Commenti

commenti su voglioscendere

post: Commenta Annozero live

          Chi sono i nostri? In onda Giovedì 29 Aprile 2010 dal sito di Annozero Assieme al segretario del Partito democratico Pierluigi Bersani si discute dello scontro tra Berlusconi e Fini. Si apre un  nuovo scenario o e’ tutto rientrato? E’ vero che sia l’opposizione che il governo sono collocate nel centrodestra? Qual è il ruolo del Pd nella partita aperta sulle riforme istituzionali? E le riforme dovranno riguardare anche l’economia in grande difficoltà, come ha spiegato il Presidente della Camera? Quali sono le proposte di Bersani per uscire dalla crisi, per le aziende e per i lavoratori? Oltre al segretario del Pd, ospiti in studio i giornalisti Norma Rangeri del Manifesto, Paolo Mieli della Rcs e ... continua



commenti



Prima! Testimonianze che fanno riflettere.


Bravo Marco, ma non ho sentito la risposta lascia stare i giornali, risondi Bersani!!


Grazie per infliggerci Porro ancora una volta, che meraviglia, e pensare che se non fosse per Annozero sarei felicemente all'oscuro dell'esistenza di Porro e Belpietro perché comunque le reti mafiaset non le ho mai guardate.


cose complesse ... lunghe ... MA SONO 18 ANNI!!! e non divagare, che non stai dicendo nulla ..una riforma così come ... mandiamo avanti il paese chi? maddai, vergogna bersani


E' arrivata la "mummia" (Paolo Mieli). ma sta dalla parte della Maggioranza o dell'opposizione ?.


perchè c'è un'opposizione?


Caro il mio mieli sai che mi frega se per te non ci sono SQUADRISTI che picchiano duro...... Continua a dormire. p.s. chiedi alla suocera di fini...........


Non ho capito la risposta di Bersani. Travaglio gli aveva chiesto un gesto "forte" cpme quello di ritirare i membri del PD dalle Authority o dalla RAI. Cosa ha risposto Bersani ?... beh..mah... gnuk... cisp... BOHHH!!! Che vergogna !


ma che capitolo successivo, LE RISPOSTE alle domande di marco cavoli bersani rispondi, hai intenzione di muovere il culetto dalla poltrona? per LAVORARE ALMENO UN POCINO?!?


Odddddddio Marco che parla..... Registratevi la puntata che si tratta di una chicca.....


vabbè ho capito me ne vado a legere un bel libro qui come al solito aria fritta buonanotte a tutti


Finalmente Marco Travaglio che partecipa attivamente !...Domande brevi, semplici ed interventi sempre molto chiari. Spero che continui così. Porro invece fa sempre e solo Cagare !


# 13    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 29/4/2010 alle 22:10

Scatta l'operazione Nichi Vendola di Fabio Martini Comincia la volata per le primarie Pd: con De Magistris, Santoro e Marino Se gli chiedi cosa voglia fare da grande, se un domani gli piacerebbe diventare il leader della sinistra italiana, Nichi Vendola risponde così: «Molti si preoccupano del mio futuro, ma io penso molto al tempo in cui potrò tornare a dedicarmi alla scrittura delle filastrocche e delle poesie». Una risposta alata, che tiene assieme la verità di una personale vocazione poetica, ma anche la bugia su una ambizione politica che c’è e che, per rispetto degli elettori pugliesi, per il momento è bene soffocare. Nichi Vendola lo sa bene: dopo la vittoria in Puglia, regione proverbialmente di destra, lui è l’unico personaggio della sinistra italiana al tempo stesso nuovo, vincente e con qualcosa da dire che non sia il consueto ritornello anti-berlusconiano. Proprio per questi motivi dietro le quinte - su impulso di Vendola ma anche per iniziativa di personaggi "insospettabili" - c’è un gran tramestio per trasformare il feeling tra il Governatore delle Puglie e una parte dell’opinione pubblica in una vera e propria "Operazione Nichi". L’obiettivo strategico sono le Primarie che il centrosinistra dovrebbe svolgere nel 2012 per scegliere il proprio leader alle Politiche. Ma a prescindere da una competizione popolare che per ora è soltanto molto probabile, intanto si sta lavorando per un primo evento nazionale che dia il là ad una nuova area politica. Nella partita c’è già il professor Ignazio Marino, pericoloso cavallo di Troia in casa Pd, se non altro per la sua capacità di parlare all’area più irrequieta della base democratica. C’è Luigi De Magistris, l’ex pm che si è iscritto all’Idv ma che non perde occasione per distinguersi da Antonio Di Pietro. Ma soprattutto - ecco la sorpresa - indaffaratissimo a far lievitare l’operazione è Michele Santoro, leader di un cospicuo "partito" di opinione chiamato "Anno Zero". L’idea alla qua


# 14    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 29/4/2010 alle 22:10

L’idea alla quale si sta lavorando è una "convention" da tenersi a Firenze a fine maggio, con i riflettori puntati su quattro personaggi: Vendola, Marino, De Magistris e Santoro. Certo, il format potrebbe subire qualche modifica, ma attorno al nascente "vendolismo" c’è un grande attivismo. A 59 anni Michele Santoro sta rinfrescando - o travestendo? - la sua inossidabile vocazione a far politica, provando tra l’altro a favorire un "cambio di stagione" al "Manifesto". In redazione raccontano che a Santoro non dispiacerebbe un cambio di direzione - stima molto Norma Rangeri, che infatti è spesso ospite di "Anno Zero" - e che potrebbe favorire l’ingresso di nuovi soci nella cooperativa che edita il giornale. Tra quelle che potrebbero rivelarsi fantasie di corridoio, c’è anche l’ipotesi di un Santoro editorialista di un "Manifesto" impegnato a sostenere l’"Operazione Nichi". E Vendola? Quanto feeling c’è tra lui e ognuno dei puntuti compagni di strada che lo stanno affiancando? Prima delle Regionali, Vendola aveva accettato l’invito di Luigi De Magistris a presentare il libro dell’ex Pm. E in quella occasione erano emerse serie differenze tra il giustizialismo a tutto tondo di De Magistris e l’approccio anticonformista di Vendola. Soprattutto quando il Governatore aveva sfidato un pubblico di ben altri sentimenti, parlando bene di Bettino Craxi: «Non si può ridurre la sua vita politica ad una vicenda giudiziaria», fece bene a dire di no agli americani a Sigonella, ma anche a «far di tutto per salvare Aldo Moro, perché niente vale di più della vita umana». E Vendola è personaggio che non si lascia incasellare neppure nell’anticlericalismo di maniera di certa sinistra. Eccolo partecipare l’altro giorno alla processione della Madonna di Terlizzi, ma anche spiazzare tutti quando - nei giorni in cui il Vaticano sopportava lo scandalo pedofilia - Vendola ha confessato al "Corriere della Sera": «E’ stato forse più facile dire la mia omosessualità alla Chiesa che a


# 15    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 29/4/2010 alle 22:12

«E’ stato forse più facile dire la mia omosessualità alla Chiesa che al partito». Ma ciò che lo rende diverso dai suoi compagni di strada è la sua idea-forte: «Il berlusconismo è una egemonia culturale, la capacità di proporre sogni, è stato un errore tragico demonizzarlo. Per batterlo non serve un Berlusconi rosso, bravo a comunicare, ma bisogna indicare al Paese le strade di uscita dalla crisi». Fabio Martini


Grande Travaglio... Ora voglio vedere se c'è ancora qualcuno che abbia il coraggio di dire che è di sinistra.


grande travaglio voglio vedere bersani cosa balbetta in risposta


Ma cosa sperate da questo Bersani... pensate che le cose rinfacciate da Travaglio non le sappiano già? Maledetti ladri di futuro.


Infatti...roba da matti, ci pigliano per il culo e glielo permettiamo. Bocchino perché frigna solo quando la censura e la dittatura e le epurazioni per telefono toccano lui o Fini o altri sulle loro linee, e non grida all'attentato alla democrazia (ben più grave perché in quel caso non nel partito proprio) quando il suo capo telefonava incazzato e sbavando ai dirigenti Rai, all'authority etc. per far chiudere trasmissioni sgradite o censurare giornalisti e via dicendo? Ridicolo coglione...


# 20    commento di   Raistlin_it - utente certificato  lasciato il 29/4/2010 alle 22:26

Ma grande Norma meno male che ci sei tu li in mezzo a quelle salme


# 21    commento di   Raistlin_it - utente certificato  lasciato il 29/4/2010 alle 22:29

Ue Giggi vacci piano che ti sale la pressione


Grazie Rangeri, hai buttato nella spazzatura tutto il lavoro di logoramento dell'area finiana su Berlusconi. Grazie, in un secondo ha anticipato la paginata di Feltri su Fini di domani. Grazie, c'è qualcuno che esprime idee di una destra europea e democratica e tu lo butti nel cesso perchè "tanto sono sempre stati con Berlusconi". Come se Berlusconi non fosse peggiorato di anno in anno. Ce li ricordiamo i telegiornali del Berlusconi 2001-2006? Quanto sono peggiorati rispetto a quelli di adesso? Il berlusconismo è in evoluzione, ora non c'è spazio più nemmeno per Fini e grazie alla gente come la Rangeri avremo un berlusconismo sempre più puro con sempre meno influenzato da elementi esterni. Grazie Rangeri!! Grazie!


GRANDE PIERO RICCA


azz se incazzato di brutto il Bers. C'è da dire che non sono arrivate repliche convincenti. Ma davvero il pd ha fatto e fa quello che ha detto? Stavolta ha giocato sul campo dell'informazione(mancante o lacunosa da parte degli interlocutori) barando o meno ai posteri l'ardua sentenza.


Il video di Ricca lo abbiamo visto (almeno chi è aduso navigare) già da tempo. Meno male che c'è anno zero forse cosi lo avranno visto pure quelli che non navigano vuoi per questioni economiche vuoi per acculturamento mancante in fatto di informatica


# 26    commento di   Raistlin_it - utente certificato  lasciato il 29/4/2010 alle 22:40

La critica a Fini ( che nonostante tutto rimane una chicchiera perché a parte quello non ha fatto niente se non votare le leggi vergogna e collaborare a crearne altre) serve perché in questo paese di smemorati non ci si può permettere di ragionare solo sul presente


voto per Travaglio segretario del PD... se è l'unico modo per svegliare e far arrabbiare Bersani.....


Travaglio ha suonato la sveglia a Bersani... vedremo quanto durerà


Ma quando si parla di "cultura" il giornalista (?) Porro sa di che cosa si sta parlando?


'Porro' nel senso dell'ortaggio o della verruca?


Finalmente un segretario che si emoziona un pò, sembrava appannaggio solo di Vendola. Anche se funziona solo la prima volta, poi non prende più di sorpresa, e si torna al problema vero, quello posto da Travaglio, che evidentemente ha colto nel segno. LE parole sono importanti. I dirigenti del PD devono smettere di fare i dirigenti e devono parlare con la gente. Una volta lo facevano, ora non lo fanno più, lo fa la Lega invece, e gli sta prendendo l'Emilia, tra l'altro. A questo non ha risposto il segretario, ha detto solo che vuole rispetto. Ma ai problemi, che soluzioni pensano di applicare? Risposte concrete, finora... nulla.


Un Bersani simpatico ?!? Scherzi a parte, una cosa bisogna riconoscergliela. Invece di fare la vittima e telefonare al direttore della Rai per rompere i maroni, e piangere ... uhhhhhh .... Travaglio ce l'ha con me ma come si permette, non lo voglio più vedere, lei lo deve licenziare ecc ... almeno ha risposto, ha reagito e ha girato la cosa a suo favore in pubblico, facendoci una buonissima figura. Se Marco è onesto, questo lo deve riconoscere, su questo c'è una enorme differenza tra lui e Berlusconi.


# 33    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 29/4/2010 alle 23:30

The Super-nano infilzetor and epuretorrrr show, tutto per coprire il vero nodo omicida del killeraggio economico finanziario sempre più incombente e realmente omicida sul nostro paese, tanto da rendere agli sciacalli multinazionali x un'economia assassina di intere popolazioni mediterranee da promuovere tutte a terzo mondo "Africa extenscion" .. Forse , forse x questo Bossi e tutte le trote sue vogliono la lega "nazionalizzata " in tutto lo stivale: Italia!.."la terronia" del nord, del nord delle multinazionali e della finanza goldman sachs...capitolo storico, Italia allo sgombro,tutto sulla strategia del vero sacco, demolizioni internazionali concordate. T-r-u-m-a-n ShowShow al cuboooo


Finalmente Travaglio libero di intervenire sul dibattuto in studio!! Ahhhh aria fresca!!!! Oggi è stata la più bella puntata degli ultimi mesi. Cheapeau Santoro avanti così


Il bersaglio di Travaglio è,come al solito,il PD;ma è normale ,perchè lui è un uomo di destra,che non ha niente a che fare con la sinistra,neppure quella moderata e che la sinistra (una minima parte per la verità) ha prescelto a sua icona perchè ormai non ha più punti di riferimento ideali e si aggrappa a tutto,ai Travaglio ai Grillo ai Santoro,persino all'uomo law and order Di Pietro;tutte eprsone a loro modo rispettabili ,ma che con la sinistra non c'entrano nulla;molti di questi signori,in un altro Paese voterebbero per la destra ,lo sappiamo tutti.Travaglio (che non a caso lavorava nel Giornale alle dipendenze dell'uomo di destra Montanelli,già fascista sfegatato,come dimostrano i suoi scritti,orrendi,sulla guerra in Etiopia ,ed aveva quasi 30 anni,non era un ragazzino) ,nel 1996 ha votato persino per la Lega e Di Pietro votava Dc,lo hanno detto loro.Dtasera quando Bersani ha chiesto a tutti se sapessero qualcisa delle questioni del lavoro, nessuno ha risposto,perchè non ne sanno niente e non ne sanno niente perchè non gliene frega nulla.Vauro è sempre divertente ,però qualcuno dovrebbe dirgli che le centrali nucleari in Unione sovietica non le ha fatte Putin,ma il regime sovietico per cui lui dimostra tanta ammirazione oppure forse chiedergli quali siano i poteri del primo Ministro nella sua adorata Cuba.


Bravi continuate a dividervi tra destra e sinistra, non avete capito una mazza


A mio avviso, l'intervento che ha fatto Marco stasera è stato uno dei migliori di sempre: ha avuto il coraggio di sbugiardare e smascherare un nostro politico in tempo reale. Una parte delle parole di Bersani, anche se poi ha sorvolato su molte questioni, sarebbero anche "belle", il problema è che poi se sale al governo non fa lo 0,1% di quello che dice, ma questo aspetto è comune a tutti i nostri politici. Questo perchè non sono onesti e hanno grandissimi interessi da gestire, ovviamente facendo tutto alle nostre spalle... Ad esempio vedasi il conflitto di interessi, l'Unione è stata due anni al governo e non ha fatto niente per risolvere questo gravissimo problema, anzi... A vederlo, sinceramente, Bersani mi stava quasi per fare pena. Sembrava il povero agnellino attaccato ingiustamente che si batte per il bene del paese. Ma poi ho realizzato che è un politico e fortunatamente, dopo nemmeno un nanosecondo, questa sensazione si è trasformata in odio e disprezzo, conoscendo appunto la gente che abbiamo in Parlamento.


Marco cosa stava dicendo sotto sotto riguardo a Scajola durante il collegamento dall'Asinara?????? quando era sindaco di...??? è stato dove...???? MARCO LA VOGLIAMO SAPERE!


Finalmente avete civilizzato il Porro, che si è addirittura schierato contro "chi toglie il megafono al dissenso"???? ma lo sa che Berlusconi lo licenzia??? Bravissimo Marco: in tempo reale e con chiarezza hai esposto tutto quello che è oggetto di contestazioni al politico presente in sala!!! ma perchè non l'hai fatto con la Carfagna??? orami è un politico con una dote elettorale di rilievo(regionali 2010), acquistata in offerta speciale al supermarket del PDL in Campania: la più votata che per "serietà" rinuncia al mandato elettorale, perchè Silvio la vuole a Roma in quanto è la sua musa.....ah ah mo' si dice così.."musa"!


paolo Mieli fa 1 elogio sospetto di vittorio feltri


Travaglio è un uomo di destra ? se ci fosse ancora il partito liberale sarebbe liberale. PORRO ? ODIOSO come sempre


Paolo Mieli il solito impostore. Ha sostenuto che Berlusconi ha ragione quando dice a Fini che non è solo Il Giornale a parlar male di lui ma anche Libero che appartiene al suo amico Angelucci. Come se l'amicizia potesse stare sullo stesso piano dello strapotere politico-economico di un corruttore conclamato che lo dice pure alla luce del sole che "comprerà i deputati ex An uno per uno". Come se veramente Berlusconi su Libero non potesse avere nessuna influenza perchè Angelucci è amico di Fini. Come se Libero e Il Giornale non si scambiassero i direttori ( sempre gli stessi due) ogni sei mesi. Come se Belpietro, attuale direttore del giornale dell'editore amico di Fini, non fosse mai stato beccato insieme a Vespa salire a palazzo Grazioli per prendere ordini su cosa dire a Porta a Porta sulla D'Addario dopo che è stata ad Annozero! Se Mieli crede veramente a quello che dice è un coglione ma non lo credo affatto, se invece fa l'indiano, come he sempre fatto, è semplicemente UN IMPOSTORE, uno di tanti ( presunti) intellettuali che reggono il gioco AL PADRONE incontrastato di questo paese, che trae la sua forza da queste figure subdole.


Travaglio di destra? In effetti ha qualcosa di sinistramente fascistoide. Non è un caso se il suo modello di partito perfetto è quello di Beppe Grillo, o di Tunnino DI Pietro, dove i suoi leader-amichetti decidono ogni cosa dall'alto e non sono ammesse la critica, la discussione, il confronto. Non è un caso se il primo, vero nemico di Travaglio è il centrosinistra e in particolare l'odiato PD. Sinceramente non riesco a trovare grandi differenze tra ciò che dice Travaglio e ciò che sotiene Feltri sul PD: i contenuti sono i medesimi, Travaglio come Feltri attacca sempre e comunque i nemici del padrone (in quetso caso i padroni sono Grillo e Di Pietro, di cui Travaglio è notoriamente propagandista). La differenza tra Feltri e Travaglio è che hanno padroni diversi, quindi nemici diversi da attaccare a comando. Travaglio non a caso non è stato epurato, come successe a un vero democratico antifascista come Biagi: è proprio Travaglio a portare valanghe di voti alla Lega e a rompere l'opposizione, favorendo Grillo e spacciandolo come uno "dell'opposizione", e addirittura per uno "di sinistra". E' questo l'equivoco che andrebbe chiarito una volta per tutte: Travaglio è un nemico ideologico del PD dal sapore fascistoide, esattamente come Feltri, e NON è affatto un giornalista dell'area del centrosinistra che critica il PD per incalzarlo: la sua critica è semplicemente distruttiva e punta a portare voti ai partitelli dittatoriali dei suoi amichetti populisti. Travaglio è stato ipocrita, falso: ha detto "con questi dirigenti non vinceremo mai", rubando la frase a Nanni Moretti che, a differenza di Travaglio, è di sinistra e non è un fascitello urlante come Grillo. Come si permette Travaglio di farsi portavoce del popolo della sinistra? Pussa via, fascistaccio, tornatene da Grillo, altro che "non vinceremo mai".


@luis Hai detto bene: il vero nemico di Travaglio non è l'asse Berlusconi-Lega (sai, Travaglio ci tiene ad andare in Tv e Rai Due è controllata dalla Lega...) ma è il PD. Per Travaglio le colpe non sono di Berlusconi, che è bravo e buono, ma del PD. Anche quando sta all'opposizione. Tu sostieni: è normale, perché Travaglio è di destra, quindi odia tutto quello che c'è a sinistra. Il problema è che Travaglio è falso, perché ha avuto la faccia tosta - da uomo di destra qual è - di sostenere che "con questi dirigenti non vinceremo mai", come se lui fosse un simpatizzante del PD o comunque un giornalista dell'area di centrosinistra. Travaglio non si svela per quello che è, un fascistello che apprezza i partiti ad personam dove decide tutto il capo assoluto , ma tende a ingannare l'elettore di centrosinistra che lo scambia per un giornalista della propria parte, quindi le sue critiche vengono interpretate come "fuoco amico" e non come semplice propaganda a favore di Grillo e Lega e contro il vero nemico, il PD. Feltri quantomeno è più leale.


#44 Demmini Ma tu sei proprio fissato su Travaglio! Come giornalista ha fatto delle domande a Bersani,che sono domande che vorremmo fare tutti,perché in tanti vorremmo un PD che faccia opposizione dura per aiutare l'italia a non sprofondare completamente,e Bersani ha risposto.Punto. La critica al PD ben venga se questa aiuta a spronarli e a lavorare meglio,perché di sbagli ne hanno fatti. E magari si potessero fare le stesse domande ai politici di destra senza essere attaccati e insultati pesantemente!


@Demmini Delirio allo stato puro. Quando il fanatismo si sostituisce alla razionalità, escono fuori commenti come questi. Travaglio non ha mai detto "con questi dirigenti non vinceremo mai", ma ha chiaramente detto che si trattava di una citazione di Moretti. Travaglio ha pure i suoi limiti, potrà piacere o non piacere ma a diffrenza di gente come Feltri o Belpietro non ha padroni che gli pagano 9 milioni di Euro di stipendio all'anno e la scorta. Si fa un culo così in lungo ed in largo per l'Italia scrive libri, parla di FATTI e racconta notizie vere attraverso le quali si è guadagnato la propria CREDIBILITA' tra la gente. Naturalmente le sue narrazioni( per dirla come Vendola) hanno un' impronta tutta sua, una prospettiva molto personale, ma che comunque resta la prospettiva di un uomo LIBERO che fa di mestiere il giornalista e non il ciambellano di qualsivoglia pappone di destra o di sinistra.


elenco delle boiate di demmini: 1. travaglio si scaglia contro il pd e contro berlusconi allo stesso modo, con eventuali preferenze per silvio. 2. travaglio non è pagato da grillo e di pietro. inoltre quando è opportuno li critica entrambi. 3. travaglio non è stato epurato perchè, facendo parte di annozero, è protetto da una sentenza. 4. travaglio non ha mai sostenuto che grillo sia di sinistra. 5. per travaglio berlusconi è pericolosissimo, altro che. 5. travaglio è di destra, non pidiellino. già fare questa precisazione fa sbellicare dalle risate, ma a quanto pare è necessaria. è triste constatare come molta gente non sia in grado di distinguere il mestiere di giornalista dal mestiere di politico: ho letto critiche di travaglio su esponenti di tutti i partiti. pensare che debba difendere il pd contro berlusconi è una "tragedia della tua mente". dai, forse un giorno crescerai.


ieri sera Travaglio mi ha un po' deluso e il più sincero tra lui e Bersani (che non voto) mi è sembrato proprio Bersani e direi che gli interventi degli operai, pur non dolci, avvalorano questa mia impressione.





commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti