Commenti

commenti su voglioscendere

post: Il morto e i vivi

Testo: Buongiorno a tutti, qualcuno forse si aspetta che oggi parli della faccenda di Rosarno: no, non ne parlo, dico soltanto una cosa, non credo che ci sia bisogno di qualche spiegazione o di qualche retroscena, è  una vicenda che.. raramente in Italia se ne è vista una più chiara, più lampante, più già spiegata, più evidente nelle sue ragioni. Sono ragioni, naturalmente, che non appartengono né alla destra né alla sinistra, dipendono proprio da un fatto, secondo me, mentale e culturale di quel nuovo razzismo italiano con il quale non abbiamo mai voluto fare i conti e che, invece, trovate per le strade di Rosarno, trovate in certe parti del nord, del centro, del sud e che trovate anche ben raccontato nell’ultimo libro di Gianantonio Stella, “Negri, froci etc.”, che vi ... continua



commenti

Gli ultimi 100 commenti / 
Mostra tutti i commenti




# 108 Francesco M. Giusto: questo un punto importante da chiarire! Stefania Craxi ha detto il vero o ha detto falso? Da verificare assolutamente!


Scusate l'O.T., ma volevo segnalare una cosa curiosa. Forse non ho approfondito la ricerca, ma da Youtube, se si ricercano i video della vittoria di Prodi 2006, non viene fuori niente, anzi, digitando: "elezioni 2006", vengono fuori i video dell'attentato a Berlusconi, non uno che accenna alla vittoria di Prodi. Scusate, l'ho segnalato, perche' mi sembra una cosa un po' "strana".




E se è corretto l'articolo di Repubblica, Stefania C. è già bell'e sbugiardata!




Ripeto il mio appello ormai di secoli fa ... Se è stato possibile che la lega , in base a "vietato vietare" della logica mediatica preberlisconista e di quella parte corrotta dentro , della sinistra , non sua stata resa INCOSTITUZIONALE , così come doveva essere ed è x tante incompatibilità MANiFESTE ( secessione , razzismo interno ed esterno ) , cosa aspettiiamo a capire che il prossimo statista sara HiTleR ??? Anche oggi leggo , con delusione , un Tabucchi che sapete quanto stimo, riportato in un ' intervista di fine 2009 !!!! , cioe non 1989 quando era già nata e rinata, che la definisce di recente formazione...recente la lega???? Ma dove c-a-z-z siamo quando occorre esserci prima che avvengano le cose mostruose??? Dove la nostra coscienza anticipata? Quindi: sappiamo o no le coperture che hanno quelli di casa Pound??? Sappiamo che la Lega è nata e sviluppata come quelli che tipici della cutura fascistaaaaaa!!!!e nazistaaaaaa!!!!con le loro tipiche Ambiguita!!!! Dive solo i boccaloni potevano credere alla bontà Dell inno " Roma ladrona" , sparano a livello bestia dentro il popolo, la parte peggiore x l odio fra " le classi " !!!!! Questa Ambiguità d impatto comunicativo delle destre della terza e quarta guerra mondiale , Destre Naziste !!!! , sono coperte dalle finte destre al potere!!! Riconosciute e finanziate !!!! Ed è su questo piano inutile che qualcuno salti fuori a dire che anche la sinistra ha avuto le sue dittature, perché Stalin è Hitler e viceversa!! Ma nn è Marx o Lenin si deve parlare con dignità di queste cose e sapendo anticipare quale è il disegno complessivo, la via a Craxi non è solo un insulto ai conti pubblici, ai cittadini mai soci dello stato, è come tutte le precedenti secessioni dalla memoria, l anticamera della via a Hitler! È questo il disegno ! I gas e i veleni della Somalia che complici tutti gli altri, dovevamo essere, erano riconscibilissimi e non ci vuole molto x doverli vedere


Non voglio sostituirmi alle sperabili delucidazioni di Marco Travaglio: a questo punto attendiamo il suo necessario intervento. Comunque, se la riabilitazione di Craxi si basa, anche, su miseri trucchetti del genere, buona notte ai suonatori!


Non ci vuole molto x doverli vedere, lo sterminio e il genocidio, non si fa solo con le camere a gas... Le guerre non sono silo quelle convenzionali e così le armi.. Buona giornata a tutti


E buona notte anche a "Via Craxis" o "Via Cracis"


c'è qualche altro masochista che ieri sera per espiare si è deliberatamente sciroppato l'apologia di craxi su rai 2? casomai qualcuno per sbaglio si fosse ricordato ancora qualcosa l'agiografia così ben confezionata ha fugato ogni dubbio restituendoci tutta la statura di cotanto padre della patria, ci mancava solo un ditirambo del vate bondi, chissà perchè non ci hanno pensato, forse nella fretta di convincere i recalcitranti superstiti che il grande statista merita ben altro che la dedica di qualche viuzza - a proposito, da noi a genova non ci sono tangenziali, che gli dedichiamo? dott. Travaglio, urge un suo consiglio, e la smetta di essere così perfido da rovinare il clima dell'amore raccontando i fatti, non sta bene, e poi dove si crede di essere? in un paese normale?


# 121    commento di   SKYLINE - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 10:21

"Sappiamo che la Lega è nata e sviluppata come quelli che tipici della cutura fascistaaaaaa!!!!e nazistaaaaaa!!!!con le loro tipiche Ambiguita!!!!" L'Andante Pocomossa stamattina si è svegliata di traverso arrivando al punto di paragonare la Lega ai Nazisti... Si commenta da sola. La Lega per chi non l'avesse ancora capito è il VERO Partito dei Lavoratori, degli artigiani, delle piccolissime, piccole e medie Imprese. La Lega è il Partito della gente che lavora, produce e crea la ricchezza quella VERA. Non a caso le Regioni più produttive d'Italia sono la Lombardia ed il Veneto proprio là dove la Lega è fortissima e vincerà per i prossimi 10, 15, 20 anni. La Lega è il Partito della gente che si alza tutte le mattine all'alba che lavora fino a 16 ore al giorno e che si è strarotta di mantenere i fancazzisti e che quando qualcuno fallisce nessuno piange. Non c'è né cassa integrazione né sovvenzioni statali per un piccolo imprenditore. La Lega è il Partito nato alla fine della Prima Repubblica ed è il Partito più vecchio solido e ramificato ed in continua espsnsione. La Lega è il Partito del FARE contro la vostra Pattumiera Democratica ovvero il Partito del nulla. Andante Pocomossa dovresti vergognarti per quello che hai scritto.


PROVATE AD IMMAGINARE... Oggi vi invitiamo ad immaginare una delle solite "CAMPAGNE ELETTORALI" di un qualunque periodo "PREELETTORALE" a cui siamo tanto abituati. Immaginato? Ottimo! Ora pensate di stare ascoltando uno qualsiasi dei tanti soliti noti ed inossidabili "POLITICANTI PARTITICIZZATI" (o un qualunque suo nuovo "REPLICANTE"), che sta parlando dei soliti "MILLE" problemi italici che lui, sedicente "SALVATORE" della Patria, promette di risolvere appena sarà "RI-ELETTO" (ovviamente), per debellare "DEFINITIVAMENTE" qualsiasi "INGIUSTIZIA" passata, presente e futura. Bene. Pensate se aveste la possibilità (remota) di porgli questa domanda:"Scusi, lei come pensa di risolverli?" Il soggetto sicuramente vi snocciolerà le ormai stracollaudate "MILLE" soluzioni adeguate alla bisogna, doviziosamente addobbate di "DIECIMILA" arzigogoli riempitivi, assolutamente "CONVINCENTI". Se poi voi aveste anche la possibilità (remotissima) di potergli fare una seconda domanda:"Scusi, ma perché finora non c'è riuscito e quando pensa di risolvere il tutto?" Allora lo stesso vi dirà, stavolta però con aria più scocciata e modi più arroganti, che mica è Nostradamus, che mica è lui solo a decidere, che la politica non è mica come la matematica, che mica qua e mica là! Se poi ancora (e qui siamo all'assurdo) poteste porgli addirittura a brutto muso una terza domanda:"E non ritiene che la priorità, cioè la primissima cosa da fare da parte di un rappresentante di normali cittadini a cui dovrebbe essere da esempio, appena ri-eletto, sarebbe invece quella di proporre una legge urgentissima per ridurre immediatamente e drasticamente i propri troppi soldi e poi, a cascata, di tutti quelli che, come lei, ne guadagna troppi?" Non sappiamo "COSA" vi risponderebbe il soggetto in questione, ma dal "COME" ve lo direbbe siamo sicurissimi che voi "CAPIRESTE" comunque se quello vi sta parlando in "BUONAFEDE" oppure se la sua "MALAFEDE" è talmente evidente da fargli perd
http://emergenzademocratica.blogspot.com


E' inutile che si agitino. C'è qualcuno che ricorda! C'è qualcuno che non si lascia criptare. C'è chi non si dimentica di nulla. C'è chi la verità l'ha vissuta e non la svende al miglior offerente. C'è chi vive per essere e non per avere. C'è chi sa che la storia è piena zeppa di tiranni e di criminali anche motlo più potenti degli attuali e la storia dice che prima o poi sono corllati: TUTTI!!! Buona notteeeeeeeeeeee!!




x Roland: Grande Roland! grazie per i link! Cmq da notare un elemento importante: sia nel link che hai postato sia nello schema riassuntivo della sentenza si parla di "diritti violati relativi alla privacy". infatti alla corte europea di Strasburgo si può ricorrere solo per: 1- la lentezza cronica dei processi nazionali, cioè se vogliamo che il processo in cui siamo coinvolti sia risolto entro un tempo ragionevole 2- per trattamenti disumani o degradanti 3- per far valere il diritto alla libertà di espressione 4- per tutelare la privacy della propria vita privata e familiare e della propria corrispondenza è chiaro quindi come il ricorso sia avvenuto per le intercettazioni passate alla stampa tramite canali non autorizzati per tempo. LA SENTENZA DELLA CORTE NON HA NIENTE A CHE FARE CON LA COLPEVOLEZZA DI CRAXI nei processi a sfondo penale! questa non è in discussione, ma tale ricorso è avvenuto puramente puramente per una sorta di vizio procedurale, che non rende nullo o annullabile il processo precedente e la sentenza stessa. Presumo quindi ( se Marco non ritenga di dovermi corregge ) che il termine "illegittimo" sia assolutamente errato! inoltre non viene stralciata la posizione di nessuno ( stralciare significa cancellare la posizione passiva di soggetti coinvolti nel processo ) in questo caso viene riconosciuta una violazione dei diritti di Craxi alla privacy che viene, secondo la corte, violata: quindi Stefania Craxi dice BEN 2 CASTRONERIE nella stessa frase. Ma il giornalista del Corriere, almeno in questo caso e considerando come stia intervistando un personaggio politico con cariche pubbliche ( Stefania Craxi ) non dovrebbe sentirsi in dovere per lo meno di correggere l'intervistata ed, eventualmente, sottolineare il fatto esatto? non si parla di soggettività dell'opinione, qui si riportano FATTI e li si modifica.
Roland


La Lega è il Partito della gente che si alza tutte le mattine all'alba che lavora fino a 16 ore al giorno e che si è strarotta di mantenere i fancazzisti..etc..(castronerie varie) Alessandro Patelli docet..


"Secondo i giudici Bossi ha mentito quando ha detto di non aver mai saputo nulla di quei soldi. Infatti la Lega, come gli altri partiti, creava improbabili centri studi e associazioni culturali, in modo da poter ricevere denaro dalle imprese, mascherando da consulenze i finanziamenti illeciti" La Lega è il Partito della gente che lavora, produce e crea la ricchezza quella VERA.


Berlusconi ha parlato di leggi "ad libertatem", e non di leggi "ad personam". Personalmente sono d'accordo con questa definizione, che però manca di una piccola postilla. Si tratta di leggi "ad libertatem SUAM". Cicerone sarebbe fiero di un tale capolavoro di latinismo.




# 130    commento di   SKYLINE - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 10:59

"mascherando da consulenze i finanziamenti illeciti" Esattamente ciò che fece Prodi con la strapagata "consulenza" sull'alta velocità intascandosi 10 miliardi di vecchie lire tramite la società Nomisma. Ma forse ciò ti e vi sfugge...


# 131    commento di   PASO - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 11:3

LA LEGA E' IL PARTITO DEGLI STROZZINI Ai GOVERNI ( locali e nazionale), strozzano a bracetto con ogni tipo di criminalità , è il partito del danèèèèèè ( ma ogni tanto deve far finta di essere il partito degli onesti come il suo no a moratti della via a craxi fa parte del gioco dei ruoli markettari ) la lega è come e peggio di Craxi che faceva finta di essere antimpero con la sua apoteosi nello show di Sigonella, alla Lega che infatti va a forte con quelli che si strafanno di coca, dai cantieri ( ovvviamente in nero col nero) agli immobiliaristi, non gliene può fregare nulla dell'acqua del Po , importante è dirlo , forte e deciso per prendere tutti in gabbia dalla cabina elettorale agli allegri pic nic a pontida, al fine di ottenere che tutti ci piscino dentro ,ovviamente puro p-i-s-c-i-o doc di razza dal monviso all'etna ps saluti a candida - mente (*_*)


# 130 commento di SKYLINE Prodi era stato scelto a partire dal 16 gennaio 1992 come "Garante del Sistema Alta Velocità" dai vertici delle Ferrovie dello Stato, con il compito di effettuare le valutazioni di impatto economico e ambientale legate alla costruzione della nuova rete TAV italiana. Una seconda commissione ("Comitato Nodi") composta dal professor Carlo Maria Guerci, da Giuseppe De Rita e dall'architetto Renzo Piano e presieduta da Susanna Agnelli, venne incaricata di elaborare un piano di riqualificazione delle strutture e dei servizi delle Ferrovie. Prodi lasciò l'incarico di Garante il 20 maggio 1993 per tornare alla presidenza dell'IRI su richiesta dell'allora Presidente del Consiglio Carlo Azeglio Ciampi. Nel 1996 un'inchiesta sulla questione portò a una serie di 40 perquisizioni della Guardia di Finanza e al sequestro di numerosi documenti riguardanti la TAV, operazione disposta dal PM di Roma Giuseppa Geremia, e ad un'imputazione per concorso in abuso d'ufficio verso Ercole Incalza (ex amministratore della TAV) ed Emilio Maraini (ex-dirigente Italfer). Prodi non venne coinvolto direttamente in questa seconda inchiesta. In seguito ad un articolo polemico apparso sul Daily Telegraph in data 4 maggio 1999, a firma Ambrose Evans-Pritchard, l'Unione Europea ritenne di dover precisare la posizione di Prodi sulla questione [25], dichiarando che « Il Sig. Prodi non ebbe ruolo decisionale nell'assegnazione dei contratti a Nomisma. Inoltre, il Sig. Prodi non aveva alcun interesse, finanziario o altro, in Nomisma. Non era azionista e non copriva alcun ruolo operativo o decisionale nella compagnia. Era semplicemente il presidente del comitato scientifico della compagnia. » Forse sei tu che dovresti darti una sciacquata al cervello (sempre che tu lo abbia collegato correttamente)


# 133    commento di   Concita - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 11:12

Paso dovresti rivergognarti di scrivere verità che turbano una mente candida e che vive nel bosco con cappuccetto rosso


@skyline >Purtroppo in Italia c'è un grande vuoto legislativo qnt sei saggio sky!! è vero e per essere messi definitivamente messi ko lo potresti riempire tu! dai fai contento il tuo padrone ma lo hai sentito qnt era incazzato ieri? 1 iena!! nn vuole sentire parlare di leggi ad personam ma di leggi ad libertatem,(la sua)!!!! dai confessa e nn fare il modesto qs uscita gliela hai consigliata tu vero??? ps ma sai che l'ho tronvato in forma nonostante la tranvata in faccia? ma tu che sei molto informato sai mica se usa la crema miracolosa di catwoman?


# 135    commento di   SKYLINE - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 11:14

"strozzano a bracetto con ogni tipo di criminalità" Ah sì? Benissimo. Citami il maggior numero di sentenze pronunciate in via Definitiva dalla Corte di Cassazione contro un Mal Governo strozzino locale o nazionale della Lega, escludendo ovviamente il caso Bossi-Patelli. Avanti. Resto in attesa. P.S. peccato che si sia intascato 10 miliardi ugualmente "legalmente" si intende. Ma il tuo riporto d'Agenzia non lo menziona.


# 136    commento di   SKYLINE - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 11:18

Mi spiace per te ma IO non ho padroni.


# 135 commento di SKYLINE Allora citamela tu la sentenza di condanna di Prodi.


# 138    commento di   PASO - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 11:26

mi spiace per te caro skyline ma lo dice l'economia della piccola media impresa , l'economia ha dato quel tipo di "sentenze" , STUDIAAAAA!!!!.. la lega quindi va a braccetto dei pesci grossi dell'impero che ha doveva strozzare e ha divorato tutti i pesci piccoli "ONESTI" che volevano rimanere con le regole e le competenze e che tutte le leghe del mondo , dovevano strozzare con l'illegalità di metodi a cerniera ben salda fra traffici "legali" /illegali a doppia mandata


Era il 6 febbraio 2009, quasi un anno fa e io tra le mie note di facebook ho riportato una mia riflessione. Ho persino dato un titolo: "Noi I. come Italiani" Noi I. come italiani, I come Impotenti... I come intensamente Idioti, Imbecilli e soprattutto Indifferenti. I come Ipnotizzati, Inconsapevoli, Ingegnosi sì, ma Ipocriti Idealisti. Ignari. Noi I. poveri Illustri Illusi, Irrazionali, Imbrogliati. Irascibili Imbufaliti Incompresi, noi Immobili, Insensibili, Immutabili Inattivi. I. come Incazzati Intercettati, inevitabilmente Indifesi. I. come Inermi Impauriti, Ingannati dall'informazione. Ingenui. Irrisi dagli Immigrati, Inibiti dall'iniquità. Noi I. come Italiani. Perché questa mia riflessione? Dopo l'ennesima notizia Incoraggiante del 5 febbraio su Repubblica.it "Niente tasse arretrate su beni mafia sequestrati. Nel caso in cui lo Stato confischi beni, aziende o società alla criminalità organizzata si estingueranno i crediti erariali, cioè non si dovranno più pagare le tasse arretrate. L'Aula di palazzo Madama ha infatti approvato un emendamento al ddl sicurezza presentato dai relatori Carlo Vizzini e Filippo Bertelli." (fonte notizia: http://www.repubblica.it/2009/02/sezioni/politica/dl-sicurezza/dl-sicurezza/dl-sicurezza.html) Chissà un giorno me la vedrò pubblicata...
http://www.facebook.com/note.php?saved&&suggest¬e_id=53108455988


lo storico Piero Craveri indignato contro i nomi di persone che dovrebbero ricordare il Risorgimento : Daniele Capezzone.... in primis


Per favore ragazzi rimaniamo sul tema dell'intervento di Travaglio: Craxi e la sua via/piazza/statua. Tutti gli altri alrogmenti sono, in questo post, fuori argomento. Skyline può esprimere liberaemnte il suo punto di vista su questo tema e , sinceramente, sarei interessato a conoscere la sua opinione.


Paso: Sky (senza line) canta sopra le righe e sotto il rigo (per rimanere in tema musicale); non è il mio genere, troppi decibel nei bassi, troppi acuti nelle risate. Non lasciarti provocare!


# 143    commento di   SKYLINE - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 11:38

"mi spiace per te caro skyline ma lo dice l'economia della piccola media impresa , l'economia ha dato quel tipo di "sentenze" , STUDIAAAAA!!!!.." Domanda: su che Pianeta vivi? Su Saturno o su Nettuno? -------------------------------------------------------------------- "Allora citamela tu la sentenza di condanna di Prodi." Nessuna condanna. Si è intascato solo 10 miliardi per una consulenza lecitamente. Ci mancherebbe altro. L'unico dubbio sta proprio nell'incredibile somma di denaro conferitale per una semplice consulenza sull'alta velocità... Ma noi poveri ignari non possiamo certamente valutare l'Estrema Importanza di tale consulenza... Ci mancherebbe. P.S. sul tema del Grande Generale Inquisitore mi sono già ampliamente espresso in passato. Starebbe a lui trovare qualcosina di nuovo.


# 128 Niccolò Così è!


# 145    commento di   SKYLINE - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 11:40

Appunto. Impara dalla Tasitiera Stonata. Ormai mi ignora totalemte. E fa bene.


Il "Grande Inquisitore" - privo di braccio secolare - non deve inventarsi niente di nuovo fin a quando i casi sollevati non sarannio risolti! Ci mancherebbe! Che batta e ribatta il chiodo fin quando questo non sarà conficcato ben bene!


x Skyline: Skyline tu, da cittadino italiano, cosa pensi della proposta della Moratti? veramente, non voglio fare umorismo, vorrei solo sapere tu cosa pensi al riguardo.


# 148    commento di   PASO - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 11:55

l'ultima sparata SHOW (per tenersi buono il pesce piccolo e ignorante) Tutto è fatto NON per darne attuazione in quel modo proclamato, ma in un altro mooooooolto piu sottile per lo sterminio fratello contro fratello;lasciare che si scannino fra deboli,della propria razza e quella altrui,in modo da avere le mani "pulite" ...l'odio rende molti danèèèèè; col genocidio culturale economico sociale ,i livelli apicali accumulano, su ignoranza e miseria è sempre quello il gioco:ci si campa infatti come da gas mediatico inventato dal boss in testa padrone dei veleni catodici concessigli pezzo su pezzo dal suo grande amico di infanzia,il morto da santificare Craxi grazie al ricco rendimento patrimoniale che tuttora riesumando dà i suoi frutti, bene tutto viene inventato per essere poi ritratto il giorno dopo , ma gli effetti dell'arma non convenzionale danno molti risultati,lo stato di sicurezza serve perche più tolgo lo stato sociale,quello che avevo gia tolto non dando attuazione dalla fine della guerra alla mia carta, più ricavano le diverse società segrete in lilero e pubblico affare ed ecco l'ultima sparata, che Castelli e tutti appresso definiranno come da programma solo un folk, l'ho letta anche sul fatto stamane:castrate gli strupatori! e noi che facciamo? gli urliamo castrate gli strupatori della memoria?dei criminali che ci hanno governato a propagande con 60 e passa legislature da quando è nata la repubblica? di quelli che hanno stuprato il concetto di socio cittadino del suo stato ? di quelli che hanno venduto la nostra liberazione? VERGOGNA!!!! caste e castrazioni di stato !!!!


splendida vignetta di la Repubblica " adesso mente anche in latino "




@sky, 136 >Mi spiace per te ma IO non ho padroni. davvero? pura e semplice devozione? notevole quasi commovente!


@ Margherita: ... mentono anche in arabo e in inglese se è per quello: guarda la pagliacciata del ministro degli esteri egiziano che andrà a fare la ramanzina al nostro per la violazione dei diritti umani degli immigrati in italia (violazione pacifica a rosarno, non c'è alcun dubbio sul punto): bisognerebbe ricordagli quello che l'egitto fa con i fratelli di gaza e con i rappresentanti delle associazioni per i diritti umani che si battono in loro difesa.


# 153    commento di   PASO - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 12:6

"Craxi, i conti che non tor...nano" "Craxi come Berlusconi, Berlusconi come Craxi. Le ambivalenze dimenticate degli anni Ottanta dietro il teorema della persecuzione giudiziaria che imperversa a destra e il mito della modernizzazione mancata che alimenta i sensi di colpa della sinistra «Gli italiani allora non credettero a Craxi, ma a Berlusconi oggi credono». La rivendicazione firmata da Stefania Craxi della perfetta identità fra la persecuzione politico-giudiziaria di cui sarebbe stato vittima suo padre nel '93 e quella di cui sarebbe vittima oggi Silvio Berlusconi sigla il teorema della perfetta continuità politica fra il leader socialista morto latitante a Hammamet il 19 gennaio 2000 e il Cavaliere che dal 1994 tiene in scacco la politica italiana. E' un teorema che merita di essere valutato attentamente. Non tanto per l'equazione su cui si basa e che è contestabile punto per punto - uguali le vittime, uguali i magistrati persecutori, uguali i mandanti, uguale il diritto dei due leader di sfuggire al processo -, quanto per la genealogia politica che costruisce. Se c'è un tratto che accomuna Craxi e Berlusconi è precisamente l'assenza, in entrambi, di una genealogia di riferimento: i due «uomini nuovi» - il socialista eccentrico emerso oltre e contro la tradizione socialista, che per primo propose una frattura nella continuità costituzionale, e il Cavaliere venuto dal nulla, che da quindici anni combatte per fratturarla definitivamente - diventano ora i capostipiti di una tradizione politica a venire, di un culto da onorare, di una storia da proseguire? Ovviamente non si tratta di un'invenzione di Stefania Craxi. Delle continuità politiche fra Craxi e Berlusconi, al di là del loro noto legame di amicizia e di sostegno, è fatta la storia dell'ultimo ventennio, ed è piena la saggistica relativa. E fu lo stesso Berlusconi, in occasione del secondo anniversario della morte di Craxi, a farsene dichiaratamente erede e continuatore, celebrando nel leader s


# 154    commento di   PASO - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 12:7

celebrando nel leader socialista «l'uomo forte d'Europa», il premier «che sfidò il sindacato classista» e «vide per primo la crisi dell'Urss», il modernizzatore che buttò a mare «le nefandezze del marxismo» , lanciò il made in Italy e fiutò le magnifiche sorti della tv commerciale, il «figlio del sistema di regole della Costituzione» che per primo ebbe l'ardire di proporne la Grande Riforma. Già allora Berlusconi provò a chiudere il cerchio della transizione italiana mettendo in primo piano il genio politico di Craxi e derubricando a peccato veniale «di tutto il sistema» i suoi reati di corruzione. Oggi la strategia si ribalta: in primo piano torna il protagonista della vicenda giudiziaria, ma come vittima. I due lati della figura di Craxi, il leader politico e il politico corrotto, continuano del resto a non trovare una sistemazione convincente neanche altrove, e in primis fra quegli eredi del P.C.I. indicati a tutt'oggi come i mandanti e i profittatori della «persecuzione giudiziaria» del leader socialista nel '93 e di Berlusconi oggi. Piero Fassino ha ribadito in questi giorni la sua rivalutazione del «politico della sinistra», del «rivitalizzatore del Psi», del primo leader ad aver intuito «il bisogno di modernizzazione economica e istituzionale» dell'Italia, dell'uomo di stato che seppe decidere su Sigonella e sulla scala mobile; una mole di meriti che rende davvero imperscrutabile perché, come lo stesso Fassino ammette, il Pci-Pds-Ds-Pd abbia reso possibile farne il «capro espiatorio» di quel sistema di finanziamento illecito dei partiti sul quale «mancò allora una seria riflessione». Dal famoso discorso del 29 aprile '93 in parlamento, quando Craxi sfidò tutti, governo e opposizione, a chiamarsi fuori da un meccanismo che coinvolgeva tutti, a oggi, la linea del principale partito della sinistra è rimasta oscillante fra la criminalizzazione giudiziaria e la rivalutazione politica. In morte di Craxi, lo ammise esplicitamente l'allora presidente della Camera


# 155    commento di   PASO - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 12:9

lo ammise esplicitamente l'allora presidente della Camera Violante: non c'è pace per lui, disse, «e neanche per noi, che l'abbiamo visto trionfatore prima e sconfitto poi, senza essere ancora riusciti a esaminare con spirito di verità né le ragioni del successo né le cause della disfatta», né «ad affrontare con spirito di verità il rapporto fra legalità, corruzione e democrazia». Due motivi di scacco di non poco conto, che dieci anni dopo rischiano di ripresentarsi pari pari in un Pd che se da un lato non ha risolto il nodo del rapporto fra politica e giustizia, anzi ne è sempre più intrappolato, dall'altro lato non ha risolto il nodo della sua identità politica e programmatica, ed è sempre più intrappolato in una visione mitica della «modernizzazione» craxiana, nel senso di colpa per non averla fatta propria o nell'illusione che bastasse e basti farla propria depurandola dalla corruzione perché funzionasse negli anni Ottanta e funzioni ora. Perché i due lati della medaglia di Craxi, il leader politico e il politico corrotto, trovassero finalmente una sistemazione coerente è proprio quel mito della modernizzazione che bisognerebbe smontare, procedendo finalmente a un'analisi veritiera del decennio craxiano che nel '93 non si fece consegnandone alla magistratura il seppellimento e dopo non si è fatta consegnandone a Berlusconi il proseguimento. Su Repubblica di domenica, Guido Crainz ha messo sull'argomento alcuni punti fermi: non si può definire modernizzazione politica quella di un decennio che ha segnato piuttosto l'inizio della crisi della politica, della partecipazione, della vitalità dei partiti, né si possono scindere questi fenomeni dal dilagare della corruzione. Non si può spacciare per modernizzazione economica una politica inflattiva e di indebitamento pubblico. Non si può spacciare per modernizzazione culturale della sinistra un processo di disfacimento del Psi e di chiusura al P.C.I. che furono ben più decisive dell'apertura a Prudono o della felice s


# 156    commento di   PASO - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 12:10

o della felice stagione della rivista Mondoperaio. Tutto vero; ma c'è ancora dell'altro. Sempre più schiacciato sul momento della fine - i mesi drammatici che vanno dalla scoperta di Tangentopoli al lancio delle monetine contro Craxi all'uscita dall'hotel Raphael -, e dunque sul nodo del rapporto fra politica, controllo di legalità e giustizialismo, il lungo decennio craxiano attende ancora un ripensamento e una riconsiderazione complessivi, che renda conto della sua presa di lungo periodo sulla storia italiana e del suo allungarsi nel ventennio successivo, a onta delle volontà di rottura proclamate, all'inizio degli anni Novanta, dai fautori della rivoluzione giudiziaria (fra i quali, giova ricordarlo, c'erano molti di quelli che oggi militano nel campo berlusconiano, a cominciare dall'allora Msi di Gianfranco Fini e dalla Lega: diversamente da quello che sostiene Stefania Craxi, le parti in campo non sono sempre le stesse). Quel lungo decennio fu in realtà più di un quindicennio, cominciò al Midas nel 1976 con l'elezione imprevista di Craxi a segretario di un Psi in declino e si concluse con il suo «esilio» a Hammamet nel '93: in mezzo, c'è una trasformazione sociale, politica e antropologica dell'Italia, che è una molto impropria scorciatoia definire solo «modernizzazione», sia politica sia economica, e che è contrassegnata da una lunga sequenza di ambivalenze, dello stesso craxismo. Per il suo partito, Craxi non fu un innovatore: fu, finita la breve stagione di Mondoperaio, il passaggio da un partito ancora strutturato, malgrado l'esperienza del primo centrosinistra, sulla militanza e il radicamento sociale a una macchina elettorale, diretta da un capo che fu il primo a sperimentare e volere l'elezione diretta in congresso. Il «partito corsaro», che avrebbe meritoriamente voluto spezzare l'egemonia - e la cappa - Dc-Pci strettasi durante la disgraziata stagione dell'unità nazionale, si trasformò in pochi anni nel partito della governabilità che siglò con


# 157    commento di   PASO - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 12:11

che siglò con la Dc la conventio ad excludendum del P.C.I. e si identificò poi nel Caf. La forza libertaria e garantista, che coraggiosamente si oppose al «fronte della fermezza» durante il sequestro di Aldo Moro, si capovolse rapidamente in una forza d'ordine animata da una rigida ideologia che recitava efficienza e decisione. L'innovazione culturale - l'unica che meriti di essere ricordata - che alla conferenza di Rimini dell'82, protagonista Claudio Martelli, propose di sostituire allo schema di analisi classista e lavorista tradizionale della sinistra quello incentrato sulla coppia meriti-bisogni, ovvero sull'analisi dei ceti emergenti di intellettualità diffusa da un lato e della nuova emarginazione sociale dall'altro, si piegò rapidamente alla logica antioperaia che trionfò nel taglio della scala mobile e alla religione del rampantismo e dell'individualismo competitivo. Il mito della modernità si ridusse all'anticipazione dei luccichii berlusconiani, dalle roboanti scenografie congressuali alla Milano da bere. La rottura del monopolio della tv pubblica, giustamente salutata come una boccata d'aria da quanti - non il Pci - avevano intuito quello che la rivoluzione dei media e dell'informazione stava preparando per la società di massa, si risolse nei provvedimenti a favore di Silvio Berlusconi, delle sue tv e del suo modello culturale. Questa parabola parla ancora di noi, di quello che è venuto dopo Craxi, in mancanza di una elaborazione del craxismo. E annuncia quello che potrà accadere in futuro, dopo Berlusconi, in mancanza di una elaborazione del berlusconismo. Il che dice non solo e non tanto delle continuità fra Craxi e Berlusconi, ma di coloro che avrebbero dovuto contrastarli." Ida Dominijanni


skyline sostiene che "la Lega è il Partito del FARE"...AHAHAHAH. Attento sky che se davvero fanno una legge che punisce la stupidità tu sei il primo che finisci dentro!


SKYLINE - lasciato il 12/1/2010 alle 11:14 ah però il caso bossi patelli lo escludiamo eh? come mai lo escludiamo? Vatti a incatenare davanti a casa di prodi, così lo arrestano ed impara a mettere Mastella alla giustizia


# 160    commento di   Delenda Cartagho - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 12:45

basta con la Lega! io voglio sapere cosa pensa Sky sulla strada a Craxi.


Capisco chi richiama al tema, ma è da giorni, giorni che si parla di Craxi, possiamo andare avanti e restare al presente? Skyline Oh be', pensa ai milioni di credenti al mondo che fanno cose come andare a guardare il sangue di san Gennaro, le ossa dei santi, e via dicendo: metti in galera anche loro? A te che frega di ciò che fanno, visto che ci rimettono loro? Non sono soldi dello stato. Se poi ti fa incazzare che votino, non farlo, le probabilità che queste persone votino Lega è alta, e se non è Lega, è l'alleato Silvio, quindi voi state al governo. Grazie all'ignoranza e alla stupidità. Una sacca naturale di voti. >Secondo voi queste "vittime" possono guidare, Ma sei fuori? Che c'entra? >educare dei figli, andare a lavorare, andare a votare, essere titolari di conti correnti, possedere proprietà immobiliari ecc... Se lo fanno leghisti e berlusconiani, non so perché non potrebbero le vittime della Marchi. >oppure sarebbe meglio segnalarli con tanto di bollino da handycap mentale, togliendoli la Capacità di Agire poiché incapaci di intendere e di volere? Senti, magari mettiamo loro un bollino giallo, o una stella gialla? Prossimo passo, o illuminato, è un campo a Carpi?? Se dici queste cose seriamente, non c'è nessun ragionamento che possa fare la differenza, perché mancano le basi, in te. Se vuoi provocare, ci sei riuscito e i polli come me che ti rispondono ci sono sempre. Ma, in ogni caso, per me i tuoi amici leghisti- il partito di chi lavora davvero (Ah!!!) , la cui base è fatta di ignoranti volontari, ben peggiori di quelli involontari, razzisti, figli di papà, operai incazzati, perditempo da rutto al bar padano- mi fanno più paura delle vittime della Vanna, sono più pericolosi per la società. Tutti in galera perché la società deve difendersi? Già che ci siamo, quelli dei SUV mi stanno profondamente sugli zebedei, posso invocare la galera anche per loro? Ma va', v


Ma va', va'. E poi, un leghista che parla di stupidità è come bin Laden che parla di diritti umani.


Er poro Skyline, nun s'é accorto che er Lazio é diventato più produttivo der Veneto, sicché mò ce tocca da rifà er partito per PAPA RE!


>basta con la Lega! io voglio sapere cosa pensa Sky sulla strada a Craxi. L'ha già scritto, sul thread di Corrias di ieri: una sfilza di perle di saggezza.Cambia pagina e lo leggerai all'opera. ;)


ascolti flop per Craxi : sono contenta


Buongiorno a tutti .. oggi ho letto sul Corriere l' intervista a Stefania Craxi e successivamente ho scritto una lettera alla redazione perchè davvero questa è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Non ne potevo più dovevo sfogarmi ... non servirà a nulla ma è così liberatorio sputare in faccia la verità a questi pseudo-giornalisti. Buon 2010 a tutti ... sperem in ben. Makumba ''E' davvero triste rendersi conto di ciò che è diventato il grande Corriere ... giornale che nella mia famiglia è stato letto tutti i giorni per più di 20 anni perchè ritenuto sufficentemente equilibrato e libero. Leggo oggi l' intervista a Stefania Craxi ... per riabilitare non c' è nulla di meglio che intervistare la figlia la quale difficilmente potrà essere equilibrata e giudicare il padre col giusto metro. Non me la prendo con Stefania, che per suo padre nutre il giusto e sacrosanto amore figliale, me la prendo coi giornalisti che vanno ad intervistarla avendo come unico obiettivo ''la riabilitazione del delinquente''. Stessa cosa dicasi per le interviste a Marina e Piersilvio dove senza nessun tipo di contraddittorio da parte di qualche giornalista vero viene pontificato papà Silvio. Per questo, per gli editoriali di gente come Pigi Battista (coraggio da leoni quando si tratta di prendere posizione) e per il vostro atteggiamento tenuto durante altri episodi scandalosi del nostro paese, mi fate davvero una grande tristezza. Avete avuto giornalisti come Biagi e Montanelli che erano prima di tutto coraggiosi ed incorruttibili ... dovreste ricordarvelo un po' più spesso. E' l' onestà, il coraggio e la spina dorsale a marcare la differenza fra gli Uomini veri e gli ominicchi. Auguri. Cordiali saluti.''


Giuliano Ferrara : craxiano


# 168    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 13:35

@ Marco Travaglio Forse il Passaparola è un copyright di Grillo e per questo non potete fare altro che andare su ustream (una ciofeca). Perchè allora non fare voi un paio di rubriche settimanali video? Posso proporvi 2 titoli free, non chiedo diritti, basta che li facciate: "La settimana di Travaglio" e "Quattro salti in Padellaro" Piacciono? :D Saluti


Non pensate che la proposta di intitolare una via a Craxi sia (anche) l'ennesima arma di distrazione di massa ?


# 170    commento di   PASO - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 13:43

171 si! dalla sua memoria per imparare dalle lezioni della storia


# 171    commento di   PASO - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 13:47

Federica ciao..è ovvio che non si può parlare in sè e per sè del non craxi/ si craxi VIA o STATUE a pretesto cazzettaro populista ..come sempre occorre MOTIVARE PRESENTARE SU COSA COME E PERCHE lo SDEGNO..e cosa quindi oltre lo sdegno, è l'obiettivo di chi riesuma i cadaveri,facendoli santi..è abbastanza chiaro l'intento pedagogico riassuntivo di mt ,bs,is ed altri che hanno colto nel segno STORICO i parallelismi per riabilitare a ogni impunità l'attuale statista; altrettanto evidente è che bisogna parlarne per essere "SIMBOLO"/ARMA MASSMEDIATICO di oblio col passato nel presente per POTENZIARE il modello degli inganni e riabilitare con il passato in MODO DA FODERARE SIGILLARE STRAPPARE OGNI RESIDUO rimasto vivo , semmai ce ne fosse, di atomi che sanno distinguere IL FALSO dal VERO... tutto fà COLTURA oppure TUTTO FA' BRODO per mantenere il sistema "saldo" e STABILIZZATO alle sue FATTEZZE , costumi comportamenti ..CONTI E PROTEZIONI non è un atto di amicizia al vecchio amico craxi, è un atto STRATEGICO cosi come lo è stato ogni particolare alla MARCIA sempre la stessa!!! se l'italia si fosse curata del fascismo e del suo sfascismo di un unità mai fatta( grande inganno anche quello della storia) , dopo la liberazione, anno su anno , non avremmo avuto benito 2 , 3 , 4 5 6 7 travestiti da amministratori del nostro stato,sostituzioni,conti,leggi è sempre un bene fare come Paolini che trae spunto non dall'attualità del tatro dello show ma da ogni parallelismo storico, storia che infatti dai suoi uomini peggiori, COMPLICI TUTTI GLI ALTRI,non insegna altrimenti da benito a tutto gli altri non sarebbe emersa nemmeno la lega, saremmo un pochino piu indipendenti e ricchi , non dico come il nord della finlandia o della svezia ma un po' meglio di come siamo andati , si ..ed anche Craxi delle vere risorse del paese ha potuto impipparsene ,doveva rispondere della nostra dipendenza dal primo alleato,con il suo modello culturale egemonico nel mo


# 172    commento di   PASO - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 13:50

Craxi doveva rispondere della nostra dipendenza dal primo alleato,con il suo modello culturale egemonico nel mondo, a tutti gli altri che facevano comodo (anche nei suoi conti e non solo suoi ovviamente,ma di tutti quel del suo clan)...grandiosa politica internazionale( delle discoteche , sempre lo stesso disco rotto). ciao


la crisi : tremano i 4 mila addetti di Fincantieri ( 1500 addetti diretti e 2500 indiretti ). nessun ordine negli ultimi 3 anni.


Comunque una cosa su Craxi bisogna dirla: non é detto che le testimonianze a suo carico di altri imputati siano del tutto veritiere. Si ci sono stati anche dei riscontri, tuttavia il personaggio Raggio, che si scopa 15 mld in un sol boccone, non credo fosse questo "soldatino" che faceva tutto ciò gli si ordinava. Da una parte, a mio avviso, bisogna anche inquadrare la situazione del tempo: la nave affonda, si salvi chi può, addossiamo tutte le colpe al capitano che ci affonda assieme. Comunque, con questo non riabilito POLITICAMENTE Craxi, ho già spiegato, in altro post, che a mio avviso la storia lo ha condannato a distruttore del Partito Socialista Italiano con la sua azione di Governo, ancor prima che per le vicende giudiziarie.


# 175    commento di   PASO - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 14:7

margherita ...il disegno di ridurci in miseria è fatto per mano delle nostre caste politiche al fine di avvantaggiare certe caste economiche ,e fin qu inon ci piove,cioè il governo ladro si spiega, ma in modo più ampio il meccanismo è sotto gli occhi di tutti che l'italia ridotta così , sempre più da una vita,fà comodo anche alla comunità internazionale..come fanno comodo cosi come sono altre terre,più cruente o meno del nostro clima economico sociale culturale politico,che hanno fatto e fanno comodo,abbandonate a loro stesse partecipando cmq a un unico sistema marcio che ha difficoltà a passare da un'era ad un'altra;governare x BANDE di diverso killeraggio politico economico, dà reddito alle varie lobby di settore, da quelle più legali,banche, telefoniche, x la sicurezza ,farmaceutiche e a quelle meno ,cemento traffici umani,armi,sostanze ..entrambe molto reddituali nei loro flussi, per chi ha in mano il sistema danaro continentale ed intercontinentale -


Qualcuno mi può spiegare perché se dei cittadini parlando di tizio del centro destra che è stato condannato altri rispondono che anche Caio del centro sinistra è stato condannato? Più che sottolineare il disgusto per entrambe le categorie di persone sembra che divenga una sorta di capro espiatorio... qualcuno l'ha fatto prima, qualcuno lo farà dopo insomma "Tutti vissero ladri e contenti"..... Mah.... Ai leghisti che adesso difendono Mr. B a spda tratta vorrei ricordare cosa pensavo del Berluskaiser, del mafioso di Arcore e del suo amico Bettino e di tante altre cose che sembrano appartenere ad un passato di milioni di anni fa..... non sono passati nemmeno 20 anni..... Mah.....


# 177    commento di   Delenda Cartagho - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 14:41

X Federica: Grazie Federica, non sapevo Skyline avesse già risposto ^_^ X Skyline: mi permetto di citarti: "in Italia vive e regna la Disonestà. La Disonestà è nel DNA della stramaggioranza degli Italiani. La Disonestà è il peggior cancro che abbiamo. La Disonestà è il frutto dell'invidia dell'egoismo dell'egocentrismo e dell'avarismo. La Disonestà è ramificata ovunque: nei condomini, nelle scuole, nelle aziende, nei luoghi pubblici, persino all'interno delle stesse famiglie. E cresce sempre più in maniera esponenziale. E badate bene: non si è disonesti solo con i soldi. Ma anche con tutto il resto" Hai completamente ragione: ricordi molto quello che disse Sgarbi a Travaglio "se non fossimo il paese di merda che siamo..." ^_^ Tuttavia, nonostante il nostro DNA innamorato del sotterfugio e dell'oblio, intitolare una via a Craxi viola non solo la coerenza, ma soprattutto una delle regole fondamentali dell'italiano medio che tu hai descritto: non l'ESSERE candidi, puliti, ma l'APPARIRE credibili agli elettori! Come si fa ad apparire credibili con proposte del genere? per questo una via a Craxi sarebbe un danno, sia per la destra che per la sinistra, l'unico a guadagnarci sarà Di Pietro! scommettiamo?


Il leghista nella sua scala evolutiva ha appena acquisito il dono della parola, ci vorrà ancora (stima per difetto )qualche migliaio di anni prima che raggiunga la consapevolezza che i suoni emessi hanno un significato.


@ Francesco M. (125) Nella pagina di wikipedia dedicata a Craxi c'e' un capitolo apposito sui ricorsi fatti alla corte di Strasburgo, il link è questo: http://it.wikipedia.org/wiki/Craxi#I_ricorsi_a_Strasburgo_contro_le_sentenze_di_condanna Le due sentenze della Corte di Strasburgo: * Caso Craxi N. 1 http://www.dirittiuomo.it/News/News2002/Craxi.htm (per uno dei tre ricorsi viene riconosciuta una Violazione: riguarda il mancato diritto dato a Craxi di controinterrogare alcuni testimoni. E' il ricorso di cui ha parlato il programma di Minoli ieri sera) Originale in francese: http://snipurl.com/u2274 * Caso Craxi N. 2 http://www.dirittiuomo.it/corte%20europea/italia/2003/craxi2003.htm (riguarda il ricorso sull'utilizzo delle intercettazioni telefonico: per questo ricorso la corte riconosce una violazione e quindi un risarcimento) Originale in inglese: http://snipurl.com/u224d Pierluigi


# 180    commento di   DANIELEPELIZZARI - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 15:2

Lasciamogliela pure fare 'sta benedetta (indicato) Via craxi. Bastera' che qualcuno aggiunga a pennarello: dall'Italia.


Un giornalista che scrive che Craxi fu condannato perchè non poteva non sapere è come un ingegnere che fa crollare i ponti o un idraulico che allaga i cessi che dovrebbe riparare; il primo dovere del giornalista è la verità oltre che la completezza dell'informazione; un giornalista che ribalta la realtà dovrebbe essere subito cacciato a calci nel sedere. Grazie a Marco Travaglio che ristabilisce la verità dei fatti. Su un punto però non riesco a capacitarmi: è vero che mani pulite ha colpito tanto a destra quanto a sinistra, ma possibile che non sia stato coinvolto (o sbaglio?) nemmeno un leader del pci nazionale(a livello locale ne sono stati colpiti tanti)?


Che Stefania C. conservi, in cuor suo e nel seno dei suoi cari, un affettuoso ricordo di suo padre, morto a soli 66 anni nel 2000, è affar suo e più che giusto. Ma che racconti frottole agli italiani e promuova l'intestazione di una pubblica via, piazza, fontana e di un parco, è inaccettabile.


# 184 Ermetico (come il nick name), ma non importa Forget it!


ma certo caro Francesco : Greganti


# 185 commento di francesco Semplice, il Pc aveva Greganti gli altri avevano Larini, Chiesa etc. Il primo ha tenuto duro facendosi il carcere senza tante menate, gli altri entravano la mattina e la sera vuotavano il sacco.


# 186    commento di   psikosara - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 15:23

170 commento di Renzo C - lasciato il 12/1/2010 alle 13:35 Maddai cosa vuoi che conti la piattaforma... fanno tutte schifo. Quella rai è uguale , anzi peggio , io Passaparola lo vedo benissimo ... certo si inceppa un pò pure per la pesantezza del video.. ... o magari dei contenuti .. :P


Non ho pensato a Greganti forse perchè almeno fino al 91 non ha avuto un ruolo di particolare rilievo a livello nazionale. E in effetti mi sembra di ben altro rilievo il coinvolgimento di Craxi. Però ammetto la dimenticanza e ringrazio Margherita.


Mah, la storia la scrive sempre chi resta, non vedo cosa ci sia da stupirsi se intitolano una via a Craxi. Mi stupirei di più se gli intestassero un istituto bancario e se qualcuno ci andasse a depositare i risparmi. Si, questo davvero mi stupirebbe, ma non metto limiti alla divina provvidenza.


# 180 DANIELEPELIZZARI "...sta benedetta via Craxi" Cos'è, un'allusione al nome Benedetto (nomignolo: Bettino, variante Benito) Ciao, bentornato


... se "benedetta", allora 'via Cracis" (modello: crux/crucis, crax/cracis)


Una minoranza per niente trascurabile di italiani ha le idee confuse su Craxi? E' vero che siamo un paese con una popolazione che conta numerose persone anziane e che di conseguenza hanno scarsa dimestichezza con il computer e la rete e che hanno la tendenza ad appoggiarsi ai giornali e alla TV per reperire notizie; se poi si tiene conto che i media tradizionali sono il megafono del Cavaliere, vuoi perchè direttamente controllati da Arcore o perchè hanno deciso di svendersi ad Arcore (fatte le debite eccezioni come il Fatto).


# 192    commento di   PASO - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 15:57

179 cartagho sicuramente di pietro, ma ..perlomeno qui da me , anche e tanto la lega che sa cavalcare moooooooooooooolto piu pericolosamente da sempre il cavallo del " piacere dell'onesta " , non apposta in consiglio comunale hanno contestato Moratti ( show come dicevo prima) , so' mica scemi!!! loro, so' drittoni ,so' fubbbbbi!!,in modo che dietro.. l'acqua sempre a quel mulino calderol calderone ritorna, pappa e ciccia son cl fi e lega, celhannoduro! del resto , con tutti i difetti che io vedo nel populismo e certo leaderismo anche di idv , sono stati praticamente gli unici ( almeno negli utlimi tempi) a contrastare il sistema puttanaio, e dunque di cosa si lamentano gli altri? se volessero veramente la soluzione ,allora perche ancora non si uniscono sotto un 'unico stato generale di difesa del DNA con minor patologie antidemocratiche? pensano di farlo con casini o rutelli?BUONANOTTE AI SUONATORI!!!! ciao ps ben tornato anche da parte mia al pelizza


Non so voi, a me ha sempre incuriosito sto strano cognome, con la "ics". Sul sito http://www.cognomiitaliani.org/cognomi/cognomi0003cot.htm ho trovato questa spiegazione (già sapendo che la famiglia paterna di Bettino C. era di Messina): CRASCI CRASCI' CRAXI Crascì, molto raro, è di Tortorici e Capo d'Orlando nel messinese, Crasci, assolutamente rarissimo, è tipico della Sicilia settentrionale, Craxi, altrettanto raro, è più specifico della parte orientale dell'isola, ed è una forma arcaica del precedente, dovrebbero derivare dal vocabolo greco ??as? (vino) ad intendere probabilmente che il capostipite di mestiere facesse il vinaio.


??as? erano caratteri greci che si sono mutati in ??as? (kappa, rho, alpha, sigma, iota) trascrivo: krasi


"TENGO FAMIGLIA"... In molti sono convinti (anche noi) che una società economicamente e socialmente più "GIUSTA" sarebbe assolutamente auspicabile, perché significherebbe risolvere i problemi irrisolti della gente "NORMALE"; ogni qualvolta però si parla del "COME" attuarlo, esce fuori una frase con cui si tende a "GIUSTIFICARE" sempre "TUTTO" e "TUTTI" e che non permette di "RISOLVERE" mai niente: il famoso "TENGO FAMIGLIA". Infatti i signori "PRE-POTENTI", i loro "AMICI" e "FINTI" nemici, "GIUSTIFICANO" i propri "TROPPI SOLDI" (fatti di sicuro lavorando "ONESTAMENTE", e chi può metterlo in dubbio?!...) dicendo che in fondo pure loro "TENGONO FAMIGLIA" Essi, con i loro "TROPPI SOLDI", possono permettersi di "RICATTARE" chi di "SOLDI" ce n'ha molti di meno o niente affatto, "GIUSTIFICANDO" poi la cosa dicendo che in fondo stanno facendo quasi un "FAVORE" ai poveracci che come loro "TENGONO FAMIGLIA". Il più delle volte il "RICATTATO", a sua volta, si "GIUSTIFICA" affermando che è "COSTRETTO" a fare ciò che dicono i "PRE-POTENTI", perché se non lo fa o non trova lavoro e quindi i "SOLDI" per campare oppure rischia di perdere lavoro e "SOLDI", sempre perché, ovviamente, pure lui "TIENE FAMIGLIA". E così il "CANE CONTINUA A MORDERSI LA CODA". Quindi se non si "SPEZZA" in qualche modo, e iniziando da qualche parte, questa catena "RICATTATORIA" dovuta al fatto che i "PRE-POTENTI" posseggono "TROPPI SOLDI", qualcuno ci spiega "COME" altrimenti è possibile pensare di modificare lo status quo, dato che "TUTTI" qua, a ben vedere, "TENGONO FAMIGLIA"?...
http://emergenzademocratica.blogspot.com


# 196    commento di   plisv - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 16:19

@181 francesco >....ma possibile che non sia stato coinvolto (o sbaglio?) >nemmeno un leader del pci nazionale(a livello locale ne sono >stati colpiti tanti)? Le risposte possono esser molte, mi viene in mente ad esempio quando il pool andò a Botteghe Oscure ma invece di sequestrare mise i sigilli: in men che non si dica violarono i sigili e probabilmente fecero sparire la ciccia. Poi un anonio finzionario si assunse le responsabilità. Non è dato sapere se avesse ricevuto ordini da qualcuno. Altra cosa: http://archiviostorico.corriere.it/1996/febbraio/23/Ambrosio_sorpresa_Craxi_nessuna_prova_co_8_9602231874.shtml " Perche' al segretario politico sono state contestate tutte le elargizioni gestite dal defunto tesoriere Vincenzo Balzamo? "Se Balzamo fosse sopravvissuto e ci avesse detto che la responsabilita' dei finanziamenti illegali era sua e solo sua, noi non avremmo potuto procedere, almeno non nel modo in cui abbiamo fatto, contro Craxi. Le inchieste sono fatte di queste cose".


Nomen omen (il destino è nel nome): CRAC ? SI' !




# 199    commento di   DANIELEPELIZZARI - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 16:22

@Roland 189 si, mi sembrava l'aggettivo piu' indicato :-) ciao D


Ho fatto 3o, faccio 31. Dal link: SAN FRATELLO È il paese di origine della famiglia Craxi: Benedetto Craxi, professore sanfratellano di lettere poi trasferitosi a Messina ed ivi morto sotto le macerie del terremoto, fu il padre di Vittorio Craxi, avvocato socialista e vice-prefetto di Milano dopo la Liberazione dai nazifascisti. Vittorio Craxi, a sua volta, fu il padre di Bettino Craxi e nonno di Bobo Craxi. Santo patrono del paese è San Benedetto il Moro, nato nel 1524 da genitori schiavi di origine etiope e morto a Palermo nel 1589. Nel paese si parla un antico dialetto gallo-italico, in cui si riscontrano elementi del lombardo e del piemontese dell'XI secolo, del francese e del provenzale. La lingua è dovuta alle origini dell'abitato, sorto nei primi tempi della conquista normanna della Sicilia nei pressi dell'antica città greca di Apollonia, su iniziativa del Gran Conte Ruggero e della moglie Adelaide del Vasto, che impiegarono coloni provenienti dal Nord Italia e dalla Francia meridionale per ripopolare la zona dei monti Nebrodi, tra le attuali province di Messina ed Enna. Famoso poeta in lingua sanfratellana è Cirino Scaglione.
http://www.facebook.com/topic.php?uid=36769025237&topic=6922


# 201    commento di   cassandradan - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 16:59

CAMBIAMO TEMA : 12/01/2010 TAV IN VAL DI SUSA. SEMBRA DI ESSERE RITORNATI AL FAMOSO 2005. QUALCUNO DIA SPAZIO E VISIONE NAZIONALE A QUESTA VALLE, PRIMA CHE ACCADA IL PEGGIO. I PROFESSIONISTI DEL MANGANELLO SONO ARRIVATI IN CENTINAIA (SI PENSA DA 600 A 1000). VOI GIORNALISTI SAPETE BENISSIMO CHE LA VOSTRA PRESENZA A VOLTE SERVE DA DETERRENTE PER CERTE "BRUTTE" AZIONI. a TRAVAGLIO: I SONDAGGI INIZIERANNO ANCHE A TORINO.


Mancava una memoria storica su Craxi? Niente paura! Ci ha pensato Minoli ieri sera a riabilitarlo, a "La storia siamo noi". Bobo Craxi che dice che il partito socialista era una macchina politica mastodontica che aveva bisogno di molti soldi e che LORO non acconsentirono alle esequie di Stato in Italia perchè il governo doveva fare ammmenda per l'ingiusto trattamento riservatogli da vivo, è una schifezza stomachevole.


Dopo 30 e 31, ora 32 I CRAXI: BENEDETTO, VITTORIO, BENEDETTO, VITTORIO E STEFANIA Le generazioni dei Craxi, in ordine discendente, con i relativi titoli di studio: Bisnonno: BENEDETTO, professore di lettere, San Fratello e Messina Nonno: VITTORIO, avvocato e vice-prefetto a Milano Padre: Benedetto, detto BETTINO, *1934, titolo di studio: diploma di liceo classico Figli: STEFANIA Anastasia, *1960, titolo di studio: diploma di liceo linguistico Vittorio Michele, detto BOBO, *1964, titolo di studio: diploma di liceo classico Osservazione: nonno e bisnonno avevano titoli accademici; la terza e la quarta generazione sono accomunate dal diploma di liceo (informazioni Wikipedia) BENEDETTO si chiama anche il Santo patrono di San Fratello, comune d'origine dei Craxi: SAN BENEDETTO IL MORO, nato nel 1524 da genitori schiavi di origine etiope e morto a Palermo nel 1589. Interessanti questi dati. La Sicilia come calderone, da almeno 2'500 anni, delle razze più svariate, arrivate anche da lontano: da est, sud, ovest e nord. Non esiste razza pura, da nessuna parte, tranne - forse! - nella Foresta amazzonica e in Papua Nuova Guinea.


# 204    commento di   PASO - utente certificato  lasciato il 12/1/2010 alle 18:35

bellissimo olrlando Roland! ed è bellissimo il tuo ripercorre srotolando dalla razza impura di tutti e tutto fino all'iter accademico di quei figli bene di quei papi e nonni bene.. robe che neanche le mafie stanno facendo..leggevo infatti da una articolo sul fatto ,che potrebbe essereci quasi una strategia dietro tutti gli studiosi in giurisprundenza, economia e filosofia ,laureandi e laureati sottoposti al 41 bis ... visto che ho però un profondo rispetto per chi sta in carcere, rispetto a chi vive bellamente criminale fuori, l'ho interpretato solo come uno spirito, fino a prova contraria ,di riabilitazione intimo di riscatto vero ad ogni loro precedente biografia di distruzione e morte...poi invece fra un po' li faranno uscire tutti e dovremo vederne delle altre belle e superpreparate, ma spero proprio di no. viva i certosini


Grande Marco!


# 206    commento di   aytin - utente certificato  lasciato il 13/1/2010 alle 22:55

Edificante. L'editoriale di Minzolini mi ha fatto apprezzare ancora di più il tuo intervento e mi ha permesso di misurare benissimo la "qualità" del servizio cosiddetto pubblico e del suo tg di punta.


Caro Travaglio, zitti zitti, i nostri amministratori di vie a Craxi ne hanno intitolate già tante. Una anche nella mia città. Ci sono capitato per caso l'altro giorno cercando un negozio in periferia. Non credevo ai miei occhi. Poi ho digitato 'via Craxi' su http://mappe.google.it e sono saltate fuori ben 6 di queste schifezze: 3 in Puglia, 2 in Calabria, 1 nel Lazio. Come potevano esimersi di fare altrettanto anche a nord del Rubicone?


Purtroppo, stando a Wikipedia ( http://it.wikipedia.org/wiki/Bettino_Craxi ), si sono già intitolate vie a Craxi. « Ad una disamina condotta nel dicembre 2009, risultano i toponimi "piazza Bettino Craxi" nel comune di Grosseto e "via Bettino Craxi" in quelli di Valmontone, Foggia, Lecce, Botrugno, Marano Marchesato e Scalea. Nella città di Aulla (provincia di Massa e Carrara) nel 2003 per iniziativa dell'allora sindaco Lucio Barani era stata eretta anche una statua di Craxi, oltre ad intitolargli una piazza. Il 15 gennaio 2007 in un comune laziale di 2.500 anime, Sant'Angelo Romano, a 20 chilometri da Roma, l'amministrazione di centrodestra guidata dal sindaco Angelo Gabrielli, ex socialista, ha inaugurato una piazza all'ex leader socialista. » Le fonti di Wikipedia rimandano ad articoli del Corriere della Sera e di La Repubblica.


Una Domanda: Il fatto che Craxi, ovvero un ex Presidente del Consiglio, fosse latitante all'estero senza protezione non ha messo in pericolo i NOSTRI Segreti di Stato di cui era a conoscenza?



Mostra tutti i commenti


commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti