Commenti

commenti su voglioscendere

post: Marco Travaglio risponde ad alcuni commenti del blog

Siccome alcuni sciocchini continuano a menarla col mio casellario giudiziale, insinuando addirittura che risalga al 2004, chiarisco per l'ultima volta che, se avessi condanne definitive per aver ecceduto nel criticare chi se lo merita, ne andrei orgoglioso e me le appunterei al petto come medaglie (giornalisti incommensurabilmente più bravi di me, come Montanelli e Cavallari, furono condannati per diffamazione, rispettivamente per aver dato del padrino a De Mita e del ladro a Craxi). Altra faccenda sarebbe se avessi condanne che affermano che ho mentito sapendo di mentire. Ma non ne ho nemmeno una, nè del primo tipo, nè del secondo. Il mio Casellario giudiziale, che ho esibito in televisione nell'ultima puntata di Annozero (ma gli sciocchini sono evidentemente miopi),è immacolato e risale ... continua



commenti

Gli ultimi 100 commenti / 
Mostra tutti i commenti


per plisv >Travaglio torna sull'argomento, perchè sceglie - giustamente - di rispondere ad alcuni commentatori del blog che mettono in dubbio la data di un documento che ha esibito ad Annozero. Non sceglie invece di rispondere ai ben più numerosi commentatori che scrivono "berlusconi puttaniere" o "non vedo l'ora di vederti a canicattì". Il discorso riguardava il fatto che tu tornavi sul discorso perchè ci tornava lui, dimentico che ci tornava non di certo per voler suo, in quanto ha già ampiamente risposto. >Non direi: confermo - come ho scritto più volte- che il tema non mi eccita, ma se rilevo qualcosa che non mi quadra in quello che Travaglio scrive delle sentenze sue e di altri, commento. Non ci vedo nessuna contraddizione. La contraddizione è nel momento in cui dici di non essere interessato e ne parli. Faresti meglio ad ammettere la tua smania a contraddire uno come Travaglio , a volte quasi osannato per ciò che fa ( osannare non è mai corretto ma stimare profondamente si) e quindi preda più appetibile , a tutti i livelli. E poi non è affatto un "argomento" scelto da Travaglio. Lui è apposto con la sua coscienza, credo sia la sua indole e il suo modo di lavorare che gli autoimpone il chiarimento di qualsiasi dubbio. >"Su questa vicenda credo che Marco sia semplicemente non molto informato e d’altra parte non è il genere di inchieste di cui è esperto. Credo che si sia un po’ limitato a ripetere quello che hanno scritto gli altri. Glie l’ho detto naturalmente che non ero d’accordo con il suo corsivo e in particolare che trovavo profondamente ingiusto associare l’investigazione della Mitrokhin che per altro è presa piuttosto sul serio all’estero, a quella di Telecom Serbia che era di tutt’altra natura. Quindi su questo punto io e Marco semplicemente non siamo d’accordo." Questo intervento di Sabina Guzzanti NULLA centra con ciò di cui parlavo io. Io parlavo della pochezza di persone che si "accaniscono" su a




ffari privati di un privato cittadino, quasi sempre tralasciando l'immensa spazzatura che si ricicla in ogni legislatura e la vergogna che ci portiamo dietro sempre nella politica nostrana. Non stavo discutendo del fatto che possano sfuggire giuste argomentazioni a Travaglio. Se la Guzzanti, che stimo altrettanto, ha ritenuto che Travaglio non fosse ben informato in questo ha tutte le ragioni di dirlo, ma in ogni caso la verità è da verificare. Per quanto riguarda la parte in cui Travaglio parla dei suoi stessi procedimenti, prima di tutto credo sia utile andare a scovare cosa viene detto in questi testi accusati di diffamazione. C'è una realtà , forte, c'è una satira, molto forte, molto tagliente che non risparmia di certo il destinatario. D'altronde, vado convinto che desti tale scalpore perchè la stampa non è più stampa, e di fronte ad un articolo forte, ma non di certo ai limiti della condanna per diffamazione , ci si scandalizzi e si gridi all'insulto e al linguaggio fuori luogo di Travaglio. Il discorso è che siamo abituati a servi della gleba che scrivono sotto ordine e usano artifici linguistici e retorici per discostarsi, nel possibile, dal nocciolo delle questioni. >"Non vedo perchè non glielo si possa dire. Basta argomentare. Travaglio ha pubblicato paro paro il memoriale di Tonino. Tu aggiungi "vedremo cosa diranno i magistrati". Non si è certo comportato così con altri. " Questo è falso. In ogni procedimento giudiziario in corso, Travaglio mai si è permesso di avanzare accuse ancor prima del verdetto finale. Attenzione! Diverso è il fatto che Travaglio parli ben volentieri di fatti già accaduti, nei quali esistono certezze inconfutabili e sulle quali lui basa le sue frasi. Quando dice che Schifani ha avuto rapporti con la Mafia, non lo dice per condanne, lo dice per dati di fatto sui quali si può e si deve opinare. >Opinione tua, che volendo potrei utilizzare per commentare quanto hai scritto.


P.s. voi chi? Intanto non credo di parlare tanto per parlare. Mi spiego. Credo che quelli che stanno qui ad aggrapparsi sugli specchi a trovare una via per continuare a screditare le poche figure in quanto a giornalismo politico e dintorni stiano compiendo un atto di ulteriore distruzione. Gli italiani sono sempre cosi. Di fronte a coloro che hanno davvero le sembianze di rivoluzionari a livello intellettuale e morale vengono sempre sminuiti come esaltati, come persone che omettono tutta la realtà, come persone che assolutizano il loro sapere quando mai è successa una cosa di questo tipo. Per il solo fatto che un giornalista utilizzi le armi a sua disposizione ( facendo bene il suo lavoro, nulla più) per criticare i politici, ora tutti coloro che sono contro di lui si affaticano a utilizzare il suo metodo ( da giornalista , né da politico , né da magistrato, né da frequentatore di bar) per


per accusarlo di affaracci suoi. Ma a quanto pare, non riesce.


Bha... Leggo gli articoli un po di tutti, per informarmi, sia chi mi piace, sia chi non mi piace (leggo anche Facci, il mechesciato, che a volte fa dei bei pezzi sulla necessità di uno stato laico). Per me i giornalisti possono essere anche serial killer, basta che poi non me li ritrovo in parlamento o al governo a farsi i lodi per non andare in galera o come premio per aver leccato il culo al potente di turno (che da vent'anni è sempre lo stesso).


@ danielaP Nei filmati che ci sono in rete neanche a me sembra 2004, perchè non si vede più nulla. Qui si intravede leggermente: www.youtube.com/watch?v=6hcRxsgijJQ, min 2:55. Se mi spiega qualcuno come si fa, faccio un file immagine della versione che ho scaricato,dove si vede meglio, e ve la mando per decidere. E dell'intervista a Borsellino che Marco ha ripubblicato tale e quale (anzi, quella dell'espresso)dopo che aveva sicuramente letto la sentenza Dell'Utri, che mi dici?


# 121    commento di   Justice - utente certificato  lasciato il 24/6/2009 alle 18:39

# 96 (suggerimento): quoto in pieno! e ripropongo il link http://voglioscendere.ilcannocchiale.it/?YY=2007&mm=9 #107 (bubba) “che Uomo!” , da sposare. “io ti immagino sempre al lavoro”, da sognare ad occhi aperti “Il tuo certificato è diventato il mio sfondo sul desktop”, i più feticisti “ la deliziosa vena sarcastica che percorre Bananas, dalla sua prima incarnazione in poi. Nè quel meraviglioso discorso dopo il premio per la libertà di stampa che ti è stato giustamente assegnato.” ,> su questo sono d'accordo (ed ho riso smodatamente) Giuditta


Ma ragazzi miei, se non vi sembra di leggere 2008, ma 2004 almeno guardate l'ora. Sono le 9 e 37 in tutti e due!


Ribadisco, se uno ha in mano un certificato del 2008 perchè deve martellarsi sulle balle esponendo alle telecamere uno del 2004? Ha perso il bene dell'intelletto! E' una disquisizione priva di senso quella che si sta facendo oppure si cerca di seminare il dubbio, magari qualcuno ci casca. Anche io sono andata a vedere il video dopo il post, ma non visto nulla nè 2004 nè 2008.


Credo che queste insistenze su presunte condanne a Marco Travaglio per diffamazione o altro visto che evidentemente non poggiano su fatti concreti siano solo il tentativo di screditare l'attendibilità e la verità delle informazioni che Travaglio diffonde come è giusto che sia perchè fa il suo mestiere e lo fa seriamente.Chi cerca di negarlo lo fa con piena coscienza di come stanno le cose perchè di certo dire la verità non è la sua priorità nella vita come invece lo sono gli interessi.Vorrei consigliare al sign. Travaglio di continuare fieramente a fare il proprio lavoro serenamente perchè la calunnia è inevitabile quando si dice il vero e si lavora secondo coscienza. E' sempre stato così e sarà così per sempre, basta non arendersi e andare avanti, non tutti si vendono, molti tra cui io crediamo nel vero giornalismo e per questo ti siamo grati;continua così e anche se un giorno caro Travaglio ti dovessero condannare per diffamazione, chi ti segue sà cmq quello che vali e quanto vale il tuo lavoro!Non arrenderti mai!


A bubba Ho qualche dubbio sul fatto che tu abbia votato Rifondazione ma cmq poco mi interessa! Per quanto riguarda il video ho visto che ha risposto già "Mercy"...quantomeno masochistico, e anche se avesse mostrato quello del 2004 ora ti ha dimostrato come stanno le cose...come sempre con i FATTI non con le parole! Sempre che il casellario del 2008 che ci ha fornito non sia stato sbianchettato...se fossi in te farei dei controlli...magari su youtube ne trovi uno originale del 2008 con qualche decina di condanne...non si può mai sapere...fidarsi è bene non fidarsi è meglio! Scusami se mi permetto di dire che il TIFO è altra cosa dall'applaudire ad Annozero perchè, finalmente, dopo settimane di palle raccontate dai Pidiellini, Marco Travaglio ha dimostrato che la sua fedina penale è pulita! Il TIFO è prendere le parti di qualcuno al di là che questa persona abbia ragione o meno, ma a priori! Ci sarà stato anche qualche tifoso tra quelle persone che l'hanno applaudito, che credono e sono d'accordo con lui qualunque cosa dica, ma in quel caso cosa dovevano fare?fischiarlo?Applaudire Ghedini?rimango perplesso! Facci personalmente non mi piace proprio perchè è un TIFOSO di Berlusconi(oltre che dipendente), lo difende e gli da ragione a priori, qualsiasi cosa faccia o dica!Anche perchè come potrebbe attaccarlo visto che scrive sul suo giornale! Facci come altri non sono o forse solamente non sembrano liberi di scrivere ciò che gli pare...Travaglio non dipende da nessuno, per questo mi piace e mi piacciono tutti quelli che scrivono ciò che vogliono perchè nessuno li ha comprati e a nessuno si sono venduti! Saluti


@Bubba Travagio non solo ha modificato con photoshop il certificato pubblicato, oscurato in maniera professionale tutti i video della puntata di annozero, ma ha anche apposto la marca da bollo telematica prima della sua introduzione avvenuta nel 2005. http://www.tuttoconsumatori.it/archivio/2005/05/addio_marca_da.shtml http://poliziadistato.it/articolo/602-Marche_da_bollo_dal_1_settembre_solo_telematiche Un vero genio del male. A questo punto nulla lo può fermare da diventare il prossimo presidente del consiglio.


gli sciocchini non hanno capio che le pulci devono essere fatte a chi ci governa e rappresenta, non ai giornalisti. Di loro non deve interessare altro che quello che scrivono, condivisibile o meno che sia. Punto


@ Marco 94 Veramente quella a cui ti riferisci è un'altra delle cause che ha avuto con Previti.. In realtà la prima è stata quella in cui Travaglio aveva messo Previti in un elenco dei ''futuri clienti di magistrature e tribunali'. E ha perso nonostante (secondo il mio modestissimo parere) avesse ragione: Previti in quel momento era indagato. Riguardo a quell'altra causa a cui ti riferisci: MT riportava le dichiarazioni di Riccio: è vero che Previti era presente ( “In quell’occasione, come in altre, presso lo studio dell’avv. Taormina era presente anche l’onorevole Previti” ) ma Travaglio si è dimenticato di scrivere la seconda parte dell'intervento di Riccio (''Il Previti però era convenuto per altri motivi, legati alla comune attività politica con il Taormina, e non era presente al momento dei discorsi inerenti la posizione giudiziaria di Dell’Utri.”). Un piccolo dettaglio insomma.


@97 elide - OT >Però se anche fosse vero (ed è tutto da provare) che Travaglio a volte omette qualche notizia, e se dichiara simpatia per i programmi di questo o quel >politico, cosa c’è di anormale? >le notizie che lui sceglie di tralasciare saranno comunque ampiamente amplificate, sviscerate e strumentalizzate(...) da una nutrita muta di sciacalli a comando. Accettalo perciò, > Montanelli - le mie tre regole (estratto): - I fatti vanno raccontati tutti; chi ne censura (omette, tralascia, nota mia) qualcuno è un disonesto che come tale prima o poi viene smascherato. - Sia chiaro che, quando si deve riferire su un fatto mentre accade, si può cadere in qualche inesattezza. Niente paura. Se, APPENA E NE ACCORGI, lo riconosci pubblicamente e ne chiedi scusa al lettore, questi ti perdona. - Terza regola, un po’ più ruffianesca. Nel resoconto di un avvenimento, non far sentire al lettore l’opinione che te ne sei fatto. Che te ne sia fatta qualcuna, è inevitabile; chi lo nega o è un imbecille o è un bugiardo. Ma non si può ne deve imporla al lettore; bisogna lasciargliela suggerire dai fatti secondo il modo in cui gli si raccontano. - Noi dobbiamo essere e restare al servizio del lettore, e in senso non astratto, ma concreto in quanto è lui che ci mantiene comprando i nostri giornali e libri. Ciò non vuol dire secondarne gli errori, o almeno quelli che a noi sembrano tali. Significa soltanto cercar di correggere l’errore SENZA MANCARE DI RISPETTO a chi lo commette. >Ma forse a te piacerebbe così. a me piacerebbe tutt'altro, come ho scritto più volte nel blog. > il punto non sono le tue spaccature di capello, che a volte trovo persino interessanti se rileggo il tuo commento #41, sembrano proprio il fulcro delle tue agomentzioni. > non sarebbe più onesto dichiarare sempre prima anche i punti che condividi? E che, a giudicare dai tuoi silenzi, non sono pochi?) quando ho inziato a commentare l'ho fatto. S


SEGUE quando ho inziato a commentare l'ho fatto. Sucessivamente, notando che il 99% dei commenti erano di condivisione, a tratti entusista, ho smesso di farlo. Ciò non significa che Previti sia il mio idolo. >Ma quello che proprio non capisco (e tanti con me) è come si possa avere un senso delle proporzioni così diverso nel giudicare che cosa è più grave o meno grave nelle azioni dei politici, e cosa ha >conseguenze più gravi o meno gravi sulla vita dei cittadini. Qui stiamo passando ai politici. Certo sono molto critco con Di pietro, che considero potenzialmente più pericoloso di b. quanto alle conseguenze sulla vita dei cittadini se dovesse un giorno Essere alla guida del paese. Non per questo, oltre a IDV, ho mai votato b. Ho ben altri modelli. Se intendi che dovrei scrivere di b.e compagnia nei miei commenti, ti rispondo che qui lo fa già il 99% dei commentatori. In altri contesti lo faccio. >che il casellario giudiziale, le condanne penali e civili, le sentenze, le indagini e i sospetti a carico di un giornalista non contano quasi nulla nel valutare le sue opinioni scritte Beh se la sentenza dovesse stabilire che un giornalista ha scritto il falso, direi proprio che conta. Quello che io proprio non capisco è perchè si debbano chiamare sciacalli quelli che secondo il tuo pensiero hanno il ruolo di riequilibratori. E ancor meno il fatto che che a Travaglio possa essere concesso di "tralasciare" notizie, tanto c'è qualche sciacallo a riequibrare, mentre tu (e tanti con te) critchi la mia facoltà di scegliere gli argomenti da trattare, come se qui mancassero i riequilibratori, che io chiamo "altri commentatori" (con questo di certo non sto cercando di paragonarmi a Travaglio). Saluti


Marco, premetto di non aver letto i messaggi a cui fai riferimento. La tua risposta e' giusta e doverosa, mi permetto solo di criticarne il tono. Per quanto possano esserci molte persone che "con dolo" decidano di scrivere messaggi del genere, non dobbiamo dimenticarci che la dis/informazione italiana ha fatto in modo che il messaggio "travaglio, ma da che pulpito" sia passato. Ipotizzando che almeno uno dei commenti sia stato scritto in buona fede, additare chi lo ha scritto di essere sciocchino non e' garbato. con immutata stima marco


@117 commento di franck Ripeto: voi chi? Poi rispondo (io, non "noi") su resto del tuo lungo commento.


OT–1/3 @plisv #129-130 È un peccato che tu non sia un berlusconiano Plisv. Saresti merce rara. Questo blog è pieno di gente che ha provato per anni ad argomentare con quei signori, sperando dimostrassero metà della tua lucidità e lealtà. Fatica sprecata. >> il punto non sono le tue spaccature di capello, che a volte trovo persino interessanti >se rileggo il tuo commento #41, sembrano proprio il fulcro delle tue agomentzioni. La mia domanda nel #41 era: Perché continui a spaccare il capello in 4, plisv? Quindi il fulcro del mio commento non sono i capelli che spacchi, e che ti invito a seguitare a spaccare con la solita impeccabile perizia. Il fulcro era la mia ingenua curiosità di capire perché lo fai, cosa ti spinge. (Quindi hai proprio capito male. Mi spiace). Dici che inizialmente eri più completo nell’argomentare le tue critiche agli articoli del blog e poi hai smesso perché ti imbarazzava l’entusiasmo che suscitavi. Eh, lo so. Succede anche ai cavalieri di casoria... Ma quello che fai ora non è molto costruttivo. L’effetto è solo di aumentare la confusione del lettore occasionale. E, per quanto io non ti conosca, direi che non è da te. È solo questo che vuoi? Seminare zizzania? Nessuno apprezza più di me la precisione nell’argomentare. Anche la tua. Ma ciò nasconde un rischio mostruoso: quello di perdere di vista il quadro generale nel quale s’inseriscono i rilievi mossi. Vedi, Marco Travaglio, a differenza di me e di te, è maestro nell’entrare in dettagli anche minimi senza mai far perdere al lettore la percezione di qual’è la posta in palio e quali le conseguenze generali. Per me, lui si ritrova appieno nelle 3 regole di Montanelli. Evidentemente non sarai d’accordo, ma sono opinioni personali. Aggiungo tra l’altro che mi ha un po’ stancato questa ossessione dei detrattori di Travaglio di contrapporlo, con tono paterno e severo, a qualsiasi frase Montanelli abbia mai detto nella sua lunga vita. Il legame


OT–2/3 @plisv #129-130 Il legame che unì questi 2 grandi giornalisti è nei libri di storia. Feltri fu il primo a provare a deformare il pensiero del maestro di Fucecchio contro Travaglio e si beccò la reazione piccata in diretta telefonica. Oggi non può più telefonare. Tirarlo in causa contro il suo allievo Travaglio è davvero di cattivo gusto. Se anche fossero vere tutte le omissioni e le imprecisioni che da anni Bordin (che seguo e stimo), tu e tanti altri segnalate, e se anche ce ne fossero altrettante che sfuggono persino al vostro certosino controllo, rimarrebbe in piedi secondo me un buon 99% e l’impianto generale. Tanto vale allora confrontarsi sull’impianto generale. Dunque, ammesso che voi abbiate ragione su tutto, cosa reputate più compromettente e indifendibile, anni di convivenza domestica con Mangano o qualche errore di valutazione su Ciuro? Lo stesso vale per gli sciacalli. Io li ho definiti riequilibratori per cercare un compromesso con te, ma se tu rilanci non ti seguo. Per me restano sciacalli. Quando il premierino scese in politica ho visto le sue tv trasformarsi in uno spot elettorale no stop, compresi Vianello e Bongiorno. E lui diceva: “sono spontanei, non sono io a imporglielo, io son liberale!” Io ridevo. Poi dopo le elezioni non ho più riso. E dopo le elezioni 2008 ho visto la stessa svolta anche in rai. Io questo lo chiamo sciacallaggio. Neanche "tralasciando" la notizia di una bomba atomica, Travaglio potrebbe bilanciare tutto questo. Come si possa avere un senso delle proporzioni così diverso, per me resta un mistero. Per gli oltre 6 miliardi di terrestri una montagna è grande e un topo è piccolo. Eppure Castelli si permette di inquisire e inveire contro redditi di G.A. Stella, Grillo e Santoro nel tripudio dei suoi acefali sostenitori. Dimenticando la differenza tra i guadagni ottenuti in base alle leggi di mercato e quelli erogati dallo stato a un servitore del popolo. Non riesco ad immaginare nulla di p


OT–3/3 @plisv #129-130 Non riesco ad immaginare nulla di più comunista delle critiche di Castelli ai giornalisti anti-casta campioni d’incasso. Eppure i comunisti restano gli altri. Allora Plisv, due sono le cose: o gli sciacalli sono Stella e Santoro, oppure sono tutti gli altri che si girano dall’altra parte. Tu per chi propendi? Per quanto riguarda Di Pietro, potrei risponderti con parole a te note: Travaglio “è libero di trattare i temi che gli garbano (anche se molto spesso” Plisv pre-“tende di volergli spiegare cosa dovrebbe scrivere). Ma liberi anche i commentatori di chiamare” sciacallo “chi gli pare e di critcare” quanto gli pare la facoltà di Plisv di scegliere gli argomenti. Almeno su questo blog e su Radio Radicale quella libertà esiste ancora. Se invece su gran parte dei media italiani sta scomparendo (buon ultimo il Corrierone! VVVV=vedi vicende Vauro e Vulpio), la colpa non mi sembra sia di Di Pietro. Ma forse mi sbaglio. Il discorso su Di Pietro è troppo lungo, e il suo partito troppo giovane, per sparare giudizi. Lasciami solo dire una cosa. Forse entrambi tu e io sottoscriveremmo questo grido: “Dove c’è strage di legalità, c’è strage di popolo” (spero apprezzerai almeno lo sforzo che faccio per sintonizzarmi sulle tue frequenze!) Solo che la strage di legalità è in crescita costante da decenni e ormai dilaga tra la gente comune come un valore condiviso. La strage di popolo è iniziata in sordina da qualche anno. Ma tu continui a preoccuparti del pericolo potenziale invece di quello (opposto) che è già realtà. Bella scelta! 800 anni fa un popolo lontano lottò perché i diritti fossero scritti e uguali per tutti. 60 anni fa una minoranza impose questa conquista anche agli italiani. Dopo decenni di disagio e conflitti, gli italiani hanno trovato il modo per liberarsene e tornare all’amato diritto ottriato. E qual’è la scusa: il pericolo del giustizialismo! Geniale! Per paura del comunismo tanti votarono Hitler e


OT–4/3 @plisv #129-130 Per paura del comunismo tanti votarono Hitler e Mussolini... in fondo è sempre solo una questione di senso delle proporzioni tra cosa è più grave e cosa meno... Ciao


OT–4/3 (ops...) @plisv #129-130 Per paura del comunismo tanti votarono Hitler e Mussolini... in fondo è sempre solo una questione di senso delle proporzioni tra cosa è più grave e cosa meno... Ciao.


Luisa 128 Plisv 130 Penso che questi attacchi a Marco Travaglio inerenti la sua fedina penale siano un tentativo di delegittimare quello che lui dice: se un giornalista viene accusato di aver detto una falsità e viene condannato allora è falso tutto ciò che dice. Ai sostenitori e ai lettori di Marco tutto questo non importa, anche se non bisognerebbe mai perdere il senso critico, altrimenti si sconfina nell'idolatria.Penso che questi sforzi siano rivolti a coloro che non lo seguono abitualmente: mi spiego, se una notizia crea molto eco e le persone iniziano a interessarsene e a porsi interrogativi, ecco che screditando chi la notizia l'ha data se ne mette in dubbio l'autenticità. Le critiche a Travaglio non sono per chi ha stima di lui, sono fatte perchè altre persone non possano averne. A chi chiede il certificato dei carichi pendenti rispondo che io ho letto la sentenza di condanna penale in primo grado di Travaglio per una querela di Previti (condanna della quale ha parlato lo stesso Travaglio diffusamente e apertamente su questo blog e sull'Unità a suo tempo) e POI sono andata a leggere l'articolo incriminato (si trova tutto su wikipedia): a me non sembra che abbia omesso chissà quale verità: Previti in quello studio dove erano di casa alcuni mafiosi, C'ERA. Dire o non dire cosa ci facesse dovrebbe essere una libertà di chi scrive. Resta il fatto POLITICAMENTE importante che uno che è stato sempre vicinissimo a Berlusconi, è stato parlamentare di questa Repubblica si è scelto come avvocato - con le migliaia che ci sono in Italia - uno nel cui studio erano di casa dei mafiosi. Mah...in America non potrebbe girare angolo senza trovarsi orde di giornalisti a chiedergli come mai avesse fatto una scelta così avventata, altro che fare una querela!


@138 simona @138 simona >Penso che questi attacchi a Marco Travaglio inerenti la sua fedina penale ... Naturalmente rispondo per me. Io non ho mai attaccato Travaglio per la sua fedina penale, perchè so bene -da ben prima che la sbandierase in pubblico- che non riporta nulla , come capita a chi non ha condanne penali passate in giudicato Ho casomai attaccato - o criticato anche aspramente se si preferisce- alcuni suoi commenti alle condanne civili e penali non passate in giudicato -sue e di altri- come anche alcuni -credo non richiesti- difensori che qualifico quantomeno maldestri. >se un giornalista viene accusato di aver detto una falsità e viene condannato allora è falso tutto ciò che dice; non solo mai l'ho scritto, ma neanche pensato: le mie critiche riguardano episodi specifici. A chi chiede il certificato dei carichi pendenti... Ti leggo con attenzione, ma ricorda che, per quanto ho scritto, nulla gli ho chiesto e nulla mi aspettavo dovesse esibire. Non mi pare neanche che chi, ultimamente, ha tenuto a ricordagli i suo procedimenti giudiziari ad annozero gli abbia chiesto di portare certificati. >rispondo che io ho letto la sentenza di condanna penale in primo grado di Travaglio per una querela di Previti... Ho letto tutto anch'io.


- SEGUE Di seguito un commento di otobre 2008: @287 Ciao "come al solito non siamo daccordo (...) la condanna a Travaglio e' quantomeno tirata per i capelli (...). Se è questo il motivo di disaccordo, sottolineo che al contrario di molti non ho espresso giudizi sulla condanna, che almeno aspetterei di leggere per intero assieme alle motivazioni. Ho invece commentato l'articolo di Travaglio e al 223 e 224 l'analisi "esclusivamente tecnico-giuridica" della condanna. "Tirata per i capelli" posso essere d'accordo, tanto più se si tratta di 8 mesi di galera. Come anche, se facci dice il vero, è tiratissima - per le meches se qualcuno preferisce- la condanna per gli stivaletti di lucibello. Questo non toglie che nell'articolo di travaglio l'omissione ci sia, secondo me di un certo rilievo oltre che inutile. Aggiungo che l'articolo mi sembra l'ennesimo esempio del metodo travaglio, un misto di notizie - che leggo con interesse- e purtroppo di omissioni, imprecisioni e incoerenze, per conoscere le quali mi rivolgo ad altre fonti. A mio parere la mania di citare per diffamazione è diventata insopportabile. Però non si può ritenere ingiusto che chi si sente diffamato agisca secondo quanto prevede la legge, anche se a volte il vero motivo è tappare la bocca o semplicemente ricevere denaro. Difficile uscirne. Alla prossima. "qualcuno altro (...) potrebbe pensare che tu consideri questa condanna al pari delle condanne di previti, dell'utri.


# 207 commento di plisv - lasciato il 18/10/2008 alle 1:32 @travaglio "vorrei dire qualcosa anch'io sulla sentenza (...) Anzi, non sulla sentenza, che non c'è ancora (verrà depositata tra 60 giorni) e che comunque, più che commentata, andrà appellata (...) Vorrei dire qualcosa su tutto ciò che l'ha accompagnata" Azz, 11 righe -vignetta compresa- per tentare di far capire di cosa ci vuole parlare. Montanelli -se avesse deciso di parlare di se'- non avrebbe sprecato più di mezza riga e sarebbe stato più chiaro. che sia il caso di fare una riflessione sulle tue critiche all'italiano di altri giornalisti?.


Difensori maldestri. - un esempio citato da altri a favore di Travaglio. http://www.difesadellinformazione.com/ultime_notizie/93/una-grossa-ingenuita-costa-a-travaglio-una-condanna-per-diffamazione/ @216 Se ridicolizza facci, lo fa per il sottotitolo dell'articolo "incriminato" Per il resto mi sembra che gli dia ragione: "l’omissione di fatti rilevanti condiziona il giudizio di legittimità, soprattutto quando la critica si innesta su una ricostruzione storica, come quella fatta da Travaglio nel suo articolo. E qui, a ben vedere, il fatto omesso (Previti non ha partecipato alla riunione) non si sarebbe limitato a sminuire il fatto riportato (Previti era presente alla riunione), ma lo avrebbe logicamente neutralizzato. Un’omissione, quindi, che si sostanzia in una violazione del requisito della verità." # 220 commento di plisv - lasciato il 18/10/2008 alle 2:38 -2 articolo dell'Avv. Antonello Tomanelli Posto la conclusione: "Un'ultima precisazione. E' probabile che Travaglio sia incorso nell'errore in buona fede. Nella frettolosa lettura degli atti, gli è sfuggita la seconda parte della dichiarazione, finendo così per collocare Previti non genericamente nello studio di Taormina, come intendeva Riccio, ma in quella losca riunione. A ben vedere, infatti, è difficile pensare che un giornalista come Travaglio, così maniacalmente ancorato alle fonti ufficiali, abbia volutamente omesso quella frase. Ma sicuramente non è questa la conclusione cui è giunto il tribunale di Roma. Per il giudice l’omissione di Travaglio è stata cosciente e volontaria, se nel suo comportamento ha rinvenuto il dolo della diffamazione." Mi pare si tratti di supposizioni oltre che di "analisi esclusivamente tecnico-giuridica": - probabile buona fede; - frettolosa lettura degli atti; - maniacalmente ancorato alle fonti ufficiali boh, io se definito così mi incazzerei.


@simona Mi risulta che negli States anche i giornalisti possano essere costretti a fare gli scatoloni in mezz'ora se non in formano correttamente. Ma qui penso non penso tanto a Travaglio, ma a Repubblica.


@Elide Ho invertito l'ordine delle risposte solo perchè attendevo indicazioni sul commento che mi citavi, in modo da rispondere - ed eventualmente scusarmi- anche di quello. A domani, ciao.


OT @ plisv #144 Capisco l’ora tarda e le tante domande a cui rispondere, ma non ci capisco nulla del commento che mi scrivi. Direi che hai risposto a Simona facendo un riassunto di due anni di capelli, tirati in alcune sentenze e poi da te egregiamente spaccati in 4. Ma non hai risposto a nessuna delle mie domande sull’impianto generale. Prevedi di rispondermi domani/oggi? Il commento che citavo non lo trovo, ma lo ricordo bene e te l’ho già riassunto esauriantemente (si trattava di 4 parole). Ripeto che non devi scusarti per essere stato OT. Casomai per dipingere costantemente (involontariamente?) una immagine in cui sembra che Travaglio e Di Pietro non dicano altro che bugie mentre il governo non mente mai. Ma se questa è la tua vera opinione non devi scusarti neanche di quello, va tutto bene così.


OT 2 @ plisv #144 (mi scuso se alcuni commenti si ripetono, ma ho dei problema con internet) Previti non è il tuo modello ma il metodo di Travaglio per denunciarne le malefatte per te è tutto sbagliato. Ok. Quale soluzione proponi allora per combattere il più grande conflitto d’interessi del mondo e la strage italiana di legalità e di popolo? 1. aspettare serenamente che Pannella raggiunga il 35% dei voti? 2. guardare tutti red tv e youdem sperando che arrivino a raccolgliere almeno il 35% del mercato pubblicitario? 3. avere fiducia in una improvvisa conversione mistica di truffolo alla legalità e alla giustizia in stile innominato manzoniano? 4. sollecitare lo sbarco a marsala e l’occupazione dell’italia da parte delle truppe della UE o di Obama? Nell’attesa di un tuo cortese riscontro, me ne sbatto allegramente di qualche impercettibile imprecisione o omissione di Marco Travaglio (che tu e altri fate bene a segnalare, ma fareste meglio a chiarire sempre anche da che parte state, come fa lui con onestà) e continuo a comprare in triplice copia tutti i suoi libri e dvd, a firmare i referendum di Grillo e a sostenere Di Pietro, incoraggiandolo ad essere più trasparente e coerente di un angelo. Poiché la trasparenza e coerenza di un uomo comune, mediamente onesto e magari con qualche piccolo sbaglio alle spalle, contro una macchina mediatica finanziata da metà del paese e programmata in base al pensiero unico, non può bastare. Forse questo lo sai anche te. Cordiali saluti.


@elide Infatti, ho risposto a Simona, non a te. Le ho dato precedenza in attesa di indicazioni sul tuo commentoche citavi fin dall'inizio, che non mi pare siano arrivate. L'ora tarda non è mai stata un problema, neanche il numero di domande, ma casomai il tempo. E questo è il caso. Ricomincerò dal capello. Saluti.


@elide previsione errata, ma risponderò, anche con domande. Buoni triplici acquisti intanto. Saluti


@ELIDE - OT Va bene, diamo per introvabile il commento a cui ti riferivi. >Quindi il fulcro del mio commento non sono i capelli che spacchi (..) era la mia ingenua curiosità di capire perché lo fai, cosa ti spinge.(Quindi hai proprio capito male. Mi spiace). Se io dico che a di pietro (perchè di Alitalia hai detto tuttoe il suo contrario?", secondo me il fulcro non è la mia curiosità, ma quanto ha detto Di Pietro. (trovato! http://voglioscendere.ilcannocchiale.it/allcomments/2031489 Se quando TPS diceva "Cento miliardi - ha spiegato il ministro - che se venissero pagati regolarmente "cambierebbero il volto dell'Italia" [...] Un sogno? No, ha assicurato Padoa-Schioppa. Anzi, un obiettivo possibile, raggiungibile, addirittura vicino. [...] "Un'Italia ad evasione zero - ha assicurato infatti il ministro - è possibile, è a portata di mano" gli dico: perchè racconti balle agli italiani, chè l'evasione zero non solo non è vicino ma oggettivamente impossibile da conseuire?" il fulcro non è la mia curiosità, ma le balle che racconta. Se dico a TPS "perchè non fai vedere agli italiani i dati sul sommerso disaggregati per regione, visto che ti abbiamo pagato per fare quel lavoro?" il fulcro è "caro, mostrali agli italiani", non l mia curiosità. Non ti pare? >È un peccato che tu non sia un berlusconiano Plisv. Saresti merce rara. Un po' è vero che chi vota b. fa un poì come i democristiani. Vero però che io negli anni ne ho trovati parecchi, e alle mie domande hanno per lo più risposto "scusa per chi altro dovrei votare?. Non è merce così' rara, forse lo è nel blog.


@ELIDE - OT -2 >Dici che inizialmente eri più completo nell’argomentare le tue critiche agli articoli del blog e poi hai smesso perché ti imbarazzava l’entusiasmo che suscitavi. Eh, lo so. Succede anche ai cavalieri di casoria... Temo che ci siamo capiti male, intendevo il contrario: ho smesso perche il 99% condivideva le idee di travaglio. "riequilibrava" le mie insomma. Mai parlato di imbarazzo. Succede anche ai trebbiatori del Molise se è per quello. >Ma quello che fai ora non è molto costruttivo. E' una tua opinione, io posso averla di Di Pietro e Travaglio. >L’effetto è solo di aumentare la confusione del lettore occasionale. Ho già scritto che non ritengo per questo di dovermi censurare. Il lettore occasionale - che può essere confuso anche per commenti non miei- può anche rimanere un po' e approfondire. Non trovi? >E, per quanto io non ti conosca, direi che non è da te. Proprio non ti seguo scusa. Non mi conosci e dici che non è da me? Puoi spiegarti meglio per favore? >È solo questo che vuoi? Seminare zizzania? No. Ad esempio il mio ultimo commento - ma non solo- era secondo me una notizia. >Ma ciò nasconde un rischio mostruoso: quello di perdere di vista il quadro generale nel quale s’inseriscono i rilievi mossi. Vedi, Marco Travaglio, a differenza di me e di te, è maestro nell’entrare in dettagli anche minimi senza mai far perdere al lettore la percezione di qual’è la posta in palio e quali le conseguenze generali. Secondo te si, secondo me a volte. ma non sono l'unico: Grasso di un suo libro dice "disinformazopme scientificamente organizzata". Cosa ne pensi? Non che è un mafioso spero. >Per me, lui si ritrova appieno nelle 3 regole di Montanelli. - Completezza, e lui omette. - correggere l’errore SENZA MANCARE DI RISPETTO a chi lo commette. E lui parla di sciocchini. Quanto all'ammettere l'errorepubblicamente APPENA E NE ACCORGI, mi mare che non ci siamo


@ELIDE - OT - 3 >Aggiungo tra l’altro che mi ha un po’ stancato questa ossessione dei detrattori di Travaglio di contrapporlo, con tono paterno e severo, a qualsiasi frase Montanelli abbia mai detto nella sua lunga vita. Quasi sempre è Travaglio a citare, dolente, Montanelli. Non mi pare sbagliato ommentare . Fra l'altro quando cita Montanelli su Di Pietro sceglie le sue opinioni del '96, quando invece - io l'ho faatto notare, avrebbe potuto citare il '97 (qui le spiegazioni, trovate! http://voglioscendere.ilcannocchiale.it/blogs/servizi/comments.aspx?id_blogdoc=2093963 commenti 14, 17 e 18) >Se anche fossero vere tutte le omissioni e le imprecisioni che da anni Bordin (che seguo e stimo), tu e tanti altri segnalate, e se anche ce ne fossero altrettante che sfuggono persino al vostro certosino controllo... Ho già scritto che non è ne continuo nè certosino. Ecco, forse, perchè sfuggono. > rimarrebbe in piedi secondo me un buon 99% e l’impianto generale. Secondo me no. >qualche errore di valutazione su Ciuro? Secondo me di ben altro si tratta. Sei proprio sicura che si tratti di errori di valutazione? E se anche fosse, doverlo sapere da D'avanzo e non da lui, che poi - come hai letto in precedenti commenti- minimizza, non lo porta fuori dalle regole di Montanelli? Se secondo te no, per cortesia mi argomenti perchè? >o stesso vale per gli sciacalli. Io li ho definiti riequilibratori per cercare un compromesso con te, ma se tu rilanci non ti seguo. Per me restano sciacalli. Fin da subito li hai definiti sciacalli. Ecco perchè te ne ho chiesto ragione.


@ELIDE - OT - 4 nessun rilancio quindi, solo una domanda. >Quando il premierino scese in politica ho visto le sue tv trasformarsi in uno spot elettorale ... Premierino: mi ricordi qualcuno. Ma torno al punto. Qui sono d'accordo. Anche se il TG5 non si è trasformaato nella buca delle lettere di craxi. Anzi, quando Mentana era in ferie, a tratti pareva la buca delle lettere di alcune procure. E non trascurerei la RAI: Lerner, Deaglio, Mineo scarenato, berlinguer, santoro, orlando, blob, persino minoli in cerca di rivergination. Spese folli per collaborazioni esterne - e al'usigrai quasi zitti- spesso di repubblica- espresso, La de Zulueta presentata come giornalista indipendente, giuristi infoiari e molto, molto altro, come ad esempio il corsera e il suo giornalismo dimezzato. Ecco, se acetti un consiglio, io comprerei 20 copie di "carte false" di pansa, se non sbaglio dell'86, quando non era accusato di scrivere romanzi fantasy. Li si parla di giornalista dimezzato e tanto altro. Attualissimo secondo me. Ecco, omettere quanto sopra non rende un buon servizio e potrebbe disorientare il lettore occasionale. >E dopo le elezioni 2008 ho visto la stessa svolta anche in rai. Io questo lo chiamo sciacallaggio. Neanche "tralasciando" la notizia di una bomba atomica, Travaglio potrebbe bilanciare tutto questo. d'accordo anche su questo, se metiamo anche anozero fra gli sciacalli che non rendono un buon servizio e ricordiamo chi ha infilato Lerner e Riotta al TG1. Ma prima c'è stato il 2001. Gran bella campagna elettorale in rai. devo ricordare i nomi? Tu cosa ne pensi di quella campagna? Fra l'altro la vera svolta della vergogna per mediaset secondo me è stata quando hanno messo rossella al tg5. > Come si possa avere un senso delle proporzioni così diverso, per me resta un mistero. per me resta un mistero la memoria selettiva di chi non vuole ricordare La rai, i moralisti miracolati di tang


- SEGUE i moralisti miracolati di tangentopoli , i trafficoni che fanno i moralisti, il trattamento che ha subito ad esempio Tabacci , ecc. ecc. Penso che non si possa che essere d'accordo: anche le cose e di corsa ricordate non sono certo topolini. >Non riesco ad immaginare nulla di più comunista delle critiche di Castelli... Non credo di dover rispondere per castelli. Più titolato è Travaglio, che la Lega se l'è votata. Ricordo anche che Travaglio ha dato in diretta TV del condannato a Castelli quando non lo era. Tu che ne pensi?


@ELIDE - OT - 5 Pensi sia giusto non ricordare come in rai hanno condotto certe campagne elettorali? O pensi che siano state di esemplare correttezza? Pensi sia giusto non sottolineare che Riotta è stato per 1 anno al TG1 ma non ce l'ha messo lì b., e non rammentare al letore occsionale chi ce l'ha messo? Pensi sia stato corretto lasciar passare la balla colossale che Stefano Folli è stato messo al corsera da b.? Credi necessario non ricordare ogni tanto che santoro è stato infilato in RAI dal PCI per fare propaganda, e che e fra le sue prodezze ci sia stata quella di dare miscofono e fiato a Orlando (toh, IDV) per dare del mafioso a Lombardo, senza prove e senza contraddittorio in diretta per chi ha immediatamente cercato di difenderlo? Ecc. ecc. ecc. Pensi veramente che questi siano topolini?


a questo link http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&p=30737#30737 un tale bubba asserisce Travaglio ha falsificato il certificato penale in combutta con santoro e chissà quanti altri. Dato che è un'accusa di falso in atto pubblico sarebbe utile che qualcuno lo segnalasse a Travaglio affinché possa difendersi Passi per le critiche ma queste sono diffamazioni anche gravi. Buonagiornata Dav


# 155 commento di davide Scusa davide ma la vicenda che citi è l'argomento di questo post. Ciao.


X ELIDE - OT continuo appena posso. nel frattempo penso che un po' di carne al fuoco ce ne sia. ciao.


Scusa davide ma la vicenda che citi è l'argomento di questo post. Ciao. ====== Si l'ho capito.Rimane il fatto che questo bubba da tempo continua a scrivere falsità su Travaglio.Certo non è una novità e Travaglio non è che possa stare dietro a questi personaggi. Ma questo bubba lo accusa di un falso in atto pubblico. Lui dice che qui ha chiesto scusa ma poi ha rincominciato pari pari su un'altro forum.Vdete voi io la mia parte penso di averla fatta


Hai ragione, hanno data successiva. Forse pensa che sia stato taroccato a posteriori. Ma pensare è diverso da avere le prove. Ciao


@plisv #148-154 OT1 Non ci siamo Plisv. Apprezzo la tua puntualità, ma non posso continuare a ripeterlo come un disco rotto se poi tu non rispondi alle mie domande sui massimi sistemi. Ho buttato là accenni impegnativi, nomi grossi. Non Castelli ovviamente, ma Hitler, Mussolini, Obama, Manzoni, ...Pannella. Ho citato il mercato pubblicitario, vicende di 800 e di 60 anni fa. Ti ho chiesto quale soluzione proponi. Credi che io abbia alzato tutto questo polverone per accontentarmi in cambio di due Lerner, un Mineo e una de Zulueta? Credi che mi lasci impressionare dal tuo fascinosissimo e misteriosissimo ‘Secondo me di ben altro si tratta’? >Se io dico a di pietro (...) il fulcro non è la mia curiosità, ma quanto ha detto Di Pietro. >Se (...) gli dico: perchè racconti balle agli italiani, il fulcro non è la mia curiosità, ma le balle che racconta. >Se dico a TPS (...) il fulcro è "caro, mostrali agli italiani", non l mia curiosità. Non ti pare? No, non mi pare. Quello che intendi tu quando chiedi perché, lo sai tu. Io quando chiedo perché intendo: ‘per quale motivo?’ Comunque questo tuo pezzo mi piace perché dimostra che quando vuoi sai anche interpretare e non ti limiti solo a registrare e riportare (micro-)notizie. Bene! E allora quando me la fai leggere una tua bella interpretazione generale sulla storia d’italia 2001-2009, con speciale attenzione per il ruolo non costruttivo recitato da Di Pietro e Travaglio (ipotesi: agenti di Bin Laden?) e sull’eroica impresa del PD+/-L di restituire uno scintillante nuovo totalitarismo alla noiosa europa di inizio millennio? E se vorrai accontentarmi, mi permetto addirittura di sperare che tu riesca anche a schiodarti dal tuo imparzialismo cronico, che a tratti mi ha fatto quasi paura nei tuoi ultimi commenti. E a me, che sono anticomunista da sempre, mi ha fatto venir voglia di prendere la tessera del PCI alla memoria...


@plisv #148-154 OT2 >Proprio non ti seguo scusa. Non mi conosci e dici che non è da me? Puoi spiegarti meglio per favore? Uff! Uno così dettagliato e ordinato non ce lo vedo a seminare caos. Ma era solo una battuta. Non te la prendere, su! >Pensi veramente che questi siano topolini? Si, Plisv. Si. Della tua carrellata di ricordi, tutti privi di contesto storico-politico e buttati lì come cianfrusaglie (vabbè dài, ti perdono), l’unica vicenda che mi sembra dia un senso a questa discussione e ci porti a uno dei suoi fulcri è la meravigliosa favola italiana del tg5. Creandolo e dirigendolo per anni, Enrico Mentana si è elevato a paradigma universale dell’espressione ‘Foglia Di Fico’, fino ad ampliarne le sfumature ironiche. Quando parli sarcasticamente di ‘buca delle lettere delle procure’ come se questo fosse una prova d’imparzialità (o addirittura di antiberlusconismo in casa di B.) mi viene da chiedere quanti anni hai. Devo davvero ricordarti io che cavalcare le procure era allora un modo per catturare voti (e così facendo il tg5 li sottraeva alla sinistra opzionandoli per sè e poi convogliandoli verso FI quando è nata)? Devo ricordarti che i futuri elettori forzisti che allora buttavano le monetine a craxi e andreotti e idolatravano il liberismo e il giustizialismo si ritrovano oggi a commuoversi per l’esilio di hamamet, a santificare la dc, a statalizzare banche e aziende e a bruciare tribunali senza neanche sapere come è avvenuto il cambiamento? La buca delle lettere di craxi... bah! Mi domando se sto perdendo tempo. Quando nel 2004 Mentana fu esonerato dal tg5, fu esilarante vedere coloro che per anni l’avevano accusato (giustamente) d’esser lo specchietto per le allodole della presunta liberalità di truffolo, tutti impegnati a sdoganarlo, piangerlo martire e gridare all’epurazione. Per ritrovarselo direttore editoriale di Mediaset solo 3 giorni dopo, nel ruolo di Foglia Di Fico al quadrato, fresca


@plisv #148-154 OT3 Per ritrovarselo direttore editoriale di Mediaset solo 3 giorni dopo, nel ruolo di Foglia Di Fico al quadrato, fresca sdoganata. Il ruolo di Foglia Di Fico, comunque, è stata solo la missione di terzo livello svolta per il capo Silvio, poiché comunque, dall’alto della sua fama di uomo imparziale di sinistra, il buon Mentana in primis incoraggiava l’astensione a sinistra e veicolava ogni tanto qualche messaggio chiave del padrone. Ma la sua funzione principale è stata, fino all’ultimo, quella di sopire gli allarmi per il golpe bianco del padrone seminando quoridianamente il messaggio soporifero del buonismo di destra (tipo La Russa) che tutto in fondo rientrasse nella normalità democratica. ‘Ma chi? Berlusconi dittatore? Suvvia, è un uomo come noi, non lo farebbe mai’ e dipingeva un quadretto in cui destra e sinistra, entrambi divisi al loro interno, entrambi un po’ corrotti, fossero in fondo due normalissimi partiti europei come gli altri. Quadretto col quale mi chiedo se tu concordi. Il finale è stato stupendo: Mentana, esonerato sul serio stavolta, cade dal pero e denuncia il comitato elettorale di Mediaset. Confalonieri gli chiede se non è un po’ tardi per accorgersene. Tanti si chiedono chi dei due fregava l’altro. Risposta: tutti e due fregavano la stessa vittima: gli italiani in buona fede (come te?) Insomma qual’è la morale della favola e il fulcro di questa discussione attorno al quale mi sembra che tu continui ad attorcigliarti a vuoto? È che tu confondi la lottizzazione e l’occupazione dello Stato da parte dei partiti, col più grosso conflitto d’interessi del mondo. La lottizzazione comprende parentopoli e anche tanti piccoli conflitti di interessi ma in ultima analisi è altra cosa perché i partiti sono fatti di tante persone, spesso in conflitto, e la politica è fatta per amministrare il pubblico. Che lo amministri occupandolo e spartendoselo è una grave devianza. Ma almeno nasce da un istinto fisiolo


@plisv #148-154 OT4 Ma almeno nasce da un istinto fisiologico e produce pluralismo. Persino troppo. Il conflittone d’interessi, viceversa, è concentrare tutto (poteri che spesso dovrebbero controllarsi a vicenda) nelle mani di UN SOLO UOMO. Quell’uomo può anche essere un santo immacolato (ed è proprio il nostro caso, che fortuna!), ma l’effetto è comunque devastante perché spinge istintivamente tutti ad appiattirsi sulle idee, sulle volontà e sulle bugie di quell’unico uomo sperando di guadagnarci qualcosa. Piaciuto il riassuntino? Perciò tutti gli esempi che fai sulle campagne elettorali scorrette della rai lottizzata furono solo i patetici tentativi di avviare i famosi anticorpi del sistema e magari approfittarne. L’unica domanda da farsi oggi in proposito secondo me è questa: ma a sinistra qualcuno si illudeva davvero che cavalcare la paura del conflitto d’interessi potesse rendere più forti del conflitto d’interessi stesso? Come una inesorabile macina tritura-dissenso esso ha incenerito ogni paura e ogni tentativo di approfittarne e di contenerlo e oggi coincide con lo Stato. E regala agli italiani l’unica vera soddisfazione che si sono conquistati col voto a destra: quella di tornare a casa la sera stanchi di un lavoro senza più regole e diritti, e trovare una tv che li consola dicendo che va tutto bene e che l’italia è forte, invece che litigi, dissensi, realtà. A proposito di berlusconiani, per anni ho sognato di ricevere la domanda che citi: ‘Ma scusa per chi altro dovevo votare?’ E di rispondere: “Read my lips: NO BERLUSC PLIS. Vota chi vuoi, i pensionati, i consumatori, gli indipendentisti sardi, anche la lega, ma non il nano e il suo partito-holding”. Tanta gente pensa che uno così ricco non ha motivi per rubare i soldi dello Stato (e confesso che per un mezzo secondo questo dubbio ha accarezzato persino me anni fa), ma il discorso va ribaltato: non sa fare altro! Non è colpa sua, è il suo modo di essere buono:


@plisv #148-154 OT5 Non è colpa sua, è il suo modo di essere buono: vede soldi e si chiede ‘perché sprecarli per asili e treni quando posso distribuire qualche appalto finto agli amici?’ Purtroppo quella domanda non me la rivolgono mai. Che dire? Non si fidano, la colpa sarà mia. >Non credo di dover rispondere per castelli. Più titolato è Travaglio, che la Lega se l'è votata. >Ricordo anche che Travaglio ha dato in diretta TV del condannato a Castelli quando non lo era. >Tu che ne pensi? Penso che questa tua sintesi sia meravigliosa, Plisv, degna di un mediocre imitatore di Travaglio (ma mossa da un progetto ben più squallido). In 2 righe riesci ad imputargli di aver votato Castelli e di averlo ingiustamente accusato. Sbaglia se vota a destra, sbaglia se vota a sinistra, sbaglia se lo dichiara, sbaglia se non lo dichiara, sbaglia se critica quelli che ha votato e sbaglia se non li critica (vedi Di Pietro), sbaglia se cambia idea e sbaglia se non lo fa, sbaglia se si difende e sbaglia se lascia correre. Senza offesa, Plisv, ma pensi davvero di essere Berlusconi che vuoi farci bere ogni tua bufala come fosse ambrosia? Efficace anche il tuo martellante ‘se l'è votato’ invece di ‘l’ha votato’. Ma la domanda di prima non vale anche per MT? Ha votato Lega. E poi IDV. Ma scusa per chi altro doveva votare? Vuoi decidere tu per chi vota lui? Vuoi stabilire tu cosa deve scrivere a seconda di cosa vota? rossella e belpietro s’offendono se si ricorda chi li PAGA e tu rinfacci a MT di continuo il suo libero voto? Bah! Io citavo l’episodio-Castelli solo per misurare il tasso di sciacallaggio del giornalismo italiano. La Casta di Stella e Rizzo è la montagna e tutto quello che hai citato tu finora sono topolini. Questo permette agli imparzialisti come te di ammorbare il blog dicendo che la montagna produce topolini. Senza accorgersi che la montagna cresce a vista d’occhio, genera frane, e ad ogni frana muo


@plisv #148-154 OT6 Senza accorgersi che la montagna cresce a vista d’occhio, genera frane, e ad ogni frana muore qualche livornese o qualche abruzzese. Insomma, mi hai convinto, Plisv! Da domani passo ad acquisti quadruplici di MT. Ciao


@ELIDE OT Rispondo per il tempo che ho, perdonami. Non ci siamo Plisv. Secondo me si, anche se OT eravama e OT siamo. Apprezzo la tua puntualità, ma non posso continuare a ripeterlo come un disco rotto se poi tu non rispondi alle mie domande sui massimi sistemi. Ho buttato là accenni impegnativi, nomi grossi. Avevo appena iniziato e seguivo il tuo percorso, non ero -ancora- arrivato ai nomi grossi che avevi buttato là. Aavrei proseguito. Nell'attesa di averne il tempo, ho posto anche numerose domande. Non retoriche. non ti limiti solo a registrare e riportare (micro-)notizie... Noto che riconosci che sono notizie. Uff! Uno così dettagliato e ordinato non ce lo vedo a seminare caos. Non te la prendere, su! Era, per l'appunto, una domanda. >Pensi veramente che questi siano topolini? Si, Plisv. Si. Io no. Quando parli sarcasticamente di ‘buca delle lettere delle procure’ come se questo fosse una prova d’imparzialità (o addirittura di antiberlusconismo in casa di B.) mi viene da chiedere quanti anni hai. Devo davvero ricordarti io che cavalcare le procure era allora un modo per catturare voti. Non mi riferisco ai primi anni '90, ma ai secondi. Quadretto col quale mi chiedo se tu concordi. In parte. Insomma qual’è la morale della favola e il fulcro di questa discussione attorno al quale mi sembra che tu continui ad attorcigliarti a vuoto? Ecco, sembra. E' una tua opinione. la leggo e non mi trovi d'accordo. nasce da un istinto fisiologico .... E'un problema: gli isrinti vanno tenuti a freno. Almeno da quando si è maggiorenni. A proposito di berlusconiani, per anni ho sognato di ricevere la domanda che citi: ‘Ma scusa per chi altro dovevo votare?’ infatti è strano che tu non ne abbia trovati. Ce ne sono. E non è questione di fidarsai o meno. Penso che questa tua sintesi sia meravigliosa, Plisv, degna di un mediocre imitatore di


enso che questa tua sintesi sia meravigliosa, Plisv, degna di un mediocre imitatore di Travaglio... Opinione tua, che non condivido per nulla. A dire il vero pensavo ti interessassero fatti e notizie, non opinioni, che come dice Brass... (ma mossa da un progetto ben più squallido). In 2 righe riesci ad imputargli di aver votato Castelli e di averlo ingiustamente accusato. nonm ha votato lega? Non ha detto che era stao condannato quando non lo era? Senza offesa, Plisv, ma pensi davvero di essere Berlusconi che vuoi farci bere ogni tua bufala come fosse ambrosia? Stai diventando sempre più inutilmente offensiiva. Ha votato Lega. E poi IDV. Ma scusa per chi altro doveva votare? Vuoi decidere tu per chi vota lui? No di certo. tu rinfacci a MT di continuo il suo libero voto? No, quando l'ho fatto? Ho detto che è più titolato. Di continuo? Forse ti confondi le opinioni (e le motizie) sul partito che vota. Vuoi stabilire tu cosa deve scrivere a seconda di cosa vota? rossella e belpietro s’offendono se si ricorda chi li PAGA e tu rinfacci a MT di continuo il suo libero voto? Bah! No. E anche lui è sempre stato pagato da qualcuno, b.compreso. Efficace anche il tuo martellante ‘se l'è votato’ invece di ‘l’ha votato’ Queste si sono montagne. La Casta di Stella e Rizzo è la montagna e tutto quello che hai citato tu finora sono topolini. Opinione tua. Non la condivido per nulla. La casta è uscito in un periodo sfortunello per il nostro uomo Prodi. E' stato uno dei fattori per cui è durato poco, anche se Più di quanto meritasse. Così la penso. Questo permette agli imparzialisti come te di ammorbare il blog dicendo che la montagna produce topolini. Decismente e inutilmente offensivo oltre che iperparzialista il tutto. E non hai risposto alle molte domande. E tante altre sono lì belle pronte. Perchè lo fai? Ma soprattutto, visto che non ci conosciamo , perchè mi chie


Ma soprattutto, visto che non ci conosciamo , perchè mi chiedi un'analisi sui massimi sistemi e una nterpretazione generale sulla storia d’italia 2001-2009,quando, se non altro per cortesia, farle starebbe prima a te ? Credi forse di averla fatta"(Ho buttato là accenni impegnativi, nomi grossi") ? Infine, come puoi trovare logico che se io cerco un nio commento ci metto al massimo 15 secondi e tu non ce la fai? Dici che ci hanno censurato? In attesa, saluti


@plisv OT1 >Stai diventando sempre più inutilmente offensiiva. >Decismente e inutilmente offensivo oltre che iperparzialista il tutto. Hai ragione. Volevo già correggermi prima ma hai risposto troppo presto. Nell’ultimo commento (OT5) ho scritto qualche parola un po’ forte e di troppo nei tuoi confronti. Mi spiace. Nulla di personale naturalmente. Ho già scritto che apprezzo la tua presenza qui, e non avevo nessuna intenzione di offendere, ma per la fretta mi sono scappati un mediocre, uno squallido e una bufala (e anche un paragone con Berlusconi, ma non so se per te è offensivo anche quello). Se riesci a comprendere che una cosa del genere può scappare involontariamente a me (nel qual caso ti ringrazio), allora forse puoi arrivare a comprendere che una parola sbagliata a volte può scappare anche a Travaglio (e non dico che ciò sia avvenuto). È un uomo. Mentre le tangenti, i miliardi, gli omicidi, i processi e le condanne, non sono cose che succedono involontariamente per via della fretta. >>La lottizzazione (...) almeno nasce da un istinto fisiologico e produce pluralismo. > E'un problema: gli isrinti vanno tenuti a freno. Almeno da quando si è maggiorenni. Appunto. Questa è in assoluto una delle cose che hai scritto con cui mi trovo più d’accordo. Penso fosse già chiaro. Questo lungo dibattito è forse la prima volta in cui esprimo opinioni sulla destra in questo blog, di solito scriv(ev)o del mio disgusto per PDS, DC e PD. In una società moderna poche cose sono peggio dello Stato lottizzato e occupato dai partiti. Una di queste è per me un conflittone d’interessi tra i 5 poteri principali (politico, giudiziario, economico, massmediatico e militare) che è organico alla stessa lottizzazione, la ingloba e se ne serve. Di peggio ancora cosa c’è? Forse solo la dittatura militare, ideologica, etnica o religiosa. No?


@plisv OT2 > perchè mi chiedi un'analisi sui massimi sistemi (...) se non altro per cortesia, farle starebbe prima a te ? >Credi forse di averla fatta? Come scrivevo, ho già fatto qualche impegnativo accenno a una mia simile analisi. Per il resto diciamo che coincide per un buon 80% con quella che si trova negli scritti di Travaglio. Voglio svelarti un dettaglio sentimentale. Spesso, leggendo i suoi scritti mi capita di pensare: “Anch’io pensavo esattamente la stessa cosa e aspettavo di leggerla da qualche parte da giorni (o anni, a seconda)”. E siamo in tanti a provare la stessa sensazione. Ma allora perché lo scrive quasi solo lui? È un genio del male capace di capire e dire esattamente quello che noi ammiratori estatici e piccoli fans vogliamo sentirci dire oppure è solo il più bravo/fortunato tra i pochissimi che hanno le palle per dire certe cose? In ogni caso l’eretico su questo blog sei tu. Io ho simpatia per gli eretici e per questo mi interessa quella analisi che ti chiedevo. Ma sta a te decidere se vuoi accontentarmi senza troppe suppliche oppure no. >Non mi riferisco ai primi anni '90, ma ai secondi. Che vengono subito dopo i primi. E, come scrivevo, il premierino non ha mai convocato un congresso per annunciare: “fino ad oggi craxi e andreotti ci facevano schifo, e il nostro modello era il liberismo e il giustizialismo, da domani invertiamo i fattori!” È stato invece un processo lento abilmente accompagnato anche da Mentana. >No. E anche lui (MT) è sempre stato pagato da qualcuno, b. compreso. Fantastico! Io infatti suggerivo Bin Laden. Tu che informazioni hai? Puoi chiarire meglio? Ha un senso questa frase oppure è solo buttata lì per offendere? Sappiamo tutti che MT non ha mai fatto per B. quello che fanno rossella, belpietro (e aggiungerei D’Addario), ma allora chi è che paga Travaglio per ricevere lo stesso trattamento che B. riceve dai suddetti? Perché altrimenti il tuo sarebbe un


@plisv OT3 Perché altrimenti il tuo sarebbe un accostamento stupido e gratuito! >Nell'attesa di averne il tempo, ho posto anche numerose domande. Non retoriche. Ho cercato le tue domande a cui non ho ancora risposto. Ho trovato queste: 1 cosa penso di Grasso, 2 il mio antico commento di elogio a Travaglio con tua replica dipietristica, 3 dover sapere da D'avanzo che Travaglio potrebbe aver fatto degli errori di valutazione non lo porta fuori dalle regole di Montanelli? Le risposte mi sembrano superflue, ma visto che solleciti: 1 non penso bene da molto tempo. opinione personale. 2 A questa ti eri già risposto da solo come segue: >Va bene, diamo per introvabile il commento a cui ti riferivi Poi però continui a tornarci. Pensi di menarla a lungo o puoi accettare la mia parola e soprassedere? 3 MT ha dato la sua spiegazione e mi convince. Stimavo Montanelli e condivido le sue 3 regole ma non mi ci impiccherei. Vengono comunque calpestate ogni minuto che passa da gran parte del giornalismo italiano. Nell’ipotesi in cui MT avesse eccezionalmente e leggermente trasgredito a una regola, lo perdono. Purché lo faccia solo in caso di insindacabile necessità. Se ci sono altre domande, non esitare. Ma ricorda che non hai preso tanti complimenti per nulla, il professionista nei dettagli sei tu, non io. Io posso solo fare del mio meglio. Le mie domande inevase sono invece mezza tonnellata. Ti va di cominciare con quelle? L’analisi storica sui massimi sistemi mi interesserebbe, ma la lascio al tuo buon cuore e al tuo tempo. Buona notte


ELIDE OT >Stai diventando sempre più inutilmente offensiiva. >Decismente e inutilmente offensivo oltre che iperparzialista il tutto. >ma per la fretta mi sono scappati un mediocre, uno squallido e una bufala Se è èper questo, anche un "ammorbare il blog", " cianfrusaglie (vabbè dài, ti perdono)", e altre inutili facezie. Dificile pensare che ti siano scappate. Ma -come vedi- non mi sono certo nascosto in un cantuccio col dito in bocca a frignare. >Hai ragione. Volevo già correggermi prima ma hai risposto troppo presto. Come avresti voluto correggerti? Modificando il commento, chiedendo scusa, con un p.s? Però che strano. Prima mi chiedi se sono in grado di rispondere entro una tale data, poi dici che rispondo troppo presto. Veramente strano. Al contrario io non ho espresso alcuna fretta di leggerti, perchè si sa che si hanno impegni, voglia, scelte, preferenze, viaggi, trasferte ecc. ecc. ecc., che variano a seconda dei periodi. Se riesci a comprendere quanto ciò sia ovvio, buon per te. >(e anche un paragone con Berlusconi, ma non so se per te è offensivo anche quello). dovresti essere riuscita a comprendere anche quello. se non l'hai compreso, mal per te. >se riesci a comprendere che una cosa del genere può scappare involontariamente a me (nel qual caso ti ringrazio), allora forse puoi arrivare a comprendere che una parola sbagliata a volte può scappare anche a Travaglio (e non dico che ciò sia avvenuto). Riesco a comprendere la prima parte e accetto le scuse- se tali sono- , non la seconda. Perchè mai Citare Travaglio per poi negare che a lui capitino queste cose? Ancor meno comprendo che i miliardi possano "sono cose che succedono involontariamente per via della fretta." A me non risulta. Molto srano che risulti a te tanto da affermarlo in un commento he, ricordiamolo, è OT. >Di peggio ancora cosa c’è? Forse solo la dittatura militare, ideologica, etnica


ELIDE OT 2 >Di peggio ancora cosa c’è? Forse solo la dittatura militare, ideologica, etnica o religiosa. No? forse. ma non riguarda certo solo la destra. A sinistra abbiamo eseempi che rendono meglio l'idea, fra l'altro molto più attuali. Devo forse farti i nomi? >Come scrivevo, ho già fatto qualche impegnativo accenno a una mia simile analisi. Per il resto diciamo che coincide per un buon 80% con quella che si trova negli scritti di Travaglio. io preferisco se ti esprimi con parole tue, di lì la richiesta, non eaudita. Tanto più se che mi rimandi a Travaglio, io ho tutto il diritto di rimandarti a scritti di altri, così risparmio tempo per essere in linea con le scadenze che vuoi impormi. > ho già fatto qualche impegnativo accenno a una mia simile analisi. ti riferisci a quando hai scritto "(Ho buttato là accenni impegnativi, nomi grossi") ? Mi pare poco. Ah, la lottizzazione. Forse a qualcuno che esisteva prima di b., durante e sta tranquilla dopo. Cioè fra poco, dato che non diventerà presidente. >Ma sta a te decidere se vuoi accontentarmi senza troppe suppliche oppure no. Ho già risposto. Accontentami con parole tue, senza buttare lì. Poi farò - a meno di dover perdere tempo per replicare con la libertà che giudicherò adeguata ad altri gratuiti e inutili insulti- il mio. Se ne avrò tempo e voglia. E senza scadenze. Non mi riferisco ai primi anni '90, ma ai secondi. >Che vengono subito dopo i primi. Già, grazie. >E, come scrivevo, il premierino non ha mai convocato un congresso per annunciare: “fino ad oggi craxi e andreotti ci facevano schifo, e il nostro modello era il liberismo e il giustizialismo, da domani invertiamo i fattori!” È stato invece un processo lento abilmente accompagnato anche da Mentana. strano ti sfugga che il clima era cambiato. Ma non solo per responsabilità di b. Se vogliamo dal '93, quando il cccordinatore del pool voleva pas


ELIDE OT 3 No. E anche lui (MT) è sempre stato pagato da qualcuno, b. compreso. >Fantastico! Già, ti risulta diversamente? Ti risulta che non sapesse della sua iscrizione alla P2? Quanto a stipendi di mt e tariffe d'addario forse se più inrormata. Osama invece non mi risulta sia stato pagato da b. Semmai, da chi gli hafatto la proposta: noi ti diamo soldi, tu dstruggi i papaveri. Giurin giuretta? C'è bisogno che ti ricordi chi, in italia, era a favore di questa genialata di politica estera e chi contro? Perche se vuoi, fai un fischio e rispondo. >Le mie domande inevase sono invece mezza tonnellata.Ti va di cominciare con quelle? forse ti è sfuggita la risposta su chi deve cominciare: non ci si conosce, ergo le regole di cortesia impongono che con parole tue esponi le tue tonnellate, se possibile senza il malcelato nervosismo che conduce all'insulto. >Ho cercato le tue domande a cui non ho ancora risposto. Ho trovato queste ... CTRL +F e punto interrogativo. Ne trovi parecchie di più di più. Ma forse ritieni di aver risposto. Comunque altrettante sono pronte, qui da me. Ma non voglio metterti sotto pressione nè darti scadenze. Non si fa. >Stimavo Montanelli e condivido le sue 3 regole ma non mi ci impiccherei. Vengono comunque calpestate ogni minuto che passa da gran parte del giornalismo italiano. Nell’ipotesi in cui MT avesse eccezionalmente e leggermente trasgredito a una regola, lo perdono. Purché lo faccia solo in caso di insindacabile necessità. Cioè a dire che MT lo puo fare e tu lo perdoni. Non avevo dubbi >diamo per introvabile il commento a cui ti riferivi Ho rinunciato da giorni: prima ho chiesto il link, poi indicazioni per arrangiarmi da solo: nula di nulla neanche l'anno e il mese. per questo non ho potuto che riscontrare stranezze. Eppoi era per - eventualmente se del caso- chiedere scusa se ero stato troppo brusco.


ELIDE OT Mi sa che si è persa qualche parola fra OT 2 e OT 3 . Le mie scuse. >E, come scrivevo, il premierino non ha mai convocato un congresso per annunciare: “fino ad oggi craxi e andreotti ci facevano schifo, e il nostro modello era il liberismo e il giustizialismo, da domani invertiamo i fattori!” È stato invece un processo lento abilmente accompagnato anche da Mentana. strano ti sfugga che il clima era cambiato. Ma non solo per responsabilità di b. Se vogliamo dal '93, quando il cccordinatore del pool voleva passare all'incasso elettorale. Se preferisci quando alcune interessanti intercettazioni (de benedetti % passera per dirne una) notizie sul suo passato di arrivista frequentatore e scroccone di craxiani una certa qual foschia in relazione al piemmone duro, puro, onesto e imparziale, tanto ga inguaiarlo non poco. E senza contare Pacini, Lucibello e i suoi clienti. E non b. ma Biagi e M0ontanelli, hanno espresso non pochi dubbi sul soggettone. Ecco come può cambiare il clima. No. E anche lui (MT) è sempre stato pagato da qualcuno, b. compreso. >Fantastico! Già, ti risulta diversamente? Ti risulta che non sapesse della sua iscrizione alla P2? Quanto a stipendi di mt e tariffe d'addario forse se più inrormata. Per gli OT, nuovamente suse a tutti.


scuse anche per gli errori di battitura. Ma qui c'è gente che dà le scadenze, mica si scherza. Anche se si è straOT.


@plisv OT1 Un po’ mi aspettavo che sarebbe finita così, ma confesso anche un po’ di delusione. Chi critica la volgarità berusconiana scade ben presto a sua volta nell’offensività (ahimè io) e chi critica i magistrati inquirenti che passano all’incasso, finisce ben presto a fare l’inquisitore e a celebrare i processi alle intenzioni. Lasciami dire che tutto questo è ancora uno spasso, ma quando non lo è più si è liberi di salutare e andarsene. >Se è per questo anche un "cianfrusaglie (vabbè dài, ti perdono)" e altre inutili facezie >io preferisco se ti esprimi con parole tue, di lì la richiesta, non eaudita >Accontentami con parole tue, senza buttare lì. Poi farò il mio. Se ne avrò tempo e voglia >forse ti è sfuggita la risposta su chi deve cominciare: (...)con parole tue esponi le tue tonnellate >il malcelato nervosismo che conduce all'insulto Cianfrusaglie. Non è un’offesa. Allusioni, ammiccamenti, battutine, ricordi sparsi e i celeberrimi capelli spaccati. Già. Sono 10 giorni che continuo a farti un’unica domanda e questo è tutto quello che ottengo. Conseguentemente ammetto un po’ di malcelato nervosismo. Queste tue ultime frasi mi sembra chiudano il cerchio aperto con la mia prima unica domanda: ‘Perché lo fai?’ Secondo te dovrei ancora continuare ad esporre le mie ragioni ‘con parole mie’. Ti ho esposto, secondo la mia ricostruzione iperparzialista, la vicenda delle tv mediaset durante la mitica scesa in campo, l’episodio dell’attacco del ministro Castelli agli unici giornalisti che si permettono di fare i conti a Roma Ladrona (nel 1994 li avrebbe iscritti tutti alla Lega di diritto), l’intera storia del tg5. Piccoli esempi. Proprio per aiutarti a esercitarti e sollevarti di un po’ della fatica di storico.


@plisv OT2 (segue) Avresti potuto semplicemente illustrare con la tua solita puntualità quali erano gli aspetti che non condividevi di quello che avevo scritto. Bastavano 2 righe per argomentarmi perché mi davi dell’iperparzialista, e mi avresti dato una grande lezione di politica e di vita. Invece giù allusioni, ammiccamenti, battutine, ricordi sparsi. E quel tono di superiorità da genio all’opera che secondo me è ben più offensivo di qualsiasi parola possa essermi sfuggita. Insomma, cianfrusaglie. Ora penso di aver confermato la mia risposta alla domanda iniziale: ‘Perché lo fai?’ Perché c’è sempre qualche sciocchino che ci casca. Unisce i puntini delle tue cianfrusaglie sparse e gli pare che venga fuori il volto di Travaglio con le corna di Belzebù. Io unisco i puntini da mesi, anni. E non viene fuori mai NULLA. Ma che vuoi farci, non ci arrivo. Me li merito Di Pietro e Berlusconi! >A sinistra abbiamo eseempi che rendono meglio l'idea, fra l'altro molto più attuali. Devo forse farti i nomi? No. In parte concordo >si hanno impegni, voglia, scelte, preferenze, viaggi, trasferte ecc., che >variano a seconda dei periodi. Se riesci a comprendere quanto ciò sia ovvio, buon per te. Comprendo e concordo. Buon per me >strano ti sfugga che il clima era cambiato Il clima? Questo mi pare un pur piccolo passo avanti. Finora non c’ero che io a parlare di clima >>diamo per introvabile il commento a cui ti riferivi >Ho rinunciato da giorni Hai rinunciato? Non l’avevo notato...


@plisv OT3 >Cioè a dire che MT lo puo fare e tu lo perdoni. Non avevo dubbi Io sì. Ce li ho sempre. Anche su MT. Ma questa conversazione con te mi aiuta a dissiparli. >Ti risulta che non sapesse della sua iscrizione alla P2? Solo una informazione: fino a che generazione dura tutto questo? Se uno ha un bisnonno che ha lavorato in Fininvest per 2 settimane, avrà diritto a criticare B. e la P2 oppure deve aspettare il Giubileo? Solo per averlo trovato, in italia, un lavoro da giornalista fuori dalla Fininvest mi pare si meriti il Pulitzer... (com’è che dicevo? un accostamento stupido e gratuito. Ecco) >Come avresti voluto correggerti? Modificando il commento, chiedendo scusa, con un p.s? Un post scriptum di rettifica, sì. Troppo prevedibile? Vorrei ciononostante far notare, Vostro Onore, che se davvero di offese si deve parlare, e offese indubbiamente pensate e poi sfuggite involontariamente, di esse va pur sempre apprezzata l’onestà. La stessa onestà che si ritrova nei numerosi complimenti e apprezzamenti profusi a piene mani. E che però non hanno evitato che il clima degenerasse.


@plisv OT4 >Prima mi chiedi se sono in grado di rispondere entro una tale data >per essere in linea con le scadenze che vuoi impormi. >E senza scadenze. >nè darti scadenze. Non si fa >Ma qui c'è gente che dà le scadenze, mica si scherza. Cadevo dalle nuvole leggendo queste parole. Mi vado a rileggere i messaggi precedenti e capisco da dove hai tirato fuori (secondo me in piena mala fede) questa storia: - il 27/6/2009 scrivo un lungo commento in 3 parti: #133-135 - il 29/6/2009 rispondi lungamente e un po’ confusamente (#139-143) a Simona #138 - e poi mi scrivi quanto segue nel # 144: >Ho invertito l'ordine delle risposte solo perchè attendevo indicazioni (...) A domani, ciao - Io leggo questo messaggio e sulle prime non mi è chiaro cosa intendi (‘ho invertito l’ordine’ de che?). - Perciò rispondo: >non ci capisco nulla del commento che mi scrivi >non hai risposto a nessuna delle mie domande >Prevedi di rispondermi domani/oggi? Devo davvero spiegare il senso di queste mie parole? Nessuna scadenza naturalmente: siccome scrivevi che avevi ‘invertito l’ordine delle risposte’, lasciando intendere che forse avevi già risposto in ordine invertito, e poi aggiungevi ‘a domani’, io ti chiedevo un chiarimento, e cioé: devo ritenere che tu mi abbia risposto subito dopo Simona nel tuo ultimo lungo commento, oppure col tuo ’a domani’ tu vuoi dire che prevedi di rispondermi domani? Nient’altro. Il clima si e' un po' avvelenato, capisco. So di aver contribuito con qualche parola forte e me ne dispiaccio. Però questa tecnica per screditare l’interlocutore è degna della tv di Maria De Filippi. Non impongo quasi mai scadenze a nessuno, e mai e poi mai mi sogno di imporle (o di suggerirle) a te. Figuriamoci. È già tanto ricevere risposte civili e in tema. Che ci si creda o no mi interessano le opinioni differenti e la tua mi interessa(va?) molto. Peccato.


X elide OT Piccola osservazione: OT sei tu, ergo ELIDE OT è corretto. Per chi ha la cortesia di interloquire con un'OT, direi che è più appropriato "OT - plisv". Non trovi? Un po' come facevi al #97. >Sono 10 giorni che continuo a farti un’unica domanda e questo è tutto quello che ottengo. Ricordi male. Mentre pensavo ai capelli di Travaglio il fulcro è stato cambiato. Da te. (“Insomma qual’è la morale della favola e il fulcro di questa discussione attorno al quale mi sembra che tu continui ad attorcigliarti a vuoto?) È che tu confondi la lottizzazione e l’occupazione dello Stato da parte dei partiti, col più grosso conflitto d’interessi del mondo”. Ti rispondo ora: mai considerato che la lottizzazione genera conflittoni di interesse?) Già perchè alla prima domanda, solo a voler leggere, ho già bello che risposto: #63 >Perché continui a spaccare il capello in 4, plisv? Quando ritengo giusto commentare, lo faccio. La tua opinione, espressa in modo civile, non mi trova d'accordo. Non piaciuta la risposta? Non si può avere tutto. Un po' come le risposte alle mie numerose domande. > Invece giù allusioni, ammiccamenti, battutine, ricordi sparsi. Tipo questi? > cercherei l’altra metà (se permetti senza il tuo aiuto) >la tua presenza qui mi aiuta a mettere sempre alla prova le mie opinioni, rafforzandole nel confronto. >Ma quello che proprio non capisco (e tanti con me) > Ma forse a te piacerebbe così (#97). >fare le pulci sulle solite 2 imprecisioni (il mio primo commento s'antitolava "TRAVAGLIO - 1": forse non erano solo 2 le imprecisioni, omissioni, osservazioni sul di trattamento per gli amici, ecc. Poi sono stato gentilmente a rispondere ai a vari OT. > una nutrita muta di sciacalli a comando >Eh, lo so. Succede anche ai cavalieri di casoria... >Ripeto che non devi scusarti per essere stato OT (ovvio che non posso che prenderla per una battutina) > dipingere costantemente. (ma dico, hai vis


X elide OT - SEgUE > dipingere costantemente. (ma dico, hai visto quanti commenti ho postato nelle ultime settimane?) > aspettare serenamente che Pannella raggiunga il 35% dei voti? (fra l'altro se viene invitato dal servitore del popolo ogni 20 anni c'è poco da star sereni) > Mi domando se sto perdendo tempo. (Pare di no, considerato il più lungo OT della storia. Sul tema, leggere le interecettazioni italia Tunisia fra craxi e mentana please, Ah, cercare anche cosa ne ha deciso Strasburgo ed eventuali condanne dell'Italia. Se non riesce, fare fischio.) >mi sembra continui ad attorcigliarti a vuoto >mi viene da chiedere quanti anni hai. (anche a me) >mediocre imitatore di Travaglio >Senza offesa, Plisv, ma pensi davvero di essere Berlusconi che vuoi farci bere ogni tua bufala come fosse ambrosia? (ah, senza offesa) >un paragone con Berlusconi, ma non so se per te è offensivo anche quello


> Vorrei ciononostante far notare, Vostro Onore, che se davvero di offese si deve parlare, e offese indubbiamente pensate e poi sfuggite involontariamente, di esse va pur sempre apprezzata l’onestà. Interessante concetto: se l’insulto è onesto – e lo decido io- è necessario apprezzarne l’onesta. Molto interessante. Preparo una lunga lista di insulti onesti da apprezzare? > non hanno evitato che il clima degenerasse. Chissà perchè. Forse perche uno ha mantenuto la calma? >Il clima si e' un po' avvelenato, capisco. So di aver contribuito con qualche parola forte e me ne dispiaccio. Però questa tecnica per screditare l’interlocutore è degna della tv di Maria De Filippi. Se uno utilizza toni insultanti si scredita da sè, Vostro arrampicatore. "Ti risulta che non sapesse della sua iscrizione alla P2?" >Solo una informazione: fino a che generazione dura tutto questo?" Fino alla generazione che utilizza travaglio con i suoi obiettivi. Facile no? >Solo per averlo trovato, in italia, un lavoro da giornalista fuori dalla Fininvest mi pare si meriti il Pulitzer... (com’è che dicevo? un accostamento stupido e gratuito. Ecco) Altra insulsa lepidezza, oltre che evidente mancanza risposta alla domanda: "Ti risulta che non sapesse della sua iscrizione alla P2?" Forza che è facile


Seguira' abbondante, quando avrò tempo e voglia. X TUTTI: di nuovo scuse per l'OT


OT1 @plisv Il tuo ultimo commento non contiene quasi più nessuna argomentazione su episodi di interesse generale. È solo un attacco personale. Che mi pare irrispettoso verso il lettore che sta ancora seguendo la discussione, ben più degli OT. Specie quando gli OT restano comunque sui temi principali del blog. Risponderò con lo stesso tono, senza rilanciare. Ma spero che sarà possibile ripristinare un po’ di rispetto reciproco e tornare ai temi del blog. Altrimenti, come dicevo, non mi rimarrà altro che salutare educatamente e lasciarti sul tuo piedistallo a farti i complimenti da solo. >Piccola osservazione: OT sei tu, ergo ELIDE OT è corretto >X TUTTI: di nuovo scuse per l'OT Mi unisco alle scuse per l’OT a tutti quelli che leggono, e aggiungo anche le mie scuse personali per avere invertito le 2 formulette OT+numero sequenziale e “@plisv”. Errori di battitura, “inversioni” e OT non mancano neanche nei tuoi commenti, come tu stesso hai ammesso, dunque confido nella tua magnanimità adesso che vuoi pure giudicare i miei. >Interessante concetto: se l’insulto è onesto – e lo decido io- è necessario apprezzarne l’onesta >Preparo una lunga lista di insulti onesti da apprezzare? Trattavasi di ironica arringa difensiva e di richiesta di riconoscere le attenuanti. Il diritto alla difesa dovresti essere tu a insegnarmelo, almeno a giudicare dal tuo interesse per i processi illustri e per la ‘giustizia giusta’. Forse lo sai già, ma il senso di giustizia che emana da queste tue parole esiste da millenni: si chiama ‘legge del taglione’. >Quanto a stipendi di mt e tariffe d'addario forse se più inrormata. >Chissà perchè. Forse perche uno ha mantenuto la calma? >Se uno utilizza toni insultanti si scredita da sè, Vostro arrampicatore. Grazie per le parole gentili, tu si che sai distinguerti da quelli che offendono gratuitamente!


OT2 @plisv Ribadisco una volta per tutte un concetto già espresso: in una occasione, nella fretta (di cui mi assumo ogni responsabilità) mi sono sfuggite 4 paroline forti, non volute. Tutte erano espresse in forma indiretta, come si fa quando si segnala a un amico quello che si ritiene sia un suo errore. Tutte rivelavano un giudizio su opinioni e fatti da te citati, che a me paiono ricostruzioni ossessionate dall’imparzialità e di conseguenza molto lontane dalla realtà vera, che invece non è mai ‘imparziale’ (parere mio). Non mi sembrano comunque insulti (ancora parere mio). E ciononostante ho più volte riconosciuto l’errore. Giammai è stata mia intenzione insultare e men che meno esprimere giudizi sulla persona. Pensi sia possibile ripristinare, alla luce di quanto ho scritto finora, un minimo di rispetto reciproco, possibilmente tornando a discutere di fatti di rilevanza generale, o vuoi menarla ancora a lungo facendo l’offeso? Credi di potercela fare a superare completamente l’episodio, oppure debbo considerare la tua iniziale lealtà un lontano ricordo? In caso di risposta affermativa, il mio ringraziamento sarebbe onesto quanto lo erano gli apprezzamenti, le parole ‘forti’ e il dispiacere per il fatto che le hai ritenute offensive. E lascio ovviamente a te il diritto di decidere se ritieni che questa mia onestà sia tale o meno. Non credo di voler più tornare su questo argomento. Punto. >come le risposte alle mie numerose domande. Altra cosa da ribadire: siccome io ritengo di avere già risposto a tutte le tue domande, forse capirai che non posso decidere a modo mio quali sono quelle alle quali ritieni di non aver ricevuto risposta. Se ti riferisci a tutte le domande su come la RAI ha condotto varie campagne elettorali, sul comportamento di vari suoi giornalisti e su chi ce li ha messi, ti ho già dato una risposta generale: secondo me si trattava di tentativi patetici e fallimentari di avviare i famosi anticorpi del


OT3 @plisv Se ti riferisci a tutte le domande su come la RAI ha condotto varie campagne elettorali, sul comportamento di vari suoi giornalisti e su chi ce li ha messi, ti ho già dato una risposta generale: secondo me si trattava di tentativi patetici e fallimentari di avviare i famosi anticorpi del sistema. Tentativi che alla macchina del consenso del premier hanno fatto il solletico. Ho preferito non entrare nei singoli casi perché altrimenti non ne usciamo più. Io posso essere d’accordo sul fatto generale che in 15 anni la sinistra ha forse approfittato del giornalismo RAI un po’ più della destra. Ci può stare. Ma la destra, oltre che di 3 granitici TG mediaset, si è giovata di un modello, quello della tv berlusconiana, che va ben oltre il giornalismo e pervade ormai tutto il resto dei palinsesti Mediaset e RAI, con rare eccezioni. Davvero pensi di poter mettere gente come Lerner o Mineo che, quali che siano le loro idee, si sforzano di fare del giornalismo a loro modo imparziale, sullo stesso piano di ore e ore di quiz, varietà, reality, sport e veline sculettanti, che vendono il modello-berlusconi anche senza nominarlo a milioni di persone inermi? (Il caso Riotta, poi, è persino esilarante. Non ho capito cosa vuoi dimostrare citandolo...) Come si fa a mettere sullo stesso piano la lottizzazione di destra e di sinistra, quando tra i media e i politici di destra non c’è un cane che si permetta di criticare il premier, e se Fini prova a rompere la cortina di ferro viene trattato da bolscevico, mentre a sinistra chi critica il proprio leader viene trattato da eroe? Per quanto riguarda invece quelli che tu citi come mie ‘allusioni, ammiccamenti, battutine’, beh, vorrei ricordarti che nessuno di essi pretendeva di rispondere a tue domande dirette. Si trattava, se vuoi, di mera punteggiatura. Comunque secondo me il modo più facile per risolvere il problema è se tu fai un rapido copia-incolla delle tue domande inevase (ma puoi anche rif


OT4 @plisv Comunque secondo me il modo più facile per risolvere il problema è se tu fai un rapido copia-incolla delle tue domande inevase (ma puoi anche riformularle o farne di nuove) e io mi impegno a rispondere (compatibilmente con tempo, voglia, etc). Va bene così oppure sono iperparzialista anche in questa questione... diciamo di cortesia personale? >>Sono 10 giorni che continuo a farti un’unica domanda >Ricordi male (...) il fulcro è stato cambiato Da te >alla prima domanda ho già bello che risposto La mia iniziale domanda era ‘perché lo fai?’ Naturalmente sei libero di rispondere: ‘Quando ritengo giusto commentare, lo faccio’, ma immagino tu capisca da solo che a qualcuno può sembrare una non-risposta. Anche perché, ‘solo a voler leggere’, avevo anche provveduto a chiarirne il senso declinando quella prima unica domanda in altre 3 domandine più specifiche alle quali ti guardi bene dal rispondere: #133 non sarebbe più onesto dichiarare sempre anche i punti che condividi? Oppure vuoi solo seminare zizzania? #135 (è giusto continuare) a preoccuparsi del pericolo potenziale invece di quello opposto che è già realtà? #146 Quale soluzione proponi allora per combattere il più grande conflitto d’interessi del mondo e la strage italiana di legalità e di popolo? In effetti hai risposto solo alla prima, parzialmente, dicendo più o meno che te ne freghi della eventuale confusione del lettore occasionale che non riesce a capire cosa vuoi dimostrare coi tuoi capelli spaccati. >Non piaciuta la risposta? Non si può avere tutto Concordo. Però se si passa del tempo a ticchettare su una tastiera, magari ci si aspetta anche dall’altro lato l’onesto sforzo di provare a capirsi e non a prendersi in giro (sì, vale anche per me).


OT5 @plisv >Ti rispondo ora: mai considerato che la lottizzazione genera conflittoni di interesse? Non sono del tutto d’accordo. In astratto ammetto che quello che dici può essere vero, ma ribadisco che per me un conflittone d’interessi tra i 5 poteri principali è ben più grave di qualsiasi pur grave lottizzazione e regime di partitocrazia deviata. Quindi quello che tu scrivi mi suona come segue: ‘mai considerato che l’influenza genera polmonite?’ Controbatto: chi ha la colpa, il batterio dell’influenza, chi lo ha autolesionisticamente trascurato, oppure chi lo ha scientemente trascurato per poi approfittarne? E soprattutto, è proprio il caso di perder tempo a discutere di influenza quando il paziente sta morendo di polmonite? Prima guariamo il paziente, poi ci chiariamo sulle cure per l’influenza. O pensi di avere una strategia migliore? >hai visto quanti commenti ho postato nelle ultime settimane? Settimane? Direi che ti leggo (a volte anche con interesse) da molti mesi! Ribadisco: costantemente. >fra l'altro se (Pannella) viene invitato dal servitore del popolo ogni 20 anni c'è poco da star sereni Interessante. In italia ci sono 7 tv che trasmettono 24hx24. Mi spieghi perché se Pannella non riesce ad andare in tv la colpa è sempre e solo del solito faziosaccio Santoro? Forse perché a ricattare certa sinistra ci si guadagna sempre, mentre dall’altro lato, se solo ci provi, sparisci dal palinsesto fino al 2050. E fosse solo il palinsesto... >leggere le interecettazioni italia Tunisia fra craxi e mentana please Craxi chiedeva attenzione a Mentana, il quale diceva ‘sì certo’, ma poi ha sempre seguito la linea del padrone: cavalcare le procure quando craxi era in esilio, riabilitarlo quando l’aria era cambiata e non volavano più monetine. E con ciò? Bah! Poi ti lamenti che gli interlocutori accumulano malcelato nervosismo. Ma parlare chiaro proprio non ce la fai? >Fino alla generazione che uti


OT6 @plisv >Fino alla generazione che utilizza travaglio con i suoi obiettivi. Facile no? Sono solo io a non capirti o a volte capita anche a te stesso? >Ti risulta che non sapesse della sua iscrizione alla P2? Questo discorso mi ripugna. Rispondo solo per dimostrare la mia volontà di ripristinare il rispetto reciproco. Se però tu continui a rivolgere al padrone di casa del blog offese gratuite, è un po’ ingiusto poi accusare gli altri di essere offensivi, non trovi? E poi noto per l’ennesima volta che parlare chiaro decisamente non ti piace. Non esprimo giudizi in proposito, ma forse puoi spiegarmelo tu: perché rispondere alle domande altrui con allusioni oscure, a volte incomprensibili, ti diverte tanto? Risposta: Che diavolo vuol dire per te che sapeva della P2? Ma tutta la gente che pubblica libri su Mondadori o guarda Italia 1 sono tutti favorevoli alla P2? Tesserati, magari? Non voglio neppure ricordarti l’anomalia italiana, ma secondo te, in termini assoluti, tra un giornalista che difende costantemente il suo datore di lavoro (o ex-) e i suoi amici e aggredisce i rivali, uno che ne parla il meno possibile e uno che quando lo ritiene giusto ne parla anche male, chi dimostra maggiore indipendenza? E chi è lo sciacallo? Facciamo così: anche se le parole spese da Travaglio in favore di Di Pietro sono meno di un millesimo di quelle spese dai ‘giornalisti’ succitati per difendere il loro padrone, se mi dimostri che Travaglio prende dei soldi da Di Pietro o da aziende che lui controlla io smetto di leggerlo e di comprare i suoi libri. Altrimenti lascia perdere per favore e stendiamo un velo pietoso. Saluti


# 191    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 14/7/2009 alle 11:37

> Il tuo ultimo commento non contiene quasi più nessuna argomentazione su episodi di interesse generale. Direi un ottimo inizio per ripristinare il rispetto reciproco. Infattti al 184 ho scritto "seguirà abbondante". Sono stato poco chiaro? Nel giorni successivi - non ti sarà sfuggito- nel blog principale si è scatenato un canaio, al quale, non certo per primo, ho ritenuto di partecipare. Ecco spiegato chiaramente. Posterò ancora, anche su quelle che definisci offese a travaglio, quando invece è una semplice domanda retorica, alla quale non ne possono non seguire altre , considerato che l'appartenenza alla P2 -e non il patto fra P2, scalfari e caracciolo, mai sntito nominare qui se non da me-è un dei cavalli di battaglia del giornalista. Seguirà abbondante. Saluti


OT1 @plisv >Direi un ottimo inizio per ripristinare il rispetto reciproco Bene Nell’attesa dell’abbondante seguito che non arriva (ma nessuna fretta, non sia mai!), provo a giocare d’anticipo sul tuo ultimo, un po’ povero e come sempre criptico commento. Se tu fossi più chiaro nell’argomentare le tue opinioni mi eviteresti di affrontare ogni volta le questioni a 360 gradi, con OT kilometrici, e mi permetteresti di andare direttamente al punto che di volta in volta non ci trova concordi. Comunque, anche questa ennesima volta, ecco la mia ultragenerica ricognizione in risposta al tuo input. Sperando in una replica un minimo argomentata. La vicenda P2-Scalfari-Caracciolo è nota a tutti coloro che, spinti dalle continue ‘rinfrescatine di memoria’ fatte da Travaglio, Di Pietro, Grillo e De Magistris, decidono di approfondire. Credo che gran parte delle ricostruzioni della parte emersa della storia della P2 disponibili in rete o in libreria riportino anche la storia di quel patto. Che dimostra soprattutto una cosa, prima di tutte le altre: che la sinistra italiana ha sempre giocato sporco. Stendiamo un velo pietoso sul PSI. Con poche eccezioni (per esempio, per quello che gli è stato possibile, Berlinguer), il PCI nella sua lunga storia, invece che denunciare senza se e senza ma corruzioni e ingiustizie dei partiti di governo, ha spesso rimestato nel torbido, esercitandosi in complicate alchimie strategiche ed equilibri tattici. Che quasi sempre finivano per rivoltarglisi violentemente contro (e sua emittenza è stato solo l’ultimo e il più devastante di questi frutti avvelenati che il PCI aveva seminato sperando di approfittarne). Quale obiettivo ultimo perseguissero i dirigenti del PCI in queste loro complicate manovre di alta ingegneria politica, che in tanti oggi si ostinano a replicare (ma solo uno ne rimane il massimo erede), resta un grande interrogativo per gli storici. (D’altronde, concedimi la battutina, dopo settim


OT2 @plisv (D’altronde, concedimi la battutina, dopo settimane di tentativi non si riesce neppure ad appurare quale obiettivo persegue Plisv, figuriamoci il PCI...) Io una mia idea ce l’ho. E posso farti notare che la scelta di tantissimi elettori per Di Pietro e Grillo, spesso eccessivi e ingenui, apparentemente populisti e moralisti, per nulla eleganti o estetici nel loro essere dei furiosi capipopolo, per nulla strategico-tattici, insomma, ma invece schietti, diretti, chiari, risponde proprio alla voglia di liberarsi di 50 anni di tatticismo controproducente della sinistra, che ha aiutato la DC, la P2 e la mafia ad affossare il paese. Questi elettori vogliono chiarezza, trasparenza, coerenza e legalità. E siccome errare è umano, queste 4 doti incominciano con l’ammettere i propri errori e impegnarsi a non ripeterli. Di Pietro ha avuto pochissimi incarichi di governo finora e quando lo ha ritenuto giusto ha ammesso degli errori. Hai mai sentito UN SOLO esponente del centrodestra ammettere UN SOLO ERRORE? Io no. Nel PD invece ammettono di continuo anche gli errori che non hanno compiuto. Salvo poi continuare a farne di sempre peggio. Che opinione te ne sei fatto? ps. >>Quadretto col quale mi chiedo se tu concordi. >In parte. >Ah, la lottizzazione. Forse a qualcuno che esisteva prima di b., durante e sta tranquilla dopo. >Cioè fra poco, dato che non diventerà presidente. >>un conflittone d’interessi tra i 5 poteri principali >>Di peggio ancora c’è (...) solo la dittatura militare, ideologica, etnica o religiosa. No? >forse. ma non riguarda certo solo la destra (...) Forse? Che vuol dire forse? E ‘in parte’ cosa significa? È democratico un paese con un simile conflittone a 5 o no? Lo possiamo definire un totalitarismo soft o no? Di peggio c’è solo quello che ho scritto io o ci sono altri rischi peggiori per un paese moderno? E nel caso quali? Lottizzazione e partitocrazia deviata sono tanto gra


OT3 @plisv Lottizzazione e partitocrazia deviata sono tanto gravi quanto il conflittone? O meno gravi? O più? Argomentare please... Grazie e buona settimana


# 195    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 21/7/2009 alle 1:42

# 194 commento di elide > criptico, direi. >La vicenda P2-Scalfari-Caracciolo è nota a tutti coloro che, spinti dalle continue ‘rinfrescatine di memoria’ fatte da Travaglio, Di Pietro, Grillo e De Magistris, decidono di approfondire. Credo che gran parte delle ricostruzioni della parte emersa della storia della P2 disponibili in rete o in libreria riportino anche la storia di quel patto. Mi riferivo al blog. Oltre a me ne ha parlato qualcuno, 3 giornalisti compresi? Domanda chiara, non criptica nè allusiva. > (ma solo uno ne rimane il massimo erede) direi criptico. >non si riesce neppure ad appurare quale obiettivo persegue Plisv, figuriamoci il PCI...) Non è detto che io persegua obiettivi e non so sosa te lo fà pensare. Se nel blog si chiamano commenti e non obiettivi o piattaforme un motivo ci sarà. Ma prendiamola pure come battuta. Ah, tu hai obiettivi? Quanto al PCI, si sa come sono i partiti chiesa. E si sa, anche in mancanza di sentenze, quanto sia maledettamente difficile - anche per un berlinguer- enunciare ma anche razzolare, sulla questione morale per capirci. >Di Pietro ha avuto pochissimi incarichi di governo finora e quando lo ha ritenuto giusto ha ammesso degli errori. il fatto è che ADP non è DIO, non spetta a lui nè ritenere il quando è giusto nè se ha commesso errori. Alcuni poi sono talmente macroscopici (dichiarazioni Alitalia per fare un esempio)da far ritenere che non ci sia bisogno di alcun permesso per poterne parlare. per il resto, attendere il "seguirà abbondante", please, che forse c'è qualcosa. Grazie e buona settimana


# 196    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 21/7/2009 alle 1:43

criptico era il "bene" alla prima riga.


# 197    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 21/7/2009 alle 7:45

ELIDE Tornando alla vicenda P2-Scalfari-Caracciolo, che secondo te "è nota a tutti coloro che, spinti dalle continue ‘rinfrescatine di memoria’ fatte da Travaglio, Di Pietro, Grillo e De Magistris, decidono di approfondire", vorresti essere meno criptica e allusiva? Significa che loro ne parlano o come ho capito io che non parlano affatto, ma che "tutti coloro" sceglogo di approfondire? Chi sono questi tutti? Comemai non riportano i loro approfondimenti qui nel blog? O invece devo capire che gli autori citati ne hanno parlato? se si, mi diresti dove e quando? E se non ne hanno mai parlato, secondo te perchè? vedi, a te ripugnano alcune cose, a me altre. Ma certo, se ci fosse maggior chiarezza in quelle poche risposte che dai, mi eviteresti di affrontare ogni volta le questioni a 360 gradi, in tutte le sue ipotesi, e mi permetteresti di andare direttamente al punto. Quanto al tuo di punto (o fulcro), come ho scritto mi pare sia variabile.


# 198    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 21/7/2009 alle 9:28

ELIDE >Lottizzazione e partitocrazia deviata sono tanto gravi quanto il conflittone? O meno gravi? O più? Cosa intendi per partitocrazia deviata (io non ne ho mai parlato)? Argomentare please. Quanto alla gravità, premetto che non penso sia un buon metodo parlare solo delle vicende da qualcuno (da chi, poi? stiamo tornando a Dio?) definite più gravi per tralasciare completamente quelle meno gravi - e qui torno alla risposta alla tua prima domanda: perchè lo fai? Risposta: Perchè no? A ognuno il suo, a te il conlittone e a me ADP e il metodo Travaglio, anche se per te sono meno gravi. Detto questo, mi pare di dover atttendere la tua risposta, dopodichè si può fare un calcolo che secondo me è molto complesso, perchè riguarda mumerosissimi fattori ai quali andrebbe attribuito un peso: poi, se si è d'accordo, ma in politica come è noto non lo si è mai, si può arrivare anche alla magica formuletta oggettiva sulla gravità - italiana, non multiversale-. Alcuni esempi di fattori: coflitti di interesse (tutti), partitocrazia semplice e/o deviata, lottizzazione, TV, banche, giornali, influenza fra titoli dei maggiori giornali concordati la sera prima sui titoli dei TG del giorno dopo, Rapporti fra giornalisti e procure, PM, marescialli, cancellieri, ecc. Percentuale di fughe di notizie a seconda dei partiti, possibilità o meno di evitarle (mi viene in mente un caso in cui l'indagato è da te definito cripticamente massimo eredè e il PM è un trevigiano citato in un Carta Canta anche se le sue frasi sono del tutto logiche e consequenziali: sì, con Lui è stato possibile, anche negli anni '90, tanto che la notizia l'hanno data lui e il suo avvocato parlamentare), percentuale di inchieste relative a fughe di notizie con esito positivo, relazioni fra ex magistrato e giornalista giudiziario del TG1 ora passato allo sport, maggiori quotidiani e rispettivi interessi economici e politici, rapporti fra partiti e banche, fra partiti e soggetto giuridico che incassa


# 199    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 21/7/2009 alle 9:38

i rimborsi elettorali, società immobiliari, ragionamenti su chi sapesse dalla sera prima della leggendaria svalutazione della lira da parte di Amato, con tanto di prelievo dai c/c, perchè riina - meglio il suo avvocato - parli negli stessi giorni di ciancimino figlio, i motivi per cui nessuno gli ha detto " si bellissimo quello che racconti, tutto quadra ed è la nuova versione del 'non ci stò', ma prima raccontaci del famoso bacio con andreotti, cos'hai provato? Una prova D'addauro insomma. Ecco, questi solo alcuni dei fattori, poi ne aggiungiamo molti, molti altri, stabiliamo i pesi e arriviamo alla formuletta. Ecco qua, in attesa di altro abbondante che seguirà.


# 200    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 21/7/2009 alle 23:6

>Nell’attesa dell’abbondante seguito che non arriva (ma nessuna fretta, non sia mai!) Allora: hai fretta che arrivi o no? non sia mai cosa intende? E' un'allusione? > provo a giocare d’anticipo... perchè? cosa ti muove? ripeto: stai perseguendo obiettivi o stai commentando? > apparentemente populisti e moralisti... ma.. secondo te, sostanzialmente oltre che apparentemente? >Guarda Plisv, per me hai tutto il diritto di commentare ogni volta che lo ritieni giusto. E ogni santa volta che qualcuno elogia Travaglio, come occasionalmente facevo io mesi fa, hai il diritto di ricordare, come hai fatto in quel caso, che secondo te lui si dimentica dei conflitti d’interesse di Di Pietro. quello sì era un buon inizio per il ripristino. Peccato. >Sa benissimo, Travaglio, e noi con lui, che le notizie che lui sceglie di tralasciare saranno comunque ampiamente amplificate, sviscerate e strumentalizzate, nei media pubblici e privati, da una nutrita muta di sciacalli a comando. Accettalo perciò, se proprio non riesci a giustificarlo, come un fatto di semplice riequilibrio: Travaglio è un giornalista, non una intera redazione, e non ha l’obbligo di occuparsi di tutto. E io quando lo critco dovrei premettere quando sono d'accordo, il senso delle proporzioni (fra un giornalista e i politici o fra IDV e altri politici, perchè ti spiego subito che non solo non ho una redazione, ma i miei commenti sono gratuiti. Ecco un punto di incontro potrebbe essere questo. Io critico IDV o meglio il suo padrone Di Pietro, tu e l'altro 99% criticate altri e non IDV.


# 201    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 21/7/2009 alle 23:25

ELIDE OT - SEGUE > Ma quello che proprio non capisco (e tanti con me) è come si possa avere un senso delle proporzioni così diverso nel giudicare che cosa è più grave o meno grave nelle azioni dei politici, e cosa ha conseguenze più gravi o meno gravi sulla vita dei cittadini. >Per esempio, come vedi, c’è sempre qualcuno tristemente pronto a ricordare che il casellario giudiziale delle nostre alte cariche recita: NULLA, proprio come quello di Travaglio. >Questi elettori vogliono chiarezza, trasparenza, coerenza e legalità. E' un esempio malposto secondo me: stai paragonando un giornalista con la maggioranza di governo? Se no, con chi? O ti riferisci all'IDV? spiegare meglio please. Travaglio secondo te è un giornalista, un politico, o le prime due che ho detto? >Questi elettori vogliono chiarezza (statuto? collegio dei probiviri? scatole di scarpe?), trasparenza (candidare P2isti in sardegna?,avere moglie, ex moglie e figlio nel partito oltre alla figlia praticante mai vista in redazione del leggendario foglio di partito?), coerenza (vedi alitalia solo per un esempio, eventualmente ascoltare l'invalido totale veltri su di lui) e legalità (orlando condannato, pardi teorico della clandestinità, ADP sperimentatore di scatole di scarpe per evitare di passare per banca, ciò che contestava negli stessi anni ai suoi imputati?)


# 202    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 21/7/2009 alle 23:28

ELIDE OT - non potrai non aver notato alcuni punti interrogativi. Nel caso fissi veramente convinta di aver risposto a parecchie mmie domande, eccone altre. Certo se mi scrivi che sei d'accordo all'80% con travaglio, fatica sprecata.


# 203    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 21/7/2009 alle 23:57

ELIDE OT - SEGUE >Per quanto riguarda invece quelli che tu citi come mie ‘allusioni, ammiccamenti, battutine’, beh, vorrei ricordarti che nessuno di essi pretendeva di rispondere a tue domande dirette. Si trattava, se vuoi, di mera punteggiatura. prego? meno criptici per cortesia, se no come si fa a dare l'esempio?. Ma, in sostanza, quanto mi sono fatto carico di riassumerti certo non è puntegaiatura. >Questo discorso mi ripugna. Rispondo solo per dimostrare la mia volontà di ripristinare il rispetto reciproco. Se però tu continui a rivolgere al padrone di casa del blog offese gratuite, è un po’ ingiusto poi accusare gli altri di essere offensivi, non trovi? Ripeto, trovo che fai confusione. Argomentare le offese please. >>hai visto quanti commenti ho postato nelle ultime settimane? >Settimane? Direi che ti leggo (a volte anche con interesse) da molti mesi! Ribadisco: costantemente. Ripeto: nelle ultime settimane, considerata la tua costanza, quante volte ho commentato? Zero, a parte una vera notizia. Quello intendevo. no criptico, no allusioni, no oscure. E non che non ci fossero osservazioni da fare. >Risposta: Che diavolo vuol dire per te che sapeva della P2? risposta mia: ti risulta? >dicendo più o meno che te ne freghi della eventuale confusione del lettore occasionale che non riesce a capire cosa vuoi dimostrare coi tuoi capelli spaccati. Deduzione tua. Per me è del tutto normale approfondire se entro occasionalmente in un blog. Cosa ben diversa dal dire che me ne frego, espressione che lascio volentieri ad altri. Seguirà abbondante, sperando che non anticipi cose che non penso, dico, scrivo. nell'attesa, segnalo nuovamente parecchi punti interrogativi. Buona settimana


# 204    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 22/7/2009 alle 0:5

ELIDE OT - P.S. Ah, ultima cosuccia. Un conto è dire che non ho speranza di trovare i commenti di mesi fa da te indicati, ben altra è rilevare quanto sia strano e singolare che di quei commenti non mi si dia il minimo riferimento (anno, mese, argomento, ecc.). Già, perchè ero anche disposto a dare una mano per la ricerca, che a me generalmente riesce in pochi secondi. Ciao.


OT1 @plisv >Non è detto che io persegua obiettivi >Quanto alla gravità, premetto che non penso sia un buon metodo parlare solo delle vicende >da qualcuno (...) definite più gravi per tralasciare completamente quelle meno gravi >A ognuno il suo, a te il conlittone e a me ADP e il metodo Travaglio, anche se per te sono meno gravi >si può fare un calcolo che secondo me è molto complesso (... per) stabilire i pesi e arrivare alla formuletta Va bene. Grazie. Posso accettare questa risposta alla mia iniziale domanda (e, se vuoi, posso chiuderla qui). Ma in realtà hai toccato proprio il punto che mi interessa di più. Allora, tu spacchi il capello in 4 perché secondo te, se molti parlano del più grave, è comunque necessario che altri parlino anche del meno grave, e poi perché secondo te il più grave e il meno grave vanno calcolati in un modo diverso dal mio. Ok. Vorrei capire meglio. Infatti ti avevo già fatto domande molto chiare e specifiche in proposito (cosa è più grave, per te, A o B?), e non vedo risposte. Hai fatto un lungo interessante elenco di casi di giornalismo fazioso e sleale e di qualche conflitto d’interesse. Condivido il tuo sdegno e la tua condanna. Ma non credi che si trattasse in realtà di fragili e temporanee alleanze strategiche illecite per far fronte comune contro una macchina di potere implacabile che asfalta ogni giorno i tuoi diritti più elementari? Non vedi che un simile elenco sull’altro versante politico non avrebbe senso, perché quando lo stesso uomo paga personalmente i giornalisti e le star della tv, scrive le leggi, sceglie tutti gli amministratori pubblici, decide i flussi di denaro per le banche, le industrie e le forze dell’ordine, e va a cena coi capi della magistratura, non c’è nessun bisogno di fare piccole alleanze sleali? Non ti accorgi che la corruzione e l’antimeritocrazia vengono presentate come un lodevole gioco di squadra alla luce del sole, che tutto è mosso dal profitto e che n


OT2 @plisv Non ti accorgi che la corruzione e l’antimeritocrazia vengono presentate come un lodevole gioco di squadra alla luce del sole, che tutto è mosso dal profitto e che nulla contano le regole e i diritti? Non noti gli effetti che ricadono ogni giorno sul cittadino semplice? (tanto per dire, giorni fa Zingaretti diceva che di questo passo il paese diventerà violentissimo nell’arco di 10 anni. Altro che governo della sicurezza...) Parli della svalutazione della lira da parte di Amato. E qual’é il tuo giudizio su questo Scudo Fiscale tremontiano? Ecco perché (e rispondo alla tua domanda) secondo me nell’italia di oggi, eccezionalmente, come nel 1924, diventa necessario decidere cosa si ritiene più grave, e turarsi il naso come mai prima (senza chiudere gli occhi) su ciò che si ritiene meno grave. Quindi domando, se non credi, non vedi e non noti, cosa noti tu invece? >Cosa intendi per partitocrazia deviata (io non ne ho mai parlato) Quando io scrivevo questo: >>i partiti sono fatti di tante persone, spesso in conflitto, e la politica è fatta per amministrare >>il pubblico. Che lo amministri occupandolo e spartendoselo è una grave devianza. >>Ma almeno nasce da un istinto fisiologico... tu rispondevi così: >E'un problema: gli isrinti vanno tenuti a freno. Almeno da quando si è maggiorenni. Quindi ho pensato di riassumere questo concetto come ‘partitocrazia deviata’, confidando che almeno su di esso concordassimo. A quanto pare confidavo male. Sarà che proprio non ci arrivo. Cosa vuoi farci... >>L’effetto è solo di aumentare la confusione del lettore occasionale >Il lettore occasionale può anche rimanere un po' e approfondire >>In effetti hai risposto dicendo più o meno che te ne freghi della eventuale >>confusione del lettore occasionale che non riesce a capire >Cosa ben diversa dal dire che me ne frego, espressione che lascio volentieri ad altri. Lasciala pure a me, l


OT3 @plisv Lasciala pure a me, l’ho usata io per riassumere schiettamente quello che ho capito della tua risposta. Spero che non la trovi volgare, nel qual caso mi scuso. Per me il senso è quello. Ma te l’ho già detto: la colpa è mia, proprio non ci arrivo a cogliere certe raffinatezze... >E' un esempio malposto secondo me: stai paragonando un giornalista con >la maggioranza di governo? Se no, con chi? O ti riferisci all'IDV? >Travaglio secondo te è un giornalista, un politico, o le prime due che ho detto? >>tu continui a rivolgere al padrone di casa del blog offese gratuite >Ripeto, trovo che fai confusione. Argomentare le offese please. Io non paragono giornalisti a politici, né confondo le 2 categorie. Anche se è prassi comune, visto che gli ‘uomini’ di governo (e non solo) ogni volta che vengono criticati dai giornalisti, rispondono agli attacchi non discolpandosi, ma accusando i suddetti giornalisti di essere altrettanto criticabili (l’esempio che citavo di Castelli contro Stella è il mio preferito tra tanti). Un po’ come dire che Miss Italia è una truffa perché i giurati non sono top model. Quello che avevo scritto io invece vale su 3 livelli separati (politici, giornalisti, uomini): -è più grave ciò che MT denuncia o ciò che, se tutte le tue notiziole e puntualizzazioni sono vere, omette? -è più grave qualche errore di MT oppure la faziosità e il silenzio del 90% dei suoi ‘colleghi’ ? -senza dare giudizi ma semplici opinioni, pregiudicato, soccombente o incensurato che sia, l’uomo MT desta più o meno fiducia della media degli uomini pubblici italiani (politici, giornalisti o altro)? Per quanto riguarda le offese: non è forse un insulto gratuito mettere la paga di rossella (da te stesso definito ‘la svolta della vergogna’), elargita dal primo ministro per essere costantemente incensato e difeso in pubblico e quindi per sostenere slealmente la propria carriera di pubblico amministratore, sullo stes


OT4 @plisv Per quanto riguarda le offese: non è forse un insulto gratuito mettere la paga di rossella (da te stesso definito ‘la svolta della vergogna’), elargita dal primo ministro per essere costantemente incensato e difeso in pubblico e quindi per sostenere slealmente la propria carriera di pubblico amministratore, sullo stesso piano dello stipendio di MT, guadagnato scrivendo notizie e libere opinioni? Non è offensivo associare MT (così come chiunque altro) a un partito che lui aveva votato qualche era geologica fa, quando quel partito, la Lega, aveva una linea politica opposta a quella attuale, visto anche che da quando la Lega ha capovolto la propria strategia lui coerentemente non ha smesso di criticarla? Deduco che tu ti senti per sempre titolato a rispondere per tutti gli uomini dei partiti che hai votato, giusto? E, per Par Condicio, quali sono questi partiti, dato che il mio voto è ormai bello che dichiarato? Quando i berlusconiani che conosci replicano alle tue domande chiedendo: "scusa, ma per chi altro dovrei votare?”, tu cosa rispondi, di grazia? >>Risposta: Che diavolo vuol dire per te che sapeva della P2? >risposta mia: ti risulta? >Tornando alla vicenda P2 (...) vorresti essere meno criptica e allusiva? >Oltre a me ne ha parlato qualcuno, 3 giornalisti compresi? >Significa che loro ne parlano o come ho capito io che non parlano affatto, >ma che "tutti coloro" sceglogo di approfondire? >Chi sono questi tutti? Comemai non riportano i loro approfondimenti qui nel blog? >O invece devo capire che gli autori citati ne hanno parlato? >se si, mi diresti dove e quando? E se non ne hanno mai parlato, secondo te perchè? Come avevo scritto, il professionista nei dettagli sei tu, io posso solo fare del mio meglio. Non mi sembra di aver letto accenni a quel patto da parte dei 3 autori del blog. I quali però non hanno mai lesinato i loro approfondimenti su altre pagine nere di politici, giornalis


OT5 @plisv Come avevo scritto, il professionista nei dettagli sei tu, io posso solo fare del mio meglio. Non mi sembra di aver letto accenni a quel patto da parte dei 3 autori del blog. I quali però non hanno mai lesinato i loro approfondimenti su altre pagine nere di politici, giornalisti e imprenditori di sinistra. Durante il governo Prodi, la storia della P2 fu tirata in ballo da MT a proposito di Mastella e D’Alema. Ma oggi al governo c’è la tessera 1816, ed è chiaro che il tema P2 va applicato prioritariamente a chi è al potere. Ecco perché non ne parlano, secondo me. D’altronde la crociata contro il cosiddetto ‘metodo Travaglio’, alla quale mi pare tu ti dichiari arruolato (spero non sia un punto troppo criptico) è partita proprio dal giornale di Scalfari. O sbaglio? Insomma, per l’ennesima volta: sì, penso MT sapesse. Come sapevano tutti. Ma nessuno poteva prevedere la storia che poi è seguita. Secondo te, invece, perché non ne parlano? >statuto? collegio dei probiviri? scatole di scarpe? >candidare P2isti in sardegna?,avere moglie, ex moglie e figlio nel partito (...) >vedi alitalia solo per un esempio, eventualmente ascoltare veltri su di lui >orlando condannato, pardi teorico della clandestinità (...) >>apparentemente populisti e moralisti... >ma.. secondo te, sostanzialmente oltre che apparentemente? Per me no. Di Pietro a volte è un po’ populista, ma secondo me è un riflesso involontario, da non professionista della politica. Grillo invece non è per nulla populista: per me lui sogna una nazione europea credibile, possibile. Non si scaglia genericamente contro le contraddizioni e le degenerazioni della politica, che ci sono in tutto il mondo, ma contro il fatto che esse in italia hanno passato di gran lunga il segno e stanno trascinando il paese nel terzo mondo. Non è populismo, è civismo. Il moralismo, poi, sta da tutt’altra parte. Nei 2 soggetti citati non ne vedo traccia. Il loro moralismo si


OT6 @plisv Il moralismo, poi, sta da tutt’altra parte. Nei 2 soggetti citati non ne vedo traccia. Il loro moralismo si racchiude tutto nella proposta di legge di Carofiglio che, per l’appunto, non è affatto moralista. Ed è (o era), anzi, meglio tardi che mai, un’ottima cartina tornasole per il rapporto PD-IDV. Troppo allusivo? Criptico? Per quanto riguarda le altre critiche a ADP, se permetti non mi addentrerò. Dico solo 2 cose: 1 mi sembrano i soliti topolini rispetto alle montagne di tutti gli altri partiti 2 un partito giovanissimo costretto (ripeto: costretto) fin da subito alla responsabilità di essere l’unica opposizione su molti temi (e quindi con poco tempo per curare i problemi interni) può incappare in queste e altre gaffes. Già più grave sarebbe non risolverle entro le prossime politiche. Così la penso. Vedremo... >il fatto è che ADP non è DIO, non spetta a lui nè ritenere il quando è giusto nè se ha commesso errori >Alcuni poi sono talmente macroscopici (...) che non c’è bisogno di alcun permesso per poterne parlare D’accordo. Ma siccome bisogna scegliere, meglio uno che almeno qualche volta ammette l’errore, di quelli che, come il premier, si credono davvero DIO (lo dicono Vespa e altri suoi amici, io mi limito constatare che su questo hanno ragione). >> Invece giù allusioni, ammiccamenti, battutine, ricordi sparsi >Tipo questi? (segue lunga lista) >>nessuno di essi pretendeva di rispondere a tue domande dirette >>Si trattava, se vuoi, di mera punteggiatura >prego? meno criptici per cortesia, se no come si fa a dare l'esempio? >Ma, in sostanza, quanto mi sono fatto carico di riassumerti certo non è puntegaiatura. >Quanto al tuo di punto (o fulcro), come ho scritto mi pare sia variabile. >Domanda chiara, non criptica nè allusiva >no criptico, no allusioni, no oscure >Allora: hai fretta che arrivi o no? non sia mai cosa intende? E' un'allusione? >quello sì era


OT7 @plisv >quello sì era un buon inizio per il ripristino. Peccato >criptico era il "bene" alla prima riga No, il "bene" alla prima riga significava: “sono felice che il rispetto reciproco possa essere ripristinato”. Cosa ci troverai di criptico... boh!? Poi mi pare che tu abbia ritrattato quella tregua e in effetti in questo tuo ultimo commento non noto un tono di straordinario rispetto. Ma tant’è... meglio essere ottimisti e non saltare a conclusioni troppo precipitose... È vero che ogni tanto anch’io mi permetto qualche allusione o battutina, ma lo faccio tenendomi al di fuori delle risposte che debbo alle tue domande. Quando, dopo aver risposto nel modo più esauriente che mi riesce, vado allontanandomi dal ‘fulcro’, magari mi concedo qualche battutina o allusione, che comunque non è criptica, poichè secondo me nasce sempre da una mia opinione abbastanza chiara. Se non fosse così, sai dirmi perché tu cogli sempre i miei riferimenti che definisci ‘criptici’ mentre io SINCERAMENTE spesso non riesco a capire il motivo per cui tu citi determinati fatti, e cosa vuoi dimostrare con essi, e qual’è la tua opinione? Per esempio: >>(ma solo uno ne rimane il massimo erede) >direi criptico. >mi viene in mente un caso in cui l'indagato è da te definito cripticamente massimo eredè Il “massimo erede” è criptico? Dovevo scrivere il “Massimo ereD’Ae” ? Ma com’è che i miei cripticismi sono così criptici che tu rispondi citando Carta Canta e vicende degli anni '90 (che peraltro non conosco. Ti offendi se dico che è criptico?), mentre io dai tuoi cripticismi non riesco sinceramente a capire quello che intendi? Tra l’altro segnalo che anche questo accenno al baffino era una battuta periferica, non una risposta diretta alle tue domande. >non ho potuto che riscontrare stranezze >rilevare quanto sia strano e singolare Non prendo nota di tutti i commenti che posto. Posto quando mi va e poi per qualche giorno cerco


OT8 @plisv Non prendo nota di tutti i commenti che posto. Posto quando mi va e poi per qualche giorno cerco di seguire la discussione che ne segue e di rispondere alle domande che mi si rivolgono. Mesi fa scrissi un breve commento della serie ‘Meno male che MT c’è’ (ognuno ha l’idolo che si merita. Tu ne hai?) e tu rispondesti che secondo te lui però trascura i conflitti d’interesse di Di Pietro. Non risposi, perché in parte era anche vero, anche se c’è poi chi se ne occupa con mezzi ben più potenti di MT. In conclusione: quel commento l’ho cercato, ma non lo trovo – ripeto – non lo trovo – ricevuto? Passo, e chiudo. >perchè? cosa ti muove? ripeto: stai perseguendo obiettivi o stai commentando? >Ah, tu hai obiettivi? Io sì. Di solito quando posto commenti, il mio obiettivo è confrontare le mie opinioni con quelle altrui, cercando il massimo di chiarezza. In questa discussione, il mio obiettivo è provare a capire quali differenze sostanziali sussistono tra la mia interpretazione generale della storia d’italia 2001-09 e la tua (cioé... mi basterebbe 2001-09, anche se a volte temo che vi siano differenze strutturali anche a proposito dei precedenti 10.000 anni). E soprattutto capire cosa ti porta a ritenere che Marco Travaglio (prima ancora che ADP) sia sostanzialmente pericoloso quanto o forse più dell’attuale classe politica (riassumo così la tua linea), e vada screditato presso il suo pubblico come tu fai, mentre io, al di là di piccoli errori umani e di qualche tatticismo, lo ritengo una risorsa preziosa e insostituibile per il mio paese. E per questo penso che magari vada criticato, anche aspramente se ce n’è motivo, ma MAI screditato. Suona criptico? Se sì non so proprio che farci. Ciao


# 213    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 16/3/2010 alle 10:44

OT - ELIDE Le risposte alle mie domnde, please.



Mostra tutti i commenti


commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti