Commenti

commenti su voglioscendere

post: Vade retro Ru486

Le gerarchie ecclesiastiche - formate da maschi adulti e illibati che dai tempi della disturbante adolescenza vivono rigorosamente tra loro sorvegliando da lontano i gesti e gli occhi misteriosi delle donne - considerano la pillola abortiva RU486 , la cosiddetta “pillola del giorno dopo” che agisce entro le 7 settimane di gravidanza, un “pesticida umano”, “un veleno”, che le donne usano contro la vita. La sua “facilità di impiego” la rende diabolica, addirittura “una crepa nella civiltà”. In difesa della quale volentieri aggiungono la minaccia futura della scomunica e la pratica quotidiana delle offese. Guardandole solo da lontano e con rancore , i vescovi immaginano le donne dei sottouomini, con il peccato mortale incorporato nel cuore e specialmente nel corpo. Tutte figlie di ... continua



commenti

Gli ultimi 100 commenti / 
Mostra tutti i commenti


x 380 Co89 Il dogma non è altro che un esplicito divieto di pensare. Verissimo. Condivido il tuo commento al 100%


#381 Immaginavo l'arrivo del maschietto ipercristianizzato ad aggredirmi. Presumevo non foste n grado di fare altro che insultare. è più forte di voi.


Leggi tutti i miei commenti precedenti e ti accorgerai che sono l'unico ad aver portato argomenti e fonti. Non sono affatto ipercristianizzato. Mi sa che Co sta per quello che fa rima con Orione. Ciao donna libera, emancipata, autonoma... Sii felice!


Sono estremamente felice infatti, di non assomigliarti affatto. Il fatto che tu non sia l'unico dimostra solo che purtroppo ci sono ancora tante persone che si annoverano il diritto di decidere per gli altri cosa è buono e cosa non lo è. E l'arroganza dei maschi su questo argomento è la cosa più penosa alla quale si possa assistere.


Pardon, ho letto di fretta. Avevo capito NON sono l'unico ad aver riportato argomenti e fonti. Comunque il discorso non cambia.


La donna che abortisce decide di eliminare una vita che ha nel grembo e che non le appartiene. Questa è arroganza. Io non metto in discussione questo diritto, nonostante non sia favorevole. Semplicemente ho dei dubbi sulla maggiore efficacia rispetto all'aborto chirurgico. I miei stessi dubbi li ha espressi il NEJM e The Annals of Pharmacotherapy oltre ad un notevole gruppo di esperti... compresi i tecnici AIFA. In questo dimostro più rispetto delle donne di tanti altri fasulli femministi. Come Pino che parla senza nemmeno sapere che cazzo dice!


E a chi appartiene, al vostro dio, forse? In ogni caso il problema non si pone, visto che quella NON è vita. è una possibilità. Un punto interrogativo. Non possiede nemmeno un sistema nervoso per sentire dolore, e non vale di certo più di una vita già svolta e compiuta come quella della madre. Sono troppo cinica? Fare un figlio non voluto, anche se sai che non sarai mai in grado di amarlo, né di dargli una vita dignitosa, quello è crudele. Se ne avrai uno che non saprai come mantenere, prova a nutrirlo con il tuo melenso buonismo.


Appartiene a sé stessa e se lo incontrerà e lo vorrà anche a Dio. Tu stessa sei passata per quella possibilità. Senza passare per quella possibilità non saresti qui a rompermi i coglioni. E non dirmi che ti dispiace o sei già così nichilista a 20 anni? In ogni caso più che una possibilità lo zigote, la morula, la blastocisti, l'embrione, il feto siamo noi all'inizio, è vita umana all'esordio. Stammi bene superdonna.


La Chiesa o Vaticano (tanto è lo stesso) può anche esprimere il suo pensiero e dispensare consigli ai suoi fedeli. Ma chiedere al Governo Italiano di emanare una legge contro ciò che non gradisce proprio no. Fino a prova contraria il Vaticano è un'altro Stato e con l'Italia non c'entra proprio nulla a parte il fatto che il suo territorio trovasi nel suolo italico. Ci sono molti cattolici anche in altri Paesi, due esempi per tutti: Spagna e Francia. Perchè il Vaticano non chiede anche a quei governi di fare altrettanto? Perchè non se lo filerebbero di pezza. Perchè sono più civili e rispettano i loro cittadini cattolici e non. Ed anche perchè non hanno "affari" da condividere con esso. E chi vuol capire...capisca.


# 390    commento di   Giacomo B. - utente certificato  lasciato il 6/8/2009 alle 23:8

In ogni caso più che una possibilità lo zigote, la morula, la blastocisti, l'embrione, il feto siamo noi all'inizio, è vita umana all'esordio. ---------------------------------------------------------------- Che nel 60% dei casi circa, finisce da se. Dio è il primo praticante dell'aborto al mondo, sembrerebbe.


Stai perdendo le staffe, mio buon cristiano. Non si tratta così il prossimo tuo. Va a fare penitenza e chiedere perdono ad un essere che avete creato solo per rifugiarvi in una illusoria consolazione. Stammi bene, mio caro perbenista.


Cosa c'entra sto cazzo di Vaticano? La stessa comunità scientifica esprime molti dubbi e perplessità oltre ad essere divisa persino sui dosaggi: chi dice 200 mg chi 600. Lo capite o no che la sperimentazione è fatta sulla vostra pelle e psiche? L'importante è che il consenso sia informato. Tutto qui.


# 393    commento di   Giacomo B. - utente certificato  lasciato il 6/8/2009 alle 23:15

Su questo sono d'accordo. E' che mi offende la viscida strategia della chiesa, insinuarsi nelle piege di un dibattito interno al fronte Abortista per sabotarlo, portando avanti la causa abortista.


Dio è il primo praticante di aborti? Giacomo mi intenerisci: hai l'animo ferito dalla crudeltà della natura. Va bene! Prova a guardare le cose da un altro punto di vista: il 40% che nasce. Buonanotte Co89. E' stato un piacere!


# 395    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 6/8/2009 alle 23:16

@Marco Tu sei quello che vedeva cacca nei nick che hanno una C? Che dirtY, se non di mantenerlo? Faresti un piacere, si potrebbe iniziare parlare delle tue cellule.


# 396    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 6/8/2009 alle 23:17

# 296 Grazie Vaticano onan, sono informazioni fondamentali che non conoscevo. Primizie, srivevo giorni fa a un imbecille di passaggio.


@ 382 Marco. C'entra, c'entra, visto che il post di Pino è stato criticato da molti proprio per il suo anticlericalismo.


Giacomo, ho visto che qua la discussione in linea di massima è un altra, non tanto sulla pillola ma sull'aborto in se. Sulla pillola abortiva mi sto ancora documentando, e se dovessi reutarla nociva sarò la prima ad oppormi. Ma la questione è un'altra.


# 399    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 6/8/2009 alle 23:19

# 374 Gran bella squadra, ci farete sapere cos'avete vinto, vero?


plisv: io non vedo cacca da nessuna parte. Tu hai fumato troppo! Torna in camera, metti su No Woman No Cry, smaltisci e poi torna.


Io sono un ateo, e neanche del tipo troppo tenero a dirla tutta, ma questo pezzo mi è sembrato delirio isterico allo stato puro. "Disturbante adolescenza"? "Guardandole da lontano e con rancore"? Ma come si permette? Poi, la "donna che vive oltre la morte" attraverso la sua discendenza? Ma Corrias per caso lo sa come si fanno i bambini...? Che tristezza.


@ Helena Il post di Pino contiene un'inesattezza talmente pesante che dimostra l'ignoranza totale della materia. Il resto sono legittime opinioni anti-clericali, ormai superate e poco efficaci che hanno lo stesso valore delle opinioni della Binetti, un'integralista della parte opposta. Per questo Pino è stato criticato.


# 403    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 6/8/2009 alle 23:31

# 401 commento di anonimo - lasciato il 6/8/2009 alle 23:26 Io sono un ateo, e neanche del tipo troppo tenero a dirla tutta, ma questo pezzo mi è sembrato delirio isterico allo stato puro. "Disturbante adolescenza"? "Guardandole da lontano e con rancore"? Ma come si permette? Poi, la "donna che vive oltre la morte" attraverso la sua discendenza? Ma Corrias per caso lo sa come si fanno i bambini...? Che tristezza. ------ i due fondamentalismi, quello ateo e quello del credente, si equivalgono, neanche in modo troppo diverso , a dirla tutta, entrambi non sono rispettosi di un modi di protare avanti un pensare attraverso la "critica" non sprezzante e non giudicante, scrivere a qualsiasi persona , senza dirglielo in faccia, ma solo con l'arma e i proiettili dei tasti, "ma lo sai come si fanno i bambini" , gia dice tutto...che sconfinata tristezza


# 404    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 6/8/2009 alle 23:33

psù ovviamente ti sarei divertito per vedere le reazioni, e sai che gusto divertirsi cosi!, stile bravo bravo che la mamma ha fatto gli gnocchi, è anche giovedi


# 405    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 6/8/2009 alle 23:33

@400 commento di Marco Se non sei lo stesso marco, bastava dirlo. Se sei lo stesso, basta ricordare le puttanate che hai scritto. Io fumo sigarette e non ho bisogno di tuoi consigli, nè sul tema del post, nè sulla musica. In cameretta ci puoi tornare tu.


# 406    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 6/8/2009 alle 23:37

con chi ce l'ha il #404?


@ 402 Marco. Leggi bene tutti gli interventi, Pino è stato criticato per ambedue i motivi. La confusione tra la RU-486 e la "pillola del giorno dopo" ma è stato anche accusato di anticlericalismo in relazione a questa faccenda.


per tutti quelli che si riempono la bocca a criticare: a 7 settimane si parla di embrione, non di feto, e non è una differenza da poco. e no, una morula non è una persona, sennò dovreste dare questa dignità anche a cosine interessanti con le mole... che però vengono trattate con la chemio, pensa un po'.


Helena, mi sembri la più lucida in questo delirio. Dedico a te l'ultimo commento poi smetto di rompere le palle. Ho capito e concordo con te. Forse non mi sono spiegato: lo strafalcione clamoroso di Pino è un fatto. Non ci sono opinioni su questo. Mi permetto di invitarti a riflettere su quanto rispetti le donne uno che vuole parlare di cose delicatissime senza nemmeno conoscerle. Le idee anti-clericali invece sono sue personalissime, legittime opinioni e in quanto tali criticabili. Scorrendo i vari commenti mi accorgo che anche atei criticano Pino su questo. Ed è normale, avverrebbe anche se avesse fatto un discorso "alla Socci". L'errore di Pino invece è lì a testimoniare tutta la vuota retorica del suo discorso che si basa su informazioni approssimative ed indegne per un giornalista che scrive su un blog come questo.


@ 409 Marco. Io non avevo nessuna intenzione di difendere Pino. Pino ha sbagliato e evidentemente su questo tema non si è informato bene. Io l'ho tirato in ballo solo quando tu, dopo aver letto il mio commento sul Vaticano, hai scritto: "che c'entra il Vaticano?". Non sono stata la prima in questo post ad esprimere un'opinione sull'operato, spesso ipocrita, del Vaticano in varie questioni, compresa quest'ultima. Praticamente quello che volevo dire era che il mio commento non era OT.




# 412    commento di   Giacomo B. - utente certificato  lasciato il 7/8/2009 alle 0:38

NO. Tu, in maniera profondamente diosonesta a mio parere, stai strumentalizzando l'errore di Corrias. La grave imprecisione di Corrias NON influisce MINIMAMENTE -lo ribadisco - MINIMAMENTE sul valore della critica conenuta in quest'articolo. Perchè come è evidente a qualsiasi lettore con un minimo di onesta intellettuale, l'articolo non parla nello specifico della pillola Ru486, ma lo prende come spunto per portare una critica feroce verso il comportamento della chiesa nei confronti della sessualità della donna. Ma un lettore intellettualmente disonesto anzichè affrontare direttamente l'argomentazione di Corrias, si attacca al suo errore pratico si attacca al suo errore, lo ribadisce e cerca di fa passare un falso sillogismo, imprecisione tecnica = argomentazione vuota. ----------------------------------------------------------- L'errore di Pino invece è lì a TESTIMONARE tutta la vuota retorica del suo discorso che si basa su informazioni approssimative ed indegne per un giornalista che scrive su un blog come questo. ----------------------------------------------------------- No, lo devi dimostrare che vuota retorica! Non lo hai dimostrato. Ed è sbagliato quando affermi che si basa su "informazioni approssimative", perchè l'articolo di Corrias si basa su un osservazione di un generico atteggiamento della chiesa cattolica che trascende questa particolare vicenda. Io ti sfido. Ti sfido e tutti quanti voi antiabortisti ad affrontare la sua argomentazione se vi riesce. Troppo comodo, etichettare come anticlericale e girare le spalle. Troppo comodo trincerasi dietro i falsi sillogismi, come se la cazzata di corrias che confonde la pillola del giorno dopo con la Ru486 rendesse l'atteggiamento della chiesa verso le legittimie esigenze della donna di autogestire il proprio corpo meno barbarico ed inumano. Ma non accetterete la sfida, lo so. E fate bene, perchè perdereste. Avete di fronte un nemico insormontabile,


Ma non accetterete la sfida, lo so. E fate bene, perchè perdereste. Avete di fronte un nemico insormontabile, la verità. La verità che la Chiesa cattolica, che una volta era cristiana, antepone la difesa di astratti principi teologici alla felicità ed alla salute degli esseri umani. Su avanti, sorprendetemi... accettate la sfida. Ma che dico, non lo farete mai.


C'è (almeno!) una frase celebre che la Chiesa Cattolica dimentica, quando chiede allo Stato Italiano di imporre pratiche d'ispirazione religiosa ai propri cittadini: "Chi è senza peccato scagli la prima pietra" Scommetto che tutti conoscono l'autore, almeno di fama... Uno degli orgogli dell'essere cattolico che ricordo da quando ero piccolo e non ancora ateo, era la tolleranza. Oggi, se ancora la Chiesa la considerasse un valore, sarebbe probabilmente una vergogna: perché? Forse a causa del rinato confronto-scontro con la cultura islamica? Per chi abbia letto il Corano, o almeno qualche Stura di quelle a carattere meno legislativo-amministrativo, sembrerà evidente che il comportamento attuale della Chiesa vaticana si stia sempre più avvicinando ad una forma mentis presente in questo "libro sacro", e allontanandosi dal modo di concepire la convivenza civile proposto nei Vangeli. Ma, sempre per chi abbia letto un po' di Corano, risulta evidente che quello di Maometto fosse il primo atto di protestantesimo che i cristiani si siano trovati ad affrontare: più che un "libro rivelato" sembra un richiamo alla purezza della dottrina in contrapposizione alla classe politica che gestiva il Tempio all'epoca del profeta dei Musulmani. Una riforma molto reazionaria, se paragonata a quella per così dire "hippy" proposta agli Ebrei dal profeta dei Cristiani, ma generata dallo stesso problema: i capi del Tempio non erano più altro che politici, dediti ai loro interessi e al mantenimento dell'assetto del potere che gestivano. Purtroppo credo che nella società di oggi un profeta sarebbe rinchiuso, o farebbe solo ridere l'opinione pubblica. Ma è un peccato, perché questi derivati di "religiosi" monoteisti che orientano così tante opinioni (Ebree, Cristiane o Musulmane) sono tornati tutti ad avere un GRANDE bisogno di affrontare una riforma drastica!


# 415    commento di   ConteAlfonsoPasti - utente certificato  lasciato il 7/8/2009 alle 2:57

@paso 377 Tornato ora... si mi ricordo mi ricordo, ma non faccio l'appello stasera ^^


# 416    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 7/8/2009 alle 3:45

# 399 commento di plisv (reply al 2514678) ;) >># 374 Gran bella squadra, ci farete sapere cos'avete vinto, vero? plisv ma lo sanno tutti: ha vinto un' altro giro con la veronica :D -------- Ehilà Clandestino patacca aka mod n.u. un nome una garanzia :) Sempre sulla breccia eh clande? Come va con la veronica? E' sempre di destra o è passata a sinistra? :D ma ricordati che nell'ingnoranza dell'autosoddisfazione mal si concilia quando è caldo con Popper ;) e se non hai ancora capito... nitrisci adesso riprova a clonarmi il nick, tu che sei un genio infornatico


Corrias: che ti hanno fatto i preti? Sono ateo, ma questo tipo di aborto può essere pericoloso per la donna. Mi pare facciano bene la Chiesa e il mondo medico e politico ad accertarsi che non vi siano rischi maggiori rispetto all'interruzione di gravidanza per via chirurgica. Poi ci può essere incompatibilità con il comma 8 della 194. Ho capito che i preti ti stanno antipatici... però non porti nessun argomento serio. La confusione tra Norlevo e RU486 non ti fa per niente onore. Hai preso una cantonata stavolta! Mi spiace!


sarebbe troppo lungo spiegare come una donna si sente oggi, nonostante tutte le lotte femministe del passato, ancora non ci siamo, no ...siamo troppo temute, indipendenti sia nella vita che ormai nel dare la vita, tenerci sotto controllo è l'unico modo per la società civile (e quindi maschile...quelle che arrivano non sono , per la maggior parte, miei modelli di donna es? garfagna!) di tenere a freno questa meraviglia della natura che rappresentiamo. messaggio per la chiesa : le ovaie sono mie e ci faccio quel che mi pare!!!!!


376 Giacomo ---------------------------- "In America c'è, in Francia e in Inghilterra c'è, in Svezia c'è. Sbagliano tutti?" ---------------------------- Questa è una bella domanda. Forse in questi Paesi non tutelano la salute della donna? Forse questi Paesi sono tutti così superficiali da non tenere in conto la presupposta pericolosità del farmaco in questione? Non sarà che il farmaco, come probabilmente è, ha i suoi effetti collaterali, come altri farmaci, ma che purtroppo in alcune occasioni bisogna comunque assumere nonostante i rischi? (ovvio che è necessario informare sui rischi e poi sarà la donna a scegliere) Non è che per caso qui in Italia per ogni cosa se ne fa una questione di Stato strumentalizzando il problema come successe, un esempio per tutti, con il caso Englaro?


417 Gianni Hai letto la mia argomentazione, 5-6 post sopra il tuo? Non hai niente da dre al riguardo? Comunque no, Gianni. Quella della Chiesa è solo ipocrisia. NON GLIENE FREGA NIENTE dei rischi maggiori per la salute. Semplicemente desiderano che l'aborto sia il più drammatico e doloroso possibile, per aumentare il senso di colpa e la paura. Sono degli ipocriti.


419 Helena Ma poi... anche se veramente la Ru486 presentasse dei rischi superiori all'aborto chirurgico, si tratterebbe sempre di un problema di libera scelta. Un donna sceglie tra una procedura chirugica, con tutte le difficoltà che questa comporta, ed una farmacologica, leggermente meno sicura ed affidabile, ma più comoda e meno traumatica da tanti punti di vista.


Signori (e signore), suvvia, non prendiamoci per il culo... è un farmaco è OVVIO che abbia effetti collaterali. Sono regolarmente commercializzate delle lozioni contro alopecia che nel bugiardino riportano casi di sterilità, infarto e una caterva di altre amenità. Non ho mai sentito nessuno dire ne ah ne bah su questo ed altri mille farmaci simili. Questa era la prima osservazione. La seconda invece è relativa a questi fantomatici 29 decessi (presunti, quelli documentati sono molti meno). Come mai è tanto pubblicizzato questo dato ma da nessuna parte si parla dei successi? 29 decessi su 10000 test sarebbe (correggetemi se sbaglio) uno 0,29%. Questo farmaco è in giro da 20 anni (non nel nostro paese integralista da terzo mondo chiaramente). Ultima osservazione. Chissà come mai i media non ne parlano, tuttavia si è sviluppato, e sta crescendo a dismisura, un fenomeno preoccupante. C'è sul mercato un farmaco (ora non ricordo esattamente per cosa, mi pare per l'ulcera), da vendersi su prescizione medica e sommonistrabile senza ricovero ospedaliero, che praticamente da lo stesso effetto se non che può provocare forti e gravi emorragie interne... Una donna deve arrivare a farsi dei lavaggi al gasolio pur di evitarsi la trafila del 1) trovare medici non obiettori 2) sorbirsi gli incontri con gli psicologi che in taluni casi sono da considerarsi veri e propri tentativi di lavaggio del cervello (cosa veramente disumana considerando lo stato psicologico di una donna che per motivi suoi decide per l'interruzione) 3) sorbirsi (non sempre per fortuna) visite dalle solite fantomatiche associazioni per la vita che hanno spesso e volentieri uffici direttamente dentro le strutture ed in barba ad ogni legge sulla privacy sono sempre in mezzo ai '...' Peccato che sulle sacre scritture solo la lobby abbia diritto di interpretazione, io oltre a 'partorirai con dolore' aggiungerei 'o morirai nel tentativo di non farlo'. Alla faccia di quel be


