Commenti

commenti su voglioscendere

post: L'Italia ha bisogno di una destra normale

Intervista a Peter Gomez di Cecilia Moretti, da Il Secolo d'Italia, 3 ottobre 2010   Gomez, quali il progetto e la prospettiva che si intravedono dietro il nuovo soggetto politico di Fli? Quelli di avere finalmente in questo Paese una destra normale. Una destra come la si pensava tanti anni fa, quando ero al Giornale di Montanelli, che abbia i valori di tutta la destra europea, sia sempre rispettosa dei diritti civili e dell'individuo, sappia discutere su tutto senza ritrosie e tabù - per esempio rispetto alla questione dei gay - e possa ripartire da alcuni principi semplici: primo fra tutti la legalità, che è tradizionalmente la battaglia della destra. Questo è esattamente quello che in questi anni è mancato. Ora in Italia c'è spazio per una destra ... continua



commenti

Gli ultimi 100 commenti / 
Mostra tutti i commenti


Fini, non l'ho mai votato, ma ha sempre avuto la mia stima. Ultimamente però, ha fatto errori che non sono da lui: è corso troppo in fretta fra le braccia di Berlusconi, ha votato tutte le sue porcate, compresa la legge elettorale e, troppo tardi, ha capito chi è Berlusconi o lo sapeva anche prima, e gli faceva comodo così?.Se ciò fosse, sarebbe ancora peggio, perchè sarebbe opportunismo. Alcune volte penso di votarlo, visto che dall'altra parte non esiste nessuno, tranne Di Pietro, poi però ci ripenso. Ho bisogno di più garanzie. P.S. Gomez, sei sempre grande, come tutti i giornalisti del Fatto. Ciao


# 2    commento di   Pierpaolo Buzza - utente certificato  lasciato il 5/10/2010 alle 18:4

Solo una specifica: io sono tra quei lettori del FQ che contestano Fini. E non gli contesto di "averci messo tantissimi anni per capire con chi stava", perché Fini non è stupido e con chi stava l'ha sempre saputo. Io gli contesto di essere stato con chi stava FINCHE' GLI HA FATTO COMODO, dando una bella mano a distruggere lo Stato e la Costituzione. Contesto a Fini l'opportunismo spinto fino alla delittuosità delle sue azioni di governo, non certo l'ingenuità. Solo un ingenuo contesterebbe ingenuità a Fini.
http://professorwoland.ilcannocchiale.it


# 3    commento di   calipsom - utente certificato  lasciato il 5/10/2010 alle 18:9

Sì, tutto quel che vuole signor Gomez&C ma basta con questo sciacallaggio della figura di Montanelli. Indro faceva parte di una destra normale certo... ma di quella che condannava i metodi di Mani Pulite, le manette preventive, l'uso spregiudicato di magistrati e media degli avvisi di garanzia, ed era lontano anni luce dai voi del Fatto che adorate questa magistratura "sopra le righe". "... A fornire magistrati dovrebb'essere, dopo la laurea, un'Ac­cademia di almeno due anni dove gli aspiranti alla toga venisse­ro sottoposti quotidianamente ad esami di comportamento che dovrebbero includere anche il livello di educazione e di decoro. Ma lei capisce, caro B., che qui siamo nella sfera del sogno". Questo scriveva Montanelli. Che non lo vogliano sentir dire, o non lo sappiano, certi lettori Fatto va bene, ma che lo nasconda chi ha conosciuto Montanelli è obbrobrioso.


PIERPAOLO BUZZA. se è come tu dici, allora è un grande opportunista, infatti lo sospetto anch'io. Sono d'accordo con quanto hai scritto. Ciao


Se con Fini è saltata fuori la casetta in Canadà, cosa salterà fuori con Casini in CALTAG(G)IRONE? altro che divieti di sosta. Quanto al possibile exploit di Fini e del suo movimento (intestinale forse) pensare che questo arrampicatore di professione, abituato ad andare in cordata, possa rappresentare una "NUOVA DESTRA" fa semplicemente scompisciare dalle risate, come fa ridere il riferimento in MINORE ai fatti di Genova: cosuccia da nulla eh?


Avere una destra normale,come in altri paesi europei,vorrebbe dire avere anche una sinistra normale,magari all'opposizione,magari al governo,ma l'importante é che ci sia un governo non corrotto,e un'opposizione reale.Questi due equilibri sono importanti per far funzionare una democrazia.Altrimenti siamo un'altra cosa.


"Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei" - certo vale anche per Fini: conoscicamo il suo passato e abbiamo ben donde per coprirlo di feroci critiche. Però al momento, chi da sinistra o dal centro avesse qualche desiderio su come dovrebbe essere il leader dell'area avversaria: un persona onesta da prendere sul serio, con cui poter discutere civilmente, deve comunque concludere che Fini rappresenta forse il meno peggio che il mercato italiano offre, anche perché a suo favore parla una evoluzione lineare e costante... l'uomo capace di traghettare l'attuale "destra" berlusconoide, una mostruosità politico-opportunistica, in una futura destra normale. A patto che possa esistere una destra che non sia né xenofoba né razzista né antisemita (ebrei e arabi, occorre tenere presente, sono tutti semiti), essendo questi "antismi" disvalori assoluti, a prescindere dalla posizione politica. E il fatto che Fini sia stato colpito dagli strali oscenamente fascisti di Ciarrapico depone a favore dello stesso Fini (ma perché il fascismo è così duro a morire?). Una destra né fascista né berlusconiana (cioè non il peggio del peggio, oggettivamente parlando): sarebbe già un enorme passo... nel futuro!


# 8    commento di   ilMaLe - utente certificato  lasciato il 5/10/2010 alle 19:7

Più che una destra normale, l'Italia NON AVEVA bisogno di una destra irresponsabile e incivile. E l'ha avuto per 16 anni, sempre votata, nonostante tutto.
http://ilmale.ilcannocchiale.it/


Attenzione a non farsi imbambolare dalle parole e dagli atteggiamenti puramente formali! Fino adesso Fini ha fatto solo chiacchiere parlando di "legalità" senza spiegare in concreto cosa voglia fare(le parole, qualsiasi parola anche la più nobile, senza una connotazione concreta rischia di essere un vuoto slogan!!), inoltre ha manifestato rispetto per le decisioni della magistratura(di nuovo, pura forma, importante quanto si vuole ma forma e non sostanza: qualcuno potrebbe anche maliziosamente notare che è meglio manifestare rispetto nei confronti di chi potrebbe indagarti che disprezzo): in concreto invece ha approvato le peggiori leggi di B compreso processo breve e intercettazioni salvo poi fare marcia indietro dopo la sollevazione di mezzo mondo(quindi anche conformista); inoltre si è sempre dichiarato favorevole ad uno scudo per il premier. In conclusione: fino adesso molto fumo e per l'arrosto si vedrà(forse, ma secondo me si vedrà che non c'è).


Fini non è sicuramente uno sciocco, quindi: è un opportunista! Questo signore mi ha profondamente deluso perché non ci si può alleare con una vipera sperando che non si venga morsi! Quello che manca, comunque, in Italia, oltre una destra normale, è proprio un sistema politico normale!


# 11    commento di   John Kreud - utente certificato  lasciato il 5/10/2010 alle 20:23

E' questo il punto che non è chiaro ai Berluscones, il fatto che Fini, uscendo (o venendo cacciato) dal PDL, non è diventato un compagno o un leader di sinistra come molti sostengono. E' invece diventato il portavoce di una destra che non sia incentrata sulla difesa giudiziaria di Silvio. qualunque sia la fede politica fa piacere che una parte della destra stia cercando di risollevarsi dallo stallo giuridico in cui B. l'ha trascinata, per tornare finalmente ad occuparsi di politica vera. Con la speranza che anche la sinistra esca dal fenomeno opposto dell'antiberlusconismo per occuparsi anch'essa di politica di sinistra.
nouvellepolitique.ilcannocchiale.it


# 12    commento di   pernientebello - utente certificato  lasciato il 5/10/2010 alle 20:25

la politica non ha progresso .. .. ed il problema è grande come un passato alle spalle .. ... ... le parole pesano perchè questo presente potrebbe come disse il terrorista " ESSERE PRONTO PER LA GUERRA prossima ventura " ......


# 13    commento di   pernientebello - utente certificato  lasciato il 5/10/2010 alle 20:27

in effetti fuori dai tribunali in italia c'è il confine politico tra passato e futuro europeo


*** la legalità, che è tradizionalmente la battaglia della destra. *** e intanto le STRAGI SUI TRENI E NELLE PIAZZE continuano ad essere IMPUNITE, e coperte da piena omertà. elenco delle principali aggressioni fasciste dal 2004 al 2010 (solo le principali e solo quelle pubblicamente denunciate): http://www.ecn.org/antifa/article/357/AZIONI%20FASCISTE ah già. la "legalità" secondo la "destra" (nuova, vecchia, ex, post, futurista o neo che sia): forti coi deboli e deboli coi forti.


in compenso possiamo essere soddisfatti di questa "nuova" destra, che SOLO ci impiega 20 anni ad accorgersi di chi sia berlusconi e i suoi soci. sbandolieranno pure tanto il termine "legalità", ma dove erano quando venivano scritte e votate tutte le schifezze di leggi ad-personam e ad-aziendam? su marte??? wow! 20 anni per accorgersi di chi sia berlusconi e i suoi compari: di sicuro brillano per aume! ma come cavolo ci si può fidare di gente simile? ce la fatte a saperlo argomentare con fatti e non con posizioni politiche di parte? 20 anni assieme a berlusconi, e non si son mai accorti di nulla? illuditici pure tu caro Gomez, ma per il bene dell'Italia, non fatevi fregare un'altra volta! l'Italia non si può permettere il lusso di aspettare altri 20 anni per sentirsi dire: "ops! scusate! proviamo un briciolo di vergogna, ma adesso siam cambiati!"


Io a Fini non gli contesto di "averci messo tantissimi anni per capire con chi stava",anche perchè lo sapeva benissimo, ma gli faceva comodo...Gli contesto di aver votato tutte le leggi- vergogna ad personam e ad personas varate in questi 15 anni, gli contesto di aver portato in Parlamento personaggi condannati o rinviati a giudizio, gli contesto di aver compiaciuto per anni gli interessi di Berlusconi solo per assicurarsi una poltrona... Fini non è la destra moderna, Fini è uno che si è stufato della leadership del nano e vuole essere lui il leader della destra. Punto!!! PS: lO scontro Fini-Berlusconi è solo uno scontro di potere e poltrone!!! Sveglia Gomez!!!


Caro Gomez e i giornalisti del Fatto,vedo che ormai c'è stata una vera e propria alleanza con Il Secolo d'Italia.Volete far credere che i tagli all'università e alla ricerca sono una vergogna tutta italia.Leggete quello che succede in Inghilterra: CERVELLI IN FUGA- da LA STAMPA 02/10/10 -Andrea Malaguti 1,8% è l'investimento della Gran Bretagna in ricerca e innovazione contro il 2,54% della Germania il 3,44% del Giappone e il 2,68% degli Stati Uniti. Il governo conservatore sta pensando a tagliare il 25% sui finanziamenti totali: "un eresione spaventosa,lamentano gli accademici. Via tutti,emigranti di lusso,lontano dalla terra che non riconoscono piu.Carlos Gayas dell'University College London,esperto di steminali,sta studiando una cura contro le forme piu comuni contro la cecità: "Ho 34 anni,voglio avere il mio gruppo di ricercatori e cerco una stabilità personale.Cosi non vado piu avanti.Stamattina raccontavo la mia esperienza in un college cinese.Bè,era scioccato.In questo paesi i politici hanno deciso di salvare banche e non le ricerche.Benissimo,ne prendo atto,raccolgo le mie cose e me ne vado a Singapore"Il messaggio amaro di chi si sente tradito inviato mentre l'ennesimo sondaggio Icm segnava che il 43% degli inglesi è radicalmente contrario ai tagli del governo Cameron e che per la prima volta dal 2007,i laburisti sono in vantaggio nelle intenzioni di voto.
http://anglotedesco.myblog.it/archive/2010/10/04/paolo-barnard-il-piu-grande-crimine.html




# 19    commento di   Pasolinante - utente certificato  lasciato il 5/10/2010 alle 21:38

(((nn ho mai votato e mai voterò dx, ma con un certo tipo di dx e solo con certi uomini,si può dire siamo quasi a livelli rivoluzionari per qst paese..qualcosa di nuovo sul fornte occidentale,di cui la sinistra dovrebbe imparare.dunque anche quanto segue è nelle migliori tradizioni di tutto un mondo alla rovescia,ma solo x il truman show? io nncredo..alcuni di loro si, altri no;è come in ogni cosa,ambiente,contenitore,scenario ,lotta eterna fra bene/male ,il meglio e il peggio della natura umana,nella + grande metafora che ne è poi la politica e per quella italiana ognuno dei suoi miliardi di misteri,mafie,atti,ricatti,complicità diverse e trasversali,nazionali e internazionali))) "Qualche domanda mattutina. Così, tanto per... Uno si sveglia, e si fa qualche domanda. Così, tanto per passare qualche minuto. Ma davvero Sandro Bondi è meglio di Massimo Cacciari? E Giorgio Stracquadanio è meglio di Lucia Annunziata? Ma sul serio gli eroi del senatore Dell'Utri sono migliori di quelli di Roberto Saviano? Meglio ricevere consigli da Storace o da Beppe Pisanu? Meglio ascoltare Umberto Smaila o Fiorella Mannoia? Meglio Briatore o Fiorello? Meglio leggere Il Giornale o il Corriere? Libero o la Stampa? Il Predellino o la Repubblica? Ma soprattuto, le inchieste di Feltri valgono quelle del Fatto? Sono uguali? Minzolini dà le notizie meglio di Mentana? Che mi guardo, oggi: la Rai di Masi o Sky? È meglio rinunciare all'inno nazionale o al dito medio di Bossi? E Borghezio, Gasparri e Ciarrapico sono tanto meglio di Letta, di Casini, di Rutelli? Ma soprattutto: le barzellette di Berlusconi fanno ridere? Uno si sveglia, e inizia a pensare, a farsi un po' di domande. Così, tanto per passare qualche minuto. Comunque, una cosa è certa: meglio una cena con Rosi Bindi che con Daniela Santanché. Su questo, nessun punto interrogativo che tenga..." 5 ottobre 2010 Filippo Rossi FFwebmagazine
http://www.ffwebmagazine.it/


una destra normale...vediamo, ma una destra laica, liberale ha da essere. in questo paese di merda, in cui comandano preti, mafiosi e puttane, speriamo sia possibile...


# 21    commento di   pernientebello - utente certificato  lasciato il 5/10/2010 alle 22:32

se ho capito come si crea la politica televisiva la destra fa i conti con le vincenti scelte mondiali ora indirizzate dalla finanza internazionale , avete presente i giudizi sull'età del consumo , sul boom economico , sulla macchina per tutti dopo la seconda guerra mondiale , sul modello del consumo e crescita ossia il modello capitalistico della concorrenza e dello status simbol ecco la destra fa i conti con tale situazione mondiale che è la riuscita della vittoria nella seconda guerra mondiale e poi il risultato della decisione di fare la guerra all'Oriente da parte degli Usa


# 22    commento di   pernientebello - utente certificato  lasciato il 5/10/2010 alle 22:35

a mio avviso dobbiamo considerare i rilutati delle guerre correnti e dei Movimenti finanziari e dei movimenti delle multinazionali così possiamo fare ipotesi politiche
a mio avviso


# 23    commento di   pernientebello - utente certificato  lasciato il 5/10/2010 alle 22:37

errore , i risultati .... ok notte davvvero notte e a domani .


Discutere di fli è come discutere del nulla. Alle prossime elezioni rideremo di questa barzelletta di movimento che ha fatto i conti sbagliati, senza il consenso degli elettori di destra che sono allergici ai traditori.


# 25    commento di   pernientebello - utente certificato  lasciato il 5/10/2010 alle 22:55

fare dichiarazioni del tipo che la destra odia i traditori è parlare d' italiani isolati dal resto del mondo , fini avrà n seguito , conosco due persone che lo voterano , certo ritorniamo al conflitto d'interessi , per questo il parlamento vorrebbe cambiare legge elettoriale per limitare i danni del potere dei mass media sbilanciati a favore di berlusconi


# 26    commento di   viaggiavventure - utente certificato  lasciato il 5/10/2010 alle 23:16

notte , notte paso , avevi ragione il nick pernientebello era troppo triste , a domani fino a berlino ciao
notte


ma porco cane! questo qui è stato così tanto complice di berlusconi nel distruggere l'Italia, che addirittura c'ha co-fondato assieme il pdl (appena pochi anni fa), e adesso giù tutti ad osannarlo e a dire che lui è il nuovo che avanza che finalmenete che c'è qualcuno che ha le palle, che lui è la salvezza dell'Italia??? ma state battendo i coperchi??? svegliatevi!!! vabbene anche essere di parte (pure di "destra"), ma a tutto ci deve essere un limite! anche al farsi prendere in giro da uno così!




Quando Berlusconi pretende (non io!)...


Bella intervista, condivido tutto, ma aggiungo: Fini non è tanto diverso da un D'Alema o simili elementi della sinistra che hanno fiancheggiato (dalle fila della finta opposizione) tutti i maltorti compiuti. Ora FL si candida come vergine immacolata? Il mea culpa già lo hanno fatto, gli faccio i miei auguri


Vendola primo ministro. De Magistris ministro dell'interno. Di Pietro alla giustizia. Poi fra 6 anni riparliamo di destra e sinistra.....


@31 Matteo Gilberri "Vendola primo ministro"?!!! No grazie, non mi va di avere come premier un finto "uomo nuovo" della politica, il quale ha cercato di far cacciare un giornalista onesto e scomodo come Carlo Vulpio dal Corriere della Sera...Se quello di Berlusconi si chiama "editto bulgaro", quello di Vendola è sicuramente l' "editto pugliese". E poi Vendola osò accusare il magistrato che lo aveva messo sotto inchiesta, di essere una toga di "Forza Italia"; pensa, dopo le toghe rosse, abbiamo anche le toghe azzurre... Ma per piacere! Vendola è il vecchio che avanza!!! Nè carne, nè pesce!!!


Sia lodato il cielo..nell'articolo "Ballusti" oggi MT nomina, seppure di striscio, Carlo Vulpio intercettato per l'inchiesta su de magistris! speriamo che qualcuno ne sarà contento.


Amen :D


@ Gionata #42 Vendola in quanto attualmente è l'unico che può aspirare a guidare una coalizione di centrosinistra non dico vincente ma non sicuramente perdente. Se non ti piace proponi pure alternative, a me non è che freghi più di tanto. Mi va benissimo anche un Ignazio Marino, una Serracchiani, una Rosi Bindi (!) un Massimo Donadi (ma sarebbe un governo monocolore IDV eh eh).


Fini è cresiuto: fianlamete svezzato. Emancipato dai padri duci e padroni.... vediamo che cosa combina il ragazzo.


finalmente


# 38    commento di   viaggiavventure - utente certificato  lasciato il 6/10/2010 alle 9:38

però il popolo un pò scemo ci è


Ho ascoltato l'intervista a Franceschini su repubblica tv,e allora:W Nichi Vendola,unica speranza per la sinistra. E ben venga in italia (ma bisogna vedere) una destra normale composta da politici veri e almeno,presentabili.


Si, l'Italia ha bisogno di una destra di tipo europeo, democratica come in Germania, Francia, UK, Spagna... lo penso da sempre, ma Fini dovrebbe prima convincere l'on. Menia a finirla di essere, a Trieste, città multiculturale, centroeuropea, ostinatamente antisloveno e antislavo per motivi storici ormai superati, mentre stà al governo con i leghisti, i veri nemici dell'Italia.


Al di là delle differenti rive o tonalità di fede, l'auspicio di Gomez dovrebbe comunque stimolare e favorire un panorama politico così desolante e un popolo-parquet perennemente a pelle d'orso. La Destra progressista è ormai realtà e patrimonio (anche per chi ha diverse visuali, come me) di tutti i Paesi 'decenti' d'Europa, senza che la classificazione o collocazione scomodi riferimenti, allusioni o dietrologie degne solo di chi ignora o di chi noleggia fraudolenti pensieri altrui. E se il modello a cui si ispira Fini - pur tardivamente - fosse mai esistito in loco, avrebbe probabilmente non permesso, o comunque osteggiato, l'apoteosi dell'attuale Nulla. E meravigliarsi, o peggio dubitare, che quella corrente politica annoveri tra le sue prerogative il rispetto della legalità, il riconoscimento dei diritti umani e la condanna all'oltraggio sistematico del Paese (non a slogan ma nei fatti), è solo perchè si è artatamente distratti o non si oltrepassa il proprio nasino. O forse perchè quando sua Altezza bussò alle porte romane del Pci, fu fatto garbatamente accomodare all'uscita dall'esile Enrichetto 'tutto d'un pezzo' (così come è altrettanto qualificante, che tento di comprare l'Inter prima di innamorarsi perdutamente del Milan); quindi - per esplicare meglio - sua Altezza e i suoi mandanti si sono solo impadroniti (non certo per affinità o sacro fuoco, tanto meno per conoscenza specifica) della non indifferente area, spazio non adeguatamente empio, di Destra (che, come ha sottolineato Gomez, alberga e riecheggia da sempre nell'italico essere) dapprima compiacendola (nella fumosa ma luccicante persuasione, sua Altezza potrebbe insegnare alla Wanna nazionale, che pur ne sa...); poi illudendola dispensando zuccherini e 'patacche' di Stato e non; infine snaturandola, umiliandola, stravolgendola (non ho detto 'violentandola' poichè Gianfino e i suoi colonnelli di plastica erano fieramente e stoltamente consenzienti, oltretutto ricavandone tutti bancomat dorati e vanag


e vanagloria da due lire; e pur riconoscendo che Gianfino e i suoi consociati, ancor fedeli, hanno più volte ammesso le loro colpe; e pur non dimenticando che in quell'area politica italiana si annidavano e si annidano comunque criminali e nostalgici della poetica 'Giovinezza'). Ma arrivo indecorosamente a pensare, che se l'allora giovin imprenditore ("credo ben supportato...", commentò in anni non sospetti l'intuitivo Avvocato) comparisse oggi - in una trasposizione neppur tanto cinematografica - sullo stanco e stinto (o anche estinto, fate voi) uscio di piazza Sant' Anastasia (forse è cambiata la sede, non ricordo, tanto non se ne accorge nessuno), ovviamente sotto altre ma ugualmente mentite spoglie, magari con una falce modello Mangano (accompagnabile, volendo, con martello multiuso) e una bandana finto Che Guevara, e soprattutto provvisto di antipatico ma funzionale carnet, probabilmente avrebbe accoglienza più ositale e forse si creerebbe persino un certo afflato. E ora forse... Ma al di là del suggestivo doppio petto tra due baffetti e un calesse rosso, l'auspicio di Gomez, e l'intento di Fini, sarebbero solo il primo passo verso il lungo cammino della normalizzazione di un Paese ormai astratto dalla contemporaneità e civiltà, cercando di perseguire un modello da tempo tentato (pur tra mille interessi, miliardi e umani limiti, di voracità o fragilità) dagli altri Paesi decenti, in cui il buon senso e il concetto di 'insieme' (popolo, Stato, Paese) non siano solo utopia o coglionaggine da fessacchiotti, al di là dei colori o ancor meno ideologie (da noi, hanno solo scatenato degli avventati e confusi guerrilleros post '68, finiti amorevolmente tra le braccia di Giulietto e la sua band, affaccendati in diverse 'armonìe' e 'rifacimenti' forse meno rivoluzionari ma infinitamente più votati alla praticità). Personalmente, ho sempre creduto nella socialdemocrazia scandinava, un po' di Sinistra e un po' di Destra, senza 'fumogeni' ma tanto buon senso: attiva, innov


innovatrice -e quando occorre riformatrice - di nessuno e mille colori, economicamente lungimirante (non l'elemosina subito di altri, ma la costruzione di un qualcosa nostro che prevedibilmente darà) e 'scolasticamente' iper-attenta (con quella miseria di sostentamento pro magister, come potremo mai lamentarci - o discolparci - di figli senza sapere e coscienza?). Olof Palme pagò con la propria esistenza l'allergìa all'apartheid e alle finte famiglie (senza però mai usufruire di una 'badante' armata, da noi inflazionate ad ogni livello e in verità non troppo efficaci), pagò la non condivisione e anzi ferrea condanna all'exploit yankee in Vietnam (tragico anche per gli allora acerbi eredi Custer), il non allineamento ai colossi dell'epoca, e soprattutto pagò la non corruttibile volontà di progettare un insieme, una convivenza, un reciproco rispettarsi o comunque sopportarsi (ovviamente non perfetto e anche lacunoso in taluni tratti) ma comunque sostanzialmente civile, sufficientemente non sporco e soprattutto vagamente a misura d'uomo (che si possa ogni tanto osservare allo specchio). Tra l'altro, tra i suoi possibili giustizieri - mai accertati - gli investigatori danno sensibile credito a una pista stranamente italiana, di un'emerita Accademia, allora ed oggi apprezzata e puntualmente riemergente, mai fuori moda e sempre in tiro, annoverante illuminanti icone e degni sostenitori del tricolore (malgrado qualcuno si ostini a rinfacciargli una certa sfiga), composta da una lettera e un numero (2, 3 ,4, 5, non poniamoci limiti) e dal profumo irresistibilmente pulito e charmant...


# 44    commento di   Concita - utente certificato  lasciato il 6/10/2010 alle 10:33

Sentir definire una destra normale chi ha appena rinnovato la fiducia al governo berlusconi mi fa venire le coliche.Direi che è stata più normale la sinistra che ha votato contro. Se poi anche voi state iniziando la vostra campagna elettorale,beh è un altro discorso..


La grave anomalia italiana è il comportamento deviato da parte di figure chiave della politica. Non si può parlare di dx e sx quando il malaffare è costume generalizzato e parte integrante delle istituzioni. Il grosso della popolazione italiana è comunque fossilizzata su idee di dx e sx basate su stereotipi arcaici: c'è chi vota sx che non voterà mai sx e chi vota dx che non voterà mai dx per principio anche se i loro rappresentanti sono impresentabili. Siamo in un periodo critico della vita politica di questo paese in cui esistono solo 2 schieramenti: chi è a favore del malaffare e chi è contro che credo sia la maggioranza; il problema è fornire informazioni non ogm al popolo che metta a nudo il re; fuori Berlusconi dalle istituzioni. Chiudo con una critica alle ideologie di dx e sx. La sx ha immolato il progresso della scienza a fede incondizionata, sebbene la scienza istituzionalizzata sia al servizio del potere anziché dell'uomo, e talvolta passi sopra il valore stesso della vita a favore delle sue futili scoperte ed applicazioni. La dx imprenditoriale abbassa il lavoratore a comune merce produttiva e promuove il capistalismo senza controllo allargando la forbice tra ricchi e poveri. Entrambe le ideologie di dx e sx hanno portato l'uomo ad essere un ingranaggio della catena di montaggio: quando l'uomo non rientrerà più in tale ingranaggio perché sostituito dai robot, quale sarà la sua fine? Propongo un ritorno in massa alla terra dove ognuno conduce una vita di autosostentamento, prima che sia troppo tardi. Auguri al genere umano.


Ma Faaaber!!! hai dormito troppo o troppo poco? il demone apollodioniso tuttinsieme ti ha rapito e ti fa debordare? guarda che qui la letteratura entra solo di straforo.....non puoi inondare con tre logorroici se pur artistici(?) commenti gli appena svegli del blog! va bene li hai videoscritti per equilibrare gli animi tra gli ancora finiscettici e i sinistrati irriducibili! che tu abbia ragione? che forse, proprio partendo da qui, per alzare il morale ai delusi dalla storia, serva una reviviscenza sulfurea e squillante della nostra lingua-storia non solo nostra poi, che non siamo isola ma... penisola...... mi sa proprio che il demone che ti ha enthousiasmato sia quello giusto e necessario anzi indispensabile!


Una destra NORMALE? in Italia? ahahahaha! grande Gomez!!


# 48    commento di   Pasolinante - utente certificato  lasciato il 6/10/2010 alle 10:59

#26...buonanotte a buongiorno come da VIAGGIAVVENTURE a BERLINO..e buongiorno a tutte/i...non avevo pensato e poi scritto che non andava bene il tuo nuovo nick " per niente bello" . so che sai cosa volevo dire e non preciso per te , ma per altri present iin questo spazio che potrebbero ,come di metodo loro e non mio o tuo, stravolgere e manipolare come hanno fatto della mia persona e credo anche della tua.ovviamente condivido nell atua sintesi il numero 38 commento. e unzippando a mio modo quel tuo pensiero , tutto ciò che occorre a questo popolo "bambino" , non è una visione ottocentesca pedagogica, ma nella nascita di nuove classi dirigenti tutte ( nn solo politiche, o di destra o sinistra ) è la creazione vera dei rapporti qualificanti di FIDUCIA e RAP.porto - RAP.presentanti a RAP.presentati- che possano farci uscire dai fessi e dai furbi di questo povero paese, non EVADENDO piu la GIUSTIZIA CULTURALE per rendere possibile che il voto sia di un filo in piu espressione della preparazione al voto al di la delel vulgate di questo o quel movimento populistico e demagogico ,che ha sempre puntato, tranne gli uomini migliori di quella TESTA ( rappresentante) alle viscere dei suoi cittadini e all'ignoranza , anche quella piu evoluta di chi si è solo "addestrato" con un volume notevole di informazioni,senza "formazione" vera a tutto tondo del suo spirito poetico politico ,umano, democratico , al di la della sua aerea di provenienza "ideologica" e finita spesso e volentieri solo in un "ismo" del piu noto fenomeno del nostro paese del campanilismo e le botte di un campanile intesta all'altro.


# 49    commento di   Pasolinante - utente certificato  lasciato il 6/10/2010 alle 11:5

Ciao Homofaber ...piacere di averti riletto.notevole il tuo intervento.in particolare ti ringrazio per la memoria attiva su Palme. un abbraccione :-)


"Berlusconi è finito". Sig.ri Gomez, Travaglio, Di Pietro, ecc., vi prego, NON DITELO PIU'. Mi sono rotto di sentire da anni che inizia il declino del Cavaliere e poi quello rimane là. Prima lo si cancella dalla scacchiera politica, poi si commenta, ok? Ormai penso che dare per finito Berlusconi porti anche un pò sfiga.




siamo poveri .l'italia è un paese povero .


Marzia mi bacchetta e Paso mi incensa, pur avendo entrambe visuali e credi sostanzialmente comuni. Capita... Però, Marziam, potresti anche minimamente accennare (a parte la lunghezza) in cosa erro o debordo di letteratura (?): la destra progressista e la socialdemocrazia scandinava non sono correnti letterarie o filosofiche (quindi impossibili da adottare per il nostro diffuso alfabetismo, basta che ti leggi due dati) ma realtà consolidate e non credo disprezzabili, che probabilmente - al di là della loro colorazione politica - ci farebbero tanto, tanto bene (come ha spiegato Gomez) e renderebbero leggermente meno impresentabile questa eterna 'giostra' tricolore


FECONDAZIONE, LEGGE ALLA CONSULTA - Il Tribunale di Firenze ha sollevato il dubbio di costituzionalità sulla norma che vieta alle coppie sterili di ricorrere alla donazione di ovuli o seme da persone esterne alla coppia. La discussa "40" era già stata modificata dai giudici che avevano bocciato il limite di tre embrioni. Lo hanno reso noto gli avvocati Filomena Gallo e Gianni Baldini, che assistono i coniugi che hanno presentato la richiesta. L'uomo soffre di mancanza di spermatozoi causata da terapie fatte in adolescenza. Torna quindi alla Corte Costituzionale la legge 40 sulla fecondazione assistita. "E' ormai evidente che nei confronti della legge 40 c'è un attacco di alcuni tribunali e non su punti marginali, ma puntando alla struttura della legge per smontarla. Si dica che si vuole tornare al Far West". Questo il primo commento del governo, per bocca di Eugenia Roccella, sottosegretario alla Salute. Secondo Roccella, inoltre, i giudici vanno contro la volontà popolare visto che in occasione del referendum sul divieto dell'eterologa non era stato raggiunto il quorum. / repubblica.it __//__ A ROCCE'... MA VAAAAAAAAAAAAFFANCULO VA'!!! Sarebbe questa la dsetra normale, la destra "liberale", laica ed europea?! E chi è questa signora Roccella, perché è sottosegretario alla salute? E perché nessuno replica alle sue cazzate?!!


FINI NON RAPPRESENTA NE' LA DESTRA, NE' LA LEGALITA', FINI RAPPRESENTA IL NULLA FATTO POLITICA, O AL MASSIMO L'OPPORTUNISMO MASTELLIANO, OVVERO, ORA CHE IL CAPO, DI CUI E' STATO IL PIU' STRISCIANTE DEI VERMI SERVITORI, STA AFFONDANDO, (COME GIUSTAMENTE DICE GOMEZ) CERCA DI RIFARSI UNA "VERGINITA'", AMMICCANDO AI VECCHI COMPARI DELLA MALAPOLITCA (CASINI, RUTELLI, D'ALEMA & C.). FINI E' IL CANCRO, NON LA MEDICINA.


A proposito di sondaggi corretti ed imparziali, ieri sera da Vespa i sondaggi di Mannheimer e Crespi (ex guru di Berlusconi, quello che gli ha inventato il contratto con gli italiani di infausta memoria..) davano il nuovo partito di Fini intorno al 7,2-7,6 % - L'ineffabile signora Ghisleri (o come si chiama) sondaggista personale del Cavaliere senza cavallo, dava a Fini al 2,6%-Intanto vedo che la saga Tulliani prosegue.. Sallusti ha detto che è grave che un politico racconti delle BUGIE (parlando di Fini naturalmente) non è tanto grave in se il fatto della casa.........MA E' MESSO IN DISCUSSIONE IL PROFILO MORALE DEL PRESIDENTE DELLA CAMERA............A questo punto mi sono fatto una flebo di camomilla per calmarmi, e sono andato a letto, cominciando ad accusare sintomi di natura gastrica. ciao a tutti


# 57    commento di   Pasolinante - utente certificato  lasciato il 6/10/2010 alle 12:46

HOMOFABER___vedi non si tratta di incensare. si tratta di lavorare sui CONTENUTI e sui MODI per essere in rete ,come lo si è fuori , praticando la liberta di espressione con profondo rispetto di ogni testo , lungo o corto, di uno stile o un altro, purchè fatto e composto senza giocare con la vita degli altri o insultarli o cadere in generalizzazioni e "ismi" di vario tipo_____tu con il tuo stile profondamente analitico, allegorico e metaforico, mi sei subito piaciuto e se ci sono state contestazioni reciproche sono state SOLO SU ICONTENUTI MAI sulla persona.....tu mi ricordi quando decisi di partecipare ATTIVAMENTE come fuori anche in rete. a me ovviamente per tutta una serie di motivi diversi dai tuoi, furono fatti e continuano attacchi sul piano personale, o piu sottile, che mai mi permetterei. tu per me puoi esprimere per quel che sento di te , in goni tuo stile ,lunghezza e contenuto, tutto cio che hai dentro anche perche hai cmq chiaro e si sente dove inizia e finisce la tua persona ed inzia quella di tutti gli altri, diversi e uguali a te. ti vivrò(in questo contesto=leggerò) sempre volentieri per i motivi appena esposti ,che non sono complimenti o incesanementi,ma semplice constatazione, sia in disaccordo come a volte successo, sia in accordo anche solo fosse per tutti gli uomini UOMINI che hai in memoria ATTIVA dentro te.


# 58    commento di   Pasolinante - utente certificato  lasciato il 6/10/2010 alle 12:49

OT su AQUILA _______VI PREGO DI FAR GIRARE , con ogni mezzo mail blog fuori e dentro_________http://www.6aprile.it/featured/2010/10/05/lolli-pd-da-bertolaso-minacce-oscure-inquietanti-contro-laquila.html ________________________www.abruzzo24ore.tv________________Lolli contro Bertolaso: gravissimo minacciare L'Aquila "Sconcertante e gravissima". Bolla così la risposta della Protezione civile alle affermazioni del sindaco dell'Aquila Cialente di sabato scorso, il parlamentare aquilano del Pd Giovanni Lolli. Nel comunicato del Dipartimento "è presente - dice Lolli - una oscura ed inquietante minaccia dove viene affermato che, dopo la conferenza stampa, ci saranno inevitabili ripercussioni non utili ad accelerare le opere e gli interventi. Mi sembra molto chiaro, quindi, che di fronte alle dichiarazioni del sindaco Cialente, che ha osato criticare la Protezione Civile, si pensi di far pagare le conseguenze a noi cittadini aquilani. E' inaudito - tuona il parlamentare - che un organo istituzionale dello Stato, come è la Protezione Civile, possa formulare simili minacce. I due amministratori (Cialente e Pezzopane, ndr) si sono limitati ad indicare alcune gravi criticità nella situazione abitativa degli sfollati che sono sotto gli occhi di chiunque venga a L'Aquila. Criticità dovute ad evidenti errori nel modo in cui si è affrontato un problema, certamente, molto complesso. Indicare problemi e responsabilità non è solamente un diritto ma un dovere del sindaco con l'obiettivo di correggere gli errori per fare fronte ai problemi dei cittadini. Nell'anno e mezzo che ci separa dalla notte del sisma la Protezione Civile ha, peraltro, sempre puntigliosamente indicato ritardi e limiti dell'azione del Comune dell'Aquila. Per il dottor Bertolaso - aggiunge Lolli - viviamo in un mondo in cui, evidentemente, si può criticare il sindaco de L'Aquila Cialente, si può criticare il Presidente della Regione Chiodi, si può criticare perfino il Governo e Berlu


Faber era solo un debordare linguistico espressivo,parlo di storia lingua se rivedi bene alla fine, poi forse avevo in mente qualcosa indietro per cui... anche se mi piace "giocare" un po' con le persone come con le parole, questo, ti assicuro, e so che mi credi, lungi da me la minima volontà di "ferirle"! oh! però! ti lamenti del mio touchée e tiri fuori sempre sta bacchetta!




65 commento di Tolomeo - lasciato il 6/10/2010 alle 12:53 E' questa forse, l'origine del nomen symbolum Ptolomaeus? terra ferma (Italia) e sole gira? ma non in sua funzione però!


Marziam, io non mi lamento di nulla e mi sento tutt'altro che ferito; ti ho solo chiesto una spiegazione più inerente alla tua 'non condivisione', permettimi un po' confusa e che non può limitarsi alla lunghezza eccessiva, soprattutto per una mente attiva e riflessiva come quella in tua dotazione. Tutto qui...


# 63    commento di   Pasolinante - utente certificato  lasciato il 6/10/2010 alle 13:17

per il tema del post , come ieri sera per Filippo Rossi, segnalo due articoli interessanti su Corsera Cazzullo , su Repubblica Andrea Manzella , nella rassegna del chiosco camera dei deputati,personalmente sempre la piu ricca fonte per ogni unto di osservazione molteplice che propone, vi è insieme agli altri anche un interessantissimo articolo di Campi , sempre in tema post, su cui punta il link ma potete rintracciarvi gli altri:_____http://rassegna.camera.it/chiosco_new/pagweb/immagineFrame.asp?comeFrom=rassegna¤tArticle=UFNT9


@Marziam, mi piace molto il nome Tolomeo. In realtà Claudio Tolomeo o Claudius Ptolomaeus, fu un personaggio interessantissimo dal punto della scienza del primo secolo. È sostanzialmente la dimostrazione di come qualsiasi tesi, per quanto errata, se ben presentata e coadiuvata da un pizzico di verità presa qui e là, possa essere considerata perfettamente credibile e considerata verità assoluta per secoli.


Si può sapere per favore quando il FQ diventerà l'organo ufficiale di Fli? E basta! L'han capito tutti che Fini si era stufato di contare meno di Bondi e avendo intuito che non sarebbe mai succeduto a B. ha tentato il tutto per tutto. Ricordiamo en passant che Biancaneve Fini è uno dei maggiori responsabili dello stupro della democrazia di cui l'Italia è vittima da 16 anni e le cui conseguenze dureranno per chissà quanto. L'attacco demenziale che sta subendo è il giusto contrappasso per chi per anni non ha fiatato contro i media di B. che linciavano a furia di dossier bufalari gli avversari del capo. Ma come si fa a non ridergli in faccia quando gridano al conflitto di interessi solo ora che ne sono vittime. E poi questi penosi temporeggiamenti (immortalati da titoli a nove colonne sul FQ come grandi mosse strategiche). Non è che il buon Vitale finanzia pure Fli?


Volevo ritornare un attimo sul "bestemmione" di Silvio. La sua esclamazione ha, a mio parere una qualche plausibilità... Mi spiego: E' opinione della Chiesa che Dio sia eterno, nonchè onnipotente. Ora senza andare troppo lontano se si pensa a un vecchietto (non eterno ma abbastanza anziano) e certamente molto potente, ancorchè non onnipotente, non può non venire in mente il nostro presidente del consiglio. Poichè inoltre la Chiesa e le sacre scritture ci dicono a proposito di Dio che l'uomo è stato creato a sua immagine e somiglianza, non si può non pensare a B. come a colui (anche a suo stesso dire) che fra gli italiani più assomiglia a Dio. Ecco, pensando alle abitudini sessuali a base di escort, alle esclamazioni e frequentazioni (pure di minorenni stando alla sua ex moglie Veronica) del nostro presidente del consiglio, si può ipotizzare che (essendo lui in buona sostanza un vecchio porco) le stesse qualità, per le ragioni di cui sopra, possano essere attribuite alla divinità. Ho concluso vostro onore. Grazie dell'attenzione. Ossequi! (CONTESTUALIZE YOURSELF FAN CLUB OFFICIAL MEMBER)


Ultimamente mi assale un dubbio. Fini ha promesso di ritirarsi dalla vita politica se viene alla luce che la casa è del cognato. Una mossa ardita ma poco redditizia ed alquanto rischiosa. Berluscone non aspettava altro: che gli ci vuole ad infarcire la storia di notizie false per eliminarlo definitivamente? Non ha visto che è riuscito a comprare anche il ministro di St. Lucia? Forse Fini, dietro tutta quella grande dialettica, è davvero un ingenuo... Mah, sono curioso di vedere cosa succede.


ma stiamo scherzando? Fini è un criminale impunito tanto quanto gli altri e il solo fatto che un giornalista che stimo e ammiro come Peter Gomez si dica "interessato" a questa pagliacciata di partito chiamato futuro e libertà mi riempie di rabbia!




Luigi De Magistris, ospite da Corradino Mineo su RaiNews qualche mattina fà ha bollato come "strumentali" le mosse di Fini e dei finiani. Anche se così fosse , in questo momento, ben vengano, ma la credibilità di costoro, pur nella stima che nutro per persone come l'onorevole Fabio Granata, per quel che mi riguarda, rimane bassa... Vedremo come si evolve la faccenda...


@Francesco (el vecio): Ma come fai a vederti Vespa?!?! Ha effetti indesiderati macroscopici!! Mi convinco sempre di più che Berlusconi sia il RISULTATO, non la causa. Meglio affittarsi un dvd, leggersi un libro, andare al cinema o a Teatro che continuare a dare linfa ad un programma che, se avesse solo un minimo di concorrenza, a quest'ora sarebbe quantomeno ridimensionato da un buon decennio.


Vado fuori tema. Ma la voglio raccontare. Sono andata sul blog di Libero e c'è un post: MENTANA, ZERBINO DI FINI. Ho commentato, naturalmente, difendendo Mentana. Me l'hanno censurato. Ne ho mandato un altro, censurato anche quello. Ho mandato il 3° con scritto: nella destra la censura è già in atto. A quando il manganello e l'olio di ricino?. Censurato pure questo. Qui non si censura mai niente, neanche gli insulti, che forse sarebbe bene moderare. Su Libero invece censurano tutte le voci discordanti. Che schifo!.




UNOQUALUNQUE 77-Caro amico il mio contributo allo share di Vespa è prossimo allo zero -solo casualmento ho fatto zapping, e ho visto, incuriosito, le tabelle con le attuali intenzioni di voto, interessandomi la quota riguardante Fini-la mia presenza ieri sera come spettatore alla trasmissione del cardinale Vespa la posso calcolare in 25 secondi (so anch'io che sono persino troppi) ciao


Ma Fini è un ateo, ateo come i comunisti ne faccio veramente a mneno volentieri


@Francesco (el vecio): Francé hai preso il picco peggiore di "radiazioni Vespasiane"… i sondaggi!!!!! Spero tu non abbia subito mutazioni genetiche con un'esposizione di 25 secondi!!! ;)


# 78 commento di Barbara - qui non si censura nessuno? Non so da quanto scrivi o leggi, ma non è proprio così.


# 78    commento di   Renzo C - utente certificato  lasciato il 6/10/2010 alle 17:20

D' accordo caro Gomez, la intervistava il secolo d'italia, quindi che la destra e Fini fossero argomento principale era scontato. Ma a parte questo episodio, peraltro l'ennesimo di una serie, che cazzo me ne frega di una destra pulita e legalitaria piuttosto di una lercia e puzzona come l'attuale? Chissenefrega se prenderà l' otto o il dieci o il cinque percento? La destra, abbattuto il Puffone (sempre se si riesce), resterà popolata dai cicchitto gasparri bossi calderoli la russa maroni e compagnia di giro. Voi piuttosto, state tirando la volata a Fini? Volete una destra al governo con lui a capo? Ma andatevene affanculo! Di queste facce come il culo ne avrei pieni i coglioni! Cos'è, buttate finalmente la maschera voi che lavoravate per il Giornale e che di destra lo siete da sempre, basta che non la guidi il Puffone? Di markette pro Fini ne avete fatte a decine e decine, e allo stesso modo vi siete sempre accaniti contro il pd: cosa dovrei pensare? Sì è difficile appoggiare un chiunque a sinistra, Vendolino del Vitale vostro compreso, ma per questo appoggiare Fini è BEN PEGGIO! E' per questo che secondo voi una "riverniciatina" alla faccia della destra può andar bene? Andrà bene a voi, a me no di certo e penso/spero che ci siano altri che la pensano come me. Il titolo "l'Italia ha bisogno di una destra normale" è una sua INVENZIONE, perchè resteranno anormali gli idioti che la compongono, quelle NULLITA' che ho citato. Non sarebbe meglio invece trovare un modo per svegliare l'opposizione, provare a ridarle un po' di credibilità, chiedendo cortesemente, ma con CHIAREZZA E FERMEZZA, che i vecchi perdenti e inciucioni se ne vadano per SEMPRE? Provi a pensarci, perchè di una destra "migliore" non so proprio cosa farmene. Saluti.


Lo scrivo oggi, Fini sara' cancellato dalla scena politica Sono pronto a scommettere. Al nord i suoi voti andranno a Bossi e al sud Berlusconi. Il caso Tulliani politicamente l'ha distrutto, non per il fatto in se' (che sfiora il tragicomico) , ma per il fatto che una semplice seppur furba ragazza l'ha messo nel sacco , dimostrando che come uomo non ha polso e che le decisioni le prende lei. lui e' un bamboccio, come lo era con berlusconi. la Tulliani e' l'uomo e Fini e' la donna. Poi gomes, travaglio possono scrivere tante cose, dimostrando ancora una volta che non ci capiscono mai


ENZO T. Io qui leggo anche insulti, quindi non so cosa censurano. A me non hanno mai censurato niente. Si leggono, a volte cose, che secondo me, non andrebbero pubblicate.


# 81    commento di   Monica66 - utente certificato  lasciato il 6/10/2010 alle 18:28

Anch'io non penso che Fini abbia avuto un risveglio di coscienza, quanto piuttosto un risveglio di paraculagine. L'alleanza con Berlusconi lo ha sdoganato e ne ha fatto dimenticare le origini fasciste. Fini ha votato qualunque cosa volesse Berlusconi, comprese le leggi più vergognose e devastanti per l'Italia, perchè evidentemente o era d'accordo o ne ha avuto un tornaconto personale in termini di potere e di posti politici chiave per i suoi fedelissimi o, nella peggiore delle ipotesi, era d'accordo e ne ha avuto un tornaconto.Penso invece che, come tutti i topi che si rispettino, stia abbandonando la nave per non affondare insieme ad essa. Berlusconi non gli è più utile e lui, a fare il riverginato, viene guardato con simpatia anche a sinistra e al centro. Come i peggiori democristiani però non prende una posizione ferma ma preferisce tenere i piedi in due staffe: vota la fiducia al governo e ribadisce la propria lealtà, ma guardando al centro e a sinistra a parole critica l'operato dello stesso governo e minaccia non si sa bene quali azioni per evitare riforme non in linea con i millantati valori della destra che lui vorrebbe difendere a spada tratta. Se facesse cadere il governo Berlusconi facendo in maniera tale che Berlusconi stesso sia estromesso per sempre dalla vita politica del paese,avrebbe la mia gratitudine eterna. Ma per coerenza dovrebbe sparire politicamente anche lui, che del degrado attuale del paese non è solo complice ma comprimario.




Appellarsi alla legalità come fa Fini non significa assolutamente nulla e la prova sta nel fatto che tutti sarebbero d'accordo: si provi a chiedere a Berlusconi se è per fare leggi che tutelino la legalità o no? Gomez cosa crede che Berlusconi risponderebbe? Molti individui sono davvero curiosi: si fanno letteralmente rincoglionire dalle parole: si pensi alla parola "laicità", un'altra parola magica al punto che si dicono favorevoli alla laicità in politica sia Emma Bonino che Paola Binetti!!!!!! Il punto vero sta nelle politiche concrete che uno come Fini pensa di adottare e su questo resta il buio fitto.


FA molto bene parlare male di FINI ti rende antifascista, ti rende sinistroide , le parole sembrano dei macigni che rotolano dalla montagna con facilita ma guarda caso rotolano dalla parte sbagliata perche in tutto questo chi gode é berlusconi. percio non saro certamente io che lo votera ,ma tutto quello che riuscira a raccogliere lo togliera in gran parte al PDL ,non so se sara sufficente ,ma ben venga uno dieci fini pur di mandare a casa berlusconi . E' questo che molti dovrebbero tener presente avanti di sputare sentenze


# 85    commento di   Pasolinante - utente certificato  lasciato il 6/10/2010 alle 21:7

# 82 commento di PER PASO - lasciato il 6/10/2010 alle 18:31 ___ti "dico" ( =comunico?) perche sono d'accordo con i contenuti del tuo commento e perchè non non sono d'accordo, ma quale il punto critico o debole. Per essere " QUANDO IL PENSIERO ERA PENSIERO" , non occorre stringere la mano al " libro "(= cartolina,o lettera, articolo o documento) del suo autore ( sconosciuto nessuno come fra noi nel basso o piu conosciuto come nell'alto). Basta far fluire , rendere fluide le trasmissioni, contenendo i limiti dati dal mezzo( in questo caso internet) e consapevoli quindi degli stessi prima di qualsiasi on sul pc....sapere che d'altra parte , via via c'è x o y o z , è naturale come quando leggi un libro.ma ognuno di noi lo è che con il suo romanzo(vita). Se in italia occorre come prima cosa ( e qui inzio ad aprire il discorso sul punto critico) la rivoluzione culturale ad un'altra FORMAZIONE UMANA E POLITICA, anche internet è mezzo di quell' ESSERE DIGITALE APPIENO che può contribuire e deve a questa rivoluzione permamente. MA ( e arriva il punto critico) rischia di INTELLETTUALIZZARE e ancora piu scollare dall'intervento dela stessa rivoluzione fuori dall'area macchina , in mezzo agli uomini . Rischia èlite di massa critica a nicchietta. occorre quindi anche in qeusta area adottare pesi e contrappesi per contenere ogni area critica al pieno espletamento del mezzo x il raggiungimento complessivo degli obiettivi,ordinari ( vista le emrgenze di tutti i giorni) ma soprattutto di quello staordinario di ribaltamento delle coscienze, anche nell'area stessa di quelle che piu sembrano critiche ( ma solo a parole).ciao :-)


# 86    commento di   iocuriosaavventura - utente certificato  lasciato il 6/10/2010 alle 21:41

per paso ...85 , è andata bene ed ok , lo ripeto perchè è stato faticoso , ma comunque , io parlavo di internet in generale poi in particolare sul personale è troppo complicato spiegare qui ed adesso cosa io avevo nel cuore , invece dal punto di vista politico ecco che intendevo "l'italia che mi parla " oppure "l'italia che comunica con me " certo che sapere chi comunica rende la comuncazione migliore
per ...paso 85


# 87    commento di   iocuriosaavventura - utente certificato  lasciato il 6/10/2010 alle 21:42

dal punto di vista personale comunque non ho dubbi sul risultato positivo felice , sono stanca della fatica mia


# 80 commento di BARBARA - é capitato che non siano stati cancellati insulti anche pesanti -dei soliti che non fanno altro che lamentarsi- Al contrario, sono spariti commenti di tono normale, ad esempio riguardanti il PD. Non riesco comunque a vederci una logica. Ciao.


Caro Peter, gran bella intervista, ma temo che tu sia troppo ottimista...:-( Vado OT per adularti indecorosamente: ho visto il tuo intervento da Mannoni, quando hai parlato della Rete. Hai ragionissima: pensiamo non solo a Belpietro, ma anche al caso tristissimo di questi giorni della povera Sarah Scazzi. Tutti i media sono stati prontissimi a crocifiggere internet, Facebook e via dicendo, sparando una serie di castronerie sensazionalistiche sui "pericoli della Rete". Prima di tutto, la Rete non esiste in quanto tale, ma esiste per chi vi partecipa (parafraso un aforisma di Lucio Salis sulla TV). Secondo: i vespasallustibechisfacci e via discorrendo non sanno neppure di che parlano, ma devono preparare il terreno ad un'eventuale bavaglio, altrimenti non si spiega. Ah, e quello che hai detto a proposito dell'attentato a Lirio Abbate...beh, ti conferma come grande giornalista, ma soprattutto come grande UOMO!!! Grazie! :-*


# 90    commento di   Marco M. - utente certificato  lasciato il 11/10/2010 alle 23:19

Caro Peter, sono da sempre un grande ammiratore della tua persona e del tuo collega Travaglio. Proprio per questa ragione non riesco a credere che tu possa rilasciare un'intervista come questa. Ti prego di chiarire come siano compatibili le istanze di legalita' di cui siamo desiderosi con questo nuovo partito di Fini, che ancora ribadisce la fiducia al governo Berlusconi, non vota la sfiducia a Caliendo , e continua a proclamarsi d'accordo su un'immunita' costituzionale per il premier. Non posso poi credere alla balla del "se ne e' accorto dopo 15 anni". Mi stupisce che un giornalista cosi' attento non ricordi le posizioni di Fini sino all'epoca di Mani pulite, poi improvvisamente ribaltate apposta per andare d'accordo col suo piu' fedele alleato. E' incredibile che si faccia finta di pensare che l'incolpevole Fini di certe cose non si accorgesse per 15 anni. E' questa la destra che avrebbe voluto Montanelli? Il passato da missino poi non lo dimenticherei. In un'epoca in cui siamo diventati tra i piu' grandi amici di Gheddafi, puo' essere pericoloso non ricordare chi ando' da Saddam Hussein a stringergli la mano nei primi anni 90. Parli di una destra che non sia antigay? Fu proprio Fini a ritenere che non li si dovesse ammettere a fare i maestri nelle scuole. Insommma Gomez, sei uno dei pochi che ha fatto corretta informazione in questi anni bui, non ti accontentare del fatto che a destra si possa votare anche per qualcuno che non sia Berlusconi e continua a fare informazione in ossequio alle esigenze di legalita' tanto amate dai lettori del Fatto quotidiano,che, se attenti, per Fini non voterebbero mai.



Mostra tutti i commenti


commenta
il tuo nome  
la tua email
un link

commento (non più di 2.000 caratteri) 


non utilizzare codice HTML o JAVASCRIPT all'interno dei commenti