Commenti

commenti su voglioscendere

post: Commissione Grandi Fiaschi

Signornò, da L'Espresso in edicola Un anno fa, sull’onda emozionale del terremoto, le bocche dei politici e i commenti dei giornali di ogni tendenza tracimavano di slogan sdegnati : “Chi ha sbagliato paghi”. Ora che la Procura dell’Aquila ha chiuso l’inchiesta con gli avvisi ai sette membri della commissione Grandi Rischi accusati di omicidio colposo , lo sdegno è tutto contro i magistrati. Stendiamo un velo pietoso su Berlusconi che irride alla presunta accusa a Bertolaso di “non aver previsto il terremoto” e minaccia di ritirare dall’Aquila la Protezione civile; su Bertolaso che, ormai impegnato nella sua protezione dai sospetti di corruzione, si dice “sbigottito”; e sul successore designato Franco Gabrielli, ex prefetto dell’Aquila, che accusa “i soloni che sostengono a ... continua



commenti



"PENSIAMO ogni volta di aver conosciuto di Berlusconi il volto peggiore, l'intenzione più maligna, la mossa più fraudolenta. Bisogna convincersene, quell'uomo sarà sempre in grado di mostrare un'intenzione ancora più maligna, una mossa ancora più fraudolenta, un volto ancora peggiore..." G. D'Avanzo su Repubblica. Forza Marco Travaglio che si stanno convertendo!


Pure il terremoto ha da omologarsi alla prosopopea berlusconiana. Quando si sparse la notizia che la Grande Rischi era indagata, su "il Giornale", ritrovai dei pezzi di fuoco contro i magistrati che avevavno osato tanto. More solito, il vicedirettore Sallusti invocava l'intervento degli ispettori di Alfano dimenticando che il fascicolo era stato aperto su precise denunce di associazioni dei familiari delle vittime. Poi venne il Berlu con le sue dichiarazioni deliranti ed, in televisione, nessuno gli fece notare che Berto l'asso era indagato per la GR e non per l'opera successiva di soccorso. Macaluso? E che ne parliamo a fare! Come Napolitano ha vissuto tutta una vita da comunista e, non solo in questa occasione, lo si trova sulle barricate insieme ai berlusconiani. Si sarà pentito della sua vita precedente. saluti


L'Avanzo avanzò, finalmente, e fece un bel passo avanti: dal villaggio vacanze di Travaglio alla psicanalisi di Re Lanterna. Quod nunc ratio est, impetus ante fuit.


Credo che Lei abbia preso un abbaglio. Tralasci i riferimenti alla giustizia amministrata in nome del popolo, che la fanno somigliare più a un leghista che all'uomo sensato che è. E' cosa nota che non si possa predire con esattezza il momento delle scosse; e credo che si sia fatto bene ad evitare di dare l'allarme. Senza dubbio la prevenzione dei danni del terremoto è stata scadente; ma temo che dare un colpevole alla folla comprensibilmente inferocita non si regga su basi scientifiche accettabili. Se mi sbaglio, sarò felice di riconoscerlo.


Quanto sopra, naturalmente, non ha nulla a che vedere con i bertoladri, l'abusivismo e i piloni di sabbia..


BRANCHER, INTERVIENE IL QUIRINALE: «NON HA LEGITTIMO IMPEDIMENTO» __ Il Colle precisa che il ministro non può ricorrere alla legge per evitare di presentarsi in tribunale perché il suo è un dicastero senza portafoglio e non ha bisogno di essere organizzato. «Non so niente, devo sentire. Non ne sapevo niente» ha commentato a caldo il neoministro» /// E già, lui non sa niente, non ha visto niente, come Scajola: tutto a sua insaputa. Berlusconi lo ha nominato ministro per permettergli di scampare a un processo di cui lui non sapeva l'esistenza. E ovviamente non sapeva che i suoi avvocati hanno fatto ricorso al legittimo impedimento. Era davvero convinto che il governo avesse bisogno di un ministro per il federalismo, come ci sarà rimasto male, poverino... Comunque sono davvero una banda di imbecilli, potevano trovare una scusa migliore di quella di dover organizzare un ministero che non esiste. Scommettiamo che faranno un decreto per istituire il "ministero per il federalismo"?!


Il 23 gennaio 1985 l'INGV lanciò l’allarme di una potenziale violenta scossa sismica provocando l’evacuazione di dieci Comuni in Garfagnana. Il terremoto non arrivò, e Zamberletti, con Franco Barberi ed Enzo Boschi, finì sotto inchiesta per procurato allarme. Lo scorso anno, all’Aquila, l’allarme non è arrivato, ma il sisma di magnitudo elevata sì. Così oggi le stesse persone – Barberi e Boschi, ma anche Giulio Selvaggi, direttore del Centro nazionale terremoti, con tutta la Commissione grandi rischi – sono sotto inchiesta per mancato allarme.


Sono d'accordo in linea di principio con il commento # 4 commento di Lei, non si possono prevedere terremoti e certamente non si può pensare di dare allarmi ingiustificati. Non si può tenere una cittàin allarme per 6 mesi solo perchè si è i zona sismica. Tengo inoltre a precisare che tutta l'Italia è considerata zona sismica. Detto cioò, è altrettanto vero che la casa dello studente si è praticamente sbriciolata e ciò è SICURAMENTE dovuto ad una scarsa attenzione in fase costruttiva. La protezione civile in questo caso forse colpe non ne ha, e che l'on. (??) Berlusconi ha parlato a vanvera -come al solito direi-


Bene la Michela Vittoria Brambilla.


Brancher senza portafoglio e senza scudo alnano


Sono d'accordo con i commenti di "Lei", "ezio" ed "Elisa" e - caso abbastanza raro, lo ammetto - in totale disaccordo con quanto scritto da Travaglio. Se si volesse lanciare l'allarme ad ogni sciame sismico, la popolazione di mezzo pianeta diventerebbe, di fatto, nomade. Bene fece, invece, la Grandi Rischi ad affermare che “La comunità scientifica ha confermato che non c’è pericolo perché il continuo scarico di energia riduce la possibilità che si verifichino eventi particolarmente intensi”: chiunque sia del mestiere, infatti, sa che il terremoto de L'Aquila fu una scossa di media intensità, che in paesi seri non avrebbe provocato nemmeno feriti. Purtroppo la mancanza di cultura scientifica porta a scrivere castronerie anche un Giornalista (la maisucola è voluta) come Travaglio. Mi dispiace.


..mi sa che state facendo confusione,Travaglio non ha detto che andava lanciato l'allarme, ma ha fatto notare che la commissione ha fatto come Ponzio Pilato: "..se i terremoti sono imprevedibili, non si può prevedere né che ci saranno né che non ci saranno. Ma, anzichè tacere o dire “non sappiamo”, i cervelloni della Grandi Rischi previdero che non sarebbe successo niente. ." Dire che NON SUCCEDE NIENTE equivale alla presunzione di voler affermare il contrario.


fare confusione è sempre il modo più semplice ed efficace per pararsi il cu-mu-lo.


Due piccole precisazioni: vero è che la scossa di terremoto che ha distrutto l'Aquila è stata di "media" intensità e che probabilmente in altre realtà non avrebbe provocato i danni che ha provocato nell'aquilano. Ma bisogna tenere presente che l'Aquila è una citta antica, molto antica anche per i paramentri italiani, che poggia letteralmente su un sistema di faglie antitetiche (e NON su piani di faglia che normalmente agiscono a profondità molto elevate), e che per quanto "media" la scossa ha spostato tutta l'Aquila di ben 15 cm. Questo significa che a L'Aquila possono (e ahimè si sono verificati) innescarsi fenomeni di risonanza: in pratica una scossa anche lieve viene amplificata per risonanza fino a raggiungere il livello di scarico in superficie.Si tenga presente che per quanto monitorato, il territorio abruzzese è intrinsecamente "fragile", e le politiche di salvaguardia del medesimo in Abruzzo come in Italia non brillano per efficacia. Si noti inoltre che la faglia dei Monti della Laga, lunga 30 chilometri con un rigetto di spostamento tra le due parti di 1.000 metri, (una delle responsabili dell'innesco del sisma), passa proprio dove si trova la diga di Campotosto e si interrompe al Gran Sasso. La diga è stata proggettata per terremoti di magnitudine 7, ma questo è un dato che non tiene conto del fattore di risonanza.


# 15    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 25/6/2010 alle 21:1

@ 12 -- La confusione è nel tuo cervello, chi sa leggere ha letto bene. I commenti di Lei, ezio e Elisa, sono la sintesi perfetta del caso. Il rischio della commissione grandi rischi è di finire sotto inchiesta sia che dia sia che non dia l'allarme. Fossi in loro manterrei SEMPRE un moderato livello d'allarme, però sarebbe paraculaggine, non molto scientifica, ma almeno eviterebbe accuse ingiustificate. Su Alfredo Rossini invece Travaglio fa un esercizio da abile girafrittate: la frase del magistrato è "un risultato conforme a quello che la gente si aspetta" e Travaglio chiude con un ridicolo "la giustizia è "amministrata nel nome del popolo"". Che lo sia non ci piove, almeno così dovrebbe essere, ma quello che la gente si aspetta NON E' ciò che un magistrato deve comminare come pena, c'è il codice penale per definire le pene, e lo si applica DOPO un regolare processo dal quale emergano le responsabilità certe e "oltre ogni ragionevole dubbio". Se la gente auspicasse il linciaggio sulla pubblica piazza, cosa deve fare il giudice? condannare al linciaggio? Allora torniamo alla giustizia medievale, c'era anche il rogo se ricordo bene.


Quando non c'erano nè grandi rischi nè protezione, nella mia Irpinia, verso le 5 di sera alla fine degli anni'60, arrivò una lieve scossa di terremoto. La sera, balle di paglia sull'aia, dormimmo all'aperto. Non ci furono ulterori scosse e la sera seguente, con un pò di apprensione, andammo a dormire nei nostri letti. Pochi presero sonno e quei pochi per poche ore. La sera seguente dormimmo un pò di più, e così via fino alla normalità. Prima del 6 Aprile a L'Aquila, c'erano state numerosissime scosse di terremoto e la gente non era per niente tranquilla. Non ci sono stime in proposito per cui non si può dire chi faceva cosa. Di sicuro, anche se nel proprio letto, nessuno dormiva tranquillo. Dopo il terremoto intervistarono una delle poche sopravvisute della casa dello studente. Raccontò che, per il fatto che, sui muri, erano apparse profonde crepe, quasi tutti gli studenti erano rientrati nelle case di origine. Quando tornarono? Dopo il pronuciamento della GR. Che disse? Che le scosse non era il segno di un terremoto imminente quanto piuttosto lo scarico di una tensione tettonica. Per cui? Se, in una zona altamente sismica, la tensione si sta scaricando è meno probabile che ci sia un terremoto che, per quello che so, è proprio uno scarico violento di una tensione non scaricata. Che questa fosse l'interpretazione dei pronunciamenti della GR, lo sta a dimostrare l'invito a bere un bel bicchierozzo fatto dal vicepresidente. Sono d'accordo con #12 Mercurio. Se, per la previsione dei terremoti, niente si può dire, perchè avete non solo scritto ma anche parlato? Vi siete riuniti per stabilire che era impossibile prevedere un terremoto? (tale nota, nel verbale, è stata inserita solo il 6 Aprile) E scienziati come voi non lo sapevano già prima? Io penso che, in un modo o nell'altro, non ci saranno condanne. Ma fossi in loro, mi rimarrebbero molti scrupoli sulla coscienza. saluti


# 15 Renzo C __ la frase del magistrato è "un risultato conforme a quello che la gente si aspetta" e Travaglio chiude con un ridicolo "la giustizia è "amministrata nel nome del popolo" /// Veramente la frase è di Macaluso che si riferisce a Rossini, e comunque se leggi bene il seguito puoi renderti conto che quello che dice Travaglio è in linea di principio identico a quanto hai detto tu. E' Macaluso che accusa i magistrati di assecondare i cittadini. La commissione grandi rischi ha rassicurato gli aquilani dicendo che non c'era pericolo. Si sbagliavano, punto. L'inchiesta e l'eventuale processo stabiliranno se ci sono state colpe o neglicenze.


Gentile Renzo: in effetti la Cgr (commissione grandi rischi; sia detto per inciso, in Italia tale commissione si occupa di un po' di tutto) dovrebbe applicare, non tanto il buonsenso, quanto le basilari norme di prevenzione ed un minimo di coerenza euristica. L'Aquila era stata microzonata dalla stessa commissione con coefficiente 2, quindi con un livello di attenzione specifico. Se si tiene presente che le problematicità relative all'antisismica degli edifici era NOTA (calcestruzzi non ottimali, staffature incomplete e facilmente riscontrabili perchè addirittura "a vista"), e se si considera che nei piani di microzonazione esistevano SPECIFICI coefficienti di rischio probabilistico, la summenzionata Commissione avrebbe quantomeno dovuto applicare il principio di "minimia prudenza", magari cominciando a procedere al rafforzamento delle principali strutture cittadine,procedendo ad una serie di esercitazioni della protezione civile in ambito notturno,con isolamento delle frazioni difficlmente raggiungibili in caso di sisma etc, peraltro già previste dai disciplinari di protezione civile. Quantomeno si sarebbero,forse, potute evitare delle tragiche morti.E inutili polemiche


lq questione è ovviamente delicata e sparare giudizi e sentenze è fin troppo facile. è vero che l'italia è tutta zona sismica, ma questo non dovrebbe farci dire "allora chi se ne frega ma farci drizzare le antenne ancora di più. Se è vero che non si può prevedere un terremoto, è altrettanto vero che si possono fare intanto valutazioni di rischio e in caso di segnali anche solo ambigui intensificare i controlli, preparare dei piani, fornire informazioni alla gente. la zona è sismica, da mesi c'erano scosse e anche tecnici e scenziati che lanciavano allarmi...non dico che andava evaquata l'aquila, diamine, ma davvero non si potevano evitare quei morti? voglio dire, se ci troviamo di fronte un pazzo che urla con una pistola in pugno, è chiaro che non possiamo dire se sparerà e in caso chi ucciderà, e allora che facciamo, ci fermiamo li davanti a chiacchierare come niente fosse o ci tuffiamo dietro il muro più vicino? tra l'altro, riguardatevi i video di travaglio o di annozero dei giorni subito dopo:nessuno se l'è presa con la protezione civile, ma con chi ha di fronte al pazzo di cui sopra ha detto " tranquilli, chicchierate pure" invece di urlare "A TERRAAA"!


CLAMOROSO OT-(Ansa)Quirinale, a Brancher non serve legittimo impedimento.Il Quirinale rileva: non serve, nessun ministero da organizzare in quanto senza portafoglio.ROMA - "In rapporto a quanto si è letto su qualche quotidiano questa mattina a proposito del ricorso dell'on. Aldo Brancher alla facoltà prevista per i ministri dalla legge sul legittimo impedimento - si legge in una nota del Quirinale - si rileva che non c'é nessun nuovo Ministero da organizzare in quanto l'on. Brancher è stato nominato semplicemente ministro senza portafoglio.


La Commissione Grandi Fiaschi, per chi non se lo ricordasse, oltre a Berty-party e Boski, comprende anche tale BARBERI, uno che nel 1997 disse 'tranquilli, non ci saranno altre forti scosse di terremoto'. Il giorno dopo la scossa del terremoto in Umbria (sett. 1997) ne arrivò invece un'altra, che sotterrò cinque tra frati e vigili. Barberi, poi, è lo stesso anche indagato per la Missione arcobaleno (1999, per gli aiuti al kosovo). Ma queste cariatidi, questi cialtroni non vanno mai alla rottamazione? Stanno sempre lì. E giustamente, se un terremoto non si può prevedere, non ha nessun senso dire che 'non c'é pericolo'. In realtà il terremoto era già in atto da mesi, quindi c'era. E nessuno poteva sapere se si sarebbe aggravato o meno, quindi la prudenza doveva essere massima. Quanto alla Casa dello studente, non ci voleva un genio per capire che se le scosse l'avevano danneggiata, potevano anche abbatterla una volta 'crepata'. Ma per il miglior governo degli ultimi 150 anni, che adesso non ha più i soldi per la ricostruzione abruzzese, questo non è un problema. Dopotutto, non c'era nessun Berlusconi sotto quelle macerie. Sì, sono un forcaiolo e questi puzzoni li voglio tutti appesi. Amen.


Ma non è nemmeno solo questo: A- la PC aveva fatto dei PIANI D'EMERGENZA per l'Aquila? Risposta, NO. B- La PC ha collaborato con le autorità locali per coordinare gli sforzi? NO C- La PC ha spiegato l'ossimoro degli 'alloggi temporanei in cemento' (CASE)? No. Hanno lasciato che l'Aquila venisse distrutta, a loro non fregava niente, del resto anticamente era un'avversaria del potere di Roma. E adesso non ci sono i soldi ma gli SCIACALLI sì. Sapete che a L'Aquila vi sono in giro degli agenti che comprano a prezzi stracciati le case distrutte? Ma va là, con i loro abitanti originari che quando non sono morti, sono mantenuti in segregazione a dozzine di km di distanza, che non hanno niente, che devono pagare le tasse malgrado questo! E arrivano questi tizi che pagano in contanti grosse somme (ma circa la metà del valore degli immobili) e si accaparrano la città! Questo dev'essere urlato ai quattro venti, perché si approfitta dell'assenza dello stato per fare affari sulla pelle delle persone! Come per Pomigliano, questo accade solo perché le autorità che dovrebbero PROTEGGERE LE PERSONE proteggono in realtà gli approfittatori, i veri sciacalli di ogni disastro.


commento di E certo - lasciato il 25/6/2010 alle 21:58 Questa degli agenti profittatori per conto di acquirenti certamente ricchi è veramente terribile! Anche peggio di chi rideva nel letto!


Io non mi soffermerei sulla prevedibilità o meno del terremoto. Non è questo il punto a mio parere . Io ricordo più di qualche testimonianza all'epoca dei fatti tra cui alcuni studenti universitari che avevano manifestato precedentemente preoccupazione a causa di alcuni strani scricchiolii. E altri elementi di avvertimento. A cui è stato risposto : Dormi tranquillo. Ben sapendo o quanto meno potevano informarsi che nessuna manutenzione era stata effettuata sui quei palazzi crollati. E ben sapendo in che modo erano stati costruiti.Nessun individuo che ha a che fare con la vita umana può permettersi di impovvisare un mestiere o una professione.


Ehi, ma nella maggior parte dei paesi occidentali, con un terremoto dell'intensita` di quello di L'Aquila le case rimangono in piedi e la gente torna a dormire nei propri letti. Se prevedere i terremoti con precisione non e` ancora possibile, costruire case antisismiche in zone ad alto rischio sismico e` un dovere e chi non lo fa e` un criminale.


Brancher dovrebbe invocare l'articolo sull'ugualianza sancita dalla Costituzione e chiedere a gran voce: perché Berlusconi può, e io no?


# 27    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 26/6/2010 alle 0:5

# 17 commento di Lorenzo O. --- Mi dispiace contraddirti, ma la frase è di Rossini, Macaluso l'ha solo riportata pari pari. Puoi leggerla nel link che ti lascio. Per questa ragione non sono d'accordo con quanto conclude Travaglio. -------------- @ italo de francesco -- Concordo con la sua analisi sulla prevenzione, purtroppo però si scontra con una cronica mancanza di fondi. Se considera poi che molta parte del territorio italiano è dichiarata a rischio sismico, comprende che si tratta non di cifre di poco conto. Non sarebbe accettabile che si facesse prevenzione in alcune aree sì e in altre no. E' vero che esisteva già anche uno studio della Abruzzo Engineering sulla pericolosità di alcuni edifici in caso di sisma, ma, da quanto ho letto, lo studio non aveva completato lo screening di tutti gli stabili abruzzesi, o almeno di quelli nelle aree a più alto rischio. -- Concludendo: non c'è ancora un protocollo accettato dalla comunità internazionale che consenta una previsione temporale certa di un sisma, abbiamo centri storici spesso angusti con edifici plurisecolari difficili da mettere in sicurezza senza offendere la struttura (quindi con probabili e giusti veti dei beni culturali), ma più che altro non abbiamo SOLDI da destinare a ciò che servirebbe. E' per queste ragioni che non mi sento di mettere la CGR sul banco degli imputati: se allarmano e non succede niente, li indagano per procurato allarme; se tranquillizzano e arriva il sisma, li indagano per mancata allerta. Soldi per simulazioni sul campo (è piuttosto grande) non ce ne sono.... anche se lo stipendio è buono, io preferisco un altro lavoro, se lo trovo :)
http://snipurl.com/xwf77 [www_corriere_it]


Ahhhh spettacolare il nuovo tip-tap di Renzo C!!! Ora passa a difendere anche chi non ha fatto neanche una prova di evacuazione della città dopo mesi di terremoto! L'Aquila é zona rossa come rischio sismico! Ai cittadini non è mai stato detto che possono verificarsi ANCHE eventi catastrofici, come non gli hanno fatto fare delle esercitazioni regolari (come avviene in Giappone ed in California ad esempio) per prepararli ad un evento simile. Ma ora Renzo C ci dirà che il terremoto a L'Aquila non era prevedibile… Il terremoto all'Aquila era eccome prevedibile, la sua collocazione temporale non può essere ancora calcolata, ma é e resta una zona sismica catalogata come alto rischio. Che ne dici del Vesuvio? Di Messina? Quelle saranno le prossime tragedie se continuiamo a prendere così alla carlona questi temi, proprio come Bertolaso e quegli altri sciacalli hanno fatto pur di poter continuare a NON fare il loro lavoro, ma ad organizzare ben più renumerativi GRANDI EVENTI.
VERGOGNATI RENZO C, SEI IL MARCIO DI QUESTO PAESE!


Notte...


quante palle... non dico che la città doveva essere evacuata ma almeno predisporre delle procedure per limitare gli eventuali rischi... è che questi sono degli uomini mediocri... brutta gente... il capo ha deciso che niente deve disturbare la favoletta e questi si sono subito allineati.. brutta gente... mediocri... vecchi... bertolaso si stava separando e il berlusca gli ha fatto conoscere un po' di figa e lui non c' ha capito più niente... e i massaggi con la brasiliana? di conseguenza... il cognato piermarini e la bonifica della maddalena in cambio della pace con la moglie... 70mln di nostri soldi... però timorati di Dio... il fiore all' occhiello del vaticano.... balducci gay represso ma gentiluomo del papa che condanna i gay... lo specchio del paese... il declino è così palese... siete voi berluscones i responsabili di tutto questo... voi e il vostro anticomunismo d' accatto.... il vero idem sentire dei forzaitalioti.... stare a destra senza essere più chiamati fascisti la vera rivalsa.... nemmeno bertinotti è più comunista.... sempre in tv, blandito dal cavaliere quando serviva a far cadere prodi ora sparito, sulle panchine dei giardinetti...






Se non si possono prevedere i terremoti, non si può nemmeno prevedere che non ci saranno terremoti come ha fatto, criminosamente, la Banda Grande Rischi - sconfessata all'istante dagli eventi. Anzi, quasi quasi è più facile prevedere i terremoti....


# 27 Renzo C:"E' per queste ragioni che non mi sento di mettere la CGR sul banco degli imputati: se allarmano e non succede niente, li indagano per procurato allarme; se tranquillizzano e arriva il sisma, li indagano per mancata allerta."------------------------------------------------------------------------------------------------e che cazzo stanno lì a fare?


@Renzo: Lei afferma che: "E' vero che esisteva già anche uno studio della Abruzzo Engineering sulla pericolosità di alcuni edifici in caso di sisma, ma, da quanto ho letto, lo studio non aveva completato lo screening di tutti gli stabili abruzzesi, o almeno di quelli nelle aree a più alto rischio". Ciò è soltanto in parte vero in quanto gli studi di rischio sismicità della zona (che comprendevano una microzonazione di tipo c, e prevedevano la ricognizione "sul territorio") avevano già da tempo posto in attenzione le zone sismiche dell'Abruzzo (compresa la ricognizione degli edifici: Le ripeto che furono segnalati addirittura staffamenti a vista, peraltro in edifici considerati antisismici, e non ci vuole uno strutturalista per capire che in quelle condizioni anche un peto avrebbe potuto causare danni). D'altronde sarebbe bastato andare a compulsare l'annuario statistico geologico italiano (senza dover consultare Abruzzo Engineering, che sul ranking scientifico internazionale vale zero) per rendersi conto del fatto che gli edifici dell'aquilano NON erano antisismici, e presentavano gravissime irregolarità costruttive.Quanto ai fondi le faccio presente che la Cgr gestisce di concerto con la PC circa 1,608 miliardi di euro all'anno, più che sufficienti per isolare e mettere in sicurezza gli edifici più vetusti (il costo base di intervento sull'Aquila si agirava sui 400 mln di euro per i rischi più elevati).Quanto a quello che lei chiama "protocollo accettato dalla comunità internazionale che consenta una previsione temporale certa di un sisma" ciò è vero solo in parte. Il discorso sarebbe troppo lungo da affrontare in questa sede. D'altronde gli organismi di prevenzione sono tali solo se si accollano l'alea di una previsione sbagliata. Ma una cosa è certa: in quei giorni alla Commisione tutto si faceva tranne che prendere in considerazione il fattore di rischio, mentre ben altre considerazioni emergevano dagli allucinanti messaggi del dipartimento.


Come sempre solo parole. Come si organizzava l'evacuazione della città? In che giorno, in che ora, per quanto? Io non so rispondere. Chiunque prima di parlare "dopo" dovrebbe proporre almeno delle soluzioni al problema. I magistrati perchè arrivano sempre a fatto compiuto? Non c'era nessun magistrato in zona che ritenesse che le autorità competenti non facevano il loro dovere nella salvaguardia della salute pubblica e che quindi erano almeno passibili di un semplice richiamo per mancato controllo? Nessuno si può chiamr fuori dalla tragedia dell'Aquila. In modo particolare chi ha il dovere di garantire giustizia e protezione ai cittadini. Marco tu che avresti fatto per prevenire la tragedia?


# 37    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 26/6/2010 alle 10:33

ciao Renzo, uno dei problemi gravi dall'ultimo grande "crollo" , quello più definitivo di tutti gli altri , è avvenuto all'avvio di ciò che ha messo più di tutti gli altri eventi catastrofali dell'umanità, gli stati contro le popolazioni. fra gli stati ci sono quelli di un occidente che si vende democratico con tanti suoi apparati, ma non può esserlo in determinati condizioni "storiche" di spatrimonializzazione.le persone sono diventate oggetti come le merci che si spostano come pacchi in giro per tutto il mondo. è vero quanto dici dei fondi e le risorse che mancano per essere tutti PERSONE,non "gente" allo sbando, ma è vero anche per uno stato così contemporaneo e per nulla moderno come il nostro,che c'è da distinguere cmq evento da evento,soprattuttto perchè "il merito" su certi eventi che sa vedere la società criminale,ben nascosta nelel pieghe di quella legale, paga sempre, mentre quella che si accavalla come legale mai sta dmostrando di saperlo fare_____tu purtroppo hai risentito di quel fenomeno dei crolli e sembri aver assimilato il senso di non limite.cioè non hai limite nel ricomporre in te la tua relazione, fondativa, di io e l'altro. se tu avessi vissuto da ottobre 2008 al 6 aprile 2009, in quella città, non potresti pensarla o spingere i tuoi ricchi ragionamenti intellettuali o cerebrali fino oltre determinati paletti.la tua grande mente non ti aiuta a farti UOMO con l'altro uomo difronte a te.altrimenti avresti molteplicità di spunti diversi dentro la tua testa,ponendoti ad esempio in questo gruppo di lettori della realtà,in modo piu delicato pur nella forza delel tue convinzioni.ciò cheha colpito aquila, è stato di una tale unicità per la tragedia annunciata che nn dico che non ci sarebbe stato manco un morto,se si fosse intervenuti nell'arco di quei sei mesi, ma sicuramente sarebbero stato limitati al massimo nelle zone rosse di aquila e di alcuni villaggi d'intorno( es onna). quella unicità temporale,è cosi tanto un grande rischio, ma così tanto, ch


# 38    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 26/6/2010 alle 10:34

che era palese cosa stava chiedendo la popolazione,ridotta già prima come un libro di stephen king. non ti sto parlando della scientificità o meno del metodo giuliani, nè ti sto parlando di quali forme giuridiche precise rivestire la commissione grandi rischi,ma purtroppo il tuo ragionamento rinsalda uno dei lati piu oscuri di questo paese, cioè che nessuno nè nel piccolo nè nell'evento di proporzioni gigantesche di cui alcune evitabili, sia responsabile. la responsabilità è un attributo fondativo di un regime che voglia dirsi democratico.un regime di questo tipo, in cui non viviamo,avrebbe saputo con la diligenza media del buon padre di famiglia, fare come alcuni studenti o alcuni abitanti di costruzioni recenti,fatte d'argilla diciamo,gestire con piccoli strumenti,l'allontanamento da certe strutture e di altre , pubbliche, di conservazione di archivi/documenti imperdibili,il trasferimento in zone provvisorie di maggior sicurezza.se mai si inizia a parlare nel senso proprio e pieno della parola "sicurezza", la parola "rischio" non può qualificare strutture pubbliche o commissioni che ne grantiscono la crretta gestione. anche qui non si parla su un piano giuridico , ma su un piano "morale" di deontologia cioè di tutte quelel funzioni pubbliche che nei loro apparati non sono rivestite solo di una forma, ma nel minimo che sono tenuti a garantire, devono offrire quella stessa diligenza del buon padre di famiglia,almeno come quella che avresti avuto tu, allontanandoti dalla casa in cui abiti fino a data da destinarsi e portando al riparo gli archivi piu delicati che non potevi smarrire, sia per la tua professione pubblica sia per quella privata.stare piu leggeri sul tuo senso del limite, per questo ed altri argomenti, è l'unico consiglio che ti posso dare,soprattutto per argomenti cosi dolorosi come i crolli sociali causati dalle mafie o quelli catastrofali di altre tragedie più che annunciate. con tanta amarezza di saluto , buonagiornata a te e a tutti.




Scusate, sono OT. Per unoqualunque: scusa, sto cercando di seguire i vostri discorsi (le polemiche non mi interessano) ma faccio fatica a capire, probabilmente perchè non ho trovato il tempo di leggere a fondo tutti i punti di vista. Mi interessa in particolare una cosa: tu sostieni che il figlio del presidente del collegio giudicante dall'acqua è del PDL, nella corrente di dell'utri. In genere leggo quasi sempre travaglio, ma non mi ricordo quando ha parlato o scritto di questo fatto, che mi pare abbastanza grave. Anzi credo che un giudice forse non è obbligato, ma in questi casi dovrebbe astenersi. Mi sai per favore indicare dove Travaglio dice questo, oppure, se lo dice un altro giornalista, mi potresti fornire un link? Grazie in anticipo.


Il problema sta nel manico: l'osceno paraculo berlusconiano "legittimo impedimento". Perché il capo dello Stato si arrabbia solo ora?




Vivo nelle Marche; nella mia scuola vengono effettuate due simulazioni all'anno da prima del terremoto del 1997!


unoqualunque: se preferisci puoi rispondere anche in "quello che gli altri non dicono", così non restiamo OT qui. Scusate di nuovo.


questa volta devo restare in linea con l'articolo. che non dice che si doveva né sgomberare in massa né creare panico, ma almeno dare quella sorta di dubbio scientifico legittimo di dire "NON SAPPIAMO" .. se un terremo non si può prevedere che avvenga, logica vuole che non si può prevedere neanche il contrario(come invece afferamavano implicitamente :/) da autorità competenti il minimo che ti aspetti è l'onestà scientifica di dire "non possiamo darvi dati certi stiamo monitorando" questa è una rispostata SCIENTIFICA da dare. Possiamo metterci tutta la dietrologia politica che si vuole, ma l'italiano è uno ed inequivocabile. La giustizia può e deve seguire il suo percorso.


Poche palle, come al solito ha ragione Travaglio. Un conto è dire che non si possono prevedere i terremoti, e su questo siamo d'accordo. Un conto è rassicurare la popolazione che un evento NON accadrà, senza avere (appunto) la certezza che NON accadrà. La minima intelligenza avrebbe dovuto far dire alla CGR queste semplicissime parole : gente dell'Aquila, noi non diciamo che stanotte o domani notte verrà giù tutto, per cui non dovete vivere in uno stato di paura perenne. Tuttavia, dal momento che ci sono, seppur minimi, segnali di attività sismica, METTETE IN ATTO TUTTE LE CAUTELE NECESSARIE AFFINCHE' IN CASO DI EVENTO IMPORTANTE POSSIATE RIDURRE AL MINIMO I DANNI ALLE PERSONE. E ovviamente poi dare tutti i consigli affinchè gli aquilani mettessero in atto ciò. Questo non solo non è stato fatto, ma è stato dato un fuorviante e pericoloso messaggio di "state tranquilli che tanto non succede nulla", "andate avanti come se nulla fosse". Pochi giorni dopo è venuto giù tutto veramente. A Milano c'è il detto : "meglio rossi prima che smorti dopo", la cui traduzione adattata al nostro caso è : "meglio prendere prima delle apparentemente inutili precauzioni piuttosto che piangere i morti dopo". Non si può dire che nulla accadrà se non si ha la certezza matematica che ciò non accadrà, soprattutto nel caso di un terremoto. Come c'è il reato di "procurato allarme" si configura pure il reato di "mancato allarme".


«Chi è bravo è pure dotato di un cervello pensante e autonomo, dunque è una minaccia. Il che spiega il trionfo dei soliti noti, decrepiti, mediocri, senza qualità, ma obbedienti, servili, pronti a tutto. Come i pipponi azzurri, preferiti a gente estrosa come Totti, Balotelli e Cassano, lasciati a casa per non disturbare il manovratore» Il Fatto Quotidiano - art. di Travaglio /// Che la classe dirigente sia composta esclusivamente da mediocri, decrepiti, obbedienti e servili è un dato di fatto sul quale non ci sono dubbi. Ma che ci azzeccano Totti, Balotelli e Cassano? Totti ha lasciato la nazionale dopo il mondiale del 2006, Cassano negli ultimi mesi ha giocato pochissimo, mentre Balotelli... no comment! E chi sarebbe il "manovratore" della nazionale? Lippi presumo. Ma come, quando ha vinto il mondiale i soliti esperti denonsisaché hanno puntualizzato che era merito dei giocatori e che lui si era limitato all' "ordinario". Ora che ha perso invece è colpa sua, ridicolo. Basta fare il confronto tra i giocatori di Usa 94 e quelli di oggi. Totti, Balotelli e Cassano sarebbero le riserve delle riserve.


E il "ponte di Messina", anni trascorsi di fondi elargiti?




Tutti a puttane


@MONIA : Il ponte sullo stretto, è solo l'ennesimo appannaggio di patti mafia-stato nessun siciliano che io conosca si è mai espresso a favore.


"Poi accusa il procuratore Alfredo Rossini di vellicare la voglia di “linciaggio”, roba da “rabbrividire”, per aver osato auspicare “un risultato conforme a quello che la gente si aspetta”. Ma la giustizia è “amministrata nel nome del popolo” ed è naturale che un magistrato auspichi di assicurarla fino in fondo" ----- Quadruplo carpiato, complimenti. Che ne dice, lo fate un sondaggione sul Fatto per vedere "cosa la gente si aspetta" e poi ne parlate a Rossini?


D'Avanzo su Repubblica scrive oggi che il Presidente della cosiddetta Repubblica nel nominare Brancher ministro è stato "ingannato". Ora non so se D'Avanzo crede che noi siamo tutti deficienti nel berci una balla del genere, ma comunque se anche fosse vera imporrebbe le dimissioni immediate ANCHE del Presidente della Repubblica per manifesta incapacità a ricoprire l'incarico.


# 54    commento di   laressi - utente certificato  lasciato il 26/6/2010 alle 12:13

L'Italia è il paese dei "fiaschi".....di vino! Siamo tra i maggiori produttori.
Libere_idee.ilcannocchiale.it


...prima le firme a vanvera ora anche le nomine a vanvera di ministri a vanvera che invece di andare a farsi processare vanno in giro a vanvera in un paese a vanvera pieno di gente a vanvera che vota delinquenti a vanvera che invece di governare dicono cazzate a vanvera...


# 56    commento di   galfra - utente certificato  lasciato il 26/6/2010 alle 12:37

Intrecci eversivi, nel caso di Ustica forse anche intrighi internazionali, che non possiamo non richiamare - insieme con opacità di comportamenti da parte di corpi dello Stato, a inefficienze di apparati e di interventi deputati all'accertamento della verità. Giorgio Napolitano, 8 maggio 2010 Peccato che quei corpi dello stato che tanto male hanno fatto al paese oggi sono al governo


Grandezza, Grandeur: grandi eventi, grandi rischi, grandi fiaschi... come la sconfitta ai Mondiali (niente è .... prevedibile!)


Si capisce perché Berlusconi si lamenti di avere poco potere: non è stato in grado di sottrarre un amico alla legittima (!) giustizia! Se stesso sì, per intanto - ma il ladro va al lardo fin quando ci lascia lo zampino.


bondi è bravo è vero


voglio segnalare l'ultima sortita del Tg2 delle 13 di oggi: il polpo profeta!!! i tedeschi usano un polpo per prevedere il risultato delle partite della Germania...questo nuota verso una scatola di plastica a cui è associata anche una bandiera nazionale, poi si mangia il contenuto della scatola. Ma del caso Brancher??? mi pare non si sia parlato, ma non me ne sono reso conto...il polpo e il resto mi ha ipnotizzato


# 57 galfra........... Il Sudafrica, dopo il periodo del'Appartheid, aveva istituito una Commissione della Verità per fare luce sulle malefatte del passato. Pare che abbia lavorato bene, per otto anni (se mi ricordo bene). Sarebbe una idea anche per l'Italia... per fare luce su decenni di misteri. Ma otto anni non basterebbero.


Credo che non abbiate capito... @# 49 commento di Carlo Ruberto--> il terremoto previsto dall'illustre geologo che sta ancora studiando il radon (e probabilmente con qualche fondo in + potrebbe studiarlo meglio!) doveva avere epicentro 70 km + in là e sempre il geologo di cui sopra voleva spostare tutti sa dove? proprio lì a L'Aquila!...mmm... Prima di dire certe cose bisognerebbe informarsi un pochino. Nessuno è ancora in grado di prevedere terremoti, in antichità usavano i gatti, ora strumenti più sofisticti ma il punto è lo stesso! IL PROBLEMA NON SONO I TERREMOTI MA LE COSTRUZIONI FATTE CON I PIEDI PER RISPARMIARE! Le case in abruzzo NON dovevano sbriciolarsi! Questo è il vero punto cruciale!


# 63    commento di   kriptonite1212 - utente certificato  lasciato il 26/6/2010 alle 14:12

problemino da risolver per chi c'è c'è : - la rivoluzione di sinistra latita , è lì alle idee del 1789 ,alle idee del 1917 ,alle idee del 1968 ,alle idee del 1974 , altrimenti c'è il terrorismo(..che è una cosa brutta , il terrorismo.. ) , la gente di sinistra con le idee non gliela fa , non ha idee la rivoluzione di sinistra ..problemino e ciao per chi c'è c'è


TG 1 l'altra sera : si può bere il rosso con il pesce....


Con il pesce rosso


# 66    commento di   kriptonite1212 - utente certificato  lasciato il 26/6/2010 alle 14:21

è BRAVO !è BRAVO !chi ? l'elenco telefonico ! perchè ? perchè è muto eppure comunica ! .........ciao ciao italia .....e ciao ciao a chi rompe i maroniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii


AAA vendesi ministero senza portafoglio sul federalismo o deleghe affini, con ampio ufficio arredato di 20 metri quadrati + retribuzione statale garantita con contributi ed auto blu + segretaria da scegliere fra le prime 10 classificate a miss Padania abile stagista orale + 10 buoni per uscire gratis di prigione. Prezzo base 50.000 euro trattabile e pagabile anche a rate. Telefonare al numero 039-XYZVHT Astenersi leghisti convinti che il federalismo serva per combattere gli sprechi degli italiani non padani e Roma Ladrona.


Questione terremoto: il terremoto allo stato attuali delle conoscenze non è prevedibile, essattamente come il maremoto. Basta guardare l'enormità di falsi allarmi generati dall'ultimo sistema installato per Sumatra, che il giorno dello tsunami ben famoso fece scalpore...perchè aveva previsto il maremoto (per una azzeccata di previsione ne sbagliò una ventina in seguito). Ora qual è il problema? il problema è l'alternativa. Le scosse nella faglia dell'acquila si susseguivano da Gennaio, da mesi e mesi. Chi avrebbe detto alla popolazione (misteriosamente diventata 300.000 persone per il sindaco dell'Acquila dalle 15.000 nelle tendopoli ai 30.000 dei proclami di berlusconi) di star fuori dalla propria casa per mesi perchè forse si stava preparando un terremoto senza alcuna informazione sull'intensità, il giorno dell'evento, i danni che avrebbe provocato? I danni che avrebbe provocato sono computabili sulla base delle tecniche costruttive + o - rispettose della legge. Far evacuare decine di comuni per un tempo indeterminato è fattibile? Questo è il punto che non riesce a capire la Procura dell'Acquila e che sta spingendo i ricercatori nella rete dei mafiosi arcoriani per quanto riguarda le discussioni di giustizia pilotata politicamente.


# 69    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 26/6/2010 alle 15:5

@ Roland #34 -- Questa è l'evoluzione storica della CGR, un casino politico. Comunque, CREDO che da qualche tempo abbiano inventato un coso che si chiama GOOGLE! :p
http://www.ispro.it/wiki/index.php5?title=Commissione_nazionale_grandi_rischi


# 70    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 26/6/2010 alle 15:7

Prima ci siamo fatti fottere la terra da cemento e industrie , poi ce la siamo fatti fottere dai centri commerciali, le città x alienati e il cemento depotenziato , poi ,come in Grecia ,ci venderemo un pezzo alla volta, isola x isola da quelle più piccolette a quelle più grandi , nel mentre saremo sempre più italiani immaginari , di cui alcuni ogni tanto spunteranno fuori , solo per farsi vivi a uno sputo aereodinamico e aeroportuale , come se la nazione immaginaria , fosse quella su cui tanti ladroni e diversamente legoni , ogni volta raccontando palle ,ci fecero pelle solo di pelle palle e tanta tanta palla.




# 72    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 26/6/2010 alle 15:41

Leggettevi se non lo aveste fatto, l articolo di oggi su corriere , relativo a brancher minsitro e i conflitto d interesse , autore Sergio Rizzo . La questione , ancorché giuridica di un altro dei soliti "legittimi impediti", è sempre sempre sempre quella "morale " e quella della indipendenza vera fra i poteri pubblici inconciliabili con quelli personali - le due "concessioni" non sono compatibili .


# 73    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 26/6/2010 alle 15:47

# 35 commento di italo de francesco --- Lei scrive "...furono segnalati addirittura staffamenti a vista, peraltro in edifici considerati antisismici..." e ancora "..sarebbe bastato andare a compulsare l'annuario statistico geologico italiano ... per rendersi conto del fatto che gli edifici dell'aquilano NON erano antisismici, e presentavano gravissime irregolarità costruttive." Da quanto lei ha scritto, deduco che la situazione degli stabili della zona era quantomeno poco chiara: se da un lato edifici vengono considerati antisismici e lei afferma non lo fossero, mentre, secondo le statistiche geologiche che lei cita, NESSUNO lo fosse realmente. Spero di aver ben compreso il suo scritto. A questo punto però sorgono dei quesiti: chi li ha considerati tali? esiste una catalogazione catastale univoca? chi controlla che i requisiti siano rispettati? e se per evitare interventi onerosi venissero accettati come antisismici e non lo sono? i requisiti a quale livello di sisma si riferiscono? Lei poi indica il budget a disposizione alla CGR, e lo ritiene consistente. Il fondo però è onnicomprensivo per tutte le commissioni di rischio e tutte le aree del paese: la cifra PARE quindi sostanziosa, ma in realtà è ridicola rispetto a ciò che servirebbe. Pensi a quanti interventi servirebbero per la sistemazione idrogeologica di tantissime aree, sparse un po' ovunque. Analogamente, se anche si fossero attivati immediatamente dopo la prima scossa (che NON dice che si tratta di uno sciame, lo si apprenderà DOPO che è uno sciame) cosa si sarebbe potuto fare, nei tempi limitati che ci furono, e realisticamente parlando? Forse delle prove di evacquazione, ma è noto che la popolazione è restia ad abbandonare la propria casa, a fronte di un sisma che non si sa se ci sarà, mentre se le case sono vuote lo sciacallaggio è MOLTO più probabile, forse quello è anzi certo. Avrebbero potuto distribuire "buoni consigli" invece che rassicurazioni basate sul nulla, questo sì, ma è anche


# 74    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 26/6/2010 alle 15:47

Avrebbero potuto distribuire "buoni consigli" invece che rassicurazioni basate sul nulla, questo sì, ma è anche vero che i magistrati arrivano "dopo" a questionare su cosa era meglio fare prima. Beh DOPO sono capaci tutti, io faccio sempre 6 al superenalotto... il giorno dopo. Quanto all' ultima parte del suo commento, se si riferisce alle "speranze" di affaroni della cricca, beh quella è tutt'altra faccenda. Purtroppo, e se si riferisce a ciò, non pagheranno mai abbastanza, perchè la pena sarà lieve rispetto a quanto meriterebbero persone che gioiscono delle disgrazie altrui, sulle quali faranno soldi. Saluti.


# 75    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 26/6/2010 alle 15:57

# 22 commento di E certo --- E lei lo sa che c'è un magistrato che nel 2003 si è fatto ristrutturare la casa da un mafioso, con i soldi per la ricostruzione del terremoto del Belice? (1968!!!) tutto regolare, sia chiaro, ma non le sembra MORALMENTE una schifezza? Sono curioso di leggere vostri commenti a questa notiziola mai raccontata da quelli che "non faremo sconti a nessuno". Saluti.


@RENZO per COMMENTO #75 ---- la notizia è di chiaro sconforto come sempre(lol), ma due torti non fanno mai una ragione in ogni cao :/


# 77    commento di   kriptonite1212 - utente certificato  lasciato il 26/6/2010 alle 16:15

si chiama Alain Touraine è storico e sociologo francese , ha studiato la coscienza operaia nel conflitto tra capitale e lavoro , è contro lo strutturalismo (!) , ok ...........a lui si deve il termine SOCIETà POST-INDUSTRIALE , e??? è nato il 3 agosto del 1925 è vivissimo e e e ......?????????????


Temo che l'entusiasmo per Giuliani ed i suoi metodi si nutra di miracolismo e poca cultura scientifica; in pratica di superstizione. In Italia non sento la mancanza d'un nuovo caso DiBella. Temo anche che i giudici, che si intenderanno di diritto ma non certo di geologia, si lascino influenzare dal vociare di chi chiede qualcuno da appendere, a tutti i costi. Posto che le costruzioni sono quelle che sono, e che le esercitazioni si fanno prima e non durante, che doveva dire la CGR? Evacuate? E dove? Tutti e settantamila? O dovevano dormire nelle strade del centro? E se pure l'avessero fatto, ci sarebbero stati meno morti?


Tutto ciò che di male viene all'italia, tutte le stragi impunite, tutte le catastrofi, tutti i morti che si potevano salvare ma non si sono salvati, tutti gli omicidi di mafia, tutta la corruzione, la povertà e la disoccupazione che colpisce i deboli, l'irrisione e il sopruso dei potenti, le case di sabbia e le navi dei veleni, le discariche abusive, i politici ladri e delinquenti, tutto ciò, mettetevi l'animo in pace...CE LO MERITIAMO!!!


# 80    commento di   kriptonite1212 - utente certificato  lasciato il 26/6/2010 alle 17:1

79 e no è ste cazzate no !


# 27 Renzo C: "E' per queste ragioni che non mi sento di mettere la CGR sul banco degli imputati: se allarmano e non succede niente, li indagano per procurato allarme; se tranquillizzano e arriva il sisma, li indagano per mancata allerta." ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Ci ritorno perché questa battuta mi fa pensare all'asino di Buridano; ma nel nostro caso non è l'asino a rimetterci la pelle, bensì i terremotati (ogni paragone che si rispetti zoppica - e qui su quattro zampe); la storiella la trovi pure su GOOGLE (persino con disquisizioni filosofiche...).




# 83    commento di   kriptonite1212 - utente certificato  lasciato il 26/6/2010 alle 17:26

l'autorità ? gentilmente , state tranquilli . questo non risolve i problemi dei cittadini ."state tranquilli" ................


# 84    commento di   kriptonite1212 - utente certificato  lasciato il 26/6/2010 alle 17:32

è sentire parlare di filosofia nel mondo fuori dai logoi deputati è ...................................da ......???? cascà caschè


@Renzo C. E' giusto quello che dici. La CGR, per quanto riguarda i terremoti, è in un cul de sac. Poichè non si possono prevedere, corre il forte rischio di sbagliare sia che si pronunci in un senso che in quello opposto. In materia, un responso dei bussolotti, sarebbe più attendibile. E allora? Che ci si mettono a fare se, con le attuali conoscenze, la loro è una mission impossible? Pochi o tanti, prendono dei soldi. Per fare? Quello che è impossibile fare? Se hai tempo leggi: "http://www.primadanoi.it/notizie/26869-Commissione-Grandi-Rischi-tra-i-7-indagati-Boschi-De-Bernardinis-e-Barberi E, cmq., per la gente comune, quella che aspettava una risposta dal fatto che la CGR si era riunita proprio per una valutazione della situazione, l'invito di De Bernardinis agli aquilani di andare a bere un bicchiere di sangiovese, mi sembra più chiaro ed esplicito di qualsiasi rapporto o documento tecnico. saluti


siamo assuefatti alla violenza al punto che non ci indignamo ormai + di niente, assuefatti dal degrado morale che domina questo popolo, che non alza la voce, per conoscere la verità e sapere ciò che poteva essere fatto, come all'aquila, e che non è stato fatto, magari un iniziale sconcerto ed umanissimo senso di pietà verso questa (o quella) tragedia, e comumque, terminato lo stupore iniziale, tutto deve andare avanti, così che ci siamo lavati un pò di coscienza solo per avere espresso il minimo di pietà verso ogni vittima, ai nostri occhi queste tragedie sono assassinii di massa, vite spezzate e senza alcun valore, come se fossero barzellette che fanno ridere gli sciacalli nel buio delle loro anime tenebrose scusate il mio incedere ...


Sperando che si attivi il link http://www.primadanoi.it/notizie/26869-Commissione-Grandi-Rischi-tra-i-7-indagati-Boschi-De-Bernardinis-e-Barberi


E' giusto scandalizzarsi per Brancher, ma non è il primo caso, Ciarrapico è senatore della repubblica ed è uno dei più loschi figuri. Su google è scritto tutto. B la giustizi se la fa da sé, le concessioni tv se le da sé, i giudizi morali anche, ma molti italiani lo vota, ahinoi!


# 89    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 26/6/2010 alle 18:29

C'è del giusto in tutti o quasi i commenti che ho letto. Cosa potrei aggiungere? Niente senza scadere nel qualunquismo. Infatti FOW scrive "ma due torti non fanno mai una ragione in ogni caso". E' vero, aggiungono solo schifo a schifo. Ed eccoci nel qualunquismo, ma ci portano per mano loro, noi credo che ne faremmo a meno volentieri. Saluti.


Prevedo che questa accusa,penalmente priva di senso,si sgonfierà nel prosieguo del procedimento,perchè nessun giudice condannerà mai per una colpa di questo tipo;qui il problema non è penale,ma politico ed amminstrativo.Ne riparliamo fra qualche mese.




Ricordo cio' che scrisse MASSIMO GALLUCCI professore e direttore Uoc di Neuroradiologia Università-Asl dell'Aquila: Ma perché essere preoccupati di dare un allarme consapevole? Noi medici siamo obbligati da anni al consenso informato. Quando io intervengo su un aneurisma cerebrale sono COSTRETTO giustamente a dire e quantificare il rischio percentuale di mortalità. E i Pazienti lo accettano. Non fanno gesti inconsulti. Questo è il mio principale rammarico. Nessuno ha offerto istruzioni calme, rassicuranti, civili, informate. La mia piccola storia assieme alle centinaia di storie di amici, mi ha insegnato che se avessi avuto una torcia elettrica sul comodino non mi sarei fratturato la colonna vertebrale, se avessi avuto un cellulare a portata di mano avrei chiesto aiuto per me e per il palazzo accanto, se molti avessero parcheggiato almeno un'auto fuori dal garage ora l'avrebbero a disposizione, se in quell'auto avessero (e io avessi) messo una borsa con una tuta, uno spazzolino da denti e una bottiglia d'acqua, si sarebbero tollerati meglio i disagi. Se si fosse tenuta una bottiglia d'acqua sul comodino, se si fosse evitato di chiudere a chiave i portoni di casa, se si fosse detto di studiare una strategia di fuga.... Pensate a chi è rimasto incarcerato per ore senza poter comunicare con l'esterno perché aveva il cellulare in un'altra stanza, o perché non trovava al buio le chiavi di casa, come le ragazze di un palazzo a fianco a me già semi sventrato: 6 ore sotto un letto, con la terra che continuava a tremare, perché la porta era chiusa a chiave, senza una torcia elettrica e senza cellulare per chiedere aiuto! Piccole cose. A costo irrisorio.





commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti