Commenti

commenti su voglioscendere

post: Quel viaggio in Sardegna dei fratelli Graviano

Pubblico qui di seguito un mio pezzo sulla latitanza dei fratelli Giuseppe e Filippo Graviano e la nascita di Forza Italia. Il tema, anche se non sembra appassionare troppo la stampa italiana, è particolarmente attuale visto che le nuove indagini sulle stragi del '93, dopo il pentimento del boss Gaspare Spatuzza, sono entrare in una fase decisiva. Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensate e magari, dando un'occhiata alle loro foto segnaletiche dell'epoca (1994) che trovate su internet, se a qualcuno di voi, 15 anni fa, è capitato d'incontrarli. Magari a Milano o a Porto Rotondo. Peter Gomez Il Fatto Quotidiano, 6 novembre 2009 Chi ci ha lavorato sopra dice che quei cellulari parlano. Raccontano storie di sangue e di tritolo. Di bombe e di patti segreti. Ma anche vicende minime: ... continua



commenti

Gli ultimi 100 commenti / 
Mostra tutti i commenti


Peppino al Bar.. "Ah Marcè.. che rabbia, che ce l'ho in pugno e non s'apre.. manco con le bombe, oh.. ecchè.. ci vorrebbe.. dai.. ci vorrebbe un macomèchesichiama, dai! .." -"Cameriere! Un cavatapp.." "Macchè cava, cava ettappi.. un.. mè!.. jamm'da'.. un.." -".. Apribottiglia??.." "Sè Dell'U', aspett'e spera.. ...a'Ssi', di' ttu.. com'jera cud'cos', l'avevi detto primamo.. il nome suo.. un.." - Un Forzaitalia? "Ebbravo Silvio allo zio!.." -"Cameriera! Un forzaitalia,..anzi due già che c'è." "Ah Marcè.. Bell'Abissina..." Tratto da 'Leggende sulle origini dei giornino (stri)' Tag d'interesse storiografico -Reo Silvio (q.b.)


Piccolo sondaggio interno al blog. Discussione sul crocefisso nella aule : più di 400 commenti. Marrazzo e i trans : più di 300 commenti. Dell'Utri e le trattative con la mafia 36 commenti. Se la politica svende lo stato (che siamo noi!) alla mafia, non è forse perchè siamo acquistabili a basso prezzo?


# 38    commento di   katili - utente certificato  lasciato il 8/11/2009 alle 1:23

la contrapposizione tra mafia e stato non esiste praticamente piu'. non si capisce piu' chi e' mafioso e chi e' in mano alla mafia, come una sorta di loop della sindrome di Stoccolma. sicuro dell'utri e' un burattinaio, ed e' scandaloso che sieda in Senato. il cavallo di caligola era sicuramente piu' degno di sedere in Senato; piu' di dell'utri e dei suoi compari. sempre piu' spesso mi vergogno di essere italiana, e di essere cosi' esposta alla (s)vendita di cui parla Daniela #37 :(
http://comevorrei.ilcannocchiale.it


# 39    commento di   drainyou80 - utente certificato  lasciato il 8/11/2009 alle 1:24

Caro Peter, leggendo questo tuo articolo riflettevo su di un fatto...questi Graviano conducevano una vita molto particolare per essere delle pedine così importanti di cosa nostra....sempre alla luce del sole, siamo sicuri cha la possibile collocazione temporale della loro partecipazione alla trattativa mafia-stato non sia precedente a quanto ipotizzato? Luca


ma allora, se ho capito bene, "mani pulite" ha aiutato l'ascesa di Berlusconi, il "cambiamento"


Coraggio ragazzi l'agonia sta per finire. La prossima legge sulle intercettazioni darà il colpo di grazia ad ogni residua possibilità di indagine e di conoscenza sui fatti ben descritti in questo articolo. E l'Italia diventerà definitivamente quel regno delle favole che ogni buon malavitoso, mafioso, assassino, corruttore, malversatore, racconta ai propri bambini per farli addormentare sognando un paese in cui vige la totale impunità. Il cerchio si chiude, cel'hanno fatta. Finale di partita, anzi fine di uno Stato.


questo articolo mi ha rovinato la domenica. E' possibile che nessuno li ferma? Purtroppo sono d'accordo con Vincenzo. Le legge sulle intercettazioni sarà il colpo di grazia finale. Opposizione sveglia!!!! Dobbiamo fermare questi mafiosi. Stanno rovinando l'Italia...


Fatemi capire: LA7 sarebbe "indipendente"? è una battuta di Luttazzi? o di Ferrara? o di Piroso (l'uomo per tutti i gusti) Continuiamo così a farci del mal..con passione


Felicitato delle 10 pagine aggiunte al giornale, segno di una testata in salute e di una rivoluzione dal basso che non da' segnali espliciti della sua vitalità e della sua alta probabilità di contagio?? Vedremo se l'estensione del giornale proseguirà anche per i prossimi giorni (ancora meglio mesi). Mi scuso per la monotematicità dei miei interventi. Una che potrebbe cambiare gli equilibri della politica americana e non solo americana: l'Iran. Uno Stato che ha deciso di collaborare con gli organismi internazionali nel verificare se il secondo impianto segreto di arricchimento è stato creato per costruire una bomba atomica con la quale "cancellare Israele dalla carta geografica" o se, come sostiene il governo di Teheran, quel sito contiene o potrebbe contenere uranio arricchito per usi puramente civili. Le ispezioni dovrebbero averle fatte, il responso??? Mi viene da pensare che gli organismi internazionali si stanno accanendo su una nazione che sta esaudendo tutte le ragionevoli richieste poste dalla comunità internazionale nel constatare l'uso pacifico dell'uranio in possesso, ma che si rifiuta di sottoscrivere una risoluzione che depreda una nazione sovrana delle sue risorse a vantaggio di terzi paesi che in campo internazionale non si comportano da democratici e da promulgatori della libertà, come fanno intendere gli organi di stampa internazionali. In Afghanistan i soldati che rientrano da una missione difficile e problematica in un territorio che ha pari estensione di difficoltà e problematicità, si dicono amareggiati di lasciare un paese che ha tutti questi problemi di stabilità politica. Mi chiedo: “Chi è stato a causare tutti quei problemi?” I talebani non saranno certamente il miglior esempio di democrazia ma gli occidentali non vogliono insegnare niente in fatto di libertà e di democrazia. Da ricordare che è dal 2001 che quel paese vive una situazione di instabilità


