Commenti

commenti su voglioscendere

post: L’inciampo del Cavaliere e un blog a Hong Kong

Forse sarà il definitivo inciampo del regimetto. Forse lo scandalo – nazionale e internazionale - per questa legge eversiva che cancella la libertà di stampa in Italia insieme con la libertà di indagine, finirà per travolgere il Cavaliere e i suoi zelanti fabbricatori di rifugi legislativi scavati per difendere i suoi affari sontuosi e i suoi miserevoli dopocena. La scena è notevole. Manipoli di senatori che a notte alta difendono la vendetta legislativa del Capo. Fabbricano filo spinato, dispongono multe ai giornalisti e editori, inceppano intercettazioni, fissano scadenze alle indagini, proibiscono, aggirano, nascondono. Vogliono che nulla possa essere raccontato sui giornali fino alla prima udienza del processo. Vogliono farci dimenticare cognomi e storie . Da Mills a ... continua



commenti

Gli ultimi 100 commenti / 
Mostra tutti i commenti


Blog a Hong Kong, d'accordissimo Pino, anche se questi qua manco sanno cos'è un Blog, al massimo il nano conosce gogol (ah ah ah ah ah ah ah). E per la cronaca, guardate quel fascista alla difesa che saltella come un tifoso idiota qualunque per la conquista della Champions.............., DISGUSTORAMA DISGUSTOMATICO FASCISTA ALLA DIFESA.... mio dio Blob lo farà vedere 1 mese di seguito......


# 32    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 23/5/2010 alle 1:18

@ REDAZIONE!!! --- Avete cancellato una domanda di un commentatore e la mia replica, nella quale rispondevo in merito ai blog oltre frontiera, quindi PERFETTAMENTE IT !!!! --- Da adesso, cancellatemi anche UN SOLO commento e vi colpisco nel portafoglio! --- Ragazzotte, collegate il cervello prima di cancellare commenti a caso. --- Avete anche la possibilità di scusarvi, ma sapendo da che sQuola venite, dubito sarete in grado. ---- p.s. dol.it andate a zappare la terra, gestire un blog con anche il "vai a capo" nei commenti è troppo difficile per voi.


# 33    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 23/5/2010 alle 8:9

Ragazzi , la vittoria deve aver dato alla testa di qualcuno, c ' hanno censurato la luceeeeeel!!!!!!!!...andiamo a candele......Putin sta già iniziando le sue rappresaglie? O chi è? La Svizzera? La Francia? ..........Siamo al black-out totale!


Il Presidente Napolitano dovrebbe mettere il Governo Tecnico, emergenza: crisi dell'economia. Lo capirebbero, anche, "i sassi".


ma Paragone, Sallusti, Giordano, Feltri, Belpietro possono essere chiamati "giornalisti" data la loro incapacità di criticare i loro editori e il potere (solo se della loro parte)? Mi sembrano semplicemente dei servitori con nessuna dignità professionale nè deontologia visto come criticano i loro colleghi appena ne hanno la possibilità.


# 36    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 23/5/2010 alle 9:53

Ps x Marziam ..... Scusa se nn ti ho salutato prima ----- grazie di quella "memoria" , di un' altra Donna, di un' altra storia STORIA possibile- ciao


Io dico un "no", ma - anche - un "sì". "Un 'blog' a Hong Kong", non sarebbe la soluzione giusta. Detto che chiunque, oggi, può, già, aprire un "weblog" dove vorrebbe lui grazie ai mezzi che sono messi a disposizione dall'informatica, non mi torna, questo non risolverebbe il problema: il "punto" è che il presidente della commissione Giustizia Berselli, del P. D. L., ha, già, trasmesso il Disegno di legge ("Ddl") sulle intercettazioni e che mette denunce milionarie e il carcere all'Aula del Parlamento, qui. Tuttavia, sono d'accordo con Corrias, quando dice: "L'inciampo del Cavaliere". E dico il perché. Secondo me, Berlusconi perde questa battaglia ed è PEGGIO una battaglia persa di una vinta. Saluti.




Oggi è intervenuto, anche, Eugenio Scalfari, su "Repubblica", per fermare il Disegno di legge ("Ddl") contro le intercettazioni. Qui, il link: http://www.repubblica.it/economia/2010/05/23/news/il_commissario_tremonti_nella_tempesta_europea-4274396/?ref=HRER2-1


# 40    commento di   galfra - utente certificato  lasciato il 23/5/2010 alle 10:27

23/5/2010 (8:32) – L’ANNIVERSARIO Sbarcano le navi della legalità Un esercito di 2.500 ambasciatori della legalità provenienti da tutta Italia è appena sbarcato al molo di Palermo. Ieri sera i ragazzi, studenti di 250 scuole selezionate dal ministero dell’Istruzione e dalla Fondazione Falcone, erano partiti a bordo delle due navi della legalità da Napoli e Civitavecchia per partecipare alle cerimonie in occasione del 18/o anniversario dalla strage di Capaci. Ad accoglierli sul molo molti loro coetanei palermitani, che li hanno salutati con canti in onore di Falcone e Borsellino e contro la mafia. Nel cielo sono volati centinaia di palloncini tricolore, mentre i «giovani della legalità» indossavano magliette bianche con la scritta «gli uomini passano, le idee restano, restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini» firmata dal giudice Falcone. Sul molo è stato allestito un palco, dal quale i ragazzi sono stati salutati dalla sorella di Falcone, Maria, dal presidente di Libera, don Luigi Ciotti e dal procuratore nazionale antimafia, Piero Grasso, che ha fatto la traversata in mare assieme agli studenti partiti da Civitavecchia.
Palermo ricorda la strage di Capaci


# 41    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 23/5/2010 alle 10:30

http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/editoriali/gEditoriali.asp?ID_blog=25&ID_articolo=7389&ID_sezione=&sezione=..........Barbara Spinelli :".........Chi ha desiderio di cedere, nel dramma di Ionesco, lo fa perché il rinoceronte gli appare più naturale dell’uomo, perché «possiede una specie di candore», perché emette un barrito incomprensibile ma sonoro, trascinante. Cedere è attraente, come spiega Dudard a Berenger. È questione di mentalità, appunto: «Io mi limito a constatare i fatti e a prenderne atto. E poi, dal momento che la cosa esiste, ci sarà bene una spiegazione (...) Se ce la prendessimo con tutto quello che succede, non vivremmo più. Dal momento che è così, non può essere altrimenti». E conclude, cercando di convincere l’amico ribelle: «Lei vede tutto nero... Dobbiamo imporci a priori un atteggiamento favorevole o, per lo meno, l’obiettività, l’ampiezza di vedute proprie di una mente scientifica. Tutto ha una logica: comprendere vuol dire giustificare». Chi guarda il notiziario del Tg1 in questi giorni avrà conferma della mutazione genetica. Niente sui capi-poliziotti della Diaz che mantengono la carica disonorando uno dei più importanti corpi dello Stato. Quasi niente sulle intercettazioni controverse. Fortuna che la ribellione non manca. Fortuna che al Tg1 c’è Maria Luisa Busi, che toglie la firma e non vuol essere rinoceronte.
http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/editoriali/gEditoriali.asp?ID_blog=25&ID_articolo=738


Se Berlusconi va a casa chi viene a governarci? Gli agenti Usa in presa diretta Washington-Fini? Non siamo in buone mani, comunque.


# 43    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 23/5/2010 alle 11:6

# 52 commento di dubbio - lasciato il 23/5/2010 alle 10:44 ____________da giulio con diversi filoni , si è generato silvio con i diversi filoni e false alternanze, paralelli ai tragici fatti del 92 furono altri accordi sovranazionali come sovranazionali erano quelli criminali che coprivano la liberazione del '43---------------finchè gli usa non sveleranno quale "mano libera" lasciarono a una certa parte dei governanti italiani,per miscelarsi con bande controbande servizi p2 e vari antistato dentro lo stato, tuttto per proteggere l'affare "danaro"(che si fa con diverse filiere anche le piu criminali quali anche quella della corruzione), non saremo un paese libero di essere indipendente quindi democratico...quindi sono da'cc'rdo con te;si svolgeranno varie finzioni, alcune apparentemente piu democratiche di altre , ma come direbbe orwell senza il racconto del passato, si controlla il presente e quindi il futuro che tanto ci manca;mettendo i nomi che all'abbisogna convengono a determinate coperture,non è un caso se il nostro paese rispetto ad altri, ha avuto anche da parte di alcuni formatori dell'opinione pubblica l'assoluto disinteresse , ergo sensibilizzazione dei proprio lettori ( consumatori elettori) alle vicende internazionali geopolitiche e storiche che avrebbero reso una visione meno provinciale agli stessi italiani, quegli stessi che si credono piu sensibili, formati e informati;su questa aprtura alla geopolitica globale, ammirro e apprezzo giulietto chiesa, barnard e tanti altri compreso marcello foa, che hanno teso i loro resoconti ad una visione completa e di respiro perche sprovincializzante , al di la che uno o l'altro siano ai miei occhi ideologizzati in un modo o in un altro-----se delle vicende globali,storiche o economiche o altro, non si vede la loro interferenza sul contingente di uno stato ,ad es quello italiano in questione si perde la comprensione della diagnosi e delle soluzioni. E' sicuramente meno doloroso pensare che tutto il nos


Grazie Paso per la segnalazione Eccezionale l'articolo odierno della Spinelli,il richiamo letterario fortissimo,che denuncia profeticamente la situazione che stiamo vivendo.lo stesso che suggerì a qualcuno di di nostra conoscenza di chiamare Bondi la cantatrice calva. Tralasciando l'alta letteratura, mi è piaciuto molto il finale meno "male che la Busi c'è": tanto più credibile il suo gesto perché fatto non per divergenza ideologica aprioristica, ma dopo aver constatato di persona, da vera giornalista, che la realtà aquilana era stata contraffatta pro sistema-potere, allora non ha più sopportato la collusione.


# 45    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 23/5/2010 alle 11:8

E' sicuramente meno doloroso pensare che tutto il nostro declino,impoverimento, blocco, italia amorale, dipenda da chi è stato autorizzato(a livello internazionale!!!) insieme ai suoi antagonisti piu di superficie ( vedi prodi), a incarnare i mali del nostro paese..posso capire chi vuole illudersi, ma non è cosi che potrà riprendere a funzionare il nostro paese, anche se è bello togliersi dai piedi questo o quel ducetto giulietto,bettino o silvietto....ps grazie "io" 54, mi piace da pazzi leggere il pezzo della domenica sulla stampa di Barbara Spinelli, senza togliere nulla a nessuna altro perche per fortuna abbiamo ancora tanti "pensatori" ,giornalisti eccetera capaci di trasmettere "forte mente"..ciao




LA SOLA COSA che funziona su questo blog e la censura aveugle,vous ete un bande de chiens san collier, é maloroso ma devo dare ragione a RENZO C sarebbe interessante sapere se travaglio vi paga?? se per caso siete assunti fissi o parziale???? come testa é sicuro siete dei precari


# 48    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 23/5/2010 alle 11:39

x marziam ________ come hai raccontato ieri sera ( scusami se non ero piu in linea) c'è una storia DONNA possibile per i diritti umani,perche siano creati e non violati_________ le donne sicuramente hanno creato questo potere maschio, perche chi genera gli uomini sono le donne, da sempre _________è assurod ma è cosi e cambiare il sistema per renderlo maschile femminile, cosi come non è mai stato , è durissima dopo secoli di sistemi di questo tipo di potere quindi anche la Busi è un simbolo di questo "NO" veramente ANDROGINO,maschile e femminile INSIEME, un NO vero a questo potere;bello quindi condividere con te anche quel passaggio di un'altra grandissima donna come Spinelli___________mi piace inoltre unirti a questi giorni e a questa spinelli anche con un altro fatto, molto spirituale e molto politico __________l'avrai notato anche tu____mi riferisco alla nomina di quella donna a primo sacerdote, regorlarmente coniugata come gli altri preti di quella chiesa che si ribellò piu di un secolo fà a quella del vaticano;ha parlato di DEMOCRAZIA anche questa donna,mi ha molto colpito;ha parlato di come cambiare il sistema per cui sono avvenute "coperture" criminali ee coperture FINANZIARIE,da tutta la storia dei conti dello IOR ( vedi anche ultima vicenda Balducci con migliaia di conti intestati ai Santi); te la regalo come tu mi ha regalato ieri sera l'altra storia, senza dimenticare tutte le donne come quella magrebina di ieri a bologna o dell'infermiera di napoli,mariarca,morta per le fatiche a difesa di un diritto umano necessario e vitale.
http://flv.kataweb.it/repubblicatv/file/2010/05/donna_sacerdote220510.mp4


PASO MARZIAM------- le donne nella storia dell'uomo sono state spesso le muse ispiratrici, ma spesso le promotrici di grandi avvenimenti spesso con trasformazioni della civilta inportanti e spesso anche sfortunate, vorrei ricordarvi una donna spesso dimenticata anche da voi--DURANTE la RIVOLUZIONE FRANCESE che la donna nel 1791 scrisse la dichiarazione dei diritti delle DONNE e delle CITTADINE opera di OLYMPE DE GOUGES in qui vi é scritto """LA DONNA HA IL DIRITTO DI SALIRE ALLA GHIGLIOTTINA ELLA DEVE AVERE IL DIRITTO DI SALIRE ALLA TRIBUNA""""ma gli uomini non ancora pronti oggi all'evoluzione della donna peggio allora riservarono per OLYMPE il solo diritto di salire alla GHIGLIOTTINA


Noi stamo co le pezze ar culo, e questi continuano spartisse i nostri sordi, e nel frattempo ci tartassano ... Tra l'altro pare che non frega niente a nessuno.. Scandalo digitale, va in onda il regalo alle tvCondividi di Enrico Grazzini - sbilanciamoci.info. Le frequenze liberate grazie al passaggio al digitale sono un bene pubblico prezioso. In tutto il mondo i governi le mettono all'asta per le tecnologie del futuro, il nostro le dà gratis alle tv del passato. Indovinate perché. http://www.facebook.com/profile.php?id=100000081678642#!/notes/informare-per-resistere/scandalo-digitale-va-in-onda-il-regalo-alle-tv/395972246266


# 51    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 23/5/2010 alle 12:47

Matusssss (*_*) uno dei pochi veri ,goccia a goccia , sempre tenendo unite le migliori "muse" e i migliori "musi".......ciao musetto bello bellissimoooooooooooooooooooooooooooooo


La Gelmini si è messa a fare "l'offesa".


@ mirco E per quale ragione pensi si sia messa a fare l'offesa? Vivo all'estero; per questo motivo ti rivolgo questa domanda. Ciao


# 54    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 23/5/2010 alle 13:40

x mara ...sai che anche bersani si è messo a parlare della scuola e a un certo punto, in mezzo all'assamblea, ha detto "pacatamente":Gelmini c'hai rotto i cojoni?...e guarda cosa dice il gironale del padrone http://www.ilgiornale.it/interni/bersani_fa_cosa_sinistra_dice_parolacce/23-05-2010/articolo-id=447442-page=0-comments=1
http://www.ilgiornale.it/interni/bersani_fa_cosa_sinistra_dice_parolacce/23-05-2010/articolo-id=4474


# 55    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 23/5/2010 alle 13:42

"gelmini c'hai rotto i cojoni" ( senza punta di domanda )


# 56    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 23/5/2010 alle 13:42

non ne azzecco una, scusa , volevo dire punto di domanda


UNA DIGA DI CEMENTO ARMATO A SICUREZZA MULTIPLA (FIN QUANDO DURA...) ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Siamo ormai al delirio: se Scarface II fa tutte quelle cazzate legislative (in fondo lui sarebbe l'esecutore, non il legislatore, ma tutto è rovesciato) che ha fatt, chE sta facendo e che farà (di cui il bavaglio terroritico all'informazione è l'ultima ma certamente non... l'ultima), è perché è sempre più alle strette e sempre è più coatto per via della sua posizione di mascalzone che vuole assolutamente nascondere al "suo" popolo (finora manipolato con successo grazie ai vari Minzolini e Belpietro e similari) quanto è compromesso: o la va o la va spacca! Sta erigendo, tra la verità su se stesso e il popolo, una diga di cemento armato, che sta rafforzando/ispessendo sempre più, per contenere e nascondere l'accumulo di nefandezze da lui commesse. Da lui o da altri per conto suo (ché è bravissimo a lanciare il sasso e a nascondere la mano).


Corr.: ///....che ha fatto, che sta facendo e che farà (di cui il bavaglio terroristico all'informazione è l'ultima ma certamente non... l'ultima




Falcone prima e Borsellino poi dimostrarono che la mafia si può sconfiggere a condizione che settori deviati dello stato, dei partiti e della società civile non facciano il doppio gioco, come poi, ahinoi! è avvenuto. Oggi l’Italia ed il sud in particolare, sarebbero diversi se questi eroi fossero stati sostenuti fino in fondo. Il maxiprocesso fu una pietra miliare per i tantissimi ergastoli erogati unitamente a tante altre condanne ed in tutte le direzioni. Anche allora tentarono di depistarli, esautorarli, depotenziarne le leggi e tuttavia riuscirono, quanto meno, a concludere il maxi processo con i da loro risultati attesi. E’ indispensabile proseguire facendo tesoro del loro insegnamento come stanno facendo investigatori, giornalisti e scrittori, mettendo in gioco la propria vita e quella degli uomini della scorta. Soprattutto bisogna evitare di ucciderli di nuovo con leggi favoriscano la mafia ed i collusi e depotenzino il lavoro degli investigatori. Certi provvedimenti otterrebbero questo nefasto risultato ed inoltre getterebbero un’ombra sospetta sui suoi promotori, creando nei cittadini un sentimento di sfiducia nello stato e quindi di ineluttabilità con il risultato di rafforzare l’omertà e le complicità. Il grande insegnamento è che per combattere le criminalità occorre puntare all’obiettivo massimo, uccidere la piovra, perché catturare dei boss è un impresa sì difficile ma non impossibile, ma morto un papa se ne fa un altro. Perciò bisogna di concerto perseguire, con tolleranza zero, i settori deviati dello stato, i politici locali collusi ed i fiancheggiatori della società civile con il fine di tagliare la linfa vitale alla piovra.
Non uccidiamoli nuovamente


non lasciateci al buio, vi prego. Lotteremo al vs. fianco ma non arrendetevi a questi ipocriti


# 62    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 23/5/2010 alle 17:27

No alla legge bavaglio Lunedì 24 maggio, ore 10-14_________ Teatro dell´Angelo, Via Simone de Saint Bon 19, Roma__________ Interverranno tra gli altri:________ Silvia Bartolini, Oliviero Beha, Giuseppe Cascini (Anm), Giancarlo De Cataldo, Concita De Gregorio, Arturo Di Corinto, Lorenzo Fazio (Chiarelettere), Gianni Ferrara, Paolo Flores d´Arcais, Alessandro Gamberini (avvocato famiglie vittime Ustica), Giuseppe Laterza, Gianfranco Mascia, Ezio Mauro, Alessandro Pace, Stefano Rodotà_________________ In collegamento dal Teatro Franco Parenti a Milano:_____________ Fiorello Cortiana, Giorgio Marinucci, Valerio Onida Passa parola!
http://temi.repubblica.it/micromega-online/




# 64    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 23/5/2010 alle 17:32

18° anniversario della strage di Capaci
http://www.youtube.com/watch?v=yBJofOB3-2I


Oggi, in relazione alla festa odierna, Pentecoste, ho sentito anche la famosa citazione""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""" Il vento soffia dove vuole""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""" UN BEL PRONUNCIAMENTO UFFICIALE ANTI-BAVAGLIO! """""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""" IL VENTO, ANZI LA TEMPESTA DELL'INFORMAZIONE CONINUERA' A SOFFIARE ANCHE DOPO L'EV. PROMULGAZIONE DELLA MALAUGURATA LEGGE BAVAGLIO, POICHE' UNA LEGGE ANTICOSTITUZIONALE NON SI RISPETTAr


Paso, a proposito di donne ti dice niente il nome della mia concittadina maria montessori? che anticipazione solitaria e quindi maggior valore! Comunque io non sono mai stata femminista nel senso classico,mi colpì molto tempo fa (molto) un' idea di Erik Fromm espressa nel "Linguaggio dimenticato" secondo la quale, grosso modo, il potere culturale maschile,e la struttura sociale relativa sarebberio nati per colmare il senso di inferiorità che l'uomo prova di fronte alla donna che ha il potere di generare, cosa a lui preclusa.


marziam. Quindi la gallina è superiore agli uomini?


# 68    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 23/5/2010 alle 18:48

(marziam ,lascia cadere la provocazione ..smette una e attacca sempre la stessa o un altro.il sistema deve arrivare a non farci parlare in nessun luogo)


- Tuttavia, io - almeno - non sono d'accordo, del tutto, con Corrias. E dico il "perché": se i giornalisti pubblicassero tutto e subito, non farebbero, altro, che distruggere ogni (residuo) margine di trattativa che il popolo, i giornalisti e le opposizioni si stanno, già, creando andando in piazza, IN PIAZZA, con i movimenti di protesta, il "tam-tam" via web eccetera eccetera. Oggi è possibile che il governo si rende conto di avere sbagliato ed elimini il "Ddl" sulle intercettazioni. Invece, se lo istighi, poi ti mena.


# 70    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 23/5/2010 alle 19:3

marziam ,anch'io non sono mai stata una femminista classica , a me piacciono molto le due diverse energie( maschile femminile) ,solo che i sistemi le hanno portato piu al conflitto che alla loro armonia ,sia al proprio interno nella forza di carattere non insegnando ad essere PERSONA, sia al proprio esterno nei conflitti fra sessi ed altro ancora _______a suo tempo ( anni 75-80) frequentai anche i comitati di autocoscienza , li ricordi? ma non mi trovavo a mio agio eh eh eh mi trovavo piu a mio agio nell'asilo "montessori", i tre anni migliori della mia vita anche se ricordo solo dai 4 ai 6 anni__________eh eh eh eh eh _____________________se mi citi Fromm quindi va molto molto meglio...il suo "umanesimo" è cosi vicino a tantissimi movimenti che vennero fuori anche dopo,attorno ai movimenti che sfociarono nel popolo di seattle_____________io ho una teoria sulla violenza, che attinge un po' naif da pensatori come lui ed altri, e che mi ha formato dentro in questo modo: l'uomo è la bestia piu violenta e piu dolce che ci sia, il rapporto di "forza" fra forti e deboli,segna il terriotorio con il totem fallico, trasferibile a ogni tipo di mazza mazzate mazzette e manganelli;è irreparabilemnte così per ora, i rapporti sociali( ad inziare da quelli di coppia e poi familiari e poi delle comunità) o l'umanità possiamo dividerli nelle sue diverse sfumature fra queste due categorie,:forti e deboli;queste due umanità non sono tutti da una parte e tutti dall'altra,cosi anche per i sessi,anche se poi i sistemi sono di quel tipo di totem /potere...dentro le vittime puoi trovare a tua volta i forti e i deboli ,dentro il potere dell'abuso di potere trovi solo il sistema maschio di forza- normalemente quella fisica è la forza che fa piu paura,soprattutto se portata ad essere istituzionalizzata, quella psichica culturale può piegare molto di più ( vedi lo stato del nonstro paese) ma non è solo "maschio" come la prima.__________dovrei continuarti questo discroso ma passo a concluderti


Matusa#49 Ccirca le donne alla ghigliottina etc e gli uomini "non ancora pronti a farle salire in tribuna", ma quando mai lo saranno! se vogliamo scherzare va bene, ma anche la donna dello stilnovo, laudata e celebrata per sue virtù (a parte dante che è un unicum)era donna oggetto perchè permetteva al poeta di scrutarsi interiormente e migliorare se stesso... gli uomini di oggi, con le dovute riserve, quegli uomini che sono i modelli della società chiamamola berlusconiana, mi fanno pena se non mi facesse rabbia il caponano,che ha permesso che molti italiani/e si lasciassero plagiare da lui. Uno che dice ah! a silvio piace la gnocca, per me non ha speranza...


# 72    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 23/5/2010 alle 19:4

ma passo a concluderti sull'aspetto della compensazione che dicevi.Un rapporto di forza che implica violenza ( fisica o psichica) è tutto tranne che il potere di "creare",dare vita...solo gli uomini con sensibilità artistica ,minore o maggiore,ispirati dalle muse come dice matuss, dai fornelli o nei quadri,nella musica o con la scrittura,"mettono al mondo" la loro anima o il loro bambino interiore cosi come alla donna è dato di fare entrambi, ed è per questo che gli altri uomini "cacciatori" e non "contadini" , hanno fatto guerra ( dei sessi,dei popoli,o degli stati) con la complicità delle donne cacciagione.


il problema è che stanno per uscire ulteriori intercettazioni fatte nei mesi scorsi che sono a dir poco scandalose !! quindi si fa una legge ad hoc e le intercettazioni di febbraio 2010 non ssaranno mai portate a conoscenza di nessuno !!!!!


L'ULTIMA DI CICCHITTO: «La storia "autentica" di Falcone è ben diversa da quella che oggi raccontano i giustizialisti di sinistra e anche alcuni di destra ad essi subalterni» // Oh mamma, è chi saranno mai questi "giustizialisti di destra" subalterni a quelli di sinistra? Cosa avrà voluto dire?! Ma il nostro ghigno preferito continua: «Falcone fu trucidato dalla mafia con una tempistica straordinaria anche per condizionare l'elezione del nuovo presidente della Repubblica» e infatti la mafia proprio non ne voleva sapere di Andreotti... quando hanno saputo che il premier di allora stava per diventare presidente della repubblica hanno pensato che sarebbe stato inaccettabile che uno che è stato loro amico e alleato fino al 1980 andasse a fare il capo dello stato, cioè uno che rappresenta tutta la nazione. Doveva continuare a rappresentare soltanto loro!!!


# 75    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 23/5/2010 alle 19:24

# 94 commento di febbraio 2010 - lasciato il 23/5/2010 alle 19:20 _____________ti riferisci alla casetta with ristrutturescion del prode minzo?


# 76    commento di   laressi - utente certificato  lasciato il 23/5/2010 alle 19:38

Che sia la volta buona,inciampando,uscirà a ruzzoloni da Palazzo Chigi-alias Grazioli-. Il mio blog è a disposizione,fino a quando non imbavaglieranno tutto;allora ci trasferiremo sui blog degli italiani nel mondo.
Libere_idee.ilcannocchiale.it


Andare in piazza e rimanerci, IN PIAZZA, e fare movimenti di protesta, il web. Io posso dire di avere, già, sentito dire: "Dopo che sarà passata la 'Legge BAVAGLIO', si potrà continuare, basta stare attenti qui e là". E' un'idea, ma non mi convince. E dico perché: io - almeno - ci vedo di più, perché, con il Disegno Di Legge (D. D. L.) sulle intercettazioni che mette denunce milionarie e carcere, ci sarebbe - secondo me - l'intenzione di "criminalizzare" la categoria dei giornalisti. Io domando: chi si rivolgerebbe, dopo, ai giornalisti, sapendo che possono dire un po' di verità ma altre no? Chi ci crederebbe più? Che cosa potrebbe pensare l'opinione pubblica, che non ai sofismi, ma ragiona spesso d'istinto, di primo impulso?


CHETEMPOCHEFA.................................................................................................. Luciana Littizzetto, in anteprima, ha appena piazzata una buona battuta: perché la Rai si taglia le palle? ................................................................................................... E Veltroni ha superato il proprio blocco inibitorio psichico: comincia a chiamare per nome Berlusconi; era ora.


- Sull'ipotesi della norma Alfano, che è, già, stata trasmessa all'Aula del Parlamento, dopo Scalfari e la De Gregorio, ne ha scritto, anche, l'(ottimo) giornalista de "L'espresso" Alessandro Giglioli: "Chi in Islanda, chi in Birmania". Link: http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2010/05/23/chi-in-in-islanda-chi-in-birmania/


# 80    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 23/5/2010 alle 22:29

".......Chi è senza intercettazioni scagli la prima pietra. E infatti risulta che anche Silvio Berlusconi, oggi campione di garantismo e difensore della privacy, intercettava. Per non dire che spiava suoi dipendenti e i suoi ospiti per telefono e dal vivo, tanto ad Arcore che a palazzo Grazioli.Lo scopo che allora spinse Berlusconi a fare esattamente ciò che oggi la sua legge vorrebbe punire con estrema severità era quello di beccare un non meglio identificabile, né mai a quanto risulta effettivamente identificato “dipendente infedele”: “A un certo punto il Dottore pensava che tra le persone dello staff ci fosse qualcuno che facesse la talpa, che passasse cioè notizie riservate ai giornalisti. Eravamo tutti in allarme, così a me è venuta questa idea” ha spiegato Gasparotti. Tra i suoi compiti rientrava anche la conservazione del materiale: “Per la storia” precisò il Cavaliere, che com´è noto non difetta di autostima.........Filippo Ceccarelli scrive che, sfruttando il sistema di intercettezioni che aveva installato, Berlusconi tentò anche di incastrare Di Pietro.Berlusconi, con l´assistenza di quell´altro paladino della privacy che era l´avvocato Previti, convocò ancora una volta ad Arcore il costruttore D´Adamo, e mentre...............
http://www.ilpost.it/2010/05/23/chi-e-senza-intercettazioni-scagli-la-prima-pietra/


# 81    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 23/5/2010 alle 22:32

"Siccome la nostra classe dirigente rimprovera sempre al nostro cinema di parlare male della nostra nazione, dedico il premio all'Italia e agli italiani che fanno di tutto per rendere l'Italia un paese migliore nonostante la loro classe dirigente''
http://www.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/2010/05/23/news/palme_cannes-4283853/


- Pensate, il vincitore del Premio come migliore attore protagonista che è l'italianissimo Germano per la sua interpretazione nel film "La nostra vita" di Luchetti devono essere messe, qui, e grazie al lavori di Pasolinante, perché quelli del tg1 hanno censurato la frase del premiato, Germano, che dice - Udite! Udite! - che "dedica il premio all'Italia, nonostante i politici". E' ridicolo.


- A proposito, la Gabanelli ha, già, fatto un "video-appello" a Report contro il Ddl intercettazioni. Io lo avevo detto, la soluzione giusta è che il governo elimini la contestatissima norma Alfano e questo sarebbe, già, un modo diverso, tanto per cominciare a dire. Comunque, sarebbe, se non altro, un primo passo, ecco.


ragazzi qui la situazione precipita, ho provato a conttattare anche l italia radio giornali, siamo lasciati da soli completamente. la polizia ha preso il quartiere anarchico e si sono lasciati andare a rappresaglie indiscriminate, la gente vive nella paura, io non accendo le luci in casa la sera cammino scalzo ascolto i rumori e tengo tutto pronto per scappare dal terrazzo. ogni volta che torno a casa, il che ormai avviene sempre piu di rado controllo che nessuno sia entrato in casa in mia assenza, mi muovo solo di giorno e vestito di colori. entrano nelle case, minacciano, distruggono esercizi commerciali, luoghi di ritrovo, fanno perquisizioni e purghe, e le poche prove che avevamo in internet sono state fatte sparire da misteriosi hackers. l impressione e che gli interessi che sono venuti a collidere in grecia siano un qualcosa che sovrasta di gran lunga il nostro allegro quartiere anarchico e essendo gli unici che tentano di denunciare i giochi sporchi che si stanno effettuando sopra la pelle dei greci qualcuno ha deciso che il fine giustifica i mezzi e la resistenza in exarchia deve essere rotta insieme a teste, nasi, denti, braccia, gambe, ginocchia e polmoni dei suo abitanti. la grecia e solo l inizio, se lasciate permettere quello che sta avvenendo qui senza protestare, il prossimo quartiere a finire sotto assedio potrebbere essere il vostro.


Oltre che un declino dei commenti o commentatori del blog, si nota un improvviso impoverimento dell'attività cerebrale dell'italiano medio ed anche quello alto. Improvviso davvero, nel giro di poche settimane, si sono spenti i lumi della ragione anche presso chi aveva abbondanti riserve elettriche. Un vero black out, in concomitanza col bail out.


- 167, "nessuno": dipende, invece, perché ci sono commenti intelligenti e, poi, "sciocchezze". Mi sembra che generalizzi.


@Marziam 66 Io sono anche femminista, ma a me il nome Montessori ormai suona come una sciagura. Belli i principi, ma la pratica... lasciamo perdere. Dalle mie parti frequentare la Montessori non è indice di cultura, quindi potrei dire che, pur nolente, ha fatto bei danni, altro che valore. Riguardo Fromm, sarebbe stato bello potergli far presente che l'uomo non ha alcuna invidia per il potere femminile di generare, dato che genera anch'esso. Mica li facciamo da sole i bimbi, eh. Semmai il potere (anche non culturale) maschile e la struttura sociale relativa ricalca quello del ruolo maschile in diverse specie animali.


i dipendenti mediaset sarebbero contrari? e dove l'ha capito corrias su un blog anonimo? figuriamoci se quella cloaca moscia di mimun o le macchiette che compaiono in video (cristina parodi prima su tutti) si azzardano a dare parere contrario pubblicamente.... il pastone di propaganda del tg5 è molto piu sofisticato di quello del tg1...le tecniche di persuasione verbale e visiva sarebbero da denuncia per plagio sistematico..




Notte...


# 91    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 24/5/2010 alle 8:16

# 82 commento di Mario. - lasciato il 23/5/2010 alle 22:59 _____________ ciao..grazie di aver apprezzato come me quel grandissimo Elio e quell'oscenità dell'informazione omissiva del prode Minzo_________l'arte ,minore e maggiore,maggiore come quella cinematografica ed i suoi artisti è "la bellezza che salverà il mondo" ed è questo il concetto che esprimevo a marziam ieri di pro_creare in senso ampio che per ora è stato mortificato( ancor piu nel nostro paese molto molto piu macho di altri)_Si vede gia da cosa sono riusciti a combinare stravolgendo la nostra terra e acome sono riusciti a vendere bruttezza per bellezza stavolgendo i parametri di valutazione dei cittadini_________E' " bellissimo " il gesto di Elio Germano perchè è pieno di sorriso non asfaltato,di sorriso della dignità ed è per questo che lo tagliano(censurano)sistematicamente sia nel piccolo dalla vita aritistica minore dei comuni cittaidni,nelle espressioni di tutti i giorni che hanno ancora i cittadini del paese,sia nel grande come l'arte e il premio di ieri__________ciao (*_*) ps spero ti stai godendo gomez/parenzo da milano su Omnibus


( Buongiorno. ) - Ci sarebbero, già, delle novità, "la Repubblica" oggi, già, dice: "Berlusconi stringe sulle intercettazioni, si tratta sul diritto di cronaca", osserva il professor Ilvo Diamanti. Qui, il "link": http://www.repubblica.it/politica/2010/05/24/news/diamanti_intercettazioni-4287847/?ref=HRER1-1


# 93    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 24/5/2010 alle 8:37

(buongiorno a voi ...e grazie della segnalazione di Diamanti ...ciao "Io" )


- E ci sarebbe, già, dell'altro: perché, il grande giornalista Enrico Deaglio fa lo "scoop": "La mafia, i telefoni e il bavaglio: ecco perché il presidente U. S. A. Obama vuole sapere". Link: http://www.unita.it/news/italia/99086/la_mafia_i_telefoni_e_il_bavaglio_ecco_perch_obama_vuol_sapere


# 95    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 24/5/2010 alle 9:1

Procuratevi / vedetevi sul sito della7 la puntata che sta andando in onda stamattina di omnibus- gomez apertura a tutto gas e a seguire ancora tutti gli altri come lui, parenzo, giornalista dell unità....


"Detestato da tanti poteri". "Non solo la mafia aveva interesse a eliminare Giovanni Falcone - ha detto Piero Grasso - lui non voleva combattere la mafia e l'illegalità a metà, le voleva eliminare dalle fondamenta. Voleva tagliare le relazioni tra la mafia e gli altri poteri. E su questo le indagini sono ancora attuali. Falcone era il nemico numero uno della mafia, ma era inviso anche a tanti centri di interesse. Era un personaggio scomodo per il suo impegno per il recupero della legalità che urtava gli interessi di troppa gente", ha detto ancora Grasso. "Falcone e Borsellino - ha aggiunto - sono i miti, i punti di riferimento che mi aiutano nei momenti di sconforto. Falcone non si sarebbe accontentato di ridimensionare la mafia, ma voleva aggredire la specificità che rende la mafia un soggetto che partecipa al potere anche con le sue relazioni esterne". Cosa è cambiato anche oggi questi personaggi sono scomodi, magistrati, giornalisti, scrittori. Impediscono di farsi i fatti propri,ma con lo stop alle intercettazioni il malaffare e lo stato deviato (il III livello) ritornerà a respirare
Il terzo livello ringrazia B


X: 102, Pasolinante: ho visto "Omnibus". Ottimo Gomez in collegamento, mi piace, anche, la giornalista dell'Unità che era in studio a Roma, è molto bellina, carina.


# 98    commento di   tubum12 - utente certificato  lasciato il 24/5/2010 alle 9:33

capite : l'individualismo in tale caso di trasformismo politico , in tale caso di crisi delle ideologie , crisi economica capitalistica strutturale , in questo caso in cui lo stato italiano si riconosce nell'unità rappresentata dal Presidente della Repubblica è da trovarsi un equilibrio istituzionale , il popolo ed i giornalisti non partecipano ai poteri forti .


# 99    commento di   tubum12 - utente certificato  lasciato il 24/5/2010 alle 9:35

il popolo ed i giornalisti NON partecipano ai poteri forti


CHIAREZZA COMUNICATIVA....................................................... Klaus Davi - dal suo punto di vista di esperto in comunicazione - dà 'dieci e lode' all'espressione "rompicoglioni" usata da Bersani nei confronti del ministro Gelmini, noto rullo compressore scass-scuola........................................ Non saranno da prendere per oro colato le sentenze di Davi, però trovo che ci abbia azzeccato in pieno, al millimetro.


corr.: scassa-scuola


Ma scusate , cosa vi aspettavate da un imprenditore? Cosa vi aspettavate da una persona collusa con affari sporchi? Ma la gente non si è mai chiesto come faceva i soldi , visto che chi lavora onestamente sà quanto è difficile diventare "qualcuno" senza le conoscenze e le amicizie giuste , che ti spingono in alto? Prima di accusare LUI , bisognerebbe accusare noi, in pratica e il riflesso allo specchio di qualsiasi Italiano .. Sapevamo tutti chi era ed come sarebbe finita , solo che l'Italiano e il classico , finche non si tira la zappa sui piedi non si accorge che stà zappando l'orto.....poi quando la prende si "sveglia"....tardi però sempre tardi, quando il suo vicino di casa gli ha già portato via tutto il "raccolto"....perchè l?italiano vive di fede , quelle fede che l'ha portato avanti fino alla metà del 1900......quando "crede" in qualcuno e spudoratamente critico vero la religione ,ma visto che la televisione è diventata ormai un culto ........l'italiano crede nel "miracolo" della TV......il piccolo altare che tutti hanno in casa...quindi quello che dice è vero, ma tutti non sanno che ci fanno vedere quello che "conviene" ....ma a chi a loro oppure a noi? Questa storia di Mister B è la trama di un qualsiasi Romanzo di uno scrittore oppure film mostrato nei cinema o in una delle sue televisioni.......putroppo noi ci fermiamo solo alla forma e non cerchiamo di capire la sostanza. Pietro


Per il momento, io - almeno - comincio a pensare che "l'inciampo del Cavaliere", con il Disegno Di Legge (D. D. L.) sulle intercettazioni, potrebbe essere... la "Waterloo" di Berlusconi.




# 105    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 24/5/2010 alle 10:48

ROLAND_________all'inizio,lì per lì, a caldo, ho pensato le stesse cose che esprimi ,però al netto di quel K.Davi che citi e che se permetti considero e prendo con molte e moltissime pinze perche a suo modo puntando tutto sulla comunicazione , omette tutti gli altri piani ed inoltre sappiamo perfettamente la sua storia...bisogna completamente sfatare il mito della societa della "comunicazione" e della comunicazione di massa, sempre che vogliamo essere adesivi a ciò che desideriamo e in cui crediamo e che fà una società "migliore" ,che richiede operazione di "trasmissione" e ben altre capacità rispetto all'uso della "tecnica" comunicativa che da sola non incide per nulla nel "miglioramento" del paese/società/ istituzioni/ popolo=realtà e non virtualità________in conclusione quindi ritengo fuorviante l'uso di parole popolane popolari populistiche,che già altri hanno usato per "differenziarsi" senza segnare in realtà cio che fa la differenza =lo scarto necessario a questo paese, quello stesso che descrive il blogger Pietro____che me ne frega se bersani dice giustamente (come uno di noi ,solo in questo caso) che gelmini c'ha rotto i coglioni , se poi il contenitore di cui è massimo dirigente , lascia ad esempio Orlando libero di scorazzare sulla giustizia con 100 dei suoi contro tutti gli altri del pd?oppure non armonizzando le sue contraddizioni interne,facendo scorazzare veltroni nelle varie "vetrine" tv monitor delle parole senza parole?____saper comunicare è importante ma va sfatata la leggenda per non ridurre il tutto a tecnica,che peraltro fa a pugni con il concetto avanzato,di quell'"innovazione",parola con cui Bersani ha bombardato l'assemblea che nel suo pieno significato operativo significa solo una cosa da un punto di vista popolare:tecnologia a servizio dell'UOMO per una società piu democratica,piu a tutela dell'ambiente e di chi lo abita/vive-


# 106    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 24/5/2010 alle 10:53

a proposito di parole , segnalo questo post di un uomo UOMO del pd che guarda caso non è nelle sue "classe dirigenti"...."Le parole. Alla fine i regimi si confrontano -e si scontrano- con le parole. Perciò il primo segno della loro incipiente formazione è la costruzione di nuovi dizionari, volti a rovesciare il senso della realtà. Perciò tendono a rimodellare il linguaggio, e anche a impoverirlo, a massificarlo. Ossia a togliergli forza descrittiva. E per questo passano a un certo punto alla soppressione diretta della parola, per alzare il grado di omertà e di mutismo sociale. Quello che sta accadendo con l’informazione, con l’editoria, ma anche con la giustizia, va collocato esattamente in questo quadro. Che può apparire di cronaca e invece ha un marchio d’epoca, rivelando il più generale e ciclico conflitto che si consuma intorno alla qualità democratica della vita pubblica. Oggi il potere vuole fare scomparire le sue, di parole. Vuole che esse non vengano captate e fissate e conosciute nemmeno per esigenze di giustizia. Vuole potersi garantire la massima distanza tra i valori su cui costruisce la sua micidiale propaganda e i valori che pratica effettivamente. Non desidera che il popolo conosca il linguaggio della “cricca”. Perciò ha deciso di tirare fuori le unghie per proteggerle, le sue parole, di farne per legge degli assoluti e impenetrabili arcana imperii, producendo norme e poi norme e poi vincoli e ancora vincoli per impedire le intercettazioni telefoniche. E contemporaneamente ha deciso di privare la stampa e l’opinione pubblica della possibilità di parlare di quelle intercettazioni che ancora si potranno fare. Perfino la galera è prevista per chi dovesse riferire contenuti di atti giudiziari; e sanzioni monetarie da intimidire qualsiasi editore piccolo o medio, e anche grande. Parallelamente, e dal livello più alto, è partita la delegittimazione di chi, senza violare alcuna norma, scriva o parli di mafia o di camorra, accusato di operare contro
http://www.nandodallachiesa.it/public/index.php


- Su "Repubblica.it", ora, c'è la diretta sulle manifestazioni, da Milano e Roma, "NO al bavaglio": http://tv.repubblica.it/home/?ref=HRHM2-1


# 108    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 24/5/2010 alle 10:57

bravissimo 111"io"..(*_*)


# 109    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 24/5/2010 alle 11:3

"Tutti i No alla legge Bavaglio. Per Berlusconi la partita deve essere chiusa subito. E chiusa al Senato, con un testo che alla CAmera dovrà arrivare blindato. Ma sulle intercettazioni la protesta continua. L’ex garante della privacy Stefano Rodotà e i firmatari dell’appello “per la libertà di informazione, per le libertà costituzionali, no alla legge bavaglio” che nel frattempo ha quasi raggiunto il traguardo delle 200 mila firme, organizzeranno a Roma, al Teatro dell’Angelo (dalle 10 alle 14), una manifestazione. Partecipano Silvia Bartolini, Oliviero Beha, Giuseppe Cascini (Anm), Giancarlo De Cataldo, Concita De Gregorio, Arturo Di Corinto, Lorenzo Fazio (Chiare Lettere), Gianni Ferrara, Paolo Flores d’Arcais, Alessandro Gamberini (avvocato famiglie vittime di Ustica), Giuseppe Laterza, Gianfranco Mascia, Ezio Mauro, Alessandro Pace, Stefano Rodotà. In collegamento dal Teatro Franco Parenti di Milano ci saranno Fiorello Cortiana, Giorgio Marinucci e Valerio Onida. La manifestazione sarà trasmessa in diretta da Repubblica Tv. “Per approvare il disegno di legge – è l’appello il cui primo firmatario è il professor Rodotà – è stata impressa una vistosissima accelerata ai lavori parlamentari. Sono previste sedute mattutine, pomeridiane e notturne della Commissione Giustizia del Senato per concludere l’esame di un testo dall’impianto proibizionista e punitivo. È indispensabile moltiplicare gli sforzi per rafforzare l’opposizione a questo attentato alle libertà costituzionali”. E ora l’appello (al quale hanno dato sostegno alcuni fra i maggiori costituzionalisti italiani) potrà essere firmato anche nelle 98 librerie Feltrinelli in tutta Italia che hanno aderito all’iniziativa “La libertà è partecipazione informata”. Sempre oggi, il ddl sulle intercettazioni sarà al centro del dibattito organizzato dalla Fnsi alle 15 al Circolo della Stampa di Milano, in videoconferenza con Roma. Saranno presenti – informa il sindacato – i direttori Ferruccio de Bortoli (Cor
http://www.libertaegiustizia.it/2010/05/24/tutti-i-no-alla-legge-bavaglio/#respond




# 111    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 24/5/2010 alle 12:4

115/Anakediview/ mi piace molto come la pensate esprimete scrivete, diciamo così/ inoltre ottima la scelta del quadro di escher "a specchio magico" proprio di quel'autorefernzialità di chi "scrive" il potere nella storia per il potere stesso cosi come poi conlcudete con quel pensiero del montesquieu//ciao


# 112    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 24/5/2010 alle 12:42

# 89 commento di JPN --- Tipo, modificare il file host?


Ma perché Scarface II si agita tanto per imporre a tutti i costi il suo ddl bavaglio? Non sappiamo già tutto sul suo conto (ed è un bel mucchio di nefandezze, accidenti!) e non si è già messo, ciò malgrado, il culo al riparo mille furbizie? - L'unica risposta che possso darmi: c'è ancora qualcosa di molto grosso, forse di decisivo, che ci sfugge, ed lì per essere svelato. La chiave di lettura di 30 anni di storia italiana. Le ultime tessere del puzzle.


Corr.: ... e non si è già messo, ciò malgrado, il culo al riparo con mille furbizie?


Roland, mi sembri un po' troppo dietrologico, anche se anch'io talvolta mi lascio trascinare da pensieri forse troppo fantasiosi. Può darsi che ci siano segreti molto pesanti che se scoperti sconvolgerebbero l'opinione pubblica, tuttavia quello che sappiamo è già molto. Sicuramente Berlusconi : 1) Ha corrotto a destra e a manca. 2) Ha evaso alla grande le tasse. 3) E' in qualche modo colluso (attivo o passivo lo vedremo) con la malavita organizzata. Le indagini in corso porteranno sicuramente a saperne di più ma le basi sono già ampiamente uscite alla luce (secondo me). Non credo in rivelazioni eclatanti, credo piuttosto in un consolidamento progressivo, man mano che le indagini proseguiranno, di tutte le belle cose che sappiamo già sul conto di Mister B. Ciao


Guardate, qui, il "gossip" del Corriere: metto, dopo, il link. Il Guardasigilli Alfano comincerebbe a pensare di avere, già, fatto una "cagata"... http://www.corriere.it/politica/10_maggio_24/Intercettazioni-spuntano-ritocchi-dino-martirano_cfea4b84-66f6-11df-a510-00144f02aabe.shtml


- Corrias dice: "L'inciampo del Cavaliere...". Sarà fatale?


NON SAREI COSI' OTTIMISTA. PURTROPPO - COME NELL'ULTIMA SCENDA DI DRAQUILA - C'E' UN SIGNORE INTERVISTATO - VERAMENTE INTERESSANTE - NON SI CAPISCE CHI E' - CHE DICE CHE TUTTE LE PICCOLE DITTATURE HANNO QUESTA STORIA, UNO PENSA CHE PRIMA O POI FINISCE, NON PUO' MICA DURARE..... E INVECE DURANO TRANQUILLAMENTE DURANO..... CHI CI SALVERA' DAL BERLUSCA? DOMANDA DA 100.000 DOLLARI E PIU' VISTO IL DESERTO. LOREDANA


- 118, Loredana: non sarei, così, pessimista... Io non vedo "il deserto".


# 118, Loredana: almeno secondo me, volete troppo. Non ci sono dei "Cesare", dei Napoleone", dei Gesù" o dei "Budda", sì, O. K., ma la possibilità OGGI di mettere un governo tecnico per l'emergenza della crisi economica e e che elimini la norma Alfano, beh, si potrebbe fare. Tecnici rigorosi ci sono, invece.


- Sembrerebbe che il PDL comincia a "squagliarsi"... Repubblica titola: "Intercettazioni, il PDL apre a modifiche". http://www.repubblica.it/politica/2010/05/24/news/intercettazioni-lunedi-4295314/?ref=HREA-1


- 121, io: no no... E' una presa in giro, io, si deve continuare ad andare in piazza, IN PIAZZA, avanti con le manifestazioni di protesta, il tam tam nel web e la raccolta delle firme. Perché: il governo deve eliminare, STRALCIARE, l'infame Disegno di legge ("Ddl") sulle intercettazioni. Senza "se" e senza "ma".


Ti domando, quali sarebbero queste modifiche: denunce da circa 450.000 euro "dimezzate" a 200.000 Euro? Sarebbe ridicolo. Da "tot" anni di prigione alla metà degli anni? E' assurdo e non risolve il problema. Per me, è no.


- GUARDA, QUI, IO: http://tv.repubblica.it/copertina/no-alla-legge-bavaglio-1/47611?video&ref=HREA-1 Vanno avanti le manifestazioni di protesta a Milano e Roma , metti sulla diretta. Ci sono anche Ezio Mauro, Montezemolo, la Gabanelli ecc. ecc. Avanti!


- Luca di Montezemolo ha, già, dichiarato: "Le intercettazioni sono FONDAMENTALI". Il direttore di Repubblica Ezio Mauro ha detto: "NO alla legge bavaglio".


Il discorso del giurista Rodotà sarebbe da mettere sui "portoni" delle Università di tutt'Italia. E' un genio.


- Rodotà ha dimostrato, e torna, che: quella della cosiddetta 'Privacy' è, solo, un'affermazione che sarebbe una "scusa" e una presa in giro. In realtà, con il Disegno di legge sulle intercettazioni, si vorrebbe imbavagliare la stampa Link: http://tv.repubblica.it/copertina/no-alla-legge-bavaglio-1/47611?video&ref=HREA-1


87 commento di StufA - lasciato il 24/5/2010 alle 1:45 Circa il potere di generare, solo ad un atto riflessivo posteriore l'umanità sarebbe giunta a comprendere che si genera in due ( era prevedibile l'obiezione ) ma visivamente è la donna che genera )Circa la Montessori non volevo intervenire sul metodo, ma solamente nella carica di trasgressione e di potenza della sua esperienza biografica e culturale.


- Sito: www.repubblica.it. Qui, ora, ci sono i discorsi di niente-po-po-di-meno-che i direttori "scesi in campo" contro la famigerata norma Alfano.





Mostra tutti i commenti


commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti