Blog: http://voglioscendere.ilcannocchiale.it

Il supermediatore


    Ha l’amico Vladimiro
    la Georgia sotto tiro
    e la invade brutalmente
    uccidendo molta gente.
   
    E’ in allarme tutto il mondo,
    contro Putin furibondo.
    Non parliamo del texano,
    buon esempio americano
   
    di chi vuol sempre la pace.
    A George Bush proprio non piace
    che Putin da far si dia
    a esportar democrazia.
   
    “Quello è sol permesso agli Usa,
    non ai russi!”, pronto accusa.
    Vola pronto Sarkozy
    da Putin Kgb
   
    per fermarlo quanto prima.
    In estate è buono il clima,
    sono piene le riserve
    ed il gas russo non serve…
   
    “Su, non fare il birichin! –
    dirà Sarkozy a Putin –
    In Georgia cambia rotta
    o l’Europa ti boicotta!”
   
    E l’Italia che ne dice?
    C’è Frattini che, felice
    su una spiaggia alle Maldive,
    dà notizie positive:
   
    “Il premier dalla Sardegna
    al telefono s’impegna
    per la pace universale.”
    All’annuncio, è naturale,
   
    si spaventa assai Putin
    che ha il terror che arrivi un drin
    dal premier a Porto Rotondo.
    Può dir quel che vuole il mondo,
   
    ma se il Cavalier lo sgrida
    Vladimiro si suicida.
    “Vladimiro fa’ attenzione,
    vacci piano col cannone,
   
    certe cose non si fanno,
    altrimenti quest’altr’anno
    non invito alla Certosa
    né te né la bella sposa.
   
    Non verrai qui per cantare
    nel teatrino in riva al mare
    le canzoni di Apicella,
    non potrai fare il brighella
   
    con le splendide soubrette
    che ti mostrano le tette,
    non vedrai il vulcano finto
    né di bosso il labirinto.
   
    Ferma subito il tuo attacco,
    altrimenti col colbacco
    non verrò nella tua dacia.
    Dai una prova di sagacia,
   
    non sparare sui georgiani
    o ti mando lì domani
    il ministro alla Difesa
    che qui freme nell’attesa,
   
    quel La Russa Ignazio che
    fa paura pure a me.”
    Fu così che Vladimiro
    ordinò, pronto, il ritiro.
   
    Carlo Cornaglia
    12 agosto 2008
    
 

Pubblicato il 15/8/2008 alle 9.56 nella rubrica Le poesie di Carlo Cornaglia.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web