.
Annunci online

abbonamento
2
commenti



    Ora che la fiamma è spenta
    Donna Assunta si tormenta:
    “Non mi parli di Gianfranco,
    di Almirante è stato al fianco
   
    dentro l’Emme esse i
    e per questo adesso è lì,
    anche se non vale nulla.
    E Gasparri? Si trastulla
   
    con il Pantheon del partito
    nel qual scorda mio marito…
    Vada a casa, è un poveraccio.
    E La Russa? Provo impaccio
   
    se ripenso al suo papà,
    un missin di qualità.
    Alemanno? Sì, è bravino…
    Lei mi chiede di Bocchino,
   
    scusi ma Bocchino chi?”
    Stop, An chiude qui
    e gli eroici berluscones
    saran semplici peones
   
    nel partito del caimano.
    Fini sol guarda lontano,
    pensa a quando il principale
    salirà al Colle fatale,
   
    liberando la poltrona
    e, sornion, s’aggira in zona
    con il look tutto rifatto:
    “Del partito me ne sbatto    
   
    e perciò chiudo bottega,
    a me importa la cadrega…”
    Rider fanno i colonnelli
    che gorgheggian da fringuelli
   
    che per darsi del coraggio
    cantan come fosse maggio
    al Congresso di chiusura.
    Con La Russa che assicura:
   
    “Poiché non abbiam complessi
    non saremo sottomessi
    ed An confluirà,
    con la propria identità,
   
    nell'équipe del predellino.”
    e il simpatico Bocchino:
    “Quella che affrontiamo adesso
    è la tappa di un processo
   
    che può dirsi darwiniano:
    dalle scimmie ad un caimano!”
    Alemanno ai camerati:
    “Non siam più gli emarginati
   
    che siam stati negli albori,
    oggi siamo i vincitori,
    agli onori del governo
    giunti dopo un lungo inverno!”
   
    Degli aennini all’assemblea
    dice Ronchi, il bell’Andrea:
    “Democratica, plurale,
    un team costituzionale,
   
    giammai una monarchia,
    sarà la neo compagnia,
    dubbio alcun non c’è da avere…”
    Proprio mentre il Cavaliere
   
    manifesta le sue idee
    sulle prossime europee:
    ci sarà solo il suo viso,
    con il solito sorriso,
   
    sugli enormi cartelloni
    ed il nome Berlusconi
    sarà ovunque capolista.
    Pluralismo da forzista.
   
    E Gasparri, Carrierino?
    Già da tempo non è aennino,
    ma Berlusca-dipendente,
    fin da quando, diligente,
   
    lavorò per Berlusconi
    e le sue televisioni,
    grandi meriti acquistando.
    Or nel Pidielle entrando
   
    qualche cosa cambierà:
    a bizzeffe troverà
    leccaculi del premier,
    l’esclusiva di lacché
   
    avrà persa Carrierino.
    Per La Russa, poverino,
    sarà veramente un dramma.
    Disse un dì: “Spegner la fiamma?
   
    Soffrirei, lei mi perdoni,
    come al taglio dei coglioni!”
    Or che i tempi son venuti
    Soffrirà, senza attributi.
           
    Carlo Cornaglia
    24 marzo 2009


sfoglia febbraio        aprile
autori
dvd
democrazya
rubriche

signori della corte sentenze italiane sentenze europee

il mattinale

errata corrige

commento del giorno

errata corrige

speciali

l'armadio degli scheletri

passparola

iniziative

no bavaglio

basta

basta

no bday

appello fini travaglio

arrestateci tutti

tutte le iniziative

Premi
Macchianera Blog Awards 2009
perche' voglio scendere

perch� voglio scendere

intervista agli autori

messaggio ai troll

feed

Feed RSS di questo blog Feed RSS di questo blog

feedburner

archivio


agenda 2010
agenda 2010
prossimi appuntamenti
vedi tutti gli appuntamenti
materiale infiammabile

IN EDICOLA
IN LIBRERIA

libri di chiarelettere

diffondi

voglio scendere

incolla il codice sottostante nel tuo blog o sito

premi

intervista agli autori


<[-0.00158609999925829]>