.
Annunci online

abbonamento
0
commenti



    Ufficio Presidenza Pdl.
    Parte all’attacco Silvio Berlusconi
    arringando il parterre della sue ancelle:
    “Certi piemme, rossi belli e buoni,

    vogliono far cadere il mio governo    
    e farmi ruzzolare dal sedile,
    del voto popolar prendendo scherno.
    Sull’orlo siam di una guerra civile

    che l’equilibrio costituzional
    fra i poteri statali fa saltare
    e gli eversori stan nei tribunal.
    Ma io non mi farò mai più fregare,

    studiando coi legali tutti i modi
    affinché mai nessuno mi prelevi
    e mi porti in prigion…! Forza coi lodi
    e avanti tutta coi processi brevi!”

    Ad un tipo che scappa dai processi
    se non da quando è nato, poco dopo,
    ad un che i tribunali ha fatto fessi
    la vita dedicando a questo scopo,

    a un tipo che ha insultato i magistrati
    e ha investito montagne di dané
    in azzeccagarbugli ed avvocati,
    portando in Parlamento i suoi lacché,

    come ribatte il Massimo Garante,
    cosa dice l’Altissima Bilancia?
    Gli dedica un cazziaton gigante
    od almeno un buffetto sulla guancia?

    Niente di tutto questo. Il presidente,
    appena sveglio dal suo sonnellino
    ed in attesa di un caffè bollente,
    con un cerchiobottista fervorino

    richiede autocontrollo a tutti quanti:
    “Fermiam qui la drammatizzazione
    che se fra istituzion belligeranti
    può fare molto male alla Nazione.

    Ogni giudice faccia il suo mestiere
    tacendo pur se l’imputato attacca
    e stia tranquillo anche il Cavaliere,
    poiché il governo attuale non sbaracca

    finché la maggioranza lo sorregge…”
    Che poi il premier sia un giorno condannato
    in quanto corruttore per la legge
    o, peggio ancor, di mafia sia imputato,

    è un problema del tutto secondario
    che alla Bilancia, ahimé, non interessa.
    Per ringraziar l’arzillo ottuagenario
    i soi-disant statisti fan la ressa:

    Bersani, del Pd nuova sciagura,
    Schifani, già avvocato di mafiosi,
    Alfano, della legge la jattura
    e Fini, detto ormai metempsicosi.

    Ma è Silvio Berlusconi il meno prete
    quando dice alla gente che lo ascolta:
    “Io sono un capomafia, lo sapete…”
    E gli crediamo, per la prima volta.

    Carlo Cornaglia
    29 novembre 2009


sfoglia ottobre        dicembre
autori
dvd
democrazya
rubriche

signori della corte sentenze italiane sentenze europee

il mattinale

errata corrige

commento del giorno

errata corrige

speciali

l'armadio degli scheletri

passparola

iniziative

no bavaglio

basta

basta

no bday

appello fini travaglio

arrestateci tutti

tutte le iniziative

Premi
Macchianera Blog Awards 2009
perche' voglio scendere

perch� voglio scendere

intervista agli autori

messaggio ai troll

feed

Feed RSS di questo blog Feed RSS di questo blog

feedburner

archivio


agenda 2010
agenda 2010
prossimi appuntamenti
vedi tutti gli appuntamenti
materiale infiammabile

IN EDICOLA
IN LIBRERIA

libri di chiarelettere

diffondi

voglio scendere

incolla il codice sottostante nel tuo blog o sito

premi

intervista agli autori


<[0.234156949998578]>