@ 421 Giacomo B. Infatti è proprio questo il problema: la libertà dell'individuo di scegliere secondo la propria coscienza. L'imposizione per legge di carattere etico religioso non dovrebbe esistere in un Paese civile e democratico. Ognuno ha i suoi valori in cui credere e non necessariamente sono gli stessi per tutti. Ognuno ha una visione differente del concetto di vita e di morte. Dipende da tanti fattori. La diverse vedute del problema dal punto di vista etico religioso non dovrebbero influire sulle scelte di un Governo di applicare o no delle leggi. In tema etico religioso ogni individuo è responsabile di quello che fa di fronte al suo Dio, se ce l'ha. Qualcuno potrebbe obiettare che questo post non riguarda l'essere pro o contro l'aborto ma la pericolosità della pillola RU-486. (Su questo punto mi sono già espressa) E invece NO. Il post riguarda anche e soprattutto, come scrive Giacomo B, l'ingerenza del Vaticano nella questione. Difatti tutta la querelle è nata proprio quando il Vaticano si è interessato a livello politico della faccenda. Pieno rispetto per chi è contro l'aborto. Vorrei che allo stesso modo venisse rispettato chi non è contro.




P.s. Quando il Vaticano "batte i piedi", tutti sull'attenti, altrimenti perdono i voti dei cattolici. E Berlusconi ultimamente, dopo gli ultimi scandali deve pur riconquistare i consensi della Chiesa, nonostante le critiche a lui mosse siano state molto blande ma... sempre meglio provvedere. DO UT DES


Visto che prendete irresponsabilmente sottogamba la questione "effetti collaterali farmaci", e questo la dice lunga sul perché le lobby farmaceutiche abbiano fatturati da capogiro, vi consiglio la visione dell'inchiesta di Report su Rai Tre, Il Marketing del Farmaco. Cliccando su “video”, potrete vedere l’intera trasmissione. A questo indirizzo: http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,243%5E90083,00.html Inoltre, per capire come vengono testati i farmaci e non solo, ecco un’altra inchiesta di Report, Uomini e Topi. Anche qui, cliccando su “video”, assisterete all’intera trasmissione. Altrimenti troverete la trascrizione dell’inchiesta. A questo indirizzo: http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,243%255E90208,00.html Da alcuni commenti di questo thread, si intuisce come nella società odierna ci sia davvero poca consapevolezza della realtà. Per paura ci si omologa e le poche voci fuori dal coro vengono sbeffeggiate a priori, perché chi esce dal “gregge” è considerato un pazzo! Poco importa se la pillola abortiva, un farmaco a tutti gli effetti, ha un incidenza maggiore di complicazioni a differenza dell’aborto chirurgico, anche perché l’aborto chimico non prevede ospedalizzazione e in caso di complicanze, non si può per ovvie ragioni (la donna è non è in ospedale), intervenire nell’immediato e in questi casi si sa prima si interviene meglio è. Poco importa se questo farmaco era in origine testato come anticortisolo e non come pillola abortiva. L’importante che qualcuno ci guadagni, anche se si tratta di farlo sulla salute della gente! Fintanto che le persone non prendono coscienza di sé, inutile inneggiare a cambiamenti, perché quelli non arriveranno se non partono dal basso, e cioè da noi! Inutile, far battaglie a Berlusconi & Co., se poi non cambiamo il nostro modo di agire.
http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,243%5E90083,00.html


Evvia!Finalmente un post sulla pillola abortiva..lo aspettavo con ansia!Grandissimo Pino Corrias..


Pino, non hai capito un ci-a-zeta-zeta-o


Ma dai che fino all'altro giorno si pensava che si potesse curare gli schizofrenici con elettroshock e lobotomia! Lo sappiamo che a forza di prescrivere antibiotici anche per il mal di unghie stiamo rafforzando tutti gli agenti patogeni. In questo caso però non ho mai conosciuto medici così schizzinosi nel prescrivere medicine inutili. Le industri farmaceutiche le conosciamo bene, in grado di venderci acqua ossigenata per sciroppo e olio per motori come integratore alimentare per bambini. Non è impedendo la commercializzazione di un farmaco UTILE che risolveremo questi problemi (con tutti i farmaci perfettamente inutili, placebo, tisane, dimagrandi, accelerati, vitamine e porcate varie che sono un oceano al confronto). Siamo perfettamente al corrente dei test che vengono effettuati, e dal come e della vita magra delle cavie ma parliamoci chiaro, cos'à in comune un topo con una persona? Ma dai siamo troppo maledettamente diversi e complessi è CHIARO che l'unica sperimentazione che conta è quella umana e che i risultati veri si vedono dopo anni (decine di anni). Se dovessimo a priori buttare via tutto allora non avremmo neanche la pillola anticoncezionale. Lo sappiamo che ogni tanto ritoccano quattro dati per abassare i limiti di tolleranza in modo da creare dal giorno alla notte nuovi malati-consumatori. Da qualche anno a questa parte sembra che essere stitico sia peggio che essere lebbrosi. In compenso mi basta solo vedere la pubblicità della Marcuzzi per sentire lo stimolo... Quello che voglio dire è che SONO ALTRI I PROBLEMI lasciamo stare sta RU486 che è e rimane una conquista in tutti i sensi, il resto è solo demagogia e accanimento religioso. Parliamo tanto di sta RU-486 quà e la. Quali sono questi casi? Dove? Dove sono i numeri? Per ogni cosa c'è un bilanciamento benefici/rischi. Se vado a farmi una banalissima appendicite ho il rischio che il tirocinante di turno turno mi lasci dentro una garza o una pinza. Perchè all


[maledetto limite dei 2000 caratteri] Perchè allora non parliamo di questi 'aromi' ricavati da elementi più disparati. O sono io imbecille (possibilissimo) o mi pare ci sia una stranissima correlazione tra lo sviluppo di questi aromi sintetici e allergie. Oggi siamo tutti celiachi, allergici a lattini, a pasta, pomodoro, noccioline, crostacei, ci mancano solo più sole e ossigeno e abbiamo chiuso il cerchio. Sicuramente come impatto fa infinitamente più danni della RU486 e benefici ne porta solo alle aziende alimentari, non certo a noi che li assumiamo!


E per concludere... dulcis in fundo... questi fantomatici OBIETTORI DI COSCIENZA! Weee... non ti piace il lavoro che fai? Cambialo! Cosa me ne frega a me della TUA coscienza! A me frega della MIA, solo a mè stesso devo rispondere delle mie azioni (o al Padre Eterno per i religiosi, il quale sancisce la libertà INDIVIDUALE di scegliere liberamente - il famoso libero arbitrio che la Chiesa interpreta con due pesi e due misure in base al caso). Una persona non può obiettare assolutamente su di me. È un servizio pubblico, pago le tasse per mantenere la Sanità (oltre ad uno stuolo di porci di cui è meglio non far commento, a dir la verità mantengo anche sua Santità ma è meglio se non ci penso).Pago le tasse e HO DIRITTO che mi sia garantito un servizio. Un servizio 'umano'. Una donna che si presenta per un interruzione è un essere umano stremato e pezzi psicologicamente e chiede un servizio, che sia il più decoroso, meno umiliante e impattante possibile. [qui ci sarebbe spazio anche per la fantomatica epidurale e del 'partorirai con dolore'] Un medico può obiettare sulla SUA coscienza ma non sulla mia, non me ne sbatte proprio niente di cosa possa pensare di me la medicina, la società, lo Stato e men che meno sua Santità. Comunque il mio suggerimento è sempre lo stesso! Donne emigrate! Fatevi una vacanza in spagna, in svizzera... lontano da questo paese da terzo mondo.


Su questo tema non s'è pronucniato Demmini


COMPLIMENTI!


la “pillola del giorno dopo” non c'entra nulla con la pillola abortiva RU486


oh santo cielo! Non mi aspettavo tutto questo accanimento contro un articolo che ho trovato invece "tristemente divertente". Ho l'impressione che su questo blog ci sia una sorta di coalizione contro Corrias che non condivido per nulla. L'articolo è amaro, ironico, e mette in risalto ancora una volta il trattamento che la chiesa cattolica riserva alle donne. Se questo deve essere il Tempio della Libera Informazione, lasciate che tutti gli autori parlino di ciò che vogliono nel modo che vogliono. Se non siete d'accordo, ditelo. Ma sempre con educazione e senza mancare di rispetto a dei professionisti dell'informazione come gli autori di questo blog. Personalmente, non vedo l'ora di leggere il prossimo articolo di Corrias!


Io sono un ateo, e neanche del tipo troppo tenero a dirla tutta, ma questo pezzo mi è sembrato delirio isterico allo stato puro. "Disturbante adolescenza"? "Guardandole da lontano e con rancore"? Ma come si permette? Poi, la "donna che vive oltre la morte" attraverso la sua discendenza? Ma Corrias per caso lo sa come si fanno i bambini...? Che tristezza. Bellissimo articolo. per #401 anonimo credo che lei non l´abbia neanche capito l´articolo; mai sentito parlare di sarcasmo? la donna vive oltre la fecondazione nel senso che ha la grande ricchezza di poter procreare, facolta´che gli uomini non possiedono...e proprio in questo sta la potenza del femminile che gli uomini di chiesa e le religioni patriarcali tanto temono..


#3 Caro Sig Maurizio, anche la donna che abortisce e´una creatura ed ebbene si´lei puo´decidere se fare o figli oppure no....e cosi´drammatica la cosa? cosa vuol dire accanirsi contro la chiesa??caso mai e´esattamanete il contrario;le pare giusto che un´istituzione debba decidere sulla vita privata delle persone? lei sa che la chiesa e´responsabile della morte di migliaia di creature nate con il virus dell HIV soltanto perche´essa PROIBISCE l´uso del preservativo? questo come lo definisce?


#38 amedeo bellissimo commento! magari tutti i preti la pensassero e agissero come lei...! #88 Claudio Tarsi bel commento, sono d´accordo con lei! #106 Debby il fatto che si faccia confusione tra le due pillole, non significa che non si possa esprimere un proprio parere sulla RU486... #256 Pedro in che senso "marea nera"?




Corrias: ta set propri un ciula! RU486 non è pillola del giorno dopo! Pistulot! NO ALL'ABORTO!!! W BAGNASCO & RUINI!!! FEMMINISTE SIETE ALLA FRUTTA CON QUESTI PINI CHE VI DIFENDONO!!!


per #273 Marco lo sai (mi permetto di darti del tu:))che l´uso dell´aspirina fa molte piu´vittime della RU486??l´indice di mortalita´e´di 15,3 su 100 000... come mai allora nessuno fa battaglie contro l´uso dell´aspirina?TUTTI i farmaci possono risultare pericolosi e molti possono essere addirittura mortali...


@ 440 Dominus Jesus semper rex all´aborto non sono favorevoli solo le femministe...


15,3/100.000 morti per Aspirina? Carmen: i dati te li ha dati Pino Corrias? Oppure stai dando i numeri? Non fare disinformazione. L'aborto è un atto egoistico e arrogante della madre su una vita umana innocente, purtroppo considerato da molti un diritto ed un segno di civiltà e libertà. Nessuno lo mette in discussione. Qui ci si chiede se il metodo RU486 sia davvereo più sicuro ed efficace di quello chirurgico e se sia compatibile con la 194/78. Pino, amante delle donne, tu ami solo una cosa delle donne. L'aborto ti fa comodo, come fa comodo a molti maschi. Vuoi parlare di cose che riguardano la sessualità femminile e dimostri solo tutta la tua ignoranza e dabbenaggine. Riposati e rilassati amico.


Anima Christi, santifica me. Corpus Christi, salva me. Sanguis Christi, inebria me. Aqua lateris Christi, lava me.


@ 443 Instaurare omnia in Christo i dati li ho trovati su internet... non faccio disinformazione...siete voi piuttosto che fate falsi allarmismi!! come fai a dire che l´aborto e´un atto egoistico?faresti nascere tu un bambino con gravi disfunzioni che gli causerebbero sofferenza cronica e una vita d´inferno? mai sentito parlare di amore materno, altruismo? ah gia´ voi "uomini di chiesa" RISPETTATE talmente le donne che volete solo salvaguardarle, evitare loro le atroci e inutili sofferenze che la RU486 le causerebbe...certo, certo come no... la RU486 e´un metodo meno efficace di un aborto chirurgico e anche piu´pericoloso...ma perche´proibirla? diciamo le cose come stanno, in realta´stanno mettendo di nuovo in discussione il fatto se si possa abortire oppure no!e questa e´roba da medioevo.. www.xagena.it/news/e-gastroenterologia_it_news/7d420e2b2939762031eed0447a9be19f.html


@ carmen Su Internet si scrivono tante idiozie come ad esempio che, stando a quel che dici tu, 15 persone su 100.000 morirebbero per Aspirina. Anche Pino probabilmente ha preso i dati da Internet... Nessuno vuole proibire nulla. Si tratta di approfondire la questione per rendere più informate e consapevoli le madri che si accingono ad interrompere la gravidanza; in ordine ad una scelta consapevole su quale metodo usare. Resta il fatto che l'aborto è sempre un omicidio. Anche quello di una donna stuprata, nonché incinta di un bambino malformato. In quest'ultimo caso la madre non ha alcun diritto di proiettare le sue paure e la sua incapacità di dare un senso alla sofferenza sulla nuova vita che ha in grembo. E' custode non padrona. Ne permittas a Te me separari, bone Iesu.


Come ho scritto sopra, e l'utente conferma, i cattolici sono veramente dei mostri. Per questo siete quasi estinti. Grazie a Dio.


Giacomo: il tuo cervello si è estinto. Gloria Patri et Filii et Spiritui sancto. Sicut erat in principio et in secula seculorum. Amen


Scusi Sua Eminenza illibata Lei non sa nemmeno scrivere in latino... Si dice: Gloria Patri et Filii et Spiritui Sancto. Sicut erat in principio et nunc et semper et in saecula saeculorum. Amen Lei deve essere un post-conciliare. Giacomo: questi cattolici sono molto più forti di noi se uno come Pino fa un errore come quello che ha fatto confondendo RU486 e pillola del giorno dopo!


@ carmen se lei ha ancora dei dubbi sugli indici di mortalita´dei farmaci, vada a leggersi i dati scientifici, non credo che siano tutti inventati! Le idiozie sono idiozie quando tali si vogliono vedere... Aborto chirurgico o chimico non cambia granche´...sempre aborto rimane. Ma mi spiega cosa centra la chiesa in questo? appena ve n´e´occasione si immischia in questioni che non dovrebbero riguardarla...accetto il fatto che la chiesa sia contro l´aborto e lo rispetto, ma e´ora che anche la chiesa si faccia da parte e incominci a rispettare le opinioni altrui... D´accordo con lei nel dire che l´aborto e´un omicidio, tenga presente pero´che la donna che si trova a fare questo non ci si diverte certo e che spesso e´combattuta da grandi sensi di colpa... sa, una cosa poi non capisco: dove sta la coereza della chiesa? dice che non vuole uccidere persone innocenti; come mai poi condanna alla morte migliaia di bambini africani nati col virus del HIV ? me lo spiega questo? che la pace sia con tutti!


scusate! @ 446 Instaurare omnia in Christo


Aborto chirurgico o RU-486. Per i cattolici non è questo il problema. Essi vorrebbero che l'aborto non fosse legale condizionando così tutti gli altri secondo la loro visione della vita e della morte. Mi dispiace tanto per loro ma abbiamo la legge 194 e aggiungo per fortuna. Non vogliono mettersi in testa che se non ci fosse la legge a tutela della salute della donna, sarebbe ancora peggio perchè una donna che decide di abortire lo farebbe comunque ma illegalmente e con molti più rischi per la sua vita, finendo in mano a gente senza scrupoli che approfitterebbe dellla situazione, come d'altronde era prima dell'introduzione della suddetta legge. Ma chissà... forse preferirebbero così. Almeno la donna peccatrice verrebbe severamente punita.


@ Carmen Finalmente leggo parole rispettose. Dunque cambio tono anch'io. Lei pone questioni importanti ed è complicato trattarle in questa sede. Sono felice che possiede l'onestà intellettuale di ammettere che l'aborto sia omicidio. Mi rammarico per la sofferenza delle madri abortiste ma a volte il senso di colpa è una grazia, una voce della propria coscienza che rende consapevoli di aver commesso un atto non corretto. La Chiesa, per grazia di Dio, perdona la madre che si pente di aver interrotto una gravidanza. Questione HIV: chi segue la dottrina della Chiesa non può prendere l'HIV per via sessuale in quanto si mantiene casto/a sino al matrimonio, poi i due divengono una carne sola e l'adulterio è un gravissimo peccato contro Dio e il coniuge (VI comandamento). Chi segue fino in fondo la via indicata da Gesù non prende l'HIV. Il profilattico in sé è una falsa soluzione che illude di essere immuni. Come minimo va inserito in un programma di educazione profonda alla sessualità ed all'umanità. La Chiesa non condanna a morte nessuno e non si immischia. Custodisce e trasmette gli insegnamenti del Vangelo e li propone. Sta alla libertà del singolo seguirli o rifiutarli.


@ Carmen Io non so perché un bambino possa nascere con HIV, malformazioni o in Paesi sottosviluppati con un'aspettativa media di vita inferiore a 40 anni. La Chiesa celebra Misteri non soddisfa attese disse il card. Martini ad Umberto Eco. Io non so perché nel misterioso disegno divino ci sia spazio per il male. Il fatto è che la vita terrena non è la vera vita per un cristiano dunque spero e prego affinché quei bambini trovino la gioia piena nell'abbraccio con Dio. Prego anche per i missionari, affinché trasmettano Gesù a quelle popolazioni e portino pace ed umanità. Il resto lo ignoro e sono senza potere. Ho fede e speranza.


@ 453, 454 Instaurare omnia in Christo mi fa piacere che lei la pensi in questo modo.Deve rendersi conto pero´che il profilattico e´l unico modo per proteggersi dal virus del HIV (oltre alla castita´, ma dubito che qualcuno la pratichi) e che quindi la chiesa si rende copartecipe nel modo di trasmissione del virus, predicando essa la proibizione dell´uso di questo. In che senso poi, il profilattico e´una falsa soluzione che illude di essere immuni?


@Carmen Ci sono molti giovani che praticano la castità. In genere poi costruiscono famiglie in grado di resistere alle prove della vita. Il profilattico come unica soluzione al problema diffusione HIV è una falsa soluzione perché ha un'efficacia del 90% quando usato correttamente e non protegge da malattie cutanee o respiratorie molto diffuse nel Terzo Mondo (micosi e TBC). Malattie potenzialmente curabili in occidente ma non in quelle terre (specialmente la TBC). Inoltre fornire un profilattico senza educare al controllo di sé, alla fedeltà e al rispetto del proprio partner significa essere complici di un modo di concepire la sessualità disumano perché slegato dall'amore. Ai maschi fa molto comodo. Facile nascondersi dietro la finta attenzione alla donna. Tanto se qualcosa va storto i guai sono sempre suoi. No? La Chiesa invece propone un'altra strada, molto più degna per una Donna e un Uomo e insegna l'amore vero, esclusivo, per sempre. Provare per credere.


@ 456 Instaurare omnia in Christo Capisco quello che vuole dire. Ciascuno e´libero di scegliere la dottrina che vuole da seguire. Io seguo il buonsenso e il buonsenso mi dice che nella questione del AIDS la chiesa farebbe bene a tirarsi indietro, dato che proibendo l´ uso dei profilattici(predicandolo e molti fedeli, soprattutto nel terzo mondo, giustamente seguono cio´che dice...) non farebbe altro che peggiorare la gia´difficile situazione di questa terribile piaga... Il discorso del vero amore poi e´un´altra cosa.Ma l´amore non me lo deve insegnare la chiesa, l´amore non si puo´imparare, deve sorgere spontaneamente, non si puo´indottrinare... lei confonde la chiesa con il vero insegnamento di Gesu. Gesu esiste indipendentemente dall´esistenza della chiesa! la chiesa e ´solamente un´istituzione e qualsiasi persona armata di buonsenso si renderebbe conto che cio´che vuole e´solo il POTERE.


La Chiesa è il corpo di Cristo: esiste perché esiste Cristo. L'egoismo e l'istinto sono spontanei. L'amore va coltivato, il cuore va educato ad amare. Gesù insiste sulla necessità di vegliare e pregare. Lui stesso si fa obbediente. Il Suo sacrificio è il segno supremo dell'Amore. La Chiesa insegna cose molto giuste, perché vengono dal Giusto. Le ripeto: provi per credere. Indubbiamente ci sono uomini malvagi anche nella Chiesa. Anche questo un mistero che pone interrogativi dolorosi. Anziché distruggere tutto però forse è meglio testimoniare con coerenza il Vangelo che significa orientare la libertà alla Verità e all'Amore. Un Giuda è presente ovunque, anche in noi. Ora mi spiace ma debbo andare! Stia bene!


@ 458 Instaurare omnia in Christo La chiesa segue gli insegnamenti di Cristo.Cristo e´esistito ben prima della fondazione di essa...e quindi i suoi insegnamenti sono sempre validi. A mio avviso si puo´educare alla sessualita´, all´amore, al rispetto, ma non si puo´insegnare ad amare, dato che l´amore e´esattamente come l´egoismo e l´istinto, un sentimento che sorge spontaneamente nell´uomo... Stia bene anche lei! Saluti!


IL PROFILATTICO... é l'unico strumento al momeno disponibile per arginare MINIMAMENTE la diffusione dell' AIDS nei paesi dell'africa, ove idee come CASTITA e MONOGAMIA sono aliene. Tzè... persone come voi... io NON sono Ateo... ma sinceramente, il disgusto che mi provocate, mi fa quasi desiderare di esserlo.


@ Giacomo B. posso capirla!


"Beati voi, quando vi insulteranno e vi perseguiteranno e, mentendo, diranno contro di voi ogni sorta di male per causa mia. Rallegratevi e giubilate, perché il vostro premio è grande nei cieli; poiché così hanno perseguitato i profeti che sono stati prima di voi". Il disgusto è per la tua presunzione ed i tuoi dogmi Giacomo.


Fanatici come voi contribuiscono ad allontanare le persone dalla chiesa.


Tu Giacomo sei talmente ideologico che se fossi tu Papa ci sarebbe da aver veramente paura. Oltre a seminare zizzania e divisione non capisci nemmeno ciò che ho scritto: non ho mai detto che bisogna proibire totalmente l'uso del preservativo. Ho detto che non può essere la soluzione se non viene inserito in un programma completo e umano di educazione alla sessualità e all'amore vero. Quello insegnato da Gesù crocifisso e risorto. Questo lo condividono tutti i missionari che a differenza nostra, qui a scrivere stronzate, dedicano la vita a portare Cristo ai poveri del Mondo. Se poi tu pretendi che sacerdoti, vescovi o il Santo Padre anziché distribuire ostie e sacramenti distribuiscano preservativi sei proprio fuori strada. Tu non loro. "La Chiesa celebra Misteri non soddisfa attese". Card. Martini


# 465    commento di   Manuel San Benedetto Po - utente certificato  lasciato il 10/8/2009 alle 11:56

PARTECIPATE IN QUESTO SITO. NE VALE LA PENA! www.manuelzacche.ilcannocchiale.it
www.manuelzacche.ilcannocchiale.it


Quello che tu dici è irrilevante, tu sei solo un esaltato sulla rete. Conta quello che dice la chiesa, andiamo a dare un occhiata a quello che dice? Pope John Paul II John Paul II's position against artificial birth control, including the use of condoms to prevent the spread of HIV,[1] was harshly criticised by doctors and AIDS activists, who said that it led to countless deaths and millions of AIDS orphans.[2] Critics have also claimed that large families are caused by lack of contraception and exacerbate Third World poverty and problems such as street children in South America. On a balmy late afternoon in September 1990, John Paul II visited the small town of Mwanza, in northern Tanzania, and gave a speech that many believe set the tone for the AIDS crisis in Africa. Being unequivocal, he told his audience that condoms were a sin in any circumstances. He lauded family values and praised fidelity and abstinence as the only true ways to combat the disease Traduco l'ultimo pezzo. "Senza possibilità di equivoci, disse al pubblico che l'uso del profilattico è peccato in qualunque circostanza. Lodò i valori familiari, la fedeltà e l'astinenza come il solo modo di combattere la malattia." Quanto a Ratzinger.... Pope Benedict XVI In 1988 a debate within the Catholic Church over the use of condoms to prevent AIDS sparked an intervention from Rome. The Church in 1968 had already stated in Humanae Vitae that chemical and barrier methods of contraception went against Church teachings. The debate was over the different issue of whether or not condoms could be used, not as contraceptives, but as a means of preventing the spread of HIV/AIDS and other sexually transmitted diseases. In 1987, the U. S. Conference of Catholic Bishops issued a document suggesting that education on the use of condoms could be an acceptable part of an anti-AIDS program. In response, Cardinal Ratzinger stated that such an approach "would result in at


In response, Cardinal Ratzinger stated that such an approach "would result in at least the facilitation of evil" – not merely its toleration. For the full text of the letter, see: On "The Many Faces of AIDS" (See also Karol Wojtyla's Love and Responsibility). Critics argue that Ratzinger's approach would lead to increases in the frequency of HIV/AIDS infections, while many Catholics dispute this and emphasize the value of faithful relationships or chastity, as it is scientifically impossible to contract the disorder without having sex with an infected person, unless via some other means such as a blood transfusion or sharing a needle.


Bravo Giacomo, se vai su www.vatican.va trovi tutto anche in italiano. Conferma ciò che ho detto: il preservativo è una falsa soluzione se è proposta da sola. Può addirittura peggiorare le cose: uso scorretto, falsa convinzione di essere immuni, diffusione di malattie non a trasmissione sessuale... Castità e rispetto degli insegnamenti della Chiesa (VI comandamento) rappresentano la via più efficace per la prevenzione della diffusione dell'HIV per via sessuale. Ma soprattutto insegnano l'amore che nutre una famiglia. Non sono affatto esaltato e non ho detto nulla di diverso dal Magistero. Sei tu che pretendi di dire alla Chiesa cosa deve fare o dire e agiti il meschino ricatto dell'andarsene. Non voglio lasciarvi il monopolio, sono in vacanza: ognuno si diverte come può. No? Comunque apprezzo molto che hai cercato questi testi. Meditaci sopra e lasciati toccare il cuore.


"Penso che... più presente sul fronte della lotta contro l’Aids sia proprio la Chiesa cattolica, con i suoi movimenti, con le sue diverse realtà. Penso alla Comunità di Sant’Egidio che fa tanto, visibilmente e anche invisibilmente, per la lotta contro l’Aids, ai Camilliani, a tante altre cose, a tutte le Suore che sono a disposizione dei malati … Direi che non si può superare questo problema dell’Aids solo con soldi, pur necessari, ma se non c’è l’anima, se gli africani non aiutano (impegnando la responsabilità personale), non si può superarlo con la distribuzione di preservativi: al contrario, aumentano il problema. La soluzione può essere solo duplice: la prima, una umanizzazione della sessualità, cioè un rinnovo spirituale e umano che porti con sé un nuovo modo di comportarsi l’uno con l’altro; la seconda, una vera amicizia anche e soprattutto per le persone sofferenti, la disponibilità, anche con sacrifici, con rinunce personali, ad essere con i sofferenti. E questi sono i fattori che aiutano e che portano visibili progressi." B XVI intervistato durante il volo per l'Africa.


Ripeto, che razza di mostri che siete. Un vero essere umano darebbe profilattici mentre, MENTRE, porta avanti la sua persoanle battaglia ideologica. Un vero essere umano sa che le sue convinzioni sono sue e basta, che esiste sempre una possibilità di avere torto. Per questo un vero essere umano non mette mai le proprie convinzioni davanti alla vita degli altri. Ma voi non lo siete, e forse non lo sarete mai. Il tempo vi spazzerà via.


Per ora il tempo ha spazzato via comunisti, nazisti, fascisti, tangentari, brigatisti e prepotenti vari. Noi ci siamo da 2000 anni. Se poi consideri il popolo giudaico da quasi 6000 anni. La Chiesa propone non impone. Tu non vuoi seguire, fa' quel che vuoi. Non pretendere che la Chiesa faccia o dica ciò che vuoi tu. E rispetta chi ha opinioni diverse dalle tue illuminato fasullo.


--------------------------------- "La Chiesa propone, non impone. Tu non vuoi seguire, fa quel che vuoi" --------------------------------- Ecco appunto, grazie. Vorrei essere LIBERA di fare ciò che voglio, e vorrei che la Chiesa me lo lasciasse fare però. Influenzare il Governo con le proprie idee, ben sapendo che esso cercherà di accontentarla per non perdere i voti dei cattolici, a me sembra una sorta di imposizione... e non lo trovo per niente giusto e nemmeno corretto.


OPINIONI?! Non me ne frega un beneamato c#@+o delle tue opinioni. Sono le tue azioni il problema. E' che tu vai a dire a soggetti culturalemnte deboli di non utilizzare lo strumento per il controllo delle nascite e per la prevenzione delle nascite per motivi ideologici. Tu INCREMENTI la possibilità di nascite indesiderate e infezioni di aids. E io questo non lo posso tollerare. Non ti posso permetttere di fare del male ai più deboli.


Per non perdere i voti cattolici, che stando a quanto afferma il tuo amico individualista sarebbero molto pochi; oppure perché qualcosa di ciò che afferma la Chiesa li convince? La 194/78, pur regolarizzando un atto per la Chiesa molto grave, mi sembra una bella sintesi tra tutela della vita e della libertà. Più ancora della 194/78 la nostra Costituzione è un esempio altissimo di sintesi di valori diversi. Sai che molti di quelli che l'hanno voluta e scritta furono cattolici? Fin quando prevarrà il soggettivismo ed il vostro atteggiamento pre-concetto ed irrispettoso, io non smetterò di convincermi dell'importanza di una voce come quella della Chiesa cattolica. Voce di salvezza. Il profilattico puoi infilarlo a chi ti pare, puoi anche farci un palloncino e Pino può scrivere le sue panzane sulla RU486. Non siamo in Iran. Piuttosto non proiettate la vostra infelicità esistenziale su altri. Se non siete soddisfatti chiedetevi perché.


Giacomo: tu sei culturalmente debole. Il tuo individualismo esasperato deriva dal crollo delle illusorie speranze portate da sciagurati filosofi come Marx, Nietzsche, la sinistra hegeliana e i vari razionalisti. Ora che non esiste più morale condivisa i migliori tra voi pretendono che il diritto dica cosa è bene e cosa è male sostituendo la giustizia terrena all'etica; i peggiori sono già precipitati nel cinismo utilitarista. I risultati nefasti sono già visibili in parte. Ma il bello dovrà ancora venire. Io, come dice Heidegger, ho il coraggio di guardare in faccia l'"ospite inquietante", il nichilismo e sono sicuro che sarà spazzato via anch'esso come tutti gli altri -ismi che dal 1789 rovinano e minacciano la storia umana.


Ah Giacomo: non andare su Wikipedia, non perdere tempo, nel 1789 c'è stata la Rivoluzione francese.


Vai a raccontare le tue puttanate filosofiche a quelli che muoiono di aids in africa. Stiamo parlando di problemi pratici.... No mi correggo. Io sto parlando di problemi pratici. A te importa solo il tuo vuoto filosofeggiare.


Iesus autem dicebat: “ Pater, dimitte illis, non enim sciunt quid faciunt ”. (Lc 23, 34)


# 479    commento di   Manuel San Benedetto Po - utente certificato  lasciato il 11/8/2009 alle 15:7

UN BLOG INTERESSANTE, FUORI DAL CORO www.manuelzacche.ilcannocchiale.it
www.manuelzacche.ilcannocchiale.it


Ma la Chiesa non predica la fratellanza universale fra i popoli? Fra tutti i popoli però, non solo i cattolici. Ma la Chiesa non è contro la discriminazione? Ogni tipo di discriminazione, però. Come al solito predica bene e razzola male, difendendo solo i propri interessi personali. http://www.unita.it/news/sentenza_tar/87258/il_tar_mette_fuori_i_prof_di_religione



Mostra tutti i commenti


commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti