2006. Monumentale opera prima. scritta in francese da uno statunitense. Caso editoriale in diversi paesi. Oggetto di stupore, shock e ammirazione. Alzate di polveroni a destra e a manca da parte di storici e critici, di ebrei e gentili. Perché? Perché è chiaro fin da subito (dal lungo prologo intitolato "Toccata") che Le benevole di Jonathan Littell vuole imporsi come il romanzo supremo e definitivo su Germania nazista e sterminio degli ebrei.” Se ho capito bene l'autore affronta spietatamente il passato: gli orrori del Terzo Reich, vissuti e descritti dal protagonista del romanzo. Piccola osservazione: la stessa cosa sarebbe da fare anche con gli orrori del Ventennio italiano: sfatare il revisionismo crescente dei neo-post-sempre-fascisti che tessono l’agiografia del Duce, come fa dell’Utri.






Ciao @Matteo, @102 non vorrei essere frainteso, le mie perplessità erano perlopiù orientate verso i molteplici post di frada79. Per quanto riguarda la Borromeo e non solo lei, credo sia del tutto legittimo il diritto di esprimersi e di criticare, ci mancherebbe. Vorrei solo non ci si accanisse su una ragazza perchè si chiama "Borromeo". Da dove arriva quando partecipa ad annozero? Non lo so, faceva la modella. Ma io non so nemmeno da dove sbuca Travaglio, da dove sbuca Romano Prodi, da dove salta fuori Santoro...so per certo di chi è figlia Sabina Guzzanti, ma non mi metto a dubitare dei suoi esordi pensando che il padre era famoso. Credo che tutti abbiano iniziato, qualcuno sarà stato fortunato, qualcun altro solo meritevole, qualcun altro magari "spinto". Poi però, nel preseguo dei vari percorsi, ci deve essere merito. Se c'è non mi scandalizza che uno abbia iniziato "in fiducia". Detto questo i dubbi che hai posto, ai miei occhi, appaiono legittimi. Semplicemente credo sia difficile, per noi, analizzare certe valutazioni fatte a monte, perchè ci è proprio difficile valutare con quali criteri vegnono fatte certe scelte. D'altro canto lo stesso dubbio può sorgere per Margherita Granbassi. No? Ti dirò di più: in quanto a critica, nonostante mi renda conto della difficoltà pratica e tecnica, tant'è vero che ci ho speso parole a favore perse nei meandri commenti di una settimana fa, mi chiedo perchè sia impossibile recapitare una qualsiasi richiesta o una qualsiasi critica a Marco Travaglio. Ieri ho comprato l'ennesimo suo libro, all'indomani comprerò il dvd di passaparola, eppure non è dato modo di aver nessun tipo di contatto o struttura nella quale sottoporre a lui, o a qualcuno da lui delegato, delle critiche, delle rettifiche, delle richieste di approfondimenti. Ecco perchè in effetti credo che sì, il blog non goda di ottima salute. Per motivi diversi da quelli citati da frada79. Tempo fa in un passaparola Marco dice una roba tipo "gli a


per 103 edoammo. la tua idea è semplice, ma fondamentale. era proprio quello di cui, personalmente, sentivo la mancanza. il susseguirsi quotidiano delle notizie-scandali-polemiche-commenti-controcommenti-denunce, seguito con attenzione ma compatibilmente con gli impegni di ogni giorno, favorisce, almeno per me, la dimenticanza. non è raro che ogni tanto, mi venga in mente un fatto del passato e mi dica: "ma come sarà finita poi quella storia che..?" e poi mi concentri nuovamente sulla stretta attualità. bene, per la tua idea. ti seguirò.


Ed è giusto che aggiunga al mio # 106 anche una voce critica, quella di Gad Lerner, di cui copioncollo un passaggio del suo commento del gennaio 2008: "(...) Ebbene, nonostante la sua indubbia potenza narrativa, considero Littell autore di una vera e propria impresa pornografica. E anche attraverso il successo di libri modernissimi come il suo, vedo con disagio farsi avanti questa pornografia della Shoah. Quasi che per ricordare noi dovessimo per forza entrare in una dimensione morbosa, malata: brutto segno dei nostri tempi. Dico pornografia non solo perchè Littel ha bisogno di inventarsi una biografia incestuosa, un’omosessualità vissuta come colpa, il sesso come ossessione nella mente del carnefice. Ma per il gusto di dettagliare il male in tutte le sue atrocità fino al limite dell’immaginabile. Novecento pagine implacabili nelle descrizioni, zeppe di ogni liquido e di ogni fetore, impregnate di fantasie maniacali, fin nel recondito delle fosse comuni e delle camere a gas.(...)"


# 113    commento di   masaro - utente certificato  lasciato il 16/5/2009 alle 15:28

Dott. Travaglio, ma per le adesioni riguardanti il nuovo quotidiano di cui parlava a Marsala? Io fremo dalla voglia di darvelo :D


FRADA 79 ti ringrazio per la riconoscenza, certamente il blog non muore ma vivacchia tra buoni articoli e meno buoni creando un certo numero di sostenitori che per marco sono sufficenti per le sue entrate. mi domando se marco legga per lo meno qualche post perche come persona intelligente come lo reputo, dovrebbe una volta per sempre dire: io la penso cosi. ma credo che anche a lui come succede alla sinistra c'é una mancanza di volonta o timore ad aprire la finestra e far entrare un poco di aria pura in piu in questo momento si stanno avvicinando le elezioni e un suo chiarimento darebbe una spinta a dei candidati meritevoli ma il prezzo vale la CANDELA????????




# 116    commento di   frada79 - utente certificato  lasciato il 16/5/2009 alle 15:38

per Roland mi tocchi proprio su un tasto a me molto molto caro…. :- ) i giardini pensili, mio punto particolarmente sensibile, in realtà i giardini in generale, conosco quelli di cui parli, ma sono stati gli avi della BB a idearli e concretizzarli, probabilmente BB non distinguerebbe un cappuccio da un cavolo verzo, tanto di cappello agli avi, nei confronti di BB non ho niente di personale chiaramente. Ma mi sembra ancora più lungimirante la confusione tra merito, fortuna e discendenza. più che uno sfogo le mie sono osservazioni. Proprio perchè mi ero posta nei confronti di BB senza pregiudizi, ho fatto poi le riflessioni del caso...Roland, dove sono queste qualità? Non ne vedo. Ho contrastato l'immagine preconcetta della 'mamozia' (da queste parti sta per persona senza testa, molto interessante la storia di santo mamozio in merito) ma mi si è appalesata in ogni puntata di annozero e successivamente. Perchè si usano immagini della BB con casiraghi che gliela tocca? Qui su questo blog, non su novella 2000! Mancavano foto della BB? Il blogger Matteo al #101 e 102 ha centrato molto meglio quello che io ho tirato fuori toccando 200 argomenti. Ci lamentiamo della brambilla o della carfagna, come mai ci si permette l'uscita della bb? Cosa ha di diverso? Sono rischi non calcolati? O è ‘facciamo come ci pare’? Non ho mai fiatato sulle scelte di travaglio nei libri precedenti scritti a più mani, ma ora devo farlo e per la BB (come la chiami tu caro roland! ;-) ) e per la pubblicità per il libro di nuzzi.


CI SONO PROBLEMI CERTAMENTE + GRANDI DEL CASO BORROMEO E NOEMI, DUE STELLE NASCENTI.... MA PER CORRETTEZZA LO STORICO BISOGNA LASCIARLO PER UNA CORRETTA INFORMAZIONE, NEL BENE E NEL MALE, ALTRIMENTI QUALCUNO POTREBBE PENSAR MALE.... SCUSATE, QUALE CARRIERA INTENDEREBBE INTRAPRENDERE LA SIG.RA BORROMEO? GIUSTO PER CURIOSITA'...


# 118    commento di   frada79 - utente certificato  lasciato il 16/5/2009 alle 15:58

Per Filippo S. Scusami Filippo, mi dispiace aver occupato spazio e occuparne ancora, purtroppo mi manca il dono della sintesi, i miei commenti precedenti puoi interpretarli come sfogo, ma mi sembra un po' troppo riduttivo, vorrei chiarire comunque una cosa in particolare : quando sostengo che il blog muore, in realtà escludo i blogger (scrivo infatti che non sono i troll a farlo morire), ho omesso che i bloggers non rientrano nella moria! La diversità di ciascuno credo debba essere sinonimo di pluralità, a volte intelligente, altre volte meno, alcune volte provocatoria o polemica. Per questo non concordo con 'l'esame di coscienza' di Roland nel sostenere che lui stesso ha parlato di gossip. Probabilmente l'ho fatto anche io in passato, come lo hanno fatto altri...ma io, roland e i bloggers siamo oltre lo strumento di informazione, il gossip potrebbe fornire elementi umani, circostanziati a un evento particolare, che però lo faccia Travaglio mi fa girare le balle. Ritorno quindi alla puntata precedente di annozero, il brindisi col papi di per sé non ha importanti elementi, ma vi ripeto, c’è un nome particolare in questa vicenda, i gestori del locale, l’autista di un messo comunale, la telefonata di questi a sb per sapere di Martusciello (ma l’avete vista la faccia di questo soggetto?) e se tornasse utile, ben venga l’assalto all’auto dell’autista di noemi o far vedere il locale della festa, che si trova nel deserto tra centri commerciali, munnezza e l’aeroporto con il cimitero di poggioreale, se il messaggio fosse uno e uno solo che non devo dire io! Ci si è concessi l’accusa del gossip, quando di gossip poteva esserci ben poco, c’era denuncia, talmente velata da poter essere chiamata gossip, neanche illazione! ma nessuno ha avuto le palle di far vedere chi era coinvolto o dove o perché….tutto sottinteso! Io o Roland o i bloggers non facciamo i giornalisti di professione, Travaglio non è il mio guru, non lo è mai stato, ma c'è un detto che dice di non confonde


# 119    commento di   frada79 - utente certificato  lasciato il 16/5/2009 alle 15:58

dice di non confondere la lana con la seta, o se preferite la merda con la cioccolata. Se travaglio fa il giornalista perchè vuole confondersi? Il blog muore perché travaglio è irraggiungibile, ricordo ancora mesi fa quando il blogger GianMario D disse di Travaglio che sarebbe stata più probabile l’apparizione della Madonna di lourdes piuttosto che la sua, in quel periodo cercavamo di sapere come avevano pensato di usare le 30.000 firme dell’appello fini-travaglio. Quel blogger non scrive più, d’altra parte non è carino sentirsi dire che il valore di quelle firme è in quelle firme! Il blog muore perché non c’è tutela o protezione, perché siamo soli a cantarcele tra noi, perché se vuoi fare una domanda a travaglio, ovviamente non personale, c’è un solo indirizzo mail a cui se dovessi scrivere ti risponderà il web master. Il blog muore, anche nei commenti, perché ci si è resi conto di avere a che fare con un’altra casta, o la stessa se preferisci, la stessa che da Stella a Travaglio a Grillo a tutti i giornalisti del dissenso parlano...l'assenza è assordante, l'assenza dei 3 giornalisti, di tutti e 3 non di uno solo, il blog muore, ma per votare per un altro eventuale premio o per pubblicità al libro di nuzzi il blog, questo blog, lo si vuole vivo.


