Commenti

commenti su voglioscendere

post: Storia di un detenuto da nulla

Vanity Fair, 17 settembre 2009 Probabile che il nome Sami Mbarka Ben Gargi , non vi dica nulla. Invece dovrebbe. Era detenuto nel carcere di Pavia . E’ morto in ospedale rifiutando cibo e acqua il 5 settembre scorso. Era tunisino, aveva 41 anni, chiedeva la revisione del suo processo. Ha iniziato lo sciopero della fame e della sete il 16 luglio. Secondo il suo avvocato “non ha mai perso lucidità” e la sua forma di estrema protesta l’ha praticata in piena consapevolezza fino alla fine, diventando il ventottesimo suicidio che dall’inizio dell’anno insanguina le carceri italiane, dove oggi vivono ammassati 64 mila detenuti in uno spazio che dovrebbe contenerne 20 mila di meno. Sami è morto solo come un cane . Anzi peggio. Perché se fosse stato un cane, forse qualche ... continua



commenti

Gli ultimi 100 commenti / 
Mostra tutti i commenti


un mese fà, all'ennesimo omicidio suicidio dei delitti fra le prigioni domestiche ed all'ennesimo degrado delle emozioni che sfociano in distruzione, segnalai tanti siti e classifiche in cui si evidenziava come financo alle prigioni di stato , la vita sia portata ad essere vissuta cosi malamente,da confermare anche solo nei numeri,di fronte a quele emergenza sociale siamo di fronte..condizioni di vita di cui nell'ipocrisia generale anche di boffo,senza volerlo riattaccare come ha fatto feltri, siamo finiti Se non verrà recuperata da parte di chi vuole essere migliore,in questo orrrendo paese,la capacità di mettersi insieme fra i migliori,sarà l'autodistruzione cosi come sta gia avvenendo con estrema goduria di questo e del prossimo tiranno.. Inoltre tutti i grandi giornalisti come corrias o travaglio e così saviano o caporale o serra,dovrebbero scrivere su testate che noi "snob spocchiosi" non leggeremmo mai, come chi o vanityfair o anche a o novelladuemila e cazza bubboli di questo tipo..perchè piu forte si farà la diffusione di denuncia e formazione sui mezzi non di nicchia come i nostri, più sarà forte la domanda ai nostri governanti di garanzie minime di vita uguali per tutti…ogni mezzo deve essere usato per qst fine contro lo stato anarchico nel su senso peggiore e piu ipocrita in cui le delegazioni di quest o quel pdl fanno visita alle carceri, compreso Farina che comunicando libera gli sfottò al 41 bis di Totò Riina.




# 87 pasolinantE sei tremenda: non mi consenti nemmeno di tacere. Ma qui io taccio (scrivo già troppo altrimenti).


OT -QUOTO STRAQUOTO Paolo Flores d'Arcais "Lo sconcertante rinvio della manifestazione di sabato 19 Il cordoglio e l’umana pietà per i militari italiani morti a Kabul sono incompatibili con la difesa della libertà di stampa? Il cordoglio e l’umana pietà per i militari italiani morti a Kabul sono incompatibili con la difesa della libertà di stampa? Solo a chi coltiva a una follia del genere poteva venire in mente di spostare la manifestazione di sabato, quasi che essa, in quanto di denuncia dell’attuale governo (anzi regime) debba essere vissuta come ipso facto anti-nazionale, anziché in sommo grado patriottica, come in effetti era, poiché con l’obiettivo di salvare il paese dall’abiezione in cui il berlusconismo lo sta precipitando. La verità è che da molti quella manifestazione era stata indetta controvoglia. Nella Federazione della Stampa convive di tutto, infatti, dai giornalisti-giornalisti agli aficionados del killeraggio mediatico contro gli oppositori del regime (o anche i sostenitori del governo che solo accennino alla fronda), passando per tutte le gradazioni del giornalismo d’establishment. Le cause milionarie (megamiliardarie, se calcolate in vecchie lire) con cui l’egocrazia vuole piegare ogni residuo di libertà critica non sono cominciate infatti con i recenti casi di l’Unità e la Repubblica. Ne sanno qualcosa Antonio Tabucchi, per il quale si sono mobilitati scrittori di tutto il mondo, o Gianni Barbacetto, per non parlare delle infinite cause intentate contro Marco Travaglio. Ma non risulta che fino ad oggi la Federazione della Stampa si sia mossa in loro difesa, chiamando a manifestare. La verità è che la manifestazione avrebbero dovuto indirla i partiti dell’opposizione, dispiegando tutte le loro forze organizzative e comunicative, affidando poi ai tre giuristi dell’appello che sta sfiorando 400 mila adesioni, Cordero, Rodotà e Zagrebelsky, tre tra le figure più alte dell’Italia di oggi, ogni decisione sugli interventi dal palco e lo
http://temi.repubblica.it/micromega-online/flores-darcais-il-cordoglio-e-l%e2%80%99umana-pieta-per-i




Se sul blog di Grillo ci fosse stata la possibilità di inserire qualche video sul lavoro: usuraio, fautore dei finanziamenti delle guerre e creatore di conflitti sociali; delle banche sarebbe stato interessante vederli. Più delle migliaia segnalazioni che narrano della scorreggia in diretta del Presidente del Consiglio, ormai decadente, o delle battute sporche che egli fa durante le conferenze stampa, sarebbe stato interessante vedere qualcosa d'altro. Non si tratta "benaltrismo" in quanto non si ha l’intento di sminuire i soliti (aimè) argomenti, bensì di mettere in evidenza quei temi che sono la sorgente delle problematiche globali e che vengono puntualmente snobbati dall'informazione. Tutti gli uomini de Il Grasso Bankiere© - la Goldman Sachs http://www.youtube.com/watch?v=VA3Bmqlhu1I&feature=PlayList&p=09C4CDECDA72AB99&index=36 David Icke - Banche e Usura http://www.youtube.com/watch?v=7WignFcAkAc&feature=PlayList&p=CEB2E967656ABFC6&playnext=1&playnext_from=PL&index=17


Ieri, dopo l'accaduto, ho immediatamente pensato che queste vittime, questi sacrifici, non possono e non devono essere fatti invano. Questi soldati non meritano l'Italia che si è vista in questi mesi. Non meritano un'Italia dilaniata, in perenne guerra fraticida, dominata da piaghe di insensata polemica. Non meritano un'Italia dove la straordinaria grandezza e storia del nostro popolo viene quotidianamente stuprata da minoranze anti-italiane pronte ad utilizzare qualunque circostanza per alimentare una retorica nemica del paese, del suo popolo e della sua storia. Il modo migliore per onorare questi combattenti per la libertà e cercare di far trionfare la buona Italia, l'Italia maggioritaria sulle sacche nazionali e globali di anti-italianità. Cerchiamo di essere una nazione, cerchiamo di essere uniti nei valori fondanti della nostra cultura italiana, occidentale, giudaico-cristiana e illuminista. Cerchiamo di essere orgogliosi della nostra nazionalità. Questo sarà il modo migliore per rendere omaggio a sei eroi morti per la libertà di un popolo lontano...
mundusliberalis.blogspot.com




Luca, in quanto a retorica batti La Russa


Mi unisco a pasolinante: grande Paolo Flores D'Arcais. Chi ama la verità e la libertà d'informazione non può che essere d'accordo.




...lasciate stare il link che compare sul video di David Icke, depotenzia tutto quanto viene detto nell'intevento segnalato.




# 100    commento di   DANIELEPELIZZARI - utente certificato  lasciato il 18/9/2009 alle 12:4

@anglotedesco 45 nei paesi che hai citato esiste (come in tutto il mondo) la clandestinita', gente che entra senza avere in mano un permesso. Se trovati vengono rispediti a casa (e gia' ci sarebbe da discutere sul lato morale di questa azione). Non esiste il reato di clandestinita' che inoltre, genialata italiana, diventa aggravante in caso di altro reato. Se tu commetti un reato subisci una pena, se lo commette un clandestino (che nel 2009 dovrebbe essere ritenuto in paesi civili un uomo come te) ne subisce una piu' pesante. Personalmente lo chiamo razzismo, tu chiamalo come vuoi.


Tutto vero , provo vergogna per me stesso. Sono stato trasformato in un essere non pensante senza coscenza,dalla TV, dal benessere e dal PDL ( P-2 Loggia) e dal PD (P due senza loggia) . Quanti sono come me?.


# 102    commento di   DANIELEPELIZZARI - utente certificato  lasciato il 18/9/2009 alle 12:8

@Federica 57 ciao vecchia (oops) mia, mi hai battuto sul tempo. Avrei scritto, virgola piu', virgola meno le tue stesse parole.


Paso >Inoltre tutti i grandi giornalisti come corrias o travaglio e così saviano o caporale o serra,dovrebbero scrivere su testate che noi "snob spocchiosi" non leggeremmo mai, come chi o vanityfair o anche a o novelladuemila e cazza bubboli di questo tipo. Vero! Mi sembra che Corrias scriva su Vanity Fair, ma sul concetto hai ragione, altrimenti predicano al coro, nicchia o no. Solo che dovrebbero usare nomi falsi, perché la berlusconiana che legge quelle riviste scapperebbe non appena vedesse le prime sillabe dei loro cognomi. E gli editori accetterebbero questi giornalisti? Ma l'idea è buona. Luca >Come diavolo si può parlare di un delinquente che non mangia dopo ciò che è accaduto ieri? C'è un fatto che ti sfugge, che ciò che è accaduto ieri è la morte in guerra. Stranissimo, nevvero? C'è da mesi, da anni, caro Luca, solo che quando i morti non sono Italiani o perlomeno occidentali, a te per primo non frega una mazza. Anche per te un civile afghano, magari di cinque anni, conta meno di un militare, come per molti. Ci cono continenti interi ignorati dai media, eppure le guerre sono continue. Un uragano, un'inondazione o uno tsunami hanno ore e ore di tv se ci sono morti occidentali, un servizio di due minuti se sono Neri o Gialli o a strisce. Accusami pure, ora, di essere la solita retorica sinistrorsa, lo accetterò come un grande complimento, in fondo la retorica è e resta un'arte, l'umanismo 'sinistrorso' una cosa grande anche se démodé. Punta pure il dito sull'ipocrisia come fanno molti, come spesso accade a me viene in mente la storia della pagliuzza e della trave- ci sono toni biblici sul blog, sono in tema. Dai un'occhiata e dimmi dove fosse il tuo sdegno, allora: http://images.google.it/images?hl=it&source=hp&q=morit+civili+afghanistan&btnG=Cerca+immagini&gbv=2&aq=f&oq=


Feltri sciva tutte le falsità che vuole, se vuole proprio rovinare l'ultimo briciolo di credibilità e dignità. Nessuno glielo vuole proibire, dai, Luca!


... Feltri continui pure a scrivere, nel nome del principio di Voltaire: detesto le tue idee, ma darei la mia vita affinché tu le possa esprimere.


Daniele!!! Ciao!!! Mi sei mancato. Niente oops, vecchietta sono.


Corr.: Feltri scriva


# 108    commento di   DANIELEPELIZZARI - utente certificato  lasciato il 18/9/2009 alle 12:14

@We@st 58 @Federica 59 certo che sembra quantomeno opinabile sospendere la manifestazione ma credo che gli organizzatori non abbiano sbagliato. Chiunque scenda in piazza dopo un fatto come quello di ieri rischia di essere strumentalizzato e fare la figura di quello che se ne frega dei morti. Immaginatevi i vari cicchitto, la russa, capezzone e tutta la compagnia di circo inveire con la schiuma alla bocca contro i comunisti che disprezzano il sangue italiano versato eroicamente per difendere la democrazia. ciao


# 109    commento di   DANIELEPELIZZARI - utente certificato  lasciato il 18/9/2009 alle 12:16

@Federica ha votato PD ed e' un mangiapreti, si vergogni! :-) ciao


farabutto il 17/09 ore 00:00:00: "resteremo a Kabul" sondaggi il 18/09 ore 00:00:00: il 58% degli italiani vuole che ci ritiriamo farabutto il 18/09 ore 00:00:01: "ci ritiriamo" davvero un grande statista! proprio il migliore degl'ultimi 150 anni!!! che buffone!


# 111    commento di   DANIELEPELIZZARI - utente certificato  lasciato il 18/9/2009 alle 12:18

@marco vittone 63 marco, sono un peccatore, te la faccio io una preghiera: per cortesia non includere anche me nei tuoi dialoghi divini.


#luca spero per la tua profonda umanità e somma intelligenza possa essere d'accordo con quanto scritto da clandestino ieri sera su questo post, che quindi tu pianga disperato e disperatamente senza poterti consolare per ogni morte di civili , che ogni guerra nonche operazione di finta pace ha fatto in milioni di morti da quando è nato l'uomo... la famosa patria va difesa senza ipocrisie io non ho scelto di fare il militare io non ho scelto di RISCHIARE chi va in guerra sa perfettamente che insomma se vai inguerra ,si può ben tanto morire anche io posso morire da un momento all'altro per la classica tegola in testa, ma se vado in territori di guerra e ho scelto di fare questo per la patria ,e sono pagato ben ben tanto, è assurdo ogni altro teatro IPOCRITA, bisogna solo piangere di dolore per l'imbecillità della guerra in ognuna , una per una, delle sue vittime,civili e militari TUTTE.. se questo è il tuo patriottismo ,bene questo tuo falso mi ripugna- ------ ciao Daniele:-),benritrovato riletto,hai perfettamente ragione nel tuo 108 ,ormai non è piu possibile "muoversi",ogni cosa viene immediatamente distorta , è l'impotenza piu totale della bellezza della idealità trasversale , per il predominio della superpotenza di massa o di nicchia,dipende dai casi per Federica :-) , bellissima la tua integrazione al mio sulle sigle da usare per nn essere loro immediatamente riconosciuti e bollati.condivido inoltre tutto quanto hai scritto sia stamane che stanotte


93 commento di Luca Ehi Demostene, perchè queste cose non le scrivete tutti i santi giorni per i 6 morti GIORNALIERI in ITALIA sul fronte del LAVORO e invece tirate in ballo tutte 'ste retoriche su Dio Patria Valori Fondanti Occidente e altre metafisicità assortite per dei professionisti ben pagati per rischiare la vita ? Onore a caduti in Afganistan, mi spiace molto ma STOP, basta con le false retoriche che servono solo a far sì che ci saranno ancora altri ragazzi che perderanno la vita. Parlate chiaro : dite che il grande Bush jr., amicissimo del nostro premier che lo ha inserito nella Storia di forza, è il deficiente che spostando tutto sull'Iraq si è "dimenticato" dell'Afganistan. Mandateli a lui i vostri pistolotti.


#14 Lui non c'era ma per lo meno ha riferito del fatto. Tu non c'eri e neanche lo avresti saputo se non te lo diceva lui. Non giustifiare la tua coscenza condannando i comportamenti delgi altri!


Allora: Anzitutto bravo Corrias, sottoscrivo al 100%. Siamo pieni di ipocriti finto-cattolici pronti a dare dell'assassino al babbo di Eluana, ma che di fronte alla sofferenza dei poveri SE NE FREGANO. Questo sito è invaso da troll, oggi scatenati perché sono morti i nostri nuovi 'sei eroi' della Folgore (la più fascista delle forze dell'Esercito, tra l'altro). Ogni scusa è buona, ora Silvio potrà avere la sua boccata di sano PATRIOTTISMO. E ieri a Ballarò (quasi degna di Porta a Porta)si è detto che gli italiani pensano positivamente la ricostruzione del terremoto al 79% vs il 7% che la pensa come vaccata. Incredibile la forza della propaganda! Ieri la notizia era anche quella che il 28-29 marzo scorsi sono morti 600 dico SEICENTO immigrati con i due barconi (e non uno solo come si pensava) affondati. Per loro non c'é pietà. Per questo tunisino, una specie di Bobby Sands de noaltri, non c'é stato nessun interessamento. La Chiesa Cattolica è ipocrita e marcia fino al midollo. E chi impone la lacrimazione collettiva perché in una GUERRA sono morti dei SOLDATI (e 15 civili, ma quelli sono una specie inferiore) non avrebbe versato una lacrima se fossero stati sei metalmeccanici. E' così: se hanno una divisa sono EROI, se sono operai e per vivere non ammazzano nessun 'cattivo' (e magari civile, vedi 150 morti a Kunduz) allora sono solo 'effetti collaterali'. L'operaio, il precario, il disoccupato, se crepano sono cacca. Il deportato nelle carceri di Gheddafi, dove ci si sta in 60 in 30 metri quadri solo perché colpevoli d'essere nati in Eritrea, è cacca. Il Tunisino che si lascia morire di protesta per una condanna che lui ha considerato ingiusta è cacca. Invece l'Avvocatura di Stato dà le dritte politiche alla Corte Costituzionale, che non sia mai che si danneggiasse il lavoro del Pres.cons.Berlusconi e i suoi amici mafiosi. Bravo Corrias. Ora speriamo qualche articolo sulla Palestina


Gioiamo, godiamo, Luca ci ha detto che c'è libertà di stampa per tutti tranne che per feltri: che Paese meraviglioso. Mi viene in mente la parola diniego, leggendo persone come Luca. E altre, ma le lascio all'immaginazione. >Chi si lamenta per il rinvio è totalmente privo di umanità e moralità. Che detto da uno che scrive essenzialmente chi se ne frega di un delinquente morto di sete e fame, è credibile. Credibilissimo. DAWN, Pakistan http://www.dawn.com Almeno 25 morti in un attentato suicida in Pakistan. Almeno 25 persone sono morte e decine sono rimaste ferite in un attentato suicida a Kohat, una città che si trova a 150 chilometri da Islamabad, nel nordovest del Pakistan. L'attacco è avvenuto nell'area di un mercato e ha distrutto anche molti negozi. Kohat è una città a maggioranza sciita vicina alle zone tribali al confine con l'Afghanistan. Gli attacchi contro gli sciiti fanno parte della strategia dei ribelli taliban per rovesciare il governo. Letto, Luca, vuoi commentare? Ore e ore di Tg su questo, ci saranno? Com musiche alla Morricone per strappare lacrime bipartisan? O no? La seconda che ho detto.


Hai ragione federica sul fatto che in italia si parli poco di certi argomenti esteri. Vorrei sentire qualcosa in più sul Darfur, sui dissidenti a Cuba, sul paese spaccato in due in Bolivia, sulla situazione in Thailandia, sulla libertà in Russia, sulle speranze dei Tibetani, sulle speranze europee di Albania e Montenegro, sulla sacrosanta indipendenza del kosovo, sulle paure delle nazioni coraggiose confinanti con la Russia, sui talks diplomatici a Cipro, sulle nuova politica estera turca del Ministro Davutoglu, sui ribelli invasati di cristianesimo in Uganda, sulla transizione in Zimbabwe, ecc ecc.. Ma sbaglio o siete voi di sinistra che parlate solo di Palestina e "presunti crimini" americani? sbaglio o siete voi che chiudete gli occhi sui crimini dei paesi "non allineati"? Io mi indigno per ogni morto nel mondo, ma sopratutto non mi sono accorto dell'Afganistan nel 2001. Quando i talebani facevano le esecuzioni negli stadi dove era la sinistra? forse a bruciare qualche bandiera israeliana..
mundusliberalis.blogspot.com


>ha votato PD ed e' un mangiapreti, si vergogni! :-) Tutte le sere, Daniele, indosso anche il cilicio, lo posso prestare a Corrias, infatti. ;) Che amarezza, Daniele. Gente che riscopre la pietà quando muoiono dei soldati, volontari e pagati- mi spiace comunque, sia chiaro- ma mai, mai per altri. Il rischio di strumentalizzazione da parte di berlusconi e pitbull c'era, ma la domanda resta: cosa c'entra la libertà di informazione con le vittime di una guerra? E parlare di soldati come 'combattenti per la libertà', quando molti di loro si strabattono della libertà degli Afghani e la guerra tutta nacque dalle pipelines mi sembra altro che ipocrita. Paso Grazie. :) Ne ero sicura.


# 119    commento di   DANIELEPELIZZARI - utente certificato  lasciato il 18/9/2009 alle 12:37

@Federica 106 ferie, lavoro, ferie, lavoro(piu' o meno in quell'ordine) e presto di nuovo ferie :-) mi sei mancata anche tu. L'ipocrisia sui morti in Afghanistan o Irak o dovunque e' uguale in tutto il mondo. L'Inghilterra sta subendo perdite gravissime e sono tutti eroi, padri eccezionali, mariti incredibili, figli perfetti, uomini che non potranno mai essere sostituiti, commilitoni fantastici, vere leggende (naturalmente vale anche per le donne, uk e usa ne hanno perse molte) e via in effluvio prosopopeico. Di fatto sono soldati che nel momento che girano per le strade di un paese straniero con un fucile in mano si accollano il rischio di essere ammazzati (e di ammazzare). Verrebbe da dire che questi taliban hanno una mira pazzesca, non beccano il primo che passa, solo eroi, di qualunque nazione. E non voglio nemmeno entrare nel discorso se sia una guerra giusta o meno, se abbia un senso mandare i nostri soldati ecc., come la penso lo sai. Ma, santo cielo, almeno si abbia il coraggio di chiamarla con il suo nome: guerra. Ed i soldati (di qualunque nazione) che la stanno combattendo sono per la maggior parte ragazzi che scelgono di fare il militare per mancanza di altre possibilita' e sanno i pericoli a cui vanno incontro e li corrono per guadagnare di piu'. Un amico scriveva proprio stamattina che prova piu' dolore per le morti bianche sul lavoro. Non riesco a dargli torto. ciao




# 121    commento di   DANIELEPELIZZARI - utente certificato  lasciato il 18/9/2009 alle 12:39

@mauro 110 non male nemmeno il coraggioso che gonfiando il petto urla "dico ai vigliacchi che non ci fermeremo" ma lo fa da Roma e che non si fermeranno saranno altri. Poteva pure aggiungere: -armiamoci e partite- ciao


# 122    commento di   DANIELEPELIZZARI - utente certificato  lasciato il 18/9/2009 alle 12:41

@Pasolinante ciaodipiu' :-)


Per ricapitolare, dato il livello dei troll quivi scatenatisi, con la retorica tipica delle 'grandi occasioni'. Se non ve lo diceva Corrias, lo avreste saputo che vi sono detenuti che muoiono di fame per protestare di stare nelle carceri ora strapiene grazie alla Bossi-Fini e alla Fini-Giovanardi? Se al Vaticano interessa tanto la vita di Eluana, perché se ne frega di quella dei detenuti come questo? Se un uomo x portare lo stipendio a casa, lo fa da metalmeccanico e muore, perché NON E' un eroe? Io preferirei 100 volte andare armi in pugno a rischiare la vita che in un cantiere in cui non si rispettano le norme di sicurezza e dove non hai NESSUNA protezione nemmeno dai sindacati! 600 immigrati morti marzo scorso non hanno meritato alcuna lacrima. 150 civili ammazzati a Kunduz non hanno meritato nessuna lacrima. Milioni di Palestinesi, Kurdi, Uiguri e Tibetani oppressi dai rispettivi occupanti NON MERITANO NESSUNA LACRIMA Eccolo qui il grande 'pathos' italico, sempre pronto a sciogliersi di fronte alla bandiera e alla divisa. Della vita umana non frega niente, solo dell'orgoglio nazionale ipocritamente manipolato. Boffo è un ipocrita, ed è stato cacciato per avere fatto l'unica cosa giusta della sua 15ennale carriera. Basta con i muri imbiancati e basta con il bavaglio che la stampa si mette da sola. Feltri può dire quello che vuole, ma non può raccontare cose false in partenza. La libertà di stampa non giustifica i ricatti con appositi dossier. Infine, gli immigrati a differenza del fascista di cui sopra, non contribuiscono con 20 mila detenuti soltanto (colpa delle leggi criminogene di Fini e affini) ma anche con l'8% del PIL. Mandassero la Folgore a pulire il culo ai nostri vecchi se non vi sta bene, o a lavorare di cazzuola nei cantieri. Begli eroi, tutti armati e corazzati quando un operaio non ha nemmeno il casco anti-infortuni.


