.
Annunci online

abbonamento
2
commenti



RaiUno

Porta a porta
"C'era una volta il dialogo"

Video pubblicato il 30/09/2008

Ne parlano Maurizio Gasparri, Rosy Bindi, Antonio Di Pietro, Denis Verdini
Conduce Bruno Vespa


Se qualcuno sostiene "sono stato sempre assolto", sempre meglio controllare "come":

ASSOLUZIONE SECONDO L'ARTICOLO 530 c.p.p., COMMA 1
Cioe' quando "il fatto non sussiste, o l'imputato non lo ha commesso". Questa e' l'assoluzione d.o.c.

ASSOLUZIONE SECONDO L'ARTICOLO 530 c.p.p., COMMA 2
Il comma 2 dice che "il giudice pronuncia sentenza di assoluzione anche quando manca, é insufficiente, o é contraddittoria la prova."  Molti processi hanno avuto come esito una condanna in primo grado e una assoluzione, con questa formula, in secondo grado: le prove, che erano sufficienti in primo grado, sono diventate insufficienti in secondo grado, per legge sopravvenuta. Cos'era accaduto? E' semplice: le leggi che regolano l'ammissibilità e l'utilizzabilità delle prove erano cambiate tra un grado e l'altro del processo. Si tratta delle modifiche all'articolo 513 del c.p.p., e del nuovo articolo 111 della Costituzione, che hanno affidato al cosiddetto "impumone" (1), e ai suoi umori momentanei, la possibilità di ripetere accuse già formulate o di non farlo, avvalendosi della facoltà di non rispondere, convalidando le prove, o rendendole insufficienti, il tutto a suo piacimento.

PATTEGGIAMENTO
La sentenza di APPLICAZIONE DELLA PENA SU RICHIESTA DELLE PARTI
(patteggiamento) é equiparata, quanto agli effetti penali, ad una pronuncia di condanna. In caso di patteggiamento l'imputato e il pubblico ministero concordano una pena. Propongono quindi uno schema di sentenza al giudice dell'udienza preliminare, che controlla la congruità della pena prospettata. La rinuncia dell'imputato alla fase del dibattimento viene premiata con uno sconto sulla pena. La mancanza del dibattimento e del contraddittorio fa sì che si abbiano una sentenza ed una pena, ma non una condanna.

PROSCIOGLIMENTO
Molti imputati sono stati o saranno prosciolti per PRESCRIZIONE: in questi casi, pur non potendo emettere una sentenza di condanna, perché é passato troppo tempo dalla commissione del fatto di reato contestato, se é stata esclusa una prova evidente di innocenza dell'imputato (che porterebbe all'assoluzione nel merito), il giudizio del magistrato potrebbe fondarsi anche su una affermazione di responsabilità, indicando i motivi per cui l'imputato può essere considerato colpevole dei reati ascrittigli, ma va prosciolto per prescrizione. In sede di appello il magistrato può imporre all'imputato di risarcire il danno e rifondere le spese processuali alla parte civile. Assoluzione e proscioglimento non sono dunque la stessa cosa. Va aggiunto che, per l'imputato che volesse dimostrare la propria innocenza nel processo, la Corte Costituzionale, nel 1990, ha previsto la possibilita' di rinunciare alla prescrizione.

NON LUOGO A PROCEDERE PER ABOLIZIONE DI UNA NORMA PENALE
In questo caso si dichiara il "non luogo a procedere" nei confronti degli imputati, perché il fatto non é più previsto dalla legge come reato. E' successo, per esempio, per l'articolo 323 c.p., riguardante l'abuso d'ufficio, che é stato riformato nel 1997. Parecchi imputati sono stati prosciolti non perche' fossero innocenti, ma perché era cambiata la legge: insomma potevano essere colpevoli nel momento in cui avevano compiuto un certo atto, ma non lo erano più al momento del processo. Qualcuno ha notato un tempismo sospetto nell'approvazione di certe leggi, ma si tratta dei soliti maligni e malpensanti.

INDULTO
Molti imputati hanno beneficiato di uno o più indulti: cioé sono stati condannati e la condanna é rimasta intatta, però la pena loro inflitta é stata condonata e, quindi, estinta. Questo, tuttavia, non li autorizza a dichiarare che sono stati assolti.

AFFIDAMENTO IN PROVA AI SERVIZI SOCIALI
E' l'istituto per cui spesso nemmeno i condannati definitivi scontano la pena in carcere.
Nel 1998 il parlamento ha approvato una legge (Simeone-Saraceni) che ha reso molto frequente l'affidamento in prova ai servizi sociali per i condannati a pene non superiori a tre anni. Per puro caso, non di rado, i processi per i reati contro la pubblica amministrazione, (quelli di Tangentopoli), si sono conclusi con sentenze a pene appunto non superiori a tre anni. Naturalmente possono usufruire della legge anche i condannati per altri reati, perche' questa legge, almeno finora, é uguale per tutti.


NOTE
(1) IMPUMONE: l'imputato di reati connessi che, pur conservando le prerogative e i diritti di un imputato (per esempio : avvalersi della facoltà di non rispondere), assume di fatto la veste di testimone, facendo affermazioni sul fatto altrui. Per esempio fa delle chiamate di correità durante le indagini preliminari, ma non le vuol ripetere durante il dibattimento.

sfoglia settembre        novembre
autori
dvd
democrazya
rubriche

signori della corte sentenze italiane sentenze europee

il mattinale

errata corrige

commento del giorno

errata corrige

speciali

l'armadio degli scheletri

passparola

iniziative

no bavaglio

basta

basta

no bday

appello fini travaglio

arrestateci tutti

tutte le iniziative

Premi
Macchianera Blog Awards 2009
perche' voglio scendere

perch� voglio scendere

intervista agli autori

messaggio ai troll

feed

Feed RSS di questo blog Feed RSS di questo blog

feedburner

archivio


agenda 2010
agenda 2010
prossimi appuntamenti
vedi tutti gli appuntamenti
materiale infiammabile

IN EDICOLA
IN LIBRERIA

libri di chiarelettere

diffondi

voglio scendere

incolla il codice sottostante nel tuo blog o sito

premi

intervista agli autori


<[0.0467971605468733]>