# 120    commento di   kratiasinedemos - utente certificato  lasciato il 16/5/2009 alle 16:10

Il PIL italiano in caduta libera...cosa vuol dire? Il pil italiano in caduta libera, altro che crisi psicologica... di L'ALTRA NOTIZIA Francesco Puglisi Pil che sale, pil che scende, recessione, stagnazione, depressione....tutti termini che a molti appaiono incomprensibili a volte paurosi. Purtroppo ciò accade soprattutto per noi italiani, è brutto dirlo ma in un paese come il nostro dove l'informazione si impegna a NON-INFORMARE accade che di fronte a una realtà che ci sta schiacciando, rimaniamo inermi e privi di stupore perchè la maggior parte delle volte non capiamo di cosa si sta parlando. quando poi il governo stesso fa di tutto per nascondere la reatà ai suoi cittadini con continue propagande, prendere coscienza della situazione reale è ancora più difficile. Che cos'è il Pil? Perchè tutti ne danno così tanto risalto? Il Pil è il dato macro-economico per eccelenza, è il dato che sintetizza la ricchezza creata da un intero paese, segna la strada percorsa, tracciando quella per il futuro che può essere in discesa o in salita. Pil = prodotto interno lordo, ossia può essere espresso come la somma di tutti i redditti prodotti da tutti i cittadini che risiedono in Italia. Anche quando un Pil è positivo all 1 o 2% il dato non è rassicurante, poichè essendoci un'inflazione, Il Pil per segnare una crescita di un certo paese deve cmq attestarsi ad un livello, anche di poco, superiore all'inflazione. E' chiaro che quando il Pil è negativo per quasi 6 punti percentuali, la situazione non è critica o grave è decisamente drammatica e preoccupante. Singnifica che il nostro paese anzichè svilupparsi e progredire, sta aretrando, con ripercussioni eveidenti sulla vita reale dei cittadini....... Come al solito linko un aticolo di giornale che sostiene questa tesi, in particolare l'enfasi è posta sull'inadeguatezza degli interventi del nostro governo che continua a sostenere che la crisi non c'è ma è solo futto della fantasia. P
kratiasinesdemos.ilcannocchiale.it


# 121    commento di   frada79 - utente certificato  lasciato il 16/5/2009 alle 16:13

per Roland Ma tu ricordi Nuzzi che fece a Genchi con facebook o lo ricordo solo io? Questo forse è stato l'unico posto insieme a pochissimi altri a parlare della vicenda Genchi, dell'archivio, come mai ora si cambia linea e non si danno spiegazioni? Secondo te è normale Roland? per Matusa Ciao caro matusa, era da un po' che non scrivevo ma ti ho letto volentieri in queste settimane di sola lettura ;-) Sai che c'è? Che proprio non mi va di rientrare in quella parte di lettori/sostenitori sufficienti e tali da assicurare le sue entrate. Dovrebbe aprire la finestra e fare entrare aria pura, o quel fresco profumo di libertà di cui parlava Borsellino... Forse costa troppo.. ciao matusa :-) frà


http://www.youtube.com/watch?v=s4n-qCKvpR8&feature=channel_page Come si fa a non pensare che l'Italia è un paese di merda? Mi auguro che questa gentaglia muoia al più presto con atroci sofferenze!


Frà, non sono un pozzo di memoria, ma sono andato a vedere a: http://www.forum.rai.it/lofiversion/index.php/t243019.html forse lì trovi quello che ti cerchi.


# 124    commento di   kratiasinedemos - utente certificato  lasciato il 16/5/2009 alle 16:50

commento di Francesco - lasciato il 15/5/2009 alle 19:47 chi vuole si aggiunga a questo piccolo ma combattivo gruppo su facebok. Gruppo che difende al libertà di informazione e lotta contro le censure e le manipolazioni giornalistiche. Ogni giorno un articolo nuovo che ci nascondono http://www.facebook.com/group.php?gid=79765146226 Giusto a proposito...Vale la pena di leggere e diffondere Discarica di Ferrandelle: dentro tutti i rifiuti dell'emergenza Campania . http://www.youtube.com/watch?v=q2QEQinSj1g&feature=player_embedded Discarica di Ferrandelle: dentro tutti i rifiuti dell'emergenza Campania pubblicato: giovedì 14 maggio 2009 da Marina in: Inquinamento Associazioni Italia Foto & video Politica (...segue) http://veritaedemocrazia.blogspot.com/ http://www.facebook.com/group.php?gid=79765146226
kratiasinesdemos.ilcannocchiale.it


NUZZI, VENDITORE DI FUFFA Ripescato da ‘Blog a progetto’ del 30 agosto 2008 : http://blogaprogetto.wordpress.com/category/prodi/ Perché Panorama ha pubblicato intercettazioni irrilevanti su Prodi: Berlusconi e la tecnica del “serve a tutti”. "[...] Bravo picciotto. L’autore, Gianluigi Nuzzi, inviato speciale de “Il Giornale”, non è nuovo a queste vicende. Da una sua intervista infatti scopriamo quale sia la sua biografia: Gianluigi Nuzzi, 37 anni, inviato speciale de Il Giornale, analista delle vicende politico-giudiziarie che dal ‘92 sconvolgono il nostro Paese, ha firmato scoop come da ultimo le intercettazioni telefoniche con i dialoghi tra Piero Fassino e Giovanni Consorte sulla scalata a Bnl e l’ormai famoso “Bacio in fronte” che Gianpiero Fiorani diede al telefono all’allora governatore di Banca d’Italia Antonio Fazio e che fece partire l’estate dei furbetti del quartierino. Già collaboratore del Corriere della Sera, Gente Money, Espansione e L’Europeo ha iniziato a 14 anni a Topolino, per essere poi da garantista tra i pochi e primi ad assumere posizioni critiche nei confronti della stagione delle manette della magistratura milanese. Tra i big del giornalismo mette ai primi posti Ferruccio de Bortoli, Maurizio Belpietro ed Ettore Mo. Insomma, Nuzzi ha passato l’ultimo periodo a cercare intercettazioni e ad esprimere pareri che potessero minare la già bassa credibilità dei politici di sinistra, spinto anche dalla sua “posizione critica nei confronti della stagione delle manette della magistratura milanese”. Un altro di quelli che pensano che Tangentopoli sia stata frutto della fantasia di qualche giudice manettaro che ha crudelmente ingabbiato dei poveri esponenti politici, da Chiesa in poi. No-comment sui nomi dei giornalisti che mette ai primi posti. Vendere fuffa. La cosa interessante di questo servizio è che nessuno parla esplicitamente di niente, Prodi su tutti, che compare esclusivamente in una bre


@ Frada, Roland, Matusa e gli altri. Avevo paura che potesse accadere, ed ecco che puntualmente ci troviamo qui a criticare a spada tratta Travaglio e in generale questo blog. Io era già da un pò che mi rifiutavo di visitarlo, di leggere i commenti, di scrivere, quindi di riflettere, di sapere e cercare di capire. Capisco che non sono solo, anche voi nutrite le mie stesse perplessità e questo non so se è un bene o un male. Ciò che mi sento di dire è che comunque sento di ringraziare giornalisti come Travaglio, perchè solo grazie al loro lavoro sono riuscito a vedere l'altra faccia della medaglia che per tanti anni mi era stata nascosta dalla tv e dai giornali. La nostra libertà in realtà è internet. Senza la rete sarei ancora lì a guardare matrix e porta a porta cercando disperatamente di farmi un'idea di chi mi governa. Bene, è giusto ciò che avete scritto, ma sento che avevamo posto in queste persone troppe speranze, troppe illusioni. Travaglio non è un messia, è un bravo giornalista ma che comunque è costretto ad interagire con il sistema italiano, da cui non possiamo scappare nemmeno noi. Quando scrivo un post penso sempre che purtroppo nessuno di noi è senza macchia, nessuno, ma se siamo qui è perchè dentro di noi c'è un germoglio che dobbiamo continuare a far crescere, non possiamo togliergli la linfa vitale di cui ha bisogno. Abbiamo bisogno di informarci. Ma questa volta stando attenti a non farci fare il lavaggio del cervello di nuovo. Io dopo aver avuto internet mi sono sentito come nel film "Matrix" a scegliere tra pillola rossa o pillola blu...beh, se sono qui penso sia chiara la mia scelta... Travaglio non è un santo, De Magistris neppure, ma se vogliamo che più gente possibile apra gli occhi bisogna per forza accettare qualche compromesso che questa società ci impone. Se De Magistris si lascia intervistare da un giornale di gossip, ben venga, può darsi che le sue parole possano smuovere qualche signora dal parrucchiere, per noi è tanto di guadagnato


Vendere fuffa. La cosa interessante di questo servizio è che nessuno parla esplicitamente di niente, Prodi su tutti, che compare esclusivamente in una breve conversazione. In parole povere, le intercettazioni non ci dicono un bel niente, mentre secondo Panorama, o meglio, secondo Nuzzi, emergerebbe l’interessamento di Prodi e di parte del suo staff ad un episodio relativo ad una richiesta di finanziamenti per un progetto scientifico con la Regione Emilia-Romagna che stava a cuore al consuocero dell’ex premier. [….] Osservazione mia: Solo quando Nuzzi scriverà che Previti, per conto di Berlusconi, ha usrrpato la Mondadori mediante gravissima corruzione dei giudici romani, che pertanto non gli appartiene e che deve restituirla subito, solo allora comincerà ad essere un poco credibile.


