.
Annunci online

abbonamento
1
commenti



    Quanto ad intercettazioni
    par che Silvio Berlusconi
    abbia alfin cambiato idea,
    ma purtroppo la nomea
   
    d’esser subdolo ed infido
    fin da quando uscì dal nido
    è del tutto confermata.
    E’ una finta ben studiata,
   
    per la gioia dei cretini,
    di quel Nicolò Ghedini
    ch’è il real guardasigilli,
    l’uomo che studia i cavilli
   
    e li passa a quell’Alfano
    ch’è in giustizia un vero nano,
    ma, già del Berlusca schiavo,
    oggi fa il ministro bravo.
   
    Restan le intercettazioni,
    ma a precise condizioni.
    Dan l’ok tre magistrati
    a tal uopo convocati
   
    in riunione collegiale,
    quando a far d’un criminale
    un futuro ergastolano
    basta un giudice…E’ un po’ strano,
   
    ma evidenzia la speranza
    che dei giudici in mancanza
    salti l’intercettazione…
    Questo vuole il furbacchione.
   
    Fino a ieri è poi bastato
    un “indizio di reato”
    per poter intercettare.
    Da doman niente da fare,
   
    o è di colpa il grave indizio
    o non s’intercetta il tizio
    o si sa ch’è un delinquente
    o intercettazioni niente…
   
    Da fondamentale aiuto
    a regalo al piemme astuto
    che ha scoperto quasi tutto
    sul presunto farabutto
   
    si fa l’intercettazione.
    Vergognosa conclusione:
    l’autorizzazion vien data
    a galera conquistata
   
    dall’uom di scarsa virtù,
    quando, ahimé, non serve più.
    E non è finita qui:
    massimo sessanta dì
   
    duran le intercettazioni;
    dopo, grazie a Berlusconi,
    ogni ascolto vien vietato.
    Peggio per il magistrato
   
    s’era a un passo dall’arrivo
    e l’ascolto è decisivo:
    “Troppo tardi, ci dispiace,
    chiaramente lei è incapace!”
   
    Poi c’è ancora una follia:
    ok alla microspia
    solo dove si delinque
    od in zone assai propinque,
   
    ma mai dove i delinquenti
    si confidano imprudenti,
    in commissariato, in cella
    o nell’auto di un brighella
   
    dove parlano al riparo.
    Il perché non è ben chiaro,
    ma è legittimo il sospetto
    che sia un altro trabocchetto
   
    per intercettar di meno
    come vuole il capotreno.
    Nacque in casa del premier
    questa belle legge che
   
    fa delle intercettazioni
    dei delitti belli e buoni,
    dei birboni tipi ammodo
    meritevoli di un lodo,
   
    dei banditi gli innocenti,
    dei piemme i delinquenti,
    dei politici dei puri
    e dei giudici i figuri
   
    che rovinan la giustizia,
    del Berlusca la delizia
    per la qual l’Italia vola
    al di sotto dell’Angola. 
      
    Carlo Cornaglia
    31 gennaio 2009


sfoglia gennaio        marzo
autori
dvd
democrazya
rubriche

signori della corte sentenze italiane sentenze europee

il mattinale

errata corrige

commento del giorno

errata corrige

speciali

l'armadio degli scheletri

passparola

iniziative

no bavaglio

basta

basta

no bday

appello fini travaglio

arrestateci tutti

tutte le iniziative

Premi
Macchianera Blog Awards 2009
perche' voglio scendere

perch� voglio scendere

intervista agli autori

messaggio ai troll

feed

Feed RSS di questo blog Feed RSS di questo blog

feedburner

archivio


agenda 2010
agenda 2010
prossimi appuntamenti
vedi tutti gli appuntamenti
materiale infiammabile

IN EDICOLA
IN LIBRERIA

libri di chiarelettere

diffondi

voglio scendere

incolla il codice sottostante nel tuo blog o sito

premi

intervista agli autori


<[0.0459472250004183]>