.
Annunci online

abbonamento


foto di youblob_flickr.comL'art. 68 della Costituzione, dopo la legge cost. n. 3 del 1993 recita:

" I membri del Parlamento non possono essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati nell'esercizio delle loro funzioni.

Senza autorizzazione della Camera alla quale appartiene, nessun membro del Parlamento può essere sottoposto a perquisizione personale o domiciliare, né può essere arrestato o altrimenti privato della libertà personale, o mantenuto in detenzione, salvo che in esecuzione di una sentenza irrevocabile di condanna, ovvero se sia colto nell'atto di commettere un delitto per il quale è previsto l'arresto obbligatorio in flagranza.

Analoga autorizzazione è richiesta per sottoporre i membri del Parlamento ad intercettazioni, in qualsiasi forma, di conversazioni o comunicazioni e a sequestro di corrispondenza".
*************************************************************************************************************************

Il testo precedente dell'art. 68 era il seguente:«I membri del Parlamento non possono essere perseguiti per le opinioni espresse e i voti dati nell'esercizio delle loro funzioni.
Senza autorizzazione della Camera alla quale appartiene, nessun membro del Parlamento può essere sottoposto a procedimento penale (c.d. "autorizzazione a procedere" ndr); né può essere arrestato, o altrimenti privato della libertà personale, o sottoposto a perquisizione personale o domiciliare, salvo che sia colto nell'atto di commettere un delitto per il quale è obbligatorio il mandato o l'ordine di cattura.
Eguale autorizzazione è richiesta per trarre in arresto o mantenere in detenzione un membro del Parlamento in esecuzione di una sentenza anche irrevocabile
».

*************************************************************************************************************************
Per molto tempo i parametri per l'autorizzazione del Parlamento, in particolare quello del c.d."fumus persecutionis", sono stati individuati dall'interpretazione di dottrina e giurisprudenza. Poi, la legge n. 140/2003 "disposizioni di attuazione dell'art. 68, nonchè in materia di processi penali delle alte cariche dello stato" è intervenuta sull'attuazione della norma costituzionale, specificando anche le modalità della richiesta di autorizzazione, senza però precisare ulteriormente i requisiti per la sua concessione. Si trattava del c.d. lodo Maccanico-Schifani, dichiarato parzialmente illegittimo, dunque in parte abrogato, dalla Corte costituzionale (articoli 1 sull'immunità delle alte cariche e 6 sulle intercettazioni). In una di queste pronunce la giurisprudenza ha toccato incidentalmente il profilo della rilevanza processuale come parametro di concessione dell'autorizzazione "alle intercettazioni". La Corte si è però solo limitata a dare atto della prassi parlamentare che lo aveva introdotto, segnalando la modifica alla ratio originale dell'art. 68 che tale prassi comporta.

  Vai all'INDICE delle Sentenze Italiane


sfoglia novembre        gennaio
autori
dvd
democrazya
rubriche

signori della corte sentenze italiane sentenze europee

il mattinale

errata corrige

commento del giorno

errata corrige

speciali

l'armadio degli scheletri

passparola

iniziative

no bavaglio

basta

basta

no bday

appello fini travaglio

arrestateci tutti

tutte le iniziative

Premi
Macchianera Blog Awards 2009
perche' voglio scendere

perch� voglio scendere

intervista agli autori

messaggio ai troll

feed

Feed RSS di questo blog Feed RSS di questo blog

feedburner

archivio


agenda 2010
agenda 2010
prossimi appuntamenti
vedi tutti gli appuntamenti
materiale infiammabile

IN EDICOLA
IN LIBRERIA

libri di chiarelettere

diffondi

voglio scendere

incolla il codice sottostante nel tuo blog o sito

premi

intervista agli autori


<[0.0472270749996824]>