Caro/a Frada @118 Mi scuso io con te se sono stato brusco, non intendevo certo "castrare" il tuo pensiero o lo spazio che occupi, anche perchè quando mi impegno divento un eccelso logorroico, per cui.... Semplicemente io sono convinto che ci siano diversi e consistenti motivi di critica, d'altro canto nessuno è perfetto. Sul tuo messaggio #119 sono d'accordo al 105% e se leggi il mio post precedente noterai che diciamo cose diverse ma con lo stesso preciso concetto di fondo. Che è molto chiaro e non è all'acqua di rose. Ai problemi che ciò comporta, e son già tanti, non vorrei che si aggiungessero altri problemi superflui (a mio modesto avviso naturalmente) che toglierebbero risalto a quelli più urgenti, anche perchè, prendendo parole tue, è un continuo suonarsela e cantarsela fra noi. Nonostante abbia iniziato da poco a lasciare commenti, qualcuno mi ha già lanciato questo allarme. O siamo vittime di visioni colletive oppure qualche problemino c'è. Ciao, a presto


Cara Frà, per quanto riguarda BB, per conto mio vorrei chiudere questo capitolo (ma solo fin quando non ci saranno interessanti novità) con una battutina: non toccatala in pubblico!


se le sue parole riescono a smuovere qualche signora con la testa sotto il casco intenta a farsi una messa in piega, beh, non ci vedo niente di male. Tanto è inutile indignarci per queste scelte. Dobbiamo capire ed accettare che qui in Italia funziona così. Ma se fino a prima di quella intervista stimavo De Magistris, beh, io continuo a farlo. E spero che riesca a farsi eleggere, con qualsiasi mezzo, perché l'importante e' dare la possibilità a gente nuova di occupare poltrone che fino ad ora hanno sempre occupato persone che di noi se ne sono sempre fregate. Scusate, me io la penso cosi.


IL TRIONFO DI SONIA GANDHI Grande successo internazionale di un leader politico.... italiano (la stoffa, nel DNA, ci deve pur essere)


Se Gianluigi Nuzzi scrive dei segreti bancari vaticani, è solo perché i conti di SB, a differenza di quelli di Andreotti, sono altrove.


Leggevo dello scandalo rimborsi che sta scuotendo una democrazia come la Gran Bretagna. Pare che il clima che si respira in quel di sua maesta britannica, sia da mani pulite, pardon "clean hands". Eppure mi viene in mente una sequenza del film "Brian", dei britannicissimi monty python, dove un vecchio prigioniero appesso al muro di una galera puzzolente ai tempi dell'antica roma, se la prende con lo sventurato protagonista, anche lui in cella, perche quest'ultimo si lamenta del trattamento disumano a cui lo sottopongono i carcerieri. Il vecchio lo insulta e gli dice "sei il cocco del secondino non è vero?". Ecco io leggo dei guai dei politici inglesi edì della corruzione del sistema britannico e mi sento come il vecchio appeso al muro che schiatta di invidia. http://www.youtube.com/watch?v=TJI8Pga-bmg




Da TIMES SB a Timese: "Non ho bisogno di governare per avere potere. Ho case dappertutto, barche stupende, una moglie (ormai ex) stupenda e una famiglia bellissima. Io, in politica, mi sto sacrificando per il Paese". Grossa Balla. Sappiamo tutti (anche quelli che lo negano) che, se egli non fosse sceso (o salito?) in politica, avrebbe perso tutto e sarebbe finito in galera (ipse dixit). Questo è il vero motive perché non molla il potere, da usare sempre e comunque ad personam.


# 136    commento di   frada79 - utente certificato  lasciato il 16/5/2009 alle 18:25

@ Filippo S. ci siamo capiti, scusami non volevo essere polemica, è che quando parto spesso confondo il filo logico, mescolo più cose...perdo il filo insomma. :-) Ciao ps ah io sono francesca o frà ;-) @ Roland bel motto... eh eh sei geniale, come sempre! e grazie del link @ and. Sono d'accordo in linea generale con te, per questo continuo a leggere Travaglio e stimo De Magistris, ma mi chiedo se tutti i mezzi siano leciti, mi chiedo e chiedo in generale di non scendere a compromessi...Possibile che bisogna ripercorrere le stesse strade dell'altra parte che si critica? Tutto qui ;-) ciao


# 137    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 16/5/2009 alle 19:3

x roland 132 quando ti spoglierai delle umanissime tue esultanze che valgono purtroppo solo per un numero ristretto di persone/cittadini/ soci di questo stato chiamato italia ,forse piangerai commosso perchè nei suoi strati piu numerosi dei suoi devrsi stati,quell'italia non sa nemmeno chi sia sonia alfano o una rassegna stampa o figuriamoci una rassegna internazionale,e cosi potrai allargare i miei esempi a ogni "icona" o "iconcina"che poi viene regolarmente divorata ogni qualvolta entra nella scatola tv,perche non sa ogni aspetto del mezzo,e con il suo autogoal ,vengono screditati tutti gli altri.. il padrone ha i mezzi e sa come farlo, mentre l'icona o iconcina si dimentica di saperlo..sembra incredibile nn sappia tutto ciò che in un istante distrugge e distruggendo quello o quella di turno ,distrugge tutta un 'intera e faticosissima "credibilità" di tutti gli altri..e si và avanti giorni anni e lustri ad accumulare inutili difese di icone impolverate dopo negli anni;e l'"icona" viene divorata,vedi ad esempio de magistris ieri seduto a fianco di chi vi si appoggiava innocentemente ma irresponsabilmente da "iconcina", l'"icona" non lo sa perche vi si crede superiore mentre il mezzo è superiore a tutto , allora forse tanti miei interventi che sembravano "contro",ti verranno vicino..soffrirai tantissimo perchè scoprirai di cosa la sinistra aveva voluto essere cieca sorda e impotente e poi come questa malattia lentamente inesorabilmente venne a colpire anche tutti gli altri dai grandi valori costituzionali democratici, anche se nè gli uni nè gli altri avrebbero proprio voluto. Ne capirai il fallimento e nn saprai come fare,abbraccierai il blogger Matteo ,Mou ,Frada79 e altri e il nostro tragico destino pieno di dignità incomprese ,fraintese,incomunicabili perchè troppo semplici.


Ma figurati dai...qua continuamo a scusarci Frà (^____^) di noi ma poi alla fine ...de che? :) @Roland Ma purtroppo non è mica una novità, ricordo che già in campagna elettorale era saltato fuori con questa favola che lui avrebbe voluto fare il nonno, tranquillo, in pensione...poi però è il popolo che gli ha chiesto di salvare il paese. Che fa? Può dire di no? A proposito, tu sei un pericoloso sovversivo che mente sempre, come la sinistra. Ecco, così abbiamo chiuso il capitolo :D


Perdonate la ripetizione del post, non avevo letto... @pasolinante ti offendi se ti dico che non ho capito cosa intendi col tuo ultimo post?


ec abbraccerai


x filippo s non posso aprirti i canali , mi spiace-


Peccato. Sarei curioso di sapere di più su questa apertura dei "canali" ma non vorrei cadere nell'onanismo e nemmeno vorrei che diventasse un topic dei cazzi miei... Niente di male :)


@ pasolinante credo di aver capito ciò che hai affermato nel tuo post. La credibilità. Io non ho più intenzione di soffermarmi sull'argomento Borromeo. Penso di aver già scritto tanto. Spero solo che Marco, se mai leggesse quello che noi scriviamo, prenda spunto da queste critiche. Affiancarsi una come la Borromeo, una "giornalista tarocca" (non avendo nè laurea nè iscrizione all'Ordine dei Giornalisti) può nuocere alla credibilità anche da parte di chi, fino al giorno prima, non ha mai perso la fiducia in te e nei fatti che ci esponi. Mi ripeto e qui concludo: criticare i metodi di selezione della Carfagna,della Brambilla, le Evelina Manna, le Camilla Ferranti, le Matera.. e poi comportarsi, anche se in piccolo, allo stesso modo (e il discorso vale più per santoro) è incoerente. Ciao a tutti e b serata


Mi associo a Marco da Napoli #52 soprattutto per quanto riguarda l'intervento della bella principessina Beatrice che ,replicando a quell'inqualificabile soggetto di nome Castelli che rilevava il costo delle intercettazioni, ha fatto notare (e non mi risulta di averlo sentito dire in TV da nessuno prima di lei)che in Francia lo Stato, che è il titolare come in Italia delle reti telefoniche date in concessione, non paga France Telecom per quello che è un servizio alla pubblica sicurezza, dato che viene disposto, perlomeno da noi, solo ed esclusivamente dai magistrati come strumento d'indagine. Perchè quindi noi dobbiamo pagare Telecom Italia? E perchè non si acquistano una tantum i dispositivi necessari per intercettare ma ogni volta vengono noleggiati a costi salatissimi?


