Blog: http://voglioscendere.ilcannocchiale.it

Il Pd e la legge “carezze agli evasori”



Signornò, da L'Espresso in edicola

Corriere della sera di domenica, pagina 11: sondaggio di Renato Mannheimer. Pagine 12-13: assemblea nazionale del Pd a Busto Arsizio (Varese). Mai accostamento fu più impietoso. Se il governo è al minimo storico di gradimento (appena il 30% di soddisfatti contro il 68% di insoddisfatti), l’opposizione riesce a fare peggio: solo il 14% la giudica positivamente e ben l’83% negativamente. La lista delle priorità degli italiani spiega i due disastri paralleli: al primo posto (39%) c’è la riduzione delle tasse, seguita da giustizia (20), aiuti al Sud (16), sicurezza (13) e, fanalino di coda, federalismo fiscale (13). Invertendo l’ordine dei fattori, si ottiene l’agenda unica dei partiti di destra e sinistra che hanno buttato vent’anni in soporiferi blabla sul federalismo fiscale e altre riforme istituzionali.

Roba di cui la gente s’infischia. Il tutto per inseguire fino a Busto Arsizio la Lega, che seguita a guadagnare consensi, ma non per il federalismo, bensì per le battaglie contro le tasse e l’insicurezza. Battaglie parolaie, s’intende: le tasse non han fatto che aumentare e la sicurezza diminuire.
Quanto alla giustizia, seconda priorità per gli italiani, nessuno sa cosa proponga il Pd per farla funzionare, visto che quando ha governato non ha cancellato una sola legge vergogna berlusconiana, anzi ne ha aggiunte di nuove, riuscendo ad allungare vieppiù i processi. Di abolire la prescrizione dopo il rinvio a giudizio o di ridurre drasticamente le impugnazioni abolendo l’appello o tassando i ricorsi, manco a parlarne.
Sul fisco Bersani e Visco, a Busto, hanno battuto un colpo. Ma di qui a parlare di svolta ce ne corre: si gioca ancora sulle aliquote (la prima sui redditi passerebbe dal 23 al 20%) senza spiegare chi paga il conto, visto che si blandiscono tanto i lavoratori dipendenti quanto gli autonomi. E giù giaculatorie contro l’evasione, senza però il coraggio di dire forte e chiaro che gli evasori devono andare in galera, unico deterrente per un reato così appetitoso.
Forse tanta ambiguità si deve al fatto che la legge penale tributaria è figlia del centrosinistra (2001, Visco e Bersani responsabili economici Ds). E’ quella che esclude dalla frode fiscale le “violazioni degli obblighi contabili”: da allora le operazioni di sottofatturazione o di omessa fatturazione, tipiche di artigiani, commercianti e professionisti, cioè il 90% dell’evasione, rientrano nel reato minore di “dichiarazione infedele” (pene fino a 3 anni, di fatto pochi mesi convertibili in multe, e prescrizione assicurata). Inoltre, per commettere reato, occorre superare “soglie di non punibilità” altissime: almeno 100 mila euro di imposte evase per la dichiarazione infedele e 75 mila per la frode. Una superlicenza di evadere che legalizza 4-500 milioni di fondi neri l’anno.

Solo chi osa smantellare la legge “carezze agli evasori” e sostituirla con norme draconiane ha le carte in regola per parlare di tasse. Dunque non chi quella legge burla ha inventato. Dunque non i fossili del Pd
(Vignetta di Natangelo)

Segnalazioni

Annozero deve continuare -
L'appello di Michele Santoro

Controllo dal basso - Dopo gli allarmismi di Maroni, l'iniziativa di giornalismo partecipativo di Il Fatto Quotidiano in occasione della manifestazione FIOM di sabato 16 ottobre a Roma.

Firenze, 16 ottobre, ore 15.30 - Incontro con Marco Travaglio dal titolo "Istituzioni e giustizia". Intervengono: Guido Melis, Elisabetta Rubini Tarizzo e Gustavo Zagrebelsky. C/o cinema Odeon, via de' Sassetti.

Pubblicato il 15/10/2010 alle 20.0 nella rubrica Marco Travaglio.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web