di instabilità. Conosco un paracadutista che è tornato da quel territorio nei primi di ottobre dopo la sua partenza nel mese di marzo, e alla domanda: “Come vivono lì, come sono i villaggi, è migliorata la loro qualità della vita dall’insediamento occidentale?” La risposta è stata: “Quando vedono una camionetta delle forze occidentali i bambini gli corrono dietro perché cercano un pezzo di pane ma noi non glielo diamo perché il pericolo che quei bambini diventeranno terroristi è molto altro (così si aumenta l’odio verso l’occidente). La stragrande maggioranza dei villaggi non ha neanche l’energia elettrica, e l’unica cosa costruita in quelle realtà sono stati i pozzi.” Dal 2001 ad oggi, con una situazione certamente difficile ma dubito che sia stata così proibitiva come quella di questo ultimo anno, ciò che si è fatto è stato solo costruire dei pozzi e neanche in tutti i villaggi che, stando alle testimonianze di chi è sopra(vvissuto) lì: “La popolazione vive in stato di semipovertà”. Un fallimento su tutta la linea che meriterebbe le scuse da parte dell’ONU e il ritiro immediato dopo aver dato un governo legittimato dal popolo afgano con la presenza nel cartello elettorale anche dei talebani. Tornando alla situazione iraniana gli è stato proposto di vendere l’uranio per farlo arricchire dalla Russia, la stessa Russia che arresta i manifestanti che protestano a favore della libertà di assemblea e per la difesa dei diritti umani ( http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2009/11/01/oppositori-in-piazza-contro-medvedev-50-arresti.html ). Niente indignazione, niente sconcerto da parte della comunità internazionale che si straccia le vesti per la difesa dei diritti dei “verdi” e snobba quelli dei “rossi”, si vede che il colore “olivastro” dei governi medio orientali proprio non gli va giù, e tutti zitti.


Onore ad Enzo Biagi, ierilaltro era l'anniversario della morte... qui nei commenti non avevo ancora scritto nulla a riguardo... « Ho sempre sognato di fare il giornalista, lo scrissi anche in un tema alle medie: lo immaginavo come un "vendicatore" capace di riparare torti e ingiustizie [...] ero convinto che quel mestiere mi avrebbe portato a scoprire il mondo » (E. Biagi)


Concordo Luce.


OT - SOS ANTIBERLUSOCNISMO ALL'ACQUA DI ROSA La cacciata di Ruffini oltrepassa ogni misura di pensabile sopportazione del berlusconismo. Berlusconismo che come una appiccicosa blobbata riempie gli ultimi spazi liberi dell'informazione. Fermate sto blobbone! Ci vuole un antidoto: un adeguato antiberlusconismo, ché quello che c'è, è all'acqua di rosa rispetto alla pandemia berlusconiana.


Ruffini come Biagi, come Santoro, come Luttazzi, come Sabina Guzzanti... chi sarà il/la prossimo/a? Mi viene in mente la storie dei 10 piccoli indiani... Ma saranno altro che 10! Ci sono mille motivi per mandare a spasso Berlusconi. Quello che ho detto è solo uno.


# 50    commento di   labischeracubana - utente certificato  lasciato il 8/11/2009 alle 14:22

cari comunisti travisati in volto di facebook provo ad esservi amica su facebook nn c'è fretta , laura cococcia nn mi vuole parlare e vuole obbligarmi a ecc ecc famosi ricchi editore università italiana vuole obbligarmi a pensare terrorizzata che se la abbandono divento pazza , NN VOGLIO AIUTO A VASTO NN VOGLIOO AMICI A VASTO , VOGLIOO SOLO ANDARE IN UN NEGOZIOI E CHE QUALCUNO SE MI FA UNA DOMANDA MI RISPONDA




Quando ho visto questa pagina web non credevo ai miei occhi !!!! LA RAI SUL SUO SITO WEB HA UNA PAGINA PER CARICARE : Una canzone per Silvio: Hai scritto anche tu una canzone per il nostro premier? Mandala a Glob e scala la top ten delle nuove proposte. NON HO PAROLE !!! ECCO LA PAGINA DEL SITO RAI.TV: http://www.ugc.rai.it/uploadcon.jsp?idRub=71


Quando ho visto questa pagina web non credevo ai miei occhi !!!! LA RAI SUL SUO SITO WEB HA UNA PAGINA PER CARICARE : Una canzone per Silvio: Hai scritto anche tu una canzone per il nostro premier? Mandala a Glob e scala la top ten delle nuove proposte. NON HO PAROLE !!! ECCO LA PAGINA DEL SITO RAI.TV: http://www.ugc.rai.it/uploadcon.jsp?idRub=71


SESSO E RICATTO Sesso e Potere Redazione Il Fatto Quotidiano Da via Gradoli alla caduta del Governatore Sintesi da non perdere! Io vado oltre e continuo a domandarmi perché non abbiano ancora arrestato il non più lodato grande telefonista-ricattatore-estorsore-concussore Berlusconi. O quantomeno perché non sia stato subito indagato e interrogato non appena egli stesso l'aveva pubblicamente dichiarato urbi et orbi, spacciando la telefonata come gesto cavallersco. Arrestatelo (ci sarebbero mille altri motivi per metterlo dietro le sbarre, ma basti questo, per il momento).


# 55    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 8/11/2009 alle 16:43

da # 58 a # 74 commento di mark Avevi paura di passare inosservato? Cosi invece passi da ...... Bravo, hai indovinato :D -------------------------- Per i webmasters: e inserire uno script anti-flood sull' IP? Magari con un timeout di 3 minuti e portare i caratteri a 3000/4000? Risolverebbe parecchio. I'm sorry, I don't speak asp or aspx. D'altronde avete eliminato il captcha, questi sono i risultati. Saluti


L'attacco del pdl a Ingroa è una cosa schifosissima. Napolitano ha rotto col suo bel dire che la anm deve dialogare col governo. Aho! Ma queste che si è fatto?


per Mark Seguo regolarmente Glob e quella della canzone per silvio è una presa in giro, se guardi stasera il programma in tv o sul sito lo capisci da solo.


# 58    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 8/11/2009 alle 16:50

Ahhpperò, allora ci siete moderatori :) Non ho fatto in tempo a scrivere e già avete ripulito, complimenti. Passerei al thread precedente, mark è passato pure da lì :) Saluti e buon lavoro domenicale ;)


ma per quanto continuerà questo delirio? e basta!




coraggio! :)


chi andrà a dirigere Rai3? un craxiano o il figlio di un ex direttore p2ista? anche il fortino di Rai3 sarà, almeno in parte, espungato. Con tanti saluti agli intrallazzi e calate di brache degli anni '80-'90 pur di avere quel fortino...