# 145    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 16/5/2009 alle 22:43

x matteo..ti ringrazio molto Caro Matteo..vedi la mia preoccupazione ormai molto acuta,anche se devo stare dentro me armoniosa ad accettare che cosi tragicamente è andata per noi, è stata generata dall'aver vissuto una serie interminabile di queste incoerenze..ma ciò che mi ha fatto profondamente male nella mia speranza verso un bene comune collettivo ke potesse migliorare e nonostante mi ci debba continuare a impegnare per dovere civico(e senza speranza), è data da una serie innumerevole ,inenarrabili di questi episodi, che a questo punto non hanno fatto male a me , ma ad un intero collettivo anche quello piu lontano a noi sensibili a certi temi di memoria storica o di coscienza civile,perche certi temi sono di tutti,anche di quelli che votano lega e anche agli stessi criminali;vedi Matteo caro, a me che ho gli strumenti di un "adulto", per interpretare la realtà, questi episodi borromei di svariati nomi,situazioni,periodi e tipo,non hanno mai spostato la mia postura civile o umana o democratica,perche vedi io sono fortunata,come te ho gli strumenti per non farmi "manipolare" dalla forza avversa che sa usare tutto( visti anche gli innumerevoli mezzi e media che detiene)per avvantargiarsi di tutto quindi anche di ogni calo di valore azione,credibilità, come sanno fare in borsa;inoltre loro sono professionisti dell'immagine e dei suoi trucchi,sempre a loro vantaggio oppure usati per cogliere ogni sbavatura anche la minimalissima anche quellla che roland chiamerebbe del pregiudizio positivo, loro sanno come renderla immedita e negativa, basta leggere ogni loro media e cameriere e ogni loro abilità ad cogliere ogni piccolo cedimento o caduta o fallo per affondare meglio,non tanto castelli o cicchito nel loro ego rigonfi, ma in quello dei milioni su milioni di fronte ai quali si pongono inventando quando non siamo perfettamente credibili,quindi figurati quando nn lo siamo veramente;dovremmo essere tutti interi x primi per noi stessi..a tanta tracotanza di soprusi conti


# 146    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 16/5/2009 alle 22:45

..a tanta tracotanza di soprusi continui, "noi" dovremmo essere i giusti , i piu puri e cristallini tutti d'un pezzo, tutti appunto credibili in ognuna almeno delle facce , volti e cervelli che ci mettiamo..e in tv con le migliori che abbiamo dovremmo andare,perche altrimenti è un attimo li dentro a farti diventare un mostro anche solo se tu non lo sei e lo è quello di fianco o di fronte a te, ti ci fanno diventare ed è inutile se non vediamo tutto ciò, è inutile esultare viva questo o via quello;invece no, scegliamo di non imparare, di andare avanti con superiorità e le nostre mezze o quarti o ottavi di purezze..anzi all'interno appoggiamo magari la borromeo,ma la hostess dell'alitalia no,è nessuno,da dove vorrebbe arrrivare per arrivare dove?..inoltre scegliamo di fare libri e poi di nasconderci dietro il fatto che ci hanno chiamato in tv loro , ci hanno censurato,e poi di riandarci e riandarci dicendo che non volevamo partecipare allo spettacolo tv, ma invece vi partecipiamo e diventiamo ancor piu mostri con tutta gioia del nostro vero nemico, non quello che direbbero essere o arrivare dai mari ,puzzolente e nero, ma tutti noi diventiamo "comunisti" e per giunta pure borromei raccomandati,insomma come dice ghedini,dei veri parrucconi e il popolo della lega e della pdl tutto ringalluzzito.Insomma è un destino tragico e la superiorità di chi non vuole capire come fanno (non) ragionare le masse e cosa e come evitare il lusso di permetterci di dare più gioco al nemico, è ancor piu tragico.A me delle incoerenze di grillo o di travaglio o di nuzzi o di borrromeo o di tutti gli altri innumerevoli casi come qst, prima e dopo, o prima della sinistra (che lo era sempre meno), non fregherebbe nulla, so che il mondo è girato così e ho potuto sempre orinetare il mio voto verso la forza che fosse la piu pulita e intelliogente possibile dispiace solo per i fratelli che hanno fatto rimanere piccoli bambini,pieni di facili paure sempre piu sofisticate e stupide motivazioni per


# 147    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 16/5/2009 alle 22:46

.. per (far finta di)risolverle,lasciati senza strumenti ke dovrebbero avere per decifrare chi nella realtà vende il falso,il vero,il quasi vero,o nulla ,è solo cio che "E'" nelle sue piccole medie grandi qualità/virtù "immediatamente" senzaltri trucchi di media-azioni+alterazioni applicabili per raggiungere veramente il numero maggiore di..tutti gli altri da sè..vista la giusta causa in corso da decenni e la sua enorme gravità attuale,vedi ad esempio la relazione che mette in gioco con dosi misure e modi, Saviano con il mezzo articoli,incontri e (soprattutto sapersi relazionare con il media)tv, in cui la tracotanza del mezzo viene frantumata dal suo SAPER/SAPER ESSERE- a presto e b serata anche a te :-)


Comunque la Borromeo ieri a Tetris ha fatto un figurone e qui si ciancia ancora di presunte raccomandazioni e puttanate varie


# 149    commento di   panormo - utente certificato  lasciato il 17/5/2009 alle 0:37

Perdonate tutti, chiedo venia, il tono didascalico ma a leggere i commenti mi pare che qui in molti non hanno realizzato che non è che si è persa sola una battaglia, qui si è persa una guerra e noi siamo gli sconfitti. Siamo in rotta, abbiamo visto bruciati tutti i condottieri e non abbiamo esercito schierato. Possiamo contare su noi stessi singoli e provare a riannodare i vincoli della verità e della giustizia. Informarci indignarci e con-muoverci (magari!), sapendo dentro noi stessi che la verità sarà prima o poi la verità. Siamo sbandati. E pretendiamo da un giornalista vero che sia qualcos'altro ancora. Scambiamo per gossip pruriginoso l'indagine sull'essenza misera del potere. Ci lasciamo distogliere dal lignaggio e dai toccamenti fotografati e non cogliamo lo spirito libero di una giovane ragazza. Vengon fuori gli archivi dell'Ipocrisia fatta chiesa e c'interroghiamo sulla moralità del notiziante. Ed anche io che, la serata calda ed il lungomare in primavera, stò qui a scrivere...


http://www.larondine.fi/index.php?option=com_content&task=view&id=468&Itemid=1 interessante articolo di un giornale della comunità italiana in Finlandia.. ...Vergogna d'Italia Allorché l’obiettivo e politicamente lucido Ministro degli esteri Renato Ruggiero ne ebbe abbastanza delle menate di Silvio Berlusconi e si dimise dal suo governo nel gennaio 2002 Berlusconi assunse per quasi un anno anche il dicastero degli Esteri. Partecipò quindi alla riunione informale dei Ministri degli esteri di Gymnich nel corso della quale si discusse di diritto penale internazionale e dell’atteggiamento verso le pressioni statunitensi il cui scopo era di vanificare un accordo in tal senso. Richiedemmo anche una valutazione della commissione giuridica sulla situazione. Allora Berlusconi tenne un lungo discorso sostenendo che non potevamo richiedere un parere ai giuristi senza aver dato prima loro chiare direttive politiche sulla faccenda. Osservai rivolto al Presidente della commissione seduto al mio fianco, Romano Prodi: “"He's describing how the Italian legal system works”, e nell’occasione Prodi si abbandonò a una risata irrefrenabile. Nel corso della stessa riunione Berlusconi fece anche mostra del suo talento clownesco e riuscì ad offendere, con una sciocca battuta di tipo sciovinistico, ma a suo parere divertente, la svedese Anna Lindh, che gli tolse il saluto. ...
http://www.larondine.fi/index.php?option=com_content&task=view&id=468&Itemid=1


Oggi sul Corriere un articolo proprio su questo argomento.. Travaglio ne ha parlato alla Fiera del Libro di Torino e ha scatenato polemiche in difesa del Capo dello Stato. Si può condividere o meno la posizione del Corsera, ma c'era un brevino scritto meravigliosamente.


volevo complimentarmi con te, Marco per il tuo spettacolo PROMEMORIA che ho avuto la fortuna di vedere a Brescia l'altra sera... davvero interessante e pungente come solo il tuo modo di far giornalismo riesce ad essere. grazie grazie grazie... Io ho 21 anni e per merito anche e soprattutto tuo mi sto interessando molto di più a ciò che MI succede e CI succede in questo paese che ormai sta andando alla deriva ma che grazie a persone come te ha ancora la speranza e le possibilità di alzare la testa. non mollare , rimani sempre cosi Marco sei un grande!!!


“Quando era ministro dell’Interno, nel governo Prodi, tra il maggio 1996 e l’ottobre ’99, Napolitano accolse tutte le richieste della Commissione stragi presieduta dal senatore Pellegrino, compresa la possibilità di attingere all’archivio riservato del ministro. Inoltre, quando fu scoperto un archivio se¬greto sulla circonvallazione Appia, fu lo stesso Napolitano a chiamare la magistratura e a mettere tutti quei documenti a disposizione dei giudici.” (D.M., Corriere della Sera, 17 maggio 2009) “Dirò qui in estrema sintesi che è stata la direzione centrale della polizia di prevenzione, che collabora attivamente con la magistratura e in particolare sta collaborando con il perito nominato dal giudice istruttore Salvini, a rintracciare materiale di interesse per diverse inchieste giudiziarie in corso, non nei locali del Viminale - come è scritto nell'interrogazione - ma nei locali di via Circonvallazione Appia, adibiti non ad archivio segreto, ma ad archivio di deposito della stessa direzione centrale della polizia di prevenzione. In effetti, il perito nominato dal giudice Salvini non aveva potuto rintracciare nell'archivio informatizzato fascicoli di cui aveva però accertato l'esistenza; agenti di polizia giudiziaria hanno manualmente potuto individuare questo fascicolo, in particolare uno concernente l'attentato esplosivo ad un treno in Pescara la notte dell'8-9 agosto 1969, fascicolo all'interno del quale sono stati anche rinvenuti frammenti di reperti. Non era stato rintracciato nell'archivio informatizzato perché - insieme ad altri, non siamo in grado di fare una quantificazione esatta - non era stato a suo tempo debitamente catalogato e quindi collocato in quell'archivio informatizzato.” (G. Napolitano, Ministro dell’interno, Seduta n. 110 del 5/12/1996)


Questo non è un commento per il tuo ultimo articolo. Volevo dirti che sono venuta ad ascoltarti al Palabrescia venerdì scorso. Tu sei un giornalista eccellente e io sarò una delle abbonate al nuovo giornale "Il Fatto", che hai annunciato in chiusura di serata. Molte grazie per il tuo impegno e non mollare mai. Giulia






C'ero anch'io venerdì allo spettacolo di Marco ( a cui rinnovo complimenti e stima)al Palabrescia. Dato che ci sono ben 4 commenti di miei concittadini ( al n. 72,79,152,154) vorrei loro segnalara la recensione indegna uscita il giorno successivo sul qyuotidiano cittadino. Ho già scritto una mail di protesta per la vergognosa faziosità e falsità con cui si esprime il sedicente "giornalista" che nemmeno osa firmarsi. A fine spettacolo Marco ha annunciato l'uscita del nuovo giornale per Settembre. A breve sul blog raccoglieranno le adesioni per sostenerlo.


Rispondo al commento 157 di Claudia S. Mi spiace molto per l'articolo che è apparso sul quotidiano locale, di un giornalista (per quanto ampio sia il significato del termine) che non si è firmato. Non credo di essermene stupita. Durante lo spettacolo, quando Marco ha cominciato a parlare di Berlusconi facendo sentire tra l'altro dei documenti sonori, molta gente si è alzata e se n'è andata. Ma stiamo parlando di quella fetta d'Italia che lo ha votato e che, in ottusità, lo voterà. Grazie ciao Giulia


Domanda: ma le persone che credono e votano il nanetto a prescindere, che piffero ci sono andate a fare allo spettacolo di Travaglio? Formulo delle possibili risposte: 1) martellate sui coglioni 2) catarsi per interposta persona 3) provocazione 4) soldi da buttare 5) pensavano che avessero lobotomizzato il cervello di Travaglio 6) pregustavano il momento in cui si sarebbero alzate e andate via 7) si sono sacrificate per far scrivere un articolo all'anonimo cronista Non me ne vengono altre.


Mercy, sono le stesse persone che vedi andare ad una mostra di Picasso senza sapere chi è, solo per dire che sono andate.


per Giulia S. Devo dire che intorno a me non si è alzato nessuno,ho sentito solo commenti positivi. Comunque ho scritto in redazione perchè ci tenevo a far sapere al "sedicente giornalista" ed al suo direttore che in Italia ci sono ancora persone che ragionano e vogliono ascoltare i fatti e che probabilmente lezioni dal bigino dell'imparzialità e della professionalita ne aveva bisogno lui. Ciao Claudia


Ancora a stracciarsi le vesti per il libro di Travaglio con la Borromeo? Addirittura Frada entra e "decide" che il blog è agonizzante perchè non tratta i temi che vuole lui/lei nei modi che vorrebbe? Ma.... rispettare il lavoro e le scelte di chi mette a disposizione questo spazio no? Non lo ordina nessun medico di partecipare per forza. Chi non condivide i temi di approfondimenti che Travaglio propone può non intervenire. Chi non condivide i collaboratori di cui si circonda può smettere di seguire il suo operato e leggere i suoi articoli. Da lì a sparare sentenze generalizzate sullo stato di salute di questa comunità direi che ce ne passa. Peraltro... facendo proprio quello che si dice di non voler leggere. Ovvero pettegolezzo velenoso sulla Borromeo appunto. Forse è il caso di ridimensionarsi un attimo. Travaglio non è un pasticcere che fa torte su ordinazione, che se non ti piace quella che ti propone o la cambia o non gliela paghi. E' un giornalista che mette in evidenza fatti e circostanze all'attenzione dei cittadini. Non un cameriere. La "faccenda" Noemi non è un pruriginoso fatto privato. Il Presidente del Consiglio è stato accusato di non essere in grado di controllare certi comportamenti da parte di sua moglie, comportamenti rivolti a ragazze minorenni. Al di là del giudizio politico, un presidente del consiglio deve essere capace di intendere e volere senza condizionamenti di sorta, ha la responsabilità di un paese. Non si può soprassedere se sua moglie gli attribuisce comportamenti ossessivi. Soprattutto se poi ricompensa gli oggetti delle sue ossessioni con ruoli di governo, compromettendo il nostro diritto ad essere governati da persone capaci, autorevoli e competenti e mettendo sul NOSTRO libro paga i suoi trastulli. Doppio danno. Come si possa dire che tutto questo è solo una banale questione di corna, quando ci troviamo una delle amanti del premier come ministra, ed è stato


... bloccato in corner mentre cercava di mandarne un'altra pattuglia al parlamento europeo... proprio non so. Al pensiero che i diritti all'uguaglianza sociale e professionale di mia moglie siano rappresentati da una che si è venduta il vendibile... mi va il sangue in testa. Le pari opportunità sono una cosa seria in un paese civile, se la sua massima rappresentante è pacifico come sia arrivata su quella cattedra... immaginate cosa qualsiasi idiota riterrà di poter rispondere a una dipendente che reclami un proprio diritto.


@XYZ #162 Mi riaggancio a questo messaggio anche perchè mi sono detto in parte d'accordo con le idee che stai criticando, legittimamente, per carità, ma per usare tue parole "forse è il caso di ridimensionarsi un attimo": "Ancora a stracciarsi le vesti", è un modo pittoresco di dirlo. Dissentire su determinate scelte è un altro. A me piace la Borromeo, quindi non condivido le critiche nei suoi confronti, ma penso che argomentando si possa discorrere di tutto. Anche di ciò che riteniamo sbagliato. Poi non tralasciamo il fatto che il libro in questione è uscito una manciata di giorni fa, quindi dire "ancora" mi pare francamente discutibile.... Passando al resto devo dirti che le tue tesi sono sostenibili, ma sei sicuro/a che siano così sacrosante? Qui c'è un blog dove vengono postati degli articoli, dopodichè tutti possiamo commentare. Non ci sono altre direzioni. E' così. Punto. Stai sostenendo che questa condizione esula da qualsiasi possibilità di miglioramento? Molte persone che commentano in questa "comunità" (e sul termine ci sarebbe da discutere) lo fanno perchè stimano l'operato degli autori e desiderano parteciparvi e valorizzarlo. Perchè no, migliorarlo con idee, suggerimenti talvolta critiche. Da come ne parli tu o così o pomì. Imho,i concetti che hai espresso mi paiono legittimi, le conclusioni sinceramente no, perchè non ci vedo nulla di costruttivo. Posto da poco tempo, ma ho già sentito diverse persone sostenere che questo spazio a cui teniamo potrebbe funzionare ancora meglio. E ho già detto il perchè. Concordo sulla necessità di non sparare sentenze generalizzate. Ma in nessuna direzione.


Filippo, condivido in larga parte ma con un distinguo. Una cosa è dissentire sul contenuto degli articoli. Io sostengo una cosa, tu un'altra, un terzo un'altra ancora. Altra cosa è dire: dato che gli articoli non mi vanno a genio, allora mi arrogo il diritto di sostenere che il blog nella sua globalità stia scadendo, stia morendo, o similari. Se dissenti... dissenti per te stesso e nel merito di un preciso argomento. Somministrare "estreme unzioni" urbi et orbi prevarica il legittimissimo diritto ad esprimere personali valutazioni. Io non condivido le critiche alla Borromeo perchè si chiama Borromeo. La discriminazione pro cognome non è migliore, ai miei occhi, della spitarella pro cognome. E' una disuguaglianza, pro o contro che sia. Non per questo entro qui dentro e pontifico sulla qualità globale del blog e sulle sue prospettive di sopravvivenza in funzione di questa mia opinione. Mi mostro insofferente su quella che credo una disuguaglianza? Sì certo. Non ritengo però per questo di avere titolo per una filippica agli autori del blog per i temi proposti, o agli utenti che commentano. Se mi passi la metafora "gastronomica", io posso entrare in un ristorante, ordinare una pietanza e trovarla non di mio gradimento. Posso lamentarmi con il cameriere e chiedere il cambio di quella pietanza o decidere di non metterci più piede. Alzarmi in piedi e decretare a voce alta "secondo me questo esercizio è votato al fallimento perchè il sugo è troppo salato per i miei gusti"... è cosa ben diversa. Che poi così si intenda tutelare o migliorare il blog è quantomeno una tesi curiosa. Chi volesse manifestare tali intenzioni scriverebbe "anzichè di questo perchè non parliamo di quest'altro?" anzichè parlare di morte del blog. Il categorico sono io o chi indice un requiem? Che margine di miglioramento c'è dopo un "funerale"?


Beh, se non altro si parlava di agonia, lasciamo stare i funerali (sgrat sgrat) :D Capisco perfettamente ciò che intendi, in effetti dall'idea che mi ero fatto dei messaggi di fra e dei tuoi ho la sensazione che su alcuni punti non vi siate compresi benissimo. O forse non ho compreso io. Ma non ne farei una questione di semantica, o meglio, se posso dare il mio contributo, inviterei tutti a non accalorarsi ed esporre in modo asciutto e sereno le proprie critiche. Il problema (per come lo percepisco io e per come mi pare di percepirlo anche in altri) è che rimangono tutte questioni che gravitano attorno a chi le esprime. Perchè non c'è nessun tipo di interazione con gli autori del blog, perchè qualcuno lo scambia per il proprio blog, perchè c'è gente che ama trollare, perchè c'è chi in buona fede ci casca, perchè ci sta chi, già che c'è, spamma allegramente...la stessa questione Borromeo (come tante altre), secondo la mia modesta esperienza e secondo il mio umile pensiero, potrebbe essere tranquillamente ridimensionata, non sta a dire come e quando perchè non voglio diventare insistente...o almeno non ancora. Ma è innegabile che viene fornito un input dal quale poi succede un pò tutto e in men che non si dica si è completamente andati fuori tema. Pure io sono completamente OT. Ma d'altra parte, allo stato delle cose, non si può fare diversamente. Insomma, i problemi sono diversi e come ha scritto frada, poi si accavallano, fanno perdere il filo logico....e niente, se ne scorrono in mezzo ad altri commenti che non hanno un filo logico con quelli che seguono. E via così. Concludo: ho idea che frada non sia categorica, che tu non sia categorico...mi ci improvviso io: Il blog esiste perchè gli autori ci scrivono. Ed è il loro. E' quindi insensato parlare di miglioramenti, suggerimenti, critiche... Da questo presupposto, passando per l'oggetto delle critiche (più o meno rudi, più o meno condivisibili, più o meno realizzabili) lascio a te (e chiunqu


lascio a te (e chiunque legga) le conclusioni... se hanno senso le critiche e i suggerimenti, se vanno in una direzione, se alcune potrebbero essere interessanti, perchè nel momento stesso in cui vengono formulate paiono perdere senso e direzione?


Ohhh, bravo Filippo. Hai colto esattamente nel segno. Paiono perdere senso perchè come dici tu... non ne hanno. Qui ha senso discutere nel merito di qualsiasi tema proposto, scambiarci opinioni e critiche tra utenti... ma non ha senso parlare di miglioramenti, suggerimenti, critiche agli autori, ai loro articoli e persino alle loro intenzioni. Se discutiamo su "Bea furba, Bea tonna", "Divorzio imperiale: fatto pubblico o privato"... o persino "ne parliamo ancora oppure no?"... è una cosa. Partiamo da uno spunto degli autori ma ci confrontiamo tra noi... anche se finiamo fuoritema rimaniamo sul "nostro" piano, che non è quello degli autori, necessariamente superiore al nostro. Dovrebbe essere pacifico che siamo sul blog di Travaglio, Corrias e Gomez, non di qualche utente che si sente più utente di altri perchè lo frequenta da più tempo, o un forum in cui tutti sono sullo stesso piano. Gli autori propongono spunti, centinaia di utenti ospitati in questo spazio commentano in modo perfettamente paritario. Lo scopo dovrebbe essere stimolare la riflessione sulle informazioni che vengono diffuse, e che purtroppo non leggiamo altrove, per metabolizzarle e farsene un'opinione. Sperando che si faccia consapevolezza, movimento d'opinione pubblica e quindi coscienza civile, l'unico motore del cambiamento. Questo non lo dico io perchè capisco tutto io, è quello che emerge da diversi interventi degli autori stessi intervistati sul significato del blog, disponibili su you tube. Ho l'impressione che in molti modi venga inteso questo blog tranne che questo. In virtù dell'ospitalità che riceviamo forse dovremmo tutti distinguere tra il diritto sacrosanto di interagire anche animatamente tra noi dalla pretesa di divenire i direttori editoriali degli autori. Libertà di espressione non è certo salire con le scarpe sul divano di chi ci ospita o pretendere di definire il menu dell'invito a cena, correggimi se sbaglio. Su una cosa sbagli,


... Travaglio legge eccome. In coda al post "Elio e le storie tese" è intervenuto a ridimensionare chi è arrivato al processo sommario alle intenzioni. Il blog morirebbe se e quando gli autori, magari esasperati da episodi come questi, dovessero decidere di interrompere i contributi. Sarebbe il caso di rifletterci su. E con questo spunto di personale riflessione ti saluto, ciao Filippo.


Ma guarda che io non ho dubbi ...do per scontato che gli autori leggano. Certo, non si può pretendere che leggano tutti i commenti o che intervengano sempre. Ma la percezione di ciò non necessariamente corrisponde, proprio perchè se non si manifesta non si può sapere...volevo aggiungerti un'ultima cosa...ma non me la ricordo più ^__^ Ciao, a presto ;)


Ah sì...era la cosa più importante: premesso che ci siamo intesi sulla prima parte...ma se le critiche, allo stato delle cose, non sono pertinenti, in quanto sostanzialmente inutili nel senso che dicevamo....perchè non trovare un modo per provare a darcelo un senso? ;)


MARCO, oggi tutti i giornali riportano la notizia che e' stato arrestato un boss mafioso che si chiama LETIZIA. Il cognome non mi e' nuovo...non e' che parente del signor LETIZIA che da messo comunale chiama Berlusconi per dirgli chi deve candidare? Qua trovi l'articolo: http://www.corriere.it/cronache/09_maggio_19/camorra_arresti_scissionisti_fd1da1c6-4435-11de-a9a2-00144f02aabc.shtml Se riuscite a trovare qualche connessione tra i 2 LETIZIA, credo sarebbe un messaggio importante da far sapere alla popolazione. Ciao. Enrico


Filippo, certo che si può provare a dargli un senso... e si può provare persino a migliorare il blog! Ma per farlo devi necessariamente partire da un punto, ovvero dalla consapevolezza del TUO ruolo nel blog. Ovvero capire e accettare di essere tutti, indistintamente, "uno dei tanti". Che si partecipi da un giorno o da un anno. E che si accetti di essere questo e soltanto questo, il membro di un "coro" che commenta, metabolizza ed elabora le voci dei tre solisti. Senza farsi primadonna a propria volta o pretendere di spiegare agli autori, che di certo non ne hanno bisogno, come si seleziona la notizia. Noi cioè possiamo migliorare il "nostro" piano, il livello delle nostre discussioni, ma possiamo farlo solo se accettiamo innanzitutto di tutti di rispettare il ruolo degli autori. D'altra parte se postano qualcosa che non ci va a genio, che riteniamo superfluo o superficiale possiamo sempre astenerci dal partecipare. Mica ce lo ordina il medico! Per il resto nessuno vieta neanche a ciascun utente di creare spazi indipendenti in cui da corista diventare solista e dare il proprio punto di vista e interpretazione specifici delle notizie che si recepiscono, come fanno già con successo diversi utenti. Questo blog ha già i suoi autorevoli e pregevoli padroni di casa. Noi siamo graditi ospiti, ma sempre ospiti. Ogni possibile miglioramento e recupero di senso di certe discussioni a mio avviso non può che partire da qui, altrimenti non si va da nessuna parte. Non sono sicuro però che questo semplice punto di partenza sia facile da far recepire e accettare da tutti, non so come la vedi tu. Secondo me ci sarebbe gente che ti risponde "sei entrato per ultimo e vieni a dire a me che posto da x tempo come gira il mondo?". Scommetti? :)....... D'altra parte... c'è chi ha pure criticato Travaglio per aver "osato" lasciar trapelare un certo fastidio per essersi sentito dare del censore a titolo gratuito. Deve stare


Deve stare attento a quel che scrive o pensa, qui, nel SUO blog. Figuuuuuurati come sarebbe accolte le osservazioni, anche espresse nel modo più soft possibile, da parte di altri blogger.


Per inciso, tornando all'oggetto del contendere, eh! eh! Ho visto la puntata di Tetris con la presunta "bionda senza testa". Ma soprattutto ho visto l'impegno profuso dell'ex-ministro della repubblica, nonchè attuale sottosegretario, nonchè ingegner Castelli nel cercare di impostare sin dal primo minuto di interazione con la biondina la discussione su un registro del tipo "Lascia parlare i grandi, ragazzina che giochi a fare la giornalista in un campo più grande di te". L'ho trovato molto curioso come approccio, per uno sicuro dei propri mezzi intendo, come dovrebbe essere un politico navigato come lui di fronte alla prima sbarbatella che passa. Chi ha un fucile caricato a pallettoni in spalla non gonfia il pelo per intimidire l'avversario, se questo a confronto tuo ha una cerbottana in mano. Se devi gonfiare il pelo, è perchè il fucile è caricato.. a salve e non puoi farti sgamare il bluff. Credo che un ministro capace, competente e convinto di avere reali argomenti a proprio vantaggio avrebbe avuto tutto l'interesse a impostare diversamente il confronto, attendendo l'interlocutrice al varco dei dati concreti, dell'esperienza, lasciandola parlare attendendo semplicemente che s'intortasse da sola. L'ex ministro si è invece prodigato nel tentare di far parlare il meno possibile la biondina, che quando è stata messa in condizione di mettere due frasi in fila senza interruzioni effettivamente ha piantato macigni che non sono poi stati spostati di un mm. Così come accaduto con De Magistris peraltro. Ecco, il tono del confronto Castelli-Borromeo, soprattutto l'atteggiamento difensivo dell'ex ministro... credo valga il ragionevole dubbio che la ragazza tanto tonna non sia. Dai cretini infatti non ci si difende, si da al contrario loro spago perchè fughino ogni dubbio nel minor tempo possibile. A meno di essere tanto più cretini di loro. Effettivamente... è una possibilità risposta anche questa... :)!


# 176    commento di   no_ba - utente certificato  lasciato il 19/5/2009 alle 11:45

ciao a tutti. vi segnalo una pagina del blog Italians di Severgnini in cui un lettore chiede (in tono retorico credo) se in Italia esista ancora il giornalismo investigativo. Vale la pena davvero leggere la risposta di Severgnini. Mi rendo conto sia attinente solo in parte all'oggetto di questo post, ma mi ha talmente disgustato che ho sentito il bisogno di condividerla. Oltre ad essere un'ammissione di colpa (indiretta, quasi ingenua) da parte di un certo tipo di giornalismo, c'è anche il tentativo di darsi un alibi e soprattutto di addossare le proprie responsabilità ai cittadini, che di loro ne hanno sicuramente ma non rigurdano certo la qualità dell'informazione. grazie per lo spazio e per il resto (ho assistito alla presentazione del libro a torino, ne sono uscita con un pò più di speranza).
http://www.corriere.it/solferino/severgnini/09-05-19/05.spm


Caro/a icsipsilonzeta ... ( ^__^ ) Non è che la pensiamo molto diversamente, ma scommetto che parlandone un pò pure frada direbbe la stessa cosa... io credo che il nocciolo sia tutto lì, partendo dal presupposto (necessario, son d'accordo con te) che ognuno accetti il suo ruolo, si può cercare di migliorare non tanto il blog (è un mezzo, non è il vero oggetto del contendere), quanto la risonanza del pensiero e delle idee nostre che vengono così bene incanalate e rispecchiate dai nostri autori. Super. Il che non significa necessariamente che uno/a si debba sentire superiore agli altri utenti, semplicemente uno si può legittimamente sentire più interessato di altri a perorare la causa, a sbattersi per costruire di più, a rendere più funzionale la linea di pensiero e diffonderla con più efficacia. Questo esula dal blog. Poi se c'è una mini-casta autoproclamata che pensa di far valere l'anzianità o se ci sono soggetti che postano qua per darsi un tono e solo di riflesso sono interessati a ciò che scrivono gli autori...eh vabbè, tutto il mondo è paese, certamente non scommetto, il risultato è scontato :D Insomma, credo si capisca chiaramente cosa sto pensando sulle critiche, i miglioramenti e soprattutto (segnati questa) potenzialità... Per il resto Castelli è ....mah. L'ho sentito l'altro giorno sulla RAI con la Bindi e secondo me si è dimostrato ancora una volta quello che è: un leghista rustico col vestito della festa. Ecco perchè appare sempre come hai descritto tu. A un certo punto (nessuno gli ha detto nulla) ha sparato che in Italia ci sono più intercettazioni che nel resto mondo messo insieme. Ci rendiamo conto? PS: Cossiga farebbe quasi tenerezza se non facesse dichiarazioni da arresto seduta stante.


Per tornare nel tema del 3d.... Chi è stato? Beh, pare sia arrivata la sentenza Mills....


Appppunto. Il blog è un mezzo, non un palco. Quando vedo, e soprattutto sento Cossiga anche a me viene un moto di tenerezza. Per la sua badante. Chiunque sia ha tutta la mia massima solidarietà, deve essere una santa che si straguadagna lo stipendio. Scherzi a parte... c'è da ascoltarlo con attenzione perchè quello che dice è preoccupante. Molto. Fosse vero solo la metà, in un paese civile sarebbe già troppo. In questo, dove abitualmente il presidente del consiglio ne spara il doppio ogni giorno, siamo di bocca buona e ingolliamo tutto senza neppure la zolletta di zucchero. Deglutiamo ormai qualsiasi inciviltà. Dai, faccio il paragnosta. Anticipo i contenuti del prossimo intervento in parlamento sul caso mills. "gentili colleghi, sono qui a rispondere personalmente... ... della mia conclamata corruzione? No, naturalmente. Ma chi vi credete di essere per chiedermelo. E soprattutto... chi vi credete sia io per aspettarvi una risposta! Contenetevi! Sono qui a rispondere del bieco attacco perpetrato dalla magistratura rossa-comunista-populista-giustizialista-forcaiola che alla vigilia di un importante scadenza elettorale in cui tutti gli amanti della libertà sono chiamati a inviare in Europa le mie migliori zoc... ehm, scusate, i nostri migliori rappresentanti, porta avanti l'ennesimo tentativo di denigrazione, delegittimazione, gratuito attacco alla persona del presidente del consiglio (quando parla in terza persona mi fa morì...) reo di governare con efficienza, capacità, abilità questo paese così come la sinistra comunista bolscevica ecc. ecc. non è mai stata in grado di fare...Ho già pronto un disegno di legge per lo screening genetico dei candidati ai concorsi in magistratura al fine di indentificare preventivamente i comunisti, castrarli al fine di limitarne la riproduzione incontrollata e impedire in futuro che questa razza di personaggi antropologicamente diversi arrivino ad inquinare le sac


...le sacre aule di giustizia dove ho il sacrosanto diritto di essere assolto o di ottenere adeguate garanzie di poter giungere a piena e soddisfacente... prescrizione". Amen.... :))))....


Ecco, vedi che esce il comunista che c'è in te? Protagonista, che scrocchi il blog del Pino-Peter-Marco per portare avanti le tue tesi fatte di menzogne, bugie, E INCIVILTA'. Tipico della sinistra. Non ho corrotto nessuno. Mills mi ha rubato i soldi, adesso lo denuncio, per furto con scasso di maroni. Non il ministro. Le palle. No, non quelle che dico.... Ecco, vede che mi fa perdere il filo.... La cosa terrificante in tutto questo (dovrei leggere tutta la sentenza ma è un mattone, lasciamolo fare a Marco ^__^) è che sostanzialmente verrà fuori che Berlusconi è un corruttore. Non serve il lodo Alfano, giustamente Travaglio sottolineava che volevano silurare il processo a Mills perchè era evidente che se lui veniva condannato...eh beh, poi il corruttore magari non lo puoi processare ma lo puoi indicare... ebbene, tutto questo, credo, non sposterà una virgola nella coscienza italiana, nel voto degli italiani, nell'opinione degli italiani, nel modo di porsi...


Meglio che esca il comunista che è in me... piuttosto che mi entri il premier... dove lo lascio alla sua sagacia di uomo di mondo... :)... Fine del pecoreccio moment. Hai ragione. Non serve il lodo Alfano. E non serve sventolare la sentenza. Se non c'è più un'opposizione con una spina dorsale minima in grado di far pesare l'incostituzionalità del primo, e l'ovvietà della seconda è inutile avere argomenti da sventolare. Se non hai l'asta a cui attaccarli e vento in poppa. Gli italiani in mala fede lo votano. E sono gli unici che non sbagliano, perchè effettivamente è il naturale rappresentante dell'italia intrallazzona. Troppi italiani in buona fede lo votano. Perchè non sanno ciò che dovrebbero sapere, non avendo accesso a fonti alternative come la rete, o per ingenuità essendosi bevuti la fiaba del centro destra moderato e paladino dei valori cattolici. Complice una certa inedia di pensiero. Questi sarebbero il naturale target di un'opposizione con gli attributi e di un'informazione con gli attributi. A fare opposizione sono rimasti Fini, la Lario e Di Pietro. Il primo è da capire se si sta preparando al post napoleone, quando urgerà avere una nuova verginità da esibire. La seconda è "un'oppositrice per caso": voleva solo liberarsi di un maiale, si ritrova a fare la leader delle pari opportunità "de facto", contrapposta alla ministra "libidinis causa". Il terzo... forse il buon dio l'ha chiamato così in funzione del destino attuale: prender pietrate bipartisan. E' rimasto con il lumino della libertà di dissentire in mano, ma mica può fare i miracoli. O forse sì. Attendiamo di leggere quanti voti avrà scippato al pd (partito dormiente). Siam messi bene, ma bene davvero.


Che tu sia uomo o donna me lo voglio augurare che il premier non entri in te.... ^___^ fine pecoreccio moment ^___^ Non parlerei di scippo, ma di voti guadagnati (e te lo dice un elettore PD). Ma insomma.... menomale che Silvio c'è...


Ma sai... Sono abbastanza tranquillo. Sono un ometto maggiorenne, peloso e alto due spanne buone più del tappetto. Pure la geometria gli sarebbe avversa, altro che tacchi. Scippo intendevo dal punto di vista del PD, il cui peggiore dei mali è ritenersi, non si sa bene in base a cosa, davvero un'opposizione, incapace quindi di una lucida analisi dei propri errori e quindi di trovare soluzioni sensate. Solo uno scemo avrebbe potuto pensare che il pd sta perdendo consensi perchè l'alleanza con idv è sbagliata. Peccato che avesse uno scemo come segretario, faina Veltroni. Franceschini fa la fenice, ogni tanto sembra spiccare il volo poi si incenerisce sugli stessi problemi. Sembra risorgere e pufff di nuovo. Dal loro punto di vista la salita di Di Pietro è uno scippo, e non un lecito guadagno. Se lo ritenessero tale gli andrebbero dietro.


Premesso che per me Veltroni è il miglior politico che c'è in Italia, e infatti i conti mi tornano vista la fine che ha fatto(dicesi uomo giusto nel posto e nel momento sbagliato), dico anche che l'IDV è il miglior alleato che possiamo avere. Certo, dipende dalla prospettiva, figurati che c'è gente che apre all'UDC... Non credo che a loro la salita di Di Pietro pare uno scippo. Anzi. Per certi versi li deresponsabilizza, cosa che a me, francamente, ruga parecchio. D'altro canto come puoi pensare che un partito da 30% vada dietro a un partito da 15%? Se fosse questione di logica sarebbe il contrario, ma se fosse solo logica non saremmo qui a farci sti discorsi perchè qualcuno sarebbe in galera a farsi spremute d'arance con Previti...


Beh, alle ultime elezioni anche regionali i sentori dell'emorragia di elettori tra pd e idv sono stati consistenti. Più che validi motivi per chiedersi se forse non è il caso di ascoltare il partito del 15 anche se si è a 30 onde evitare di invertire le parti. Scusa ma se Veltroni è il migliore stiamo messi bene. Dimettersi il giorno della notizia della condanna Mills è stato un colpo di teatro mica da ridere. A mio avviso l'uomo sbagliato al posto giusto nel momento giusto. In quel momento un capo dell'opposizione serio avrebbe incendiato la scena politica fino a farla collassare. Una catarsi rovinosa, certo, ma necessaria. Non si cambiano le cose se non annientando il berlusconismo, additando il re nudo ad ogni occasione possibile.


Non siamo evidentemente in sintonia su questo punto, d'altro canto Veltroni non era il proprietario del suo partito, altrimenti si chiamava Berlustroni. Si poteva dimettere il giorno prima o un mese dopo, non cambiava nulla perchè i problemi erano intestini... l'antiberlusconismo non ha portato niente al centrosinistra, salvo scaldare un pò di poltrone per qualche anno...difatti Veltroni si presenta in un momento disastroso, altro che giusto, quando è appena crollato un governo costruito con l'unico proposito di battere Berlusconi. Il vero antiberlusconismo lo sta facendo Di Pietro (e infatti mi fai notare che la tendenza 30-15 rischia di invertirsi). Se lo facesse il PD sarebbe, credo, il primo partito, ad anni luce dal secondo. La vera catarsi, a mio modo di vedere, il PD la deve fare laddove fa più male. Poche mosse. Pesantissime. Ecco perchè è solo iniziata con la campagna elettorale e con le scelte di Veltroni ma non è più proseguita.... dirò di più: se non ci fosse stata la caduta del governo Prodi e la palese dimostrazione che non si possono fare alleanze con tutti giusto per mettere insieme voti, forse il centrosinistra non avrebbe fatto neanche quel passo lì... mamma che dolore sti discorsi.... -___-


E va beh, mica si può andar d'accordo su tutto! Saaarà... ma se si fosse dimesso un mese dopo e non proprio quel giorno LI' offrendo il fianco al facile oscuramento della sentenza Mills... avrebbe risparmiato almeno a molti di noi problemi intestinali, altro che intestini. L'acume di un politico si esprime anche nel senso di opportunità di cosa fare, come farlo e quando. Mi confermi che chi lo ha chiamato disastro... ha il suo bel perchè. E' arrivato al momento sbagliato, se n'è andato al momento sbagliato. Come la signora Luisa che non pulisce mai il water dello storico spot. Il pd vuole botte piena e moglie ubriaca. Vuole essere l'opposizione ma non vuole sporcarsi le mani. Vorrebbe essere antiberlusconista nell'aspetto quel tanto da non perdere i voti di chi non ne può più, ma abbastanza annacquato nella sostanza da vivere bene alla corte del re. E dai, era diventato persino un tormentone il "Questo, ma anche quello, ma anche no". Finchè dura. O finchè Di Pietro non ruba il mazzo più grosso.


Lungi da me pensare che Veltroni sia perfetto... ma il centrosinistra paga per anni di ciò che tu hai ben descritto. Stasera ho sentito Franceschini, che ha preso la direzione giusta imho (a proposito del cosa fare, quando, cosa dire, quando)...si faccia processare. Sì. Ma quando è ora di salvare il culo a un senatore fan tutti quadrato. Questo è il paradigma del centrosinistra. Quindi neanche il Padreterno poteva rivoltare tutto come un guanto. Figurarsi Veltroni. D'altro canto....vuoi darmi a bere che credi sul serio che dare o meno risalto alla vicenda Mills sarebbe servito? ;) Oltre ad atteggiarsi a seri, serve esserlo al momento giusto, coi fatti, con le votazioni, con i provvedimenti quando governi. Il problema, come sappiamo, è che il centrosinistra non è pronto perchè spesse volte si dovrebbe autoinfliggere. Quando sarà disposto a sanguinare per davvero, anche se sembra un paradosso credo riprenderà tutti i consensi che servono...fino ad allora si trascinerà all'inseguimento di una lepre che non si può raggiungere.


Per me è stato troppo soft. Non basta farsi processare tenendosi la presidenza del consiglio! Un povero diavolo senza immunità parlamentare che ruba un cappotto perchè ha freddo viene beccato. Prima cosa che gli fanno è levargli il cappotto e ridarlo al proprietario, poi lo processano e lo cacciano dentro vita natural durante per l'assunto tutto italiano "meno rubi più gattabuia ti fai". Non può mica dire "va beh, io tanto continuo a stare calduccio nel cappotto mentre mi processate, poi ve lo ridò se mi trovate colpevole!". Gli polverizzano i paesi bassi a pedate. Figuriamoci se parliamo della prima carica esecutiva dello Stato. Franceschini doveva chiederne le palle del premier su un piatto domattina a colazione. Anche su questo si è fatto "bruciare" da Di Pietro, che non se l'è fatto dire due volte. Molli la presidenza del consiglio, Alfano o non Alfano. Si faccia processare. Porti a casa un'assoluzione, se ce la fa. E poi si ricandidi. Punto. La situazione politica attuale non consente più di stare a gingillarselo con il fioretto. Urge il machete e la mano pesante. Meglio che Franceschini si dia al body building. Beh, se all'epoca avessero parlato un pochino di più della questione Mills stasera sarebbe stato più difficile far dire a Studio aperto che Berlusk è stato ASSOLTO, come ho sentito. Non sarebbe cambiato molto o tutto, ma almeno certe prese per i chapet...


No, non sono d'accordo. O meglio...è chiaro che per me questo signore doveva essere in galera da dieci anni, ma come ben sappiamo ciò non è avvenuto. Premesso ciò e alla luce del fatto che queste vicende son già viste e riviste, perchè adesso ci aspettano rivelazioni shock quando riferirà al parlamento ma sappiamo che sono un paio di versetti, strillini isterici e il buon slogan "sono innocente e certa magistratura deviata mi perseguita"...ecco, sapendolo abbiamo anche la misura di come andrà a finire. L'unica soluzione vicina alla linea che proponi, a mio modo di vedere, è che tutta l'opposizione diserti i banchi del parlamento, unione dei cuffari compresa. Ma tu capisci che è piuttosto ardua... ecco perchè Franceschini lo attacca di fioretto (almeno per ora): perchè è l'unico terreno sul quale lui deve stare sulla difensiva, non scordare che ci sono in giro pazzi che ci credono alla sua persecuzione, il PD deve conquistare anche quei consensi, cosa che IDV non può fare. Qua ci vuole azione congiunta e portata avanti con crtierio, ma poi alla fine non servirà perchè quando un paese è ridotto così, per quanto ci sembri paradossale, non c'è verso di schiodarli... a meno che anche la gente inizi a scendere in piazza. Ma ti guardi intorno e scopri che alla maggioranza (intesa come cittadinanza, non elettorato) non frega nulla...


X filippo e xyz ma perchè non vi scambiate la mail e vi scrivete in privato? chissenefrega di stare a leggere i vostri comizi bidirezionali...


Premesso che hai perfettamente ragione, che tu sei uno come noi quindi sarebbe educato lasciarci cazziare da chi ne ha onore ed onere su questo blog, il tuo commento è fuori tema quanto il nostro, il tuo contributo alla discussione è pari a zero e i nostri commenti sono multidirezionali, solo che tu di direzioni ne vedi solo due. Ho premesso che hai ragione eh.... :)


Non sono d'accordo, ovviamente... :)... Bah ha torto marcio, altro che ragione. Stessimo parlando dei fatti nostri, dei programmi per il week end okkei. Stiamo parlando di temi che riguardano il presente di questo Stato e il suo futuro. Non roseo. Siamo in due a farlo? E va beh! Mica colpa nostra! Un terzo sarebbe ben accetto. Un quarto e un quinto ancor di più. Quindi il terzo ha due scelte: legge e non interviene perchè non gli frega niente, legge e interviene sul tema dando il suo contributo. Se entra a gamba tesa ancora più fuori tema di quanto possiamo esserlo noi non ci sono ragioni che tengano. Tornando quindi sul tema, non sono convinto Filippo. La gente non scende in piazza dietro ai pavidi, ai "sì ma anche no". Se vuoi creare un movimento devi prendere posizioni forti. Guarda Grillo, che non è di certo un politico, la gente che ha mobilitato. Se c'è gente che è scesa in piazza per lui e non per Veltroni un motivo ci sarà. Chi gradisce Berlusk lo vota per convinzione. Chi lo sopporta, lo vota ritenendolo il male minore in assenza di alternative. Ergo bisogna proporsi con forza come alternativa. A cominciare dai toni. Il nano ormai ha superato ogni spudoratezza e vergogna, menando fendenti a destra e a manca. Rispondergli a tono sarebbe un dovere. Il problema è un'altro. Per farlo dovresti essere credibile. E per essere credibile devi essere migliore di chi critichi. Ed è difficile puntare il dito su un presidente del consiglio ineleggibile, inassolvibile a cui la tua parte politica ha contribuito a salvargli la pelle troppe volte. Di Pietro da questo punto di vista è in una botte di ferro. Fa la voce grossa perchè gli è facile farla: inquisito, si era dimesso, fatto processare, assolvere e con l'assoluzione all'occhiello tornato in politica. Adesso che il gioco si fa sempre più sporco... avere un minimo di credibilità e coerenza fa la differenza. Perchè ti consen


... Perchè ti consente di prendere posizioni che altri non possono permettersi. E se così facendo si acquisiscono a mani basse voti, azichè perderli... forse non è vero che alla gente non frega niente dello scontro. In giro almeno sento voci molto diverse. Sento parlare di resa dei conti.


Eddai, volevo essere accomodante offrendo al nostro ospite una bella poltrona elettrica su cui accomodarsi ;) Guarda, io sono in difficoltà come (credo) qualsiasi elettore del PD, è evidente che il calo dei consensi da qualcosa deriva,no? Dopo questa tornata elettorale penso che potremo definire un profilo più chiaro sullo stato cose e sullo stato di salute dei contendenti. Senza cadere in crisi di nervi per i risultati, si deve procedere compatti, perchè sappiamo già che dovremo leccarci ancora le ferite....


Il Pd questa volta il voto di fiducia, così come quello di protesta o di opposizione o di reazione, se lo scorda... basta con l'eterna parabola tutta italiana delle dieci vergini (e ci tengo a precisare che non sono cattolica). Attendo tempi migliori: nel frattempo continuo a ragionare con la mia testa e se prima di svegliarsi questo paese ha bisogno di cadere ancora più in basso, beh voglio contribuire alla caduta perchè avvenga prima possibile e che sia il più dolorosa possibile. Ce lo meritiamo.


Ooohhh, sono contento che Bah abbia colto l'aspetto costruttivo della mia critica e plaudo il suo nuovo contributo... :) ... Peraltro ne condivido l'analisi. Ritengo anche io che arrivati a questi punti purtroppo solo una solida facciata può risvegliare questo PD cloroformizzato dal fascino del premier, a cui trotterella tranquillo al fianco. Filippo, il calo di consensi non mi sembra un mistero di fatima da interpretare. Se Di Pietro fa opposizione dura e nelle recenti prove elettorale ti ha sfilato un mare di voti, rifletti. Se Grillo ti ha rifilato il nomignolo pdmenoelle a significare che tolta una elle, non si notano differenze, ed è lo stesso Grillo che riempie le piazze di TUOI elettori come forse a te non riuscirebbe più (peraltro hai anche perso l'abitudine a farlo anche quando servirebbe), rifletti. Ma soprattutto rifletti se congiunturalmente alle posizioni assunti da queste due figure... parte dei tuoi voti se ne vanno in tasca a Di Pietro, e parte si riconosce di più nei Meet Up che non nei circoli del PD. Voglio pensare che non vogliano capire, non che non capiscano. Altrimenti altro che boccaloni. Io ho l'impressione che i vertici del PD sappiano benissimo come stanno le cose. Ma non possono o non vogliono reagire di conseguenza. Per accidia o per avere il guinzaglio corto. Accidia nel senso che finchè ci sarà il botolo dall'altra parte, una bella fetta degli anti sarà garantita senza sforzo proprio di doversi dimostrare "al di sopra", visto quanto è "al di sotto" il competitor. Meglio dedicarsi alle lotte intestine per il potere in casa: baffetto, uolter, franceschiello ecc. Se e quando tornerà ad esserci una destra più pulita, allora cambierà la musica. Oppure guinzaglio corto e... nelle mani del premier. Vedi vecchie magagne di furbetti e baffetti, ampiamente ricattabili. Meglio convivere perdendo voti, che scontrarsi con il mefistofelico under 160cm con il rischio che i suoi po


... che i suoi potenti mezzi di disinformazione ti mettano le mutande in piazza. Non ha avuto pietà della donna che si è tenuto in casa 30 anni, figuriamoci. Forse se come dice Bah il PD scendesse a picco, tanto da temere al prossimo giro di fare il pelo allo sbarramento... magari capiscono che è il caso di darsi una mossa, e che c'è una parte d'italiani che tanto scema non è.


Oh ma guardate che io son d'accordo, figuratevi se altrimenti posterei qua certe cose se fossi un pidimenoelle. Detto questo, o si cestina il pidimenoelle, però poi a quel punto IDV dev'essere un partito da 30%, e al momento non lo sfiora nemmeno, o altrimenti bisogna procedere col risanamento. La fermezza nelle idee va bene, le posizioni ponderate e poi determinate vanno bene....però poi i conti bisogna farli lo stesso. La mia impressione è che queste discussioni, che devono scuotere i vertici (unitamente al calo dei consensi, che è la risposta più chiara ed efficace che si possa pensare), devono dare luogo ad un ricambio e ad un cambio di marcia laddove i consensi vengono meno. Come hai ben detto o non lo si capisce o non lo si vuol capire. Nel secondo caso le opzioni sono diverse. Ma il consenso no, rimane quello. A questo punto stiamo a vedere cosa succede, ecco cosa intendevo coi miei interventi, non volevo certo dire che avete torto nel merito della questione ;) Non sono molto d'accordo sull'iter che ci porta ai possibili responsi ;) Ciau



Mostra tutti i commenti


commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti