Commenti

commenti su voglioscendere

post: Milano, Alabama

da Vanity Fair, 13 maggio 2009 Probabile che Matteo Salvini , il leghista che chiede posti prioritari per i milanesi sul metrò , sappia nulla di Rosa Parks e della sua storia lucente. Rosa Parks era una donna nera di Montgomery, Alabama. Quando l’1 dicembre 1955 decise di sedersi in uno dei posti dell’autobus riservato ai bianchi, aveva 42 anni. Lavorava come sarta in un grande magazzino. Stava tornando a casa e aveva avuto una giornata dura. Rimase seduta per una manciata di fermate. Poi salirono dei bianchi. Il conducente le ordinò di alzarsi. E lei, che lo aveva fatto mille altre volte, rispettando la legge dell’Alabama che riservava ai negroes gli ultimi posti in fondo all’autobus, decise di disobbedire: “ Non mi alzo ”. Il conducente fermò l’autobus, chiamò due poliziotti ... continua



commenti

Gli ultimi 100 commenti / 
Mostra tutti i commenti


Wow, che articolo... Complimentoni, mi sono emozionato leggendolo.




# 116    commento di   galfra - utente certificato  lasciato il 17/5/2009 alle 14:31

Ma dell'Utri non è quello.... Il vero nodo da sciogliere è la proporzione tra il dare e l’avere. Tra il gettito fiscale prodotto dalla Sicilia e le spese pubbliche coperte dai trasferimenti dello stato ammonta a circa 13,3 miliardi, su un monte complessivo di 53 miliardi.Più che di un saldo passivo si tratta di un vero e proprio baratro: nessuna regione ha un bilancio così negativo..... La riforma federalista taglierebbe questi costi.... Una mafia destrutturata ma più invasiva e quasi invisibile blocca la razionale allocazione delle risorse statali ed europee. I soldi rischiano di finire alle imprese ed organizzazioni sbagliate. Invece di produrre sviluppo, occupazione e ricerca, aumenta il gap... Tornando alla strategia separatista portata avanti in tempi successivi da Totò Riina, il piano secessionista sarebbe stato messo a punto in alcuna riunioni operative svolte in Sicilia e Calabria... Le leghe meridionali in effetti nacquero ma non ebbero successo. Forse i tempi non erano maturi. Ma ci fu anche un cambio di strategia, i network criminali avrebbero deciso di riversare i loro consensi su un nuovo soggetto politico, secondo quanto affermano alcuni pentiti che testimoniarono contro Dell’Utri...


Grande grande questo pezzo di storia. Bellissimo che tu Marco ce lo abbia fatto ricordare. Grazie




Segnatevi questa data: 23 marzo 2008. Il 23 marzo 2008 Beppe Grillo pubblicava sul suo blog l'articolo "Robert Kennedy e il Pil" nel quale il comico genovese, ad esempio, si chiedeva: "Cos’è il PIL, il Prodotto Interno Lordo? Il misuratore della crescita della società? La trasformazione in denaro, un concetto astratto, della nostra salute, del nostro tempo, dell’ambiente? Nessuno ha mai calcolato il COSTO del PIL. I danni dei capannoni vuoti, delle merci inutili, dei camion che girano vuoti come insetti impazziti, della distruzione del pianeta. Nessuno ha mai stimato il valore del tempo perduto per le code, per gli anni sprecati a lavorare per produrre oggetti inutili. Per gli anni buttati per comprare oggetti inutili creati dalla pubblicità. Il tempo, la Terra, la vita, la famiglia (gli unici importanti) sono concetti troppo semplici per il PIL. Un mostro che divora il mondo. Lo mangia e lo accumula. Lo digerisce e lo trasforma in nulla. L’equazione PIL = ricchezza è un incantesimo." I grillini, ovviamente, si sintonizzarono subito sulla lunghezza d'onda del loro leader bello ma non belino. Si diffuse presto il coro: abbasso il Pil, che schifo il Pil, non vuol dir nulla il Pil. Segnatevi questa data: 15 maggio 2009. Il Corriere della Sera pubblica un articolo dal titolo "Pil -5,9% nei primi tre mesi su base annua" sottolineando: "Peggio di quanto preventivato dagli analisti. È il dato peggiore dal 1980, da quando l'Istat effettua le rilevazioni trimestrali." Ecco allora che nel giro di pochi giorni, il Pil torna a contare, prova provata dell'incapacità del governo di Mister B a salvarci da una miseria che è alle porte, è sempre più pressante, è sempre più minacciosa. Che il governo di Mister B stia rovinando gli italiani.. concordo in pieno, più nella testa e nel cuore (i danni sono lì incalcolabili e soprattutto irreversibili), direi, che nella pancia. Ma ai grillini dico: segnatevi questo


Che il governo di Mister B stia rovinando gli italiani.. concordo in pieno, più nella testa e nel cuore (i danni sono lì incalcolabili e soprattutto irreversibili), direi, che nella pancia. Ma ai grillini dico: segnatevi questo sito, old.demauroparavia.it. E' un dizionario online. Cercate la parola "COERENZA". Perchè non ci fate davvero bella figura.


Buongiorno a tutti, forse puo' interessare a qualcuno sapere che Rosa Parks non compì il suo famoso gesto in preda solo a un moto di insofferenza verso il razzismo. Copio e incollo da Wikypedia: "A partire dal 1943, Rosa Parks aderì al Movimento per i Diritti Civili americano e diventò segretaria della sezione di Montgomery della National Association for the Advancement of Colored People (NAACP). A metà del 1955 iniziò a frequentare un centro educativo per i diritti dei lavoratori e l'uguaglianza razziale, la Highlander Folk School." Veniva da un retroterra di azionismo. Non lo si dice mai ma era una donna che si dava da fare già prima, e collaborava con altri per cambiare per quel che era possibile la situazione. Lo scrivo solo perché anche io l'ho scoperto per caso e mi ha colpito molto, credo che per comprendere l'accaduto abbia una certa importanza. Scusate per la piccola intromissione. Saluti e complimenti per il vostro lavoro!
www.pupazzetti.splinder.com


# 122    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 17/5/2009 alle 15:14

x I BLOGGERS DI MILANO E DINTORNI: DE MAGISTRIS 20 MAGGIO MERCOLEDI ORE 21.00 CIRCOLO DELLA STAMPA Palazzo Serbelloni - Corso Venezia, 16 INCONTRO :INFORMAZIONE E DEMOCRAZIA DE MAGISTRIS VULPIO DI PIETRO MODERA :PARENZO ------------------------------------------------------- X I BLOGGERS DI ROMA E DINTORNI: TRANFAGLIA DOMENICA 24 MAGGIO ORE 17,30, presso la Libreria "Bibli", via dei Fienaroli 28, 00153 Roma-Trastevere verrà presentato il primo volume dal LIBRO DEI DEPORTATI, dal titolo I DEPORTATI POLITICI 1943-1945 BRUNELLO MANTELLI E NICOLA TRANFAGLIA direttori della ricerca GIOVANNA D'AMICO E GIOVANI VILLARI curatori del volume


# 123    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 17/5/2009 alle 15:24

x mother e mou latte di malga purissima entrambi, grazie del ricco nutrimento :-) x nimodeo 110 forse che forse il mezzo è dei soliti padroni che dicono a seconda delle volte ,proprio perche ne sono padroni, che è completamente libero oppure parruccone con diverse sfumature di censure, quindi se l'altra parte non padrona, sa di questo presupposto essenziale, dovrebbe sapere chi sa padroneggiare e spadroneggiare meglio il tutto a suo vantaggio, e quindi dovrebbe porsi definitivamente due scelte di fondo: 1 abbandonare completamente quel mezzo,con un gesto altrettanto spettacolare,forte e defintivo,lasciarlo completamente a tutti i fede e anche i diversamente mentana di turno a far finta di non essere padroni, quando in realtà lo sono (del mezzo o del ricatto sul mezzo), fino alla loro autodistruzione totale,perche si sà ed è da manuale che se lasci gli spettatori alla denutrizione immateriale,va a finire come in quella fisica,prima o poi cerchi il cibo da qualche altra parte visto che la realtà è bene diversa,anke solo per questione di pil ma anche di meno pilu per tutti, dal cantaballe di turno rispetto ai cantastoria; 2 oppure usare il mezzo solo per lo stretto necesssario,come de magistris e tranfaglia poco fà,mai più tetris o altre apparizioni del genre dove conviene lasciarli da soli con i loro castelli...usare il mezzo solo per quello stretto indispensabile ma non x farlo piu ristretto;x quel pochissimo spazio devi farlo respirare dell'aria piu fresca e pulita possibile anche ad anno zero,come blue notte o report, tanto per intenderci per esempio grillo da strasburgo su exit ,che esce ed entra dal campo immagine a cazzo suo piacimento sbraitante,è da evitare assolutamente, usarlo senza alcuna contaminazione nè nell'estremo salvini o borghezio , nè nell'altro estremo ,perchè nello spettacolo i due estremi si toccano, ma non si annullano, non si annullano a favore degli antisalvini,ma a favore dei salvini,sfavorendo tutti gli


# 124    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 17/5/2009 alle 15:26

sfavorendo tutti gli operai di prato del mondo o i ciro di pomigliano e del mondo ma anche delle badanti dell'universo e i de magistris o gli zipponi del cosmo, a vantaggio matematico di tutti i castelli per aria e per terra e per mare d'italia.


# 125    commento di   A. Paolo - utente certificato  lasciato il 17/5/2009 alle 15:46

L'Italia ricorda molto l'america degli anni '50 , che Grillo sia il nostro Martin Luther King? (perchè lotta per i diritti civili)
http://www.italiaincenere.blogspot.com/


Commovente, ma è disinformatja, bella e buona. Non si sa nemmeno distinguere tra proposta e provocazione. Normale che la sinistra stia colando a picco; che si tratti di provocazione, e non proposta, lo dice perfino un giornale "imprigionato nel suo livore antiberlusconiano" (Pansa) come "Repubblica": http://www.repubblica.it/2009/05/sezioni/cronaca/metro-riservata-milanesi/metro-riservata-milanesi/metro-riservata-milanesi.html Prenditi una vacanza, Corrias.


A.PAOLO 125 ti prego lascia stare i grandi personaggi ,meglio pensare che corre sull'onda di BILL GATE


# 128    commento di   A. Paolo - utente certificato  lasciato il 17/5/2009 alle 16:41

#127 matusa Cosa centra Grillo con un miliardario informatico? Se permetti Grillo è molto più simile a King, Gandhi, Mandela ecc... certo Grillo a modo suo sarò brusco e impetuoso ma non si può negare che stia lottando per i diritti civili in Italia.
http://www.italiaincenere.blogspot.com/


@111 luca P. perchè metà delle persone se ne sono andate?


sergio f., la Lega e da anni che gioca sull'equivoco facendo proposte irricevibili per compiacere una certa parte del suo elettorato salvo poi indossare a Roma (ladrona) i panni della forza di governo e parlare di provocazione. Comunque se ti piace la disinformatja apprezzerai senz'altro Pansa, che mentre parla di "livore antiberlusconiano" scrive su un giornale assolutamente moderato come Libero, difende Silvio mentre non lesina gli attacchi a Di Pietro (eppure al governo c'è il primo) e lamenta l'stracismo subito dal film tratto dal suo "Il Sangue dei vinti" mentre cerca di strappare lacrime ricordando come Mussolini imprigionato gli ricordava pinocchio portato viia dai due carabinieri.


GOSSIP TRA PRIVATO PUBBLICO E POLITICO Un nuovo elemento a sostegno della mia ipotesi: Anna Palumbo in Letizia dice a Times (è la frase centrale, evidenziata nei titoli dei giornali italiani che riportano l'intervista): "Mi auguro che Silvio Berlusconi possa fare per mia figlia ciò che non ha potuto fare per me." In mancanza delle risposte alle dieci domande di Repubblica (ripetute oggi, in bella mostra), io questa frase la leggo così: "Quella che papi Silvio non ha fatto me, sua figlia naturale, lo faccia ora nonno Silvio per la sua nipote naturale, mia figlia Noemi." Non ripeto più gli indizi già esposti. Ritirerò tutto se dovesse saltar fuori un'altra realtà.


A. PAOLO se ci credi te pace ma ti consiglio di fare una visita da uno specialista scomodare dei personaggi come i tuoi e veramente follia. poi ti ho detto che é sul l'onda meglio sulla strada di BILL ^perche non a mai fatto tanti soldi da quando é nata l'informatica le persone da te citate in particolare gandhi non credo che avevano un conto in banca bien fornito come GRILLO


# 130 nonrosso "livore antiberlusconiano" Ma quante volte devo ripetere che è come in fisica: ad ogni azione corrisponde una reazione di uguale forza. L'antiberlusconismo è l'inevitabile reazione al berlusconismo. Quai se non ci fosse la reazione! Vogliono sospendere, oltre alle leggi dello Stato, anche le leggi naturali! E contro il mal di pansa, una bella purga.




# 135    commento di   A. Paolo - utente certificato  lasciato il 17/5/2009 alle 17:22

# 132 matusa Come se essere ricchi fosse una colpa, questa è ideologia comunista Grillo è rico perche ha TALENTO (libri , spettacoli ) non perchè faccia azioni illegali, Non ho mai messo Grillo allo stesso livello di quei personaggi , ho detto che li ricorda , ne segue l'esempio sulla lotta dei diritti civili, la differenza è che quei personaggi appartengo ad un'era molto più dura. Se vivessero adesso in Italia sarebbero denigrati e isolati mediaticamente come avviane con Grillo ora, per fortuna adesso non si finisce in carcere per reato d'opinione o come la povera Rosa parks in carcere per un posto sull'autobus.
http://italiaincenere.blogspot.com




# 137    commento di   A. Paolo - utente certificato  lasciato il 17/5/2009 alle 17:32

#136 leiref > Negri? beh direi che hanno avuto effetto su dite le loro battaglie civili. ho già spiegato su #135 la differenza tra Grillo e King, Gandhi e Mandela...
http://www.italiaincenere.blogspot.com/




A PAOLO perche uno puo arrivare ad insultare qualcuno senza conoscerlo? perche il ricevente é punto sul vivo, oppure lo scrivente appartiene alla categoria dei pecoroni (cioé persone che vanno in gruppo guardate da un cane spinte avanti ciecamente) ma ti rendi conto che avanti l'idea del blog era un comico un poco contestatore che vivacchiava nei vari teatri di provincia tipi come lui e altri della politica se ne fregano i loro menager studiano programmi di come si possa ramazzare il piu possibile di grano . ma MAI DICO MAI!!! si espongono di persona l'ho gia detto parecchie volte sul blog, anche lui appartiene alla categoria di ARMIAMOCI E PARTITE


# 140    commento di   A. Paolo - utente certificato  lasciato il 17/5/2009 alle 17:52

#138 > Apparte il fatto che se la vuoi mettere in questo piano "razzistico" non vedo il doppio bianco/nero , ci sono i gialli , i rossi , gli olivastri (ispanici) Il concetto di Razza, Bianco/neo è un concetto Nazista... sarei curioso di conoscere il senso no dispreggiativo della parola negro. Immagino tu sia Italiano "ariano" , la parola negro è dispreggiativa se usata da una persona non nera, prova a dire in america Nigger a qualche Afromericano , dubito che ne sarà felice. Ti rimando a due links http://www.danieleluttazzi.it/node/389 http://www.youtube.com/watch?v=amjUNF_R_PY
http://www.italiaincenere.blogspot.com/


# 141    commento di   A. Paolo - utente certificato  lasciato il 17/5/2009 alle 18:0

#139 matusa Chi insulta ? e quando? Non vedo chi faccia parte del "ARMIAMOCI E PARTITE" visto che Grillo è sempre in prima linea nella sua battaglie, sai quante querele si becca Grillo per le sue battaglie? Io invece vedo molti intelletualli , giornalisti, comici ecc... che prendono miliardi perche fanno i paraculi sulle reti Mediaset e Rai. Le tue accuse di "ARMIAMOCI E PARTITE" e di uso strumentale delle sue battaglie per farsi gli show sono argomenti tipici dei Berluscones.
http://www.italiaincenere.blogspot.com/


# 142    commento di   A. Paolo - utente certificato  lasciato il 17/5/2009 alle 18:30

#142 hai ragione non ti capisco.... ti rimando a storie/battute migliori: http://www.danieleluttazzi.it
http://www.italiaincenere.blogspot.com/


DEDICATO A DELL'UTRI E A CHI LA PENSA COME LUI SU DUCE E FASCISMO "Italiani, brava gente"? Non la pensa così lo storico Angelo Del Boca che ripercorre la storia nazionale dall'unità a oggi e compone una sorta di "libro nero" degli italiani, denunciando gli episodi più gravi, in gran parte poco noti o volutamente e testardamente taciuti e rimossi. Si va dalle ingiustificate stragi compiute durante la cosiddetta "guerra al brigantaggio" alla costruzione in Eritrea di un odioso universo carcerario. Dai massacri compiuti in Cina nella campagna contro i boxer alle deportazioni e agli eccidi in Libia a partire dal 1911. Dai centomila prigionieri italiani lasciati morire di fame in Austria, durante la Grande Guerra, al genocidio del popolo cirenaico fino alle bonifiche etniche sperimentate nei Balcani.


ANCORA DEL BOCA Questo mito della diversità italiana è dunque il rimedio autoassolutorio, secondo Del Boca, che impedisce al nostro paese di fare i conti con la storia, con la memoria, con una coscienza nazionale monca. E’, dice lo storico, una passione che ha coinvolto le leadership e, da lì, sino all’ultimo protagonista della nostra storia recente. “Direi che sostanzialmente c’è un’assoluta linea di continuità tra la liberaldemocrazia, il fascismo e gli anni che hanno seguito la dittatura. Il mito resiste al di là dei governi. Certo durante un regime, diventa più facile propagandarlo perché non c’è controllo, non c’è opposizione, dibattito, non c’è stampa che possa contestare. Ma se si pensa all’avventura della Libia si comprende che la differenza non è poi molta. In questo non c’è molto di diverso tra Giolitti e Mussolini. Certo si potrebbe dire che la dittatura costruì una sorta di industrializzazione della barbarie il cui obiettivo in Africa era l’annientamento più che la conquista… Mussolini non dormiva la notte, tormentato com’era dallo spettro di Adua. Non voleva un bis. E allora il bravo italiano sganciò le bombe con i gas mortali di cui abbiamo avuto un’ammissione tardiva soltanto qualche anno fa”. Quella delle bombe all’iprite, su cui del Boca e altri storici avevano lavorato per anni, è diventata verità ufficiale solo negli anni Novanta. E ancora molti stentavano a credere che fosse potuto accadere.


#92 Peraltro Facci fa uno sbaglio clamoroso: l'articolo a cui si riferisce è di Peter Gomez edè presente proprio su questo blog. Lo dimostrano le parti dell'articolo riportate Da Facci. Che razza di coglione... http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=351416


Per tutti coloro che vengono in questo blog ad ingigantire la pagliuzza nell'cchio di qualcuno e non vedono o non vogliono assolutamente vedere il tronco nell'occhio di qualcun'altro proprio in merito alla questione immigrati o discriminazione raziale vadano a vedersi questo video sul loro imperatore e meditino pure a quanto coerenza ed equilibrio esprime questo personaggio. http://www.youtube.com/watch?v=R5q1NWOKYcs Notteeeeeeeeeeeeee!!!!




Complimenti Corrias, gran bell'aneddoto significativo ed educativo. Peccato che l'ultima mezza riga(l'incarico di Salvini nelle fila della Lega) ne abbia compromesso il pieno godimento! Un cordiale saluto.


Roland, l' "antiberlusconismo" non è la relazione al berlusconismo: l' antiberlusconismo è semplicemente il modo che Silvio e i suoi Pr hanno ideato per etichettare ed archiviare qualunque critica come preconcetto (abbinato alla sempreverde accusa di komunista rivolta a chiunque non riconosca la genialità dell'Unto): se il folgorato (sulla via di Damasco) Pansa (insieme ai colleghi di Libero e Panorama) provasse a consigliare al suo editore di evitare di parlare ed agire come un dittatore da operetta, forse si accorgerebbe che la mole di critiche diminuirebbe notevolmente.


ciò dimostra quanto la lega sia un partito retrogrado, ciò che gli americani hanno abolito negli anni '50 qui in Italia lo si vuole ripristinare nel 2009, che geniacci


hai voglia a metterci rum o strunz non diventa mai babà


Solo per i lettori del blog e solo per questa settimana saranno in offerta speciale alcuni miei best-seller: "Non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace" (Mondadori 2005) "Perché scegliamo questo piuttosto che quello?" (Mondadori 2006) "Arroganza e gentilezza" (Mondadori 2007) "Nervosismo e fastidio" (Mondadori 2007 "Le emozioni dell'uomo in carriera" (Mondadori 2008) "Pigrizia e noncuranza" (Mondadori 2008)


Possibile che mentre il mondo va avanti l'Italia deve sempre tornare indietro??? Italia Svegliati!!






Fatemi capire: perché a SB non viene tolta d'ufficio la Mondadori, scippata con l'inganno come è stato accertato da una sentenza definitiva?


Per lo stesso motivo per cui si tollera ancora che un tipo come SB possa fare il premier.


Complimenti per il pezzo assolutamente incisivo. E' sorprendente che a distanza di oltre cinquanta anni dai fatti descritti e dopo le conquiste in fatto di diritti civili ci siano ancora persone che non si sentano dei miserabili a proporre soluzioni di questo genere.




___ Potete fare tutti i giornali che volete, ma se già in queste elezioni non si taglierà il nefasto cordone oblicale con l'InUtIlE, non mi avrete fra i vostri sostenitori_____+ + www.scassaminchia.it ---------- Nooooo, questo nooooo, cosi' non possono sopportarlo, e' capace che si suicidano. Nientemeno scassaminchia.it non sara' tra i loro sostenitori. Se non tagliano il nefasto cordone ombelicale con l'Inutile. E sia. Tagliate il nefasto cordone ombelicale con l'inutilissimo scassaminchia.it. Ecco, adesso e' contento.


Un bellissimo post scritto da Corrias e mi auguro che Matteo Salvini possa leggerlo per poter riflettere e tornare ad essere una persona civile.


Un bellissimo post scritto da Corrias e mi auguro che Matteo Salvini possa leggerlo per poter riflettere e tornare ad essere una persona civile. ----------- Se, figurati. Matteo Salvini, per tornare una persona civile, dovrebbe esserlo stato in qualche momento precedente della sua inutilissima anzi dannosa vita vegetativa. Pensateci un momento. I legaioli parlano di razze inferiori e segregazioni: ma come mai? Perche' le razze inferiori le conoscono meglio di chiunque altro, e pure le segregazioni. Infatti i legaioli sono una razza inferiore segregata dalle persone civili. E quindi perfettamente a loro agio nel Popolo di Letame, come un topo nella fogna.


Legaioli Cavernicoli.... SEI UN GRANDE!!!!!


Solo una manciata di parole, dopo aver letto il suo articolo: grazie per averci ricordato che c'è chi ha combattuto per la libertà di tutti noi. Cje ci sia di monito.


Articolo stupendo IMMENSO PINO CORRIAS !!


>Grande grande questo pezzo di storia. Bellissimo che tu Marco ce lo abbia fatto ricordare. Grazie Peccato che non fosse Travaglio. Era Corrias. Sbaglio che vedo fare molte volte. Ragazzi, non è difficile: guardate prima dell'articolo, c'è il nome di chi lo firma. ;) Roland >Ma quante volte devo ripetere che è come in fisica: ad ogni azione corrisponde una reazione di uguale forza. L'antiberlusconismo è l'inevitabile reazione al berlusconismo. Quai se non ci fosse la reazione! Vogliono sospendere, oltre alle leggi dello Stato, anche le leggi naturali! Posso applaudire con Ola solitaria?


A. Paolo con la bella foto dell'aquila reale. Posso aggiungere una cosa anche sei già stato saccagnato? Grillo come Gandhi, MLK e Mandela? Guarda, non è per i soldi, è proprio per la lotta, che era talmente diversa che mi sembra inutile ripetere cose già scritte- sulla prigione, le botte, altre conseguenze... sorvolo. Inoltre, nessuno dei tre che citi ha mai abbracciato qualunquismo e populismo mandando tutti rigorosamente a fanculo indistintamente. C'erano semmai religiosità e filosofia e MLK, per citarne uno, mai avrebbe detto che i bianchi erano una massa di dementi. Non è solo questione di stile, non fraintendermi, ma di sostanza di pensiero e, sbarre o no, non basta lottare per i diritti civili per essere paragonabili ai grandi, con tutte le pecche che potevano avere anche loro (precisazione perché detesto le mitizzazioni). Sarebbe opportuno andare cauti con i paragoni, direi. Non pensare che auguri a Grillo di finire dietro le sbarre numerose volte o che gli brucino la casa come successe a King, sia chiaro. Poi: scrivi 'la povera Rosa Parks'. Come ricorda Alessandro, la Parks non fece quel gesto perché le girò all'improvviso, ma era conscia e 'guidata' da un movimento. La NAACP, tra l'altro, per chi non seguisse a fondo la storia e la realtà americana, esiste ancora adesso perché certe lotte, ovvio, non sono finite nel '64. Tutto meno che 'povera' per una persona che ha scelto il rischio e tutto ciò che venne dopo per una lotta epocale. I religiosi direbbero che era grande di spirito, io parlo di due palle così (mi scuseranno le femministe per l'espressione maschilista, ma non trovo espressione che renda l'idea in ugual modo ;)). Ciao


>la storia e la realtà americana americane, intendevo.




Angel riguardo il tuo articolo sulla censura ad internet sembrerebbe che per adesso la rete è salva leggendo questo link: http://punto-informatico.it/2611754/PI/Brevi/rete-ha-vinto-resta-libera.aspx "La libertà dei cittadini italiani di usare la Rete per informare ed informarsi così come loro garantito dalla Carta fondamentale dei diritti dell'uomo e del cittadino prima e dalla Costituzione poi è salva... almeno per il momento." in ogni caso non abbassiamo la guardia mai...


Il mio commento è una poesia di uno scrittore, Benjamin Zephaniah, nato a Birmingham ma cresciuto in Giamaica e successivamente tornato in Inghilterra. La poesia si intitola "Walking Black Home": That day waz A bad day, I walk for Many miles, Unlike me, I did not Return any Smiles. Tired, Weak And Hungry, But I Would not Turn Back, Sometimes it's hard To get a taxi When you're Black.


Noi italiani siamo così buoni. Siamo sempre pronti a riconoscere i diritti degli altri. Siamo così umani. Da quante generazioni la signora Rosa Parks viveva in a America? Forse ci era nata? Ne conosceva la lingua e le leggi e sicuramente le rispettava. Possiamo dire che era americana? Prima di regalare i diritti al prossimo (che non sempre li apprezza dovutamente), pensiamoci (ovviamente è già tardi). Io comunque proporrei la divisone delle coarrozze tra chi si lava e chi non si lava tra chi è civile e chi non lo è. Propongo un boicottaggio dei mezzi pubblici di tutte le persone civili. ciao


DATO CHE HO SBAGLIATO A DIGITARE IL MIO NOME IERI RIPROPONGO IL POST CHE HO SCRITTO. Per tutti coloro che vengono in questo blog ad ingigantire la pagliuzza nell'occhio di qualcuno e non vedono o non vogliono assolutamente vedere il tronco nell'occhio di qualcun'altro proprio in merito alla questione immigrati o discriminazione raziale vadano a vedersi questo video sul loro imperatore e meditino pure a quanta coerenza ed equilibrio esprime questo personaggio. http://www.youtube.com/watch?v=R5q1NWOKYcs Notteeeeeeeeeeeeee!!!!


# 174    commento di   ecates - utente certificato  lasciato il 18/5/2009 alle 9:23

Ci sono persone che si fanno sempre distingure per il loro scarsissimo Quoziente Intellettivo. Rosa Parks è solo una DONNA (tengo a precisare che era un ESSERE UMANO) che ha avuto il coraggio di dire di no scatenando così un bel putiferio,che è servito ad uno scopo ben preciso,oggi questo non sarebbe possibile,perché le persone,anche se riescoo a metter su una bella protesta non ottengono nulla,siamo in pochi a lottare per le situazioni che ci avviliscono... Che triste verità dovver ammettere che molti sono rimasti alla mentalità delle VECCHIE e INUTILI leggi razziali della seconda guerra mondiale,forse per farglielo capire dovremmo adottarle su di loro,non sanno che cosa significhi essere diversi,o essere disprezzati,umiliati,solo perché hai qualcosa di "diverso" dalla massa.


# 175    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 18/5/2009 alle 9:25

http://temi.repubblica.it/micromega-online/stampa-televisione-politica-e-giustizia-la-legalizzazione-dellillegalita/ di Alessandro Pace non mi sembra che questo sia il luogo e il momento per un approccio teorico al problema, ho pensato di limitarmi a leggere alcuni brani, tratti da un intervento parlamentare, da testi legislativi, da una sentenza della Corte costituzionale e da osservazioni di tre autorevoli studiosi del passato e di lasciare a voi il compito di trarne le conclusioni alla luce dell’attuale contesto politico. I tre grandi studiosi di cui riporterò il pensiero sono Benjamin Constant, Albert Venn Dicey e Gaetano Arangio-Ruiz, tutti e tre assai noti - il primo anche al grande pubblico, per il suo famosissimo «Discorso sulla libertà degli antichi paragonata a quella dei moderni» -, accomunati dalla circostanza di essere stati, tra l’altro, anche dei costituzionalisti. Lascio quindi a loro la parola.


# 176    commento di   fab1979 - utente certificato  lasciato il 18/5/2009 alle 9:37

Valori etici di cui la Lega si lava la bocca ma non sa che farsene, mostrando invece sempre più evidente il proprio lato xenofobo e razzista. Che purtoppo a motli italiani piace... Nel link il gruppo dei lettori di questo blog su FB, per conoscerci un pò meglio tra di noi ...
http://www.facebook.com/group.php?gid=54457140201


# 166 Federica Che bell'inizio di settimana la tua ola solitaria. Grazie.


Da Repubblica: (...) Proprio ieri l'edizione online del Times ha pubblicato una rettifica all'articolo-intervista alla madre della ragazza nel quale era scritto: "Spero che Berlusconi possa fare per mia figlia ciò che non ha potuto fare per me". Ora il quotidiano britannico afferma che quando la signora Letizia ha usato la frase "il signore" non faceva riferimento a Silvio Berlusconi ma a Dio. L'inviato del Times ha aggiunto di non aver parlato con la signora Letizia ma con il padre della ragazza. ------------------------------------------------------------------------------------------ Devo pertanto rettificare anch'io: il mio ultimo indizio crolla (ma non gli altri). Ma è una strana confusione quella tra Berlusconi e Dio.... Nelle teste dei Letizia o in quelle dei giornalisti del Times? Attendo la prossima contro-rettifica.


Però, a ben guardare, questa "rettifica" sembra una tipica smentite alla Berlusconi.


DA VEDERE ASSOLUTAMENTE. Davvero un grande e instancabile Beppe Grillo a Firenze per appoggiare la lista civica a 5 stelle di quella città, noi c'eravamo e vi facciamo omaggio della sua performance . I VIDEO SUL BLOG; http://informazionedalbasso.myblog.it/ Questo è fare informazione!


La 12.ma domanda è quindi: Anna Palumbo in Letizia ha detto signore(m.sing.) o effettivamente Signore?


a 149 caro mio: come Travaglio non può scrivere su giornali di destra, così pansa su quelli di sinistra. ti informo che ha collaborato a l'espresso, a repubblica, a il riformista. altro che. e l'antiberlusconismo? un trappolone. chi si riempie la bocca di insulti e risatine, una volta al governo non ci pensa nemmeno a fare leggi contro il conflitto d'interessi, o almeno a favore di europa7. se l'antiberlusconismo è la reazione isterica a berlusconi, con tanto di grida e graffi di gente che nemmeno sa guardare al proprio obbrobrioso passato (e Fassino liquida, con evidente imbecillità, Pansa definendolo "fascista"!), be', siamo nei guai.


E' chiaro che gli appartenenti alla lega siano dei poveri mentecatti, quello che avvilisce è che questo signore (matteo salvini!?) non venga cacciato a pedate e spernacchiato pubblicamente in seguito alla formulazione della sua brillante idea. Un dubbio comunque mi assale: ma il vero milanese come lo identifichiamo? Si sale in metrò carta d'identità alla mano? Ci si dovrà presentare muniti di panettone e cotoletta? Oppure superare l'inganno della "cadrega"?


# 184    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 18/5/2009 alle 11:0

Le Monde-16 maggio 2009 Rafat Adbelrahman, un egiziano di 36 anni, non otterrà la nazionalità italiana che sognava. È caduto sull’ultimo ostacolo di questo lungo percorso: non ha saputo leggere perfettamente davanti al sindaco del comune di Caravagio (Nord) il passaggio della Costituzione sulla quale doveva prestare giuramento. In altri tempi, il sindaco del comune appartenente alla Lega Nord nella regione sarebbe forse stato meno puntiglioso. Presentandosi sotto i propri colori nelle cinque circoscrizioni italiane, il partito populista e xenofobo fondato e diretto da Umberto Bossi, intende trarre il massimo profitto elettorale dalla sua intransigenza e dalla politica che ha saputo imporre a Silvio Berlusconi, di cui è alleato indocile e indispensabile.
http://italiadallestero.info/archives/5438


# 185    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 18/5/2009 alle 11:3

x a.paolo forse la cosa piu grave del berlusconismo era il berlusconismo fino a pochi anni fa ora però ,forse, non sono solo i berluscones, ma quelli che si dicono essere dall'altra parte, che quindi dovrebbero saper conoscere , riconoscere , misurare, ponderare ,ogni peso democratico che rende "il corpo" unito al suo pensiero,al suo vissuto ,alle sue azioni,e soprattutto unito ai vari colli e braccia..credibile fino in fondo ,tanto piu se diventa "popolare" e tanto piu unito se non si scolla da tutti gli altri ,dalle sue mani viste le cose intense e rivoluzionarie (tanto da scomodare addirittura gandhi p mandela o m.l.king) che il grillo parlante direbbe,ma con cui invece lentamente e inesorabilmente accumula incoerenze contraddizioni arrocamneti in torri d'avorio tanto uguali a quelle dello strapotere che contesterebbe facendone esplodere solo in teoria e per i soli pochi "seguaci", ogni sua contraddizione;f atto su fatto però ,in cui nulla si fa mancare, i suoi ridotti a fedeli, rischiano di confonderlo con chi non è,cioè miracolo ,come il salvatore silvio per i berluscones...perche grillo non fà come i cantastorie di una volta?perche nn raggiunge con i vari capitali che ha risparmiato,tutti quelli che chiama italiani e che la tv dei vari inciuci anestetizza? a ke cazz serve raccontarcela fra noi?quando le carrozze come le sue e tutti gli altri ,che sanno la verità e sanno raccontarla,si metterano in giro per l'italia "a gratis", per le periferie della mente a cui hanno ridotto i milioni,che nn saprebbero nemmeno di cosa stiamo parlando?a quando piu formazione capillare via via ,periferia su periferia abbandonata ai pifferai? E se non lui con i suoi amici popolari fra i suoi migliori contatti(su cui noi poveri sconosciuti nn possiamo incidere),chi dovrebbe , anzi, potrebbe farlo? Chi??????


158 # pasolinante, io credo che grillo faccia fin troppo. Nel senso che ha smosso una gran parte di teste, ha fatto capire a tanti che il "potere" non deve per forza essere chiuso nella stanza dei bottoni e rimanere incomprensibile ai piu'. Ha chiamato i politici "ns. dipendenti" , non dei privilegiati che tutto possono, ma gente che dovrebbe stare al ns. servizio. Io credo che non sia l'antipolitica ..ma sia la politica vera. quella fatta nelle strade tra la gente che pensa di poter fare qualcosa in prima persona. lui ci ha messo la faccia. per qualcuno ci ha guadagnato in immagine, per altri ci ha perso giocandosi la credibilita'. fatto sta che ci ha messo la sua faccia. Se ha tanti soldi..(come travaglio del resto) buon per lui, se sono soldi onesti guadagnati con un suo lavoro, talento , chiamalo come vuoi , e se ci paga le tasse. io non condivido ogni sua trovata, ma molte sì. io apprezzo , per ora il suo modo, c'e', segue e sprona a fare, ma non e' e non vuole essere il capo. Io lo vedo come uno che catalizza, coordina e esprime cio' che tanti non avrebbero avuto la forza o il coraggio di dire/fare. Poi ... -se entrasse in politica verrebbe criticato perche' "vedi era tutto premeditato..e' come gli altri!" - se non entra in politica (ma continua a informare e cercare di organizzare dal basso ecc..) viene criticato perche' " parla parla e non fa niente!" non credo che sia tutto..ma credo che sia tanto. e finche' non mi delude clamorosamente io lo sto a sentire , come sento Travaglio, Gomez..e tutti gli altri che mi danno una visione non "mediaset" della realta'. e poi perche', se ho capito bene, Grillo dovrebbe fare questo gratis e per esempio travaglio no?


Gentile Corrias, la ringrazio per questo suo prezioso messaggio. Il coraggio e la dignità di una sola Donna possono davvero smuovere le montagne. 381 giorni per dare fine ad atteggiamenti antirazziali durati secoli. Il tempo e la dignità dei discriminati agiranno anche su Matteo Salvini bloccato su un passato che ha il fetore della paura. Nikè Alata


che il partitto leghista sia xenofobo e razzista è cosi e sin dalla sua creazione si era definito nei suoi raduni e campagne elettorali, e non ci piove. pero e con il bon senso, a prescindere dlla appartenanza politica,ideologica,sociale........., di un sindaco o quelcun'altro che nega, ad un straniero,la cittadinanza per motivi che:" non sa leggere ne scrivere nella lingua a cui chiede di acquisire tale cittadinanza", penso che sia il minimo che un rappresentante del popolo o checchesia, possa fare,perche tali riquisiti fanno parte della integrazione dello straniero nel paese in cui ha scelto di ri-e/o fare la sua vita e costruire il suo futuro imparare a leggere e scrivere non ha limiti di eta.putroppo nel paese delle polemiche diventa sempre sgradito qualsiasi cosa o decisione che viene fata o presa non è mai quella giusta, ecco perche facciamo un passo avante e 2 indietro, a volte 3 passi.
bongobongo


# 189    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 18/5/2009 alle 11:43

e.e. dovrebbero infatti(come scritto sopra) farlo tutti insieme,non il solo grillo o il solo travaglio o pinco pallo celebre, i tempi e i temi delle diverse sensibilizzazioni per pochi hanno formato/informato quei pochi,ma è ora di passare alla fase due, non trovi? e si fà solo in parte dicendo qualle bollino papale blu e quale battesimo di questa o nn questaltra lista civica- fra un po' saranno passati 20 anni da quando il tutto doveva cambiare , invece il tutto è peggiorato,siamo solo un pugno di moschette bianche e se questo non siamo capaci di vederlo,è gravissimo per la giusta causa che ci unisce tutti. il valore che ha avuto e ha grillo,non l'ho messo in dubbio,ma paragonarlo a gandhi,è sinceramente imbarazzante,altro autogoal, e ci rende ridicoli piu dei parrucconi con cui ci bollano di rosso i ghedini di turno , perche è ora di prendere atto di altre e piu nobili consapevolezze verso i milioni che non sanno e che meglio sicuramente potrebbero esprimere anche a grillo come a tutti gli altri i veri valori nessuno mette in dubbio cio che è stato fatto finora, ma occorre autocritica e capacità di trasformare le proprie energie orientandosi a ciò che occorre per non ridurci a un'eterna battaglia persa;tale orientamento è l'avvinamento a chi dorme ancora e sono tanti ,svariati milioni quindi se occorre impegnarsi , chi piu chi meno a seconda elle proprie risorse, occorre farlo se la giusta causa era appunto giusta cioè vissuta tale per il numero maggiore di persone,altrimenti qui alla base saremmo a fare quanto ci è possibile senza pero spostare di una virgola i milioni che con le nostre forze e senso del dovere civico rimarranno dove sono,alla lega ,al pdl ,al corrotto ,al manipolatore di turno.


@188 a me sembra che ci sia nel nostro paese un elevato tasso di analfabetismo anche in chi è italiano e ha quindi la cittadinanza e in parte di chi ci governa almeno come analfabetismo etico e civile


Eravamo in piena emergenza rifiuti qui a Napoli. In quel fine settimana ci sarebbe stata la partita Milan - Napoli. Un certo Matteo Salvini organizzò una manifestazione di scherno e di derisione nei confronti dei napoletani: i leghisti distribuirono sacchetti della spazzatura fuori lo stadio Meazza in San Siro (la Scala del calcio); durante la partita alcuni milanesi li sventolarono nell'aria. Fu allora che capii chi era Matteo Salvini...Capii il valore di quell'essere vivente.


# 192    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 18/5/2009 alle 12:30

x leiref quando ti presero in giro,anche piu di una volta in questo luogo ,perchè non sapevi scrivere in italiano, stetti molto male, eppure potevo esserne indifferente o addirittura goderne sottolineando le tue incapacità ,prendendoti di mira per pura reazione a quanto avevi voluto continuamente fraintendermi, coalizzarti ogni volta con chi di volta in volta storpiava le mie parole già storpie di per sè per la famosa incomunicabilità che tutti ci avvolge e per prima però x la mia incapacità a trasmettere, non ho fatto tutto cio' ,perchè so che cio' che conta non sono quegli analfabetismi tecnici, ma quelli del rispetto delle regole,la dignità,la capacità intellettiva emotiva a farsi cittadini del mondo..voglio quindi dirti che quanto e come si sa leggere o scrivere tecnicamente non conta, l'unico criterio che dovrebbe distinguere qui in italia come in ogni luogo, è se tu lo abiti per distruggerlo o per costruirlo..cosa che in ogni lingua è uguale all'altra..e se qui in italia ci ritroviamo con tanto analfabetismo scolatisco ma anche di vita e di convivenza civile,è perchè i potenti hanno campato e campano anche qui sull'ignoranza,su quella stessa ignoranza su cui nessun complesso di superiorità è ammesso,visto che gli stessi che respingono hanno voluto deliberatamente,soprattutto qui in italia,renderli tutti ignoranti con una continua campagna di denutrizione di memoria,lingua,codici rubando ogni suono e costruendo il paese per renderlo invivibile e poi dire che lo rendono invivibile i soliti nemici che vengono da fuori e che nn sanno nemmeno leggere..leggere cosa poi?la costituzione o l'album di famiglia di silvio e missionari? ovviamente il secondo. ti saluto caramente ,non scherzo- rosanna




pasolinante La visione del paragone Grillo Gandhi, MLK, Mandela come un autogoal è giusta, non ci avevo pensato troppo presa a pensare alla loro storia e a quella di Grillo. Dovremmo evitarli davvero, questi autgoal... sull'ignoranza, umile consiglio: non dimenticare che non tutti gli ignoranti sono manipolati o vittime del disegno politico. Molti sono volutamente ignoranti, con lo sdegno per la cultura (possibile che abbia conosciuto solo io gente con quell'atteggiamento mentale?). Di quelli che, quando ricordi loro che il fascismo non era un campo di rose, ti dicono 'tu sei comunista, che vuoi sapere?'. Quelli che ti dicono 'in Italia è diverso' o che anche quando la TV dà quelle rare possibilità di approfondimento, prefersicono guardare il grande fratello. Quelle, molte mamme, che si lamentano a scuola perché c'è troppo da studiare.


Mi correggo: quelli del fascismo, ti dicono più spesso che hai studiato sui libri comunisti perché i comunisti hanno occupato la cultura in questo paese. Belinate così. Poi ti dicono che Mussolini aiutava gli Ebrei: sentita faccia a faccia. Quindi ti ricordano nell'ordine che i treni erano in orario, che la mafia non esisteva più, che gli aerei erano fighissimi e che si stava bene. Io continuo a pensare che con quelle teste non ci sia più lavoro da fare.




Poi, per carità, quod non fecerunt barbari, fecerunt Barberini, ma in questo caso non è un danno, anzi: anni ed anni a discutere con amica sulla pena di morte: sai quando ha cambiato idea (da sola, non grazie al mio intervento pluriennale)? Quando hanno mostrato le immagini di Saddam Hussein giustiziato (termine che mi fa già accapponare la pelle). C'è forse da pensare su questo.


E' proprio vero, nessuna conquista è mai definitiva. Fino ad oggi certi valori, come l'uguaglianza di tutti gli uomini indipendentemente dal colore della pelle o dal paese natale, fossero acquisiti e scontati. Invece da un giorno all'altro ci troviamo con un nuovo tentativo di Apartheid, come se le lotte e il sangue versato decenni fa in Sud Africa o negli USA non fossero mai esistiti. Come diceva Kundera LA LOTTA DELL'UOMO CONTRO IL POTERE E' LA LOTTA DELLA MEMORIA CONTRO L'OBLIO. Non dobbiamo mai dimenticare quello che è stato, e difendere giorno dopo giorno i diritti fondamentali dell'uomo, costantemente minacciati dagli istinti più bassi di certe bestie ignoranti e senza memoria.


# 199    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 18/5/2009 alle 14:5

x leiref ti ringrazio tanto di aver preso le mie parole di poco fà, comprese le divagazioni che se dovevo fare,avrei allora dovuto saper fare in quel "modo" che ti ha reso piu vicino l'intero contenuto nella seconda parte del del mio scritto.. ancora grazie e ciao :-) x federica capisco e mi immedesimo in tutto cio' che si impone alle tue evidenze,in parte sono anche le mie,nel nostro piccolo non riusciamo a smuovere le coscienze,non possiamo formarle , perchè noi siamo limitatissimi ed è giusto ciò che rilevi su tutte le fatiche che fai mentre l'altro ne rimane sordo o cieco..x risvegliarsi addirittura quando è proprio lo stesso carnefice a subire cio' che ha fatto subire ad altri..ma vedi Federica,io o te o altri come noi,sono singoli che nn possono cambiare le condizioni in cui tengono gli ignoranti analfabeti di spirito del mondo e di spirito civico ,democratico,di memoria e di cio' che fà veramente vitalità civile culturale ed economica di un posto un luogo una nazione un continente o il mondo..e la cosa che mi fà simpatizzare sempre e comunque per i milioni di ignoranti,è che questi sono considerati dai potenti come serbatoi di assenso e però mai considerati da quelli che pur sapendo di tutta quella laboriossima industria del "consenso", non fanno nulla per considerarli in modo collettivo,istituzionale,civile ,culturale come "campo" necessario di intervento per cambiare le cose..nel nostro paese ne abbiamo ormai tanti di veri e propri cantastorie delle diverse verità , ma se loro si organizzassero dal pd all'idv a ogni pensatore ,giornalista, anche comico, andando loro incontro l'ignoranza, questultima diminuirebbe..ci vogliono programmi seri ,innovativi ,strutturati che io ,te o altri non possiamo avere le risorse e le forze di elaborare e realizzare, enoi nel nostro piccolo allora potremo parteciparvi per aiutarli ma fino a quando nn si faranno interventi capillari scorrimabndando per l'italia con ogni carovana di verità come i cantastorie di


# 200    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 18/5/2009 alle 14:6

come i cantastorie di una volta,stanandoli da ogni periferia,rendendoci vicini all'ignoranza, non abbiamo il diritto di dire che vogliono vivere cosi addormentati,cosi papidipendenti,cosi evasori,cosi oppressi,cosi complici,cosi emuli di cio che passa il convento.Solo dopo aver investito trasformando il vuoto in cui sono stati lasciati,allora potrò dirmi che sono irrimediabilmente votati a un destino tragico di cui noi stiamo a soffrire da decenni. un caro saluto :-) ps garzie per aver colto quell'aspetto dell'autogoal :-)


ok....certo! E' giusto al giorno d'oggi non dovrebbe esserci il razzismo nè in occidente, nè in oriente (contro i cattolici ecc..)...però qui non si parla di razzismo...si parla di irregolari....gli irregolari non dovrebbero stare nel nostro paese, provate ad andare da irregolari in America, in Africa, in Asia.... vedrete se sarete accolti col il tappetino rosso o se vi manderanno via ....se mai riuscirete ad entrare s'intende!


# 184 pasolinante Chissà se Renzo Trota Bossi saprebbe leggere correttamente quel passaggio della Costituzione...


Pasolinante Certo... Investire, hai detto la parola giusta, investire. Tu sai quanto io creda che possa fare la scuola, ci credo fermamente, i "cantastorie" possono colmare altri vuoti. Ma tu sai che non tutti potranno smettere di essere perduti, perché non è possibile l'imposizione, dall'alto o dai simili che sia. Non mi arrogo il diritto di dire che vogliono restare addormentati, non è snobismo e te lo ripeto, è solo una cosa che ho notato sulla mia pelle. Si parlava di Rosa Parks e tutto il resto, bene, capirono presto che l'unico modo per cercare di combattere segregazione e razzismo era lavorare sulle giovani menti, prenderli da piccoli, come dico sempre io, ecco perché la scuola fu una delle prime cose che lottarono per desegregare. Non dirò nulla di nuovo: 'loro' sono più scaltri di noi e quei vuoti li riempiono, con circoli come specchietti per le allodole o con fascinosi gazebo in cui si lavora sulle paure delle persone e, nella migliore delle ipotesi, con oratori in cui si fa del bene, ma si educa a senso unico; e, inutile dirlo, con la tv. Sicuramente è ora che ci facciamo furbi: l'autogoal era proprio su questo, se la smettessimo di dare il fianco come i gladiatori che aspettavano la grazia dell'imperatore, faremmo un enorme passo avanti. Come ricordavi, sono già pronti a darci dei parrucconi (c'è un po' di invidia lì ;)), evitiamo di dar loro ulteriori motivi. Ciao anche a te, Rosanna :)


Ops, mi correggo prima che lo faccia tu: so che non è di imposizione che parli, ho sbagliato parola. Il mio concetto era quello di cui parlavo nell'esempio di prima. Scambio è parola più giusta. Ciao, scappo a lavurà..


Roland Sono contenta di averti illuminato un poco il lunedì con la ola, davvero sentita: hai scritto una cosa che ho già reso aforisma e che diffonderò come il Verbo, citandoti, ovvio. ;)




E dopo Berlusca con il Nobel Nonna Papera astronautaaaa...


# 208    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 18/5/2009 alle 16:1

bravo roland! e x giunta con tutti gli episodi di bossi ed i suoi , di sprezzo,anzi vilipendio, sulla bandiera..la costituzione ..insomma sono senza pudore! credibilità ,tutto tutto! però dicono agli altri se e come e quanto cittadini o non cittadini? e di conseguenza senza minimalissima cultura organizzata da parte chi avrebbe le sue chiavi ,succede che chi li ascolta e vede spadroneggiare su tutto cio' , non batte ciglio,assenso larvale costante permanentemente latente , perche ha le palpebre che fanno fatica ad aprirsi , perchè nessuno si è organizzato da umili a umili ad aprirgli gli occhi ma andiamooooooooooooooooooooooo! .-) un bacione sghedinante roland! :-) x federica ((( .............))) = abbraccio ipersconfinato! :-) ti faccio dedicare questa cosa da un tuo nostro amico.-) "La cultura è organizzazione, disciplina del proprio io interiore; è presa di possesso della propria personalità, e conquista di coscienza superiore, per la quale si riesce a comprendere il proprio valore storico, la propria funzione nella vita, i propri diritti, i propri doveri." A.Gramsci


Articolo stupendo... Perchè non andare a riferire il nostro sdegno sul sito ufficiale del Salvini? Ps MA non era Glenn Smiley?


Pasolinante Grazie, ricambio, e grazie per la perfetta citazione sulla cultura. Ciao ;)


L'articolo è molto bello, emozionante ed educativo (ah, quanto mi piacerebbe sapere se le nuove generazioni leggono queste cose...). Solo una piccola osservazione che esula quasi totalmente dal contesto: ma perchè tutti quanti, forse involontariamente, continuiamo a chiamare un partito che si chiama Lega Nord soltanto Lega, perchè nascondere la volontà secessionista di questo movimento, loro in fondo l'hanno manifestato subito il loro possibile operato, l'avevano già scritto inventandosi il nome. Forse è un' osservazione banale e c'è qualche passo che mi manca, ma lo spirito "poco aggregazionista" della Lega, ripeto: Nord, mi è sempre sembrato evidentissimo, sin da quando il Signor Umberto Bossi gridava in modo colorito a proposito dei suoi attributi...
http://rupert2k.blogspot.com




Splendido articolo! Pino Corrias lei è un genio.



Mostra tutti i commenti


commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti