Blog: http://voglioscendere.ilcannocchiale.it

Chiudete quella Bocca


Foto di Elizabeth_Buie da flickr.comSignornò
da l'Espresso in edicola


Per farsi un’idea di com’è ridotta l’intellighenzia italiota, basta contare le dichiarazioni di solidarietà giunte a Giorgio Bocca dopo il linciaggio che ha subìto per il suo ultimo articolo sull’Espresso “Quanti amici ha Totò Riina”: nessuna. Mentre i migliori squadristi Pdl sparacchiavano insulti (il più gentile era “infame”, made in Casini) e minacciavano di “portarlo in tribunale” (Gasparri, con rispetto parlando), e mentre i marescialli Latorre e Minniti deliravano da sinistra, il mondo dell’informazione e della cultura taceva e acconsentiva. Con una rimarchevole eccezione: Franco Abruzzo, ex presidente dell’Ordine dei giornalisti lombardi, solidale con i carabinieri “leali servitori” ecc.

Come se Bocca li avesse accusati in blocco di colludere con la mafia. Come se non fosse l’autore dell’ultima intervista al generale Dalla Chiesa e non conoscesse i tanti uomini dell’Arma uccisi da Cosa Nostra. E dire che Abruzzo, docente di storia del giornalismo, ha pubblicato sul suo sito la tesina di un’allieva su “L’inchiesta di Tommaso Besozzi sulle bugie dei Carabinieri e del Viminale sulla morte del bandito Giuliano”. Bugie per coprire i mandanti di Portella della Ginestra, anno 1948.

Da allora troppe tappe della storia della mafia sono segnate da depistaggi in divisa nera a strisce rosse. Dall’omicidio di Mauro De Mauro a quello di Peppino Impastato, che i carabinieri del capitano Subranni gabellarono per un terrorista esploso con la sua bomba (i giudici che hanno condannato i boss assassini parlano di “sistematico depistaggio o conduzione delle indagini viziata da sconcertante coacervo di omissioni, negligenze, ritardi e opzioni investigative preconcette” e la relazione unanime dell’Antimafia lancia pesanti accuse alla squadra di Subranni). Giù giù fino alle trattative avviate col mafioso Vito Ciancimino durante le stragi del 1992 da Mario Mori e Giuseppe De Donno, ufficiali del Ros comandato dallo stesso Subranni (ovviamente promosso).

E poi la mancata perquisizione del covo di Riina nel ‘93 e la mancata cattura di Provenzano nel ‘95 per cui Mori è imputato di favoreggiamento mafioso. Nella sentenza del processo Borsellino-bis, si legge che la trattativa Ros-Ciancimino “ha interferito coi processi decisionali della strage” di Via d’Amelio: “al di là delle buone intenzioni dei carabinieri… chi decise la strage attribuì a quella mossa di rappresentanti dello Stato il significato… che il gioco al rialzo poteva essere pagante”. Mele marce? Magari: quelle, una volta individuate, vengono espulse dal cestino per evitare che intacchino quelle sane. Invece chi trattava con la mafia ha fatto e continua a fare carriera: già comandante del Ros e del Sisde, il generale Mori è consulente del sindaco di Roma Gianni Alemanno ed è stato appena chiamato dal governatore lombardo Roberto Formigoni a vigilare sulle infiltrazioni mafiose nei cantieri dell’Expò. Dunque non è successo niente. Bocca si vergogni e arrossisca.
(Foto di Elizabeth_Buie da flickr.com)

Segnalazioni

Giocate a "Rimbalza il clandestino". Bossi Jr a caccia di immigrati su facebook di Stefano Corradino

Venezuela: Chavez censura 34 stazioni radio. Altre 200 sono a rischio.
La protesta di Reporters Sans Frontières - Leggi l'articolo in inglese - in francese
 

Pubblicato il 21/8/2009 alle 21.48 nella rubrica Marco Travaglio.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web