Commenti

commenti su voglioscendere

post: Misteri d'Italia

  Testo: Buongiorno a tutti, questa è l’ultima puntata registrata del Passaparola, da lunedì prossimo saremo di nuovo in diretta e ci butteremo sull’attualità, immagino, anche se non lo posso dire perché è fine luglio, che non mancheranno gli spunti per raccontare qualcosa di fresco. La strategia del terrore di Cosa Nostra Facciamo oggi un’altra lista della spesa, la settimana scorsa abbiamo fatto quella della nostra classe dirigente, questa volta con l’aiuto di un Magistrato geniale, secondo me, Roberto Scarpinato che ho intervistato su questi temi qualche tempo fa, vorrei fare la lista della spesa di tutte le persone che sanno la verità sulla strategia politico – terroristico – mafiosa che concepì e poi realizzò le stragi. Delitto Lima marzo 1992, strage di ... continua



commenti

Gli ultimi 100 commenti / 
Mostra tutti i commenti


Se Pierferdy Casini, leader dell'U. D. C., entrasse nella maggioranza attuale, la Lega di Bossi, Maroni, Calderoli, Borghezio e così via non sarebbe più la forza politica decisiva. Si prepara una guerra mica da ridere.


@pepe Interessante articolo ma molto teorico, nemmeno un esempio concreto di quando Travaglio ha "condannato" qualcuno per UN episodio sospetto. Ricorderei anche che Travaglio l'anno scorso ha ricevuto il"Premio per la libertà di stampa" dell'associazione dei giornalisti tedeschi.




RASSEGNA STANcA \\ CINA: EX VICE MINISTRO PUBBLICA SICUREZZA CONDANNATO A MORTE PER TANGENTI (che esagerazione,qui neanche si dimettono.. a noi basterebbe almeno questo) \\ BONDI, BENE VELTRONI SU NO A SANTA ALLEANZA (.. e ti pareva.. che poi è lo stesso veltroni che odiava parlare di ANTI-berlusconismo.. Bondi ringrazia!) \\ Pdl/ Rotondi: Fedeli a Berlusconi, ma potremmo uscire da partito (.. e intanto il "carro dei vincitori" perde pezzi..)




«Allargare la maggioranza con Casini, Rutelli e i moderati del Pd ormai delusi». I fini-ti, pardon i fini-ani, hanno davvero il gusto della fanta-politica. Anzi, della lambrusco-politica. Ma cosa si bevono per partorire certe dichiarazioni?!?


# 44 commento di ezio, ezio, tattica, semplicemente vogliono passare il cerino quasi spento in mano alla lega.. sapendo che mai bossi accetterebbe casini nel governo hanno lanciato la provocazione.. non vogliono passare loro come la causa della caduta dell'impero del nano.. solo tattiche.. ;)


corsi e ricorsi storici,come nel '96 la lega farà cadere il governo del MALE


«Il rischio è che si faccia strada, anche in Occidente, quella suggestione di «democrazia autoritaria» che è già una realtà in sistemi, come quello russo o, in forma diversa, in quello cinese, che stanno segnando il tempo della fine dei blocchi.» (W. Veltroni sul Corriere). Democrazia autoritaria? ...E ancora non hai visto niente, caro Walter. Berlusconi è mille volte più furbo di Mussolini.


Caro lab, elezioni subito, come una ghigliottina. Ed entreremo in una nuova Italia.


ezio,veltroni è talmente cretino che neanche capisce le tattiche dei finiani.. hai letto nell'intervista? si vanta che 14 milioni (?)lo hanno scelto nella sua ultima sconfitta prima del finto esilio africano.. e ora farebbe meglio a stare zitto invece di fare altri danni.. io non sono d'accordo per le elezioni subito, e se napolitano caccia le palle che non ha mai avuto fin'ora potrebbe fare un governo che legiferi una vera legge elettorale..


PER CARLO : scrivi al Foglio : vedrai come ti troverai bene in compagnia di Ruggero Guarini


Caro lab, bisogna avere onestà intellettuale. Cosa ne penseresti se Veltroni avesse vinto le ultime elezioni e poi, a causa di defezioni nella sua maggioranza, si fosse arrivati ad un governo di tutte le opposizioni riunite insieme? Non sarebbe stato un tradimento della volontà popolare? Che per tattica tu mi scriva che non vuoi le elezioni subito, lo capisco bene. Solo PdL, Lega e IdV sono pronti al ricorso alle urne, per gli altri sarebbe un massacro. Rimane il fatto che se cade questo governo ritornare a votare è l'unica cosa opportuna. Napolitano dovrebbe chiedersi solo, secondo la volontà degli elettori, se è possibile un altro governo, con una nuova maggioranza, che comprenda chi ha vinto nel 2008. E non che escluda chi ha vinto per delle alchimie di palazzo.


ezio,capisco ed è giusto ciò che dici.. am in un paese normale e con un governo leggittimo.. io non lo ritengo tale,vuoi per brogli,vuoi per scambio di voto e voto venduto,ma sopratutto perchè l'attuale legge elettorale è incostituzionale.Mettici anche che con lo starbordante conflitto d'interesse i media influenzano le scelte in modo totalmente scorretto. Ergo non si tratta di onestà intellettuale, ma solo di onestà.. ;)


Caro lab, quello che tu scrivi è un altro discorso, ora. Sui brogli, scambi di voto e voto venduto, chi deve indagare è la magistratura. Se non lo fa, se non lo ha fatto in questi due anni di legislatura, deve esserci una ragione. Esiste anche la possibilità di denunciare agli osservatori internazionali se, e sottolineo se, la nostra è una democrazia a rischio. Ti prego di fornirmi inoltre una sentenza che dichiari che l'attuale legge elettorale (ispirata da quella voluta dal centrosinistra per la Toscana) è incostituzionale. Non si può accettare per 20 anni un giocatore (Berlusconi) ad un tavolo e dargli del baro ogni volta che vince... Sul conflitto di interesse è stata violata qualche legge italiana, lab? O è la sinistra che non ha voluto (perché?) varare in 20 anni una legge seria sul conflitto di interesse?


Caro Ezio,se aspettiamo la magistartura siamo fritti. Io non ho mai accettato nessun berlusconi tantomeno di 20anni fa.. Senza bisogno di sentenze,ti chiedo: puoi scegliere chi portare al governo? Che sia di ispirazione (la legge elettorale) di centro sx non cambia la sostanza.. che poi sono gli stessi che si sono affannati per il loro "nobile" bipolarismo,vera causa del male,vero motivo dell'inesistenza di una opposizione. Ora devo andare,è stato un piacere..


# 54    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 24/8/2010 alle 11:58

Buongiorno a tutte/i...pochi giorni fa ,Lab ci ricordava che in questi giorni ricorre l'anniversario della morte di Pavese. Volevo segnalare , per chi vicino in qeui luoghi o da quelle parti in questi giorni che il 27 agosto culminerà il festival a lui dedicato "Il 27 agosto 2010 ricorre il Sessantesimo Anniversario della morte di Cesare Pavese. La Fondazione Cesare Pavese ha scelto di celebrare questa importante data con una programmazione ricca di appuntamenti che culminerà nella serata conclusiva del Pavese Festival 2010 con l'imperdibile spettacolo di Alessandro Preziosi.IL MESTIERE DI AMARE .....La Fondazione Cesare Pavese mette a disposizione, al sabato e alla domenica, un servizio di visite guidate ai Luoghi Pavesiani con cadenza oraria a partire dalle ore 10.00...."
http://www.fondazionecesarepavese.it/


Anche per me, lab. Buona giornata.


Berlusconi definito un censore , nelle sue TV fa' parlare e lavorare tutti, anche chi gli sputa nella busta paga. Montanelli grande giornalista, se non era per berlusconi 25 anni fa sarebbe fallito con un mare di debiti. Fu definito dallo stesso Montanelli :"Il miglior editore con cui ho mai lavorato". Poi di colpo gli si fa la guerra, dagli stessi giornalisti compreso Travaglio all'epoca pagato, pagato, pagato da Berlusconi. Berlusconi salva dalla fame un giornale intero, salavando posti di lavoro (compreso quello di travaglio) e poi quando chiede , forse un favore gli si e' voltato le spalle. Voltagabbana Montanelli e quelli che lo hanno seguito


CARLO : ma dai, segui il mio consiglio . stai sbagliando blog.


margherita vuoi smentire che Montanelli ha preso un sacco di soldi da berlusconi..., che se non c'era berlusconi coi quattrini il giornale falliva e andavano tutti in mezzo a una strada....., all'epoca i soldi di berlusconi a Montanelli e C. non facevano schifo, anzi. ricordati che berlusconi ha mantenuto per anni montanelli e i suoi giornalisti buttando costantemente soldi nelle casse del giornale, che non vendeva abbastanza per mantenersi, manteneva un'azienda fallimentare.


@ Carlo “Berlusconi definito un censore , nelle sue TV fa' parlare e lavorare tutti, anche chi gli sputa nella busta paga. “ > Berlusconi fa “parlare” chiunque gli porti grana nel portafoglio, destra, sinistra, centro, nord, sud, satirici e non, basta non schiacciare i tasti “processi” e “off-shore”… Ricordati che se è vero che a molti fa comodo lavorare a Mediaset è vero anche il contrario. “Montanelli grande giornalista, se non era per berlusconi 25 anni fa sarebbe fallito con un mare di debiti. Fu definito dallo stesso Montanelli :"Il miglior editore con cui ho mai lavorato". “ > Infatti Montanelli ha sempre dichiarato di aver conosciuto 2 Berlusconi come in questa occasione http://www.youtube.com/watch?v=1BoJtPp9oQY “Poi di colpo gli si fa la guerra, dagli stessi giornalisti compreso Travaglio all'epoca pagato, pagato, pagato da Berlusconi.” > Evidentemente quelli come te non capiscono la differenza tra stipendiare una persona e comprarla. “Berlusconi salva dalla fame un giornale intero, salavando posti di lavoro (compreso quello di travaglio) e poi quando chiede , forse un favore gli si e' voltato le spalle.” > Quello che tu chiami “favore” era una imposizione di linea politica al direttore (Montanelli), ovvero TOGLIERE LA LIBERTA’ DI ESPRESSIONE E DI CRITICA, anima di un giornalista vero. Berlusconi voleva un giornale di propaganda e l’ha annunciato durante una riunione ALL’OSCURO DEL DIRETTORE, sapendo che questi non avrebbe mai accettato il ruolo di leccaculo. Tra l’altro l’unico che non doveva esserci in quella riunione era proprio SB dato che l’editore era Paolo Berlusconi. O NO? (ma questa è una versione che vale solo per aggirare l’antitrust) A proposito di favori: ti è piaciuto il favore che SB ha fatto alla figlioletta (la "paghetta" del week end scorso), salvandola con un colpo di mano dal fisco per una somma di oltre 170 milioni di euro, soldi SOTTRATTI ANCHE A TE? “Voltagabb


@ Carlo “Voltagabbana Montanelli e quelli che lo hanno seguito” > Voltagabbana sono tutti quei giornalisti (Feltri in testa) che si stracciavano le vesti per Di Pietro all’epoca di tangentopoli, osannandolo e santificandolo, fino a quando, sotto il peso delle “nuove leggi garantiste” (leggi salva ladri) a questi pennivendoli non conveniva più. Ed è partito un linciaggio mediatico nei confronti dell’operazione Mani Pulite SENZA CHE PERO’ SCOMPARISSERO LE TANGENTI, sono lì ancora tutte da vedere.


FELTRI è stato direttore del bellissimo Europeo giornale di sinistra


poi Montanelli si è improvvisammente svegliato caro Carlo e ha realizzato con chi aveva a che fare


... ma perchè continuate a ripondergli? E' chiaro che dietro il nome di carlo ci sia uno dei vari infiltrati nei blog non allineati con la maggioranza che cerca di seminare zizzania, più gli rispondete più lui si alimenta. Non vedete il tono assolutamente populistico e privo di contenuti dei post? Un conto sono quelli incazzati duri con Travaglio ma con argomenti, articoli, link, materiale su cui discutere, un conto è uno che spara a vanvera invettive senza documentare nulla. Basta non rispondergli.


17 e 18 e 19 settembe tutti a Vasto da Di Pietro


# 65    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 24/8/2010 alle 14:13

@pastafrolla ___non è un troll. è un animatore del blog.


Giuseppe Caggiati scrive: 24 agosto 2010 alle 15:25 Qualche mese fa sono passato alla redazione de Il Fatto Quotidiano lasciando con un mio collega una cospicua documentazione sui silenzi di Nicola Zingaretti attorno al problema del trattamento dei dati sensibili che la Provincia di Roma svolge, attraverso i Centri per l’impiego sulla popolazione immigrata. Migliaia di immigrati vengono censiti, soprattutto dal Csi, senza alcuna finalità. Abbiamo mandato a Zingaretti svariate lettere a firma di centinaia di lavoratori, senza ottenere alcuna risposta. Che fine fanno questi dati? Alla luce del pacchetto sicurezza, molti rischiano, una volta clandestini e tornando al proprio paese la propria incolumità. Stimo Travaglio e lo seguo con grande attenzione, tuttavia non capisco come possa sostenere la candidatura di Zingaretti attraverso argomenti generici e scontati come l’età anagrafica,il non essere indagato,l’essere fratello di un attore. si proponga invece una classe dirigente nuova. Immaginiamo di creare una nuova classe dirigente, come avvenne per lo più nel Dopoguerra con la Costituente.Senza ricambio non vi è democrazia e senza informazione non si fa vivere la democrazia.Mi affido alla capacità ed alla professionalità di Marco Travaglio, fornisca i bilanci della Provincia e quelli del suo ente strumentale, sia più dettagliato se vuole promuovere la candidatura di qualcuno. Occorrono Programmi e Idee. Altrimenti il rischio è quello di una competizione di marketing, su chi è più simpatico e fotogenico. Perché gli enti locali non pubblicano i bilanci e gli stipendi della propria classe politica in modo comprensibile e trasparente? La politica non può essere necessariamente una professione, ma deve essere prima un servizio alla Res Publica. In questo vuoto che divora le menti e l’informazione, prima di sponsorizzare qualcuno o di fare delle primarie facili e demagogiche, bisogna in fretta selezionare una nuova classe dirigente. altrimenti si scade nel populis






... era tanto buona!




# 71    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 24/8/2010 alle 16:56

zitta Marziam che ancora non sono riuscita a suicidarmi , quando ci riesco , ti do un fischio e poi zitta doppiamente, perchè non vedo perchè dovete parlare di cultura e poi quelli che spuntan come funghi vengono a prendere sistematicamente me , mica a te eh eh eh toh !al massimo prendono anche homofaber ...cmq facciamo cosi dalle prossime beccateli tu quei funghetti a eh eh eh eh eh .-)___ comunque bella ( della stile il mio lucio e formula3) quella memorabile di pavese;attualmente a proposito di occhi , sto leggendo un libro da fare ANIMA da sballo prima di essere nati o morti o suicidati ,ANIMA allo stato di nutruimento puro, un libro molto bello , di un film argentino meraviglioso con un giallo sottostante notevole.vabbuò!viva gli specchi piu belli del mondo che in un solo istante ti dicono tutto,altro che iridologia che c'ha gia il suo bel fascino, ma come direbbe lucarelli anche questa è tutta un' altra storia e io mo' mi devo allegramente suicida', quindi ci risente da ghost chanel




Opterei per un "Run like the wind" di Christopher Cross...


per george e margherita, allora montanelli non doveva "farsi comprare" rimanere libero fin dall'inizio e cercare un'altra soluzione. E' troppo facile fare le prediche sulla morale col sedere all'ombra . Quanto a chi non mi vuole rispodere perche' non la penso come il gregge di pecore,... meglio cosi' , chi non sa reggere al confronto e' meglio che stia muto.


# 75    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 24/8/2010 alle 18:46

Carlo , salutami SKY , parola d' ordine: ih ih ih .-)




prova


@grazie marziam,sei un tesoro,ora con calma leggo.. oggi giornata di fuoco,in tutti i sensi.. a frappè..


"Quante strade dovrà percorrere un uomo prima di essere definito uomo?" (mia traduzione, comunque molto verosimile, almeno nella mera translation; tra l'altro vi riecheggiano le 'roads' già immortalate da Kerouac). Marziam, se tu evochi il Robert Zimmerman già citato da Renzo, mi ispiri un quesito da porti: credi che i suoi provocatori dubbi, la sua sensibilità inquieta (prima scintilla di ogni fuoco artistico) le sue lotte apparentemente rivoluzionarie siano state evento personale, isolato, dovuto solo alla sua specificità o che in realtà un Bob fosse logico, inevitabile - ovviamente attraverso un individuo dotato di adeguati strumenti e corde per esprimersi - valutando il sentimento e la coscienza popolari ormai dilaganti in quel determinato periodo storico?; e ancor di più: Marx ed Engels hanno prodotto l'allora rivoluzionario 'Manifesto' solo per loro immenso, comunque non arginabile, scibile o perchè l'ipersfruttamento umano della Manchester metà 800 abbia sensiilmente influito se non direttamente procreato il trattato storico, economico e letterario, poi vilipeso, distorto e strumentalizzato dai suoi finti professanti? L'interrogativo che allargo a Mig, Paso e Renzo (sempre in rigoroso ordine alfabetico) non è ozioso o radical chic (come qualcuno potrebbe artatamente equivocare) ma solo per capire se davvero siano maturati i tempi, in un Paese all'estremo sbando, per aspettarci qualcosa prodigo di nuovi orizzonti (anche fosse un decimo dei succitati livelli); e non intendo sotto forma governativa, che ormai è incanalata verso un'alternanza effimera e truffaldina, ma nella società civile italiana, attraverso le sue variegate e molteplici forme. Grazie per l'eventuale attenzione e, ovviamente, un saluto


Questa mattina mentre guardavo Rainews24, ho ascoltato l'intervista che faceva il Direttore del Tg a un esponente di Futuro e libertà, e tra le varie risposte date dall'ospite, c'è nè stata una che mi ha fatto sobbalzare dalla sedia. Il finiano ad un certo punto disse: che la prima cosa da fare appena possibile, è quella di presentare in Parlamento una proposta di legge sul Conflitto di interessi del Presidente del Consiglio, essendo lui proprietario di tre televisioni e di parecchi giornali. Cazzarola! mi son detto, questo dopo quindici anni di convivenza con l'Imperatore Cesare Silvio da Arcore, si è accorto che l'uomo che lui insieme a tutti i finiani ha contribuito a non fare processare grazie alle leggi ad personam (votate anche da Alleanza Nazionale), ora che Feltri sul Giornale del padrone stà mettendo Fini in croce "per delle cazzate comunque" ha capito che il pluri indagato, pluri prescritto, frequentatore di minorenni, di zoccole o se preferite escort, corruttore di giudici, amico dei mafiosi eroi come Mangano o di Ministri condannati come Previti, Cuffaro e Dell'Utri (tanto per fare alcuni nomi). Rappresenta un pericolo per la nostra Democrazia. Peccato che sia lui che Fini hanno dimenticato che se ci troviamo in questa situazione e anche grazie alla legge Gasparre salvando rete 4 dal satellite.
CHI DI SPADA FERISCE DI SPADA PERISCE


# 67 commento di marziam - lasciato il 24/8/2010 alle 16:14 , marzia tutto bello e nobile.. ma fatti concreti pochi o niente. passo quasi tutti i giorni fuori al carcere di poggioreale,e vedo che all'entrata visite parenti ci sono file enormi,lunghissime,già dalle 7, fino alle 13 sotto al sole.. terribile che si faccia PENARE anche le famiglie.. terribile. Una volta un ex detenuto mi disse che due napoletani che furono arrestati in thailandia furono estradati e mandati al "poggio poggio" (come lo chiamano qui..),dopo alcuni giorni chiesero agli avvocati di essere rispediti in thailandia. :(


ciao faber, lieta di rivederti (in videoscriptura of course). Di primo acchito, non avendo adocchiato nessun tenera o tosta mi sono preoccupata. ancor più quando mi sono resa conto che mi stavi facendo una domanda importante.Presa dal panico ho riletto la tua elaborata riflessione-quesito, che nasce dal blog, così a caso, ma tu sai che il caso poi ci fa scoprire che non era stato a caso...infatti ce l'ha portata il vento, quell'elemento essenzialmente leopardiano poeticissimo prima ancor che naturale frate vento...cantico di frate sole, s'i fosse vento (dopo fuoco) ( il meno grande cecco)e via discorrendo. Per me è chiaro come il sole che ogni frutto si matura in una pianta,a sua volta radicata in terra,che naturalmente fa parte di una nicchia o ecosistema che dir si voglia, dunque sia bob che carlo e federico esplodono nelle rispettive stagioni, alimentati sì dal terreno che li ha generati. ma con quell'imprescindibile quid, sine quo non sarebbero stati quel che sono stati. ciao.


@ carlo, alias il vero pecorone Sai in quale anno Berlusconi ha acquisito il Giornale?


george lo si' , nel 1979 comprando la maggioranza delle azioni e ripianando le cassa da 5 anni di indebitamenti. Se non era per Berlusconi il Giornale e Montanelli finivano li' perche' all'epoca nessuno avrebbe messo i soldi in un tritatutto per salavare un giornale fallimentare che arrivava a malapena a 30.000 copie al giorno in lombardia, quando il corriere ne faceva quasi 200.000 (e pure lui era in rosso).


@ carlo per cui, secondo il tuo ragionamento, già nel '79 Montanelli avrebbe dovuto intuire che SB 15 anni dopo sarebbe entrato in politica e avrebbe reso il giornale il suo volantino elettorale?


... per non parlare delle migliaia di miliardi di debiti da parte di SB all'epoca della sua discesa in politica....


# 87    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 24/8/2010 alle 22:7

Homofaber , stavo pensando alla tua domanda , ma prima di sparare le mie cose alla huxley , dick e orwell per come la vedo personalmente , potresti dirmi tu, marziam o chi vuole come ti è o vi è giunta la prima risposta di marziam? Non per regolarmi sulla mia che ti consegnerò quanto prima , solo per curiosità perchè non c ho capito nè al volo, nè col paracadute e nemmeno col monopattino eh eh eh eh .-)... C è carlo che mi distrae continuamente , è troppo affascinante, è ' pre- parato ' eh eh eh .-) , quasi quasi al volo gli giro la stessa domanda se mi dai permesso :-)))))






# 90    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 24/8/2010 alle 23:24

conmtinuo a non capire marziam , ciao


# 91    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 24/8/2010 alle 23:31

# 79 commento di homofaber - lasciato il 24/8/2010 alle 19:20 dunque chiedi , verifica se ho capito, se nella società civile è pronto qualcosa di nuovo o ve ne sia terreno fertile? ho capito bene? se si , ti rispondo di no . perchè te lo do su qusto piano. non è sufficientemente capillare da nord a sud , rigorosamente rappresentativa di UNITA' di contenuti incarnati da più uomini dell asocietà civile tuttora frantumati in migliaia di associazioni o intelletti o cultura. le microazioni della società civile che dici, ci sono anche se invisibili , ma sono senza strategia NAZIONALE e senza impatto comunicativo alcuno. cio dipende dalla mancanza totale di una visione o filosofia di vita orientale ma anche da tnti altri fattori che fanno prevalere i particolarismi all'italiana . ho lavorato a progetti per riunire le miriadi di gruppali associativi, son tutti miseramente falliti. ma ti dico che voglio auguirarmi di non far per nulla testo e quindi di sbagliarmi completamente. a presto e un abbraccione dei nostri.


berlusconi e' palese sin dalla prima ora. la ribellione di montalli e' come quella di veronica lario che sapeva tutto fin dall'inizio poi , chissa' perche' fa la vittima... e come montanelli vittima ma piena di soldi..... Il vero Montanelli e' Veronica Lario


e poi, caro George sai come la penso... che Montanelli glielo DOVEVA a Berlusconi perche' se no andava sotto a un ponte. Berlusconi ha salvato Montanelli dalla miseria.


caro carlo è cosi difficile aprire gli occhi e ragionare di fronte a tali evidenze invece che contraddire costantemente senza la benchè minima argomentazione ?


"Contattiamo" Kossiga? Magari ha qualcosa da dire al riguardo


@ carlo “berlusconi e' palese sin dalla prima ora. “ > Col cavolo: Berlusconi muta a seconda delle opportunità, prima leccaculo zerbino di Craxi (come si evince da questa intercettazione http://www.youtube.com/watch?v=YjEpHyndhOE , e dopo un’ora, di nascosto e vigliaccamente (come al solito) cerca nel condirettore Biazzi Vergani un tramite per fare in modo che Montanelli si “edulcorasse” nei confronti di Craxi, perchè Bettino “E’ QUELLO CHE CI DEVE FARE LE LEGGE SULLE TELEVISIONI”. Erano gli anni delle tangenti al cinghialone socialista. Ma SB non si sarebbe mai sognato di liberarsi di Montanelli . Cosa che però non potè più permettersi nel momento in cui SB si sognava giorno e notte le patrie galere. Da qui la discesa in campo, da qui l’editto “o con me o via” e Montanelli prese la decisione più giusta, ha deciso che le sue idee e la sua libertà non erano negoziabili. Ricordati che SB è sceso in campo per "LA CONTINUAZIONE DI MANI PULITE" , non avrebbe mai potuto, dopo la stagione delle stragi e in un momento in cui tutta la popolazione italiana era incazzata (in un raro sussulto di dignità perché vedeva ogni giorni tangenti e tangentari), andare contro i giudici; CERCO’ PURE DI COMPRARE DI PIETRO CON UN MINISTERO. Una volta fallito il tentativo ha iniziato con giornali e TV il lavaggio del cervello ai suoi “spettatori”… Chi è il voltagabbana, quindi? SB non ha idee, ha solo interessi “la ribellione di montalli e' come quella di veronica lario che sapeva tutto fin dall'inizio poi , chissa' perche' fa la vittima... “ > Non renderti ridicolo. Queste cose le può sapere solo Veronica Lario…. L’unica cosa certa è che una persona normale si incazza quando l’altra parte della coppia lo/la cornifica e lo sbandiera ai quattro venti con vanità e orgoglio. Se per te è tutto ok non so che farci “e come montanelli vittima ma piena di soldi..... Il vero Montanelli e' Veronica Lario” >


@ carlo “e come montanelli vittima ma piena di soldi..... Il vero Montanelli e' Veronica Lario” > Cioè, uno non può essere vittima anche se è pieno di soldi? Questo spiegatelo da solo… SB è uno pieno di soldi e fa da sempre la vittima, il chiagn’ e fotti, quando AL POSTO SUO sono stati condannati e/o in galera gli altrettanto colpevoli Paolo Berlusconi, Carlo Bernasconi, Cesare Previti, Marcello Dell’Utri… “poi, caro George sai come la penso... che Montanelli glielo DOVEVA a Berlusconi perche' se no andava sotto a un ponte. Berlusconi ha salvato Montanelli dalla miseria” > Dalla miseria?? Perché conosci il conto corrente del ‘79 di Montanelli? Sappiamo che invece SB “salvò” il giornale nel periodo in cui transitavano nelle holding berlusconiane centinaia di miliardi di lire DI PROVENIENZA SCONOSCIUTA. Di miserevole c’è soltanto la tua idea clientelare e di sudditanza dei rapporti tra le persone (anzi, nei confronti di una persona sola, leggendo ciò che scrivi), idea che lascio completamente a te, proprio non mi tange


crao george, all'epoca a Montanelli non interessava la provenienza dei sodi di berlusconi..... poi come veronica lario grido': "Mi ha messo le corna!"


# 99    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 25/8/2010 alle 13:58

# 96 commento di George --- Carlo manca totalmente di analisi, però ciò che afferma è giusto e vero in radice. Non piace, ovviamente, ma la sostanza resta. L'analisi sarebbe molto più ampia e articolata, se vuoi affrontarla non c'è problema. Ti ricordo anche, per inciso, che Montanelli in persona bussò anche alla porta di Gelli, al quale però non interessava un quotidiano, forse perchè sapeva già che il "peso" di un quotidiano era nullo rispetto alla tv. La risposta negativa che gli diede permise poi a Montanelli di sparare a zero su Gelli, ma ciò non toglie che a quella porta bussò: facile sparlare di chi ti ha già detto di no. Ciao.


@ carlo "all'epoca a Montanelli non interessava la provenienza dei sodi di berlusconi" > non ho attribuito a Montanelli una qualsiasi conoscenza riguardo la "provenienza sconosciuta" dei dindi, il mio intervento sulla consulenza Giuffrida voleva rappresentare una "pezza giustificativa" al "risanamento" del giornale. In ogni caso Giuffrida (allora vicedirettore della Banca d'Italia a Palermo) depositò nel 1999 la consulenza sulle operazioni “anomale” riscontrate nei finanziamenti alle holding di controllo della Fininvest, quando Montanelli era via dal giornale da 5 anni E' singolare come una persona non riesca minimamente a vedere il presente ma si ostini a pretendere che gli altri leggano e prevedano il futuro (ed è già la seconda contestazione del genere, sig. Carlo)


@ Renzo C Montanelli si può valutare anche in modo infinitamente peggiore di quanto non avesse intenzione da fare Carlo, ma non è questo il punto, non si tratta della biografia completa del giornalista, ma delle questioni sollevate da Carlo; QUELLE contesto in quanto false P.S. Sarebbe interessante parlare all'infinito di queste ed altre questioni, ma il tempo non è tiranno, di più... Grazie


George dimmi dove ho scritto il falso.. e' falso forse che il giornale era un fallimento totale... e' falso che berlsuconi ha mantenuto per anni gente che solo stava dando passivi ... e' falso che montanelli da Berlusconi ha preso un sacco di soldi... ... e se e' vero che Montanelli busso' a Gelli ( che all'epoca tutti sapevano che era un trafficone) come scrive Renzo, non interessava a lui sapere le provenienze dei soldi , ma interessavano solo i soldi per non finire sul lastrico.. Poi di colpo fece il moralista, cosa che per altro fa molto bene travaglio oggi.


#102 - Carlo, falso è che a quel tempo Berlusconi avesse intenzione di entrare in politica e trattare il Giornale come il suo vangelo (come invece avviene adesso)


"Poi di colpo fece il moralista, cosa che per altro fa molto bene travaglio oggi. ": un motivo a questo cambiamento improvviso c'è e lo ha spiegato anche molto chiaramente. Poi, se una persona pura nelle sue ruberie (dunque coerente) è meno criticabile di una persona che riflette, si ravvede e cambia, allora i punti di analisi del discorso cambiano


Claudio , dimmi dove ho scritto che a quel tempo Berlusconi volesse entrare in politica. Mi mettete in bocca frasi mai dette, perche' non smentisci le altre cose che ho scritto, forse perche' sono vere? e a voi se toccano i vostri beniamini diventano bestemmie. C'e' gente che non si puo' toccare perche' si viene tacciati di lesa maesta'... un'altro caso e' enzo biagi diventato un eroe grazie alla informazione di propaganda di travaglio e c. infatti la verira' (e a voi non piace lo so) e' che non fu cacciato dalla Rai, gli fu proposto un'altro orario e lo rifiuto'... comunque anche lui usci' dalla rai con una buona uscita milionaria (di euro). ripeto e' facile il moralista coi miliardi


# 106    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 25/8/2010 alle 16:25

# 105 commento di carlo --- Questo che scrivi su Biagi invece è falso, non nella realtà ma nella sostanza: proporre a Biagi di passare in terza serata su rai3, equivale a dire ad un responsabile di un ufficio che dalla settimana prossima passa a pulire le scale. Certo, nessuno ti caccia, ma ti pare possibile che uno con la carriera di Biagi venga relegato in seconda o terza serata su un canale minore? Equivale a cacciarlo, e affermare il contrario è falso, o quantomeno ipocrita. Ci sono tanti modi per togliersi di mezzo una persona scomoda, ne hanno utilizzato uno dei più noti, così come per Mentana sono passati per il classico promoveatur ut amoveatur.


# 107    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 25/8/2010 alle 16:43

# 103 commento di Claudio -- Hai ragione, però, potendoselo permettere ed è cosa per pochissimi, se lo è tenuto sapendo che prima o poi un quotidiano può far comodo. Montanelli infatti dice che ha conosciuto 2 Puffoni. Solo che la differenza fra i due non è dovuta ad altro che prima non gli serviva, poi gli è venuto utile. Ovvio che Montanelli se ne sarebbe andato, lo sapeva benissimo il Puffone, ma intanto aveva già un giornale in edicola, bastava rinnovare un po' la redazione, direttore in primis. Montanelli che lascia il Giornale è una notizia di secondo piano nel panorama informativo, la gente non se ne accorge quasi, tanto il giorno dopo il quotidiano è in edicola come al solito. La proprietà editoriale è lei che decide da che parte tira il vento, non esiste stampa libera, FQ compreso, ci sono le prove. In Italia al 100%, ma anche altrove in percentuali minori è così, perchè la stampa non si autosostiene economicamente, non c'è niente da fare. Anche le prebende di stato non sono sufficienti, e sono soldi nostri, cosa che mi fa incazzare non poco. La fonte primaria, la pubblicità, da tempo ha dirottato il 90% degli investimenti sulla tv, ai quotidiani restano le briciole, ma è giusto così, perchè l'investimento lo quantifichi sui ritorni, e i giornali ritornano pochissimo, quasi niente. Nel mondo economico non ci sono benefattori in vena di regali disinteressati, ma imprese che guardano solo al profitto, a breve, medio o lungo termine, ma il fine è sempre e solo quello. Ciao.


1)"berlusconi e' palese sin dalla prima ora": a cosa si riferisce allora? 2)Per quanto riguarda il resto, chiunque è a conoscenza delle difficoltà avute al Giornale a quel tempo. 3)Travaglio non è un mio beniamino ma un giornalista (come altri e come Enzo Biagi) molto valido


# 109    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 25/8/2010 alle 16:47

# 108 commento di Claudio -- Beh Claudio, Carlo le spara un po' a casaccio, si era notato ;)


Renzo, la questione non è tanto "libero o no" in senso assoluto. Un direttore e un finanziatore che influenzano o talvolta dettano una linea politica c'è sempre. la questione è piuttosto il "più libero o meno libero", ossia la misura in cui un giornale è influenzato e sfacciato. Ciao


# 111    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 25/8/2010 alle 17:0

# 110 commento di Claudio -- Questo però è sempre e comunque un giudizio personale, difficile mettersi d'accordo, perchè entriamo in un campo dove la percezione del singolo è il metro di misura, quindi ciascuno usa il proprio. Considera però anche la scarsa rilevanza che hanno i giornali in Italia sulla coscienza pubblica, visto che siamo un paese col più basso tasso di lettura dei quotidiani in EU. Tornando invece su termini assoluti, ciò che affermi all' inizio è sacrosanto, ma questo dovrebbe far riflettere SEMPRE che ciò che ci propinano è in qualche modo artefatto o "indirizzato". Poi che certe affermazioni di feltri o belpietro siano indegne è palese, ma qui invece nessuno si è indignato per il "gentilissimo signor Spatuzza", cosa che invece a me fa ribrezzo. Qualcuno ha scritto che voglio delegittimare Spatuzza, falso assoluto, mentre invece vorrei entrare nella testa della gente che ha scritto ciò e vedere cosa ci "gira" :) Ciao.


Renzo, esatto. la percezione del singolo. Qui entra in gioco la capacità di discernere, di prendere coscienza. Tuttavia, la sfacciataggine di alcuni giornali è di gran lunga superiore rispetto a quella di altri (un esempio palese: libero, il giornale vs corriere della sera, repubblica). Poi c'è anche, permettimi, un problema di baricentro (se lo squilibrio è troppo forte, è indubbio che un partito ottiene una vittoria schiacciante). Mi spiego: se l'informazione che conta in termini concreti (telegiornali e stragrande maggioranza di programmi) si sposta, con rare eccezioni, da una certa parte, il baricentro non si trova più nella posizione che invece dovrebbe occupare (una posizione "centrale"). Il Fatto Quotidiano cerca (di natura e nella misura in cui può) di colmare non solo quel gap (creato principalmente dalla televisione), ma anche un preoccupante (a mio avviso) vuoto nell'ambito pluralista. Ciao


caro Renzo , io a casaccio non le sparo mi limito a raccontare la realta' senza manipolazioni, poi quando vedo che Corrias scrive su mondadori pagato da berlusconi e cerca di giustifiacrsi come un asinello che ha copiato a scuola, capisco quanto ho ragione e quanto sono delle merde


"poi quando vedo che Corrias scrive su mondadori pagato da berlusconi": forse bisognerebbe pensare ad una legge per promuovere il mecenatismo forzato


claudio se tu pensi che corrias sia normale ok,.... ... "corrias pagato dal mafioso berlusconi ripulisce i soldi di berlusconi con le vendite dei libri finanziati coi soldi sporchi di Berlusconi". il virgolettato portebbe essere uno dei tanti articoli alla travaglio.... o no.. Se ci fosse un'altro al posto di corrias, travaglio l'avrebbe gia' scannato! Corrias e' come il prete che poi va a puttane, dal pulpito prediche e poi fa quello che proibisce agli altri.


"Se ci fosse un'altro al posto di corrias, travaglio l'avrebbe gia' scannato": può essere, ma prima gradirei un esempio concreto di un comportamento del genere da parte di Travaglio. Poi, anche se la Mondadori fosse un'azienda da 5 impiegati, non ci trovo nulla di male in questo comportamento. Trovo invece peggiore il comportamento opposto dei vari Feltri e co.


@ carlo ti ho già spiegato per filo e per segno dove hai detto cose false. Io non ho parlato di Gelli, l'argomento originale è un altro e non mi faccio confondere le acque da nessuno. Tu semmai dovresti motivare le tue tesi accusatorie, ma non ne sei in grado.... Se vuoi capire, bene... Altrimenti, non pretendo proprio niente da te. Tante belle cose


george, ti sbagli tu dimmi se e' falso che montanelli prese una barca di soldi da berlusc... etc.. le cose che mi hai scritto sono aria fritta...


# 119    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 25/8/2010 alle 18:26

# 113 commento di carlo --- E questo errore rilevato da Claudio (tanto per prenderne uno) come lo definisci? --- 1)"berlusconi e' palese sin dalla prima ora": a cosa si riferisce allora? --- Anche l' eccezione sollevata su Biagi è palesemente erronea, basta volerla capire. -- Tu puoi avere tutte le opinioni che vuoi, ma se ti si fa notare gli errori non puoi prendertela che con te stesso. -- La questione Mondadori è una mera scelta di opportunismo economico, se dovessimo eccepire su quella staremmo freschi. Moralmente invece è rilevante, ma dal salumiere paghi in euro o con pezzi di morale? E uscirne oggi, dopo che ci si è fatti il nome con quell' editore è leale o si è sfruttato il carro che tira per poi fare il gran rifiuto? Lo sapevano anche prima di chi era, o lo scoprono oggi? Citano Bocca che ne è uscito nel 2002: si è svegliato prima degli altri, ma il Puffone è in politica dal '94, non lo sapeva? Eppure lavorò anche in Mediaset ("L’ho fatto per i soldi" l'Unità 2006), era craxiano poi anti-craxiano, era leghista poi anti-leghista ("La Lega mi ricorda noi partigiani quando scendemmo dalle montagne" scritto nel 1993), un bel VOLTAGABBANA, non è vero caro Roland? Gli altri, come ha scritto Travaglio (credo) hanno il cuore a sinistra e il portafogli a destra, come tanti che ho conosciuto.


# 120    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 25/8/2010 alle 18:33

# 118 commento di carlo --- Sì, con la promessa che non avrebbe interferito con la linea politica del giornale, la quale era prerogativa di Montanelli. Poi, quando gli è servito un giornale, ha buttato nel cesso la promessa. D'altronde il padrone è lui, i soldi son suoi. Ma non era certo "palese fin dal principio" che le cose sarebbero andate così, oppure tu sei un preveggente e invece che Carlo ti chiami Otelma.


@ carlo Sai leggere??? vai a rivederti tutti i post (compreso quello con cui, con arroganza, saccenza, supponenza e ignoranza ti sei presentato insultando a destra e a manca, il commento #3) e leggi QUELLO CHE TI HO CONTESTATO, non quello che tu vorresti che io contestassi. Io non ho più tempo da PERDERE con te


# 122    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 25/8/2010 alle 18:48

Carlo... Come va con lo staff ? Tutto bene ? - saluta skyline


gerorge e renzo: 1- Berlusconi e' palese sin dalla prima ora , vuol dire che non esistono 2 berlusconi , come si vuol fare credere. non c'e' un berlusconi buono e uno cattivo. Non posso credere che un uomo dell'intelligenza di montanelli con una l'esperienza di vita che aveva giustifichi i suoi comportamenti col "buono e cattivo", la stessa cosa fa Corrias oggi "sono pagato da Berlusconi, ma io sono della mondadori dei buoni", e questo gioco lo hanno fatto in tanti in questi anni, Guzzanti padre, Fini, Funari, Santoro, Bocca per citare i piu' famosi. 2- Biagi non e' stato licenziato, gli hanno offerto un'altro programma. Non l'hanno censurato ne' mandato a casa a calci. Se poi si vuole interpretare la realta' e' sbaglio. Oggettivamente e' successo quello che ho raccontato 3-la questione Monadori e' fondamentale per il fatto che colui che da del riciclatore mafioso a berlusconi, e' pagato da Berlusconi 4 che dal salumiere con gli ideali il prosciutto crudo non lo comperi ma ci vogliono i soldi , meglio di noi lo sanno gente come Corrias a cui non fanno schifo i soldi sporchi di berlusconi. Dell' etica e morale che vuole insegnare a te, in realta' lui se ne fotte allegramente.


Carlo, per quanto riguarda la vicenda di Montanelli, Berlusconi ha cambiato atteggiamento nel momento in cui voleva entrare in politica, e questo è abbastanza per giustificare la frase di Montanelli. E' innegabile che lui ha conosciuto 2 Berlusconi, in cui il secondo Berlusconi voleva dettare senza se e senza ma la sua linea politica al giornale


Spiegami per quale motivo chi scrive per la Mondadori deve essere costretto a non adulare Berlusconi, o a non esprimere il proprio pensiero.


pardon, "a non adulare Berlusconi"= "ad adulare Berlusconi"




claudio e' questione di coerenza... corrias sventola la bandiera della mancanza di liberta' di stampa per colpa di Berlusconi, in realta' da chi riceve soldi per scrivere... da Berlusconi. Corrias dice che i soldi di Berlusconi odorano di mafia ,corruzione addirittura qualche tempo fa si accenno anche alla droga..... ma questi soldi diventano buoni quando li riceve in busta paga da berlusconi.... E' questione di essere uomini, se no sono capaci tutti a fare i froci col culo degli altri, il vostro.


claudio, sgarbi nel video ha ragione e travaglio ha la faccia di chi s'incazza perche' finalmente trova qualcuno che lo azzera


@ carlo mi chiami ancora in causa, va beh.... sarò super conciso, su Montanelli non vuoi capire per cui salto. Su Biagi quell'offerta di "un nuovo programma" si chiama MOBBING, nella misura in cui nessun altro giornalista di quello spessore, in rai, quantomeno, ha mai subito), ingiustificato per un programma che faceva boom di share, doppiamente ingiustificato nel momento in cui a decidere il mobbing è il presidente del consiglio, triplamente ingiustificato nel momento in cui il PdC è anche il proprietario della concorrenza (quasi ci fosse un conflitto di interessi, ohibò); criminale e vigliacco nel momento in cui "delega" tutti gli organi preposti in rai per agire nel lavoro ai fianchi di Biagi (per "delega" leggi "minaccia" come risulta dalle discussioni recenti tra Berlusconi, Masi e il "povero" Innocenzi dell'Agcom riguardo l'affaire Annozero). Ti mancano solo di leggere un paio di LIBRI per capire la vicenda. Riguardo Mondadori sarò ancora più conciso perchè non ho voglia di riesumare cose trite e ritrite, mi limito a dire che del particolare Corrias non mi interessa, mi interessa solo dire che SB ha rubato la Mondadori per cui non è sua (Cesarone è stato condannato per questo) e che da questa questione da te sollevata emerge una volta di più la tua idea, ripeto, clientelare e di sudditanza subdola e strisciante dei rapporti tra le persone (anzi, nei confronti di una persona sola, leggendo ciò che scrivi), idea che, ri-ripeto, lascio completamente a te. Continua pure, Carlo Mi farò delle grasse risate, e non solo io


questo è un falso problema. Il problema è semmai la strana concezione di "editore" che lei ha, oppure la sua scarsa attitudine verso la concezione di libertà. Il mestiere di Corrias è quello, non ruba i soldi a Berlusconi ed esprime le sue idee indipendentemente dall'editore.


#129 Carlo - Guardi il video per intero, dall'inizio alla fine, non soltanto i deliri di Sgarbi all'inizio


# 133    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 25/8/2010 alle 20:14

Credo che Carlo abbia un concetto del tutto personale su ciò che è moralmente accettabile o meno, ovvero, la morale non esiste. Su questo assunto il Puffone esce quasi pulito, a parte Dell'Utri, All-Iberian, IMI-SIR e altre cosucce di poco conto. Massì, minimizziamo pure quelle. Infatti è ancora a piede libero, come si suol dire, e penso che resterà tale per sempre, il caso Craxi insegna. Certo, la morale vale per tutti, forse però per il primo ministro dovrebbe essere un valore un po' più presente che in un camorrista/mafioso, almeno io la penso così. Quindi a questo punto, caro Carlo, di cosa parliamo? Di superenalotto? Ciao.


in sostanza la pensate cosi' Berlusconi fa schifo ma i suoi soldi no,... renzo parliamo pure di enalotto che e' meglio....


ma cosa tiri fuori il MOBBING, sono tutte cazzate... sei come quei comunisti che quando non sanno piu' cosa dire tiranno in ballo il fascismo.


@ carlo leggi, studia prima di parlare di ciò che non sai


Travaglio corre troppo: la bufala del falso pentito Scarantino potrebbe essere depistaggio, ma non è detto. Perchè si possa affermare che si tratta di depistaggio occorre provare la volontà di coprire i responsabili della strage e su questo si sta lavorando ma, che io sappia, non ci sono ancora prove decisive a riguardo.



Mostra tutti i commenti


commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti