Blog: http://voglioscendere.ilcannocchiale.it

Auto blu e polvere bianca


Vignetta di gavaveneziaSignornò
da l'Espresso in edicola

Uno degli aspetti più demenziali (e oscurati) della legge Alfano sulle intercettazioni è questo: si può intercettare solo in base a “elementi non limitati ai soli contenuti di conversazioni intercettate nel medesimo procedimento”. Traduzione: gli indizi raccolti in un’intercettazione non bastano più per prorogarla o per disporne un’altra. Occorrono elementi diversi, esterni. Che combinazione: proprio come nel caso avvenuto qualche mese fa a Palermo. La squadra Mobile intercetta un pusher della “Palermo bene”, Stefano Greco. E con ascolti, appostamenti e pedinamenti, smaschera una rete di spacciatori e consumatori che, di fatto, finanziano il traffico di droga. Uno dei destinatari, stando alle intercettazioni, è Ernesto D’Avola, autista di Gianfranco Miccichè (uomo forte di Forza Italia in Sicilia e sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega al Cipe, appena incaricato da Berlusconi di “gestire il passaggio da Forza Italia al Popolo della Libertà” insieme ad Alfano).

D’Avola comunica col pusher tramite un intermediario, che il 5 dicembre scorso gli passa la “roba”. Gli agenti, presenti sul posto, bloccano l’auto di D’Avola, accompagnato da un amico, subito dopo la consegna. E vi sequestrano una busta piena di cocaina con su scritto “On. Gianfranco Miccichè”. Quel che accade dopo lo raccontano due informative della Mobile al Questore e alla Procura: “Il D’Avola consegnava spontaneamente il plico, dicendo che il tutto era di pertinenza dell’on. Miccichè. All’interno risultavano custoditi grammi 5 di sostanza, che a seguito di accertamento risultava essere cocaina”. Poi però D’Avola e l’amico cambiano idea e sostengono che la coca era per uso personale.

Ancora qualche mese e, approvata la “riforma”, la trafila dal pusher all’intermediario all’autista del sottosegretario sarebbe rimasta sepolta per sempre. Non solo, ma l’intricato giro di spaccio non sarebbe mai stato scoperto: per intercettare l’intermediario e poi il destinatario ultimo (o penultimo?), gli agenti avrebbero dovuto fermarsi e cercare elementi “esterni” a quelli contenuti nelle intercettazioni del pusher. Mission impossible. Inchiesta bloccata a metà, sul più bello. Nelle indagini di droga, come in tutte quelle sui reati “in itinere”, le varie consegne emergono dalle intercettazioni. Si risale dal basso verso l’alto, dall’ultimo spacciatore ai vertici e ai finanziatori dell’organizzazione. Una tecnica investigativa che presto sarà proibita dal governo dei “pacchetti sicurezza” e della “tolleranza zero”. Chissà che ne dice l’altro sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Carlo Giovanardi, quello con delega alla lotta alla droga, autore della legge che punisce anche l’uso personale, impegnato in questi giorni a Trieste nella Conferenza nazionale sulle droghe. Ancora pochi mesi fa tuonava: “La linea del governo è chiara: drogarsi è illecito”. Ora non vorremmo che organizzasse una ronda sotto la sede del Cipe.
(Vignetta di gavavenezia)

Segnalazioni

Il filo nero delle stragi - Intervista a Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza, autori di "Profondo nero"
a cura di Roberto Vignoli (Micromega.net)

Università: guardare e non toccare: prosegue il viaggio nelle università dei "baroni" con Antonio Castaldo e Davide Carlucci

I processi fatti male non servono a niente di BrunoTinti

La Libertà di stampa in Europa: come si organizza un diritto

Introduce: Pier Virgilio Dastoli, Direttore della Rappresentanza in Italia della Commissione europea
Partecipano: Miguel Mora, corrispondente El Pais; Tobias Piller, corrispondente Frankfurter Allgemeine Zeitung; Philippe Ridet, corrispondente Le Monde. Modera: Enzo Marzo, il Corriere della Sera
Giovedì 19 marzo 2009 - ore 11:00 presso la sede della Rappresentanza in Italia della Commissione europea, Sala Azzurra (II piano)
Organizzazione:
La Rappresentanza in Italia della Commissione europea, l'Associazione della Stampa Estera in Italia, l'Associazione Senza Bavaglio.

Pubblicato il 17/3/2009 alle 18.36 nella rubrica Marco Travaglio.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web