Commenti

commenti su voglioscendere

post: Contro il bavaglio, vi faremo un sito così

    da Il Fatto Quotidiano, 11 giugno 2010 In Birmania il regime vieta le videocamere e tiene sotto controllo la Rete . In Cina 40 mila funzionari comunisti si occupano della censura sul Web. Ma, nonostante le molte persone finite in prigione, attraverso Internet riusciamo lo stesso a vedere e sapere ciò che accade. Ebbene, ieri in Italia   un esecutivo retto da un premier sedicente liberale ha fatto votare una legge di stampo birmano . Una norma che non impedirà solo la pubblicazione, anche per riassunto, delle intercettazioni non più coperte da segreto. Ma che pure vieterà agli elettori di rivolgersi ai media per diffondere video e file audio da loro registrati. A legge approvata, se un cittadino vedrà un sindaco o un parlamentare a cena con un ... continua



commenti



Giustissimo essere con Voi.. ma preme anche sottolineare che il danno PRIMARIO sono I LIMITI OPERATIVI PER GLI INQUIRENTI. Per il resto, le strade sono infinite.. ciaooo


Marco siamo tutti con voi. Siete e siamo l'unica speranza contro la dittatura. nel mio piccolo cerco di informare più persone possibili con la tua celeberrima frase: passate parola.


Grandissimi...sono con voi...(come se ci fosse bisogno di ribadivervelo)


Condivido in toto "apertamente" quanto asserito in modo lapidario da "clandestino". L'ho scritto più volte. questa non si dovrebbe chiamare legge bavaglio perché fuorviante, bensì legge "tutela delinquenti" legge "copri malaffare".I giornalisti più seri e appassionati al loro lavoro assumono un atteggiamento da eroe, quasi quasi lo desiderano e così gli avversari possono tacciarli di interessi corporativi o di casta e B, l'incantatonti o il grande mistificatore, crede di incantare tutti,(in realtà solo i tonti), dicendo che la straaagraaande maggioraaanza degli italiani non vuole essere intercettata. Qualcuno diceva " Beato quel paese che non ha bisogno di eroi "


Non ci giurerei sulla bontà della soluzione prospettata da Travaglio. Già ora ci sono, per noi italioti, dei siti vietati e irraggiungibili dalle persone comuni che non siano hacker. Credo che il numero aumenterà. Il Paese è sulla via della completa e scientifica distruzione in tutti i settori, non vedo alcuna via d'uscita se non cambiano i risultati elettorali.


# 6    commento di   kriptonite1212 - utente certificato  lasciato il 11/6/2010 alle 19:57

allora l'opposizione come sta a chiacchere ???


solo la catastrofe della seconda guerra mondiale mise fuori gioco (temporaneamente) il fascismo la situazione è ormai irrecuperabile con mezzi normali cioè con la normale dialettica politica e solo un altro evento catastrofico potrebbe spazzare via questa riedizione del fascismo il Paese è troppo malato per guarire e deve morire per poter rinascere oggi come nel ventennio il duce di turno si fa forte dell'appoggio dei preti e degli industriali (leggete gli editoriali di avvenire e sole24ore per capire cosa voglio dire): ai primi garantisce sovvenzioni alle scuole cattoliche e privilegi fiscali, ai secondi ha assicurato che la crisi non la pagheranno loro ma i soliti lavoratori dipendenti o, al massimo, i piccoli professionisti la legge sulle intercettazioni rende ufficiale e sanziona una paralisi cronica della macchina giudiziaria ormai incapace di assolvere al proprio ruolo per mancanza di mezzi e di procedure serie e trasparenti vaste regioni d'Italia sono sotto il controllo territoriale pieno della criminalità organizzata ed il tessuto economico delle regioni del nord è fortemene pervaso da infiltrazioni mafiose (si veda il libro "Economia criminale" di Roberto Galullo)


# 8    commento di   Eky71 - utente certificato  lasciato il 11/6/2010 alle 20:2

Comunque vadano le cose, dato che purtroppo nella "camera dei bottoni" ci sono quelle persone che aimè alcuni "italioti" hanno votato, pertanto la vedo difficile come guerra anti-new-dittatura, scalzare via chi quelle Leggi le fa e le applica!!!... Ma comunque vadano le cose, è più onoroso vivere avendoci provato nel cambiare il mondo, anzichè non vivere affatto!!!... Corrias, Gomez e Travaglio, io sono e sarò sempre con Voi e con chi difenderà la LIBERTA' D'INFORMAZIONE... costi quel che costi!!!...




# 10    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 11/6/2010 alle 20:6

# 1 commento di clandestino - lasciato il 11/6/2010 alle 19:1 # 4 commento di marziam - lasciato il 11/6/2010 alle 19:27 _______quoto , inutile che mi ripeta con le distinzioni dei danni sul piano investigativo giustiziario rispetto a quelli investigativo informnativo , anche perche quest'ìultimo risponde sempre sempre a un potere economico che comunque può condizionare di più , ripsetto a un potere dello stato a cui unico risponde la magistratura indipendente , cioè risponde alle leggi quello stato ,ovviamento che se fossimo in uno stato "normale" senza porti delle nebbie alcuno- comuqnue visto il tragicissimo "destino" che ha colpito quel patrimonio dell'umanità vivente che è Mandela , dedico la prossima poesia a tutti noi con lo stesso spirito con cui lui se la ripeteva ognigiorno durante la sua lunga prigionia.


# 11    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 11/6/2010 alle 20:7

Dal profondo della notte che mi avvolge, buia come il pozzo più profondo che va da un polo all'altro, ringrazio gli dei chiunque essi siano per l'indomabile anima mia. Nella feroce morsa delle circostanze non mi sono tirato indietro né ho gridato per l'angoscia. Sotto i colpi d'ascia della sorte il mio capo è sanguinante, ma indomito. Oltre questo luogo di collera e lacrime incombe solo l'Orrore delle ombre, eppure la minaccia degli anni mi trova, e mi troverà, senza paura. Non importa quanto sia stretta la porta, quanto piena di castighi la vita. Io sono il padrone del mio destino: io sono il capitano della mia anima. W.E.Henley


I prerequisiti per poter effettuare intercettazioni sono così rigidi da essere estesi anche ai tabulati telefonici che di regola non potranno essere usati nelle inchieste verso ignoti; ma la mafia, il politico colluso ecc. non hanno la buona creanza di presentarsi prima di organizzare un crimine. E poi il vincolo dei 75 gg per le intercettazioni, ma le investigazioni per reati di corrutela e di criminalità organizzata a volte durano anni prima che gli investigatori ne vengano a capo. E’ vero che il vincolo può essere attenuato chiedendo una proroga di 3 gg in 3 gg al tribunale distrettuale; ma quanta burocrazia si aggiunge, quanti rischi di fughe di notizie che non arriveranno al cittadino, ma all’interessato sì. Infatti la richiesta in sé comporta istruire una pratica e presuppone che il tribunale distrettuale studi a sua volta la pratica ed emetta un ‘sentenza’ a priori e con coinvolgendo di altri attori . I tribunali sono già oberati, senza mezzi, contrariamente a quanto sostengono, ad arte, i berlusconiani ed i leghisti Se a ciò si aggiungono alcuni segnali inquietanti, come il trasferimento dell’inchiesta grandi eventi da Fi a Roma, il porto delle nebbie come fu definito, tutto ciò rievoca i processi che in epoca di basso impero DC finivano a Roma e quindi nel dimenticatoio, tra le nebbie appunto. Perciò anche se la legge anticorruzione contenesse dei requisiti di qualità, semprechè B&B lo ritengano utile per i loro fini, sarebbe già minata alla base. Resteremo il paese con la criminalità tra le più feroci, con forti collusioni nella politica e nella società civile, con corruzione in crescita veloce, 229% nell’ultimo anno e di valore pari a tre finanziarie.
Alcuni ringrazieranno e ricambieranno il favore


# 13    commento di   kriptonite1212 - utente certificato  lasciato il 11/6/2010 alle 20:50

ok il problema è che siamo 4 gatti con cittadinanza e 4 attempati poteronzoli all'opposizione


# 14    commento di   kriptonite1212 - utente certificato  lasciato il 11/6/2010 alle 20:51

c'è il dott travaglio che sta parlando di farsi arrestare , bellamente e basta .


# 15    commento di   kriptonite1212 - utente certificato  lasciato il 11/6/2010 alle 20:52

cmq raga c'è marcolo che penas a noi difende noi è un grazie se mi difende allora un giorno lo stimerò e ciao


# 16    commento di   kriptonite1212 - utente certificato  lasciato il 11/6/2010 alle 20:56

cavolo però marco se si è se si è se si sa come ci si è diventati , basta a dopo blog


Caro Marco, ora sappiamo quanto guadagni per ogni puntata di "Anno zero". Una miseria! Paragonata agli assurdi guadagni di un qualsiasi calciatore ai limiti, per ignoranza, del surreale. Però, purtroppo, le cose in questo Paese vanno così. Ora, però, vogliamo anche sapere quanto guadagna Vespa e Minzolini. Sicuramente la RAI, per i compensi, non tiene conto delle capacità intellettive personali di ognuno, altrimenti questi due "signori", con un euro a puntata o al giorno, sarebbero già fin troppo pagati.


# 18    commento di   Niba77 - utente certificato  lasciato il 11/6/2010 alle 21:25

ho provato a vedere il video di otto e mezzo....ma alla fine ci sei andato?...mi sa che deve essere successo qualcosa....




a leggervi mi torna un barlume di speranza che avevo completamente perso ieri e negli utlimi anni, ma è giusto un barlume, maledetta tv, maledetta sia in eterno, lei e la maledetta legge mammì, senza tutto quel potere mediatico quell'essere non sarebbe arrivato dov'è


# 21    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 11/6/2010 alle 21:51

# 20 commento di siamostanchi - lasciato il 11/6/2010 alle 21:34 (*_*) _____________________hai notato stasera cicchitto? da dei vietcong a destra e a manca , amche a letta , ma ti rendi conto?---bombardamenti mediatici di questo tipo dicendo che siamo in vietnam del nord e vietnam del sud ???--maki, ma ke cosa, ma ke cazzo?- fare questi teatrini per il popolino che non posso nemmeno piu chiamare popolino perche sono nostri fratelli che hanno ridotto a zombie saturi di gas catodici, ma ci rendiamo conto?...cmq guarda, se non vuoi impazzire occorre sempre farsi una sana risata e in questo porto con qualche vela che va e viene, in quella speranza che tu dici, c'è anche un commentatore che ti segnalo , vai nell'altro post(in questa panchina non lho ancora visto trasitare),si chiama ferruccio tuo, gia il nome è tutto un programma, anche lui ( o lei) se ci pensi,mette speranza , al di la di come la si pensi e sezioni ( la triste realtà), ti fa fare un mucchio di risate e aiuta a sognare un paese libero


è evidente che con persone del calibro di Marco.Peter,Pino e di noi tutti che vi apprezziamo e sosteniamo sarebbe facile abbattere questo regime ,se non fosse che abbiamo un ventisette per cento di opposizione che non è nemmeno una ombra , un fantasma, credo che sia una creazione del berlusca pure quella




FACCIAMOGLI UN MAZZO COSI'!!!!!!!!!!!!!!!!!! BERLUSCONI MAFIOSO PUTTANIERE E PIDUISTA FATTI PROCESSARE!!!!!!!!!


E.C. il Pd ha equiparato il prossimo dibattito alla camera sul ddll intercettazioni ad un vietnam per il governo ( Ostruzionismo)


# 26    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 11/6/2010 alle 22:35

cacchio no! marziam , mo' cosa mi dici mai ! ( come topo gigio a rosy)...ma insomma cavoli , quindi qui due sono le cose : o si scambiano le battute ma non psoso crederci , o letta o altri , non so bene chi, gliele mette proprio in bocca e quelli là giorni dopo le riprendono paro paro ...però da vero topo gigio cojone in soffitta con le orecchie tutte rotte per bombardate ,mi sa tanto che a questo punto, essendo tutto un grande fratello di botta e risposte concordate, può starci pure qualsiasi truman show..eh eh eh marziam per il discorso di ferruccio tuo siamo veramente a livelli irragiungibili, ripeto comunque la si pensi , non credo che il suo talento sia solo un fatto soggettivo. cmwq anche tu non scherzi. ogni tanto te ne scivoli in "confessioni" o " affermazioni" che spiazzano , tutta la tua serietà quasi senza possibilità di altri variabili, viene interrota in un attimo , da un tuo esprimerti repentino fuori dalla costante ..senti che popo' di frase è :" amo le situazioni comiche paradossali estremi" ...livelli di ribaltamento, metafisico ben inteso, quasi da ionescoM eh eh eh .-)


Sono angosciata, arrabbiata e incredula...Ma sta succedendo davvero? Davvero l'Italia ha un premier corrotto e mafioso che monopolizza l'informazione facendo bere agli elettori le peggiori fandonie dell'universo e come se non bastasse farsi leggi ad personam (ad castam, ad mafiam, ad aziendas...), ha aspirazioni autoriatrie tali da arrivare a mettere il bavaglio all'informazione? Davvero abbiamo un governo e un parlamento di yes men pronti a favorire la criminalità e la mafia pur di mantenere la poltrona e l'impunità? Davvero gli italiani credono che la legge sulle intercettazioni tuteli la loro privacy? Davvero l'opposizione finiana che si è riscoperta legalitaria dopo 16 anni di oblio, voterà un ddl come questo? Davvero il PD si limita a uscire dall'aula e il presidente della repubblica a redarguire l'Italia dei Valori? Veramente l'Italia dopo nemmeno 70 anni di repubblica è di nuovo scivolata in una dittatura ormai nemmeno più tanto mascherata? Possibile che la gente non si renda conto che una dittatura oggi in Italia non si instaura con i carri armati e con un colpo di stato, ma con un lento processo di depauperamento delle regole democratiche? ...No, deve essere un brutto sogno.


# 28    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 11/6/2010 alle 22:46

"...........L’ennesimo colpo di piccone ad un diritto fondamentale della liberal-democrazia, la libertà d’informazione tutelato dall’articolo 21 della Costituzione. L’indignazione, ormai quotidiana per la stretta autoritaria del regimetto di Berlusconi, monta e sale, ancora una volta. Ma è un moto di rifiuto che essendo diventato routine, si fa assuefazione, speculare e contraria all’indifferenza con cui la maggior parte degli italiani accoglie queste news. L’industria dell’angoscia e del divertimento, il bastone e la carota con cui i media teleguidati dalla pubblicità lobotomizzano il cittadino-consumatore, trova il suo corrispettivo polemico nell’industria dell’indignazione e della mobilitazione permanente. La prima fa credere che esistano da una parte solo eventi luttuosi o irrazionali (cronaca nera, calamità naturali, crisi considerate come fatti inevitabili) e dall’altra spettacoli per distrarsi e farsela passare (i reality show, il gossip, i pettegolezzi, le “curiosità”); la seconda controbatte con requisitorie contro il potere politico ed economico ma a senso unico, parziali, viziate dall’ottica ristretta per cui in una democrazia occidentale basta rovesciare i mascalzoni al governo e tutto rifiorisce, come per magia, come se il problema non sia il sistema di vita che ci vede tutti sulla stessa barca...................."
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=32973


#28 no cara GIOVANNA non è un brutto sogno purtroppo è la realtà.So che è difficile crederci ma è cosi!!!


@pasolinante: non posso aver notato, no, io non ho la tv, non ne ho mai comprata una e mai ne comprerò una, anche se la rai mi perseguita, maledetta anche lei! almeno 15 anni fa iniziai ad avvertire la pericolosità della tv ed ora ne ho la piena coscienza. come ne aveva la persona a cui è ispirato il tuo nick, d'altronde... cercherò il commentatore di cui parli, grazie


# 31    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 11/6/2010 alle 23:7

# 31 commento di siamostanchi - lasciato il 11/6/2010 alle 22:52 ____la tv è stata dopo i campi di sterminio, un forno equiparabile a quei forni,ma anziche coi fucili ,le recinzioni,l'annientamento convenzionale, con un'altra alienazione , sempre però con un genocidio umano planetario e interazziale di effetto sul cervello e l'anima delle persone....si sapeva che avrebbe rovesciato nel mondo immagini deformi e bombardamenti subliminali , ma si pensava che l'uomo avrebbe preso di questo elettromestico l meglio, invece gli hanno dato il peggio per addomesticarlo peggio degli animali allo zoo...e se pensi che dopo decenni di tutte queste analisi,arriva alla fine degli anni 80 e prima 90 , qualcuno che ha tutto quel POTERE e gli altri non glielo impediscono, gli effetti in cui potevamo ritrovarci come minimo sono quelli di questi anni piu recenti e anche questi giorni.hanno una responsabilità trasversale cosi mostruosa,che parlare delle cricche o della casa di scajola fa quasi ridere rispetto ai danni irrisarcibili ai milioni di cervelli messi in condizione di non accorgersi di tutto questo. orwell a livello che nenache orwell poteva pensare. cmq c'è anche da dire che c'è tv e tv, alcune cose le puoi vedere benissimo su certi canali ( ovviamente non rai e non mediaset) , altre te le puoi solo leggere, soprattuttto quelle di tutto l'atlante, del teatro del mondo dove c'è il nostro pezzo che non si può capire fino in fondo se nn lo agganci con ciò che avviene nel retropalco della politica internazionale anche di vetrina x i deversi bombardamenti globalizzati...questo tipo di intrecci , che sono poi quelli veri del POTERE , non te li diranno mai tranne qualche timido passaggio catodico ma del tutto eccezionale. cmq complimenti per la tua scelta radicale.grazie a te.


@32 verissimo, l'elettrodomestico più sopravvalutato della storia, io preferisco il frigo (che è davanti l'attaco dell'antenna tv e lo copre irrimediabilmente) o il forno; le persone hanno abusato del televisore, io ricordo negli anni '70 quando arrivò in casa quest'oggetto misterioso ed affascinante, mia madre ce ne faceva fruire col contagocce (eravamo piccoli), 1 massimo 2 ore al giorno, ora vedi ventenni completamente cresciuti con la spazzatura arrivata negli anni '80, e non solo, cresciuti lasciandoli davanti alla tv giornate intere, errore gravissimo dei genitori, davvero gravissimo. grazie per i complimenti ma per me fu una vera liberazione :D ora non saprei immaginare la vita con quell'aggeggio maledetto in casa! cmq ho trovato ferruccio, che delirioooooo! divertente però buona notte a tutti, e che la speranza sia con me e con noi in questo mondaccio


PITTORESCO... E ANCHE CONSOLANTE. Carissimo Gomez, tra noi e noi non ci sono problemi, potenzialmente potremmo non sapere niente di quella bassissima faccia da culo e al contempo conservare intatto il normale senso di stomachevole disgusto al semplice sentir pronunziare il suo nome... ma... come quasi sicuramente avrai percepito in questi ultimi tempi, il popolo, in una surreale situazione da sindrome di Stoccolma, ama il suo mafioso come se stesso... tanto da vanificare tutta l'informazione ufficiale precedente alla legge sulle intercettazioni... FIGURATI A QUELLA DOPO TALE LEGGE... ma tu ce li vedi certi coglioni che non si sono mai interessati neanche quando gli è stato urlato che il governo è formato da mafiosi, INTERESSARSI ORA A PROCACCIARSI LE NOTIZIE IN RETE A MO DI CACCIA AL TESORO? E svegliati dai ma dove minchia vivi?
http://www.sardegnademocratica.it/


# 27 commento di pasolinante - utente certificato lasciato il 11/6/2010 alle 22:35 torno ora dall'altro post dove ho risposto alla seriosa risposta di Feruccio. adesso mi aggiorno


# 35    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 12/6/2010 alle 0:16

ANSA - Montezemolo, basta fare spettatori, salire sul ring. ---- Ormai la politica assomiglia sempre più al calcio: quando un presidente dice "l' allenatore non è in discussione" sai già che il lunedì lo esonera. Ci aveva creduto qualcuno che Montezuma rimanesse alla finestra? Che so, dopo che aveva fatto Ilkan presidente FIAT? E adesso dove andrà a mettersi? UDC? Fini+Montezuma? mahh..


# 36    commento di   Zàrate - utente certificato  lasciato il 12/6/2010 alle 0:40

Leggo Il Fatto e mi sento un po' meglio, anche se attorno a me spesso sento il vuoto. Vuoto di informazione, assenza di spirito critico, di voglia di fare, anche solo di informarsi e prendere posizione...ho molti amici stranieri, europei e sud americani, e quando parlo loro di questa ferita italiana, la ferita alla libertà di stampa, mi guardano sbigottiti, mi chiedono come sia possibile. Io non so rispondere... Valeria


# 37    commento di   Sarx88.com - utente certificato  lasciato il 12/6/2010 alle 3:51

Da Repubblica.it http://www.repubblica.it/politica/2010/06/11/news/rai_garimberti_dovere_tutelare_impresa_e_dipendenti-4767899/?ref=HREC1-5 Travaglio: "Prendo 1500 euro a puntata". "Sono terrorizzato all'idea di quando saranno pubblicati i compensi: io prendo meno dell'ultima gamba destra di una soubrette: 1500 lordi a puntata" Ma Travaglio non aveva detto chiappa destra di una soubrette? Quanto sono puritani a Repubblica :D
http://www.sarx88.com


B. ha l'età di mio nonno e, ad una persona anziana, non si può chiedere di fare un corso di informatica per aggiornarsi. Il problema è: con lo stop alle indagini, ci sarà qualcosa da scrivere (dall'estero)?


Ci sono i "Post-it" gialli un po' ovunque su Repubblica: "La legge-bavaglio nega ai cittadini il diritto di essere informati"...


L'opinione del linguista Beccaria: «Una stupidaggine, il veneto non esiste» TORINO (11 giugno) - L'ennesima stupidaggine, la solita provocazione leghista. Il linguista e professore emerito di Storia della Lingua Italiana, Gian Luigi Beccaria, definisce con queste parole la proposta dell'assessore leghista di Battaglia Terme (Padova) di inserire il dialetto nelle prove d'esame dei vigili urbani. «Prima di tutto bisognerebbe definire di quale dialetto stanno parlando, il padovano, il veneto o chissà cos'altro - si domanda Beccaria -, anche perché il veneto, come il lombardo o il piemontese, non esiste. Sono agglomerati di dialetti al loro interno. Qual è il dialetto piemontese per esempio? Il torinese, il cuneese, l'astigiano delle campagne? Esiste invece la lingua italiana. Io che amo i dialetti e li ho sempre coltivati non direi mai una cosa del genere». Beccaria vede la proposta del paese veneto come l'ultimo atto della provocazione politica leghista, una proposta «che contribuisce a distruggere i dialetti, piuttosto che salvaguardali». «Se uno telefona al Comune di Como - racconta Beccaria - si sente rispondere una voce che spiega di schiacciare il tasto 1 per ascoltare le informazioni in italiano, 2 per l'inglese, 3 per il dialetto». «Inoltre si tratta, secondo il noto linguista, di una proposta «tecnicamente irrealizzabile e poi non si capisce perché se uno è portato a fare bene il vigile e non conosce il dialetto, non può fare questa professione».
ci mancava il dialetto


#42 GALFRA Siamo alle solite comiche all'italiana. Questi sono quelli che conoscono i problemi del popolo e che dovrebbero risolverli. Ma che vadano a ciapà i ràt.




vedrete che sarà sempre peggio. Come del resto lo è stato in questi ultimi 16 anni della II repubblica caratterizzata dalla casta, dal sistema (che poi è più o meno sempre lo stesso di prima senza craxi, forlani ed occhetto)e soprattutto grazie ai 10 anni di governo berlusconi. La lega ha il solo obbiettivo di dividere il paese (e ad ottenere poltrone e stipendi) e si appiattisce sul berlusca per ottenere il suo scopo. Il caimano, a cui non frega niente del bene del paese ma al suo e a quello delle sue aziende, concede di tutto a bossi: basta che lui gli pari il culo alle sue porcate. Fini è un pavido. Non si è ribellato alla dittatura del predellino e il caimano gli ha scavato la fossa con i suoi media e poi gli ha "comprato" i pretoriani ben felici di partecipare al banchetto con figa incorporata... il PD impossibilitato dai suoi apparati a lottare per la legalità e la questione morale (anche loro tengono terrazze a roma e tenute in toscana) non ha avviato nessun ricambio generazionale ed è davvero una balena spiaggiata!


Cinema: 90 anni fa nasceva Alberto Sordi, storia di un italiano. Chissa' se tra qualche anno i turisti che varcano la soglia della romana Galleria Sordi e quelli che camminano indolenti sul Lungomare Alberto Sordi di Jesolo si chiederanno: chi era costui?


Ma dove sono i giornalisti quando ricchi-potenti e i loro maggiordomi si riuniscono in segreto per decidere sul futuro dei popoli? L'austerità imposta spianierà la strada per un modo di padroni e schiavi e non servono le intercettazioni per capire il volere del potere internazionale. W la legge sulle intercettazioni! cosi i giornalisti e ricchi editori la piantano di rompere i coglioni alla gente su fatti irrilevanti per la vita dei cittadini. Non esiste libera informazione in nessuna parte del mondo perchè l'informazione è schiava del sistema più potente di propaganda della storia dell'umanita ed è la cricca di banchieri internazionali a reggere il gioco. No all'austerità economica..piazze vuote per difendere i cittadini dalla futura carneficina...


#47 W la legge bavaglio_____Amico vacci piano con il fiasco del vino,lo sai che potrebbe fare male?


Navaho tu vai in piazza per i soliti motivi inutili..per l'austerità economica le piazze vuote, per difendere giornalisti ed editori che ha loro volta hanno sempre protetto le riunioni segrete dei potenti le piazze piene.. preferisci il vino all'eroina..dammi retta. Buon nuovo ordine mondiale.


Abbasso il nichilismo sgrammaticato! (volevo rovesciare la W, ma non si può)


Freedom Hosus 2010, libertà di stampa: l'Italia in 72ma posizione (su 110) a pari demerito, voto "Partly Free" (per ora, poi vedremo, sarà sempre peggio) con Benin, Hong Kong e India.


Roland dai vai in piazza accanto ai giornalisti ed editori...la libertà è minacciata! fate pena. Nessun voce contro l'austerità economica, la libertà della gente non è minacciata dalla crisi economica imposta ma perchè i cittadini non avranno più la dose di gossip giornaliera. Oddio come faremo senza le intercettazioni! Ma si sa da gente come Travaglio che giudica Marchionne un ottimo manager che però sta delocalizzando tutto come previsto dalle riunioni segrete dei potenti, mi aspetto di tutto! Continuate cosi che siete forti!


E si Freedom House è davvero attendibile! ah ah


Dopo una giornata di black out, buongiorno!


@ guenda #38: bella domanda. In effetti questo schifo di ddl non lo definirei di 'stampo birmano'; come dice Gomez, di Birmania e Cina riusciamo a sapere comunque cosa accade. Forse dovremmo cercare sulla mappa un paese di cui non si sente parlare neanche sui siti esteri, se non notizie positive naturalmente. Se passa il ddl in un colpo non avremo piu' troppi problemi di mafia e corruzione...davvero tra breve potranno vantarsi di aver sconfitto questi cancri, sara' un toccasana per la nostra economia. L'avevano pur detto che ora finalmente avevano 3 anni per fare le riforme 'che servono al paese'...tre anni senza altre incombenze inutili e innocue, ne' piu' troppi scandali a intrattenerli...c'e' da preoccuparsi che comincino a fare sul serio le 'riforme per il paese'...che tristesse per il bel paese. Saluti.


e poi cosa ci si può aspettare da uno che si è tenuto un mafioso pluriomicida in casa per anni, che prima di divorziare dalla prima moglie teneva quella non ufficiale con figli nascosta in un appartamento a Milano, che si è "comprato" la villa di Arcore approfittando della tragedia che colpì i due eredi minorenni che avevano come tutore nientemeno che il pregiudicato previti. Cosa ci si può aspettera da uno che ha messo in piedi, insieme ai direttori dei suoi media, l' affare igor marini e le decine di dossier falsi contro di pietro. O da uno che ha fatto votare 37 leggi pro domo dei suoi interessi economici e penali. Oppure da uno che frequentava, lui settantenne una ragazzina di 17 anni. E di suo fratello ne vogliamo parlare?


Benedetti Voi. Ci date uno spiraglio di luce in questa cappa di oscurità oppressiva, deprimente.


Beh non mi sembra che MT guadagni una miseria per Anno Zero,considerato che il suo intervento si limita ad un monologo di 10 minuti e che non credo che partecipi alla preparazione della trasmissione;con quattro partcipazioni si porta a casa 6.000.00 euro lordi al mese ed ha tutto il tempo di dedicarsi alle sue altre attività;il compenso di Vespa o di Minzolini deve,casomai essere ,comparato a quello di Santoro,non a quello di MT;comunque anche dalle dichiarazioni di MT sul punto si conferma il dato drammatico che almeno una parte della intelligentia che fa riferimento alla sinistra e a cui questa fa ,a sua volta,capo, ha perso ormai ogni contatto con il paese reale e con la sua base.Un esponente del vecchio PCI (con tutti suoi limiti) non avrebbe mai detto che 6.000.00 euro al mese per quattro partecipazioni erano una miseria;ricordo a chi non lo sapesse che i funzionari del PCI ( e Santoro dovrebbe saperlo) si facevano un mazzo così e prendevano lo stipendio da metalmeccanico e che i giornalisti dell'Unità erano pagati al minimo dei minimi sindacale.E anche i deputati comunisti versvano più della metà dell'indennità al partito.Per favore!!!


# 57    commento di   kriptonite1212 - utente certificato  lasciato il 12/6/2010 alle 11:25

magistrati , giornalisti , politici dell'opposione a difesa della democrazia e dei cittadini


@ luis: ora vale il prezzo del libero mercato sai, l'informazione sara' pure imbavagliata, ma il mercato resta libbbero, e' a questo che fa riferimento la sinistra come la destra come chi fa riferimento alla sinistra e alla destra, te capi', c'e' poco da di'. I vecchi funzionari del PCI e i giornalisti avevano il bavaglio sullo stipendio, quello almeno ora e' stato liberalizzato, vediamo anche il positivo dai. Ciao


p.s. ero ironica eh!


per i giornali esteri venduti in italia vale lo stesso ??? pensavo se una soluzione fosse quella di trasferire l'attività altrove magari in svizzera e fare come gli antifascisti intellettuali ...


Tanti dicono che la soluzione all'informazione è il libero mercato..questo vuol dire libero show..quindi prevalgono i reality show sull informazione. I libri sono e resteranno l unica frontierà di libertà, il genio in tv non ci va mai però i libri li scrive..poi si può sempre sbagliare comprando qualcosa di mediocre vedi l'infita serie tutta identica del mediocre Travaglio. Il libero mercato giustifica stipendi scandalosi e innavicinabili per qualsiasi lavoratore che vive di LAVORO produttivo. contenti voi contenti tutti..e stato dimostrato scientificamente che il libero mercato non è sinonimo di libertà anzi è una truffa sulla redistribuzione della richezza.


Ogni azione è buona per contrastare la prevaricazione di questi fascisti nazistoidi. MA NON BASTA. In proporzione alla popolazione italiana saranno ben pochi quelli che avranno la possibilità di accedere via internet a quelle notizie secretate dai prepotenti. E aggiungo che sarà facile per qualche "manina" disturbare le connessioni adducendo "motivi tecnici". Qui al sud non c'è bisogno neanche delle manine segrete tanto siamo disastrati sul piano dell'ADSL. Perciò si dovrà studiare una forma "antica" di comunicazione che possa arrivare dovunque, tipo il vecchio ciclostile da diffondere con tavolini all'aperto e volontari sul territorio. Comunque, secondo me, hanno ragione quelli che sostengono che la legge non è fatta tanto per il silenzio stampa (quello è la ciliegina sulla torta) quanto per bloccare le inchieste e impedire ai magistrati di perseguire i colpevoli. Un mafioso al governo non potrebbe studiare misure più idonee a salvare il culo a sè e ai suoi picciotti. Ma la colpa grave resta degli italiani che ancora una volta (fino a quando, Signore?) si fanno mettere i piedi sulla testa e non protesteranno neanche. Anzi, continuano a votare l'ipotetico mafioso sperando stupidamente che la sua impunità porti qualche beneficio anche ai loro miseri intrallazzi. Ignoranti e felicemente cornuti.




Ma l'unico vero problema in questo paese siete voi giornalisti. Si possono fare tutte le campagne sul web che si vuole, ma quando su praticamente tutti i tg (e non solo) del paese finisce un'informazione a dir poco faziosa, come quella che si vede in questi giorni, risulta praticamente impossibile cambiare le cose. In questo modo si creano fazioni contrapposte tra i cittadini, che si basano su un'informazione manipolata e strumentalizzata, e che porteranno ad uno scontro nel paese contro i nostri stessi interessi, e a salvaguardia di chi non vuole cedere 1 mm di potere. Siete voi che dovete mobilitarvi, dentro le redazioni, prima ancora dei cittadini... siete voi che dovete reclamare la possibilità di fare giornalismo sul serio e non marchette per questo o quell'editore, questo o quel consigliere, questo o quel politico. Il problema sono solo le intercettazioni? Quindi tutto il resto invece va bene? Uscite all'OdG, portate avanti iniziative di rottura, fate capire agli "editori" (si fa per dire) che non siete disposti a vendere i pricipi della professione per tutelare i LORO interessi. Il Fatto è già qualcosa di nuovo, anche se mi sembra che porti avanti solo certe battaglie, ma ben vengano altri giornali come il vostro, che magari parlino della realtà da angolazioni diverse. Però, secondo me, siete voi giornalisti la prima e principale causa del dissesto italiano. Del resto basta leggere le carte del Piano di rinascita democratica della P2 e quelle della commissione Anselmi per capire quanto fosse importante e preminente infiltrare le redazioni, acquisire giornali etc... Se non cominciate VOI a fare una campagna di lotta per la democrazia e la libertà interna tra i professionisti dell'informazione, non ne usciremo mai, e poco cambia l'approvazione o meno di questo disegno legge. E' vero che i giovani giornalisti sono poco tutelati, spesso "ricattati", ma ci sarà pure un modo per dare un senso a questa libertà di informazione, o no?


# 65    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 12/6/2010 alle 12:52

@ Annuska # 53 --- Molto giusto, infatti come avemmo modo già di notare alcuni giorni fa, il "bavaglio" alla stampa è il 100 per ottenere il 30 cui mirano. Scrive infatti B. Tinti l' 11 c.m. : "Siamo in una botte di ferro: senza intercettazioni i magistrati si attaccano, non ci scopriranno mai; e se non ci scoprono non fanno i processi; e se non fanno i processi non c’è niente da pubblicare. Soldi e impunità, impunità e soldi, questo è il nostro radioso futuro. " --- E' quindi un errore tattico accanirsi SOLO contro il bavaglio mediatico: se stralciano quello alla camera, ottengono lo stesso risultato e magari ci fanno anche una bella figura, mediatica. Nessuno si è posto la domanda come mai benito feltri e pavolino belpietro si sono accodati contro il ddl, ma solo per il bavaglio? IMHO il rischio autogoal è alto. Saluti.


Grazie Marco anche noi nel nostro piccolo contribuiremo.


Grazie! La disobbedienza civile è l'unica alternativa che resta.


Scusate. Ma invece di un sito non potremmo fargli un "mazzo" così a questi delinquenti??


grande Marco!!!




«In una democrazia liberale chi governa per volontà sovrana degli elettori è giudicato, quando è in carica e dirige gli affari di Stato, solo dai suoi pari, dagli eletti del popolo» Silvio Berlusconi, 29 gennaio 2003 Sicuri che Berlusconi non si sia travestito da Gomez?


#62 RITAMIR_____A mio parere hai colto esattamente nel segno. Informare la gente è giusto, ma bisogna vedere se la gente vuole informarsi,perchè non c'è peggior sordo di chi non vuole sentire.


qui non si tratta di democrazia, che per il vero, non l'abbiamo mai praticata.si tratta di poco: referendun proposotivo. vuoi tu cittadino di questo paese votare per promuovere il limite di due mandati per i signori del parlamento? Vuoi tu che gli stipendi dei parlamentari siano dimezzati? vuoi tu dimezzare il numero dei parlamentari? vuoi tu abolire gli enti provincia? vuoi tu essere una pecora in un branco di pecore? vuoi tu riflettere su quanto accade e prendere posizione su quel che accade e che colpisce la tua salute? vuoi tu adoperarti per abolire ogni pensiero che scaturisca dalla bocca di chi ci governa?


Sono d'accordo con quanto scrivete,sempre, vorrei chiedervi però di intervenire con una analisi anche a riguardo del nuovo spostamento dell'età pensionabile, e non solo, dello slittare di altri sei mesi, perchè sei erano già, della pensione. Chi raggiunge i 40 anni di lavoro deve "aspettare"ad andare in pensione e lavorare un'altro anno, ameno che non possa campare di rendita, e mi pare sia stato appurato che chi va in pensione con meno di 1000 euro siano il 70%. Ad aggravare questa decisione: il lavoro dove è? Quante persone in cassa integrazione straordinaria (io fra quelle) che precede il licenziamento? Per aziende in vera crisi? NO! I più per aziende che come la mia hanno sfruttato 25 anni di cassa integrazione ordinaria, prepensionamenti, mobilità per alleggerire l'organico, dando il lavoro dapprima ai terzisti, poi la vendita dell'azienda ad un imprenditore italiano che, dopo averla rilevata comprensiva delle nostre liquidazioni, ha lasciato debiti ai fornitori, tintori, operai ENEL (680000 euro solo a lei) ha chiesto la chiusura per cessata attività poi il fallimento, il fratello già d'accordo ha rilevato il ramo d'azienda ha fatto lavorare per 10 mesi il numero di persone che le serviva e disposte a lavorare, ha rimesso la corrente, che ci era stata tolta, ma non il gas per il riscaldamento e quindi in un inverno nevoso, con una temperatura esterna a -10°, hanno lavorato fino a febbraio senza riscaldamento. Ora chiude. L'azienda, che da subito hanno impiantato in Serbia, funziona e pian piano trasferirà li il lavoro, anche quello dei terzisti che lavorano per loro lasciando i debiti in Italia. Così si è imprenditori oggi, si finge il fallimento e si portano i quattrini fuori,noi le liquidazioni le aspettiamo dall'INPS, siamo stati 2 mesi fuori dall'azienda,luglio e agosto anche di notte per non far portar via macchinari e lavoro in pronta consegna per poter avere almeno i mesi arretrati,ci siamo riusciti. Ma dico io, con l' INPS che vanta un forte attivo, n


non è necessario spostare la pensione a meno che l'intenzione non sia quella di non darcela per niente. Abbiamo la dittatura sull'informazione e sulla possibilità di indagine da parte dei magistrati. Abbiamo quasi toccato il fondo, quando ci saremo appieno comincierà la risalita.


# 76    commento di   kriptonite1212 - utente certificato  lasciato il 12/6/2010 alle 14:37

i giornalisti hanno immesso su web un quotidiano on line voluto dal sindacato


# 77    commento di   kriptonite1212 - utente certificato  lasciato il 12/6/2010 alle 15:34

dai discorsi del berlusconi che indirettamente ascolto tramite i giornalisti di sky 24 : se ne deduce che se la legge che ordina le intercettazioni non passa lui viene chiamato in giudizio dai magistrati poichè sono troppi i suoi amici


Grandi!!!


"IL PIÙ GRANDE DEI BUGIARDI HA UN PUBBLICO DI CREDULONI" ................................................................................................................................................................................ JONATHAN SWIFT, "L'arte della menzogna politica", citato oggi da Giovanni Valentini su Repubblica. ................................................................................................................................................................................ Ci sono grandi bugiardi e i loro creduloni, sempre: ieri, oggi e domani, ovunque. Non imparano mai. Ci cascano sempre. E sempre sone fregati.


Jonathan Swift, 1667-1745


# 81    commento di   laressi - utente certificato  lasciato il 12/6/2010 alle 16:56

Un articolo ricco di frasi significative....a buon intenditor poche parole. Aderisco con il mio blog all'iniziativa-ne parlammo a Perugia subito,ma difficile ricordare. Come superare quel codicillo nascosto,pubblicato sul giornale, con cui,per fermare i blog,verrebbero considerati siti telematici? Non mi preoccupo, troveremo "un sito" più grande.
Libere_idee.ilcannocchiale.it


My god, mi sembra di vedere il film "Galline in fuga". Non ho mai sentito così tanto parlare di attacchi alla democrazia, da quando hanno toccato editori e giornalisti. Addirittura un piccolo listino a lutto su SkyTG24 (non troppo visibile per fortuna), senza perdere il sorriso nè il polically correct ovviamente. Peccato che il popolo della rete, sia già informato di ciò che accade e abbia giudizi molto netti sulle umane vicende, così una copia o cento copie del sito di Grillo rischiano di non dire proprio nulla. Molti millenni fa, quando ero piccolo e c'era ancora la prima repubblica, allora nessuno si sarebbe sognato di mettere in dubbio la suddivisione dei poteri, come ha fatto ieri il capocomico. Molti millenni fa, quando quelli che oggi stanno nella maggioranza e nell'opposizione, tiravano le motov, qualcuno votava o protestava ancora perché era convinto delle proprie idee. C'è una sostanziale perversione nel denunciare indifferenti un disastro democratico restando ben protetti dalla propria abiguità, per poi accorgersi che anche il proprio microcosmo viene distrutto e usare l'opinione pubblica per farsi sentire. L'opinione pubblica è morta, e chi l'ha uccisa non può pensare di piangere sul suo cadavere.


Annuska; anche io ero ironico;lo so che il mondo è cambiato;però,eco la copsa che mi da fastidio è che certe persone,che pure per altri versi apprezzo,(MT.Santoro,Santoro) si presentino sempre come vittime del sistema ,come se fossero perseguitati senza un euro;no questo no;facciamo il caso di Grillo;guadgana moltissomo,ma non è mica obbligato a farlo;ad esempio potrebbe fare come faceva Dario Fo,che,ai suoi spettacoli faceva pagare cifre infime ( io pagai un abbonamento di cinquemila lire per vedere 4 spettacoli!) perchè voleva che anche gente che non aveva normalmente la possibilità di andare teatro lo potesse fare.Ma Dario Fo,qualunque cosa se ne pensi,era uno che credeva nelle sue idee e non ha fatto i soldi che ha fato Grillo e con molti dei suoi denari ha comprato il terreno per farci la Comune di Alcatraz in Umbria,salvando un meraviglioso bosco dalla lottizzazione;ci sarà una differenza?Io continuo a credere di si,anche se mi sento,ormai sorpassato;come continuo a credere che Berlinguer sarebbe inorridito dinanzi a compensi come quelli di Santoro o di Fabio Fazio(2 milioni di euro!!) e li avrebbe definiti immorali,senza se e senza me,specie se erogati dal servizio pubblico,pubblicità o non pubblicità...


# 84    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 12/6/2010 alle 18:44

# 82 commento di Tolomeo - lasciato il 12/6/2010 alle 18:3 "L'opinione pubblica è morta, e chi l'ha uccisa non può pensare di piangere sul suo cadavere. "...molto importante tutto il tuo commento di cui estrapolo la conclusione perno del tutto. è andata cosi come descrivi. il tuo commento è doloroso ma è cosi guardando in faccia la realtà che forse si potrà ripartire. Se vuoi farti del male o del bene, dipende, vediti il dibattito che hanno fatto stamane su la7 omnibus, è su questo tema, anche se chiaramente hanno cercato , chi piu chi meno di svicolare il perno_______ è di tutti gli operatori trasversalmente la responsabilità di aver reso cadavere "l'anima" pubblica,che sapeva almeno superficialmente discernere non solo il falso dal vero , ma una serie di altre distinzioni che portano a farsi veramente una opinione "libera"...ed è altrettanto chiaro che un editore ( sb) ha condizionato l'intero mercato e la possibilità di mettere sugli scaffali catodici il meglio di tutti i fatti e di tutte le opinioni e non il peggio dei vari spalti....se ci siamo ritrovati a vedere omesse o manipolate e falsate le notizie e le opinioni, fino ad arrivare a questo punto di masse sedate , è perchè sia a destra che a sinistra , sia ai minzolini sia agl'antiminzolini, sia ai servi sia aii meno servi, fa comodo un popolo di ignoranti come a qualsiasi ddl di qualsiasi tipo che limita magistratura e stampa...è al potere,a cui fa comodo questa legge come gia quella mastella che ricordava calderola e travaglio- il Potere sia di sotto che di sopra che di destra o di sinistra, in questo "sistema cricche paese" e di italiani mai fatti, è uguale su questo lato,non vuole esser intercettato, di conseguenza come contraltare non propriamente cristallino è strana e puzza la protesta che ha riunito da feltri a padellaro e chi piu ne ha ne metta , mentre per primo doveva essere un asse della magistratura in equilibrio diverso e di vero risveglio per la pubblica opinione cadavere anastetiz


# 85    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 12/6/2010 alle 18:44

.. mentre per primo doveva essere un asse della magistratura in equilibrio diverso e di vero risveglio per la pubblica opinione cadavere anastetizzata dalle varie sbadilate truman di fuffa memoria minzoliniana o antiminzoliana. ciao :-)


Perchè ho la sensazione che il termine "mafioso" venga usato un pò...alla leggera? Il mafioso è un individuo non necessariamente ignorante e senza morale...o comunque con una morale molto personale... Si considera "uomo d'onore" eppure agisce nell'ombra e con modi..."vigliacchi"...si considera "credente" nonostante "se ne fotta" altissimamente degli ormai tanto vituperati ed abusati 10 comandamenti (a parte qualcuno...semplici regole di civiltà e di vivere comune)...l'unico suo interesse è il profitto personale,il "potere" su tutto e su tutti (compresi i suoi figli),disinteressato al futuro o alle conseguenze che potrebbero avere i suoi comportamenti(se ne infischia di cosa berranno o respireranno un giorno i suoi,e sottolineo suoi, figli)l'importante è il profitto personale ed il "possesso"... "Mafioso" è sicuramente la parola che meglio definisce il signor Berlusconi ed i suoi accoliti...ed è proprio da questo che deriva la mia rassegnazione...come puoi combattere una multinazionale del crimine che non ha più nemmeno la decenza di "coprire" i propri rapporti con la politica? Ci chiediamo come mai,nonostante le palesi malefatte continui ad avere la maggioranza dei voti...ma...il voto di scambio è una pratica piuttosto comune...o sbaglio?


Non so quanto possa esserci d'aiuto la tecnologia..voglio dire...il passaparola di travaglio, ad esempio, l'unico "telegiornale" ancorchè settimanale che si può ancora guardare e soprattutto ascoltare senza sentirsi presi per i fondelli, è visto (e ascoltato) da 300-500 mila persone..può bastare secondo voi? Ora uno dice..ci fosse un altro travaglio poco male, 300mila di qua 300mila di la, qualcosa si riesce a diffondere. Dite che c'è solo da preoccuparsi e non da aver paura? Non lo so..mi conforta sepere che per ora ho la possibilità di accedere alla rete, mi devasta pensare a chi non può o non sa farvi ricorso, per le loro coscienze e per la loro libertà che in definitiva è anche la mia. Non è più vero infatti che dove finisce la libertà di uno inizia quella di un altro. Sono rimasti in pochi, su entrambi i fronti, ad essere liberi. Di là a perseguire sfacciatemente i propri sporchi interessi, di qua a tentare di resistere. Resistenza. Se ne è già sentito parlare.


I siti possono essere uscurati quando scoperti, i giornali che pubblicano gli articoli di scrittori della nazione finita in dittatura possono essere bloccati, cosa che provoca disdegno nelle comunità internazionali. Nel periodo del Fascismo Mussolini bloccò giornali e stampa estera...meno che i libri di topolino della disney, non perchè non volesse farlo, bensì perchè i suoi figli li guardavano. Ciononostante è bene ricordare che non è la censura a dar fama al giornalista, ma la capacità di informare e di fare ricostruzioni corrette che permettono di comprendere i fatti. La pena derivante dalla bravuta di Travaglio non deve dar carta bianca a ciarlatani che solo sembrano intornare voci simili. L'impegno nel fare giornalismo deve essere indipendente da dove viene profuso od in che mezzi di diffonde.


Stiamo tornando ai tempi di "Radio Londra" di dolorosa memoria; allorché per poter avere notizie "vere" sull'andamento del conflitto mondiale, era necessario agganciarsi alle frequenze della sunnominata emittente. In che stato siamo ridotti! E costui, il Banana, ha a disposizione ancora tre anni per proseguire nella macellazione di quest Paese.


I politici italiani sono ignoranti e retrogradi. Se conoscessero internet non avrebbero nemmeno bisogno di una legge per evitare le intercettazioni visto che sul web ci sono mille modi diversi per comunicare senza essere intercettati. Ovviamente non sanno nemmeno che sul web i documenti sono accessibili da qualunque parte del mondo. Ben vengano le pubblicazioni proibite in italia su siti stranieri. Devono cuocersi nel loro stesso brodo!





commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti