Blog: http://voglioscendere.ilcannocchiale.it

Il Tribunale di Treviso condanna l'infedeltà "virtuale".

artisan_cakes_by_e_t_flickr.comIl Tribunale di Treviso ha deciso in questi giorni una causa di separazione tra coniugi condannando al pagamento dell'assegno di mantenimento l'ex marito che aveva suscitato la gelosia della moglie frequentando di nascosto una collega, seppure in modo solo amichevole.

Il giudice ha interpretato in modo estensivo il dovere di fedeltà coniugale "da intendersi non soltanto come astensione da relazioni sessuali extraconiugali, ma come impegno di ogni coniuge di non tradire la fiducia reciproca, avvicinandosi la nozione di fedeltà coniugale a quella di lealtà, che impone di sacrificare gli interessi e le scelte di ciascun coniuge, che si rivelino in conflitto con gli impegni e le prospettive di vita comune".

Secondo il giudice, dunque, anche se l'ex marito ha dimostrato la frequentazione solo amichevole con l'altra donna, il suo tradimento "virtuale"  ha danneggiato comunque la moglie, originando "plausibili sospetti di infedeltà".

Leggi la notizia su repubblica.it

  Vai all'INDICE delle Sentenze Italiane

Pubblicato il 23/6/2009 alle 16.47 nella rubrica Signori della corte I.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web