.
Annunci online

abbonamento
80
commenti


bertolotti de pirro

da Il Fatto Quotidiano, 6 luglio 2010

Si spera che nessuno voglia sottovalutare il drammatico allarme lanciato da Sandro Bondi dalle colonne di Repubblica. Il Pallore Gonfiato, eccezionalmente in prosa e non in endecasillabi sciolti, lacrima come una vite tagliata sulla vita grama dell’amato: “Sì – ammette singhiozzando – è difficile negare la solitudine politica del presidente del Consiglio”. Solitudine che la cantatrice calva non attribuisce, ci mancherebbe, a un calo di consensi, a qualche errore, a una “debolezza politica” (Egli anzi è sempre più amato, infallibile e vigoroso), bensì alla sua “profonda estraneità alla cultura dominante”. Diciamo pure alla cultura, punto.

In verità l’immagine del premier circondato da ballerine di lap dance nella recente visita di Stato in Brasile non somiglia molto al mesto ritratto che ne fa il ministro-poeta. Ma, se lui giura che il boss è solo, dobbiamo credere a lui. Il vate di Fivizzano non può dirlo, ma alla solitudine del Capo, più che i divorzi da Veronica e Fini, deve aver contribuito il venir meno dei suoi angeli custodi: prima Previti, falciato nel fiore degli anni da due condanne per corruzione giudiziaria; poi Brancher, prematuramente mancato all’affetto dei suoi cari per aver tentato di imitare l’Inimitabile – ah, la hybris! – profittando del legittimo impedimento in un processo (le leggi ad personam valgono solo per quella Personam lì, cribbio); e prossimamente, forse, pure Dell’Utri che già si porta avanti col lavoro, rammentando l’eroismo di Mangano per far capire che lui, in galera, potrebbe non garantire la stessa tenuta stagna.

Pare che persino Mastella, appena riapprodato a destra dopo varie tournée al centro e a sinistra, sia passato alla fronda. Corre addirittura voce che il fu Re Mida ora Re Merda porti jella: non bastando l’ennesimo rovescio della Nazionale azzurra sotto un suo governo, l’altro giorno ha fulminato anche il Brasile, che l’aveva incautamente invitato proprio in coincidenza coi quarti di finale. “L’Italia – osserva affranto James Bondi – è l’unico Paese in cui agisce e prospera una nomenclatura politica, istituzionale e culturale simile a quella di certi regimi comunisti nella loro fase di declino” (quelli del 1990-91, quando lui non a caso era sindaco comunista del suo paese). Sgomento al cospetto del “corto circuito della verità” e di quanti “utilizzano l’informazione come una clava contro gli avversari politici”, il nostro è un uomo distrutto. Ma pronto a tutto: se qualche anno fa, dinanzi alla minaccia di una legge sul conflitto d’interessi (peraltro finta, provenendo dal centrosinistra), iniziò lo sciopero della fame e si disse disposto a lasciarsi morire nel caso in cui l’amato fosse toccato negli affetti più cari (i soldi), oggi porge il petto alle mitragliatrici dei traditori per fargli da scudo umano contro il “mondo vecchio, conservatore, venato da grossolane ipocrisie che purtroppo alligna anche nel Pdl”.

Mentre i topi abbandonano alla chetichella la nave e persino le escort e le badanti si dileguano, James si propone come la versione moderna di Eva Braun nel bunker berlinese e di Claretta Petacci a Giulino di Mezzegra. Rimasto solo con l’oggetto del suo desiderio, affaticato dall’emergenza caldo, spossato dai viaggi in treno con cui percorre in lungo e in largo l’Italia per coordinare un partito che non c’è, deve fare tutto lui: devastare la cultura, rovinare il cinema, sventrare gli enti lirici, rincuorare Cosentino (resti sottosegretario per scongiurare “la vittoria del comunismo”). Ora gli tocca pure colmare col suo consunto corpicino l’incolmabile solitudine del premier. La struggente elegia si chiude con un’agghiacciante minaccia: quella di “una nuova rivoluzione berlusconiana”, dalle conseguenze incalcolabili. Non sappiamo ancora che cos’ha in mente, ma lui sì. Non resta che sperare che il Cavaliere respinga cortesemente le profferte bondiane: che insomma, dinanzi alla terrificante prospettiva di chiudere i suoi giorni su questa terra fra le braccia di un simile damo di compagnia, opti per il harakiri, o per l’aspide, o per la cicuta. Non appena gli avranno spiegato che roba sono.   
(Vignetta di Bertolotti e De Pirro)

Segnalazioni

Sciopero sì, sciopero no - Il sondaggio di ilfattoquotidiano.it sullo sciopero generale dell'informazione del 9 luglio indetto dalla FNSI.

Mercoledì 7 luglio, Fusignano (RA), ore 21 - Nell'ambito di "Il Grido della farfalla", secondo meeting dell'informazione liberaPeter Gomez e Marco Travaglio partecipano all'incontro "Buona editoria o giornale farabutto? Lo strano caso de Il Fatto Quotidiano". Interviene Antonio Padellaro. c/o Parco Primieri, via Fratelli Fraccani.
 
ad  personamMarco Travaglio presenta "Ad Personam" (edizioni Chiarelettere)
Ingresso libero fino ad esaurimento posti.
Mercoledì 7 luglio, ore 18,
Lugo di Ravenna (RA)
c/o Centro sociale "Il Tondo", Via Lumagni 30
Giovedì 8 luglio, ore 18
Montegranaro (FM)
C/o cineteatro La perla, via Conventati 6
Giovedì 8 luglio, ore 21
Monte San Vito (AN)
Nell'ambito del Viva Voce Festival 2010, c/o parco Gianni Rodari, Borghetto (frazione di Monte san Vito)
 


129
commenti






Buongiorno a tutti. Allora, Aldo Brancher si è dimesso da ministro dopo solo sette giorni: evidentemente ha cercato invano la delega alla quale era stato assegnato, poi non l'ha trovata.
Scherzo, naturalmente: l'uso del legittimo impedimento, diciamo il legittimo uso da parte di Brancher della legge sull'illegittimo impedimento, ha suscitato tali polemiche e contrasti per la sfacciataggine con cui tutto ciò è avvenuto, che alla fine hanno indotto Berlusconi, dopo un incontro ad Arcore con il fido Brancher, a scaricarlo. (leggi tutto)

Segnalazioni

Quando l'informazione diventa propaganda - di Peter Gomez (da ilfattoquotidiano.it)

Mercoledì 7 luglio, Fusignano (RA), ore 21 - Nell'ambito di "Il Grido della farfalla", secondo meeting dell'informazione libera, Peter Gomez e Marco Travaglio partecipano all'incontro "Buona editoria o giornale farabutto? Lo strano caso de Il Fatto Quotidiano". Interviene Antonio Padellaro. c/o Parco Primieri, via Fratelli Fraccani.

  


continua

83
commenti


natangelo

Signornò, da L'Espresso in edicola

L’ex Guardasigilli Roberto Castelli, che Saverio Borrelli immortalò sarcasticamente come “l’ingegner ministro”, non s’è ancora riavuto dalla trombatura alle comunali di Lecco. Nel cenacolo di Pontida ha minacciato: “Federalismo o secessione”. E quando Claudio Magris, da quel grande scrittore che è, lo ha rimesso a posto sul Corriere, ha replicato (chiamandolo “dottor Magris”) in pieno stato confusionale. Anzitutto l’ha accusato di non percepire bene, “da Roma” ovviamente ladrona, “la disperazione delle partite Iva del Nord”, ignorando che Magris scrive da Trieste.
Poi si è imbrodato con la consueta modestia: “E’ per me grande motivo di orgoglio essere stato il ministro che è riuscito ad abolire i reati d’opinione in nome della libertà del pensiero”. Non è la prima volta che questo ingegnere meccanico esperto nell’abbattimento dei rumori autostradali si
convince di aver fatto cose che non ha mai fatto. Il 21 luglio 2001, appena insediato alla Giustizia, s’impegnò nel Documento di programmazione economica e finanziaria a istituire il giudice unico di primo grado e a introdurre la competenza penale del giudice di pace: non l’avevano avvertito che entrambe le riforme erano le aveva già realizzate l’Ulivo nella precedente legislatura.
Poi si fece pure l’idea di aver abolito i reati di opinione.

In realtà la riformucola del codice Rocco varata il 25 gennaio 2006 riguardava perlopiù il vilipendio al Tricolore: prima era punito col carcere, da allora basta una multa. Inoltre furono ridotte le pene per l’attentato all'integrità, indipendenza e unità nazionali (pena massima non più l’ergastolo, ma 10 anni). Guarda un po’ la combinazione: Umberto Bossi rischiava di finire dentro per aver detto “col Tricolore mi pulisco il culo”, essendosi giocato la condizionale con altre condanne (tangente Enimont e istigazione a delinquere contro gli attivisti di An da “andare a
prendere casa per casa”); e tutto il vertice leghista era sotto processo a Verona per attentato all’unità e integrità nazionali, con l’accusa di aver organizzato bande paramilitari (le “camicie
verdi”).Insomma, più che i reati di opinione, Castelli depenalizzò i reati della Lega.

Glielo rinfacciò persino Il Foglio, nel 2002: “Le promesse di Castelli sui reati di opinione restano tali”. Infatti le opinioni critiche continuano a essere equiparate alle diffamazioni e punite col carcere: non c’è differenza, nel nostro Codice penale, fra una critica e una diffamazione (attribuzione di un fatto infamante ma falso). L’anno scorso il governo Berlusconi-3 ha addirittura ripristinato l’oltraggio a pubblico ufficiale, abrogato da Prodi nel 1999. Intanto i politici seguitano
a diffamare i cittadini trincerandosi dietro l’insindacabilità parlamentare, mentre trascinano in tribunale il cittadino che osa criticarli. Ne sa qualcosa l’ingegner Castelli, che querelò Franca
Rame
per avergli dato del “pirla” e ne ottenne la condanna a una multa di ben 1 milione di lire. Lui, il paladino della “libertà del pensiero”.
(Vignetta di Natangelo)



29
commenti


L'intervento di Peter Gomez in piazza a Milano per il No bavaglio day.
(video da C6.tv)

 

Video
La manifestazione di Roma (da ilfattoquotidiano.it)
I poliziotti contro il ddl intercettazioni: “Legalità addomesticata”  (da micromega.net)
Gli interventi di Curzio Maltese, Roberto Saviano, Giuseppe Giulietti e Stefano Rodotà   (da micromega.net)
La manifestazione di Milano (da ilfattoquotidiano.it)



83
commenti





da Il Fatto Quotidiano, 2 luglio 2010

Un’allegra combriccola formata da Maurizio Belpietro, Fabrizio Cicchitto, Emanuele Macaluso, l’Ordine degli avvocati di Palermo, mezza Anm di Palermo e il membro turboberlusconiano del Csm Gianfranco Anedda ritiene che il nostro piccolo giornale abbia addirittura intimidito e screditato i tre giudici della II Corte d’appello di Palermo che l’altro giorno hanno ricondannato Dell’Utri con lo sconto di due anni per il periodo post 1992: il presidente Claudio Dall’Acqua, i giudici a latere Salvatore Barresi e Sergio La Commare. Belpietro ci accusa di lanciare “messaggi mafiosi” e ne risponderà in tribunale. Macaluso, che evidentemente non trattiene ciò che legge per più di 48 ore, dice che avremmo “accusato con una disinvoltura preoccupante i giudici di aver goduto di favori dal mondo di Dell’Utri”. Cicchitto, grande esperto di cappucci e un po’ meno di diritto, attribuisce al Fatto fantomatiche “intimidazioni ai magistrati che facevano parte della giuria (il pover’uomo chiama così la Corte d’appello, ndr)” per conto del “network dell’odio in servizio permanente effettivo”. Anedda, lo stesso che a dicembre accusò i pm Ingroia e Spataro per l’attentato del matto a B. in piazza Duomo, ci imputa da vero intenditore un “avvertimento di tipo mafioso” (ne risponderà anche lui in tribunale), poi chiede e ottiene dalla I commissione del Csm (4 sì e 2 no) di aprire una pratica a tutela dei tre giudici oggetto di “insinuazioni e sospetti” che getterebbero “discredito sul collegio giudicante e sull’intera magistratura” e costituirebbero “condizionamenti se non intimidazioni”.

In quest’orgia di parole a vanvera, nessuno ha pensato di smentire una sola virgola dell’articolo contestato: quello pubblicato il 15 giugno sul Fatto da Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza. Perché delle due l’una: o quanto hanno scritto Lo Bianco e Rizza è vero, e allora non si capisce bene da che cosa il Csm debba tutelare i tre giudici (da se stessi? dalla verità?); oppure è tutto falso, e allora, anziché piagnucolare e invocare soccorso a destra e a manca, i tre giudici potrebbero inviarci una succulenta rettifica, che noi saremo ben lieti di pubblicare, con opportuna replica s’intende. Ma che scrivevano Lo Bianco e Rizza?
Citavano un mio articolo sull’Espresso, in cui svelavo un segreto di Pulcinella: e cioè l’aperta ostilità e insofferenza dimostrate dal collegio, durante il processo, nei confronti delle richieste dell’accusa, in gran parte respinte (per molto meno, in altri processi, i giudici sono stati ricusati dal pm o dal pg). Poi tracciavano il profilo dei tre giudici, scoperchiando qualche altarino non proprio edificante. Dall’Acqua ha due figli: uno, in pieno processo Dell’Utri, è stato promosso per chiamata diretta del sindaco di Palermo, il forzista Cammarata, a segretario generale del Comune, scavalcando altri pretendenti più titolati; l’altro, ingegnere, lavorava fino a pochi giorni fa in Abitalia di Vincenzo Rizzacasa (arrestato l’altro giorno per riciclaggio, essendo ritenuto il prestanome del boss Salvatore Sbeglia, uno dei più celebri soci di Totò Riina), il cui direttore tecnico – come risulta dai cartelli affissi in tutti i cantieri – è Francesco Sbeglia, figlio di Salvatore e condannato in primo grado per concorso esterno in associazione mafiosa.

Notizie o minacce?
Salvatore Barresi, come ha raccontato il suo ex compagno di scuola Massimo Ciancimino, giocava a poker con don Vito. Notizia o minaccia? Sergio La Commare fu censurato dal Csm perché, per non leggersi tutte le carte di un processo, aveva chiesto in un pizzino al pm di fargli un riassuntino. Notizia o minaccia? Quanto fossero pertinenti al processo Dell’Utri queste notizie, lo capiscono tutti: questa è la Corte che ha respinto le carte della Procura sui rapporti di Dell’Utri con il clan Piromalli e con il latitante Palazzolo, i riscontri alle parole di Spatuzza e addirittura la testimonianza di Massimo Ciancimino.
Per strano che possa sembrare a lorsignori, Il Fatto racconta i fatti (non i calzini turchesi). Chissà se è ancora lecito, nel Paese che fa del bavaglio non una semplice legge, ma una cultura istituzionale.  
(Vignetta di Fifo)

Segnalazioni

Roma, sabato 3 luglio, ore 21.30Presentazione del nuovo numero di MicroMega "Criminalità e politica". Intervengono Paolo Flores d'Arcais, direttore di MicroMega, Roberto Scarpinato, magistrato, Furio Colombo, giornalista. c/o Festa dell'Unità Caracalla, Spazio Rinascita.





78
commenti


Voglioscendere partecipa alla maratona web di Liberarete.tv per la diretta on line della manifestazione nazionale contro la legge bavaglio sulle intercettazioni. Diretta dalle ore 17 alle 24 dal Teatro "Lo Spazio" di Roma, in costante collegamento con piazza Navona.





Il programma della maratona web di Liberarete.tv: gli interventi dal palco del Teatro "Lo Spazio" di Roma, collegamenti live dall'Italia e dall'estero, le interviste e le video inchieste del circuito di Liberarete.tv

sfoglia giugno   <<  1 | 2 | 3 | 4  >>   agosto
autori
dvd
democrazya
rubriche

signori della corte sentenze italiane sentenze europee

il mattinale

errata corrige

commento del giorno

errata corrige

speciali

l'armadio degli scheletri

passparola

iniziative

no bavaglio

basta

basta

no bday

appello fini travaglio

arrestateci tutti

tutte le iniziative

Premi
Macchianera Blog Awards 2009
perche' voglio scendere

perch� voglio scendere

intervista agli autori

messaggio ai troll

feed

Feed RSS di questo blog Feed RSS di questo blog

feedburner

archivio


agenda 2010
agenda 2010
prossimi appuntamenti
vedi tutti gli appuntamenti
materiale infiammabile

IN EDICOLA
IN LIBRERIA

libri di chiarelettere

diffondi

voglio scendere

incolla il codice sottostante nel tuo blog o sito

premi

intervista agli autori


<[0.0485672499999055]>