# 124    commento di   DANIELEPELIZZARI - utente certificato  lasciato il 18/9/2009 alle 12:46

@luca 120 francamente ero piu' preoccupato quando l'atomica l'aveva in mano bush. In Pakistan, che l'atomica sia in mano a musharraf o agli integralisti, non mi sembra faccia gran differenza. Giusto per puntualizzare, l'America e' l'unica nazione che l'abbia usata contro civili, oltretutto bombardando due citta' senza obbiettivi militari ed a guerra praticamente finita.


117 Luca Paesi non allineati a che? La guerra fredda è finita e in Russia il governo è in mano de facto all'amico Putin, amico del tuo Silvio, ma proprio amiconi. Ops... Io sono di sinistra e i crimini dei paesi ex sovietici o ex satelliti contano quanto quelli dei paesi ex americani: puoi dire la stessa cosa? Hai la stessa coerenza? Ma no, addirittura parli di 'presunti' crimini americani quando al di là di ogni stramaledetta ideologia la storia e i LORO documenti declassificati provano che quei crimini li hanno fatti. Dov'eri tu quando in Cile aiutavano Pinochet? Eri in Salvador a protestare? Se non eri neanche nato, ok, quanto sei disgustato per gli eroici 'combattenti per la libertà' della CIA che aiutavano le guerrigile fasciste in Sud America? Filippine? Che mi dici dei Talebani in California? Rumsfeld e il suo sorriso mentre stringeva la mano di Saddam? Oh, non le sai, queste cose? sarà che leggi feltri? Suvvia, Luca, esci dagli schemi idioti che ti sei bevuto per anni e nota che i danni li hanno fatti tutti- e guarda i Paesi dove gli Americani hanno messo la manina, non stanno benissimo, ma non li ho visti nel tuo elenco... E Chavez mi sta sulle palle... oh, una di sinistra che dice questo? Com'è possibile, oh santi numi, penso con la mia testa, pensa tu che strano. Una di sinistra che da tre anni viaggia per gli Stati Uniti... oh maremma, com'è possibile? Non brucio bandiere, ma so, insieme con MOLTISSIMI Israeliani e Americani che i crimini li hanno commessi. Punto. Ripigliati, fratello. Chi è senza peccato.... eh, Luca?


# 126    commento di   DANIELEPELIZZARI - utente certificato  lasciato il 18/9/2009 alle 12:49

@S.M. 123 Ottimo!


E intanto... Inchieste Bari: Arrestato Giampaolo Tarantini (AGI) - Bari, 18 set.- L'imprenditore barese Giampaolo Tarantini, coinvolto in alcune inchieste su un presunto intreccio politica-affari nell'ambito degli appalti sulla sanita' regionale, e nell'inchiesta sulle "escort" e le feste a Palazzo Grazioli, secondo indiscrezioni, sarebbe stato arrestato dai militari della Guardia di Finanza. A quanto si e' appreso, l'arresto e' avvenuto poco fa all'aeroporto di Bari. -


119 Daniele Già... Vedi, forse dovrebbero mostrare in tv, come tante altre cose, un documentario di cui non ricordo il titolo, me ne scuso, fatto da un Americano (un altro antimaericano di sicuro): c'erano soldati americani in Iraq che volevano tornare a casa e denunciavano il comportamento criminale del loro governo e dei loro commilitoni, ma c'erano anche quei commilitoni intervistati: parole come 'voglio uccidere tutti questi bastardi musulmani' 'meglio ucciderli da piccoli' e simili. Non so se siano tornati a casa in una cassa, ma so che saranno stati celebrati come eroi a casa. E la parola 'eroi' continua a disturbarmi. Dimenticano i nostri che i Talebani fecero danni per anni e anni prima che l'occidente (cioè gli USA) intervenisse. Dimenticano che la CIA era in Pakistan a fare addestramenti... Che strano. Ciao a te. :)


# 129    commento di   DANIELEPELIZZARI - utente certificato  lasciato il 18/9/2009 alle 13:0

@Federica 126 credo che quello che fatica ad entrare nella testa di alcuni (invero molti a guardare i sondaggi) sia che esistano persone per le quali un crimine e' un crimine ed una menzogna e' una menzogna, da qualunque parte arrivino. Non sono di destra ne di sinistra. Queste menti pensano (parola, mi rendo conto, grossa) in modo semplice e molto diretto, non replicano, slittano. Tu parli di berlusconi e loro ti rispondono -ma anche Chavez-, discuti della Palestina e di dicono -ma il Darfour?-, parli della resistenza -e le foibe?- del fascimo -ma stalin?- e cosi via. Un'unica cosa li unisce, una retorica banale e fanfarona: dio, patria, famiglia. Naturalmente valori assoluti ma personalizzati. Ad esempio un dio che li perdoni (dio di cui solitamente conoscono magicamente il volere), una patria che li lasci lucrare ed una famiglia che chiuda gli occhi su scappatelle varie. ciao


>Se non ve lo diceva Corrias, lo avreste saputo che vi sono detenuti che muoiono di fame per protestare di stare nelle carceri ora strapiene grazie alla Bossi-Fini e alla Fini-Giovanardi? Pannela in primis.. e una marea di giornalisti ignoti.. prova su google news


Daniele Che aggiungere?.... Per Luca- nota come ne parleranno diffusamente i tg oggi... ore e ore di trasmissioni e speciali, scommetto. (P.S. A Limes sono abbonata) MAIL & GUARDIAN, Sudafrica http://www.mg.co.za Doppio attacco suicida in Somalia. Due esplosioni hanno colpito la base della forza di pace dell'Unione africana (Ua) di stanza a Mogadiscio, uccidendo 14 persone. La missione dell'Ua è presente nel paese per difendere il debole governo somalo dalle continue minacce dei ribelli islamici. Tra le vittime c'è anche il coordinatore della missione. L'attacco è stato rivendicato da Al Shabaab, il braccio armato di Al Qaeda in Somalia, ed è avvenuto dopo che i miliziani hanno imposto nuove condizioni per il rilascio di uno dei due consulenti della sicurezza francesi sequestrati a luglio. ............................................................ THE GUARDIAN, Gran Bretagna http://www.guardian.co.uk Massacri di civili nello Yemen. L'aviazione yemenita è accusata di aver ucciso almeno 85 persone in un raid su un campo profughi nella provincia di Saada, nel nordovest del paese. La maggior parte delle vittime sono donne e bambini. L'attacco rientra nell'escalation di violenza in corso nella regione a causa degli scontri tra i gruppi ribelli sciiti e l'esercito. Le organizzazioni umanitarie internazionali hanno lanciato l'allarme per i profughi yemeniti, che sono più di centomila, costretti a vivere in campi d'accoglienza in zone di montagna. - dove siamo noi, Luca? gli Stati Uniti? Combattenti della libertà di chi, allora? Solo alcuni, possibilmente con petrolio e gas sotto il deretano... Ciao


# 93 commento di Luca - lasciato il 18/9/2009 alle 11:48 >> Ieri, dopo l'accaduto, ho immediatamente pensato che queste vittime, questi sacrifici, non possono e non devono essere fatti invano. Temo che i risultati saranno molto scarsi. Primo perché la democrazia non si esporta (gli americani non ci sono riusciti ad esportarla completamente nemmeno in Italia in 60 anni!), ma è un processo storico che dipende dalle condizioni economiche e sociali storicamente date dell'intero mercato mondiale. Secondo perché nella sua storia, nessuno è mai riuscito a prendere il controllo del territorio afghano: non i grandi soldati dell'impero britannico, non le armate sovietiche armate di tutto punto. Figuriamoci una coalizione sgangherata la cui guida - gli Usa di Obama - stanno già di fatto preparando una exit strategy vendendo gli uiguri alla Cina... >> Questi soldati non meritano l'Italia che si è vista in questi mesi. Quale Italia? Quella di un processo per corruzione che ha visto incolpare il corrotto ma non il corruttore? Che vuole l'impunità sempre più estesa per i colletti bianchi? Che vuole definitivamente uccidere la legalità? Che vuole tappare la bocca a chi informa l'opinione pubblica? Che vuole mettere il bavaglio alla rete? >> Non meritano un'Italia dilaniata, in perenne guerra fraticida, dominata da piaghe di insensata polemica. Insensata polemica sarebbe quale? Lo scandalo politico dei posti al parlamento europeo in cambio di pompini? >> Non meritano un'Italia dove la straordinaria grandezza e storia del nostro popolo viene quotidianamente stuprata da minoranze anti-italiane pronte ad utilizzare qualunque circostanza per alimentare una retorica nemica del paese, del suo popolo e della sua storia. Il merito di questa devastazione è a carico di una classe dirigente, quella italiana, premoderna, mafiosa, corrotta e stragista come nessuna dell'occidente avanzato. Solo le minoranze illuminate della


Il merito di questa devastazione è a carico di una classe dirigente, quella italiana, premoderna, mafiosa, corrotta e stragista come nessuna dell'occidente avanzato. Solo le minoranze illuminate della Costituente, del maxiprocesso contro la mafia e di Mani pulite furono all'altezza di una storia luminosa e di una nazione moderna (Scarpinato-Lodato, Il ritorno del Principe, 2008). >> Il modo migliore per onorare questi combattenti per la libertà Si tratta di soldati andati in guerra per lavoro e in cambio di uno stipendio. Soldati che sono parte di una forza di occupazione militare su territorio straniero. >> e cercare di far trionfare la buona Italia, l'Italia maggioritaria sulle sacche nazionali e globali di anti-italianità. Cerchiamo di essere una nazione, cerchiamo di essere uniti nei valori fondanti della nostra cultura italiana, occidentale, giudaico-cristiana e illuminista. Parla uno che sta con Bossi, quello che vuole sfasciare l'Italia ed è l'antitaliano più famoso nel mondo. Adesso ho visto che anche Berlusconi si è messo contro il Risorgimento che portò all'unità del Paese... dice il genio Cav che la borghesia illuminista che fece la breccia di Porta Pia era solo volgarmente anticlericale, e guidata da un Piemonte egemone e conquistatore... perciò scegli: o clericofascista o illuminista. Le due cose cono incompatibili. >> Cerchiamo di essere orgogliosi della nostra nazionalità. Questo sarà il modo migliore per rendere omaggio a sei eroi morti per la libertà di un popolo lontano... Quando Berlusconi pagherà (di tasca sua) i danni per aver rubato la Mondadori, quando verrà completato il processo Mills e avremo anche il corruttore dietro le sbarre, quando verrà detta la verità sulle stragi depistate, e si saprà il mandante esterno della strage di via D'Amelio, allora forse sarò più contento di essere italiano.


"E' più facile spezzare un uomo che un pregiudizio". (Einstein) E qualche commento qui sotto conferma quanto sopra enunciato. Purtroppo. Chissà che cavolo di Italia si pensa di costruire con pregiudizi e teste di tale levatura?!


Articolo indecente questa volta. Non sembra neanche che l'abbia scritto una persona intelligente come Corrias. Come si fa a paragonare la vicenda di questo povero uomo sconosciuto fino al momento in cui la sua morte fa notizia con la storia di Eluana che, resa un avvenimento pubblico dallo stesso Padre della ragazza, e' diventata il simbolo di una questione piú generale come quella del fine vita? Quante volte Avvenire sotto la direzione di Boffo ha affrontato il problema dei respingimenti e dell'immigrazione con parole dure nei confronti del governo? Se poi a tutti i costi si avogliono attribuire alla Chiesa delle colpe ... fate pure ma il comportamento mi sembra miope e francamente poco intelligente.




anche lei corrias non mi sembra abbia fatto os critto nulla. la trovo decisamente irritante.


ops.. Con la grande quantita' di contenuti gratuiti che circolano in rete, sara' difficile che gli editori riescano a vendere notizie generaliste su Internet. Ne e' convinto l'amministratore delegato di Google, Erich Schmidt, secondo cui qualche possibilita' in piu' potrebbe averla l'informazione specializzata. Le dichiarazioni di Schmidt arrivano in risposta a quelle di Rupert Murdoch; in settimana l'editore australiano ha ribadito infatti l'intenzione di vendere news online, annunciando l'arrivo di un'edizione a pagamento del Wall Street Journal per smartphone. ''In generale i modelli a pagamento non hanno funzionato per il grande pubblico. Ci sono cosi' tante fonti gratuite che il valore incrementale dato dalla quantita' non consente di giustificare il valore marginale della notizia a pagamento'', ha detto Schmidt durante una videoconferenza, secondo quanto riporta il sito web della Reuters. ''Sara' possibile far pagare per contenuti di nicchia e specialistici - ha aggiunto il numero uno di Google - ma credo che sia improbabile riuscire a farlo per tutte le notizie''.(ANSA).


135 Lorenzo. >Come si fa a paragonare la vicenda di questo povero uomo sconosciuto fino al momento in cui la sua morte fa notizia con la storia di Eluana che, resa un avvenimento pubblico dallo stesso Padre della ragazza, e' diventata il simbolo di una questione piú generale come quella del fine vita? Non credo che si sia capito l'intento delle parole di Corrias: non era una paragone su due morti, ma su come quelle morti abbiano rilevanza sulla stampa e sulla tv, ponendo l'accento su un doppio metro di giudizio, di scelta, di compassione. E Corrias ha ogni diritto di vedere le parole di Boffo, che difende la vita, come ipocrite, come quelle di molti altri. Richiedere un commento da un giornale cattolico su una morte ingiusta e dimenticata non mi sembra tutto questo scandalo. Ma quando si tocca la chiesa, questo succede, la difesa scatta immediatamente, bisogna aspettarselo. Che sia giusto, questo è un altro discorso. Buon proseguimento a tutti.


# 132 Manuel S "Quando Berlusconi pagherà (di tasca sua) i danni per aver rubato la Mondadori, quando verrà completato il processo Mills e avremo anche il corruttore dietro le sbarre, quando verrà detta la verità sulle stragi depistate, e si saprà il mandante esterno della strage di via D'Amelio, allora forse sarò più contento di essere italiano." Buona conclusione - sintetica - del tuo discorso anti-retorica e anti-ipocrisia. Prendo spunto da questi tuoi importanti "quando" per brevissi commenti miei. - MONDADORI: CAETERUM CENSEO MONDADORI ESSE RESTITUENDAM (lo so: è già vecchia... di oltre 2000 anni) - MILLS: MULINI (MILLS) CHE GIRANO, MA NON SI DICED DA DOVE VIENE L'ACQUA CHE FANNO GIRARE LE RUOTE - STRAGI: SI DICE IL PECCATO, MA NON IL PECCATORE (PRESCRITTO A PRIORI E A PRECINDERE)


- MILLS: MULINI (MILLS) CHE GIRANO, MA NON SI DICE DA DOVE VIENE L'ACQUA CHE FA GIRARE LE RUOTE


Scatteranno dalla prossima settimana le requisizioni degli appartamenti sfitti nella provincia dell'Aquila per far fronte all'emergenza abitativa. Lo ha annunciato il prefetto dell'Aquila, Franco Gabrielli, a margine della conferenza stampa per la presentazione dei primi elenchi via internet. ''Il tempo della 37/69 e' finito - ha esordito - tutti quelli che avevano appartamenti e potevano metterli a disposizione della cittadinanza lo hanno fatto e per noi il tempo e' scaduto. Domani - ha aggiunto - faremo un vertice e poi cominceremo con le requisizioni che riguarderanno piccoli numeri, grandi numeri e tutte le segnalazioni che in questi giorni abbiamo ricevuto di cittadini vessati da richieste moralmente deplorevoli''. Il prefetto ha annunciato un'azione decisa contro ''tutti quelli che hanno proposto richieste esorbitanti in nero verranno inseriti nell'elenco delle requisizioni che verranno fatte anche qualora vi siano comportamenti dilatori e ostruzionistici perche' noi accederemo comunque delle abitazioni anche senza il consenso degli interessati, notificando anche attraverso la forza pubblica e interverremo - ha detto ancora - perche' noi crediamo che non c'e' solo una questione di emergenza abitativa ma anche di morale e di etica dalla quale non bisogna mai sottrarci''. (ANSA). Qui da Marte è tutto. ..passo e chiudo
http://voglioleggere.blogspot.com/


Dimenticavo Il signor Englaro ha reso pubblica una vicenda perché lo era, lo era in sé, riguardando leggi dello Stato. L'ha resa pubblica perché se ci si rivolge ai giudici per un caso rilevante è ovvio che diventi pubblica. Ora lo si rende colpevole anche di questo? Il padre di Eluana meritava compassione? Eppure da una grossa parte del mondo cattolico non ne ho vista. Ne ho sentita da qualche prete che, infatti, rimarrà sempre un prete di periferia. Chi ha usato maggiormente la vicenda a scopi propagandistici? Io non ho dubbi, non è una famiglia che ha sofferto per anni e anni. Ma un certo modo di vedere la religione prevede che anche chi non crede debba accettare la sofferenza. No, ragazzi, fatevene una ragione, non è così.


... e io dimenticavo che "a prescindere" è all'indice


oggi giorno che passa mi vergogno sempre di più di essere italiana e poi di appartenere al genere umano


# 146    commento di   Sixpounder - utente certificato  lasciato il 18/9/2009 alle 14:55

In guerra ci scappano i morti. È normale, specie quando le regole di ingaggio sono da cosiddetta “missione di pace”. E li tutti a scandalizzarsi, a risentirsi, a riscoprire sentimenti nobili come quello per la patria, l’alto scopo del soldato e tutto il resto. Ma, senza offesa per le famiglie delle vittime alle quali vanno tutto il nostro rispetto e il nostro cordoglio, perché tutta questa confusione – mediatica – per i soldati e niente per i poveri cani che muoiono sul lavoro nella misura di quattro al giorno? Perché nessuno dice niente di detenuti che muoiono nei modi più agghiaccianti?
http://www.edizioneordinaria.net


@[#47 Fabio] Ma come si fa a scrivere corbellerie del genere? Dov'è l'attacco alla chiesa? Quale sarebbe la notizia falsa per cui chi ha scritto avrebbe dovuto documentarsi? Mi dispiace constatare che l'umano è così incasinato mentalmente, così avvezzo a fare pastrocchi cognitivi senza saperlo, a lasciare la logica fuori dal proprio cervello e urinare scemenze in ogni dove. Nell'articolo vi sono fatti accaduti ed un'opinione troppo condivisibile che chiama in causa un giornalista di grido e le sue contraddizioni, sue e della maggior parte di noi. Caro Fabio quando scrive a Corrias: "Si documenti ..." a quale proposito, relativamente a che cosa? Mi chiedo: Ma come si fa a costruire anche solo _c_o_m_u_n_i_c_a_z_i_o_n_i_ con cervelli siffatti?






Tanto da far star zitto DANIELE PELIZZIARI. da www.polisblog.it Gran Bretagna. Nella culla della democrazia post-ellenica il reato d’immigrazione clandestina è in vigore dal 1971 e prevede fino a sei mesi di reclusione più ammenda. la pena si applica a tutti i soggetti sprovvisti di permesso di ingresso o che violino un precedente provvedimento di espulsione. Germania. L’immigrazione clandestina è reato dal 2004 e prevede la reclusione da uno a 3 anni più sanzione pecuniaria. L’entità della pena è progressiva, partendo dunque dal minimo per arrivare al massimo di tre anni in caso di reiterazione. Francia. Questo è il paese con le norme più recenti, dato che la legge sull’immigrazione è datata maggio 2008, fortemente voluta dal presidente Sarkozy. Anche qui l’immigrazione irregolare è reato e viene punita con un anno di reclusione più 3700 euro di ammenda. Tre anni in caso di reiterazione (ovvero rientro dopo l’espulsione).
www.anglotedesco.splinder.com


@Auriga Riportare la notizia è il dovere di un giornalista, ragionarci sopra e capire è il dovere di tutti. ------------ Cara Auriga sono in disaccordo con te. In primo luogo mi dici che riportare la notizia è il dovere di un giornalista. La prima parte del mio precedente commento riporta i fatti non riportati da Corrias e che sarebbero di interesse per capire la questione. In secondo luogo Corrias si è lanciato in paragoni fra le opinioni di altre persone, travalicando le situazioni: dal caso di sciopero della fame, forma politica amata da Pannella ma mai fino all'atto estremo della morte, all'eutanasia. Ha tuttavia dimenticato che in Italia chi ha chiesto la scarcerazione di inquisiti di tangentopoli perchè si suicidavano in carcere o si lasciavano morire furono gli eredi dei democristiani di allora (Mr.B. tanto per citare il solito). Come mai costoro si lasciavano morire in carcere o si suicidavano benchè avessero commesso il fatto come dimostato da vari tribunali? E' troppo comodo prendere la morte di un immigrato in carcere, non dire il reato, non dire perchè era colpevole o meno, non dire nessun fatto, appiccicarla all'ideologia politica che fa comodo e da ciò trarre la morale che piace. D'altra parte è quanto fa la stampa considerata di centrodestra. E' sbagliato notare che anche a centrosinistra fanno lo stesso, solo per diversi soggetti? od è ipocrita credere di essere nel giusto quando si è passibili delle stesse critiche perpetrate a terzi?
http://ipocritolandia.blogspot.com


IL SOGNO TRADITO DA 150 ANNI Non volevo entrare in argomento, ma un articolo di Sergio Romano sul Corriere di oggi mi fa cambiare idea, diciamo cambiare idea a metà: http://151.12.58.143/rassegnastampa/List.aspx?Date=Today Romano parla di Cavour e del suo sogno, fallito, della separazaione fra Stato a Chiesa, la separazione "che lui avrebbe voluto, viene tradita da 150 anni". Appunto: Cavour il primo presidente del Consiglio dei ministri, nel 1861, 148 anni fa; associazione mentale abbligata: come non pensare a chi pretende di essere di gran lunga IL migliore di tutti i suoi predecessori, quindi anche di Cavour? Sì proprio lui: quello che dà mazzate da orbi alla separazione tra laicità e religione (cattolica, ovviamente); lo stesso che ha abolito tutte le separazioni immaginabili (oltre a quella tra pubblico e privato): tra i 3 poteri politici, quello giudiciario, quello mediatico e quello economico; quello che riunisce sempre di più nelle proprie mani tutti gli ineteressi forti. Io direi pertanto, a ragion veduto, che è di gran lunga uno dei peggiori presidenti del Consiglio che l'Italia abbia avuto in 148 anni, da Cavour in poi.


Il mio link non porta direttamente all'articolo (non è possibile), ma alla lista dei numerosi titoli della rassegna stampa: con pazienza bisogna cercare e cliccare sul titolo QUEL SOGNO FALLITO DI CAVOUR


Avete visto: Ballarò ha avuto quasi il 19% di share. Floris-Berlusconi 19:13; Potta a potta ha fatto da lancio, da trailer a Ballarò!


E figurarsi se ci fosse stato anche Crozza!


Tirare in ballo gli animali, che nulla ne possono se gli esseri umani sono DISUMANI addirittura con i loro simili, mi fa capire quanto gli uomini siano ancora troppo lontani dal cambiamento, da una vera e propria “evoluzione”. Gli uomini vivono con incivile indifferenza, tutto ciò che riguardano gli altri. L’indifferenza è sintomo del degrado della società occidentale! Quello che però non comprendo, è perché l’autore dell’articolo non abbia raccontato prima della morte, la drammatica storia di Sami Mbarka Ben Gargi, e come lui quelle di tanti altri detenuti che muoiono suicidi in carcere nel silenzio più totale. E ancora non capisco, perché nessuno ricorda le morti di migliaia civili afgani e iracheni, morti a causa delle operazioni militari in corso? Perché nessuno ricorda le morti di migliaia di persone causate dalle sostanze altamente tossiche che i paesi occidentali scaricano impunitamente in Somalia (e in altri paesi)? Mi fermo qui, ma potrei andare avanti fino all’infinito… C’è troppo indifferenza…indifferenza per tutto!


# 157    commento di   DANIELEPELIZZARI - utente certificato  lasciato il 18/9/2009 alle 17:3

@anglotedesco 150 certo che se la tua fonte e' polisblog siamo a posto.


# 158    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 18/9/2009 alle 17:6

"Mi chiedo: Ma come si fa a costruire anche solo _c_o_m_u_n_i_c_a_z_i_o_n_i_ con cervelli siffatti?" quanto ha concluso roberto ,è anche mio, sicuramente anche di Imma e sicuramente anche di Corrias tanto da averci fatto un articolo..è importante ricordare in italia il paragone per le proprie colpe,su cio' che jaspers diceva al popolo tedesco nel 46 prima di non diventarne presidente: la colpa giuridica che aveva avuto la germania la colpa politica che aveva avuto la germania la colpa morale che aveva avuto la germania e per finire ma non ultima la colpa metafisica.. cio' significa che nessuno , nè ateo , nè di religioso, strumentalizzi per esempio a danno o a favore di corrias in qst caso, poiche se ognuno dai potenti ma anche dei meno potenti e sconosciutissimi anonimi cittadini alla base, sentisse ,testa per testa non uno escluso,quali i gravi intrecci fra quelle quattro colpe generate nel nostro paese Italia,senza mai sanarle e ammalate fin dalla nascita della prima repubblica fino a ora, sentirebbe dolore e colpa;saprebbe che il caso di eluana nel tenerla in vita televendendo il suo corpo fino alle sue mestruazioni e il cibo a pane e acqua,è atto di violenza pari a quello di chi viene incarcerato fra mura sovraumane e quello di Sami nn è purtroppo un caso isolato;saprebbe che le prigioni familiari in cui vvengono omicidi e suicidi,le hanno spesso volute per un'edilizia antiuomo,e cosi via fino al problema lavoro,nelleterno problema dell'arretratezza culturale in cui viene tenuto l'italiano medio del nostro paese ..di cui bastano i numeri e le classifiche anche sulla giustizia,per sapere che chi ha controllato il passato controlla il presente e che è perfettamente inutile far sentire in colpa questo o quel corrias,perche è il modello orwell in questione ed il nostro futuro è quello che,senza prendersela con qst o quel nemico di turno,possa alleviare quella colpa metafisica che dovremmo sentire tutti e in quel modo laico da tutto e
http://www.youtube.com/watch?v=P_uE9-ksKgg&hl=it


Ballarò l'ho seguito anche io ma a parte la Concita De Gregorio era la solita lagna. Floris che deve succedere perché s'incazzi? Quando nasci tondo... Anno zero è un altro pianeta!


# 160    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 18/9/2009 alle 17:8

e in quel modo laico da tutto e tutti per cambiare definitivamente "schema" e anche "scena" rendendola meno oscena,rispetto a quelle 4 colpe


ROULETTE RUSSA Bush pensava che l'invasione dell'Iraq e il rovesciamenti di Saddam Hussein fosse poco più che una passeggiata; forse anche l'ONU, sotto la spinta dello stesso presidente USA, pensava che la "missione" in Afghanistan fosse poco più che una passeggiata. Ma la guerra - e di guerre si tratta senza dubbio - più che una passeggiata è una roulette russa (probabilità di ammazzarsi 1:6 - quella della guerra non so, ma è quantificabile mediante statistica). Non per niente una delle scene più impressionenti de il Cacciatore è, come rappresenatzione simbolica, quella della roulette russa durante la guerra del Vietnam.


# 159 Observer Ma se basta "la solita lagna" per battere Potta a potta!!!


# 163    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 18/9/2009 alle 17:17

OT segnalazione "COLTI ( ndr doppio senso del suono? : -) ) sul FATTO SENZA IL CONDIZIONAMENTO DI UN EDITORE- PADRONE E SENZA FINANZIAMENTI PUBBLICI - PRESENTAZIONE DE "IL FATTO", STARRING TRAVAGLIO, PADELLARO, COLOMBO, GOMEZ, LILLO - DISEGNI, ABBATE, CORRIAS, AMURRI PIÙ I FINANZIATORI DEL GIORNALE FAZIO E MONTEVERDI - CHE CI STA A FARE LA CONTESSINA FAMOSA PER ESSERE FAMOSA BEA-TROCE BORROMEO? - COMPROMESSO AD "ANNOZERO": UN "ESPERTO" DELLA MATERIA TRATTATA DA TRAVAGLIO
http://www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/articolo-9322.htm


@Roland Relax man, porta a porta non lo considero neanche parte del palinsesto... Io mi aspettavo un Floris più incazzato ma evidentemente ha paura che gli tolgano il giocattolo.


Dai con i doppi sensi dei suoni! Mifai pensare a: COLTI in FALLO!


Ciao a tutti. Vorrei fare i complimenti a Pino per l'articolo. Raramente ho visto il blog così in fermento, con commenti tanto eterogenei, arrabbiati, stupiti, rassegnati, speranzosi, ordinari, disordinati. Trovo che questa sia l'essenza vera della democrazia: l'espressione di opinioni, così tante e così diverse, e il rispetto di tutti; queste sono le cose più importanti. Ho letto anche il commento di una madre preoccupata per la sorte dei propri figli. Vorrei solo dirle che la capisco bene, ha tutto il mio appoggio, e ci sono giorni che odio questo Paese e penso che sia abitato da incivili. Ce ne sono altri che però sono speranzoso e credo che ce la faremo. Se un giorno me ne andrò da qui, vorrà dire che i primi saranno diventati molto più numerosi dei secondi. Non sarà un bel giorno. Infine, concludo con un breve commento all'articolo. Trovo tremendo che un uomo rinunci alla propria vita in una maniera del genere. Altrettanto drammatico è che una faccenda come questa non trovi spazio sui media. Ma ormai a questo sono abituato. Credo che l'intento di Pino nel tirare in ballo così tante persone (associazioni animaliste, cattoliche, Boffo stesso, etc.) fosse semplicemente quello di farci riflettere. Credo che molti non abbiano riflettuto granchè, prima di parlare. Anche questa è una cosa che oggi avviene sempre più spesso. Magari molti di noi si impegnano, magari tutti pensano di condurre una vita ottima, la migliore possibile; la verità è che la nostra società produce molte vicende simili a questa, davanti alle quali, tutti quanti, non dovremmo far altro che farci un profondo esame di coscienza e interrogarci sul perchè queste cose accadano e se davvero stiamo facendo tutto quello che possiamo per evitarle. Invece di criticare la chiesa, il poliziotto, il comunista, il fascista, il presidente, il portaborse, la puttana, il ragioniere, il fruttivendolo, il giornalista, il vicino di casa, la fidanzata, il collega, l'amico...forse sarebbe meg


Pasolinante, ti ho presa in fallo: fai la maschilista se, insieme a dagospia, hai da ridire sulla contessina (che però ripete sempre: non ho nessun titolo nobiliare); è stata brava a difendere Annozero dagli attacchi verbali di Daria Bignardi!


# 168    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 18/9/2009 alle 17:41

x roland , no il terzo che dici credo proprio che non ci sia, sarebbe assurdo scusa, ancora devono iniziare e li cogli in fallo?mah! te lo dissi invece quale secondo me l'unico errore strategico, non so cioè quanto come perche si sobbarchino i costi e per quali benefici di essere in edicola, al di là che potrebbero incontrare gli stessi ostacoli del manifesto, in cui spesso e volentieri viene consegnato male ( intenzionalmente) sia in edicola , sia a casa, la rivoluzione culturale deve essere fatta , giusto? partire con poche migliaia di copie può starci , occorre vedere l'esperimento, ma il progetto complessivo, non deve essere fatto solo per una nicchia altrimenti viene soddisfatta solo la nicchia come lettori e come giornalisti in questione... bisogna pensare alla GRANDE in questo tipo di eventi,anche con quel pizzico di narciso positivo,che vedrebbe questi protagonisti molto piu protagonisti della storia STORIA nei suoi cambiamenti...tutti quelli che lavorano per cambiare i modelli culturali di riferimento,in cui l'italiano medio è stato affossato,devono e hanno l'obbligo morale di pensare a questo tipo di BELLEZZA (o alla grande),che significa anche ovviamente rispettare i conti, perche altrimenti la grandezza ti sarebbe costata il rischio di rovina;ma si può fare e di deve fare, non si può avere in mente solo un cerchio limitato di affezionati e e con mezzi tradizionali,la tecnica che per certi versi soffoca la ns vita e ci fa diventare funzioni ma quando però possiamo avvantaggiarcene,è meglio utilizzarla a nostro vantaggio e nel suo massimo di rendimento,etico ed economico congiuntamente.


# 169    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 18/9/2009 alle 17:59

caro Roland167, hai bisogno del nemico , ma per quanto mi riguarda , non ho bisogno del nemico, se scrivi qualcosa che non mi piace come stamane, te lo dico, e ti do i motivi scrivendotene , forse troppo e con troppe parole..dalle quali ti dovrebbe essere chiaro che come ho difeso il giornalista telese dagli attacchi assurdi che gli hanno fatto , difendo la giornalista borromeo dagli stessi attacchi... non sono cosi vendicativa come forse tu pensi, vado sempre alla priorità dei problemi che abbiamo in ballo...se poi vuoi richiedermi perche trovo snob il modo di porsi della giornalista che dici, ne riparlriamo ...cosi come potremo parlare delel accuse che le ho letto rivolte nell'antefatto.. purtroppo il problema antidemocratico di chi urla alla casta anche per la giornalista in questione, è il risultato di un boomerang che arriva dall'alto ,di chi facendo un certo tipo di dissenso, ha allevato dall'alto alla base,la cultura di tutta un'erba un fascio, sostenitori che forse hanno perso il senso del limite e sicuramente non trovano modi "gentili" , ma non ipocriti, per sollevare obiezioni di merito e reali ..diventano solo tanti leoni inferociti..se fossi ai vertici di certe parti di questo dissenso incomincerei a preoccuparmi- non sono come vedi con due pesi e due misure;telese=borromeo; per quanto quindi riguarda cio che mi dici sul mio maschilismo,no comment è per l'ennesima volta,che senti il bisogno di vendicarti.ciao


La scelta della Borromeo è uno schiaffo alla meritocrazia Ma come dice paso, vale la difesa come per Telese Ma non condivido la scelta di una ragazza, che non ha niente alle spalle di giornalismo.


commento di lettore si, ma è un tronco di figa pazzesco...




e scusa se è poco! :)


carissimo CORRIAS perche non ci fai un bell'articolo sul marrocchino che ha ucciso la figlia perche amava un italiano???????????? forse é troppo banale per te non fa troppo NOTIZIA. SEMBRA CHE PERFINO LA MADRE DICE CHE E' COLPA DELLA RAGAZZA ; MA COSA VUOI DICENDO QUESTO FORSE MOLTI PENSERANNO CHE SONO RAZZISTA;


No, pasolinante, non volevo vendicarmi - al massimo era una vendetto scherzosa per farti ridere più che farti male. Per quanto riguarda la Borromeo, devo ammettere che sono un po' prevenuto, in positivo: vedo in lei la discendente di un vecchio casato - e penso innanzitutto al principe Vitaliano - che ha creato una vera meraviglia del mondo (così la consideravano artisti e poete del '7-'800, tutti innamorati del paesaggio del Verbano): l'Isola Bella nel lago Maggiore; ma lei, quasi infischiandosene dell'imponente albero genealogico, si schiera e si impegna con i "proletari". E m'aspetto che faccia bene il lavoro che si è messa in testa di fare (e credo che ce l'abbia dura, la testa, con quel DNA che dovrebbe avere), anche se i meriti finora, rispetto ad altri, non fanno ancore molte scintille. Ammetto che in questo caso, più che razionale sono emotivo e romantico


corr.: poeti


Il suo post mi indigna per l'uso strumentale che ha fatto di un caso tragico e penoso e con tutta la diplomazia del caso la vorrei mandare sonoramente a fare in culo per l'attacco del tutto gratuito ad una persona che ha già pagato parecchio (Boffo). Si senta orgoglioso di sparare ad un uomo morto, su Vanity Fair poi, rivista notoriamente impegnata nella difesa dei diritti umani. Complimenti. Alfredo Quaranta, Milano


meglio: non vendetta, ma rivincita scherzosa


il target dei lettori di vanity fair è un pubblico femminile, gay, trans (nessuna discriminazione,non fraintendete) persone affascinate dall'apparenza facile quindi prendere consenso scrivendo male su un cadavere di giornalista che in passato ha detto stronzate sull'aborto e sul fine vita. Ma perchè Boffo e non Ferrara? Mi sa che qualcuno ha bisogno di un "feltrino" per scalare i numeri ..sento puzza..


#178 Roland,Roland ..il tutto è bello perchè dopo averti fatto il cazziatone di stamattina ,quasi mi aspettavo il tuo "scherzo" , un po' pesante direi questa volta, tanto che ognivolta poi tocca motivare,pensare,dare traccia dell'intera indagine individuale e possibilmente collettiva delle varie riflessioni sulle verità in ballo , poi però come ognivolta riesci a farti sorridere e a sorriderci, sei un bel bischerellone giocherellone ,non montarti la testa però,sei quasi cosi, ma non ancora ai livelli di quel simpaticone che mi scrive HRIC eh eh eh .-) :-) -------- x lettore ti ringrazio del tuo accordo,mentre per quanto riguarda i meriti della giornalista in questione, si dovrà vedere sul campo degli articoli,delle inchieste e del suo sapersi mettere in relazione se la fiducia che le hanno accordato, è appunto meritata e fuori dalle caste .. purtroppo o menomale ,non avere pregiudizi ,significa anche pensare che non è per un nome importante che porta o per la sua antipatia , che si possa segarle le gambe (cosi come sempre ai giovani), ed inoltre faremmo un dispiacere gravissimo al blogger the final user .-) ciao :-)


Purtroppo a molti la soluzione dei braccialetti elettronici pare ridicola,fanno propaganda contro e le carceri restano sovraffollate...




SANGUE Ieri in Afganistan,a Kabul,sono stati ammazzati barbaramente,6 ragazzi italiani,come noi,altri 4 feriti gravemente. Delle reazioni della politica tutta ,non voglio parlare,perche non me ne importa un cazzo. Sporchi,luridi,infami e schifosi bugiardi,loro,e le loro BUGIE sulle FALSE missioni di pace. Ma quale pace! Non si va in missione di pace,armati fino ai denti,a bordo di mezzi blindati;questa è guerra. Una guerra schifosa,strisciante,vigliacca,fatta combattere a ragazzi di trent’ anni,per due soldi in più,che alcuni di loro,non vedranno mai,perche ora sono chiusi,tra quattro pareti di legno pesante,dalle quali non usciranno più. Non più un saluto ai loro giovanissimi figli,rimasti orfani,non più una carezza,un bacio,alle loro mogli,rimaste vedove,non più un pranzo di natale,con le loro famiglie,non più una risata con gli amici,non più un’ incazzatura,per una bolletta troppo alta,non più le battaglie per il motorino ai figli,non più la festa per il diploma,non più i rimproveri quando tornano tardi. Segue sul blog "avapxos"
http://avapxos.blogspot.com/






Non commenterò nessun articolo, il mio vuole essere un APPELLO a tutti i lettori del blog e dell'Antefatto... SE TRAVAGLIO NON SARA' AD ANNOZERO SCENDIAMO IN PIAZZA, GRANDE MANIFESTAZIONE DAVANTI ALLA RAI, E SOPRATTUTTO NON ACCENDIAMO LA TELEVISIONE IL GIOVEDI' SU NESSUN PROGRAMMA...



Mostra tutti i commenti


commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti