Commenti

commenti su voglioscendere

post: Il Massimo del minimo

Signornò da l'Espresso in edicola Due anni fa, in pieno scandalo Unipol, il Signornò domandò cosa dovesse ancora fare Massimo D’Alema contro il centrosinistra per essere accompagnato alla porta. D’Alema ha risposto con i fatti. Nel giro di un mese ha riabilitato l’inciucio con Berlusconi, ha riabilitato per l’ennesima volta quel Craxi a cui 10 anni fa offrì addirittura i funerali di Stato e soprattutto ha devastato alla velocità della luce il centrosinistra nella sua Puglia, una delle poche regioni in cui il Pd conservava una vocazione maggioritaria. Ha sacrificato il governatore Nichi Vendola sull’altare dell’Udc, ha lanciato al suo posto il sindaco appena rieletto di Bari Michele Emiliano senza passare per le primarie, poi l’ha cambiato in corsa con Francesco Boccia ... continua



commenti

Gli ultimi 100 commenti / 
Mostra tutti i commenti


D'Alema è al soldo di Berlusconi, così come Napolitano e Violante. Se un giorno svanirà la cappa di piombo che copre il finanziamento illecito ai partiti di questa "Seconda Repubblica", si scoprirà che D'Alema è molto più corrotto di Craxi.


Mi fa piacere che la mia battuta dell'altro ieri su Brunetta e l'acqua alta a Venezia sia piaciuta così tanto alla redazione del Fatto Quotidiano che stamattina è comparsa tale e quale fra le "cattiverie" del giornale. Almeno riconoscetemi i diritti d'autore!!! E vabbè! Per questa volta vi perdono perchè c'ho gusto che l'abbiate sbeffeggiato pubblicamente!!! :-)


# 12    commento di   Tuck - utente certificato  lasciato il 22/1/2010 alle 19:49

...e pensare che lo ritengo ancora il politico più dotato del panorama italiano...che delusione negli anni Massimo...


un "uomo" che gioca "al potere",ma anche ad altri giochi, grazie all'erdità del padre,ormai non si accorgerà più che sono cose serie,anche se qualche dubbio di non esserci tagliato l'ho visto sulla sua faccia sbaffettata,da vanitoso fancazzo


# 14    commento di   Ender - utente certificato  lasciato il 22/1/2010 alle 20:30

Leggevo qualche minuto fa sul "Fatto" l'articolo di Marco Lillo su Violante. Per amor di brevità, ma nel PD, c'è qualcuno presentabile?


D'Alema è lo stesso che si presentava alle assemblee della COOPCOSTRUTTORI di Argenta in provincia di Ferrara(già in stato fallimentare) ad assicurare i soci sovventori che la loro coop era forte e sana per qui potevano lasciare tranquillamente i loro risparmi di una vita nelle casse di detta coop che garantiva loro interessi superiori a quelli bancari. Poco tempo dopo la coop fallì mettendo sul lastrico migliaia di soci anche anziani già in pensione, con un buco sembra di un miliardo di euro. D'Alema mai più si presentò ad argenta, sembra che fosse molto impegnato al telefono con Consorte ex presidente della Unipol il quale invece di onorare l'impegno che si era preso con la COOPCOSTRUTTORI di aiutarla a superare la crisi (questo lo dice Donigaglia ex presidente di detta coop) era più interessato a certe scalate bancarie.


certo la lettera di quest'estate al pm può essere considerata un errore politico macroscopico, ma veramente considerate Nichi così poco avveduto dal commettere un passo falso del genere? nessuno ha capito di che conflitto di interessi si parlava nella lettera anche alla luce degli accadimenti di questi mesi? aspetto fiducioso domenica, sperando che sia solo l'inizio di un altro percorso che ci regali Nichi segretario del PD. è l'unica speranza costruttiva per la sinistra italiana.


dalema insieme a berlusconi è il problema più grosso dell' Italia degli ultimi 15 anni. Non trovo nessuna azione dei due che abbia portato un beneficio allo sviluppo del nostro paese. La Storia li giudicherà come meritano...


Sono un elettore del centro sinistra da sempre, non sono mai stato comunista ma in successione ho votato PCI, DS, PDS, PD perchè ho sempre creduto che questi partiti in larga massima mi rappresentassero più di altri; via via questi partiti si sono contaminati perdendo valori e dirigenti di valore, quindi ultimamente anche turandomi il naso ho continuato dando la mia fiducia al partito democratico pensando anche di arginare assieme a tanti altri elettori onesti la deriva civile alimentata da una inaccettabile destra capeggiata da un populista pericoloso. Da pugliese che vive in Lombardia, avendo una enorme stima del governatore Vendola che secondo me e secondo la maggioranza degli elettori pugliesi ha governato bene, trovo insopportabile la scelta del PD che vorrebbe sostituirlo accettando qualunque inciucio col pretesto di una presunta certa vittoria. Vorrei chiedere a D'Alema se accetterebbe accordi anche con la mafia pur di battere la destra? Ma il popolo sano della sinistra preferisce che tali elezioni le vinca la destra e pretende dai suoi rappresentanti un comportamento etico ed una capacità amministraiva che porti al benessere dei cittadini, qualità e capacità come quelle espresse dal governatore Vendola. Perciò credo che se Vendola dovesse perdere sia le primarie ma anche le elezioni non posso più assicurare il mio voto a un partito che non sa più di nulla. Con Massimo ormai non possiamo aspettarci più nulla.








# 17 commento di elwood - lasciato il 22/1/2010 alle 20:42 dalema insieme a berlusconi è il problema più grosso dell' Italia degli ultimi 15 anni. Non trovo nessuna azione dei due che abbia portato un beneficio allo sviluppo del nostro paese. La Storia li giudicherà come meritano... ******************************************** Sì certo la storia li giudicherà come ha fatto con Craxi :)


e intanto il tempo se ne vaaaaa, qua non resterà nessunoooooo tari tari tara ta taaaaaa ta tata ta ta ta tataaaaaaaaaaa


Puglia caput mundi. quanto interesse per quella zona economicamente depressa...


Seguendo le vicende della carriera politica di D'Alema mi viene in mente la storiella dello scorpione che non sapendo nuotare chiede ad una rana di potergli montare sul dorso per attraversare il fiume e questa temendo di essere punta rifiuta;lo scorpione gli ricorda che non sa nuotare e se l'avesse punta sarebbero morti entrambi.La rana si convince ,ma a metà tragitto viene punta e allora chiede allo scorpione: "perchè l'hai fatto?"e questi:"è nella mia natura!"


(#26 ripetuto e corretto) Non so se sia più pericoloso per la democrazia italiana vedere approvata definitivamente la legge ammazza processi o avere D'Alema alla direzione della vigilanza sui servizi segreti (quando questi sono a loro volta sotto il controllo di Berlusconi!). Ah già: è più pericoloso che entrambe le cose si verifichino contemporaneamente... Se già adesso l'intero parlamento si regge su ricatti incrociati e minacce di diffamazione a mezzo stampa (vedere gli "equilibri di potere" della maggioranza, sia riguardo alle mani legate di Fini che rispetto alla precedentemente ignota fedeltà della Lega, tanto per fare un esempio), cosa dovremo aspettarci per il futuro? Ma cosa cavolo deve tenere nascosto D'Alema? Con quale leva Mr.B. se lo rende più cane di Argo per Ulisse? Nemmeno se avesse in mano le prove che il baffetto sia il vero mostro di Firenze potrebbe ottenere tanta solerzia nel servire!


Scusate, ho seguito il link alla nuova distribuzione del Fatto Quotidiano, sperando di vedere che sarà distribuito anche in tutta la provincia di Trieste(oltre che in città), e invece non vedo più nemmeno Trieste stessa! Compravo il giornale ogni tanto, e non mi sembrava così male la situazione...


Mi sembra che l'attività politica di D'Alema, da 16 anni in qua, possa essere definito un tradimento continuo nei confronti del suo partito e dei suoi elettori. I più grossi aiuti al Berlusconi imprenditore sono venuti da due politici della sinistra: Craxi e D'Alema. Craxi ha avuto il suo tornaconto economico, lo sappiamo. E D'Alema? - Supporlo è inevitabile.


roland magari,cambiando la pelle come succede a certi animali (sai quelli della stessa razza di sir biss), scopriamo che è craxi!!!


Se non avete ancora letto la lettere di Sonia Alfano al presidente della Repubblica circa rivalutazione di Craxi promossa anche da Napolitano, leggetela, è cliccabile in questo blo. Leggete come minimo la chisusura; eccola: "Mi chiedo, nel rispetto del Suo ruolo di garante della legalità costituzionale se quelle Sue parole non rechino un vulnus, nella forma, alla autorevolezza di procedimenti giudiziari sviluppatisi nel rispetto delle leggi del Paese e, nella sostanza, all'eguale considerazione di tutti i condannati, appartenenti alla casta politica o meno che essi siano. Proprio di questi tempi sono in essere aberranti tentativi di abbattimento dei principi costituzionali di legalità e di eguaglianza dei cittadini. Pur involontariamente, le Sue parole di oggi rischiano di rafforzarli." ----------------------------------------------------------------- L'avessi scritta io, avrei lasciato via l'avverbio "involontariamente". Ma l'eurodeputata evidentemente si è espressa con la massima cortesia, concedendo gentilmente un'attenuante (di cui si può quantomeno dubitare: se l'ha fatto davvero involontariamente, mi è lecito dubitare delle sue facoltà intellettive).


PRO VENDOLA! Come dice Beppe, è l'unica possibilità per la Puglia di salvarsi dallo schifo di questa politica, che vuola privatizzare l'acquedotto pugliese e costruire centrali nucleari, come se giù l'Ilva di Taranto non bastasse. Boccia, burattino di D'Alema,A CASA!!!


Malgrado tutto meno peggio d'Alema di Ernesto e Evaristo (Fassino e Veltroni) che hanno più volte affermato che aveva ragione Craxi e torto Berlinguer Ho più disgusto per loro. Chissà in cosa era meglio Craxi, forse perché Musselli (scandalo petroli) gli regalava le auto blindate e a Berlinguer no, forse perché Berlinguer non giocava a poker con il "Tebano", forse perché Berlinguer si è schierato contro il taglio della scala mobile e Craxi a favore (infatti ci avevano promesso che la scala mobile era la causa di tutti i mali dell'economia italiana, eppure da quando non c'è la scala mobile la situazione delle nuove generazioni è peggiorata), forse aveva ragione Craxi quando costruiva il socialismo delle mazzette mentre Berlinguer denunciava il degrado della politica e la mancanza di ideali degli altri partiti; forse aveva ragione Craxi quando voleva che i comunisti diventassero uguali a lui e ai suoi accoliti per poter dire che tutti prendevano mazzette e quindi nessuno poteva giudicare i ladri, mentre per Veltroni e Fassino Berlinguer aveva torto nel cercare d mantenere una diversità comunista intesa come passione politica disinteressata e condotta di vita austera, sobria e onesta. L'unico torto di Berlinguer è stato di non essersi accorto di quali pappemolle aveva portato alla Direzione dell'allora partito comunista. Aridatece Pajetta


io,da sempre di sinistra ,vi dico che non sono solo 15 anni che d'alema ci frega ma molto di più,rimpiango i tempi di berlinguer lui si sapeva tirare fuori la gente dalle case e riempiva le piazze.ma anche i sindacati pensavano agli interessi del popolo,ora vedo solo bersani,che quando parla? o sussurra,forse se qualche volta la sinistra tornasse veramente a fare politica e l'interesse della gente che non arriva + nemmeno alla (forse)1 settimana riguadagnerebbero un pò di stima e ai sindacalisti dico:smettetela di stare dalla parte dei padroni.SIETE DEI VENDUTI.state svendendo quello che con le lotte gli operai si erano guadagnati.VENDUTI.......


Ormai sono quasi più incazzato con quelli che votano PD che con gli antidemocratici berlusconiani, almeno quelli scelgono chi li assomiglia!


# 35    commento di   ciccio c - utente certificato  lasciato il 23/1/2010 alle 5:41

hanno fatto tutti la figura dei vigliacchi, di fronte al fuoriclasse Vendola, resta solo Boccia: costretto ad un match impari (tipo carnera contro jacchetti): potere di una politica impotente è tuttavia influente in quest'Italia da ridere!


Mi inserisco per un commento su quello che scrive Feltri su Panorama a proposito della crisi che non c'e'. Ecco la sua sbalorditiva spiegazione: "Facciamo male il primo lavoro e benissimo il secondo, esentasse. Il sommerso si estende sull’intera Penisola. Il pil statisticamente provato è misero, ma quello autentico è spaventosamente alto. Le casse dell’amministrazione sono vuote, ma quelle degli amministratori sono piene. E allora? Niente. Smettiamo di piangere, però". Ora ammesso che sia tutto vero 1) Feltri ammette che in in Italia esiste un'evasione spaventosa. Che si fa? Niente? 2) E comunque, questo bengodi esisterebbe per chi puo' evadere o lavorare in nero. E per gli altri? Come stanno i tanti lavoratori dipendenti o precari, in massima parte giovani? Vanno al ristorante ed in vacanza pure loro? Si possono permettere, non dico di acquistare, ma di affittare una casa?? Possono almeno loro continuare a lamentarsi, magari sottovoce per non distorbare il Feltri


ho scritto a Vendola : vieni a fare il sindaco di Venezia : solo con lui noi possiamo battere Brunetta


Boise de Boulogne ? Bois de Boulogne ( IL FATTO DI OGGI )




L'IMPUTATO AMPUTATO Notizia d'agenzia: "C'è anche Piersilvio Berlusconi tra gli indagati nell'inchiesta Mediatrade-Rti sulla compravendita dei diritti televisivi, per la quale oggi il pm di Milano Fabio De Pasquale ha notificato l'avviso di conclusione delle indagini. Il figlio del premier - sotto inchiesta insieme al padre - è stato consigliere di amministrazione e vice presidente della società finita nel mirino dei pm." Vedremo un'altra volta, come nei processi Mondadori e Mills, un processo amputato dal principale imputato, grazie ai vari trucchi legislativi passati, presenti e prossimi venturi?


Grazie Marco per questo bellissimo articolo. Sono molto contenta che tu spieghi la catastrofe di cui è sempre stato capace D'Alema. Così contrubuiamo a smontare quell'aura in cui egli si avvolge. Grazie ancora.


A proposito di Mondadori: CAETEREUM CENSEO CARTHAGINEM ESSE RESTITUENDAM (ora metto 'Carta'gine per Mondadori - visto che questa è l'impero della carta stampata)


Bbbbbbuuuuuuaaaaarrrrrrrgggggggghhhhhhhhhhh a tutti! Ricordiamoci il caso UNIPOL: in un periodo in cui i dossier illegali si sprecano, una intercettazione finisce illegalmente nelle mani dell'imperatore mediatico in quel momento all'opposizione, viene usata in campagna elettorale su tutti i suo canali e giornali, erode il 5% di consenso in tre mesi che mancherà alla stabilità del governo prodi (ma alla volpe di gallipoli che glie fregava della stabilità di prodi... meno di zero). Troppo concentrati sullo spostare i magistrati che indagano e il GIP Forleo, il sinistrato e i suoi amici ne' allora, né ora che la faccenda è dimostrata, contestano al telecrate di aver commesso lo stesso reato che costò le dimissioni persino a nixon! Ora l'inciuciator (anche contro il suo interesse) viene premiato con il posto di presidente del COPASIR, ovvero l'organo che dovrebbe vigilare sugli abusi dei servizi segreti. Un posto delicatissimo a uno che dagli abusi dei servizi segreti non ha provato a difendersi neanche quando li subiva in prima persona.


Copio-incollo, da # 20 di pugliamorente, le dichiarazioni di Boccia: _____________________________________________________________________ Francesco Boccia, 18 gennaio 2010: "Pretendo che le famiglie del San Paolo di Bari non paghino nulla e i benestanti come me e Vendola paghino di più. E, per farlo, occorre aprire le porte della gestione dell'acquedotto pugliese alla competizione tra privati" Francesco Boccia, 22 gennaio 2010: "Mi accusate di voler privatizzare l'Acquedotto. E' una calunnia, è falso, non l'ho mai detto" _____________________________________________________________________ E, a mo' di carta canta, riporto un breve passaggio dell'intervista dell'Unità a D'Alema; _____________________________________________________________________ Domanda: Perché Grillo l’ha paragonata a Caino, con Vendola nei panni di Abele? O perché sostiene che se vince Boccia e l’alleanza con «Casini-Caltagirone» ci sarà l’esproprio dell’acqua pubblica? D'Alema: «Sono calunnie, accuse ridicole, come appunto quella che vogliamo vendere l’acquedotto pugliese a Caltagirone. Stupidaggini senza né capo né coda. Non solo perché non lo vogliamo fare ma anche perché non è che il candidato presidente diventa il padrone della Puglia. Questa è roba tremenda, ma per Nichi. Dà la sensazione di due modi diversi di affrontare le primarie. Noi le facciamo per vincere le elezioni. Dall’altra parte c’è chi le fa contro di noi. Ma se hai vinto contro di noi, dopo, con quegli altri perdi. Perché voglio vedere il giorno dopo le primarie dire: adesso per cortesia voi delinquenti e sporcaccioni che volevate vendere l’acquedotto mi date una mano per vincere le elezioni... Sarebbe complicato». _____________________________________________________________________ Commento: il minimo che si possa dire è che Boccia e D'Alema sono molto ambigui. Da loro comprereste una barca di seconda mano, senza paura di affondare?


Se vi va, leggetevi questo stupendo articolo di Giuseppe D'Avanzo su Repubblica ;) www.repubblica.it/politica/2010/.../d_avanzo_complotto-2048323/


http://www.effedieffe.com/component/option,com_myblog/show,Dedicato-agli-economisti.-Cosiddetti.html/Itemid,272/ Consiglio questo Articolo..in primis per lo stupidotto Travaglio che crede che l'economia sia una scienza e legge anche lui troppo l'imbecille Giavazzi.


# 47    commento di   drainyou80 - utente certificato  lasciato il 23/1/2010 alle 11:37

Casini, si vergogni, si dimetta e chieda scusa agli italiani. Cuffaro condannato a 7 anni in appello per FAVOREGGIAMENTO AGGRAVATO dall'avere agevolato Cosa nostra e rivelazione di segreto istruttorio. Abbiamo sentito per anni che era innocente da vari bacchettoni del partito della chiesa tanto caro a D' Alema di questi tempi, ora se ci trovassimo in un paese normale ci sarebbero dimissioni a raffica e richieste di perdono pubblico ma visto che siamo in Italia la notizia verrà poco più che menzionata. L'Unione dei Carcerati è il miglior alleato del Pd e Pdl, la vera cupola sono loro si sente persino l'odore dei cannoli.


# 48    commento di   drainyou80 - utente certificato  lasciato il 23/1/2010 alle 11:40

p.s. NON HO CAPITO COME MAI QUANDO ARRIVANO QUESTE NOTIZIE DI CRONACA GIUDIZIARIA IL SITO CORRIERE.IT O NON SE NE ACCORGE O SE NE ACCORGE SEMPRE MOLTO IN RITARDO! BISOGNEREBBE CHIEDERLO! SARA' MICA CHE DEVONO SENTIRE PRIMA QUALCUNO? MARCO , PETER POTETE INFORMARVI VOI CHE AVETE AGGANCI? :-) Ciao Luca


NON AGGIUNGO ALTRO ALLA ESORTAZIONE A CHI NON L'HA VISTO DI VEDERE QUESTO VIDEO. INVITO SOPRATUTTO I DECANTATORI DI QUESTO GOVERNO E SE CONTINUERANNO A VOLER TENERE GLI OCCHI CHIUSI ALLORA BUONA NOTTE AI LORO FIGLI ED AL FUTURO DI QUESTO PAESE. http://www.youtube.com/watch?v=XdvB9BDy7Kc


GIAVAZZI uno stupido ? l'unico economista che ha fatto un'analisi dei problemi di Venezia eccelsa


# 50 commento di margherita Si certo dopo aver incassato una congrua mercede dal consorzio acque venete, per sentirsi dire quello che i veneti già sanno da almeno 200 anni. Ma per carità...


margherita ah ah ah Giavazzi è un lurido verme..per colpa di quelli come lui dei profeti dell'economia è una scienza siamo in questo casino..dei misteriosi vantaggi del mercato globale.. Si legga l'articolo di un vecchio Nobel,quando i nobel non venivano assegnati a matematici e giocatori d'azzardo. Confermo Giavazzi è il re degli imbecilli...la Galera non è prevista per questi esseri?


Il codice penale punisce persone in carne ed ossa---é qui la fregatura immensa della giustizia globale nel capitale finaziario Globalizzato..ma C'è Travaglio per fortuna che è il re degli illusi..con il sogno giustizialista ci ha fatto un bel po di soldi. Di economia nn capisce Nulla Mr.T poi va in Tv a raccontare BALLE sul debito pubblico è gia la terza volta che disinforma la gente.


com'è finita la querela di Ida Di Benedetto contro Sgarbi ?


Maurice Allais non è l'unico che non è stato ascoltato, purtroppo quando tutto va bene resta difficile pensare che quel tutto potrebbe finire. E' un modo sbagliato di pensare, soprattutto per chi ha in mano l'economia di una Nazione. Ma se ne strafregano tanto chi ci rimette è sempre la gente semplice e onesta, i ricchi e i delinquenti cadono sempre in piedi!


A me basta un dato per non andare a votare nè Vendola, nè Boccia alle primarie e tanto meno il pincopallino che sceglieranno Fitto e Berlusconi. Il dato è il disavanzo di 252 milioni e 799mila euroche le Asl pugliesi hanno prodotto nel 2008. Nel 2007 il buco era stato di 229 milioni. Nel 2009 non è andato certo meglio. Il discorso non è politico, morale o tutto quello che ho letto. E' semplicemente un discorso di competenza o incompetenza. Considerato che quasi l'80% del bilancio della Regione matura intorno alla sanità è evidente che chi ha governato fino ad ora è stato incapace, da Fitto a Vendola è stata una gara a chi ha fatto peggio. Le ideologie, i fantastici discorsi, l'opportunismo, mi hanno stancato ormai. Vedo quello che succede negli ospedali, confronto i dati di bilancio e mi arrabbio, ma non conto niente, sono solo uno studentello sprovveduto che ha la stessa forza di una scorreggia nel vento e per questo me ne sto a casa sia domani quando ci saranno le primarie, sia quando ci saranno le elezioni vere e proprie. Almeno potrò accudire di più chi ne ha bisogno.


secondo me d' alema è bin laden !!!!!!


Il problema non è D'Alemosconi...il problema è il cittadino (o consumatore)...che, dormendo, va a votare...


*** IL MANDARINO STALINISTA DEL TAVOLIERE *** Sarà divertente vedere il baffino stalinista di Gallipoli essere sconfitto dai suoi stessi presunti elettori, che faranno trionfare Vendola. Il satrapo della corrente di sinistra del PDL deve fare ancora molta strada per essere accolto a braccia aperte e col cappello in mano al cancello di Arcore. Sono decenni che ci prova, a far traghettare il suo partito - il PD di cui è padrone assoluto - nei ranghi del malaffare di Regime a fianco del partito populista del tycoon di Mediaset. Il capo della Forza Italia di sinistra, quindi, sembra continuare la sua collezione di flop politici. Stavolta per gettare nel marasma i sottili intrallazzi del pupillo di Togliatti è bastato un Vendola qualunque. Quest'ultimo, pur mediocre, è però un uomo appassionato, che non fa politica solo per tornaconto di corrente, e quindi non è facilmente ricattabile, come quasi tutti gli altri politicanti del partitone di Regime PDL + PDmenoelle. Una rivincita della società civile come dice Scalfari? Mi sembrano parole grosse. La società 'civile' in Italia è ancora fatta di minoranze troppo risicate di gente morale ed istruita, invece il peso elettorale delle vecchie generazioni - le casalinghe di Fede a destra e i vecchietti nostalgici del PCI a sinistra - è a tutt'oggi insuperabile. Finché queste masse anziane (e alcuni dei loro figli e nipoti, a quanto pare leggendo questo blog) continueranno a votare secondo le logiche ideologiche del secondo dopoguerra, l'Italia dovra tenersi i suoi B&B a destra e sinistra. Sperando che il baratro non sia già dietro l'angolo...


D'Alemone il suppostone post-ideologico effervescente Leggere attentamente il foglio informativo


# 36 commento di Andrea - lasciato il 23/1/2010 alle 6:1 Interessanti le cose che riporti. Panorama non lo leggo - perché non ho tempo, preferisco anteporre altre letture... Alcuni commenti: 1) Ormai i satrapi di Regime (destra sinistra e centro) non si vergognano più di ammettere con arroganza le loro colpe e il marciume con cui ci hanno ricoperto. Dichiarano tranquillamente i loro reati: tanto l'impunità avanza. Il leader della mancanza di vergogna è ovviamente il Duce di Arcore, ma tra i suoi migliori pennivendoli, oltre a Feltri, annovererei soprattutto l'ippopotamo teostalinista Ferrara, il vero maestro del cinismo arrogante berlusconiano. 2) I lavoratori dipendenti, che con le loro tasse alla fonte da soli mantengono tutto il parassitismo italiano del clientelismo, dell'evasione fiscale, della mafia e della corruzione, per ora brontolano sotto sotto, ma non s'incazzano. Credo perché in fondo anche loro si possono ancora permettere i tortellini a tavola tutti i giorni. Anche grazie ai soldi passati dai vecchi, quelli che continuano a votare PDL e PDmenoelle. Ma se la crisi continua, potrebbe raschiare il fondo del barile...


Ho letto molti commenti contro l'inciucione D'Alema. Ora vorrei chiedervi: perchè Di Pietro continua a ritenerlo un buon politico? Di Pietro ha sempre ritenuto D'Alema una persona "per bene". Evviva la coerenza...




# 63 commento di Gionata - lasciato il 23/1/2010 alle 14:56 >> Ho letto molti commenti contro l'inciucione D'Alema. Ora vorrei chiedervi: perchè Di Pietro continua a ritenerlo un buon politico? Di Pietro ha sempre ritenuto D'Alema una persona "per bene". Evviva la coerenza... Dovresti chiederlo a Di Pietro.


# 65    commento di   drainyou80 - utente certificato  lasciato il 23/1/2010 alle 15:9

«Prendo atto però della sentenza della Corte. In conseguenza di ciò lascio ogni incarico di partito. Mi dedicherò, con la serenità che la Madonna mi aiuterà ad avere, alla mia famiglia e a difendermi nel processo, fiducioso in un esito di giustizia». Totò Cuffaro Mentre preghi la madonna magari ricordati di dirgli come mai favorivi un'associazione che scioglie bambini nell'acido e ammazza la gente innocente come cani..


#65 Manuel S "Dovresti chiederlo a Di Pietro" Già, ma dubito che risponda. La mia era una domanda retorica. Curriculum di Massimo "Inciucio" D'Alema (ammirato da Di Pietro): - prescritto per il reato di finanziamento illecito per 25 milioni di vecchie lire prese da Fabrizio Cavallari, re delle cliniche baresi, legato alla malavita. - Il Governo D'Alema fu uno di quelli che contribuì a salvare le tv di Berlusconi - D'Alema, a detta dello stesso Di Pietro (ma ora avrà cambiato idea), fu l'ispiratore dei dossier contro Mani Pulite usciti sulla rivista di Cl "Il Sabato" - D'Alema appoggiava una delle scalate bancarie illegali dei "furbetti del quartierino"( Quella della Unipol di Consorte in combutta con le Cooperative Rosse sulla BNL). - Inciucio della Bicamerale per legare le mani ai magistrati... Continuo a chiedere: come fa Di Pietro (eroe di Mani Pulite), a ritenere D'Alema un buon politico?!!!


# 28 commento di Roland - lasciato il 22/1/2010 alle 23:28 >> Mi sembra che l'attività politica di D'Alema, da 16 anni in qua, possa essere definito un tradimento continuo nei confronti del suo partito e dei suoi elettori. Intanto se uno lo vota, o va alle primarie a votare il suo portaborse Bersani, non può lamentarsi. Poi, D'Alema non ha mai promesso di fare opposizione, né tantomeno di combattere Berlusconi. Quindi non ha senso parlare di tradimento nei confronti dei suoi elettori. Chi lo vota - a parte i beoti di sinistra che non sono pochi - lo fa a ragion veduta: vuole che il PCI-PDS-DS-PD sia un partito di Regime come il PDL, intrallazzi nel malaffare e faccia gli interessi dei gruppi economici che rappresenta. Questo hanno sempre fatto D'Alema e il gruppo dirigente del PD: gli interessi delle Coop rosse, dei Colaninno, dei De Benedetti, dei Tronchetti Provera, delle banche. Vogliamo ricordare la storica ammissione di collaborazionismo con Mediaset alla Camera di Violante? Dunque nessun tradimento: quel partito è stato costruito per collaborare con le ruberie dell'ala destra del Regime. E per far dunque arricchire anche gli amici di sinistra.


# 68    commento di   drainyou80 - utente certificato  lasciato il 23/1/2010 alle 15:13

In commenti di utenti di questo blog alle volte noto una cosa strana...sembrano persone che stanno osservando un omicidio e si chiedono come mai il testimone dietro si infila le dita nel naso...


@Gionata >> Continuo a chiedere: come fa Di Pietro (eroe di Mani Pulite), a ritenere D'Alema un buon politico?!!! Non va confuso il Di Pietro PM, eroe della Costituzione e della legalità, col politico DP sceso a compromessi con la Casta - o i suoi reduci - che aveva combattuto da magistrato. E' perfino andato a fare il ministro nei governi di centro sinistra! PS Però dove Di P. abbia detto che D'Alema è un grande politico... sorry ma mi sfugge!


Oggi su L'Unità c'é l'intervista a D'Alema riguardo la Puglia. Si capisce bene che é un politico vecchia scuola PCI, deve distruggere tutto quanto é appena alla sua sinistra o appena appena alla sua destra. Tutto il discorso che fa sull'UDC cozza con il fatto che non sarà mai alleato del PD in tutte le regioni. E cosa va a distruggere in Puglia? Vendola che é l'unica esperienza (positiva tra l'altro) di governo di una sinistra vera e laica. I primi conservatori in Italia sono questi soggetti alla D'Alema che si spacciano da riformisti e progressisti, ed hanno in mano le sorti del Paese tanto quanto Berlusconi.


# 69 commento di drainyou80 - lasciato il 23/1/2010 alle 15:13 >> In commenti di utenti di questo blog alle volte noto una cosa strana...sembrano persone che stanno osservando un omicidio e si chiedono come mai il testimone dietro si infila le dita nel naso... Forse stanno parlando di complici, non di testimoni. Anche perché i pochi testimoni, anziché denunciare i reati, spergiurano in tribunale che non hanno visto nulla. Erano troppo impegnati a rovistare tra le proprie caccole...


@Manuel S Non un "gran politico", ma un "buon politico"...Lo ha detto in vari modi in varie interviste...Se le trovo ti posto i link...


@unoqualunque >> I primi conservatori in Italia sono questi soggetti alla D'Alema che si spacciano da riformisti e progressisti, ed hanno in mano le sorti del Paese tanto quanto Berlusconi. Senza le rane che li trasportano al di là del fiume, gli scorpioni non potrebbero essere così pericolosi. Il nemico peggiore è spesso quello che si presenta sotto le vesti di amico.


Cuffaro lascia tutti gli incarichi nell'UdC...Aiello dopo la sentenza è stato condotto in carcere...


Il problema D'Alema è un problema interno al PD, all'interno c'è una forte minoranza contraria al caro massimino ma se dall'interno non lo mettono in pensione lì è e lì resta. Il personaggio non sembra disporre del senso della vergogna che lo porterebbe a mettersi da parte.




In Puglia ci saranno le primarie, dovrebbe vincere Vendola, a quel punto qual'è il problema? Anzi la cosa sarebbe un autogoal per Baffino :)


#45 Stefy il link che hai indicato www.repubblica.it/politica/2010/.../d_avanzo_complotto-2048323/ non si collega ad alcuna pagina!


Intanto Porro da "il Giornale" tenta di accomunare le giuste critiche di Obama ad una sentenza della Suprema Corte statunitense all'italietta BerluscoNANA. Aspetto in trepida attesa di leggere on-line ciò che compare oggi sull'edizione cartacea (non potrei comprarla in quanto ho buone riserve di carta igenica).


“Ora capisco il motivo del lodo Alfano (detto dopo quasi un anno che è passata la legge)” - Massimo D'Alema un po' in ritardo sul lodo Alfano I baffi di D'Alema sono gelosamente custoditi nei laboratori Swiffer per le note proprietà auto rigenerative perpetue di questi. D'Alema ha vinto il premio di politico più intelligente del ventunesimo secolo. Il premio gli è stato consegnato con oltre 90 anni di anticipo per aver voluto avvisare il suo amico Giovanni Consorte che era indagato e che quindi il suo telefono era sotto intercettazioni. Telefonandogli.


avete sentito di cuffaro?


@Andrea F.: il problema sarà se poi Vendola una volta vinte le primarie (ed io non ci metterei la mano sul fuoco che le vinca), poi perda la Regione per giochi di potere Dalemiani e Casiniani. A questo punto, di fronte ad una scelta scellerata in tal senso, ovvero perdere apposta il governo di una regione addossandone la colpa a chi lo aveva fatto guadagnare in precedenza, dovrebbe far riflettere, e molto, coloro i quali a Sinistra hanno dato il famoso voto utile alle politiche ed alle europee.


A mio avviso dopo che il partito democratico ha salvato le chiappe a D'alema e Latorre dalla Forleo(negando l'uso delle intercettazioni e proteggendo D'alema con l'immunità in europa)e aver contribuito a far massacrare la medesima ha perso definitivamente il diritto di chiedere a Berlusconi di farsi processare, o meglio lo può fare solo dopo aver chiesto scusa ai propri elettori battendosi mille volte il petto ed evitando porcate simili per il futuro!


Se non ricordo male Vendola non era col PD no? Il governo della Puglia è in mano ai pugliesi, se vogliono una bella sacra corona unita regionale sanno già a chi rivolgersi... Io resto ottimista e credo che per la regione vincerà Vendola con un bel distacco. Baffino se la prenderà nel popò come ha già fatto parecchie volte.


# 68 Manuel S si può vederlo anche così. Allora diciamo che ha tradito l'URSS....


Insomma, ha sempre fatto il doppio gioco: è nel suo DNA.


avete visto la Margherita Hack su la sette ieri sera? lei si che è una grande...


# 86 commento di Roland - lasciato il 23/1/2010 alle 16:29 >> Allora diciamo che ha tradito l'URSS.... Perché mai?? Non direi proprio. Anzi: l'URSS prima, la Russia poi, ha fatto sempre ottimi affari con l'Italia. Togliattigrad docet. Per non parlare degli intrallazzi continui tra Putin e Berlusconi, il capo del partitone di D'Alema. Del resto, l'Italia è sempre stata un ponte occidentale verso l'Est. Quando era sotto l'ombrello della Nato, durante la guerra fredda, era l'unico paese che aveva licenza di commerciare ad est. Fa parte della tradizione italiota quello di avere il piede in due scarpe. Infine, fu proprio il padre politico di D'Alema, il compagno Palmiro, pupillo di Stalin, ad iniziare nel '43 la tradizione collaborazionista dei sedicenti 'comunisti' italiani a favore dei poteri forti italiani e non. D'Alema ha solo ben aiutato l'import dalla Russia dei metodi stalinisti che molto comodo fanno al populismo berlusconiano.


mi sa che da un certo punto di vista, d'alema è peggio di berlusconi.


# 90    commento di   marchino firenze - utente certificato  lasciato il 23/1/2010 alle 17:26

Quando Berta filava,e i politici (ci) (de) rubavano,era fatto notorio anzi consuetine dire che in Rai assumessero un giornalista di destra,uno di sinistra ed uno bravo.Oggi manco questo.Da questo punto di vista vale sempre la vecchia battuta di Beppe Grillo,e cioè che nella Prima Repubblica di solito prendevi un politico e,dopo un pò,diventava un ladro;mentre nella seconda di solito prendi un ladro e dopo un pò diventa un politico.


# 91    commento di   drainyou80 - utente certificato  lasciato il 23/1/2010 alle 17:30

X Manuel s Non mi riferivo al tuo discorso


@Marco59 Copia e poi incolla il link nel browser :)


# 88 Manuel S Ma se è così, Berlusconi che cosa ha da sbraitare continuamente contro la sinistra, i comunisti, gli stalinisti, i coglioni, gli amici del regime totalitario pari o peggio del Terzo Reich? Tutta finta, polvere negli occhi degli italiani fermi alla licenza elementare (guardate in proposito la bella vilgnetta di Giannelli sul Corriere di oggi)?


MA DOV'È IL CONFLITTO D'INTERESSI? Il fatto che Berlusconi sia ora indagato anche per il caso Madiatrade dimostra che il sistema Berlusconi ha ancora una falla: al controllo completo su tutti i poteri, economico-mediatico-politico manca ancora il controllo sulla Giustizia; ma con il dispiego delle sue machiavelliche forze d'attacco politico-giuridiche (gli avvocati parlamentare, gli amici giuristi ministro ecc.), e con l'appoggio della sua maggioranza, presto completerà l'opera: l'unificazione di tutti gli interessi (che, visti dagli altri, confliggono tra di essi, ma per lui sono pacificamente riuniti come bestie domate in una gabbia) e di tutti i poteri sotto il suo controllo personale; potrà dire a giusto titolo: l'Italia sono io. Manca veramente poco al superamento del conflitto d'interessi...


Massimino e Silvy, come dice MT, sono come due carte appoggiate l'un l'altra, se cade una cadono entrambe. E cadranno... ah se cadranno un giorno! e poi ci troveremo come le stars a bere del wisky al Bar-Lusconi :)


Il vero nome di quell'uomo non e' massimo d'alema,ma massimo d'apporto...a berlusconi si intende!


Smettiamola di fare gli ipocriti e ragioniamo un po`. Una mia amica lavora in Lombardia in un ente pubblico e lì quelli che fanno carriera hanno la tessera CL. A Bologna una seconda mia amica lavora in un altro ente pubblico e quelli per far carriera devono avere la tessera CGL. Lo sappiamo tutti che è così vero ? La realtà è che il PD si porta dietro il politburo del PC/PDS e compagnia, che è un "POTERE POLITICO" esattamente come quello del PDL/Socialisti/Democrazia Cristiana. La questione del potere è l'unico problema in Italia, il potere a sua volta controllato da poteri più grandi, ha sempre deciso tutto e sotto l'apparenza di diversi schieramenti, ha mantenuto una linea di spartizione, a ognuno la sua zona. Non c'è alcuna differenza tra un uomo di potere di destra o di sinistra, Violante, esprime un potere, D'Alema esprime un potere, Dell'Utri, Ghedini, Bossi, Mastella esprimono un potere, dietro di loro non vi sono idee politiche, vi è il mantenimento di un sistema. Tutti capiscono che è un sistema vecchio, obsoleto, da spazzare via, ma tornano a votarli per il semplice fatto che gli italiani confondono i diritti con i privilegi e sono sempre pronti ad elemosinare dalle mani di un prete o di un signorotto qualsiasi, per avere in cambio qualsiasi cosa, anche ciò che dovrebbe essere già loro.


Mi correggo CG(I)L !


Dalle satire di Ariosto, testualmente, Satira III vv.235-237 : " ma se vediamo i Papi e i re, che dèi stimiamo in terra, star sempre in Travaglio, che sia contento in lor dir non potrei " Non c'è nulla di meglio che studiare con un pizzico d'ironia..


Stasera D'Alema è da Fazio. Scrivete tutti una domanda per lui, anzi, questa domanda: "Non lo capisce che se si dimette il Pd ha qualche possibilità in più? Lo fa apposta a restare? Tifa per il pdl, allora!" http://www.chetempochefa.rai.it/dl/portali/site/articolo/ContentItem-fe666605-ba43-4234-bce1-179b96373f85.html


@92 drainyou80 @ Manuel S Molto probabilmente si riferiva al mio di discorso, su Di Pietro e D'Alema. "In commenti di utenti di questo blog alle volte noto una cosa strana...sembrano persone che stanno osservando un omicidio e si chiedono come mai il testimone dietro si infila le dita nel naso..." Io invece credo che se si vuole giudicare la trave nell'occhio di qualcuno, bisognerebbe prima accertarsi che non vi sia la benchè minima pagliuzza nel proprio, soprattutto quando si vuole portare avanti temi come la "questione morale", come fa Di Pietro appunto...




Chiedo consulenza, per favore. Qualcuno mi sa dire cosa consegue a livello legale e istituzionale dal fascicolo aperto dall'ANM sulle frasi di Berlusconi contro la magistratura? Non ho le idee chiare. Attendo risposta, Grazie


@ Roland 94 In effetti il conflitto c'era quando si pensava che un capo di stato dovesse fare gli interessi dello stato, ma se ammettiamo che lo stato debba fare gli interessi del capo, come ormai sta passando come la piu' naturale delle cose, non c'e nessun conflitto :) @ Tolomeo 97 Perfetta la tua analisi. Stupenda la sintesi: "Tutti capiscono che è un sistema vecchio, obsoleto, da spazzare via, ma tornano a votarli per il semplice fatto che gli italiani confondono i diritti con i privilegi e sono sempre pronti ad elemosinare dalle mani di un prete o di un signorotto qualsiasi, per avere in cambio qualsiasi cosa, anche ciò che dovrebbe essere già loro." E vaglielo a spiegare agli italiani che per riavere i diritti che hanno barattato (e soprattutto il diritto di avere cio' che dovrebbe essere gia' loro) bisogna rinunciare ai piccoli privilegi e a quei protettori che li elemosinano. Quanti sono disposti a rischiare? Poi si offendono se dicono che gli italiani sono un popolo servile. Mi ricorda tanto il sistema feudale: il re concede ai suoi vassalli, i vassalli ai propri valvassori, i valvassori ai propri valvassini, e al di sotto i servi della gleba...tutti contenti di ricevere qualcosa, in cambio di un minimo di protezione e sicurezza, e il sistema continua a perpetuarsi in forma ereditaria. Ogni regione poi ha i suoi vassalli guelfi e ghibellini che si contendono la supremazia. La verita' e' che non siamo mai usciti dal medioevo.




# 93 commento di Roland - lasciato il 23/1/2010 alle 17:50 >> Ma se è così, Berlusconi che cosa ha da sbraitare continuamente contro la sinistra, i comunisti, gli stalinisti, i coglioni, gli amici del regime totalitario pari o peggio del Terzo Reich? Sei mai stato al supermercato? Lì ogni multinazionale deve vendere il proprio prodotto - il detersivo o i pannolini - in concorrenza con le altre, un prodotto uguale a quello delle altre. Deve sbraitare continuamente che il suo è meglio, più colorato, ecc. acciocché il pesce abbocchi. Il supermercato elettorale segue le stesse leggi della psicologia di massa. Hai mai letto 'I persuasori occulti' di Vance Packard? Cose che gli americani già sapevano negli anni '50 e che noi italiani ci sorbiamo beoti tutti i giorni. Per vendere bisogna differenziare. Solo con questi fasulli scontri tipici da campanile italiota riescono a tenere alta la partecipazione al voto di masse di mufloni italici.


Mi sembrano secoli da quando scherzavo con gli amici dicendo che D'Alema nel doppio fondo del portafoglio aveva la tessera di forza italia, e invece eccoci ancora qui... A livello pugliese il problema si risolve facendo ancora vincere Vendola, ma a livello di politiche nazionali spero sia chiaro che bisogna (ripeto per la n! volta) SMETTERLA di votare PD (finchè sparisce o cambia in meglio...) e magari votare IDV... P.S. n! = enne fattoriale...


Dopo la vittoria di Vendola e la relativa sonora sconfitta di d'Alema e dell'apparato PD credo sia il caso che ci riappropriamo della capacità di scelta rispetto ad una dirigenza ormai scollegata dal reale, dalla base, incapace di autocritica, assolutamente autoreferenziale, incapace di ascoltare i bisogni e le richieste dal basso. Lo disse Moretti molti anni fa: Con questa dirigenza non si va da nessuna parte. Ergo cacciamoli. Non limitiamoci alle invettive, facciamo sentire in tutti i modi la nostra voce, che siamo stanchi, che ne possiamo più di vedere dilaniato un patrimonio di energie, volontà, impegno della gente che si fa il culo per non arrendersi al berlusconismo. Ho creato uan pagina su FB: MANDIAMO VIA D'ALEMA http://www.facebook.com/group.php?gid=272087508769 ED UNA PAGINA SUL MIO SITO :http://www.altrestorie.org/news.php?extend.2257 Se non facciamo niente non lamentiamoci poi, perchè la politica non può essere solo lo sfogo del momento su un blog. Io ho seclto questo strada, ma accetto qualunque proposta.
http://www.altrestorie.org


# 109    commento di   ilkeiser - utente certificato  lasciato il 25/1/2010 alle 14:56

Soffia il VENDO alLA faccia di d'Alema scarpe grosse al cul devi mirar buttalo giù dalla sua barchetta a vela i suo glu glu sarà dolce sentir... Laaa LaLaa LaLaLaLaLa Laaa...



Mostra tutti i commenti


commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti