.
Annunci online

abbonamento


zioWoody flickr.comLa Corte costituzionale il 20 giugno 2007 si è  pronunciata sulla legittimità costituzionale della legge c.d. Castelli di riforma dell'ordinamento giudiziario (legge n. 150 del 25 luglio 2005). La Corte ha dichiarato l'illegittimità costituzionale degli artt. 2, comma 45, della legge n. 150 del 2005 e 3 del decreto legislativo 16 gennaio 2006, n. 20 (Disciplina transitoria del conferimento degli incarichi direttivi c.d. Legge Bobbio o norma "anti Caselli"), nella parte in cui non prevedono che alle procedure di selezione per il conferimento degli incarichi direttivi di uffici giudiziari di primo e di secondo grado possano partecipare i magistrati che, per avere esercitato il diritto al prolungamento del servizio oltre la data di ordinario collocamento a riposo, assicurino comunque la permanenza nell'incarico per almeno quattro anni. La Corte ha inoltre dichiarato l'illegittimità costituzionale, in via consequenziale, degli artt. 2, comma 45, della legge n. 150 del 2005 e 2 del d.lgs. n. 20 del 2006, nella parte in cui non prevedono che alle procedure di selezione per il conferimento degli incarichi direttivi di uffici giudiziari di legittimità possano partecipare i magistrati che, per avere esercitato il diritto al prolungamento del servizio oltre la data di ordinario collocamento a riposo, previsto dalle norme vigenti, assicurino comunque la permanenza nell'incarico per almeno due anni.

Leggi il testo della legge sul sito del Parlamento
Leggi la sentenza n.245/2007 della Corte costituzionale

La c.d. legge Castelli ha delegato il Governo all'adozione di vari decreti legislativi per la riforma dell'ordinamento giudiziario. Finora sono stati emanati circa 10 decreti legislativi in attuazione della delega (ad esempio, in materia di organizzazione degli uffici, di illeciti disciplinari dei magistrati, di progressione di carriera e funzioni). Alcuni di questi decreti sono già in vigore.  La c.d. legge Mastella n. 269 del 24 ottobre 2006  e la successiva legge n. 111 del 30 luglio 2007 hanno prima sospeso l'entrata in vigore del decreto legislativo n. 160 (sull'accesso e la carriera dei magistrati) poi lo hanno parzialmente modificato, insieme ad alcuni degli altri decreti. Per questo motivo, la Corte costituzionale, nella sua ordinanza n. 356 del 22 ottobre 2007 ha richiesto che i giudici formulassero nuovamente le loro eccezioni di illegittimità costituzionale sulla legge n. 150/05, tenendo conto delle modifiche.


 


sfoglia febbraio        aprile
autori
dvd
democrazya
rubriche

signori della corte sentenze italiane sentenze europee

il mattinale

errata corrige

commento del giorno

errata corrige

speciali

l'armadio degli scheletri

passparola

iniziative

no bavaglio

basta

basta

no bday

appello fini travaglio

arrestateci tutti

tutte le iniziative

Premi
Macchianera Blog Awards 2009
perche' voglio scendere

perch� voglio scendere

intervista agli autori

messaggio ai troll

feed

Feed RSS di questo blog Feed RSS di questo blog

feedburner

archivio


agenda 2010
agenda 2010
prossimi appuntamenti
vedi tutti gli appuntamenti
materiale infiammabile

IN EDICOLA
IN LIBRERIA

libri di chiarelettere

diffondi

voglio scendere

incolla il codice sottostante nel tuo blog o sito

premi

intervista agli autori


<[0.0444464000029257]>