Commenti

commenti su voglioscendere

post: A proposito della Mondadori

Mi ricordo, una trentina di anni fa, interminabili discussioni a Radio Popolare di Milano se era giusto oppure no accettare i soldi della Coca Cola e trasmettere la sua (diabolica) pubblicità accanto ai notiziari e ai reportage che svelavano il ruolo delle multinazionali nel mondo, nonché la sua presenza virale (sua della Coca Cola) nel virtuoso circuito delle idee e della musica che insieme costituivano l’anima e il cuore di una radio veramente libera come Radio Pop.  La circostanza mi torna in mente leggendo oggi le due riflessioni del teologo Vito Mancuso e i suoi dubbi sulla compatibilità tre se stesso, i propri libri, e la Casa editrice di proprietà di Silvio Berlusconi. Si dà il caso che Mondadori sia anche la mia casa editrice e perciò le sue riflessioni mi ... continua



commenti

Gli ultimi 100 commenti / 
Mostra tutti i commenti




Noooo, Corrias, sei peggio del teologo Mancuso. Ma vai a scrivere per qualche d'un altro, possibile che per te non importa di chi sia la Mondadori??


Questi attacchi sul piano personale(berlusconi uomo ridicolo, tragico....") costituiscono a mio avviso delle bassezze insopportabili e non si dica che sono descrizioni neutre perchè sono valutazioni e in particolare insulti. si critichi ferocemente ciò che Berlusconi fa ma la si smetta con insulti gratuiti e immorali.


No, Corrias, no e poi no. Se lei, Mancuso e gli altri volete scrivere per Mondadori (ed Einaudi), fate pure, ma evitateci la lagna. Sapete bene tutti che non c'è qualcosa che non va. Boicottare Berlusconi, sì proprio lui, non è come boicottare la Coca Cola. Berlusconi da circa 20 anni sta distruggendo le nostre vite e molto di quello che ha ottenuto è frutto di inganni, malversazioni, furbizie varie. Dalla legge Mammì in poi. Fate pure, cari autori e autrici, ma evitate di chiedere la nostra comprensione. Non leggerò i suoi libri, nemmeno dovessi trovarli in biblioteca. E nemmeno i suoi post qui. Comunque, buona fortuna sotto la direzione della signora Marina, che magari potremo anche vedere in politica, pronta a bere l'amaro calice come il papà buono e santo. Addio, Corrias!


Leggere Scalfari nel suo editoriale in riferimento alla polemica autori Mondadori, e' veramente folle. Immergersi dove la materia cerca affannosamente di smarcarsi da se stessa per raggiungere l' agognata meta, quando e' la materia stessa che ha cessato di esistere, e' oltremodo folle. Il tutto pare essere circoscritto all'eterno conflitto di interessi, unico e autentico male universale, cartina di tornasole, ombrello sotto cui ripararsi. Conflitto che non a caso nessuno ha mai voluto risolvere, tanto meno quel PD che Scalfari sostiene e difende oltre il ragionevole, la decenza, e la dignità personale. Il povero vecchio ( così esso stesso si definisce) sostiene con disinvoltura, e senza alcuna vergogna quanto segue: in Mondadori si lavora bene, nessuno mi ha mai impedito di scrivere ciò che voglio, indi e per cui, non ho alcuna intenzione di smettere di scriverci solo perché Berlusconi e' il proprietario. Cuore a sinistra ma portafoglio rigorosamente a destra. Già. La Mondadori non e' Berlusconi e Berlusconi non e' la Mondadori. Berlusconi non e' nemmeno Mediaset, volendo, e men che ancora Silvio e' Berlusconi. Ma anche Berlusconi e' altro da Berlusconi. Si potrebbe continuare, sfidando il ridicolo all'infinito iVorrei far sommessamente notare che il problema in Italia non e' politico, almeno non solo. Se l'Italia e' quella che e', e' sopratutto per uno squisito problema culturale strutturato. Se l'Italia e' quella che e', non e' solo colpa dei politici inetti incapaci e ladri, e' sopratutto per colpa di quegli pseudo intellettuali d' accatto che si mostrano essere accattoni, non sol del pensare: perfetti prostituti al soldo del potente, al di la della casacca che indossano. E fin troppo' facile fare i finocchi col culo degli altri. Finche' nessuno si mette in testa che per raddrizzare questo penoso paese dobbiamo" tutti" rinunciare a qualcosa, possibilmente partendo da chi ha molto, come gli intellettuali autori di cui sopra, e,


Segue Finche' nessuno si mette in testa che per raddrizzare questo penoso paese dobbiamo" tutti" rinunciare a qualcosa, possibilmente partendo da chi ha molto, come gli intellettuali autori di cui sopra, e, finche' prevarrà il particulare, non cambierà mai nulla. Che almeno ci risparmino filippiche su etica, società, e quant'altro serve per macchiare fogli e far profitto prodomo loro




Penso che il problema sia ANCHE un altro, oltre a quello (per taluni presunto, vedo) di coscienza. Insomma, i soldi che la mondadori introita...non vi pare che vengano poi utilizzati per cose contro le quali tanti suoi (della Mondadori) autori si battono? E comunque, non sono soldi che poi finiscono in tasca al Bugiardo che li usa nei modi che sappiano (e mi preoccupa molto di piu' cio' che non so del suo modo di spendere i soldi che gli entrano in tasca)... Ricordo le discussioni sulla coca cola. E non solo. Ricordo anche quando ci si batteva perche' l'Italia non andasse a giocare la finale Davis in Cile (sotto embargo): tutta la sinistra in prima fila... Ma tutta la sinistra silente e complice quando a Venezia nel 1992 il compagno Gillo Pontecorvo ammise un film jugoslavo (paese sotto embargo, anche in codesto caso per questioni attinenti al fascismo)... No. Non vedo motivazioni chiare e moralmente giustificate per continuare a stare nella Mondadori. Non, beninteso, per chi combatte lotte etiche senza quartiere... E' come professarsi ateo (o giu' di li), salvo nascondere in un angolino del cervello l'ideuzza di chiamare il prete in punto di morte...


Carlo: a parte gli insulti, che qualificano abbastanza bene la persona, credo (CREDO) tu conosca il significato di "Pecunia non olet". Dunque, qualcuno pensa davvero che certi signori al governo preferiscano censurare libri letti da una minima parte degli italiani (parecchio ignoranti e tanto poco informati) piuttosto che incassare altro denaro? Non siate ingenui.




# 40    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 25/8/2010 alle 20:27

OT - Messaggio per labile e tutti i suoi nick. Visto che i "fantastici ragazzi di arsenale23" dormono, o forse sono molto meno fantastici, anzi dei veri babbei, dimostrato dal non aver fatto adeguate prove di carico al sito prima di aprire, potresti far sapere a quello col pallone e alla ragazza in bici che il Corriere, l' Unità e Libero hanno già sviluppato la piattaforma abbonati per iPad? Visto che i ragazzotti sono così trendy e "avanti" (sto par de balle) non riesco a capire come mai il FQ è ancora in beta sul sito (è ancora buggato pure nelle query al db o il db stesso) e di tavolette manco se ne parla: alla faccia di chi sbandiera di guardare alla rete e le nuove tecnologie. Guarderanno a una rete da pesca, diglielo che internet è "un altro" tipo di rete :D


@Renzo,ma che mi frega di questi,ma non credo siano scarsi,mi pare che la redazione disse che il lancio era per ottobre.. vedremo per "giudicare".. ps nessun altro nick,te lo avevo già detto.. serio non scherzo,c'è qualcun altro che fa morphing.. non io!


http://www.macchianera.net/2009/11/20/che-scriverebbe-travaglio-di-travaglio/ vi consiglio la lettura se Corrias e' pagato da Berlusconi, Travaglio frequenta "galantuomini"


Quante new entry questa sera!


Pino Corrias, ma fammi il piacere!!!


# 45    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 25/8/2010 alle 21:38

# 47 commento di carlo -- Sì è vero quello che scrive facci, è noto e risaputo. Ma pippo facci dimentica questo: "Il 25 giugno 2002, incalzato in udienza dai pm, Iovenitti ha dovuto ammettere che certe operazioni di finanziamento e aumento di capitale delle 22 holding che dal 1978 controllano la Fininvest “potremmo definirle potenzialmente non trasparenti”. Ha detto proprio così: “Non trasparenti”, a proposito delle “operazioni non di aumento di capitale gratuito”, quelle che i consulenti dell’accusa classificano secondo la dizione di “franco valuta”, già censurate nel 1994 dagli ispettori della Bnl." Manca anche la terza talpa, e su quella non so che indagini furono fatte. La talpa che a Roma informò cuffaro "vasa vasa". Né Facci né Travaglio ne hanno approfondito il tema, nemmeno i magistrati mi risulta lo abbiano fatto, ma potrei essere smentito. Comunque, caro Carlo, rispondi tu dell' omissione di pippo facci? Visto che ci sei, sai qualcosa dei soldi del Puffone? quelli "non trasparenti", gli altri sappiamo come li ha fatti. Puoi anche fare come fa lui, puoi avvalerti della facoltà di non rispondere :) --- http://www.repubblica.it/online/politica/udienza/ghedini/ghedini.html (deve essere stata una udienza veramente "normale" come dice ghedini, uno ripeteva solo "non rispondo" :D )
http://snipurl.com/10sw6b [www_elettroni_org]


A proposito della Mondadori: dopo la lettera deprimente del Uolter sul corriere, a cui seguirà libro, resuscita con un colpo alla botte ed un colpo al cerchio un altro zombie:“Chi comanda qui?” di Fausto Bertinotti è un saggio sulla costituzione che parte dalla sua storia e dalla sua evoluzione per mostrare che è giusto mutarla per seguire i cambiamenti della società ma che è impossibile distruggerne i valori fondamentali. Ovviamente edizione Mondadori. Buona lettura


# 47    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 25/8/2010 alle 21:50

Berlusconi: “La legalità è la mia stella polare”. Nel senso che è distante svariati anni luce.
http://www.spinoza.it/


# 48    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 25/8/2010 alle 21:52

MArziam: 1 tu che sei arguta cosa ne pensi di questo commento, io non lho capito , attendo lumi # 18 commento di carlo - lasciato il 25/8/2010 alle 18:10 pasolinante .... fai tu il bravo....... chiaro che corrias non andra' sul blog.. in italia c'e' il bavaglio ah aha ah , il blog e' controllato da berlusconi..... ma va a caghér


# 49    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 25/8/2010 alle 21:55

# 51 commento di lab -- Uolter: “Quasi quattordici milioni di italiani fecero una croce sul simbolo che conteneva il mio nome”. Già, buffo no? :D -- E' assolutamente inspiegabile anche con l'aiuto delle più moderne tecnologie scientifiche.
http://www.spinoza.it/




@54 Renzo.. bellissima,anche l'altra. :D Come dice MT anche di sapore berlusconiano.. ;)


# 52    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 25/8/2010 alle 22:3

# 56 commento di lab -- Spinoza è un mito, anche quella della spaccatura del pd sulle mozioni "bussare" e "campanello" è esilarante :D
http://www.spinoza.it/


Paso, sai che pensavo proprio a carlo mentre scorrevo i vari commenti e mi veniva in mente quel coso, non me ne ricordo il nome, con cui si allenano i pugili, soggetto a molteplici maltrattamenti, però quello sta sempre lì, appeso... devo dire petrò che stasera sono tutti molto buoni, oppure non so se sono più sottili cercando di interagire con lui, di entrare nel merito delle sue risposte.Carlo, nun te fa strapazzà più de tanto, tanto non ci crede nessuno che pensi quello che dici. ps senza sprecare un altro spazio, vorrei chiedere a qualcuno se mi sa dire come fare a copiare le vignette che quella di oggi di natan mi pare assai gustosa. e poi la stella polare di berlusconi, l'ho detto tempo fa, è la Gelmini, cioe la stella del polo, mi spiace per Spinoza!


@Renzo, la verità è che Uolter avrà letto un ansa in cui si diceva di uno studio che rileva l'effetto emotivo di "scrivere una lettera" ai propri elettori, dice che avvicina molto di più che in tv.. dicono.. e lui subito ZAC e si è trasformato in "emotivatore" de noialtri.


# 55    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 25/8/2010 alle 22:21

# 59 commento di lab -- Probabile. A me Uolter mette un po' di tristezza, non ha la statura del leader e nemmeno le capacità. Fosse almeno "pulito", invece, assieme a rrrutttellone belloguaglione è responsabile dell' IMMENSO buco del comune di Roma, talmente grande che lo hanno rimosso dalla contabilità del buco, altrettanto immane, dei comuni italiani. Non so quanto potremo andare avanti, prima o poi i nodi arrivano al pettine.
http://snipurl.com/10sws1 [www_corriere_it]


Questa lunga tiritera che sa tanto di arrampicatona sugli specchi dimostra ancora una volta (ma io l'avevo capito da un pezzo, basta andare a rileggersi qualche mio commento ai post precedenti) la statura intellettuale di Corrias. Complimenti Corrias, davvero complimenti.


@Renzo,si sui generis Tonino BassoLindo.. dalla famosa serie CONSULENTOPOLI capiscè 'amme! ;)


# 58    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 25/8/2010 alle 22:37

# 58 commento di marziam - lasciato il 25/8/2010 alle 22:10 devi avere rispetto di Carlo ...quello è uno potente , ti facevo piu arguta!


# 59    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 25/8/2010 alle 22:38

(*_^)


quello che fa' rabbia ai molti del forum a travaglio sono i soldi di berlusconi, buoni da guadagnare (corrias) ma immorali e sporchi, fatti con chissa' quali mezzi. I soldi ... berlusconi la colpa che ha e' che e' ricco e tutti invidiate la sua ricchezza, in verita' vorreste essere come lui ma siete delle nullita'(economicamente parlando) e l'invidia e' il risultato si vede dal forum. I soldi berlusconi li ha fatti lavorando , voi il tempo forse lo passate al bar ad occuparsi di cosa fanno gli altri per avere la bella macchina.


WIKILEAKS: ASSANGE SARA' INTERROGATO PER L'ACCUSA DI MOLESTIE. Metodo Feltri?


carlo, "quello che fa' rabbia ai molti del forum a travaglio sono i soldi di berlusconi, ...in verita' vorreste essere come lui ma siete delle nullita'(economicamente parlando) e l'invidia e' il risultato si vede dal forum. I soldi berlusconi li ha fatti lavorando , voi il tempo forse lo passate al bar ad occuparsi di cosa fanno gli altri per avere la bella macchina", immagino che lei conosca personalmente buona parte di chi intervieni qui, viceversa, si potrebbe pensare che se, criticare significa "invidiare", sia lei il primo ad essere afflitto da tale sentimento. Detto questo, il teorema sull'invidia vale solo nel caso di ultra-settantenni intenti a legiferare pro domo sua o è applicabile a chiunque sia economicamente più fortunato? Il dubbio sorge quando penso che non mi capita spesso di leggere commenti contro Brad Pitt piuttosto che Bill Gates (che sicuramente indigenti non sono) e quindi forse certe critiche nascono non dall'invidia ma dalla consapevolezza dei danni che certo modo di governare causa. P.s. A proposito di chi è pagato da chi, magari non per tutti farsi pagare da qualcuno equivale a vendersi a quel qualcuno.






Pessimo, veramente pessimo, io non compro neanche i libri di mondadori e si non bevo coca cola. La coerenza è importante nella vita caro sig. corrias.


Paso.chi è il potente? pensavo di averlo distrutto io ieri con quel carlo martello e la discendenza de pipino Breve invece talis qualis faccia de bronzo manco per gnente.... dementia hominum quale mysterium!


ma quali circostanze di sta ceppa!!!!!!!! BOICITTIAMO LA MONDADORI PUNTO E BASTA!!!!!!!!!!!! ----> http://www.mondadorinograzie.org/


anche il 66 è da togliere sono stata troppo offensiva. buona notte secchio e suonatori


# 69    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 26/8/2010 alle 0:20

Alla faccia delle sforbiciate! Nuovo censore alle prime armi, o censura un tanto al chilo? Della serie, alè, cancelliamo gli ultimi 30 e poi a nanna. :D 'Notte redazione ;)


# 70    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 26/8/2010 alle 0:33

Eh eh eh marziam ricordati sempre che questo luogo è fra le varie metafore , proprio preciso preciso a un villaggio turistico ... Cosa c è in quei luoghi di non nascosto come qui , ma ugualmente presente ? " l animatoreeeee" ..... Nulla è ciò che sembra in questi casi ..te' cumprì? Eh eh eh eh


paso ho appena letto il fondo di travaglio: oggi tocca a rotondi, il ministro kiwi e alla fine a rutellone belluguaglione, mi sto liquefacendo dalle risate, come prima con Spinoza uolter... dammi la buonanotte come si deve !


# 72    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 26/8/2010 alle 0:46

Marziam il mondo non è serio, capisci ?te l ha scritto anche corrias , o no? Papale pale , questo ci ha detto in estrema sintesi ...ti pensa ! Proprio il giorno in cui in separata sede, sull' argomento sto continuando a sognare scrivere darmi da fare sul contrario diametralmente opposto...quindi che vogliamo???esseri seri ? In Italia? In Italia un blog serio? E col cacchio che esiste! Quindi cosa abbiamo noi marziam ?abbiamo un villaggio turistico voglioscendista,di studio gratuito della natura umana , ma non dirlo , xkè sta sintesi è roba troppo troppo seria...quindi fai finta di essere seria seria , tanto che uno lo è o non lo è non cambia un cacchio.... poi quando c è da sognare , ogni tanto ci chiamiamo "sogna con me"... Beh mo' basta devo andare.




# 74    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 26/8/2010 alle 1:25

# 61 commento di lab --- Visto che leggi Wikileaks, guarda cos'hanno omesso del documento originale in link sul FQ online (senza peraltro mettere il link al file). Come non dare ragione a Paolo Barnard ed ad una sua indagine per Report, datata 2003 (a memoria)? Per gli USA i terroristi sono solo quelli che dicono loro, ma ne esportano pure, e la CIA lo sa benissimo da una vita. Ciao. (leggere pag.2 per conoscere la verità detta dalla CIA, su un documento che doveva restare segreto).
http://file.wikileaks.org/file/us-cia-redcell-exporter-of-terrorism-2010.pdf


Boh, io non compro Mondadori. Poi chi ci scrive faccia pure, non leggero` i suoi libri.


# 54 commento di lab - lasciato il 25/8/2010 alle 22:12 @Renzo, la verità è che Uolter avrà letto un'ansa in cui si diceva di uno studio che rileva l'effetto emotivo di "scrivere una lettera" ai propri elettori, dice che avvicina molto di più che in tv.. dicono.. e lui subito ZAC e si è trasformato in "emotivatore" de noialtri. \\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\ @L'ab bacchiatello mio caro!non ti abbacchiare troppo, che con questa tua di sopra hai dato scacco matto a Spinoza, sempre che sia tua!XD e credo anche *_^: significa occhietto no? basta levare il nioaltri, che lo dico io, ma non è consacrato letterariamente come il noantri cazzulliano, già a sua volta come già detto, citazione di seconda o forse terza mano.


Non sono d'accordo.Un intellettuale ha un dovere morale in piu'. Non puo' scrivere contro il nemico e nel contempo finanziarlo con gli utili che il suo lavoro genera. Un conto e' la Coke che rimaneva un fatto puramente ideologico, un conto e' Berlusconi che e' un fatto pratico. La giustificazione non regge ma teniamo famiglia e siamo un po' ingordi.


E' veramente assurdo contribuire ad arricchire direttamente B., devi per forza trovare un altro editore!!!








CERTO CHE CI VORREBBE COERENZA A TUTTI I LIVELLI, E' INUTILE E CONTROPRODUCENTE E AVVILENTE E DI UN OPPORTUNISMO BIECO E SOFISTA ATTACCARE TUTTI I GIORNI BERLUSCONI E POI SCORDARSI CHE SI PUBBLICA PER LA SUA CASA EDISTRICE NELLA QUALE SONO INVESTITI I SUOI MAFIOSISSIMI SOLDI. A CHI PUBBLICA PER BERLUSCONI, BERLUSCONI PAGA CON I PROVENTI DEI LIBRI, DALLE CAMICE IN SU... UN INTELLETTUALE ONESTO E TOTALMENTE INTEGRO SI NOTA ANCHE DA QUESTO. SE VI CREATE POI DEGLI ALIBI PER AUTO CONVINCERVI NON LI DIFFONDETE FACENDOLI DIVENTARE E ADDITANDOLI COME CANDIDA PRASSI...PERCHE' ALLA MONDADORI LAVORANO TATNTI BRAVI E ONESTI PROFESSIONISTI, ETC, ETC... IL CONFLITTO D'INTERESSI E DI COSCIENZA E' IL VOSTRO. L'ITALIA E' STRACOLMA DI CASE EDITRICI!


# 83    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 26/8/2010 alle 9:16

ciao Marziam, sognato bene ? ...grazie del tu "cabaret" di paste fresche fresche, ho scelto quindi di mandarti questo bombolone e bambolone ..per te e tutti i marziani . a presto e mi raccomando non siamo seri e siamo seri ....continuiamo cosi :-)
http://www.youtube.com/watch?v=Q8Tiz6INF7I&feature=related


# 84    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 26/8/2010 alle 9:19

"Può capitare di provare una qualche insofferenza per due mode: la pettinatura alla Giulio Cesare per gli uomini, i grandi, fantasiosi e lunghi orecchini pendenti per le donne. Nessuna delle due è una vera novità. La pettinatura alla Giulio Cesare (cioè, per dire, come quella di Nicki Vendola) ebbe già un suo momento di gloria nel 1955: Marlon Brando, che recitava la parte di Marco Antonio nel film di Joseph Mankiewicz «Giulio Cesare», la lanciò con vero successo; quanto agli orecchini pendenti, erano in voga pure a Roma, ad Atene o in Egitto nell’antichità, poi in vari altri periodi incluso l’Ottocento. Eppure può infastidire lo stesso vedere uomini con ogni ciocchetta di capelli allungata sul capo, sistemata con la massima cura a seconda che la pettinatura sia tutta portata in avanti sulla testa per nascondere stempiature, calvizie incipienti, per moda, per sembrare più giovani, per speranza di evitare la caduta dei capelli o per qualche altro oscuro motivo. Può fare impressione che donne importanti o donne comuni in momenti anche delicati o tragici, lascino battere sulle guance geometrie, frutti, fiori, farfalle, grappoli, rami di corallo, palle e palline, insomma gli orecchini più vistosi. Naturalmente sarebbe stupido criticare pettinature oppure orecchini alla moda: ciascuno fa e porta quello che gli pare, ha i propri gusti e li asseconda, regole o divieti estetici generali non esistono più da un bel pezzo. Ma tanta attenzione tributata ai capelli in testa o alle cose appese ai lobi delle orecchie può dare l’idea di un gusto primitivo, d’un narcisismo eccessivo, d’una vanità esagerata e contrastare, oltre che con la semplicità sempre invocata dai sarti più famosi e meno indulgenti, con il ruolo, con l’autorevolezza e la credibilità della persona, sino a renderla a volte ridicola." Lietta Tornabuoni


# 85    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 26/8/2010 alle 9:28

che facciamo di questa notizia? speriamo che si facciano la guerra fra loro? dove non è arrivato l'Uomo ( sinistra compresa che gli ha consentito da 30 anni di non essere messi alla porta dell'incostituzionalità) arriverà la natura ( di altri uomini con la u piu minuscola) a farsi fuori fra loro ? io faccio "il tifo"ed per questa ipotesi che passo la notizia e spero che sia pieno di queste notizie( anche se a ben vedere non dovrebbero incazzarsi solo per la tessera tifoso, ma per le baggianate delle propagande che si sono bevuti mentre le diverse trote prendevano il potere)_____"....Nel corso della protesta degli ultras atalantini alla Festa della Lega Nord di Alzano Lombardo (Bergamo) gli agenti della Questura sono stati fatti oggetto del lancio di bottiglie e altri oggetti. Alcuni agenti, fanno sapere fonti delle forze dell'ordine, sono rimasti feriti. Gli agenti erano impegnati a tenere lontano il gruppo di ultras, quantificati in alcune centinaia, dall'area della festa. Alcune auto sono date alle fiamme. Ora la situazione è tornata alla normalità. Quando sono partiti i petardi stava parlando il Ministro Maroni, poi il dibattito è stato interrotto. Almeno cinque ultras sarebbero stati fermati dalle forze dell'ordine dopo il lancio di torce, petardi e fumogeni all'indirizzo del palco della Bérghem Fest di Alzano Lombardo (Bergamo), durante il dibattito con i ministri Maroni, Tremonti e Calderoli.... "
http://temporeale.libero.it/libero/fdg/4018972.html


I giornalisti sono come gli avvocati. Meglio starne lontano..






# 69 commento di Renzo C - utente certificato lasciato il 26/8/2010 alle 0:20\\\\\ # 76 commento di marziam - lasciato il 26/8/2010 alle 7:1 \\\\\ Ciao ragazzuoli, non capisco se la redazione lo fa apposta per provocare e sperare in nuovi commenti, se lo fa per antipatia, se lo fa per incapacità, se lo fa perchè sta fumata o ubriaca dopo la mezzanotte.. comunque sia resto del solito parere: CHI CENSURA QUI NON E' ALL'ALTEZZA DEL SUO COMPITO! Mi cancellano commenti puliti senza motivo? Per quanto mi riguarda NON SCRIVERO' più qui, troppo infantile la redazione. Addio a tutti, è stato bello finchè è durato!! ps marzia,la battuta è tutta mia,ma non regalerò più assist a questi imbecilli che censurano. ciao acnhe alla mitica paso..


I BERLUSCONES HANNO PROBLEMI , gli anti-berluscones NON riescono a mettersi daccordo QUESTO SUCCEDE IN ITALIA DAL 1927 .... non è uno scherzo .


quindi allora dunque succederà questo : 1- il pdl cade per problemi interni , 2- l'opposizione va a nuove elezioni tale e quale l'armata brancaleone e sperando nella fortuna ......




Caro Corrias, lei è una persona stimabile, lo si evince da quel che scrive e da come lo scrive, ma tenga ben presente che: "Gli autori della Mondadori ricevono compensi e stipulano accordi con una società posseduta da un corruttore, che utilizza le leggi per raggirare lo Stato e ledere la concorrenza" La Mondadori è pur(stata)una grande casa editrice ma sostiene il sistema Berlusconi, che così sopravvive forte oltre che per il contributo dei suoi servi e clienti più indegni,anche per colpa di chi, un pò arrampicandosi sugli specchi, gioca con le parole per giustificare ciò che giustificabile non è.


un'intellettuale che scrive per la mondadori avalla automaticamente il suo placet ad un uomo che di fatto é un criminale, mi spiace ma é la veritá, corrompere é un criminine, evadere le tasse é un crimine.. é come il tizio che vuol combattere il sistema dall'interno é impossibile perché ne fa giá parte, quindi sei sistema, é cosí. comunque ognuno ha la sua coscienza,ma un intellettuale/giornalista una marea di responsabilitá


noto che su questo argomento gli stessi sono tranquillamente divisi in due gruppo o s' inchinano al denaro oppure alla coerenza dell'intellettuale


Si potrebbe anche, caro Corrias, con i propri grandi e importanti libri, rendere grande e importante un'altra casa editrice che darebbe, crescendo, un nuovo lavoro a tutta quella meravigliosa gente di cui parla il post. E poi: perché mai dovrebbe essere possibile cambiare l'Italia senza buttar via niente, in modo indolore, senza rischi per nessuno? Il fatto è invece che molti di voi intellettuali avete conquistato un bel posticino al sole e lo sapete benissimo: B. ha fatto astutamente sì che anche gli intellettuali a lui avversari dipendano da lui. Corrias, non conosce il dolce, arioso e fresco sapore della libertà? Libertà come principio, come ideale? Onestamente, il suo post mi sembra una brutta arrampicata sui vetri.


# 97    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 26/8/2010 alle 11:8

LAB porca putting ! mi scusino tutti se non avendo piu mail di " Otaner" sono costretta a dire cose che spiaceranno , non a lui , ma a chi gestisce questo spazio--------LAB ogni buco del mondo , nasconde una verità sconcertante, con tutti gli ingredienti dell'"assurdo".... non puoi essere piu "infantile" , di chi sempre "infantile" governa con la legge del piu forte ogni buco del mondo. perche quando ti facevo discorsi sulla banalità del male ( pessante pesante sottile sottile) mi seguivi e non mi seguivi? cerca di seguirmi almeno ora . ognuno di noi è fatto banalmente di luce e ombre, ma se si lascia ogni buco del mondo alle sole ombre ( anche le stesse nostre) , è nostra responsabilità individuale aver mollato al fango della neolingua orwelliana sempre esistita al mondo ( non solo adesso come ci dimostra l'ultimo video postato da marziam) ...l'uomo è un animale asociale e fa finta in ogni spazio di volere essere sociale, tranne quelli che vogliono vedersi allo specchio , costasse quel che costasse in ogni lezione di vita, in cui il maestro rimane la vita ( ricordati quando anche tu mi scambiasti per un guru che non sono , quando ti facevo questi discrosi che sono "banali" a chi vuole certe consapevolezze peraltro minimalissime dell'esistenza) ...qui ci sono regole truccate LAB , te ne accorgi ora? e non sono solo sulla censura e lo sai.è la tecnica dell'intrattenimento turistico, e lo sai. fai la differenza a partire dal tuo comportamento e i tuoi pensieri e limitati a questo, sopportando la legge del piu forte del piu stronzo, sembiante in vari modi di essere uguale a te , sia che la pensi "filo" questo o "filo" quest'altro o "anti" quell'altro.limitati a voler essere VERO , rispetto al finto e l'apparenza che domina ogni buco del mondo.Strappa il velo del truman show continuo in ogni luogo, anche in questo spazio, e manda a " fanculo" le finzioni ovunque e novunque . TI ASPETTO . SOGNA CON ME LAB!!!! STAI VERO e paga per questo l'altissimo prezzo( che è poi an


# 98    commento di   pasolinante - utente certificato  lasciato il 26/8/2010 alle 11:10

SOGNA CON ME LAB!!!! STAI VERO e paga per questo l'altissimo prezzo( che è poi anche un piacere)...un abbraccio in due baci guancia a guancia.


quoto al 100 % il #97 Banana, semplicemente perchè non è il banana


PASO post 98 (l'uomo é un animale sociale...) JUL ES RENARD ci ha definitocosi L'UOMO E' UN ANIMALECHE HA LA FACOLTA DI PENSAREE QUALCHE VOLTA PENSA ALLA MORTE////////oppure LA BRUYERE ci sono tre avvenimenti per l'uomo NASCERE VIVERE E MORIRE non sente nulla quando nasce,nella vita soffre da morire,, poi dimentica di vivere


il compagno (?) Veltroni compare regolarmente con i suoi libri nel catalogo de Il Circolo, afferente alla Mondadori


"Vicini da morire. La strage di Erba e il Nord Italia divorato dalla paura" ma che pressioni dovrebbe ricevere per uno libro cosi'? siamo al delirio. Devo essere sincero, a causa della mia ignoranza non avevo idea che molti degli autori citati in questi giorni collaborassero con Mondadori e devo dire che questa doppia morale è abbastanza patetica.


solidarietà piena a Corrias per gli insulti ricevuti dai "pasdaran" del nulla che nulla sanno di libri, editoria e distribuzione libraria nè ancor meno di libertà e coerenza.


12 lug 2010 Gruppo Mondadori: nasce la Direzione Digital affidata a Vittorio Veltroni A partire dal prossimo primo settembre verrà costituita la Direzione Digital del Gruppo Mondadori: la nuova area di responsabilità sarà affidata a Vittorio Veltroni, che riporterà direttamente al Vice Presidente e Amministratore Delegato Maurizio Costa.....


# 105    commento di   aanto* - utente certificato  lasciato il 26/8/2010 alle 13:6

Esperienza personale: quando mi sono trovato a (oppure, ho scoperto di) lavorare alle dipendenze di gente che aveva un concetto molto "elastico" della legalità, ho cambiato datore di lavoro...Certamente, ci ho rimesso come compenso, ma oggi sono sicuro di poter spiegare la mia scelta senza troppi giri di parole od arrampicate sugli specchi. Ed, inoltre, posso dire alle persone che malauguratamente si trovano nella mia vecchia posizione di boicottare gente simile al mio passato datore di lavoro: il punto è proprio questo...ovvero, come può la classe intellettuale italiana dire alla gente comune che bisogna limitare (o ridimensionare) Berlusconi, se poi, attraverso la propria attività lo si "ingrassa", aumentandone il suo potere economico? Saluti!


Troppo comodo scegliere il grigio. A me sembra proprio ipocrita questo articolo. I compromessi con la coscienza? i compromessi con le proprie tasche!!!


# 107    commento di   chiarelettere - utente certificato  lasciato il 26/8/2010 alle 13:51

La risposta di Pino Corrias http://www.voglioscendere.ilcannocchiale.it/2010/08/26/a_proposito_della_mondadori_du.html
http://www.voglioscendere.ilcannocchiale.it/2010/08/26/a_proposito_della_mondadori_du.html


Mi sembra che la risposta di Corrias smonti radicalmente tutte le fesserie che ho letto nei commenti a questo post, le quali calcavano su concetti moralistici derivanti da sentimenti repressi o da pressappochismo politico.


@ Corrias Egregio Corrias, gli esempi-similitudini da Lei presentati sono calzanti per alcuni aspetti della questione ivi dibattuta, ma per molti altri non proprio: in particolare, non mi sembra che spostino di un millimetro la questione da me (forse banalmente) posta, ovvero, per parte della classe intellettuale del nostro Paese non risulta difficile proporsi come esempio di lotta ideologica contro il male politico attuale dell'Italia (ovvero, tale Silvio Berlusconi) per poi, in fin dei conti, aumentarne il volume di affari? Mettiamo il caso che Lei per Mondadori scriva un libro di successo planetario creando un grossissimo cespite per la Casa Editrice suindicata, non è questo, forse, che rende ancora più potente l'attuale Presidente del Consiglio? Ciò detto, rigraziandoLa per il diretto ed espresso intervento, pongo Cordiali Saluti!


# 110    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 26/8/2010 alle 13:58

# 106 commento di pino_corrias - Buongiorno e grazie per le sue precisazioni. Chissà se almeno lei mi risponderà, visto che non c'entra con il FQ. La domanda è molto semplice: trova MORALMENTE compatibile con il FQ che abbiano fondato la società assieme ad un MAZZETTARO reo confesso di nome Guido Roberto Vitale? E' da qualche tempo che chiedo ai suoi amici Travaglio e Gomez, sia qui che sul FQ, ma forse non leggono i commenti, forse l'ho chiesto poche volte, forse... Spero di leggere il suo di commento: se le servono i link che dimostrano quanto affermo glieli lascio subito: --- http://www.vita.it/news/view/95651 ---- http://archiviostorico.corriere.it/1994/settembre/23/via_alle_sfilate_moda_Procura_co_0_94092312433.shtml ---- http://archiviostorico.corriere.it/2010/maggio/03/Vendola_nella_masseria_del_banchiere_co_8_100503018.shtml --- L' ultimo è un anteprima di ciò che ho letto in queste settimane sul FQ, la dimostrazione che Vendola ha sponsor danarosi. Nella speranza (quasi vana) di leggerla in merito le porgo i miei più cordiali saluti.


#105 Aanto - "come può la classe intellettuale italiana dire alla gente comune che bisogna limitare (o ridimensionare) Berlusconi, se poi, attraverso la propria attività lo si "ingrassa", aumentandone il suo potere economico?": secondo me, la presenza di Corrias nella Mondadori dovrebbe essere invece considerata come motivo d'orgoglio per la stessa azienda editrice e rappresenta un fenomeno positivo (uno dei pochi) nel contesto della stampa italiana. La Mondadori non deve necessariamente rappresentare una "standing ovation" berlusconiana a tutto tondo, nonostante i suoi vertici.


Aanto, ma perché bisogna distruggere il potere economico di Berlusconi? (che poi, a quei livelli, la presenza o meno di Corrias cambierebbe poco). Berlusconi va combattuto sul piano politico per quello che non fa e che fa di sbagliato, e va processato per tutte le canagliate che ha fatto e che farà (e senza intoppi di sorta e leggi ad personam)


@ Claudio #112..."...perché bisogna distruggere il potere economico di Berlusconi?...". Forse, lo vedo solo io, ma mi sembra evidente che, se oggi si parla di un "Berlusconi politico" è perchè là, dove attualmente è, vi è arrivato grazie all'enorme potere economico accumulato, il quale gli ha permesso di avere un grande potere mediatico...Secondo te, se così non fosse stato, chi avrebbe potuto (senza televisioni ed altri mass-media) fare un comunicato stampa di "scesa in campo" a livello nazionale, vincere le elezioni subito successive e rimanere sulla cresta dell'onda per tutti questi anni? Lo avrebbe potuto fare un qualunque politico o solo Silvio Berlusconi? Saluti!


Ragazzi, scusate la semplicità terra terra, ma tutti dobbiamo lavorare e mantenerci. Come ha detto Corrias, quanti di voi sono magari impiegati di una multinazionale o di un'azienda che fà dei danni, o comunque, col proprio lavoro, contribuiscono a far arricchire un potere economico che non si è sempre comportato in maniera etica? Secondo me molti. Eppure io credo che nessuno debba sentirsi in colpa. Meglio Corrias di Fede o Vespa, che in quel potere economico si sono gettati, rinunciando al proprio filtro critico per ottenere maggiori ricchezze materiali. Non siamo onnipotenti, non esiste la perfezione, e a volte tutti dobbiamo fare dei compromessi difficili, e sicuramente anche criticabili. Ma meno male che comunque esistono giornalisti come Corrias che se non altro, a compromesso avvenuto, non rinunciano ad usare la propria testa, e a informarci su cose che ormai ci dicono in pochi.


Aanto, è vero. Tuttavia, il suo discorso sarebbe potuto essere ineccepibile PRIMA che Berlusconi avesse ottenuto il suo attuale potere politico. Ora, se Saviano o Corrias lasciassero la Mondadori, non gli farebbe né caldo né freddo. Inoltre, mi permetta una considerazione: il dominio mediatico, in un paese normale, andrebbe combattuto in campo giudiziario nonché politico (non ci dovrebbe nemmeno essere il bisogno di ricorrere ad un "boicottaggio" a livello economico, in un paese normale), in quanto mina le basi della democrazia.


@ Claudio #115..."...il dominio mediatico, in un paese normale, andrebbe combattuto in campo giudiziario nonché politico (non ci dovrebbe nemmeno essere il bisogno di ricorrere ad un "boicottaggio" a livello economico, in un paese normale), in quanto mina le basi della democrazia...". Affermazione perfetta!!! Ma valida per un "Paese normale". Quindi, se i normali meccanismi di controllo e disciplina per un motivo o per altri non funzionano, quali sono le alternative pacifiche e civili da innescare?


@112 e #113 - ...e se Berlusconi vedesse che stare in politica e polarizzare fortemente comporta gravi danni alla sua attività imprenditoriale (quella principale e in fondo unica), allora vedreste che si ritirerebbe dalla politica. Invece usa la politica per ricattare l'economia e usa l'economia per ricattare la politica. Grazie anche alla mollezza di persone come Corrias. Io vivo in Germania dove un tizio come B. sarebbe stato velocissimamente ricattato dalla gente stessa: o non estorci più soldi al NOSTRO stato - o noi ti faremo morire le tue aziende. Ma questo è il paese di Kant e dell'imperativo categorico: "Agisci in modo che tu possa volere che la massima delle tue azioni divenga universale." Certamente ciò non sarebbe desiderabile di quest'arrampicata sui vetri.


Parafrasando Galimberti, siamo in un'era tecnologica dove ognuno è ingranaggio di un meccanismo di produzione e consumo; ognuno dunque, di fronte ad ogni prodotto, dal cibo ai libri, è sia co-produttore sia co-responsabile della sua esistenza, così non percepisce la personale responsabilità qualora l'oggetto, l'alimento, l'azienda venga usato per scopi non nobili. Lo stesso Galimberti portava l'esempio di Fermi: da scienziato, quanto è responsabile di Hiroshima? O le azioni Parmalat: chi ci ha investito dei soldi è o no responsabile di come va l'azienda, o del comportamento dei suoi dipendenti? Credo che vivere senza compromessi sia teoria, e comprendo l'atteggiamento di Corrias espresso e puntualizzato. Faccio il musicista, e nella disoccupazione in cui mi trovo andrei a suonare pure ad un ritrovo del PDL. Preferisco essere onestamente stipendiato da un partito di ladri piuttosto che rubare. Credo che ogni artista, scrittore o pittore che sia debba solo evitare compromessi alla sua espressività, e se alla fine sarà B. a stipendiare Corrias, beh peggio per B.!


Corrias lei non è un disoccupato nella condizione di dover essere stipendiato dall'azienda di un corruttore o altrimenti fare la fame. Lei stesso dice che i 9/10 del suo reddito provengono dalla Rai. La sua è una scelta di campo ipocrita. E non c'entra niente il professore del liceo con la Gelmini: la scuola è pubblica, non è di proprietà del ministro Gelmini come invece la Mondadori( privata,rubata e mantenuta sul mercato con leggi ad hoc in barba alla concorrenza!) lo è di Berlusconi. Che razza di esempi fa? Cmq contento lei! Ha ragione chi ha scritto che solo in Italia si può ragionare così! In Germania uno come Berlusconi sarebbe stato boicottato dalla stessa gente nel momento stesso in cui è nato,e non sarebbe stato mantenuto per 20 anni da un esercito di servi e di opportunisti come avviene in questo pease di merda! Con il risultato di ritrovarci le cricche e le Bande bassotti a drenare denaro pubblico e "le Gelmini" a decidere della scuola cioè del futuro dei nostri figli!


Aanto, il problema più importante non è Berlusconi. è la politica che lo lascia fare e lo aiuta. Bisognerebbe sanare la politica. Bisognerebbe limitarlo con dei provvedimenti politici, e, quando ci vogliono, provvedimenti giudiziari adatti. In questo modo un politico non potrebbe mai avere il monopolio delle televisioni. di lì si avrebbero ripercussioni enormi sul consenso, per il livello della democrazia


quanto la fate complicata. quando mondadori si comporterà da braccio armato di silvio berlusconi allora sarà il caso di andarsene. mondadori è esistita prima di silvio ed esisterà dopo ed è il più grosso distributore di libri in italia, è ovvio che uno scrittore non possa prescindere da ciò. e non è una questione di portafoglio: secondo voi gomorra avrebbe conosciuto la stessa popolarità se fosse stato edito da qualcun'altro? forse no. è silvio che deve mollare mondadori.


@122, "..quando mondadori si comporterà da braccio armato di silvio berlusconi allora sarà il caso di andarsene.."///ti dice niente il nome del Nobel Saramago? Povera Italia.. :(


Max, la scuola è pubblica, ma in questo momento è sotto le mani, anzi le forbici, della Gelmini.


eh no...i suoi paragoni non sono calzanti: dimettersi dalla scuola perchè c'è la gelmini non c'entra nulla, lei non arricchisce la gelmini insegnando. Viceversa tutti i personaggi citati, scalfari, augias, odifreddi etc hanno proprio il cuore a sinistra ma il portafoglio a destra. Pubblicando con mondadori fanno arricchire e danno sempre più potere a colui che tanto aborriscono a parole. Ma pubblicando con Sellerio o Feltrinelli ci rimetterebbero poco o tanto e nessuno ci vuole rinunciare. E' inutile fare tanti sofismi: quei pochi che si rifiutano (e ce ne sono) di pubblicare con mondadori sono come quei pochissimi professori universitari che si rifiutarono di giurare fedeltà al fascismo. Gli altri, all'atto pratico stanno dall'altra parte, piaccia o non piaccia. Anche a me costa un piccolo sacrificio non comprare libri mondadori o non andare mai al cinema perchè è tutto suo, ma lo faccio perchè sono coerente e mi faccio forza di queste piccole rinunce, giorno dopo giorno sperando che succeda qualcosa e che la gente capisca. Ma se da chi ha più mezzi e cultura arrivano queste parole confuse e queste puerili giustificazioni poveri noi...


@ Claudio #120...Caro Claudio, io ho già pienamente condiviso la tua osservazione (che è esatta, e lo ribadisco). Ma nel mio #116 vado al di là della tua esatta costruzione teorica (che dovrebbe anche essere quella concretamente operante in Italia). Probabilmente, non sono riuscito a spegarmi bene, ma ci riprovo...Il problema non è solo Berlusconi ed il correlato berlusconismo, ma è - come tu osservi - anche chi lo asseconda (permettimi di osservare, di conseguenza, che anche chi scende "a patti con il nemico" rappresenta un "assecondatore", soprattutto, se la scesa a patti non neutralizza - anche parzialmente - alcuni atteggiamenti del nemico: il compromesso deve essere bi-laterale e, se così non è, non rappresenta un "buon" compromesso). I meccanismi di tutela e disciplina da te citati nel tuo #120, avrebbero dovuto funzionare sin dalle origini di siffatta situazione, ma così non è stato: infatti, attualmente, non è possibile pervenire ad alcun ricambio sostanziale di politica (che è e rimane quella "assecondatrice") e, quindi, non è possibile avere quei provvedimenti politici che tu richiami; non parliamo poi dei provvedimenti giurisdizionali, poichè sappiamo tutti la storia di questi ultimi decenni...segue=>


Ciò detto, di fronte a siffatta situazione, noi oggi ci troviamo di fronte ad una classe intellettuale che, nella sua maggioranza, decanta il pericolo di Berlusconi e del berlusconismo e quest'ultima rappresenta l'ultimo baluardo atto a limitare codesti fenomeni degenerativi, chiamando la collettività al risveglio dal suo torpore. Se essa vuole risultare credibile in tutto e per tutto, non deve pervenire al "compromesso" con il nemico, ma deve stringere una forte alleanza con il destinatario della propria attività intellettuale. Quando ciò non è avvenuto (e la storia lo dimostra), sono stati dolori...Saluti!


Eh già, guarda un po' le circostanze. E' come in "Caterina va in città": la differenza non è tra destra e sinistra, ma tra chi conta e chi non conta niente.




Basta col segno dei tempi è arrivato il tempo dei segni. Bisogna dare significato precipuamente ai comportamenti. Non si può avere un comportamento conformista o acquiescente se si vuole essere anti-conformista. Non dobbiamo certo insegnarLe i significati di "fabbrica del consenso" o "influenza della maggioranza" o "spirale del silenzio". E' il tempo, caro Corrias, di dare il giusto significato ai nostri segni, di essere coerenti e conseguenziali. Lo richiede il contesto storico.



Mostra tutti i commenti


commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti