Blog: http://voglioscendere.ilcannocchiale.it

16 settembre 2008: pubblicato il decreto legge sulla "funzionalità del sistema giudiziario".

Find Binder's shadow Bill Mayer flickr.comIl decreto legge n. 143 è stato pubblicato il 16 settembre 2008 sulla Gazzetta ufficiale ed è entrato in vigore il giorno successivo. Entro 60 giorni dovrà essere convertito in legge per non decadere. Il provvedimento è diviso in 4 articoli e si occupa di trasferimento d'ufficio dei magistrati e della loro assegnazione alle sedi, anche disagiate, in particolare rispetto al calcolo delle indennità e delle valutazioni collegate, disciplina il "Fondo unico giustizia" gestito da Equitalia Giustizia s.p.a. e prevede che la copertura finanziaria del decreto sia garantita dalla riduzione del Fondo speciale e dall'utilizzo del Fondo per gli interventi strutturali di politica economica. 
Leggi il testo del decreto sul sito del Parlamento

*************************************************************************************
AGGIORNAMENTI:

Leggi il provvedimento dopo le modifiche della legge di conversione (n. 181/08) del 13 novembre 2008.

Nel provvedimento di conversione è stato inserito l'articolo 8-bis c.d. "salva Carnevale o lodo Carnevale" che facilita le possibilità di carriera direttiva per i magistrati la cui progressione fosse stata interrotta a causa di un procedimento penale conclusosi con il proscioglimento. E'venuto meno anche il limite di età di 75 anni, che era previsto da norme abrogate con la legge di conversione (contro il parere del CSM).

Nel 2003 la legge n. 350 (art. 3 commi 57 e 57 bis), modificata dalla legge n.126/04 , ha previsto il prolungamento o il ripristino del rapporto di lavoro per i pubblici dipendenti (compresi i magistrati) che lo richiedessero dopo essere stati prosciolti dal procedimento penale che ne aveva interrotto o sospeso temporaneamente la carriera.

L'art. 36 del Dlgs n. 160/06  ha poi precisato che "Ai fini del conferimento degli incarichi direttivi di cui agli articoli 32, 33 e 34 ai magistrati ai quali e' stato prolungato o ripristinato il rapporto di impiego ai sensi degli articoli 3, commi 57 e 57-bis, della legge 24 dicembre 2003, n. 350, e 2, comma 3, del decreto-legge 16 marzo 2004, n. 66, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 maggio 2004, n. 126, alla data di ordinario collocamento a riposo indicata nell'articolo 35, comma 1, e' aggiunto un periodo pari a quello della sospensione ingiustamente subita e del servizio non espletato per l'anticipato collocamento in quiescenza, cumulati fra loro".

Infine, l'art. 2 n. 8 della legge n. 111 del 2007 (seconda parte della c.d. "riforma Mastella") ha fissato la soglia massima di età per avvalersi della proroga prevista all'art. 36 Dlgs n. 160 a settantacinque anni.

Adesso, l'art. 8-bis della Legge n. 181/08 ha abrogato sia l'art. 36 del Dlgs n. 160/06, che le modifiche previste dall'art. 2 comma 8 della legge n. 111/07. Sono quindi stati eliminati i limiti che quelle norme prevedevano per l'accesso alla carriera direttiva dei magistrati che hanno beneficiato della proroga introdotta nel 2003. Tra questi, il più anziano  è il dott. Carnevale.

Pubblicato il 1/10/2008 alle 14.56 nella rubrica Signori della corte I.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web