.
Annunci online

abbonamento
2
commenti


Per l’erede designata,
dai colleghi boicottata,
è il momento della gloria:
la ministra fa Vittoria

con la delega al Turismo,
il campione di alpinismo
ha finito la scalata.
Detta Trota salmonata

dai forzisti suoi fratelli
perché rossa di capelli
e di pesce esportatrice,
amò fare la creatrice

di tivù, di quotidiani,
di Club per berlusconiani,
circoletti e circolini
sputtanando di quattrini

del Berlusca una montagna.
A vent’anni miss Romagna,
testimonial di braghette,
calze in seta e reggitette,

“Un vivente manichino”
disse con far birichino.
Di tal Eros la cuccagna,
nella casa di campagna

vive con un pargoletto
e con uno zoo perfetto
di animali molto vari:
polli, capre, due somari,

cani, gatti, quattro equini
e trecento piccioncini.
Suona il piano con amore,
è in filosofia dottore.

A suo tempo intervistata,
la Brambilla si è narrata
qualunquista, produttiva,
della destra più retriva:

“Come boss tiro le fila
dei miei Club, son cinquemila,
coordinando i presidenti.
Club di autonomi, studenti,

pensionati, imprenditori
tutti pien di malumori
per gli sprechi e le bugie,
per le tasse e le angherie

di un governo di sinistra
che assai male ci amministra.”
“Son cattolica e credente,
come tal son convivente

e mi faccio i fatti miei
come tutti i farisei.”
“Per il bene del paese
sicurezza, tasse e spese

entreran nei miei programmi.”
“Forza Italia? Niente drammi,
diffidenze e gelosie
son normal patologie

quando arriva un nuovo attore,
ma non provo alcun rancore.
Per me i fatti parleranno
e ragione mi daranno.”

“Per far diventar realtà
il Team della libertà
non ho vinto selezioni,
ma ho spiegato a Berlusconi,

con le gambe accavallate,
le mie idee. Lui le ha apprezzate.”
Dopo la discesa in basso
è il momento dell’incasso,

dopo il suo momento nero
è arrivato il ministero,
alla giovane una spilla,
la poltrona alla Brambilla.

Vien spontanea una domanda:
“Dei ministri nella banda
la Brambilla come è giunta?
Perché in cielo è stata assunta?

Non lo ha mai chiamato papi,
non ha madre che lo arrapi,
non è diciottenne casta…”
“Nacque a Lecco…e tanto basta!”

Carlo Cornaglia
10 maggio 2009

sfoglia aprile        giugno
autori
dvd
democrazya
rubriche

signori della corte sentenze italiane sentenze europee

il mattinale

errata corrige

commento del giorno

errata corrige

speciali

l'armadio degli scheletri

passparola

iniziative

no bavaglio

basta

basta

no bday

appello fini travaglio

arrestateci tutti

tutte le iniziative

Premi
Macchianera Blog Awards 2009
perche' voglio scendere

perch� voglio scendere

intervista agli autori

messaggio ai troll

feed

Feed RSS di questo blog Feed RSS di questo blog

feedburner

archivio


agenda 2010
agenda 2010
prossimi appuntamenti
vedi tutti gli appuntamenti
materiale infiammabile

IN EDICOLA
IN LIBRERIA

libri di chiarelettere

diffondi

voglio scendere

incolla il codice sottostante nel tuo blog o sito

premi

intervista agli autori


<[0.0440934000071138]>