Ti amo!


Flora Bartolini, mamma di Miriam Raffaella Bartolini, ha prestato il suo insospettabile nome per permettere al genero di acquistare e a ristrutturare a S-chanf in Engadina, Svizzera, una pregiata magione antica. Come si siano regolati i fischi (nel senso del plurale di fisco!) svizzero e italiano, mi sfugge (indaghi che deve indagare!). Sicuramente, in previsione dello scudo fiscale, il proprietario per interposta suocera si sarà adegatamente premunito. Si sarà armato di scudo ad personam contro lo scudo fiscale, d'accordo con Tremonti (indaghi chi deve indagare): i suoi fondi imboscati sotto mentite spoglie li avrà spostati dalla Svizzera in altre zone paradisiache; sennò, oltre alle insideie dello scudo fiscale, avrebbe da temere le ritorsioni provenienti dalla Svizzera: lo spifferamento - ci ono anche i fischi, oltro ai fischi di due paesi - e lo sputtanamento ad opera delle banche furiose con il governo italiano); d'accordo sicuramento con quel super-marpione di un passatore ficale (quando non fa il ministro) che risponde al nome di Tremonti (nomen est omen: conosce le banche situate tra i monti, a sud e a nord del San Gottardio, come le proprie tasche, appunto da passatore finanziario. Non so se la causa di dovorzio tra Silvio e Veronica (alias Mirima Raffaella , figlia di Flora) abbia cambiato qualcosa per la ghrande proprietà fondiaria di S-chanf (pr. s-cianf). Una cosa l'avevo letto (ne parlava la stampa): la signora Flora Bartolini ha avuto tali agevolazioni fiscali dal cantone dei Grigioni da sollevare uno scandalo in Svizzera. Povera signora Nulla-o-poco-tenente-tranne-quello-che-tiene-per-il-genero).
http://notitiacriminis.blogosfere.it/2006/04/una-villa-in-sv.html


Dovuta rettifica: Non so se la causa di divorzio tra Silvio e Veronica (alias Miriam Raffaella...


PS Inoltre sappiamo che uno dei vizi più vecchi e più radicati, praticamente il grosso peccato originale, di Silvio è proprio l'evasione fiscale. Sfido che non corre buon sangue tra lui e Tremonti versione ministro (altro discorso è il Tremonti versione passatore, cioè prima maniera, e a intermittenza tra un posto in governo e l'altro)!


PS 2 Anche se l'ha sempre fatta franca, con un sacco di trucchi.


Piove,opposizione ladra.Ora che,finalmente, il pd ha terminato il congresso,avrà più tempo per dedicarsi ai problemi di questo disgraziato paese.O no? Visto che siete tornati sulla terra,vi interessa sapere come il nano a ridotto il paese? E dopo che vi siete informati,non ritenete opportuno,chiedere le dimissioni di questo governo? Conoscendovi(scusate la certezza)sareste ancora capaci di lasciare perdere,andando avanti a pensare ancora agli affaracci vostri.Se, puta caso,il nano strangolerà qualcuno in diretta tv, chiedereste le sue dimissioni?Il buon senso direbbe di si,ma voi non vi chiamate buon senso,voi vi chiamate pd.




# 62 commento di peolo Antonio Di Bella, già direttore del TG3, e in passato già detto "rosatello", che sappiano come ria-annacquarlo del tutto?


ec - ri-annacquarlo


# 72    commento di   unovuelta - utente certificato  lasciato il 8/11/2009 alle 19:5

le banche sono state salvate dagli stati nazionali i comuni italiani sono indebitati coi titoli tossici nati in inghilterra ed in america di moda , io me lo ricordo report dell'anno scorso




# 74    commento di   unovuelta - utente certificato  lasciato il 8/11/2009 alle 19:23

cuba è affamata dall'america consumatrice ed assassina
@74


# 75    commento di   unovuelta - utente certificato  lasciato il 8/11/2009 alle 19:36

caro loris una donna contro cuba affamata ed isolata e da aiutare nn potrà aiutarti contro la fine del capitalismo e la terza guerra mondiale se il dogmatismo e la storia funzionano se no mi sbaglio e meglio così


# 76    commento di   unovuelta - utente certificato  lasciato il 8/11/2009 alle 19:37

l'unica maniera per impedire il crollo dell'economia e la terza guerra mondiale è il popolo di tutto il mondo unito insiieme al popolo cubano




# 78    commento di   unovuelta - utente certificato  lasciato il 8/11/2009 alle 19:38

ed in questo caso ci vogliono parole comuniste l'internazionale dei popoli insieme al popolo cubano può salvarCI , nn so se noi ci saremo , nn ho fatto i conti degli anni , dalla fine dell'economia ossia ecc ecc e dal proseguimento della terza guerra mondiale


# 79    commento di   unovuelta - utente certificato  lasciato il 8/11/2009 alle 19:39

io vado a cuba e do una mano lì , tu vai in america e dai una mano lì , io in america nn ci vado , vedi com'è semplice senza litigare ?
loris leggi com'è semplice


@unovuelta OK!


# 81    commento di   unovuelta - utente certificato  lasciato il 8/11/2009 alle 19:46

che volevo dì ah --dobbiamo impedire il crollo del capitalismo perchè il popolo del comunismo Ora nn sa cosa farsene --hanno gl'incubi della Stasi che li spia ---e gl'incubi del papato gli verranno purtroppo ma siamo già in tanti se nn in italia dove c'è la dittatura massmediatica fascista , siamo già in tanti in europa a dire papato sei cosa privata nn tentare di fare politica che dai solo fastidio ----dobbiamo e nn scherzo impedire la terza guerra mondaile ---dobbiamo far nascere l'ecologia politico popolare questi sono i compiti della mia generazione




# 83    commento di   unovuelta - utente certificato  lasciato il 8/11/2009 alle 19:51

gracias , ok , almeno io e te siamo in accordo , già ciò mi rilassa vedi a me bastano due persone ma se fossimo importanti due persone dogmaticamente nello spazio tempo giusto possono cambiare il corso della storia
@87


# 84    commento di   unovuelta - utente certificato  lasciato il 8/11/2009 alle 19:52

ok ora stacco che scrivo troppo ma ..dogmaticamente nello spazio tempo giusto ....deov rimettermi a studiare , sapete come faccio ? mando cococcia laura in biblioteca a prendermi i libri così io manco ci devo entrare


# 85    commento di   unovuelta - utente certificato  lasciato il 8/11/2009 alle 19:54

vedete io scrivo e ecc ecc ma il popolo è il popolo in quanto tale ....leggere fa bene loro ma ...il popolo è il popolo e ragiona anche con la sua testa ,ne deduco che .....? buona notte per oggi


Chi è Laura Cococcia?


# 94 Roland Su google ne trovi quante ne vuoi, dovrebbe dirlo la cubana qual'è la sua.


# 88    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 8/11/2009 alle 20:41

# 94 commento di Roland bohhh, però questa della cri favati mi è piaciuta #50 "E CHE QUALCUNO SE MI FA UNA DOMANDA MI RISPONDA" :D Saluti


Il bello (e tragico per noi!) e' che questa gentaglia che si trova a governare illegittimamente, adesso ha la faccia tosta di mettersi a fare la "riforma" della giustizia. Prima di che questi personaggi si mettano a toccare la giustizia, occorrerebbe chiarire bene se e' vero che la trattativa stato-mafia ci fu, qual'era il prezzo che lo Stato dovette pagare alla mafia per far cessare i bombardamenti. Non vorrei che questa smania di fare la riforma della giustizia sia in realta' uno dei "pegni" che lo stato (o presunto tale) deve pagare alla mafia: giudici sotto controllo della politica, fine dello stato di diritto, legge sulle intercettazioni. Ma non gli sara' facile: questa volta abbiamo capito i loro sporchi giochi. E tanto per cominciare, mi sono abbonato a Il Fatto!!


Vorrei spezzare una lancia per Ber...il primo ministro Italiano(ovviamente sulla testa) Visto che piu'ne combina piu'diventa vittima,tanto che sembra combinarle apposta,non nominiamolo piu'. Facciamo come Veltroni , chiamiamolo in un altro modo. Raccontiamo solo il fatto , mettiamo i puntini che so'.




Mi domanda se la mente machiavellica di Niccolò Mavalà Cheddici sia già arrivata alla seguene formulazione di una legge ad Principem: "Il tempo di prescrizione dei reati dev'essere inversamente proporzionale alla lunghezza dei processi." (con altre parole: più lungo il processo, più breve la prescizione) Magari come articolo di Costituzione. (sto ascoltando - con un orecchio solo - Fini, ospite Fazio)


cri favati labischeracubana unovuelta ect ect SEI GRANDIOSAMENTE SALATINA SENZA DI TE LE GIORNATE SONO NOIOSE BACI NON TI INTERROGO SE SEI RICCA TI SPOSO IO




La Santanchè offende pesantemente Maometto... Ma... è scema?


x amedeo non è scema peggio è la Santanché


# 97    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 8/11/2009 alle 23:39

per i ragazzi di voglio scendere (*_*) ma dai cacchio , crì ci sta raccontando la sua biografia pezzo a pezzo e nn sappiamo ancora chi è LC? ma cacchioooooooooooo!!!!! crì posso sgridarli da parte tua? sei la meafora in carne e ossa dei diritti violati in questo paese, da quelli della libertà di pensiero, a quello dello stato teocratico, a quelli non laici nel piu ampio senso da intendersi, e stanno a dirti chi è LC e quanto dolore ti ha procurato? e meno male che il tuo senso del bene personale e collettivo è sempre stato cosi intimo da essere cristallino sotto gli occhi di tutti in questo blog! ma saranno mica una metafora delle generalizzazioni (alcune volte un po'banali , ma altre un po' tanto vere) che gli uomini non ascoltano mai le donne? (*_*) però hai visto che hai un fan! è belllissimooooo crì!!! e quasi quasi è bellissimo anche quasi quasi anche se nn si ricordano chi è LC, sono siamo tutti tuoi fans! un bacio! ps sei la metafora come già ti dissi dell'errante o pazzo del villaggio, che sembra sconclusionato e un po' fuori dal mondo,ma dice un mucchio di verità sotto gli occhi di tutti, cosi sotto gli occhi,da passare inosservate- un bacio anche a tutti gli smemorati .-) ciao (*_*)


# 98    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 9/11/2009 alle 1:35

# 92 commento di Roland No Roland, Mavalà Gheddici ha già pensato ad una formula più innovativa: "I tempi di prescrizione sono direttamente proporzionali all' altezza dell' imputato" Fonzie e brunetta praticamente prescritti d' ufficio :D Saluti


non sarebbe male se "labischeracubana" scrivesse in un italiano più comprensibile e meno criptato... se si scrive in un blog, credo sia necessario essere capiti dai più. Se invece si vuole scrivere perché ti capisca solo qualcuno in particolare, beh, meglio scrivere direttamente alla sua mailbox e non frantumare inutilmente gli zebedei agli altri. grazie. oli


Peter, continua ad informarci su questo argomento. Non è mai abbastanza...


Non sarebbe male se nella prossima puntata di Annozero si toccasse l'argomento "Leggine" in favore di Berlusconi...


grazie per l'ospitalità in questo spazio NON E' VERO.... non è vero che Stefano Cucchi non voleva informare i suoi familiari , questo non risulta dall'apposito modulo dell'ospedale.Il pm si appresta ad emettere avvisi di garanzia....ma stiamo scherzando per omicidio si emettono dei semplici avvisi di garanzia....e questo ragazzo per 20 grammi di hascisch, ripeto 20 grammi di hascish veniva confermata la custodia cautelare in carcere da un inflessibile magistrato:Sei contento cittadino che invochi la certezza della pena , che vedi nel carcere l'unica risposta...questo produce la tua voglia di forca disgraziati "suicidati" e impuniti gozzoviglianti.adesso capisci perchè le tv del regime ti hanno terrorizzato fino ad ora....e mi rivolgo sempre a te cittadino forcaiolo non ti domandi dove sono i garantisti a favore del potente di turno... VERGOGNATI CITTADINO BENPENSANTE PERCHE' CON LA TUA IGNAVIA CON IL TUO ESSERE SUDDITO SILENTE STEFANO LO HAI UCCISO ANCHE TU! continua; nel blog informazionedalbasso http://www.youtube.com/watch?v=VOqVMJaWS-8
http://informazionedalbasso.myblog.it/


# 103    commento di   unovuelta - utente certificato  lasciato il 9/11/2009 alle 9:26

...........................per sapere la verità ....su una vita ..
http://blog.libero.it/cococcialaura


# 104    commento di   fab1979 - utente certificato  lasciato il 9/11/2009 alle 10:6

Io penso che la verità sia dovuta, in merito alla latitanza dei fratelli Graviano e alle misteriose coincidenze relative alla cronologia della trattativa Stato-mafia, a tutti i cittadini. Le ombre sulla nascita di Forza Italia sono sempre più cupe, ma la cosa tragica è che sappiamo che, come al solito, la sinistra è più compatta della destra nel volere l'oblio su queste vicende. Non so se avremo delle risposte a breve, ma quanta confidenza possiamo avere nel fatto che ce ne saranno in futuro?


stavolta ha ragione dago.. state esagerando.. mi sa che ritorno ad iutare IL MOSTRO, che ne ha bisogno e non riceve i finanziamenti pubblici e non trascende nelle beghelle del gossip, ma fa informazione pura. WIWA IL MANIFESTO ps saluteme a sorete


Forse dovremmo sentire anche l'altra campana: mamma Laura e papà Luca (suppongo)


BOLLCINE RADIOATTIVE Cinquecento metri sotto le argille dello Champagne, i francesi stanno costruendo i "sarcofagi" dove verranno smaltiti i rifiuti delle centrali atomiche. Saranno radioattivi per 300mila anni Commento: nei prossimi 300mila anni, per prudenza, non berrò più champagne


I francesi si scavano la tomba dello champagne


IL FATTO QUOTIDIANO DELL'8 NOVEMBRE E' UN FILE CORROTTO; HO PROVATO A SCARICARLO PIU' VOLTE E PRESENTA SEMPRE DEI PROBLEMI, TIPO PAGINE VUOTE. VORRESTE, PER CORTESIA, DIRMI SE CAPITA ANCHE A VOI? SCUSATE SE URLO, MA PASSEREI SICURAMENTE INOSSERVATO. GRAZIE MILLE.


# 110    commento di   SKYLINE - utente certificato  lasciato il 9/11/2009 alle 11:0

DOMANDA: come si chima un uomo che va a letto con una bambina di 9 anni? A: Depravato B: Malato C: Pedofilo D: Maometto La A la B la C o la D? Quale accendiamo?


# 111    commento di   unovuelta - utente certificato  lasciato il 9/11/2009 alle 11:9

la bischera cubana è diventata unovuelta


# 112    commento di   unovuelta - utente certificato  lasciato il 9/11/2009 alle 11:30

il papato è una setta di potere contro il popolo e deve andarsene dall'italia deve tornarsene in francia ....quando te ne vai papa quando ve ne andate clericali settari falsi ? siete solo potere siete solo papato mandiamo via il papato


# 113    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 9/11/2009 alle 11:49

Democrazia in crisi, società civile anche di Gustavo Zagrebelsky (la Repubblica, 07.11.2009) * Sulla crisi della democrazia, non mi pare che ci sia molto da dire, in più di quel che sappiamo. Se non bastasse la realtà di cui tutti facciamo esperienza nei piccoli e grandi rapporti di vita quotidiana - prima ancora che nella vita delle istituzioni - , ci sono studi ponderosi che parlano della democrazia odierna nella luce spettrale di un "totalitarismo capovolto". Si elaborano griglie concettuali per "misurare" le democrazie esistenti, e ciò meno per rilevare progressi, e più per attestare regressi verso il punto-zero al di là del quale, di democratico, resta la forma ma non la sostanza. Ritornano antiche immagini biologiche delle società, paragonate ai corpi naturali viventi che, come nascono, sono destinati a morire. Nulla, nelle opere degli uomini è eterno e così, oggi, quest’idea del ciclo vitale si applica alla democrazia. La caduta dei totalitarismi del secolo scorso sembrava avere aperto l’èra della vittoria della democrazia su ogni altra forma di governo degli uomini. Dalla seconda metà del secolo XX, si cominciò a mettere tutte le concezioni e le azioni politiche in rapporto con la democrazia, diventata quasi un concetto idolatrico comprensivo di tutte le cose buone e belle riguardanti gli Stati e le società, in tutte le loro articolazioni, dalla famiglia, al partito, al sindacato, alle Chiese, alla comunità internazionale. Questa connotazione positiva era un rovesciamento di antiche convinzioni. Fino allora, la democrazia era stata associata all’idea della massa senza valore, egoista, arrogante, faziosa, instabile e perciò facile preda dei demagoghi. Il giudizio negativo di Platone fece scuola nei secoli: la democrazia come regime in cui il popolo ama adularsi, piuttosto che educarsi: «Un tal governo non si dà alcun pensiero di quegli studi a cui bisogna attendere per prepararsi alla vita politica, ma onora chiunque, per po


# 114    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 9/11/2009 alle 11:50

per poco che si professi amico del popolo». Oggi, nel senso comune, non c’è un ri-rovesciamento a favore di concezioni antidemocratiche. C’è piuttosto un accantonamento, un fastidio diffuso, un "lasciatemi in pace" con riguardo ai discorsi democratici che, sulla bocca dei potenti, per lo più puzzano di ideologia al servizio della forza e, nelle parole dei deboli, spesso suonano come vuote illusioni. Non c’è bisogno di consultare la scienza politica per incontrare sempre più frequentemente una semplice domanda - «democrazia: perché?» - , una domanda che, solo a formularla, suona come espressione del disincantamento a-democratico del tempo presente e mostra tuttavia l’oblio di una durissima verità: che, salve le differenze esteriori, prima della democrazia c’è stata una dittatura e, dopo, ce ne sarà un’altra. Che bisogno c’è oggi, in effetti, di democrazia? Con questa domanda, ci spostiamo dalla parte della "società civile". È lì la sua sede, il luogo della sua forza o della sua debolezza. Nel senso in cui se ne parla correntemente oggi, la società civile è il luogo delle energie sociali che esprimono bisogni, attese, progetti, ideali collettivi, perfino "visioni del mondo", che chiedono di manifestarsi e trasformarsi in politica. Chiedono di prendere parte alla vita politica e di esprimersi nelle istituzioni: chiedono cioè democrazia. Se la società si spegne, cioè si ripiega su se stessa e sulle sue divisioni corporative, essa diviene incapace di idee generali, propriamente politiche, e il suo orizzonte si riduce allo status quo da preservare, o alle tante posizioni particolari ch’essa contiene - privilegi grandi e piccoli, interessi corporativi, rendite di posizione - da tutelare. Basta allora l’amministrazione dell’esistente; cioè la tenuta dell’insieme e la tutela dell’ordine pubblico: in altre parole, la garanzia dei rapporti sociali de facto. Di fronte a una società politicamente inerte può ergersi soltanto lo Stato amministrativo che


# 115    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 9/11/2009 alle 11:51

che si preoccupa di sopravvivenza, non di vita; di semplice, ripetitiva e, alla lunga, insopportabile riproduzione sociale. Ma, se questo - la sopravvivenza - è il mandato dei governati ai governanti, ciò che occorre è soltanto un potere esecutivo forte e un apparato pubblico almeno minimamente efficiente. Non c’è bisogno di politica e, con la politica, scompare anche la democrazia. Infatti, mentre ci può essere politica senza democrazia, non ci può essere democrazia senza politica. Non avendo nulla di nostro che vogliamo realizzare, tanto vale consegnarci nelle mani di un qualche manovratore e, per un po’, non pensarci più. Con queste considerazioni, si spiega l’orientamento che a poco a poco prende piede, a favore di un ri-disegno dei rapporti tra i poteri costituzionali, con l’esecutivo predominante sugli altri. L’investitura popolare diretta del capo, depositario d’un potere tutelare illimitato, contrariamente all’apparenza di parole d’ordine come innovazione, trasformazione, riforme, decisione, ecc. è perfettamente funzionale alla sconfitta della politica democratica, cioè della politica che trae alimento dalla vitalità della società civile. Non solo: più facilmente, sarà funzionale alla sconfitta della politica tout court e alla vittoria della pura amministrazione dell’esistente, cioè alla cristallizzazione dei rapporti sociali esistenti. Di per sé, il pericolo non è l’autoritarismo, anche se può facilmente diventarlo, le volte in cui si tratta di cancellare o reprimere istanze politiche non integrabili nell’amministrazione dell’esistente. Il pericolo immediato è la garanzia della stasi, cioè la decomposizione ulteriore della nostra società in emarginazioni, egoismi, ingiustizie, illegalità, corruzione, irresponsabilità. Se non si tratta necessariamente di autoritarismo, non è nemmeno un semplice ammodernamento della Costituzione. L’impianto su cui questa è stata consapevolmente costruita è quello di una società civile che esprime politica


# 116    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 9/11/2009 alle 11:52

a partire dai diritti individuali e collettivi, per concludersi nelle istituzioni rappresentative, con i partiti come strumenti di collegamento. Questa costruzione costituzionale, però, è soltanto un’ipotesi. I Costituenti, nel tempo loro, potevano considerarla realistica. I grandi principi di libertà, giustizia e solidarietà scritti nella prima parte della Costituzione, allora tutti da attuare, segnavano la via lungo la quale quell’ipotesi avrebbe trovato la sua verifica storica. La società italiana, o almeno quella parte della società che si identificava nei partiti, poteva darle corpo. Si può discutere se e in che misura questo corpo sia stato fin dall’inizio deformato dalla "partitocrazia" e se, quindi, le istituzioni costituzionali siano diventate uno strumento di affermazione più di partiti, che della società civile, tramite i partiti. Tutto questo è discusso e discutibile. C’erano comunque istanze politiche che chiedevano accesso alle istituzioni. La democrazia costituzionale si è costruita su questa ipotesi, che per un certo tempo ha corrisposto alla realtà. Ora, siamo come a un bivio. La strada che si imboccherà dipende dall’attualità o dall’inattualità di quell’ipotesi. Noi non contrasteremo le deviazioni dall’idea costituzionale di democrazia soltanto denunciandone l’insidia e i pericoli, cioè parlandone male. In carenza di una sostanza - cioè di istanze politiche venienti da una società civile non disposta a soggiacere a un potere che cala dall’alto - perché mai si dovrebbero difendere istituzioni svuotate di significato? Le istituzioni politiche vitali sono quelle che corrispondono a bisogni sociali vivi. Se no, risultano un peso e sono destinate a essere messe a margine. Qui si innesta il compito della società civile, nei numerosissimi campi d’azione che le sono propri, e delle sue tante organizzazioni che operano spesso ignorate e sconosciute, le une alle altre. La formula di democrazia politica che la Costituzione disegna è per loro. La


# 117    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 9/11/2009 alle 11:53

La sua difesa è nell’interesse comune. Non c’è differenza, in questo, tra le associazioni che operano per la promozione della cultura politica e quelle che lavorano nei più diversi campi della vita sociale. C’è molto da fare per unire le forze. E c’è molto da chiedere a partiti politici che vogliano ridefinire i loro rapporti con la società civile: innanzitutto che ne riconoscano quell’esistenza che troppo spesso è stata negata con sufficienza, e poi si pongano, nei suoi confronti, in quella posizione di servizio politico che, secondo la Costituzione, è la loro. Zagrebelsky * Questo testo è stato letto e commentato da VZ all’incontro annuale di "Libertà e Giustizia" al Palazzo Ducale di Genova altro ieri e ieri, occorre lavorare perche si mettano in rete FACCIAMO RETE dentro e sopratutto fuori internet, tutti i singoli di virtù democratiche e tutte le associazioni gruppi movimenti culturali,sui diritti umani, della società civile..sono concordi a tale intento da Ginsborg a don Farinella ,da Sanza a Flick, da Elisabetta Rubini(avv.vincente della causa sul lodo mondadori),a tante e tanti altri esponenti,meno consciuti o piu conosciuti, presenti a genova, ognuno con il suo ambito di tematiche e identità ma insieme in relazione da costruire di fronte ai diritti civili violati dalla scuola al carcere,dal lavoro all'ambiente.


@skyline lungi da me parlare in un qualsiasi modo favorevole della pedofilia, ma perchè si affrontano queste cose in una prospettiva antistorica, senza mai inquadrare la situazione nel quadro di insieme? non so se realmente maometto avesse una sposa di nove anni, ma se anche fosse non la troverei una cosa strana. la cura e la protezione dell'infanzia sono una scoperta dell'occidente moderno, quasi contemporaneo. per tutta l'antichità le donne sono state fatte sposare giovanissime, in modo da dare la certezza della verginità e la sicurezza di generare. ma che mondo era? era un mondo dove si moriva in culla, dove la mortalità media era sulla trentina d'anni, dove la schiavitù era cosa normale, dove si davano in pasto alle belve degli uomini per puro divertimento. ed anche nel nostro medioevo le cose non erano tanto differenti. shakespear ricorda nel romeo e giulietta,la cui protagonista ha 14-15 anni, che molte sue coetanee erano già spose e madri. per avvicinarci ancora, maria antonietta andò in sposa al re di francia quattordicenne. e nell'ottocento siciliano, i bambini venduti per andare a morire nelle miniere di zolfo erano cosa normale. oggi per fortuna abbiamo la possibilità, e la coscienza, di proteggere l'infanzia dei nostri figli. ne sono felice. c'è da combattere la pedofilia di oggi, alla luce del nostro sentire. non possiamo cambiare il passato, ma solo il presente. e non possiamo condannare un aspetto del passato senza condannarlo in toto, nella radice anche della nostra cultura, non solo di quella di culture differenti


*** LA LEGGE DEL PRIMO COMMA *** In ogni patto o alleanza che chiunque voglia fare con Berlusconi si ha da rispettare il primo comma invisibile, mai scritto, ma sempre iscritto a caratteri cubitali come il 'lasciate ogne speranza voi ch'intrate' dell'inferno dantesco: l'impunità del don Rodrigo di Arcore dai tribunali e dalla legge italiana. Lo sanno bene i suoi migliori alleati di sempre, i pidiossini di D'Alema, che per sedersi alla Bicamerale con Truffolo hanno dovuto svendere mezza Costituzione e per farlo rinascere nel 2007, con Veltroni, hanno dovuto fargli vincere le elezioni. Ora tocca a Fini: il quale sa benissimo che se vuole sperare (e ribadisco: sperare) di avere in futuro un qualche ruolo o poltrona nel partito del Capo, deve cedere sul tema della giustizia e controfirmare il documento pidiellino sull'impunità del Premier nei prossimi giorni. Ovviamente Fini ha già detto obbedisco, facendo finta di mettere di mezzo dei distinguo: del resto, solo gli illusi di sinistra possono aspettarsi una difesa della Costituzione liberale e della legalità da un ex fascista che da 15 anni fa la parte del valletto del Nano di Arcore. Per quanto riguarda invece la zampa sinistra del Regime, gli ex PCI di D'Alema e Bersani, la loro contropartita la stanno già ottenendo, e bella succosa: la poltrona di Mr. PESC dell'UE... in passato hanno dato molto a Berlusconi in cambio di nulla - se non le regole di base a favore dell'impunità dei colletti bianchi, di cui hanno beneficiato loro ed i loro amichetti imprenditori; ora che B. gli sta pure dando una cosa così grossa, cosa saranno disposti a fare pur di mostrare la loro riconoscenza al Padrino di Arcore? Sul tavolo comune PDL - PDmenoelle ci sono molte questioni, c'è solo l'imbarazzo della scelta: -- taglio delle intercettazioni; -- riforma presidenzialista della Costituzione in senso piduista; -- 'riforma' della giustizia ed abolizione dell'indipendenza del terzo potere (la magistratura); --


Sul tavolo comune PDL - PDmenoelle ci sono molte questioni, c'è solo l'imbarazzo della scelta: -- taglio delle intercettazioni; -- riforma presidenzialista della Costituzione in senso piduista; -- 'riforma' della giustizia ed abolizione dell'indipendenza del terzo potere (la magistratura); -- bavaglio alla Rete; -- bavaglio alla libertà di stampa; -- ripristino dell'immunità parlamentare Come potete leggere, molte di queste vedono i colletti bianchi di sinistra fortemente cointeressati. Se poi si aggiunge che il Regime è pronto ad eleggere il suo vassallo stalinista alla poltrona UE... figuriamoci. Altro che 'sperare nell'opposizione' pidiossina al governo B. e alle sue proposte piduiste, come ingenuamente scriveva l'altro giorno Marco Travaglio sul Fatto. Qui invece siamo in piena condivisione di interessi col Regime di cui il PD è la zampa sinistra: strano che Travaglio ancora non l'abbia capito appieno. In questi casi si suol dire: chi visse sperando morì... non si può dire!!


PS 'Strano' che anche Di Pietro non si stia opponendo a D'Alema all'UE in cambio di questo mercimonio sulla Costituzione... tanto da confermare ancora una volta che il partito di Di Pietro sia in aria di inciucio permanente con gli inciucisti del PD.


# 122    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 9/11/2009 alle 12:27

esci dalla logica del lamento Manuels, sei intelligente , moltissimo, lavora per il movimento antifascista della rete fra le parti della società civile che hanno ancora quelle virtu democratiche che ci narrava la democrazia di tocquenville "Se cerco di immaginare il dispotismo moderno, vedo una folla smisurata di esseri simili ed eguali che volteggiano su se stessi per procurarsi piccoli e meschini piaceri di cui si pasce la loro anima… Al di sopra di questa folla, vedo innalzarsi un immenso potere tutelare, che si occupa da solo di assicurare ai sudditi il benessere e di vegliare sulle loro sorti. È assoluto, minuzioso, metodico, previdente, e persino mite. Assomiglierebbe alla potestà paterna, se avesse per scopo, come quella, di preparare gli uomini alla virilità. Ma, al contrario, non cerca che di tenerli in un'infanzia perpetua. Lavora volentieri alla felicità dei cittadini ma vuole esserne l'unico agente, l'unico arbitro. Provvede alla loro sicurezza, ai loro bisogni, facilita i loro piaceri, dirige gli affari, le industrie, regola le successioni, divide le eredità: non toglierebbe forse loro anche la forza di vivere e di pensare?".


# 123    commento di   Pierpaolo Buzza - utente certificato  lasciato il 9/11/2009 alle 12:27

La cosa un po' sconfortante, in tutta questa storia (a parte il MERITO della storia stessa), è che in Italia c'è una parte di persone che sanno questi retroscena, leggono Il Fatto, non votano Berlusconi, sono incazzati, etc. Poi c'è una maggioranza di persone che sanno questi retroscena e non gli interessano. Pensano che non siano fatti loro, che hanno cose più importanti a cui pensare, che "chissenefrega di quello che fa Berlusconi". Ho detto un'ovvietà? Forse. Ma è un'ovvietà per noi. Per tanta altra gente, quella che decide il risultato delle elezioni, fargli capire una cosa basilare come questa sarebbe già moltissimo.
http://professorwoland.ilcannocchiale.it


# 124    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 9/11/2009 alle 12:37

x peirpaolo buzza allarga le identita democratiche piu possibile , senza togleire alcun merito al fatto , ai suoi lettori ( fra cui anche io ) e ai suoi scrittori , ciò non significa che solo quella condizione garantisce il saper volere essere e difendere la mamoria, la costituzione e la resistenza non violenta...ci sono tantissime persone ed associazioni, purtroppo per ora molto atomizzate come voleva il potere del truman show, che hanno quela sensibilità democratica a cui ti riferivi, e se leggono ANCHE o solo il manifesto o la repubblica o anche questa o anche tutte le rassegne stampe nazionali o internazionali, non per questo sono escluse da quanto dici, bisogna lavorare per "includere" tutte le persone di buona volontà e virtu democratica al fine di FARE RETE CONTRO IL TELONE DEL TRUMAN SHOW


Ma scusate...e perchè non puntare direttamente sul PCI (unico partito passato indenne chissà perchè...)come sponda per la trattativa? “La mafia, raccontano i collaboratori di giustizia, per mesi aveva flirtato col Partito Socialista. Ma poi era esplosa Tangentopoli e, se davvero il cavallo su cui puntava Cosa Nostra era Craxi, quello era morto… La situazione è complicata. Molti uomini Fininvest sono sotto inchiesta (Il 22 luglio il gruppo verrà perquisito dalla Guardia di Finanza). …Craxi infatti fa di tutto per convincere il Cavaliere a organizzare un partito che possa far argine all’avanzata delle sinistre.”


# 126    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 9/11/2009 alle 13:1

X Oliviero ciao:-) .. Comprendo il tuo messaggio , tu con i tuoi zebe e dei vuoi dirci quanto segue Chi non si omologa ad un quid , indefinito di volta in volta e discrezionale al soggetto che lo esprime, non viene preso come parte , ed è meglio e più facile respingerlo ti dico x me quale è il parametro di quel quid che di volta in volta, esclude o include l altro: la violenza o non la violenza, la forza o la pace a renderci complementari come è la concatenazione nel quid più generale che è il pensiero e che è sconfinato per sua stessa "materia" peraltro qui sei come in un libro , se qualcosa di non violento, di inoffensivo, viene scritto e nn è di tuo gusto, puoi saltare riga, foglio capitolo , libro.. Inoltre nei casi concreti, quali anche quelli di crì, nn credo ci abbia parlato di giardinaggio o di conserve o di ricamo, ma di sette sataniche del potere in ogni suo aspetto, dal vaticano a tutti gli altri pensa che CRI mi sollevava, Senza la tua violenza di zebedei o modi volti ad escluderla, le stesse contestazioni che tu ti ponevi stanotte contro il suo ermetismo o il suo modo criptico io nn ti ho mai letto , eppure di zebedeisti con analoga intolleranza ne ho letti tanti, nn è un caso neppure quello che tu sia XY, prova a chiederei da dove nasce il tuo bisogno di respingere e di metterlo nero su bianco in modo conforme alla moda richiesta dal momento e l opprimente atomizzazione dell umano.. La democrazia in ogni luogo e aspetto è praticata da se stessi e i propri comportamenti verso l altruita , inutile lamentarsi se i potenti sono dei fottuti egoisti quando noi ne replicheremmo identici vizietti ciao


@Mamma Pasolinante E' quello che cerco di fare, di 'lavorare per il movimento antifascista della rete', il problema è che i 'vertici' pidiossini sono con il Regime. E la 'base', di cui tu fai parte se non erro, li vota da 50 e passa anni, da quando al posto di Berlusconi c'erano Fanfani, Andreotti o la DC tutta. Bisogna prima di tutto opporsi alle rane che trasportano gli scorpioni, direbbe Tinti. Perché essi sono moralmente corresponsabili dello sfascio berlusconiano. Lo stesso dicasi di chi vota la Lega, l'UdC e parte dell'IdV.


# 126 commento di harvard - lasciato il 9/11/2009 alle 12:47 >> Ma scusate...e perchè non puntare direttamente sul PCI (unico partito passato indenne chissà perchè...)come sponda per la trattativa?ù Il PCI non era affidabile in prima istanza, come poteva esserlo Berlusconi. Primo perché con B. la mafia aveva già fatto affari e stretto patti: egli era un collega, perciò poteva facilmente diventare referente politico diretto (anche perché ampiamente ricattabile). Secondo perché gli elettori 'comunisti', soprattutto nella 'base', erano e sono ancora una delle poche frazioni del popolo italiano parzialmente sensibili ai temi della legalità e della moralità. Non i 'vertici' ddell'ex PCI, ovviamente, che infatti negli anni del berlusconismo oltre ad aiutare il don Rodrigo di Arcore, hanno pure approfittato della pax mafiosa 1994 - today come dimostra la vicenda raccontata ne 'I complici' di Gomez-Abbate. Insomma essi sono stati referenti politici dell'illegalità solo in subordine al Nano.


# 129    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 9/11/2009 alle 13:29

eh eh eh MANUEL S...GRAZIEEEEEEEEEE (*_*), grazie anche del simpatico materno, spero che prima o poi vinca la fratellanza antimassonica e antifascista , uniamoci e lasciamoli soliiiiiiii con le carte truccate devono rimanerci a giocarci da soli! la società civile se si riunsice può soppiantarli un bacio (*_*)...( non incestuoso eh eh eh )


Chiacchere, quand'è il momento di manifestare e di sovvertire le cose stan tutti a casa. Grande Peter e Marco..se non ci foste voi..


# 131    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 9/11/2009 alle 14:43

# 130 commento di Mari - lasciato il 9/11/2009 alle 14:7 il tuo qualunquismo è la rovina d'italia


Quel che ho scritto è il sunto stringato di alcune mie esperienze personali..non vedo come potrebbe far pensare a un eventuale qualunquismo che t'assicuro non mi appartiene. Semplicemente mi sbatto in ogni modo per cambiare le cose in maniera concreta, ma pur essendo circondata da persone che dicono di pensarla come molti commentatori di questo blog e come me, all'atto pratico si rintanano nei loro cantucci. Punto e stop.


Giustizia per Cucchi!!!


@ Manuel S quindi: 1 - nonostante i vari processi in corso e passati TU sai che Berlusconi è mafioso... 2 - non solo lui ma tutti quelli che lo votano..."...gli elettori 'comunisti', soprattutto nella 'base', erano e sono ancora una delle poche frazioni del popolo italiano parzialmente sensibili ai temi della legalità e della moralità..." ANDIAMO BENE... :)


Cristina, ma hai anche solo una vaga idea di quante cose sia riuscito a nascondere Al Tappone in questi ultimi 15 anni?!? Io non mi meraviglio più di niente ormai. In Italia con lo istituzioni colluse e i media che ci ritroviamo, tutto è possibile...



Mostra tutti i commenti


commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti